Guida alle-pensioni

5,519 views

Published on

La nuova guida alle pensioni dopo le ultime riforme.

Published in: Economy & Finance
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
5,519
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
12
Actions
Shares
0
Downloads
60
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Guida alle-pensioni

  1. 1. Guida alle Pensioni SOMMARIO IL SOLE 24 ORE SOMMARIOFOCUSLa pensione ai superstitiInserto staccabileIN PRIMO PIANO - MANOVRA SALVA ITALIAEditoriale - La riforma pensionistica nella manovra salva Italia 13Ivana MarimpietriI nuovi requisiti di accesso per la pensione di vecchiaia 18Aldo ForteLa nuova pensione anticipata: regole, deroghe e casi pratici 23Giuseppe ArgentinoAccesso al pensionamento: così le deroghe alle nuove regole 29Aldo ForteRiforma delle pensioni e certificazione dei diritti acquisiti 32Inps - Messaggio 20 dicembre 2011, n. 24126Dal 2012 il nuovo sistema di calcolo della pensione 33Pietro GremigniArtigiani e commercianti:riviste le aliquote contributive 37Paolo RossiLa rivalutazione automatica delle pensioni prevista nel 2012 e 2013 40Aldo CiccarellaNo al contante per le pensioni sopra i 1.000 euro 42Inps - Messaggio 30 dicembre 2011, n. 24711Requisiti di accesso: adeguamento alla speranza di vita al via dal 2013Ministero dell’economia e delle finanze, Decreto 6 dicembre 2011 - G.U. 13 dicembre 2011, n. 289 43Giuseppe RodàManovra salva Italia: più facile la totalizzazione 45Pietro GremigniLavori usuranti: così cambiano i requisiti pensionistici 51Enrico BrandiContributo di solidarietà e pensioni: le novità della manovra 55Matteo Ferraris N. 1 - Gennaio 2012Pubblico impiego: prestazioni, regole di accesso e sistemidi calcolo dall’1 gennaio 2012 59Fabrizio BonaldaIl testo della manovra salva Italia pubblicato in Gazzetta UfficialeDl 6 dicembre 2011, n. 201 (G.U. 6 dicembre 2011, n. 284, suppl. ord. n. 251), 67coordinato con la legge di conversione 22 dicembre 2011, n. 214(G.U. 27 dicembre 2011, n. 300, suppl. ord. n. 276) 3
  2. 2. SOMMARIO Guida alle Pensioni IL SOLE 24 ORE NOVITÀ Pubblico impiego: istruzioni sul pensionamento anticipato per lavori usuranti 78 Inpdap - Nota operativa 28 dicembre 2011, n. 43 Canale telematico per le domande di pensioni internazionali 79 Inps - Circolare 27 dicembre 2011, n. 164 Lavori usuranti: precisazioni Inps sulla pensione 82 Inps - Messaggio 22 dicembre 2011, n. 24235 Professionisti e trasmissione delle domande di assegno sociale 84 Inps - Circolare 21 dicembre 2011, n. 159 Operazione Red e verifica delle posizioni reddituali dei pensionati 87 Inps - Messaggio 2 dicembre 2011, n. 22905 Lavori usuranti: chiarimenti Inps sull’accesso alla pensione di vecchiaia 89 Inps - Messaggio 30 novembre 2011, n. 22647 Ricostituzione pensione e rata gennaio 2012 95 Inps - Messaggio 13 dicembre 2011, n. 23576 Accertamento esistenza in vita dei pensionati all’estero 95 Inps - Messaggio 12 dicembre 2011, n. 23563 Riduzione acconto Irpef ai pensionati 95 Inps - Messaggio 9 dicembre 2011, n. 23448 Accredito del servizio militare nella gestione autonomi 95 Inps - Messaggio 6 dicembre 2011, n. 23190 Rimborso Inpdap del maggiore acconto Irpef 95 Inpdap - Nota operativa 2 dicembre 2011 PENSIONI E PRESTAZIONI UE ED EXTRA UE Prestazioni di sicurezza sociale in ambito Ue: pubblicati i Paper Sed della serie P, R, S, U, F e H Inps - Circolare 15 dicembre 2011, n. 156 98 Inps - Circolare 15 dicembre 2011, n. 157 Inps - Circolare 22 dicembre 2011, n. 161 Andrea Costa CONTENZIOSO PREVIDENZIALE Accertamento tecnico preventivo obbligatorio nei giudizi in materia di invalidità Inps, circolare 30 dicembre 2011, n. 168 104 Silvano Imbriaci Pensione di reversibilità 109 Cass. civ., sez. VI, Ordinanza 15 novembre 2011, 23958N. 1 - Gennaio 2012 Condono previdenziale e omissione contributiva 109 Cass., sez. lav. 19 novembre 2011, n. 27468 Omissione contributiva 111 Cass., sez. lav., 5 dicembre 2011, n. 25939 Omesso versamento di ritenute previdenziali 112 Cass. pen., sez. III, 28 novembre 2011, n. 440664
  3. 3. Guida alle Pensioni IL NUMERO IN SINTESI IL SOLE 24 ORE Il numero in sintesi a prescindere dal possesso della certificazione, che ha In primo piano solo valore dichiarativo e non costitutivo. (Inps ­ Messaggio 20 dicembre 2011, n. 24126) pag. 32Manovra salva Italia:i nuovi requisitidi accesso per la pensione di vecchiaiaDal prossimo anno scattano i nuovi requisiti per la Dal 2012 il nuovo sistema di calcolopensione di vecchiaia. Ad occuparsi delle regole di della pensioneaccesso a tale prestazione pensionistica sono i commi Dall’1 gennaio 2012, anche per i lavoratori già iscrittida 4 a 9, dell’art. 24, della manovra salva Italia. Dal alle forme di previdenza obbligatorie che alla data del2012 scompaiono quindi tutte le vecchie forme di pen­ 31 dicembre 1995 potevano far valere un’anzianitàsione di vecchiaia, sia essa di vecchiaia che di vecchiaia contributiva di almeno 18 anni, e per i quali la pensio­anticipata, per essere sostituite dalla nuova pensione di ne sarà calcolata fino al 31 dicembre 2011 con ilvecchiaia. sistema retributivo, verrà applicato il sistema di calcolo pag. 18 contributivo in relazione alle anzianità maturate da tale data in avanti. pag. 33La nuova «pensione anticipata»:regole, deroghe e casi praticiDall’1 gennaio 2012 la pensione di anzianità non esi­ Artigiani e commercianti iscrittisterà più. Lo ha stabilito il comma 3 dell’art. 24 del Dl alle gestioni autonome:n. 201/2011, convertito in legge n. 214/2011, che ha riviste le aliquote contributivesostituito la pensione di anzianità con la «pensione La manovra salva Italia interviene sulle aliquote contri­anticipata». Analizziamo la differenza tra i due tipi di butive per il finanziamento delle gestioni pensionistichepensione. dei lavoratori artigiani e commercianti iscritti alle ge­ pag. 23 stioni autonome dell’Inps. Si parte con un aumento di 1,3 punti percentuali per il 2012, mentre con decorren­ za 2013 viene previsto uno scaglionamento di 0,45Accesso al pensionamento: punti percentuali per ogni anno fino a raggiungere,così le deroghe alle nuove regole appunto nel 2018, il livello del 24%.Rendendo le regole di accesso al pensionamento più pag. 37rigide, il legislatore si è ricordato anche di salvaguarda­re alcuni assicurati che si trovano in determinate situa­zioni, al fine di consentire loro l’accesso con le regole La rivalutazione automaticaprecedenti il Dl n. 201/2011. L’art. 24, commi 3 e 14 delle pensioni prevista nel 2012 e 2013della manovra salva Italia, si occupano della salvaguar­ La rivalutazione automatica o perequazione automaticadia dei diritti acquisiti. dei trattamenti pensionistici è un aumento applicato pag. 29 annualmente a tutte le pensioni, sia del settore pubblico che del settore privato, in base all’art. 14 della legge n. 724 del 23 dicembre 1994, per adeguarne l’importoRiforma delle pensioni e certificazione agli aumenti del costo della vita (inflazione). Per il N. 1 - Gennaio 2012dei diritti acquisiti biennio 2012 e 2013 la perequazione delle pensioni èL’Inps informa che la previsione contenuta nella mano­ riconosciuta esclusivamente ai trattamenti pensionisticivra salva Italia, in base alla quale il lavoratore che di importo complessivo fino a tre volte il trattamentomaturi entro il 31 dicembre 2011 i requisiti di età e di minimo Inps, nella misura integrale della rivalutazioneanzianità contributiva finora previsti mantiene il diritto Istat. Per le pensioni di importo superiore a due volte ilal pensionamento e può chiedere all’Ente di apparte­ trattamento minimo Inps e inferiore a tale limite, incre­nenza la certificazione di tale diritto, deve essere inter­ mentato della quota di rivalutazione automatica spet­pretata nel senso che il diritto al pensionamento scatta tante ai sensi del presente comma, l’aumento di rivalu­ 5
