Libero.07.01.2012

4,687 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
4,687
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
5
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Libero.07.01.2012

  1. 1. y(7HB5J1*KOMKKR( +?!z!#!"!/ Sabato 7 gennaio 2012 OPINIONI NUOVE - Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004, n. 46) art. 1, comma 1, DCB Milano FONDATORE VITTORIO FELTRI DIRETTORE MAURIZIO BELPIETRO ANNO XLVII NUMERO 6 EURO 1,20* È ORA DI FINIRLA LA CASTA PIÙ CARA AL MONDO La politica da noi costa il doppio rispetto a ogni altro Paese. Colle e Parlamento addirittura il triplo. In due anni le Regioni si sono aumentate le spese di 66 milioni di FRANCO BECHIS Elsa si è montata la testa Il Fisco annuncia blitz in ogni meta vip I parlamentari italiani sono i più cari del mondo. Ad ogni cittadino costano ogni La Diva Fornero irrita i sobri La mappa dell’evasione e le auto che la rivelano anno 27,35 euro. Il doppio di quel che ac- cade in Francia (14,42 euro), ancora (...) FOSCA BINCHER a pagina 11 segue a pagina 2 ANTONIO CASTRO a pagina 2 di GIULIANO ZULIN APPUNTO Il prezzo del disgusto Dove sono gli evasori? Sono tutti a Cortina? Ovvio che no. E di FILIPPO FACCI PIÙ INCAPACI l’Agenzia delle Entrate lo sa bene dov’è il più grande tasso Fratelli di evasione. I numeri non Equitalia CHE LADRI mentono. Cifre che lo stesso Erario comunica. I più grandi Fratelli Equitalia, l’Italia s’è desta / nemici del Fisco sono (...) il fisco è impazzito: controlla e ti ar- di MAURIZIO BELPIETRO segue a pagina 5 resta / Che chiasso e che spasso, il SANDRO IACOMETTI a pagina 4 blitz a Cortina / tremava il barbone Giovedì sera ho partecipato alla trasmis- ANDREA SCAGLIA a pagina 7 e la sua filippina / Piangevano i po- sione che Corrado Formigli conduce su veri e i tartassati / le mogli e le tate La7. Argomento: gli evasori e a seguire gli sulle Maserati / Ma senza scontrini emolumenti della Casta. Niente di nuovo: Gli scansa-tasse son cavoli amari / se poi nel par- il solito teatrino. Il parlamentare che perde cheggio che c’è?, una Ferrari / Da le staffe, l’altro che gli risponde sui denti e così via per l’intera serata. Non ci sarebbe Il guaio grosso Monti ai monti, eh eh, nomen omen / si godano adesso l’omino col dunque nulla da dire, se non che durante il programma ho avuto la riprova di quanto è che Cortina loden / Che sbirri cafoni, che scarsa creanza / tra struscio e polenta arri- gli onorevolisiano sordialla sollecitazione a ridurre i costi della politica. Di fronte allo è in tutta Italia va la finanza / Che gente volgare e poco di mondo / e noi ce ne andremo tsunami che si sta per abbattere sul Palaz- di GIAMPIERO MUGHINI a Portorotondo / Che gente inva- zo - una gigantesca onda di disgusto dente e poco viveur / e noi tornere- dell’opinione pubblica nei confronti di Se l’Equitalia che ci manda i bi- mo - sì - a Courmayeur / Ma c’è poca tutto ciò che ruota intorno a partiti e istitu- glietti amorosi in cui ci dice che neve, qui passa la voglia / l’inverno zioni - essi si affannano a discutere se la lo- noi contribuenti dobbiamo pa- prossimo tutti in Puglia / Ma forse è ro retribuzione sia o meno superiore a gare così e così entro quel giorno un disegno, un sudista complotto / quella dei colleghi francesi o tedeschi. Per i e non un’ora dopo, altrimenti dovrebbero far più controlli là sotto rappresentanti del Parlamento tutto si ri- loro ce lo fanno così, sia davvero / Qui basta una svista, qui basta duce a una questione meramente conta- il più grande dei disastri italiani un’inezia / e quelli sequestrano il bile, a un confronto dei trattamenti fiscali al punto da doverla (...) vano a Venezia / Ma a parte tutto, e a una perequazione tra i benefit di cui go- segue a pagina 7 non è colpa nostra / se è toccato a voi dono i colleghi esteri e i loro. questo giro di giostra / Vi dite vitti- Difficile dire se si tratti di pura e sempli- me, e che bel dire / ma poi dichiarate ce miopia o di un’astuta manovra per evi- tare di affrontare il centro del problema. Messaggio alla Merkel: abbiamo già dato tremila lire / Compraste una Ben- tley in piccole rate / ma non ditelo a Sta di fatto che deputati e senatori difen- dendo i loro stipendi paiono non capire Perfino Monti e Passera sono stufi dell’Europa noi: all’agenzia delle Entrate / Noi per la finanza né odio né tifo / ma i che il tema non è costituito da quanto gua- numeri insegnano, e fate un po’ dagnano. O meglio: esiste anche quello. di CLAUDIO ANTONELLI mento a parole, poi vedremo con L’obiettivo è giocare l’ultima carta. schifo / E quante proteste, che scene Sedicimila euro è una cifra che pochi in che fatti, i professori si sono accorti Portare dalla nostra parte la Fran- madri / han solo trovato, a Cortina, Italia hanno mai visto tutta insieme e sa- Questo governo sembrava l’emis- che questa Europa Merkocentrica cia. Isolare la Germania e far diven- dei ladri / Noi siamo diversi, non è pere che i rappresentanti (...) sario dei burocrati di Bruxelles e in- ci sta portando al crac e hanno ti- tare l’Italia l’ago della bilancia. (...) una battuta / chiediamo sempre la segue a pagina 3 vece ora c’è da ricredersi. Per il mo- rato fuori un po’ di attributi. segue a pagina 8 ricevuta. Ventidue nuovi cardinali Il film anti-intercettazioni Il Papa sceglie il suo erede Clooney smentisce Travaglio di CATERINA MANIACI ACCADEMIA DI IGNORANTI SCANDALO ALL’ELISEO di FRANCESCO BORGONOVO Nel prossimo conclave, che dovrà La grandezza del cinema america- eleggere il successore di papa Bene- «Prosa mediocre» Carlà toglie i soldi no, ciò che lo fa giganteggiare nel detto XVI, ci saranno più italiani, più confronto con quello italico, è la ca- esponenti della Curia romana e Così negarono ai malati di Aids pacità di raccontare storie esempla- dunque maggiori possibilità di eleg- gere un Pontefice nostrano e co- il Nobel a Tolkien grazie a un amico ri, situazioni che travalicano i con- fini e i periodi storici, senza fermarsi munque europeo. Tutto questo, ov- di CARLO NICOLATO a quanto accade nel cortile di casa. viamente, in linea puramente teori- di ANDREA COLOMBO Così può accadere che due film sta- ca, che non tiene (...) a pagina 29 a pagina 14 tunitensi arrivati (...) segue a pagina 16 segue a pagina 12 * Con ”Dalla Prima alla Terza Repubblica” 4,0 0; ”Calendario 2012 Cani e gatti in prima pagina” 5,0 0. Prezzo all’estero: CH - Fr. 3.00 / MC & F - 2.00 / SLO - 2.00.DLsaYGezj+WBK7TEyT7BwuVkt9HgN1FppoMCI52Q7vQ=
