5.1 web 2.0, blog

906 views

Published on

Prof. Fabio Ciracì,
Università degli Studi del Salento, Lecce
Facoltà di Lettere e Filosofia
Corso di laurea in
Scienze della Comunicazione
Corso di Informatica
AA 2010-2011, II sem.

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
906
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
105
Actions
Shares
0
Downloads
14
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

5.1 web 2.0, blog

  1. 1. 1. Internet : “ rete di reti” NB: ideato da Cailliau e Berners-Lee negli anni ’80 nel CERN di Ginevra. Il 6.8.1991 Berners-Lee mise on-line su Internet il primo sito Web per il CERN diretto dal Nobel italiano, Carlo Rubbia 2. WWW /WEB: Servizio dei servizi di rete
  2. 2. <ul><li>Inversione comunicativa: dal web-utente all’utente-web ( Tim O’Reilly e Dale Dougherty, O’Reilly Media , 2004) </li></ul><ul><li>“ il web come piattaforma” collettiva </li></ul>WEB 1.0: informazione - ICT WEB 2.0: social WEB 3.0: web semantico <ul><li>Nascita del web (anni ’90) come servizio internet per lo scambio di informazioni (Tim Berners Lee) </li></ul>siti web statici; possibilità di interazione con l'utente limitata alla navigazione tra le pagine, all'uso delle e-mail e dei primi motori di ricerca sviluppo di tassonomie e di ontologie Un unico WEB, ma in continua evoluzione: la differenza è nella modalità dell’uso siti web dinamici, forum, blog, maggiore interazione, linguaggi di scripting , syndication, servizi software e pacchetto Tim Berners-Lee: i documenti pubblicati sul web associati ai metadati <ul><li>specificazione del contesto semantico in un formato adatto </li></ul><ul><ul><li>all'interrogazione </li></ul></ul><ul><ul><li>all'interpretazione </li></ul></ul><ul><ul><li>all'elaborazione automatica </li></ul></ul>
  3. 3. Fonte http://it.wikipedia.org/wiki/File:Web_2.0_Meme_map.png
  4. 4. <ul><li>Rapporto verticale e lineare </li></ul><ul><li>Distribuzione dell’informazione autorizzata e organizzata </li></ul><ul><ul><li> authoring individuale </li></ul></ul><ul><ul><li>-> generalizzata </li></ul></ul><ul><ul><li>-> scientifica </li></ul></ul><ul><li>Tassonomia </li></ul><ul><li>Navigazione: menu </li></ul><ul><ul><li>SISTEMATICITÁ </li></ul></ul><ul><li>Interazione utente/sito </li></ul><ul><ul><li>lavoro individuale </li></ul></ul><ul><li> fruizione </li></ul><ul><li>Rapporto orizzontale e circolare </li></ul><ul><li>fra gli utenti (riscrittura), “sociale” </li></ul><ul><li> authoring collettivo </li></ul><ul><ul><li>informazione generata dal fruitore </li></ul></ul><ul><ul><li>approccio dilettantistico e non specializzato </li></ul></ul><ul><li>Tagging e Folksonomy </li></ul><ul><li>Navigazione: search & peer referral; feedback </li></ul><ul><ul><li>SERENDIPITÁ </li></ul></ul><ul><li>Social network </li></ul><ul><ul><ul><li>lavoro collettivo </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li> condivisione </li></ul></ul></ul>Web 1.0 Società dell’informazione (ICT) Web 2.0 Social-web