  4. 4. IL NUMERO IN SINTESI Guida alle Pensioni IL SOLE 24 ORE tazione è comunque attribuito fino a concorrenza del do l’assetto normativo del Dlgs n. 67/2011. Rimangono predetto limite maggiorato. immutati i beneficiari, il periodo minimo di svolgimento pag. 40 dei lavori usuranti e le modalità procedurali per ottene­ re il pensionamento anticipato. pag. 51 No al contante per le pensioni sopra i 1.000 euro L’Inps sta inviando ai pensionati con rata corrente paga­ Contributo di solidarietà e pensioni: ta in contanti di importo complessivamente superiore a le novità della manovra 1.000,00 euro, una comunicazione in cui indicare en­ L’art. 24, comma 21, della manovra salva Italia amplia tro il 29 febbraio 2012 le modalità di riscossione alter­ e aggiorna l’elenco dei contributi di solidarietà imposti native, prescelte tra l’accredito in conto corrente, sul dalle recenti e precedenti manovre finanziarie ai bene­ libretto postale o su carta ricaricabile. ficiari di trattamenti pensionistici o retributivi partico­ (Inps ­ Messaggio 30 dicembre 2011, n. 24711) larmente favorevoli. In particolare il comma 21 citato introduce un contributo di solidarietà perequativo nei pag. 42 confronti di alcuni fondi che hanno fruito di regimi speciali, particolarmente favorevoli. Il comma 31­bis del medesimo articolo 24 aggiorna invece il contributo Requisiti di accesso: adeguamento applicato alle cosiddette «pensioni d’oro» introducen­ alla speranza di vita al via dal 2013 do una trattenuta del 15% sui trattamenti pensionistici L’adeguamento dei requisiti di accesso al pensionamen­ eccedenti 200.000 euro. to agli incrementi della speranza di vita scatterà per la pag. 55 prima volta in tre mesi a decorrere dall’1 gennaio 2013. È quanto risulta dal decreto del 6 dicembre 2011 del Ministero dell’economia e delle finanze. In Pubblico impiego: prestazioni, concreto si tratta di un meccanismo di aggiornamento regole di accesso e sistemi automatico dei requisiti dell’età pensionabile e dell’an­ di calcolo dall’1 gennaio 2012 zianità contributiva. Il 31 dicembre 2011 è la data spartiacque tra due (Ministero dell’economia e delle finanze, Decreto 6 sistemi pensionistici profondamente differenti quanto a dicembre 2011 ­ G.U. 13 dicembre 2011, n. 289) regole di accesso, tipologie di prestazioni e criteri di pag. 43 calcolo dei trattamenti. La complessiva revisione, intro­ dotta dai 35 commi dell’art. 24, parte, comunque, dal­ l’accelerazione dell’entrata a regime di alcuni istituti già Manovra salva Italia: presenti nell’assetto pensionistico previgente. più facile la totalizzazione pag. 59 Con effetto dal 2012 gli assicurati con diversi periodi di anzianità contributiva maturati in fondi previdenziali diversi potranno totalizzarli ai fini di percepire un’unica pensione, a prescindere dall’anzianità contributiva mi­ Novità nima maturata in ciascuno di essi. Viene cioè eliminato il requisito di almeno 3 anni di anzianità contributiva in ciascun fondo. Pubblico impiego: pag. 45 istruzioni sul pensionamento anticipato per lavori usurantiN. 1 - Gennaio 2012 L’Inpdap fornisce una serie di importanti precisazioni ai Lavori usuranti: pubblici dipendenti anch’essi destinatari della disciplina così cambiano i requisiti pensionistici sul pensionamento anticipato in caso di svolgimento di La manovra salva Italia ha in parte ridisciplinato i crite­ lavori usuranti di cui al Dlgs n. 67/2011 modificato dall’art. 24 della legge n. 214/2011. ri di accesso alla pensione anticipata da parte dei lavo­ (Inpdap ­ Nota operativa 28 dicembre 2011, n. 43) ratori dipendenti che hanno svolto lavori usuranti, te­ nendo conto da un lato dell’innalzamento generale dei pag. 78 requisiti per andare in pensione e dall’altro conservan­6
  5. 5. Guida alle Pensioni IL NUMERO IN SINTESI IL SOLE 24 ORECanale telematico per le domande Lavori usuranti: chiarimenti Inpsdi pensioni internazionali sull’accesso alla pensione di vecchiaiaL’Inps fornisce le istruzioni relative all’attivazione, a In parallelo con la riforma pensionistica che ha elevatodecorrere dall’1 gennaio 2012, della modalità di pre­ dal 2012 i requisiti di età per chiedere la pensionesentazione telematica in via esclusiva, salvo il periodo anticipata in considerazione dei lavori usuranti svolti,transitorio, anche delle domande di pensione in regime l’Inps ha diffuso importanti precisazioni comunque vali­internazionale. de anche dopo le predette innovazioni. (Inps, messaggio(Inps ­ Circolare 27 dicembre 2011, n. 164) 30 novembre 2011, n. 22647) pag. 79 pag. 89Lavori usuranti: precisazioni Inpssulla pensione Pensioni e prestazioni UeL’Inps ha risposto ad alcuni quesiti in merito al pensio­ ed extra Uenamento anticipato per i lavoratori addetti a lavoriusuranti ed in particolare in materia di massima anzia­nità contributiva, lavoro notturno e domande relative al Prestazioni di sicurezza sociale in ambito2011. Ue: pubblicati i Paper Sed della serie P, R,(Inps ­ Messaggio 22 dicembre 2011, n. 24235) S, U, F e H pag. 82 Per uno scambio efficiente dei dati tra le istituzioni degli Stati membri competenti, i «nuovi» regolamenti comunitari in materia di coordinamento dei sistemi di sicurezza sociale, operativi dall’1 maggio 2010, hannoProfessionisti e trasmissione previsto l’utilizzo dello strumento elettronico, in gradodelle domande di assegno sociale di assicurare, a regime, un aggiornamento dei dati inL’Inps informa che i professionisti abilitati all’assistenza tempo reale.fiscale possono stipulare convenzioni singole con l’Isti­ pag. 98tuto stesso per il servizio di raccolta e di trasmissionedelle dichiarazioni di responsabilità al fine dell’eroga­zione di prestazioni assistenziali come l’assegno o lapensione sociale, nonché l’assegno per invalidità civilecon ricovero (Icric). Contenzioso previdenziale(Inps ­ Circolare 21 dicembre 2011, n. 159) pag. 84 Accertamento tecnico preventivo obbligatorio nei giudizi in materia di invaliditàOperazione Red e verifica delle posizioni L’Inps dirama le prime istruzioni operative ed applicati­reddituali dei pensionati ve in ordine al nuovo procedimento previsto dal Dl n.Per tutte le prestazioni collegate al reddito gli enti previ­ 98/2011 per la verifica preventiva delle condizionidenziali sono tenuti a verificare annualmente l’entità sanitarie legittimanti la concessione delle prestazioni indei redditi percepiti al fine del diritto e/o della misura materia di invalidità civile, sordità civile, handicap edi certe prestazioni (art. 35 Legge n. 14/2009; art. 13 disabilità, nonché pensione di inabilità e assegno diLegge n. 122/2010). Dall’1.6.2010, per tutte le presta­ invalidità ex legge n. 222/1984.zioni collegate al reddito, occorre fare riferimento ai (Inps, circolare 30 dicembre 2011, n. 168) N. 1 - Gennaio 2012redditi da prestazione conseguiti nello stesso anno e ai pag. 104redditi diversi conseguiti nell’anno precedente. L’Inpsillustra i criteri di verifica delle posizioni reddituali2009 dei pensionati e di ricalcolo delle pensioni. Pensione di reversibilità(Inps ­ Messaggio 2 dicembre 2011, n. 22905) La Corte di Cassazione affronta il tema dell’irripetibilità pag. 87 delle somme indebitamente corrisposte con particolare riferimento alle prestazioni previdenziali ed assistenzia­ 7