  2. 2. 2 Sabato 7 gennaio 2012 PRIMO PIANO @ commenta su www.liberoquotidiano.it LA SOLUZIONE Per limitare i danni potrebbero essere fannulloni a Palazzo dimezzati deputati e senatori. Pd e Pdl si dicono d’accordo, ma le proposte di legge costituzionale sono fermeCasta da record: è la più cara al mondoPer mantenere i parlamentari di Roma, ogni cittadino spende 27,35 euro. Il doppio di quel che accade in Francia. Anche StatiUniti, Inghilterra e Germania fanno la figura dei virtuosi rispetto a noi. Lo ha scoperto l’Autorità brasiliana per la Trasparenza ::: segue dalla prima lazzo Madama e Montecitorio ca è lo 0,06% del pil pro capite, in status di tutti gli altri abitanti del FRANCO BECHIS hanno ognuno il primo posto in Germania è lo 0,04%, negli Usa e palazzo. Gli è bastato ben poco . classifica nel vecchio Continente. nel Regno Unito è lo 0,03%, in per assumere i vizi di tutti gli altri (...) di più rispetto agli Stati Uniti Tutti insieme costano 1,7 miliardi Spagna è lo 0,02%. Si va dunque da appartenenti della Casta e gettare (11,45 euro ad abitante) e alla Ger- all’anno. Un miliardo e duecento un costo che è un quinto di quello al vento un’occasione storica. mania (10,86 euro ad abitante). Il milioni in più del costo medio eu- italiano fino al massimo a un costo Forse c’è da sperare nei parla- triplo del costo che sopportano gli ropeo per parlamenti e presiden- che è la metà di quello italiano. mentari stessi: non si taglieranno inglesi per i loro politici (9,92 euro ze della repubblica o case reali. Al La bulimia dei palazzi della po- mai una mano ora, ma possono li- ad abitante), quasi sette volte la secondo posto in Europa c’è la litica italiana è così macroscopica mitare i danni per il futuro. Con spesa di ogni cittadino spagnolo Francia, che non sorprende, es- ed evidente che davvero non si questi costi, l’unico modo serio (4,89 euro). Bisognava attraversa- sendo internazionalmente nota la comprende come qualcuno a Ro- per avvicinarsi agli altri paesi è di- re l’Oceano, per trovare la risposta grandeur dei politici francesi. Ma ma possa ragionevolmente difen- mezzare i parlamentari da elegge- che da mesi si cerca in Italia. Vo- a Parigi quelle tre istituzioni costa- derne ancora lo status. Monti re nella prossima legislatura. Sulla lando fino a San Paolo, in Brasile, no quasi la metà di Roma: 973 mi- sembra rifiutarsi di tagliare i tra- carta sono d’accordo sia Pd che finalmente nessuno ha timori re- lioni di euro. Grazie all’autorità sferimenti ai palazzi che buttano Pdl, e hanno presentato proposte verenziali nei confronti della casta brasiliana ora sappiamo che la via inutilmente tanti soldi degli di legge costituzionale assai simili italiana. Non ci sono Mario Monti politica in fondo ricalca quelle che italiani. Si pensava che un gover- in materia. Con questa maggio- che si inchinano all’autonomia furono le orme del calcio. I politici no tutto tecnico - il primo nella ranza attuale basterebbero 93-94 del Parlamento, non ci sono com- italiani sono campioni del mon- storia di Italia - trovasse quel co- giorni per approvarle senza fiata- missioni come quella presieduta do, non certo per efficienza: solo raggio e quel buon senso che alla re. E invece da settembre giaccio- dal presidente dell’Istat, Enrico per quanto costano ai propri citta- classe politica è sempre mancato. no in Senato sotto una coltre pol- Giovannini, che balbettano l’im- dini. Medaglia d’argento mondia- Ma in fondo nel governo tecnico verosa. Abbiano un sussulto di di- possibilità di fare confronti. A San le per i politici francesi e medaglia proprio l’uomo chiave di questa gnità e di vera responsabilità: le Paolo c’è un vero organismo indi- di bronzo per quelli brasiliani: un operazione (il premier nonché prendano in mano come prima pendente, una sorta di Autorità trio che unisce dunque le glorie ministro dell’Economia) è il solo urgenza dalla prossima settima- brasiliana per la Trasparenza, che pallonare con le miserie della po- neo-politico: Monti, che da no- na. E le approvino entro fine mag- non ha avuto paura di valutare i litica. Brasile e Messico ci supera- vembre è senatore a vita con lo gio. costi - per loro eccessivi - dei parla- no (l’Italia è al terzo posto) nella mentari carioca. E per farlo ha rac- classifica che mette a confronto il colto dati nei principali paesi del costo per abitante dei parlamenti mondo. Lo ha fatto come Libero nazionali con il salario minimo aveva suggerito alla commissione annuale di un qualsiasi lavorato- Giovannini: nella maggiore parte re. Ma non c’è da vantarsi: finiamo dei casi trovando su Internet le ri- terzi solo perché il salario minimo sposte necessarie, in altri casi in centro e sud America è assai più Palazzo Chigi dà i numeri chiedendo i dati agli stessi parla- menti che non hanno opposto al- cuna resistenza. Alla fine