  5. 5. <ul><li>Online/Offline </li></ul><ul><li>“ Pesantezza” </li></ul><ul><li>riferimento alle fonti </li></ul><ul><li>INTERATTIVITÁ LIMITATA </li></ul><ul><li>e-commerce (“si paga”) </li></ul><ul><li>STRUMENTI PROPRIETARI; COPYRIGHT </li></ul><ul><li>Release successive </li></ul><ul><ul><ul><li>edizioni strutturate </li></ul></ul></ul><ul><ul><li>Ipertesti statici (HTML) </li></ul></ul><ul><li>Online </li></ul><ul><li>“ Leggerezza” </li></ul><ul><li>materiale in rete e citazione libera </li></ul><ul><li>MULTIMEDIALITÁ (keyword) </li></ul><ul><li>Servizi “aperti” (mashup) “Freemium” (“non si paga”) </li></ul><ul><li>STRUMENTI GRATUITI, CREATIVE COMMONS </li></ul><ul><li>Perpetual beta </li></ul><ul><ul><ul><li>struttura aperta/“fluida” </li></ul></ul></ul><ul><li>Ipertesti dinamici (scripting) </li></ul><ul><li>Web 1.0 </li></ul><ul><li>Società dell’informazione (ICT) </li></ul><ul><li>Web 2.0 </li></ul><ul><li>Social-web </li></ul>
  6. 6. Fonte: adattamento e traduzione da O’Reilly, 2005 MemeMap del web 2.0 di O’Reilly
  7. 7. Il mondo del web 2.0 <ul><li>A chi appartiene Flickr? </li></ul>
  8. 8. Il mondo del web 2.0 http://delicious.com
  9. 9. Il mondo del web 2.0 www.amazon.com AMAZON
  10. 10. YOU TUBE Il mondo del web 2.0
  11. 11. Il mondo del web 2.0 myspace
  12. 12. Web 2.0: il padre del web 2.0 http://oreilly.com
  13. 13. Social e Blog <ul><li>web+log  diario in rete (inizio fine anni ’90) </li></ul>blogsphere : intersezione fra blogs social-blog blog personale Dicembre 1997: Jorn Barger inventa il termine “weBlog”. La versione del tronca termine Blog è di Peter Merholz (1999) il quale ha scritto &quot;we Blog&quot; sul suo sito, coniando il verbo &quot;to Blog&quot; (ovvero: Bloggare, scrivere un Blog). strutturato in unità cronologiche Le unità possono essere commentate (postate) e collegate (linkate
  14. 14. TIPOLOGIE DI BLOG <ul><li>1. Blog directory. Roncaglia : Blog di rassegna o di segnalazione proprio per la loro caratteristica peculiare di selezionare una considerevole quantità di link e di risorse in rete. Rebecca Blood:“filters” (detengono il primato dei link), ovvero filtri della rete. La funzione di filtraggio dei link è uno dei motivi di successo dei Blog: </li></ul><ul><li>2. Blog personale. È la tipologia più nota, caratterizzata soprattutto da una scrittura di tipo narrativo [Roncaglia, 2004]: diari personali, racconti autobiografici o inventati, poesie, aneddoti, Non sempre sono aperti a commenti da altri Bloggers Utilizzatori : studenti di scuola superiore / universitari, con un gran numero di collegamenti incrociati tra un Blog e l'altro. </li></ul><ul><li>3. Blog di attualità. Utilizzatori: giornalisti o liberi opininisti </li></ul>
  15. 15. TIPOLOGIE DI BLOG <ul><li>4. Blog tematico. Legati ad un hobby o una passione. Diventa un punto d'incontro per persone con interessi in comune. Utilizzatori : hobbisti </li></ul><ul><li>5. Blog vetrina. “Vetrina“ virtuale per le opere di autori. Contengono vignette, fumetti, video amatoriali, musiche. Utilizzatori : creativi e artisit </li></ul><ul><li>6. Blog politico. Si sta svilppando molto fra i politici, che lo utilizzano come interfaccia di comunicazione con i cittadini, per esporre i problemi e condividere le soluzioni. Utilizzatori : politici e </li></ul><ul><li>7. Watch Blog - Blog di critica. Vengono criticati presunti errori in notiziari on-line, siti web o altri Blog. </li></ul><ul><li>Utilizzatori: occasionali, vari </li></ul><ul><li>Es. AndrewSullivan.com, il Blog personale dello scrittore e giornalista anglo-americano che vanta, a cavallo tra 2002 e 2003, più di 250.000 visitatori al mese). </li></ul>