  6. 6. IL NUMERO IN SINTESI Guida alle Pensioni IL SOLE 24 ORE li (nella specie, assegno di reversibilità) e al caso di dolo della legge n. 388/2000, contenente norme più favo­ del beneficiario. revoli ai contribuenti, in materia di sanzioni civili (som­ (Cass., sez. VI, ord. 15 novembre 2011, 23958) me aggiuntive) e interessi per omesso versamento di pag. 109 contributi dovuti all’Inps. (Cass., sez. lav., 5 dicembre 2011, n. 25939) pag. 111 Condono previdenziale e omissione contributiva La Corte di Cassazione interviene sul caso di regolariz­ Omesso versamento di ritenute zazione di omissioni contributive e in particolare sul­ previdenziali l’applicabilità dell’art. 6, comma 9, della legge n. 389/ Per la Corte di Cassazione l’effettiva corresponsione 1989. delle retribuzioni ai lavoratori dipendenti, a fronte di (Cass., sez. lav., 19 novembre 2011, n. 27468) un’imputazione di omesso versamento delle relative pag. 109 ritenute previdenziali ed assistenziali, può essere prova­ ta sia mediante il ricorso a prove documentali e testi­ moniali sia mediante il ricorso alla prova indiziaria. Omissione contributiva (Cass., sez. III pen., 28 novembre 2011, n. 44066) La suprema Corte di Cassazione decide sulla rilevanza pag. 112 dello «ius superveniens» di cui all’art. 116, comma 8 www.guidapensioni.ilsole24ore.com dall’art. 68, commi 4 e 5, legge n. 633/1941. Le riproduzioni effettuate per Direttore responsabile finalità di carattere professionale, economico o commerciale o comunque GABRIELE BONETTI per uso diverso da quello personale possono essere effettuate a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da AIDRO, Corso di Porta Romana n. 108, 20122 Milano, segreteria@aidro.org, www.aidro.org Coordinamento editoriale Servizio clienti periodici: Il Sole 24 ORE S.p.A. Via Tiburtina Valeria (S.S. Claudio Pagliara (02/3022.3686) n. 5) km 68,700 - 67061 Carsoli (AQ). Tel. 3022.5680 (prefisso 02 oppure Redazione 06); Fax 3022.5400 (prefisso 02 oppure 06); e-mailservizioclienti.periodi- Angela Grassi (02/3022.3315) ci@ilsole24ore.com Margherita Mangioni (02/3022.3695) Nuovi abbonati - Abbonamento annuale (Italia):€ 140,00. Marzio Nava (02/3022.3097) Gli abbonamenti possono essere sottoscritti telefonando direttamente al servi- Antonio Pesaresi (02/3022.4540) zio clienti periodici oppure inviando una fotocopia della ricevuta di pagamento sul c.c.p. n. 31481203 a: Il Sole 24 ORE S.p.a. Via Tiburtina Valeria (S.S. n. 5), Km 68,700 - 67061 Carsoli (AQ). La ricevuta di pagamento tramite c.c.p. può essere inviata anche via fax allo 06/3022.5406 oppure 02/3022.5406. Arretrati e numeri singoli: € 11,00 comprensivi di spese di spedizione. Per Proprietario ed Editore: Il Sole 24 ORE S.p.A. le richieste di arretrati e numeri singoli inviare anticipatamente l’importoN. 1 - Gennaio 2012 Presidente: GIANCARLO CERUTTI seguendo le stesse modalità di cui sopra. I numeri non pervenuti potranno Amministratore delegato: DONATELLA TREU essere richiesti via fax al n. 02-06/3022.5402-06 o via e-mail aservizioclien- ti.periodici@ilsole24ore.com entro 2 mesi dall’uscita del numero stesso. Registrazione Trib. di Milano n. 487 del 23.9.2011 Concessionaria esclusiva di pubblicità: Focus Media Advertising «FME Sede legale, amministrazione: Via Monte Rosa 91 - 20149 Milano Advertising Srl di Elena Anna Rossi & C.» Sede legale: P.zza A. de Gasperi Direzione, redazione: Via Pisacane 1 - 20016 Pero (Mi) n. 15 - Gerenzano (VA). Direzione e Uffici: Via Canova n. 19 - 20145 Il Sole 24 ORE S.p. . Tutti i diritti sono riservati. Le fotocopie per uso A Milano. Tel. 02.3453.8183 - fax 02.3453.8184 - emailinfo@focusmedia.it. personale del lettore possono essere effettuate nei limiti del 15% di ciascun Stampa: Il Sole 24 ORE S.p.A. - Via Tiburtina Valeria (S.S. n. 5) Km 68,700 fascicolo di periodico dietro pagamento alla SIAE del compenso previsto - 67061 Carsoli (AQ). La rivista è stata chiusa in redazione il 3 gennaio 20128
  7. 7. Guida alle Pensioni SCADENZARIO IL SOLE 24 ORE Scadenze gennaio-febbraio 2012 Dal 1° gennaio 2012 tutte le domande di autorizzazione ai ver- samenti volontari devono essere inoltrate all’Inps unicamente attraverso il canale telematico, salvo le domande di autorizza- zione all’integrazione dei lavoratori agricoli ed alla prosecuzio- Contributi volontari ne volontaria al «Fondo di Previdenza del Clero Secolare e dei Ministri di Culto delle Confessioni Religiose diverse dalla Catto- lica» per le quali rimangono efficaci le modalità attualmente in uso, fino all’emanazione di disposizioni specifiche. Aumentano i limiti di età per chi va in pensione di vecchiaia ma-Gennaio 2012 turata da questo mese (art. 24, Dl n. 201/2011): lavoratori uomi- Pensione vecchiaia ni dipendenti e autonomi: 66 anni; lavoratrici dipendenti del set- tore privato: 62 anni; lavoratrici del pubblico impiego: 66 anni; lavoratrici autonome: 63 anni e 6 mesi. Aumenta il requisito minimo di anzianità contributiva per accede- re alla pensione anticipata a prescindere dall’età anagrafica: 42 anni e 1 mese per gli uomini; 41 e 1 mese per le donne. Chi ha Pensione anticipata meno di 62 anni subisce una riduzione percentuale dell’1% per i primi due anni di anticipo nell’accesso al pensionamento rispetto all’età di 62 anni e del 2% per gli altri ulteriori anni. I pensionati possono riscuotere il rateo mensile anticipato della pensione presso gli uffici postali o le banche, anche tramite de- lega. Il rateo comprende: l’eventuale recupero delle imposte ri- Pagamento pensioni determinate a consuntivo in sede di conguaglio fiscale di fine anno; l’eventuale recupero delle somme a debito del pensiona- to in occasione del rinnovo delle pensioni 2011. Assegno L’Inps mette in pagamento il rateo mensile anticipato dell’asse- 2 gennaio straordinario gno straordinario a carico dei Fondi di solidarietà. lunedì Scade il pagamento alla Cassa di previdenza forense della 2° rata a saldo dei contributi soggettivi di base e modulare e inte- Cassa forense grativi dovuti in autoliquidazione per l’anno 2010 - mod. 5/2011. Scade inoltre il termine (prorogato da sabato 31 dicembre 2011) per il pagamento della contribuzione modulare volontaria. Gli eredi del consulente del lavoro deceduto sono tenuti ad as- Consulenti del lavoro solvere all’obbligo di comunicazione dei redditi professionali re- lativi al 2011. I pensionati ex Inpdap per i quali, in caso di assistenza fiscale 2011 con conguagli a debito, se i mesi del 2011, a disposizione 15 gennaio Previdenza pubblici per coprire le eventuali incapienze, non sono sufficienti addomenica (*) dipendenti estinguere il debito, devono versare direttamente all’Agenzia delle Entrate, con la maggiorazione degli interessi dello 0,40% mensile, tramite F24 (Inpdap, nota 9 maggio 2011, n. 6). L’Inpdap comunica ai pensionati che ne hanno fatto richiesta 16 gennaio l’accettazione o il diniego alla rateazione del canone Rai a parti- N. 1 - Gennaio 2012 Ex Inpdap lunedì re dal rateo di gennaio, da trattenere dalla pensione (Inpdap no- ta 4 novembre 2011, n. 35). Presentazione della domanda per ottenere l’incentivo da parte dei soggetti che cessano l’attività, iscritti alla gestione commer- cianti Inps che esercitano, in qualità di titolari o coadiutori, attività 31 gennaio Indennizzo commerciale al minuto in sede fissa, anche abbinata ad attività di martedì commercianti somministrazione al pubblico di alimenti e bevande, ovvero che esercitano attività commerciale su aree pubbliche (Dlgs n. 207/ 1996 - Inps messaggio 16870 del 30 agosto 2011). 9
  8. 8. SCADENZARIO Guida alle Pensioni IL SOLE 24 ORE I pensionati possono riscuotere il rateo mensile anticipato Pagamento pensioni presso uffici postali o banche anche tramite delega. Pagamento pensioni A partire dal 1 febbraio 2012, il pagamento delle pensioni all’estero Inps all’estero sarà effettuato dalla Citybank Assegno straordinario L’Inps mette in pagamento il rateo mensile anticipato dell’as- segno straordinario a carico dei Fondi di solidarietà. Decorrono le nuove modalità di richiesta di diverse prestazioni previdenziali e assistenziali all’Inps esclusivamente con via te- 1° febbraio lematica. Le prestazioni interessate sono: a) Ricostituzioni per mercoledì supplementi di pensione; b) Pensioni di anzianità e vecchiaia; c) Assegni sociali; d) Pensioni/assegni di invalidità e inabilità Domanda pensioni (esclusi quelli di invalidità civile, cecità civile, sordità civile che sono già telematizzati); e) Pensioni ai superstiti - reversibilità. Gli interessati devono collegarsi al sito web dell’Inps e seguire il seguente percorso: Servizi online > Al servizio del cittadino > Autenticazione con Pin >Domanda di pensione. Dalla rata di febbraio 2012, l’Inpdap procederà al recupero Indebiti Inpdap dei trattamenti indebiti rilevati dalle operazioni Red 2010. Termine massimo entro cui effettuare il pagamento della quarta rata del contributo soggettivo 2011 gravato della san- zione pari al Tasso ufficiale di riferimento aumentato del 2%, 14 febbraio Enpacl da calcolarsi dalla scadenza al giorno del versamento. Oltre martedì tale termine, la sanzione sarà pari al Tasso ufficiale di riferi- mento aumentato di cinque punti percentuali. Sarà successi- vamente cura dell’Ente calcolare e richiedere tale sanzione. Le imprese preponenti nel rapporto di agenzia devono versa- re all’Enasarco i contributi previdenziali per il quarto trimestre 2010, relativi agli agenti e rappresentanti. Gli interessati de- 20 febbraio Enasarco vono compilare e inviare la distinta di versamento in via tele- lunedì matica tramite il sito Internet dell’Enasarco e i contributi ver- ranno addebitati automaticamente su c/c bancario (Art. 2, legge n. 12/1973 - Dm 24.2.1984 - Dm 23.12.2003). Termine massimo entro cui resterà attivo sul sito web della 27 febbraio Cassa forense il servizio di compilazione assistita e di invio Cassa forense lunedì del Mod. 5/2011 per coloro che intendono rettificare la dichia- razione dei redditi dell’anno precedente. 