hanno basso di quello italiano. In com- penso con questo parametro l’Ita- lia è tre volte più scandalosa dei In relazione a quanto riportato in un articolo in cui si evi- messo in croce i politici brasiliani, i francesi, e non c’è nulla di cui ral- denzia un incremento del bilancio del 2012, riferito alla cui privilegi venivano ritenuti legrarsi. Finiamo al secondo posto Presidenza del Consiglio dei Ministri, Palazzo Chigi pre- (specie quelli dei senatori) ecces- mondiale alle spalle del Brasile in- cisa che tale notizia risulta del tutto infondata, tenuto sivi, ma hanno fatto un gran regalo vece quando - come fa l’Autorità conto del fatto che il bilancio Presidenza, invece, prevede anche agli italiani. Perché quel per la trasparenza di San Paolo - si una riduzione di circa 270 milioni, rispetto al preceden- confronto sarà utile a San Paolo, mette in relazione il costo per abi- te. ma serve come il pane anche a Ro- tante di ogni parlamento con il pil ma. pro capite di ciascun paese. Il Bra- La dettagliata ricerca della Uil - pubblicata da Libero - Due giorni fa abbiamo pubbli- sile, che è in crescita, ma ha una prende a riferimento i dati ufficiali della Ragioneria ge- cato i dati complessivi sul costo ricchezza inferiore a quella italia- nerale dello Stato. Delle due l’una: o Palazzo Chigi sa far del parlamento italiano, Camera e na, risulta in testa: il costo della meglio di conto della Ragioneria, oppure è stata impar- Senato, e della presidenza della politica è lo 0,18% del pil pro capi- tita qualche direttiva che riduce di oltre il 50% il budget Repubblica, mettendoli a con- te dei suoi cittadini. L’Italia si piaz- della Presidenza. Ma i dati della Ragioneria dicono il con- fronto con i principali paesi euro- za al secondo posto con lo 0,11%. trario. pei. È venuto fuori che le tre prin- E le distanze sono nette con gli al- An. C. cipali istituzioni italiane sono le tri paesi ad economica compara- più care d’Europa: Quirinale, pa- bile: il Francia il costo della politi-Solo per giunte e consigliLe Regioni si danno 66 milioni d’aumentoDal 2009 al 2011 gli enti locali hanno moltiplicato le spese. In percentuale, il pozzo nero è l’Umbria::: ANTONIO CASTRO regionali non è che siano diminuiti sensi- st’anno in 13 Regioni i costi sono diminuiti il funzionamento del consiglio regionale e 100mila euro in meno di quanto si è speso bilmente. Anzi, in alcuni casi, sono pure rispetto al 2010, anche se bisogna sottoli- della giunta di Perugia sono passati da una nel 2009. L’Abruzzo ha invece un anda-QQQ C’è la “Casta” nazionale, che difen- lievitati e dopo un anno di attenzione (il neare che lo scorso anno si sono rinnovati spesa di 21,3 milioni di euro a ben 29,3 mi- mento di spesa “politica” costante e cre-de con le unghie e con i denti privilegi, vita- 2010) si è tornati a spendere. 13 Consigli Regionali e tali spese hanno lioni di euro. Un’impennata notevole. scente: 25,7 milioni nel 2009, 28,3 nel 2010lizi e congrui emolumenti, e ci sono poi le Liberoha chiesto al Dipartimento Politi- pesato sui costi istituzionali delle singole Non se la passano poi tanto male in Pie- e 30,1 nel 2011 (nel triennio un rincaro dei“caste” regionali, non meno attente a sal- che territoriali della Uil, guidato dal segre- Regioni». Ma ciò che sorprende è che «nel- monte, che ha visto balzare i costi per gli costi del 16,8%). Nell’ultimo biennio l’au-vare i rispettivi budget. Poco cambia per il tario confederale Guglielmo Loy , di passa- le restanti Regioni continua, nonostante organi politici e di governo regionali di ben mento è stato del 6,1%. Mentre il Laziocomune cittadino/contribuente chiamato re al setaccio i costi politici delle 20 regioni tutto, il trend di aumento, ben ripartito tra il 14,2%. In quattrini sonanti i politici locali mette a segno rispetto al 2010 un incre-a pagare ogni anno fior di quattrini per ga- (più le province autonome di Trento e Bol- Nord, Centro e Sud e, soprattutto, al di là piemontesi ci sono costati quasi 9 milioni mento del 2,9%. Tutto sommato un au-rantire le spese di mantenimento di organi zano) ed è saltato fuori che, nonostante del “colore” delle singole giunte». Insom- di euro in più (74 milioni) rispetto al 2010. mento contenuto, verrebbe da dire. Pec-dello Stato. Sull’onda lunga dell’indigna- tutte le rassicurazioni e le promesse, le ma, quando c’è da spendere non si fa diffe- Quasi 18 milioni di maggiorazione se pa- cato che l’incremento in numeri assolutizione popolare - e facendo leva sulla diffi- spese di funzionamento di consigli e giun- renza tra destra, centro e sinistra. Tutti in- ragoniamo i costi 2009 con quelli dell’an- salti all’occhio: dai 99,8 milioni spesi nelcile fasecongiunturale cheimpone sacrifi- te sono aumentate. Dello 0,4% se mettia- sieme allegramente. no appena finito. 2009 si è passati agli oltre 128,3 milioni delci a (quasi) tutti - qualcosa per limare le un- mo a confronto il 2010 con il 2011. E addi- L’aumento più consistente in termini In Puglia - tra il 2010 e il 2011 - l’aumento 2010, per poi sfondare nel 2011 la soglia deighie all’ingordigia dei politici è stato an- rittura del 5,9% se paragoniamo il 2009 con percentuali si registra in Umbria, con il dei costi per giunta e Consiglio è stato del 132 milioni. Tanto per capirci, nel triennionunciato. Però, a controllare bene, i costi di l’anno appena concluso. 37,9% rispetto all’anno precedente. Il che, 7,2% (43,8 milioni). Circa 3 milioni in più la maggiore spesa percentuale è stata delfunzionamento delle giunte e dei consigli «È pur vero», premette Loy, «che que- tradotto in soldoni, vuol dire che i costi per rispetto al 2010, ma comunque circa 32,2%.