28 febbraio Scade la prima rata di contributi volontari per le annualità suc- Enasarco martedì cessive all’autorizzazione, dovuti da agenti iscritti Enasarco. Scade il termine entro cui i pensionati con trattamento supe- riore a 1.000 euro mensili, devono scegliere di aprire un con- 28 febbraio Pagamento pensione to correte bancario o postale su cui accreditare la pensione, mercoledì anche attraverso il sito INPS purché in possesso di PIN (INPS, msg. 30.12.2011, n. 24711). (*) Il termine slitta a lunedì 16 gennaio Nasce Biblioteca24 www.biblioteca24.it La biblioteca professionale del Sole 24 OREN. 1 - Gennaio 2012 a portata di click! portata Per informazioni contatti il suo agente di zona o compili il coupon su www.agenti24.it/biblioteca2410
  9. 9. Guida alle PensioniIL SOLE 24 ORE In primo piano N. 1 - Gennaio 2012 11
  10. 10. EBOOK EVOLUTION È LA SOLUZIONE PIÙ SEMPLICE E VELOCE PER IL TUO AGGIORNAMENTO: 120 TITOLI DEL SOLE 24 ORE IN FORMATO DIGITALE NELLA TUA LIBRERIA DI FIDUCIA SCEGLI SCARICA LEGGIil tuo ebook il libro dove e in libreria digitale quando vuoi!Scopri le librerie che aderiscono all’iniziativa: www.ebookevolution.it
  11. 11. Guida alle Pensioni EDITORIALEIL SOLE 24 ORE Manovra salva Italia La riforma pensionistica nella manovra salva Italia Con l’art. 24 del Dl n. 201 del 6 dicembre 2011, convertito in legge n. 214 del 22 dicembre 2011, un legislatore costretto ad operare in piena emergenza economica e sociale procede ad un nuovo intervento normativo in materia pensionistica al dichiarato fine stabilizzazione della spesa previdenziale (relati­ va, appunto, ai trattamenti pensionistici) sul prodotto interno lordo onde assicu­ rare il necessario equilibrio finanziario del sistema. Tale obiettivo d’altra parte ­ e come noto ­ ha impegnato il legislatore a partire dagli anni novanta quando è apparsa non più rinviabile la necessità di adeguare le regole che governano il sistema pensionistico al mutamento delle dinamiche materiali che lo sottendono. La tutela pensionistica per l’evento vecchiaia è imposta dalla Costituzione ed è riconosciuta quale diritto sociale fondamentale (art. 38, commi 2 e 3, Cost.); la vecchiaia è, invero, assunta dalla norma costituzionale quale condizione genera­ trice di un bisogno socialmente rilevante ­ in ragione del venir meno della capacità di lavoro (e dunque di autosufficienza economica) ­ a fronte del quale la Repubblica è vincolata ad assicurare al lavoratore «mezzi adeguati alle esigenze di vita» (art. 38, comma 2, Cost.) a tal fine reperendo le risorse necessarie al finanziamento della prestazione previdenziale. Al contempo, ed in tale logica di fondo, il sistema pensionistico costituisce un fatto macroeconomico di redistribuzione della ricchezza prodotta tra generazioni che ancora partecipano al processo produttivo e generazioni che da questo sono fuoriusciti. Nel nostro ordinamento, la tutela pensionistica obbligatoria (art. 38, comma 2, Cost.), al pari di quanto avviene nel contesto europeo continentale, si fonda, a partire dal 1969, sul regime tecnico di gestione delle risorse finanziarie cosid­ detto a ripartizione. Nell’ambito di tale sistema di gestione ogni generazione di lavoratori attivi sopporta l’onere finanziario delle prestazioni in corso di erogazione alla genera­ zione che ha concluso il proprio ciclo di attività e la contribuzione obbligatoria complessiva è rapportata all’onere delle prestazioni previdenziali correnti. Il sistema di gestione a ripartizione si fonda, in sostanza, su un patto di solidarietà intergenerazionale in base al quale ogni generazione successiva accetta il medesimo sistema di finanziamento. Il problema della sostenibilità del sistema pensionistico (comune al contesto europeo continentale) inizia a porsi, dunque, in connessione con le epocali, profonde trasformazioni economico­sociali che hanno minato quelle che sono le condizioni indispensabili per la tenuta di un sistema a ripartizione. L’invecchia­ N. 1 - Gennaio 2012 mento demografico e la riduzione dei soggetti attivi rispetto a quelli non attivi (sia in ragione del calo del tasso di fertilità sia in ragione di dinamiche più propriamente economiche connesse con il negativo andamento dell’occupazione e dunque della contribuzione), comportando un crescente disequilibrio tra la popolazione attiva chiamata a finanziare la spesa pensionistica ed il numero dei beneficiari delle relative prestazioni ­ aggravato dall’incrementarsi della durata delle stesse in ragione dell’allungamento della vita media ­ hanno finito per destabilizzare progressivamente gli equilibri relativi al finanziamento del siste­ 13
  12. 12. EDITORIALE Guida alle Pensioni Manovra salva Italia IL SOLE 24 ORE ma ritenuto incapace, in un futuro che si stima molto prossimo, a garantire adeguate prestazioni pensionistiche. Nell’ambito del lungo processo riformatore iniziato nei primi anni ’90 il legisla­ tore ha coltivato l’obiettivo di ricondurre il sistema pensionistico ad una gover­ nabilità complessiva; a tal fine, esclusi interventi (improponibili alla luce dell’ele­ vato carico contributivo gravante sul sistema produttivo) sul versante delle entrate (contribuzione) ha fondamentalmente operato su quello della riduzione delle fonti di spesa (Cinelli) incidendo su tutte le variabili del sistema: sul livello delle prestazioni, sui meccanismi di accesso alle stesse, sulla loro durata nonché su profili solo apparentemente “collaterali” come può essere, ad esempio, la drastica riduzione dei tempi di compimento della prescrizione della contribuzio­ ne previdenziale (art. 3, comma 9, legge n. 335/1995). Limitandoci qui solo a taluni cenni, la cosiddetta riforma Amato si trova, in piena emergenza (è stato firmato il trattato di Maastricht con i conseguenti impegni economici di risanamento e riequilibrio del rapporto tra deficit e Pil), a governare gli effetti più vistosamente destabilizzanti di quello che efficace dottri­ na ha definito come il modello pensionistico redistributivo (derivante dalla legge n. 153/1969) centrato sulla pensione retributiva, cioè su di una prestazione previdenziale il cui importo è determinato non in ragione della contribuzione versata ma con riferimento all’ultima retribuzione percepita (Pessi). Con il Dlgs n. 503/1992 (in attuazione della legge delega n. 421/1992) il legislatore procede, con riferimento alla pensione di vecchiaia, ad un aumento dell’età pensionabile (per le donne da 55 a 60 e per gli uomini da 60 a 65 anni) e del requisito contributivo (da 15 a 20 anni) nonché all’allungamento del periodo di riferimento per il calcolo della retribuzione pensionabile che «a regime» prenderà in considerazione l’intera vita lavorativa; all’abolizione del­ l’indicizzazione della pensione ai salari; al blocco di quella prestazione previ­ denziale «anomala» (introdotta dalla legge n. 153/1969 ed unica nel panora­ ma europeo) costituita dalla pensione di anzianità e, cioè, da una prestazione pensionistica che prescinde (all’epoca) dall’età anagrafica e che «è stata costan­ temente al centro del dibattito politico sindacale, per gli effetti moltiplicatori della spesa previdenziale, stante il maggior arco temporale e la conseguente maggiore entità complessiva delle prestazioni erogate» (Pessi, Intorcia, Persiani). Il provvedimento legislativo che effettivamente «realizza una modifica integrale del modello precedente» è la legge n. 335/1995 (cosiddetta riforma Dini) che, attraverso le sue innovazioni fondamentali, costituite dal metodo di calcolo contributivo della pensione e dalla previsione di un coefficiente di trasformazio­ ne idoneo ad introdurre variabili nel calcolo della prestazione, implementa «nel sistema elementi virtuosi oggi riconosciuti non solo in Italia» (Treu). Dalle precedenti formule di calcolo contributivo, quella introdotta dalla legge n. 335/ 1995 si distingue perché viene presa in considerazione per la prima volta anche il presumibile periodo di godimento della pensione (Intorcia) posto che, per la determinazione dell’importo della prestazione pensionistica, il montante indivi­ duale dei contributi deve essere moltiplicato per il coefficiente di trasformazione relativo all’età del lavoratore al momento del pensionamento (art. 1, comma 6,N. 1 - Gennaio 2012 legge n. 335/1995), coefficiente che è tanto più elevato quanto più elevata è l’età del soggetto alla data di decorrenza della pensione. Tale formula di calcolo della pensione, ispirata alla flessibilità dell’età pensiona­ bile (dal 57° al 65° anno di età senza distinzione di genere) «pur non costituen­ do applicazione rigorosa dei principi attuariali, rende comunque più perequato il rendimento delle prestazioni per i soggetti che, pur avendo accumulato una eguale base contributiva, liquidano la pensione in età diverse« (Intorcia). La cifra dell’assetto regolativo introdotto dalla legge n. 335/1995 consiste,14
  13. 13. Guida alle Pensioni EDITORIALEIL SOLE 24 ORE Manovra salva Italia tuttavia, nel superamento della pensione come «variabile indipendente» del sistema economico; il livello della prestazione pensionistica dovrà essere collega­ to, invero, alla ricchezza che potrà essere redistribuita al momento dell’acquisi­ zione del diritto essendo, invero, il coefficiente di trasformazione predeterminato dalla legge con riferimento alla ipotesi demografica e alla presunzione di crescita del Pil sul lungo periodo: il diritto alla prestazione pensionistica, insomma, è garantito nell’an, ma non nel quantum data la riducibilità del coefficiente di trasformazione (Avio). L’assetto prefigurato dalla legge n. 335/1995 viene innovato dalla legge n. 443/2004 (la cosiddetta riforma Maroni) che, come noto, prevede «un mix di misure premiali ad immediata operatività e misure autoritarie ad effetto differi­ to» (Pessi). Le disposizioni ad applicazione differita rinviano l’efficacia delle misure ivi previste al gennaio 2008, misure consistenti essenzialmente in un significativo ed immediato aumento dell’età per il pensionamento di anzianità, prevedendosi, invero, un innalzamento dell’età minima per accedere alla presta­ zione pensionistica da 57 a 60 anni (il famigerato scalone) dal 2008, a 61 dal 2010 e a 62 dal 2014. Una vera e propria rottura con l’assetto regolativo delineato dalla legge n. 335/1995 viene consumato, invece, dalla legge n. 443/2004, relativamente alle pensioni di vecchiaia da liquidare con il sistema contributivo, con riferimen­ to alle quali, invero, il requisito anagrafico viene elevato a 60 anni per le donne ed a 65 anni per gli uomini (fermo restando il requisito contributivo dei 5 anni). tale modificazione viene avallata dalla cd. riforma Damiano (legge n. 247/ 2007). Al riguardo, va sottolineato come tale modificazione dei requisiti di accesso alla pensione di vecchiaia da liquidare con il sistema contributivo ha indotto il giusto rilievo circa «l’eterogenesi del coefficiente di trasformazione che, nato per assicurare l’indifferenza della scelta dell’età di pensionamento, in un sistema basato sulla flessibilità dell’età pensionabile e sul calcolo contributivo delle pensioni (legge n. 335/1995) è divenuto, soppressa tale flessibilità (legge n. 243/2004), sostanzialmente criterio di adattamento a vicende congiunturali o, più in generale, di sostegno a scelte discrezionali» (Cinelli). Per il resto, la cosiddetta riforma Damiano «si è limitata essenzialmente a intervenire sulla legge n. 443/2004 per evitare che l’effetto dell’innalzamento dell’età per il pensionamento di anzianità nel sistema retributivo si determinasse nell’entità e con le modalità previste dalla legge stessa» (Pessi) e ciò è stato perseguito, come noto, attraverso l’adozione di un sistema graduale di innalza­ mento dell’età per il pensionamento di anzianità attraverso un sistema basato sulla combinazione di «scalini» e di quote, cioè di aumenti dell’età pensionabile combinati con l’anzianità contributiva (Pessi). Con la recente cd. riforma Fornero, infine, si inverte la direzione di marcia intrapresa dai due provvedimenti normativi da ultimo citati e si recupera l’impianto e la filosofia di fondo della legge n. 335/1995 con l’apporto di correttivi indotti sia dal mutato assetto demografico sia dalla necessità di emendare taluni profili dell’assetto regolativo della legge n. 335/1995 dovuti ­ per unanime opinione ­ ad evidenti soluzioni compromissorie. N. 1 - Gennaio 2012 In primo luogo, dunque, viene definitivamente generalizzato il metodo di calcolo contributivo della pensione che dovrà essere applicato pro rata con riferimento alle anzianità contributive maturate dall’1.1.2012. Con un deciso superamento del meccanismo d’accesso alla pensione attraverso il sistema delle cosiddette «quote» per età anagrafica/anzianità contributiva e delle finestre «mobili» (12/18 mesi dalla maturazione dei requisiti per l’accesso) viene recuperata la flessibilità dell’età anagrafica per l’accesso alla pensione di vec­ chiaia con un innalzamento dell’età minima di accesso (62 anni, destinati a 15
  14. 14. EDITORIALE Guida alle Pensioni Manovra salva Italia IL SOLE 24 ORE salire a 66 nel 2018, per le donne del settore privato con fascia d’accesso sino a 70 anni; età minima di 66 anni dal 2012 per gli uomini e per le lavoratrici del settore pubblico con fascia di accesso sino a 70 anni). Con l’età anagrafica deve concorrere un requisito contributivo minimo di 20 anni nonché il requisito relativo all’importo minimo della pensione (importo che non deve essere inferiore ad 1,5 volte l’assegno sociale) dal quale si può prescindere al compimento dei 70 anni con una anzianità contributiva minima di 5 anni. Il diritto alla pensione anticipata viene, invece, maturato a prescindere dall’età anagrafica, con un’anzianità contributiva di almeno 42 anni ed 1 mese (se uomini) e 41 anni ed 1 mese (se donne) ma con l’introduzione di meccanismi disincentivanti (penalizzazioni) di tale pensionamento anticipato rispetto al pensionamento di vecchiaia ordinario. Viene, infine, recuperata pienamente la logica e l’operatività dei coefficienti di trasformazione (che andranno rivisti con cadenza biennale) non solo con riferimento ai requisiti anagrafici ma anche al requisito contributivo per l’accesso al pensionamento anticipato indipendentemente dall’età anagrafica (art. 24, c. 10). Limitandoci a qualche rapida osservazione sull’ultimo intervento riformatore, la previsione di un così elevato requisito contributivo minimo di 20 anni per l’accesso alla pensione di vecchiaia, unitamente alla previsione di un importo minimo della pensione non inferiore a 1,5 volte l’assegno sociale, è destinato a riproporre in termini ancora più stringenti il problema politico­costituzionale relativo al progressivo deficit di effettività del sistema previdenziale preordinato alla tutela dell’evento vecchiaia. Ed invero ­ se ne può qui solo accennare ­ in un mercato del lavoro irreversibil­ mente flessibile (e fermo