  3. 3. PRIMO PIANO Sabato 7 gennaio 2012 3 @ commenta su www.liberoquotidiano.it GLI ERRORI In decenni i rappresentanti del popolo hanno solo riempito il Palazzo di barbieri, valletti e reggicoda. Moltiplicando uffici, auto, spese e norme fannulloni a Palazzo Più incapaci che ladri È ora di mandarli via In Italia le istituzioni chiedono il triplo rispetto agli altri paesi europei Il problema è che i nostri politici hanno stipendi d’oro nonostante i fallimenti ::: segue dalla prima moltiplicando i costi - senza riuscire pe- dentali una gestione rigorosa della cosa MAURIZIO BELPIETRO rò a risolvere i problemi di questo Paese, pubblica, balza agli occhi l’incapacità . ma anzi spesso aggravandoli - è la testi- della nostra classe dirigente di saper af- (...) del popolo prendono in un solo me- monianza di una bancarotta. La prova frontare i problemi. Dopo aver riempito se ciò che la maggioranza del popolo in- quotidiana che la classe politica, non Montecitorio di barbieri, valletti, reggi- cassa in un anno non mette di buon riuscendo a incidere nemmeno sulle coda e lustrascarpe; moltiplicato uffici, umore. Però credo che l’irritazione pro- istituzioni che essa rappresenta, difficil- auto, spese e norme, non essendo capaci fonda della gente derivi dal fatto che, ol- mente riuscirà ad affrontare e risolvere i di far dimagrire la bestia affamata che tre a ricevere lauti emolumenti, i politici guai della nazione. hanno creato, deputati, senatori e presi- testimoniano quotidianamente il loro È questo il nocciolo. Oggi che la crisi denti (del Consiglio e della Repubblica) fallimento. Mi spiego subito. A me inte- economica impone a tutti i Paesi occi- danno quotidianamente dimostrazione ressa poco se l’onorevole guadagna più o del dissesto politico in cui siamo precipi- meno di me. Ciò che mi preme è che sap- tati. Insomma, ciò che voglio dire è sem- pia far funzionare il Paese. Se fosse in DOPO «PIAZZAPULITA» plice. O i nostri parlamentari provano a grado di esprimere ungoverno che ridu- smontare la macchina mostruosa che ca le tasse facendole pagare a tutti in mi- essi e i loro predecessori hanno creato in sura equa e distribuendo servizi efficien- Belpietro fa il pieno sessant’anni di Repubblica, o è meglio ti a tutti i cittadini, io sarei disposto a pa- che si facciano da parte. Se ne hanno garlo il doppio di quanto prende ora. Il di consensi uno, tornino a fare il loro mestiere. Se nodo è dunque se i rappresentati del po- non ce l’hanno cerchino di impararlo e polo ci rappresentano bene o male. Se anche da sinistra lascino fare il proprio a chi ce l’ha. Come siano cioè in grado di fare ciò per cui so- scriveva nel 1929 Luigi Einaudi, futuro no stati eletti. Purtroppo, a giudicare dai La battaglia contro la Casta è capo dello Stato quando lo Stato era an- risultati, ossia da quel che è accaduto ne- trasversale. La conferma è arri- cora una cosa seria: «Bisogna licenziare gli ultimi anni, direi di no. Dunque, mille, vata ieri dalla Rete (in particolar questi padreterni orgogliosi, i quali sono diecimila o ventimila euro per me sono modo da Twitter), dove naviga- persuasi di avere il dono divino di guida- soldi buttati via, indipendentemente tori di ogni colore e credo poli- re i popoli nel procacciarsi il pane quoti- che siano più o meno rispetto a quelli tico si sono schierati al fianco diano. Troppo a lungo li abbiamo sop- che vengono corrisposti ai parlamentari del direttore di Libero Maurizio portati. I professori ritornino a insegna- di altri Paesi europei. Belpietro. Ad accendere la mic- re, i consiglieri di Stato ai loro pareri, i mi- C’è di più. L’altro ieri Libero ha docu- cia, la partecipazione di Belpie- litari ai loro reggimenti e, se passano i li- mentato quali siano i costi delle istitu- tro giovedì sera a «Piazzapulita» miti d’età, si piglino il meritato riposo, gli zioni in Francia, Germania, Gran Breta- su La7. Il talk show, dedicato ai avvocati non si impiccino di fare miscele gna e nel resto della Ue. Facendo una costi della politica, ha totalizza- di caffè o di comprare pelli o tonni. media, le Camere e le Presidenze della to un lusinghiero 7,5% di share. Ognuno ritorni al suo mestiere. (...) Co- Repubblica, oppure le Corone laddove Momento saliente, l’anticipa- loro che lavorano sono stanchi di essere esiste la monarchia, non costano più di zione da parte del nostro diret- comandati dagli scribacchiatori di carte 500 milioni di euro. Da noi la cifra è più tore dell’apertura di ieri di Libe- d’archivio». Soprattutto, sono stanchi di del triplo, ossia 1 miliardo e ottocento ro («La casta si dà l’aumento») pagare. milioni,vale adire 1,3miliardi ditroppo. sui costi della politica in conti- maurizio.belpietro@libero-news.it Il dato, indipendentemente dallo sti- nua crescita. E ieri, il secondo pendio dei parlamentari, è un monu- round. Con il popolo del web - mento al fallimento della nostra classe segmento di popolazione il cui politica. Spendere tre volte tanto per umore medio non pende certo avere un Parlamento il quale produce verso destra - a tributare elogi leggi che non funzionano e che compli- ed incoraggiamenti alla campa- cano la vita dei cittadini anziché facili- gna di Libero contro lo Stato tarla non può non produrre irritazione. scialacquatore. Perché di fronte Avere istituzioni che in oltre sessant’an- agli sprechi della Casta non c’è ni di vita sono cresciute a dismisura, di- ideologia che tenga: vanno ta- vorando la ricchezza dei contribuenti e gliati e basta. Confronti a singhiozzo Quando ci hanno alzato le tasse nessuno ha fatto paragoni con l’estero Enrico Giovannini LaPresse QQQ Per settimane la famigerata Commissione Giovannini è quote Irpef locali, è ragionevole che anche la classe parlamen- servita a posticipare