restando che una certa dose di flessibilità è condizione necessaria per la competitività del sistema economico) la discontinuità e la frammentarietà delle carriere lavorative compromette la possibilità stessa di integrare le cosiddette condizioni di meritevolezza per l’accesso alle prestazioni previdenziali (i requisiti assicurativi e di contribuzione minimi). Per un numero crescente di soggetti la garanzia costituzionale della tutela pensionistica ­ i mezzi adeguati alle esigenze di vita ex art. 38 Cost. ­ rischia di essere negata sotto il profilo dell’accesso alla prestazione previdenziale (e cioè nell’an) dal momento che il ridotto accredito della contribuzione previdenziale, in ragione della ridotta retribuzione percepita e/o della discontinuità della stessa, ostacola l’accumulo dell’anzianità contributiva con la conseguenza di un allungamento del periodo di tempo necessario per la maturazione dei requisiti minimi di contribuzione sino alla possibile, definitiva preclusione in ordine alla loro integrazione. Ove si verifichi tale ultima ipotesi, il lavoratore è destinato ad indossare le vesti di cittadino (dismettendo quelle di lavoratore) così rimanendo candidato alla sola protezione sociale­assistenza costituita dall’assegno sociale. Ciò che ­ e si può qui solo ricordare ­ pone in discussione la complessiva, acquisita (e validata dalla Corte Costituzionale) «lettura» dello stesso disposto costituzionale di cui all’art. 38 nella misura in cui lavoratori che pure hanno guadagnato merito neiN. 1 - Gennaio 2012 confronti della collettività per aver contribuito al benessere della stessa ­ è questa la ragione giustificatrice, invero, del diritto a quel trattamento differenziato in favore del lavoratore (i mezzi adeguati alle esigenze di vita ex art. 38, comma 2, Cost.) rispetto a quello riservato al cittadino (il mero mantenimento ex art. 38, comma 1, Cost.) ­ sono destinati a rimanere esclusi dalla garanzia costituzionale propriamente previdenziale. Alla luce di tali considerazioni risulta cruciale il mantenimento dell’impegno assunto dalla cd. riforma Fornero ad avviare in tempi brevissimi il confronto16
  15. 15. Guida alle Pensioni EDITORIALEIL SOLE 24 ORE Manovra salva Italia con le parti sociali al fine di riformare il sistema degli istituti di sostegno al reddito e della formazione continua giacché ­ è evidente ­ solo un mercato del lavoro efficiente, dove vi sia una reale possibilità di occupazione e di sostenta­ mento per i periodi di non lavoro, può assicurare l’effettività del sistema di tutela pensionistica nella sua conformazione attuale. Un tale intervento sul mercato del lavoro deve, peraltro, necessariamente sostenere al meglio la stessa possibilità di lavoro del lavoratore anziano posto che all’allungamento della vita media al quale si è reagito con l’innalzamento dell’età pensionabile non corrisponde automaticamente la conservazione di una piena capacità lavorativa (Cinelli). Continua, d’altra parte, a porsi un problema di adeguatezza della tutela previden­ ziale, ai sensi dell’art. 38, comma 2, Cost., anche con riferimento al quantum della prestazione pensionistica, «dimidiata», per così dire (Carinci), in conseguen­ za del passaggio dal criterio di calcolo retributivo della pensione a quello contri­ butivo ormai generalizzato ad opera dell’ultimo intervento riformatore. Come noto, lo strumento attraverso il quale il legislatore ha ritenuto di poter continuare ad assicurare una prestazione pensionistica adeguata è costituito dalla previdenza complementare che, a partire dal processo riformatore degli anni ’90 è stata incardinata nel sistema pensionistico generale nell’ambito del quale essa è destinata ad assolvere la funzione, appunto, di integrare il sistema pubblico obbligatorio «al fine di assicurare più elevati livelli di copertura previ­ denziale» (Dlgs n. 124/1993 e art. 1 Dlgs n. 252/2005). A fronte di un serrato dibattito dottrinale circa la collocazione sistematica della previdenza complementare nell’ambito dell’art. 38 Cost., la Corte Costituzionale, come noto, ne ha precocemente decretato l’afferenza al comma 2 dell’art. 38 Cost. assumendola quale componente strutturale del sistema pensionistico pub­ blico, come tale concorrente ad integrare l’adeguatezza del trattamento pensio­ nistico (Corte Cost. 427/1990; 393/2000). Senonché è altrettanto noto, come le ambiguità e la reticenza che caratterizzano la disciplina positiva della previdenza complementare abbiano di fatto portato ad una pressoché totale ineffettività della stessa che, tuttavia, l’ultimo intervento riformatore intende rimuovere anche attraverso un eventuale travaso di risorse di contribuzione obbligatoria «verso schemi previdenziali integrativi in partico­ lare a favore delle giovani generazioni» (art. 24, comma 28). Insomma, messa in sicurezza la sostenibilità finanziaria del sistema, è tempo di concentrarsi su di una epocale riforma del sistema di protezione sociale e del mercato del lavoro che sappia declinare, in forme nuove, gli imprescindibili valori della solidarietà e della coesione sociale. Ivana Marimpietri Professore Associato di Diritto del Lavoro nell’Università degli Studi di Cassino N. 1 - Gennaio 2012 17
  16. 16. IN PRIMO PIANO Guida alle Pensioni Manovra salva Italia IL SOLE 24 ORE I nuovi requisiti di accesso per la pensione di vecchiaia Aldo Forte Esperto in materia previdenziale Dal prossimo anno scattano i nuovi requisiti per la pensione di vecchiaia. Ad occuparsi delle regole di accesso a tale prestazione pensionistica sono i commi da 4 a 9, dell’art. 24, del Dl n. 201/2011. È da sottolineare che dal 2012 scompaiono tutte le vecchie forme di pensione di vecchiaia, sia essa di vecchiaia che di vecchiaia anticipata, per essere sostituite dalla nuova pensione di vecchiaia. Requisiti anagrafici Ad occuparsi dei nuovi requisiti di accesso alla pensione di vecchiaia, per tutti i tipi di lavoratori, è il comma 6, dell’art. 24, del Dl n. 201/2011, convertito in legge 22 dicembre 2011, n. 214. In particolare, vengono stabiliti i seguenti requisiti anagrafici per il diritto a pensione di vecchiaia fissati, a decorrere dall’1.1.2012, nei confronti dei soggetti che maturano il diritto da quella data in poi: DONNE LAVORATRICI DIPENDENTI (AGO E FORME SOSTITUTIVE) ANNO ETÀ 2012 62 anni 2013 2014 63 anni e 6 mesi 2015 2016 65 anni 2017 dal 2018 66 anni È da rilevare che ai requisiti di cui alla tabella precedente bisogna aggiungere, come previsto dallo stesso comma 6 citato, gli aumenti legati all’incremento che interverrà a partire dal 2013 per l’adeguamento dei requisiti anagrafici alla speranza di vita. Di conseguenza, gli effettivi requisiti saranno i seguenti: ANNO ETÀ 2012 62 anni 2013 62 anni e 3 mesi 2014 63 anni e 9 mesi 2015 2016 65 anni e 7 mesi 2017 2018 66 anni e 7 mesi Per quanto concerne le donne rientranti nel lavoro autonomo, cioè artigiane, commercianti, coltivatrici dirette, iscritte alla gestione separata di cui all’art. 2, comma 26, della legge n. 335/1995, avremo iN. 1 - Gennaio 2012 seguenti requisiti indicati in tabella. DONNE LAVORATRICI AUTONOME (ART-COM-CD/CM) E ISCRITTE ALLA GESTIONE SEPARATA INPS ANNO ETÀ 2012 63 anni e 6 mesi 2013 2014 64 anni e 6 mesi 201518