un pacchetto di «sacrifici» che il mondo tare rinunci a parte dei propri non scarni emolumenti. Così, per La lista degli “spendaccioni”, fortunata- e Campania a 83 milioni di euro. della politica avrebbe dovuto autoinfliggersi. Il suo obiettivo essere un po’ più credibile. Punto. A prescindere da Francia,mente, finisce qui. Poi ci sono regioni più Tirando una somma la rappresentanza era quello di stabilire una efficace comparazione quantitativa Germania e Inghilterra. Anche perché a nessuno è venuto invirtuose, che effettivamente hanno saputo politica regionale - composta da un eserci- con gli emolumenti dei parlamentari del resto d’Europa. Il pre- mente di parametrare la spremuta fiscale della manovra Montitagliare. E così la diminuzione più alta si to ben 1.110 consiglieri e una brigata di 250 sidente dell’Istat ha lamentato la scarsità di tempo nel compie- a quelle degli Stati confinanti. Nessuna commissione tesa a cal-registra in Liguria con il 12,3% di costi in tra assessori e presidenti - è costata com- re un lavoro come si deve, dicendo che comunque i suoi dati colare la pressione fiscale media nell’area Ue ha precedutomeno rispetto all’anno precedente; nella plessivamente nel 2011 oltre 1 miliardo erano sufficienti a prendere decisioni drastiche in termini «die- l’aumento delle imposte sulla casa. Nessun paragone è statoparsimoniosa Provincia Autonoma di 177 milioni. Circa 66 milioni in più rispetto tetici». È abbastanza evidente che il tutto è servito a procrasti- fatto con l’estero prima di sollevare ulteriormente le aliquoteTrento (meno 7,2%); e, incredibile a dirsi, al 2009. Forse è l’enormità di questa massa nare, per non dire cancellare, l’ipotesi di una cura dimagrante Irpef comunali e regionali, e nessuno ha studiato le condizioniin Campania (meno 6,5%); nella Provincia di denaro (crescente) a far gridare allo dinullovaloreeconomico madiimponentevalenzasimbolica bancarie oltreconfine prima di introdurre imposte di bollo eAutonoma di Bolzano (meno 5,4%); in To- scandalo Loy «proprio in un momento in e, in fondo, politica. Il balletto attorno alla commissione fa però partrimoniali di fatto, o prima di imporre nuove accise sui car-scana (meno 4,1%). cui si chiedono pesanti sacrifici a pensio- sorgere una domanda: perché è stata insediata? Ovvero: che bi- buranti. Ciò che più di tutto manca, in effetti, è proprio un rias- In valore assoluto la spesa più alta per nati e lavoratori dipendenti. È del tutto evi- sogno c’era di stabilire una differenza tra gli stipendi dei depu- setto del comparto fiscale che vada, questo sì, ad allinearsi al re-quest’anno si registra in Sicilia, dove tra dente», incalza il segretario confederale, tati italiani e quelli, per dire, tedeschi? Il senso dell’operazione sto d’Europa, ma in senso opposto ai rialzi. Senza contare chegiunta e Consiglio regionale il totale di spe- «che occorre rivedere al ribasso le indenni- chiesta alla politica era, né più né meno, questo: nel momento tagliare senza il rinvio dovuto all’«equiparazione» avrebbe ri-sa ammonta ad oltre 162 milioni di euro tà dei parlamentari e dei consiglieri regio- in cui l’Aula vota misure che - secondo calcoli approssimativi sparmiato un’altra figura poco edificante alla nostra politica.l’anno; seguono a ruota Sardegna (102 mi- nali, così come i loro vitalizi, se non altro ma realistici - pesano per 2mila euro a famiglia annui in termini Perché da quel confronto l’esigenza esce ancora rafforzata.lioni di euro), Calabria (84 milioni di euro), per un atto di equità e di giustizia sociale». di spese aggiuntive tra Iva, Imu, inflazione, bolli e nuove ali- M.C.
  4. 4. 4 Sabato 7 gennaio 2012 PRIMO PIANO @ commenta su www.liberoquotidiano.it «MINACCIA» Il dirigente Luigi Magistro dice: «Prepariamo Italia strangolata ulteriori attività. E non c’è bisogno di aspettare questa estate. La stagione invernale è ancora lunga...»Blitz del Fisco in tutte le oasi vipL’operazione di Cortina è stata strombazzata ma era solo la punta dell’iceberg. L’Agenzia delle Entrate stapassando l’Italia al setaccio. I prossimi appuntamenti: località marittime (come Capri e la Versilia) e città d’arteQQQ Forse Attilio Befera è ve- gli incassi delle attività balneari serate. fare in modo più o meno spet- file che controllano il portoramente convinto di fare del si sono impennati del 200%. Lo I sindaci, in ogni caso, si pre- tacolare ma è ovvio che si fac- commerciale e siamo noi a pa-bene al turismo. Fatto sta che stesso sarebbe accaduto in Pu- parano. «Niente da temere». ciano. Per il resto, qui a Porto- gare da due anni gli alloggi perdopo il clamoroso blitz di Cor- glia dove gli scontrini battuti Così Giorgio D’Alia, primo cit- fino non abbiamo niente da te- gli agenti che vanno ad aumen-tina, sembra che l’Agenzia delle mentre i funzionari del Fisco tadino di Portofino, ha com- mere». Mettono le mani avanti tare lorganico della finanzaEntrate non voglia affatto ri- presidiavano la cassa sono ri- mentato la possibilità di con- anche a Capri. «Abbiamo un presente sull’isola», ha spiegatonunciare ad altre vacanze. Nel sultati pari anche a 5 volte trolli nella sua città. «I control- punto di servizio della guardia il sindaco Ciro Lembo.mirino ci sono località di mare, quelli emessi nelle precedenti li», ha detto D’Alia, «si possono di finanza al porto, unità cino- S.IAC.come Capri e la Versilia, ma an-che città d’arte, comunitàmontane, altri luoghi di villeg-giatura. Nella caccia all’evasorevip tutto lo stivale, da Nord aSud, sarà passato al setaccio.