  17. 17. Guida alle Pensioni IN PRIMO PIANO IL SOLE 24 ORE Manovra salva Italia ANNO ETÀ 2016 2017 65 anni e 6 mesi dal 2018 66 anni Anche qui, è da tenere in considerazione l’aumento legato alla speranza di vita. Quindi, ai requisiti dicui alla tabella precedente bisogna aggiungere, come previsto dallo stesso comma 6 citato, gli aumentilegati all’incremento che interverrà a partire dal 2013 per l’adeguamento dei requisiti anagrafici allasperanza di vita.Di conseguenza, gli effettivi requisiti saranno i seguenti: ANNO ETÀ 2012 63 anni e 6 mesi 2013 63 anni e 9 mesi 2014 64 anni e 9 mesi 2015 2016 66 anni e 1 mese 2017 2018 66 anni e 7 mesiPer quanto concerne gli uomini lavoratori dipendenti e autonomi (Ago, art­com­cd/cm, Gestione SeparataInps, forme sostitutive ed esclusive, ivi compresi pertanto i pubblici dipendenti) e donne dipendenti delpubblico impiego, avremo i seguenti requisiti, tenendo conto anche dell’adeguamento alla speranza di vita. UOMINI LAVORATORI DIPENDENTI E AUTONOMI (AGO, ART-COM-CD/CM, GESTIONE SEPARATA INPS, FORME SOSTITUTIVE ED ESCLUSIVE, IVI COMPRESI PERTANTO I PUBBLICI DIPENDENTI) E DONNE DIPENDENTI DEL PUBBLICO IMPIEGO + SPERANZA DI VITA ANNO ETÀ 2012 66 anni 2013 2014 66 anni e 3 mesi 2015 2016 2017 66 anni e 7 mesi 2018 TUTTI I REQUISITI DI ETÀ PER L’ACCESSO ALLA NUOVA PENSIONE DI VECCHIAIA IN TUTTI I SETTORI LAVORATORI LAVORATRICI LAVORATRICI LAVORATRICI ANNO DIPENDENTI DIPENDENTI PUBBLICO IMPIEGO AUTONOME E AUTONOMI SETTORE PRIVATO 2012 66 anni 66 anni 62 anni 63 anni e 6 mesi 2013 66 anni e 3 mesi 66 anni e 3 mesi 62 anni e 3 mesi 63 anni e 9 mesi 2014 66 anni e 3 mesi 66 anni e 3 mesi 63 anni e 9 mesi 64 anni e 9 mesi 2015 66 anni e 3 mesi 66 anni e 3 mesi 63 anni e 9 mesi 64 anni e 9 mesi 2016 66 anni e 7 mesi 66 anni e 7 mesi 65 anni e 7 mesi 66 anni e 1 mese 2017 66 anni e 7 mesi 66 anni e 7 mesi 65 anni e 7 mesi 66 anni e 1 mese N. 1 - Gennaio 2012 2018 66 anni e 7 mesi 66 anni e 7 mesi 66 anni e 7 mesi 66 anni e 7 mesiDal 2018 requisiti uguali per tuttiÈ da sottolineare che tutti i requisiti anagrafici di cui ci siamo occupati nelle varie tabelle riguardano sia lepensioni di vecchiaia da liquidare nel sistema retributivo­misto, sia quelle conseguibili nel sistema contributi­vo. In maniera specifica, dalle tabelle si ricava che, a partire dal 2018, esisterà un unico requisito anagrafico peril diritto a pensione di vecchiaia valido per tutti i lavoratori (uomini e donne, dipendenti e autonomi) appartenen­ 19
  18. 18. IN PRIMO PIANO Guida alle Pensioni Manovra salva Italia IL SOLE 24 ORE ti a tutti i regimi previdenziali (Inps, ex Inpdap ecc.). Inoltre, è da rilevare che il comma 9, dell’art. 24, del decreto Monti stabilisce che i requisiti anagrafici di cui si è fatto cenno debbano comunque «essere tali da garantire un’età minima di accesso al trattamento pensionistico non inferiore a 67 anni per i soggetti… che maturano il diritto alla prima decorrenza utile del pensionamento dall’anno 2021». In pratica, si tratta della cd. clausola di salvaguardia già introdotta per effetto dell’art. 5 della legge n. 183/2011 e che, in base alla nuova formulazione normativa, anticipa i propri effetti dal 2026 al 2021. Essa produce in realtà la garanzia che, ferme restando le disposizioni che regolano gli adeguamenti dei requisiti anagrafici in base agli incrementi della speranza di vita, a partire dalla «prima decorrenza utile del pensionamento dall’anno 2021» l’età minima per la pensione di vecchiaia non potrà essere inferiore ai 67 anni (laddove tale età minima non dovesse essere automaticamente raggiunta per effetto dell’applicazione dei citati adeguamenti alla speranza di vita, si dovrà provvedere all’adeguamento immediato mediante apposito decreto direttoriale da emanarsi entro il 31.12.2019). La disposizione trova testuale applicazione nei confronti dei «soggetti… che maturano il diritto alla prima decorrenza utile del pensionamento dall’anno 2021»; ne deriva che si potrebbe interpretare che il requisito minimo dei 67 anni dovrebbe essere già posseduto al dicembre 2020 da parte di coloro che intenderanno accedere a pensione a partire dal 1° gennaio 2021. Requisito contributivo Per quanto concerne il requisito contributivo minimo richiesto per il diritto alla pensione di vecchiaia, riguardando quella di coloro i cui diritti saranno maturati dal 1° gennaio 2012 in poi, viene stabilito in maniera unica e unitaria per tutti i lavoratori (uomini e donne, dipendenti e autonomi) e per tutti i regimi previdenziali (Inps, ex Inpdap ecc…): 20 anni di contribuzione. Condizioni speciali per i lavoratori in possesso di primo accredito contributivo successivo all’1.1.96 Vengono stabilite condizioni speciali e ulteriori possibilità di pensionamento per i «lavoratori con riferimen­ to ai quali il primo accredito contributivo decorre successivamente al 1° gennaio 1996», cioè di coloro che appartengono al sistema contributivo. Per questi ultimi, infatti, prima del compimento del 70° anno di età il diritto alla pensione di vecchiaia è subordinato alla condizione che il relativo importo non risulti inferiore a 1,5 volte l’assegno sociale. Detto importo soglia (1,5 volte l’assegno sociale) è valido per l’anno 2012 e viene annualmente rivalutato sulla base della variazione media quinquennale del Pil relativo al quinquennio precedente l’anno da rivalutare. Il predetto importo non può comunque in ogni caso essere inferiore, per un dato anno, a 1,5 volte l’importo mensile dell’assegno sociale stabilito per il medesimo anno. Al compimento del 70° anno di età gli stessi lavoratori di cui sopra, che sono in possesso di primo accredito contributivo successivo all’1 gennaio 1996, hanno poi diritto a pensione di vecchiaia con il possesso di un’anzianità contributiva minima effettiva di cinque anni e prescindendo da qualsiasi requisito di importo minimo. È da rilevare come nel novero dei soggetti destinatari di queste ultime specificità risultano espressamente ricompresi i soli «lavoratori con riferimento ai quali il primo accredito contributivo decorre successivamen­ te all’1 gennaio 1996»; si dovrebbe dedurre che rientrano solo ed esclusivamente coloro che hanno iniziato a lavorare dal 1° gennaio 1996 in poi e quindi i soggetti che cadono in pieno nel sistema contributivo. Se così fosse dovrebbero restare esclusi coloro che potrebbero optare per il calcolo della pensione con il sistema contributivo. ESEMPIO Se un soggetto va in pensione nel 2012 con 67 anni, nel sistema contributivo l’importo della pensione non deve essere inferiore a 1,5 volte l’importo dell’assegno sociale. Tenendo conto dell’importo dell’assegno sociale, pari a circa 420 euro; l’importo della pensione da liquidare non deve essere inferiore a 630 euro, cioè 420 più 210 euro la metà di 420.N. 1 - Gennaio 2012 Sembra un traguardo molto «esigente», dato che con il contributivo arrivare a questa somma è molto difficile, e quindi si «costringe» a lavorare o ad attendere fino a 70 anni, quando non sarà più necessario rispettare tale soglia dell’1,5 volte l’importo dell’assegno sociale. Flessibilità nell’accesso a pensione fino a 70 anni Viene previsto, dal comma 4, dell’art. 24, del Dl n. 201/2011, che «il proseguimento dell’attività lavorativa è incentivato, fermi restando i limiti ordinamentali dei rispettivi settori di appartenenza, dall’operare dei20
  19. 19. Guida alle Pensioni IN PRIMO PIANO IL SOLE 24 ORE Manovra salva Italiacoefficienti di trasformazione calcolati fino all’età di settant’anni, fatti salvi gli adeguamenti alla speranza divita», e che, a tal fine “nei confronti dei lavoratori dipendenti, l’efficacia delle disposizioni di cui all’articolo18 della legge n. 300 del 20 maggio 1970,e successive modificazioni opera fino al conseguimento delpredetto limite massimo di flessibilità».In pratica, significa che i lavoratori e le lavoratrici destinatari della «tutela reale» di cui all’art. 18 delloStatuto dei Lavoratori (reintegrazione nel posto di lavoro nel caso di licenziamento dichiarato illegittimo,inefficace o nullo) continuano a mantenere tale tutela fino al compimento del 70° anno di età edhanno pertanto diritto ad essere mantenuti in servizio (e, per l’effetto, posticipare il pensionamento) fino atale data.La permanenza fino a 70 anni, ed anche oltre in base agli incrementi della speranza di vita, è incentivataattraverso la previsione di più favorevoli e progressivamente crescenti coefficienti di trasformazione delmontante contributivo calcolati fino all’età di 70 anni.