«Ci dobbiamo aspettare ulte-riori attività di questo genere»,ha detto chiaramente il diretto-re dell’Accertamento all’Agen-zia delle Entrate, Luigi Magi-stro, spiegando anche che «nonci sarà bisogno di aspettarequest’estate» visto che «la sta-gione invernale è ancora lun-ga». Insomma, se andate a fare la ::: CHI Èsettimana bianca insieme a scie scarponi mettete in valigia GLI INIZIanche la dichiarazione dei red- Attilio Befera ha lavorato perditi e un bell’estratto conto sto- circa trent’anni nella bancarico dei movimenti bancari de- d’affari Efibanca. Nel 1995gli ultimi anni, non si sa mai. viene nominato ispettore Difficile prevedere dove col- tributario del Secit e due an-piranno la prossima volta gli ni più tardi gli viene affidataispettori. Dall’Agenzia delle En- la carica di dirigente genera-trate, malgrado alcune associa- le al ministero delle Finan-zioni sostengano che nel 2010 i ze.controlli sul territorio per veri- ALLE ENTRATEficare scontrini e ricevute siano Nel 2001, con la nascita del-scesi addirittura del 700%, con- E NOI PAGHIAMO . le Agenzie fiscali, Beferatinuano a sostenere che tuttorientra nella normale routine. Il direttore dell’Agen- Guadagna 460 mila euro passa alle Entrate. Nel 2006 Befera guida l’Erario da 15 anni guida la neonata Equitalia,«A Cortina è stata condotta zia delle Entrate, At- creata per accentrare e riaffi-un’attività ordinaria, ne faccia- tilio Befera. Ha co- lare allo Stato la riscossionemo in continuazione», ha spie- minciato in una ban- dei tributi. Dal giugno delgato sempre Magistro, nonescludendo che «in passato cisiano stati altri controlli». La ca d’ affari [Lapresse] ma il nero non è mai diminuito 2008 è direttore dell’Agen- zia delle Entrate.realtà, sostengono dall’ammi-nistrazione centrale del fisco, è ::: SANDRO IACOMETTI ce di Cortina Attilio Befera è ormai diven- sco. Ma Befera, classe 1946, si trova otti- correnti con quelli dell’Inps, ha controlla-che i piani di intervento sono tato un fenomeno mediatico da prima pa- mamente anche con quello che nel 2001 si re spese ed acquisti, ad accertare sinteti-decisi dalle singole agenzie re- QQQ A sentire Attilio Befera ogni anno è gina. E molti hanno imparato a conoscere pensava fosse la nemesi del ministro pro- camente i redditi di famiglie e imprese, agionali e provinciali e solo loro, da record. Gli annunci trionfalistici degli il suo viso. Pochi sanno, però, che il diret- diano. Con l’arrivo di Giulio Tremonti e la invertire l’onere della prova e ad incassarequindi, sanno quando e come incassi dalla lotta all’evasione si susseguo- tore dell’Agenzia delle Entrate fa l’agente nascita delle Agenzie fiscali, Befera viene immediatamente le somme richieste. Ilcolpiscono. Ci sono, però, di- no con meticolosa periodicità (solitamen- del fisco da oltre 17 anni. E che il suo cur- subito piazzato alle Entrate, dove ricopre risultato è complessivamente devastanterettive generali sulle attività te c’è una stima tra ottobre novembre, il riculum, malgrado ora molti sia nel cen- prima l’incarico di direttore centrale per i per il quieto vivere dei contribuenti, co-stagionali. In altre parole, an- dato consolidato nei primi mesi dell’anno trodestra sia nel centrosinistra storcano il rapporti con gli enti esterni e poi come di- stretti per lo più a dimostrare di essere in-dare a ficcare il naso nei luoghi e un andamento diffuso prima dell’estate) naso verso le sue iniziative eclatanti, è ri- rettore centrale dell’amministrazione. nocenti, a volte sulla base di calcoli teoricidel lusso non è uno schiribizzo dalla seconda metà del 2008, quando il su- gorosamente bipartisan. Nel frattempo, Befera lavora insieme a effettuati a tavolino (vedi studi di settore edegli ispettori locali, ma un’in- perispettore del fisco è approdato alla gui- La storia professionale di Befera parte Tremonti al grande progetto per riportare redditometro).dicazione dell’Agenzia delle da dell’Agenzia delle Entrate. Erano 6,9 in qualche modo dall’altra parte della bar- la riscossione, prima affidata attraverso È in questo periodo che il direttoreEntrate. miliardi nel suo primo anno da direttore, ricata, al fianco di quelle imprese di cui concessioni agli istituti di credito, sotto il dell’Agenzia delle Entrate si libera dei Tra le località solitamente sono diventati 9,1 nel 2009, 10 nel 2010. adesso passa al setaccio i libri contabili. cappello dello Stato. Nasce Riscossione panni dell’oscuro burocrate e inizia rila-colpite, di cui gli uffici del fisco Per il 2011 si prevede l’ennesimo record Prima di diventare superispettore del Se- spa, che poi diventa Equitalia. E nell’otto- sciare interviste, a promettere fuoco ehanno dato notizia proprio per con 11 miliardi e le stime per quest’anno cit (il contestato Servizio centrale degli bre del 2006, con Visco di nuovo ministro, fiamme contro evasori ed elusori, a daredimostrare la tesi dell’ordina- arriverebbero addirittura (merito del red- ispettori tributari) nel 1995, Befera aveva Befera ne diventa il numero uno. lezioni di civiltà tributaria e di politiche fi-rietà dei controlli, ci sarebbero ditometro, secondo Befera) a 13 miliardi. infatti prestato circa trent’anni di onorato È in quegli anni che il fisco inizia ad af- scali. Attitudine che sembra rafforzatala costa campana e le isole, la Eppure, la raffica di successi non sem- servizio in Efibanca (del gruppo Bnl), una filare veramente le armi. Il cerchio si chiu- dalla coabitazione col nuovo governo tec-costa ligure, alcune zone della bra avere intaccato più di tanto il mallop- banca d’affari che si occupava principal- de nel maggio 2008, quando Tremonti (in nico. Al bastone ogni tanto Befera alternaPuglia, Rimini e Riccione. Do- po nascosto al fisco dagli evasori. I dati mente di assistenza alle aziende medie e cui ormai non si scorge quasi più neanche la carota, come quando, nel maggio scor-vunque, sostengono dall’Agen- Istat relativi al 2007 parlavano di cento mi- medio-grandi nell’attività di credito indu- il barlume del paladino delle partite Iva so, invia una lettera aperta ai dipendentizia delle entrate con dati diffi- liardi, euro più euro meno. Secondo striale e strutturato. Lì il futuro ispettore, del governo precedente) torna a Via XX chiedendo di mettere da parte «arroganzacilmente verificabili, si sarebbe un’analisi di Confindustria del giugno entrato come neodiplomato, scala tutte le Settembre e gli affida senza pensarci due e soprusi», «astuzie burocratiche», «esa-verificato il miracoloso effetto 2010 i miliardi sarebbero invece 124. La poltrone fino a diventare direttore centra- volte la guida dell’Agenzia dell’Entrate in speranti formalismi» e di sfoderare piut-Cortina, con gli incassi degli versione ufficiale dell’Agenzia delle En- le, responsabile delle strutture che presi- abbinata con la presidenza di Equitalia. tosto nei confronti dei cittadini le armiesercenti (o meglio gli scontri- trate del 10 maggio 2011 quantifica l’eva- diavano le aree amministrativa, fiscale, I due incarichi gli fruttano la bellezza di della «disponibilità, della cortesia», dellani) che “misteriosamente” lie- sione fiscale a 120 miliardi di euro. I conti, informatica e organizzativa dell’istituto di 456.733 euro lordi all’anno, ma gli danno «serietà e della coerenza». La frase da in-vitano grazie alla presenza de- insomma, tornano fino a un certo punto. credito. soprattutto la possibilità di trasformare gli corniciare è quella con cui la missiva sigli 007. A Rovigo ad ottobre è Anche se mister fisco è pronto a giurare Al Secit l’ascesa è più rapida. Gli basta- uffici del fisco in una vera e propria mac- chiude: «Comportiamoci tutti, come fun-bastata la presenza dei funzio- che l’amministrazione tributaria non ha no due anni (aprile 1997) per diventare di- china da guerra. Supportato da una serie zionari del fisco, così come vorremmo es-nari del Fisco presso gli esercizi mai smesso di mostrare i muscoli contro i rigente generale del ministero delle Fi- di modifiche normative varate da Tre- sere tutti trattati come contribuenti». Acommerciali per far registrare “furbetti”, di qualsiasi colore fosse il go- nanze con l’incarico di direttore centrale monti (in perfetta sintonia e a completa- Cortina l’hanno già appesa dietro i banco-incassi superiori anche del verno in carica. per la riscossione del dipartimento delle mento della linea dura di Visco), Befera ni di bar e ristoranti.600%. In Molise la scorsa estate Dopo l’ultima, clamorosa, performan- entrate. A fare il suo nome è Vincenzo Vi- può iniziare ad incrociare i dati dei conti twitter@sandroiacometti
  5. 5. PRIMO PIANO Sabato 7 gennaio 2012 5 @ commenta su www.liberoquotidiano.it CONFRONTI Il comune più virtuoso è San Michele al Tagliamento (Ve): il 99,8% degli abitanti è in regola. A Palma di Montechiaro (Ag) sei su dieci imbrogliano le carte Italia strangolata A TREVISO Visite mediche non disdette: multe in arrivo I 7000 cittadini che nel 2011 si sono rivolti all’Usl 8 di Treviso per prenotare una visita in ospedale e non si sono presen- tati all’appuntamento, senza prima averlo disdetto, oltre a dover pagare comunque il tic- ket e la quota fissa per le pre- stazioni sanitarie non fruite, rischiano ora di vedersi reca- pitare a casa anche una comu- nicazione di Equitalia che ag- giungerà oneri e sanzioni. Chi non pagherà le somme sarà inserito in una “black list” che gli impedirà di accedere a visi- te ed esami. Ha vinto invece la sua battaglia contro Equitalia, e contro il Comune di Trento, un automobilista che si era ri- volto al giudice di pace per op- porsi ad una cartella esatto- riale da 204,90 euro recapita- tagli per aver pagato all’am-La mappa dell’evasione ministrazione comunale un euro in meno di quanto dovu- to per una contravvenzione per eccesso di velocità: 155 eu- ro anziché 156. La “macrosco- pica” svista gli è costata un processo civile, grazie al qualeNon rientrano nella casse dello Stato circa 300 miliardi. I maggiori importi recuperati dagli esattori arrivano da però è riuscito a non sborsare altri 50 euro.Lombardia (1,9 miliardi) e Lazio (1,2 miliardi), mentre il più alto tasso d’infedeltà è al Sud con punte del 65% ALE. GONZ.::: segue dalla prima pari al 17,87% del reddito. Una scale si sottraggono quanti so- del 10,93% a uno del 65,67%. Il che al Nord: nel Mezzogiorno, d’evasione del 20,31 per cen- GIULIANO ZULIN media un po’ falsata, perché c’è no impossibilitati a fregare lo valore di evasione minima si tutte le province fanno registra- to).. chi non può evadere il Fisco, Stato, la percentuale media di registra nelle province dei re tassi attorno al 64,47% (ecce- (...) al Sud, mentre i maggiori perché subisce trattenute alla evasione sale al 38,41 per cen- grandi centri produttivi come zione fatta per Bari, Napoli, Ca- PALMA E S. MICHELEincassi dal nero emergono dal fonte (lavoro dipendente, pen- to. Milano, Torino, Genova, Savo- tania e Palermo, che sono in A livello comunale, non èNord. Complessivamente l’eva- sioni, interessi su conti correnti na, Roma, Lecco, Cremona e media nazionale). Tra le zone Cortina la perla degli evasori. Sisione in Italia vale circa 300 mi- e Bot) e ci sono coloro che han- REGIONE PER REGIONE Brescia, mentre quello massi- che invece sfuggono meno al scopre invece che il territorioliardi, pari al 17-18% del Pil. no molta più facilità nel sottrar- Entriamo nel dettaglio. La mo nelle province di Caserta, Fisco ci sono alcune province più fiscalmente fedele è San Andiamo con ordine. Nel si agli obblighi contributivi percentuale media di evasione Salerno, Cosenza, Reggio Cala- del Nordest e dell’Emilia Ro- Michele al Tagliamento (Ve),2010, i maggiori importi riscos- (cioè tutti gli altri). Ebbene, se varia da Regione a Regione. Si bria