È da sottolineare che la garanzia di mantenimento in servizio fino a 70 anni incontra, specie nel pubblicoimpiego, il vincolo dei «limiti ordinamentali» previsti dai singoli specifici settori di appartenenza, vincoloespressamente richiamato dalla norma in questa sede esaminata. Tali limiti ordinamentali sembrerebberodunque mantenere operatività.Deroghe ai requisiti anagrafici e contributivi esistenti con le precedenti normativeSembra utile fare un cenno alle deroghe riguardanti i requisiti minimi anagrafici e contributivi per il dirittoa pensione di vecchiaia previste dalla previgente normativa, vedi in particolare Dlgs n. 503/1992 (cd.Riforma Amato). Ci si riferisce in maniera specifica: q ai requisiti anagrafici in vigore al 31.12.1992 per i lavoratori non vedenti e gli invalidi in misura non inferiore all’80%; q ai requisiti contributivi in vigore al 31.12.1992 per i lavoratori che li avessero maturati entro il 31.12.1992, ovvero che anteriormente a quella data fossero stati ammessi alla prosecuzione volonta­ ria, e per i lavoratori cd. «discontinui», cioè coloro che sono dipendenti in possesso di un’anzianità assicurativa di almeno venticinque anni, occupati per almeno dieci anni per periodi di durata inferiore a 52 settimane nell’anno solare; q al requisito contributivo «personale ridotto» per lavoratori dipendenti in possesso di un’anzianità contributiva al 31.12.1992 tale che, sebbene incrementata dai periodi intercorrenti tra la predetta data e quella riferita all’età per il pensionamento di vecchiaia, non avrebbe consentito loro di conseguire i 20 anni di contribuzione.Su tale questione si stanno delineando due tesi:q una che fa salvi gli effetti fino al 31.12.201; la nuova formulazione normativa, che non contienerichiamo alcuno alla disciplina previgente, sembrerebbe lasciar intendere un definitivo abbandono di tuttele disposizioni derogatorie citate quantomeno in riferimento ai soggetti che matureranno i requisiti a partiredall’1.1.2012 in poi. Quindi, le deroghe manterrebbero la loro operatività soltanto nei confronti di coloroper i quali continuerà a trovare applicazione la previgente disciplina pensionistica (lavoratori in possessodei previgenti requisiti entro il 31.12.2011, lavoratori espressamente derogati come individuati in altroarticolo);q l’altra in base alla quale, non avendo il legislatore abrogato espressamente tali deroghe, esse continuanoa sopravvivere anche dopo il 31.12.2011.Assegno socialeUn cenno merita anche l’assegno sociale, dato che anch’esso cade nella rete del decreto Monti, conl’aumento del requisito anagrafico di un anno a decorrere dal 1° gennaio 2018.Di tale previsione si occupa l’art. 24, comma 8, del Dl n. 201/2011. N. 1 - Gennaio 2012Si avrà l’incremento di un anno, dal 1° gennaio 2018, del requisito anagrafico per il conseguimentodell’assegno sociale, allineandolo al requisito anagrafico minimo previsto per l’accesso alla pensione divecchiaia.Lo stesso incremento è previsto per determinate prestazioni di invalidità civile. In particolare, esso siapplica anche per le prestazioni di cui all’articolo 10 della legge n. 381/1970, concernente i sordomutiultrasessantacinquenni. Per tali soggetti è previsto che, in sostituzione dell’assegno mensile di assistenza, isordomuti, dal primo giorno del mese successivo a quello del compimento dei 65 anni di età, sono ammessial godimento della pensione sociale, ora assegno sociale. 21
  20. 20. IN PRIMO PIANO Guida alle Pensioni Manovra salva Italia IL SOLE 24 ORE Stesso discorso si farà per quanto riguarda l’art.19 della legge n. 118/1971 che prevede, in sostituzione della pensione di inabilità e dell’assegno mensile per i mutilati ed invalidi civili, l’ammissione al godimento della pensione sociale dal primo giorno del mese successivo al compimento dell’età di 65 anni. Aumento speranza di vita ­ L’assegno sociale è soggetto anche all’adeguamento del requisito anagrafico in base alle speranze di vita. Di conseguenza, i requisiti di accesso saranno i seguenti nei prossimi anni: ASSEGNO SOCIALE ANNI ETÀ 2012 65 anni 2013 65 anni e 3 mesi 2014 65 anni e 3 mesi 2015 65 anni e 3 mesi 2016 65 anni e 7 mesi 2017 65 anni e 7 mesi 2018 66 anni e 7 mesiN. 1 - Gennaio 201222
  21. 21. Guida alle Pensioni IN PRIMO PIANO IL SOLE 24 ORE Manovra salva Italia La nuova pensione anticipata: regole, deroghe e casi praticiGiuseppe Argentino Esperto in materia previdenzialeLa «pensione di anzianità» va in pensione: sembra un gioco di parole, ma questa è la realtà.Dopo oltre 40 anni di onorato servizio, la pensione di anzianità, che ha consentito a milioni di lavoratoridi andare in pensione prima di compiere l’età pensionabile, in base ad un’anzianità contributiva di «soli»35 anni, dal 2012 non esisterà più.Lo ha stabilito il comma 3 dell’art. 24 del Dl n. 201/2011, convertito in legge n. 214/2011, che hasostituito la pensione di anzianità con la «pensione anticipata».Che differenza c’è tra i due tipi di pensione? Lo vedremo dopo aver ripassato i tratti salienti della storiadella pensione di anzianità.Istituita negli anni ’60, la pensione di anzianità poteva essere erogata, a qualsiasi età, purché una personapotesse far valere il requisito di 35 anni di contribuzione, con la sola esclusione di alcuni tipi di contributi.L’approssimarsi al pensionamento di classi di lavoratori sempre più dotate di percorsi lavorativi consistentie ordinati ha fatto lievitare la spesa pensionistica, al punto che a partire dai primi anni ’90 del secoloscorso i Governi hanno adottato misure per scoraggiare il pensionamento di anzianità.Si sono innanzitutto attuati 3 «blocchi» (1992, 1994 e 1997) che per 3 anni hanno di fatto impedito ognivolta per un anno, con alcune eccezioni, l’accesso al pensionamento per categorie di lavoratori prossimi alpensionamento.Si sono quindi introdotti i meccanismi dell’aggancio del requisito contributivo al compimento di unadeterminata età e delle «finestre» di decorrenza delle pensioni: in particolare, la Riforma «Dini­Treu»(1995) aveva stabilito, pur con gradualità, che «a regime» fosse necessario aver compiuto almeno 57 annidi età per un lavoratore dipendente che volesse ottenere la pensione con almeno 35 anni di contribuzione.Dopo la riduzione dei tempi della «gradualità», attuata sul finire degli anni ’90, una legge del 2004 haintrodotto lo «scalone», che portava a 60 anni il requisito dell’età, poi ridotto a «scalino» da una normasuccessiva, che ha disposto il sistema delle «quote», per effetto del quale, dall’1 luglio 2009, un lavoratoredipendente avrebbe potuto ottenere la pensione di anzianità se avesse raggiunto «quota 95», con almeno59 anni di età: ciò significava che, per poter ottenere una pensione di anzianità a 59 anni di età,occorrevano almeno 36 anni di contributi.La «quota» si alzava a 96 negli anni 2011 e 2012 (con 60 anni di età), e a 97 dal 2013, con 61 anni dietà: per le pensioni a carico delle gestioni speciali da lavoro autonomo la quota era più alta di 1 anno.Nel frattempo una norma del 2010 introduceva il meccanismo della «finestra mobile», che di fatto facevaslittare la decorrenza della pensione di 12 mesi per i dipendenti, e di 18 mesi per gli autonomi.È tuttavia rimasta sempre la possibilità di ottenere la pensione di anzianità con 40 anni di contribuzione,a prescindere dall’età, vera «ciambella di salvataggio» per non pochi lavoratori che non riuscivano araggiungere un’età sufficiente per «salire in quota».Il decreto legge n. 201/2011, battezzato dal Presidente del Consiglio decreto «Salva­Italia», convertito inlegge n. 214/2011, ha dunque completato l’opera, «mandando in pensione» la pensione di anzianità,compreso il sistema delle «quote» e «bizantinismi» similari, per riprendere l’espressione del MinistroFornero nel corso della conferenza stampa della sera del 4 dicembre scorso.Al posto della pensione di anzianità è stato istituito, dal 2012, un nuovo trattamento pensionistico N. 1 - Gennaio 2012denominato «pensione anticipata»: ma vediamo di che si tratta. Le regole generali La legge distingue tra persone che avranno la pensione anticipata liquidata con il sistema misto, cioè in parte retributivo e in parte contributivo, e persone che avranno la pensione liquidata intera- mente con il calcolo contributivo. 23

×