e Messina. In linea di mas- magna, nonché le province di 12.080 abitanti, dei quali ben ilsi - in seguito a tasse non paga- dalle statistiche sull’evasione fi- passa da un tasso di evasione sima al Sud l’evasione è più alta Cuneo e Firenze (con un tasso 99,8% è in regola col Fisco: inte - arrivano dalla Lombardia, poche parole sarebbero appe-con quasi 1,9 miliardi di euro. A na 18 i potenziali evasori. Altraseguire il Lazio, dove il recupe-ro delle somme ammonta a ol- Centrodestra all’attacco musica a Palma di Montechia- ro (Ag), dove il 60% dei 24.145 Il Pdl chiede un’inchiesta su Equitaliatre 1,2 miliardi, la Campania abitanti è fuori regola. Pensate(869 milioni) e la Toscana (722 che, nel comune siciliano che similioni). Tra le città, a Milano trova a metà fra Agrigento e Li-sono stati recuperati circa 1,1 cata, la media delle dichiarazio-miliardi, a Roma quasi un mi- ni dei redditi è di 3.800 euroliardo. Seguono Napoli con 473 Sul fisco rapace si ricompone l’asse con la Lega. Crosetto vuole una commissione parlamentare l’anno.milioni e Torino con 389. Facile Che il Mezzogiorno sia più aintuire questa classifica: dove ci ::: ROMA proposito dell’ultimo blitz ampezzano, par- Dunque vecchio centrodestra contro rischio evasione lo dimostrasono più soldi che girano è più la del rischio di uno «stato di polizia». Nunzia Equitalia e vecchio centrosinistra a favore? anche l’indagine effettuata in-facile che si formino sacche di QQQ Ci voleva Equitalia per far tornare av- Di Girolamo, Pdl, punta il dito contro «il Non proprio, se si leggono le mozioni che crociando i redditi con i consu-evasori. Grandi numeri, grande versari quelli che il governo Monti ha co- grande conflitto di interessi nel quale vive martedì si discuteranno nell’Aula del Senato mi, elaborato dal Centro Studinero. stretto a diventare alleati e viceversa. Il ruolo Befera, nella qualità di controllore e control- e che hanno per oggetto proprio l’agenzia di Sintesi e Unioncamere Veneto. Però se non guardiamo dell’agenzia di riscossione delle tasse e lato». Ma la proposta più forte arriva da Gui- riscossione. La prima, a prima firma Franco I dati che emergono sono in-alle somme, ma alla il comportamento del suo direttore do Crosetto, Pdl, che chiede una commis- Bruno (Api), impegna il governo ad «allun- credibili. Se a Milano si trovanofedeltà fiscale dei hanno, infatti, scatenato una po- sione di inchiesta sulle «distorsioni e gli ec- gare la rateizzazione prevista» per chi deve i redditi più alti, non si capiscecontribuenti, ecco lemica durissima tra Pdl e Lega cessi che si sono verificati all’interno somme al fisco, a «ridurre consistentemente perché a Catania o Ragusa lache emerge tutta da una parte, Pd e Idv dall’altra. dell’Agenzia delle entrate e di Equitalia». Ma le sanzioni» oggi previste, a fissare «un limite percentuale di auto in circola-un’altra Italia. La scintilla è stato l’intervento il Pdl non è da solo nella guerra a Befaro. Per- massimo per le somme dovute» all’erario. zione - in rapporto agli abitantiProprio gli esatto- di Attilio Befera, direttore ché solo Cortina?, protesta la Lega, invitando La seconda, il cui primo firmatario è il fioro- - sia superiore del 15-20% ri-ri hanno indivi- dell’Agenzia delle entrate e pre- il direttore dell’Agenzia delle entrate a fare gli niano Lucio D’Ubaldo, Pd, chiede al gover- spetto al capoluogo lombardo.duato dove vive e sidente di Equitalia, a Piazza Pu- stessi controlli «nel Sud Italia, che vive da de- no di «introdurre elementi di maggiore fles- Per non parlare del confrontoopera la maggior lita, programma di La7. cenni di solo nero». sibilità nelle procedure di riscossione coatti- tra Crotone e Torino: nella cittàparte degli evasori o Fabrizio Cicchitto Olycom «Oramai il dottor Befera A difesa di Equitalia si schierano Pd, Udc e va» e di «rivedere il sistema di calcolo delle calabrese ci sono più auto dipresunti tali. Conside- si comporta come un Idv. Stefano Fassina censura «l’aggressione» sanzioni tributarie». Stesse richieste conte- lusso rispetto alla capitale ita-rando i numeri elaborati leader politico ad alta di Cicchitto nei confronti di Befera, bollando nute nella terza mozione, che impegna il go- liana delle quattro ruote. E chedall’Agenzia delle Entrate gra- visibilità mediatica e non come un alto fun- come «irresponsabili» le parole del capo- verno a prevedere «dilazioni dell’agente del- dire delle case? A Napoli ville ezie al DataBase Geomarket, la zionario dello Stato al quale è affidato un gruppo del Pdl alla Camera. «L’insulto è nel la riscossione», a «rivedere il calcolo delle castelli hanno un peso quasinuova banca dati del Fisco, è compito delicatissimo», ha accusato Fabri- lessico consueto di Fassina», replica Cicchit- sanzioni tributarie», a prevedere «misure doppio che a Milano. Per finir-stato certificato che chi non pa- zio Cicchitto, Pdl. E di «protagonismo fuori to. Mentre per Leoluca Orlando, Idv, è «ver- derogatorie» per chi deve soldi al fisco, «ad la, l’incrocio fra gettito Iva e en-ga vive principalmente al Sud. luogo» lo ha accusato Daniele Capezzone, gognoso» che «si straccino le vesti perché è elevare la soglia al di sotto della quale non trate Irpef elegge Trieste, Bolo- criticando i «metodi illiberali (di Equitalia, stata fatta una giusta operazione». La politi- consentire l’iscrizione di ipoteca». Presenta- gna e Bolzano virtuose, mentre LA MEDIA n.d.r), chefiniscono perindurre leimprese a ca, ammonisce l’Udc, la smetta di fare «l’av- ta dal Pdl? No. Dall’Italia dei Valori. Ragusa, Catania e Crotone so- Il tasso medio di evasione è chiudere i battenti». Maurizio Lupi, Pdl, a vocato di evasori o truffatori dello Stato». EL.CA. no le più incoerenti.
  6. 6. 6 Sabato 7 gennaio 2012

×