  16. 16. TIPOLOGIE DI BLOG et alias <ul><li>Blog sperimentali: modalità ibride/ trasversali di blogs a quelle già descritte, sono caratterizzate da una forte volontà di sperimentare nuovi linguaggi, in particolar modo quelli multimediali che gli ultimi sviluppi della tecnologia rendono sempre più accessibili. Se in larga misura i Blog di cui ci siamo occupati finora usano la scrittura come mezzo di comunicazione, questi Blog usano le immagini, i video, il suono … </li></ul><ul><li>Blog multimediali (photoBlog sono Blog che si basano su foto (es. www.buba.it ), video ( vlog o video Blog - Il vlog è una forma di distribuzione di contenuti audiovideo utilizzata da Blogger, artisti e registi. Cfr. VideoBlogging http://www.videoblogging.info/ ), audio ( audioBlog e podcasting pubblicati attraverso il Podcasting (http://it.wikipedia.org/wiki/Podcasting). È possibile scaricare dal blog automaticamente sia sul proprio computer che sui lettori mp3 portatili come l'ipod aggiornamenti e feed RSS con audio incapsulati). </li></ul><ul><li>m-Blog - Blog utilizzati per pubblicizzare le proprie scoperte musicali e renderne gli altri partecipi attraverso la pubblicazione di mp3 (da qui il prefisso) o file audio dei più disparati formati </li></ul><ul><li>wikiBlog - chiamato anche Bliki (http:// it.wikipedia.org/wiki/Bliki) è un Blog a cui vengono aggiunte le funzionalità di wiki. </li></ul>NB: una rassegna interessante di tipologie Blog è stata realizzata da Roncaglia [2004] e da wikipedia ( italiano). Inoltre, http://cird.unive.it/dspace/bitstream/123456789/24/1/Blog%2520e%2520didattica01.pdf dal quale si attinge
  17. 17. WEB 2.0 e MOTORE DI RICERCA
  18. 18. SOCIAL-BLOG
  19. 19. Thread: il valore della discussione
  20. 20. Web 2.0 e l’enciclopedia collettiva <ul><li>Il termine “wiki&quot; deriva dalla lingua polinesiana: “molto veloce“ </li></ul><ul><li>Ward Cunningham: ideatore e fondatore del primo sito wiki (1995) </li></ul>Wikipedia
  21. 21. Web 2.0 per Wiki <ul><li>“ Il Web 2.0 è un termine utilizzato per indicare genericamente uno stato di evoluzione di Internet (e in particolare del World Wide Web), rispetto alla condizione precedente. Si tende ad indicare come Web 2.0 l'insieme di tutte quelle applicazioni online che permettono uno spiccato livello di interazione sito-utente (blog, forum, chat, sistemi quali Wikipedia, Youtube, Facebook, Myspace, Twitter, Gmail, Wordpress, Tripadvisor ecc.). La locuzione pone l'accento sulle differenze rispetto al cosiddetto Web 1.0, diffuso fino agli anni novanta, e composto prevalentemente da siti web statici, senza alcuna possibilità di interazione con l'utente eccetto la normale navigazione tra le pagine, l'uso delle email e l'uso dei motori di ricerca.” </li></ul><ul><li>Fonte: Wikipedia </li></ul>5, 11 e 12 marzo 2010 Dal Web 1.0 al Web 2.0
  22. 22. Il Web 2.0 per l’Enciclopedia Britannica <ul><li>“ next envisioned iteration of the World Wide Web, in which the 2.0 appellation is used in analogy with common computer software naming conventions to indicate a new, improved version… many of the most vocal advocates of the Web 2.0 concept have an almost messianic view of harnessing social networking for business goals” </li></ul><ul><ul><li>Enciclopedia britannica </li></ul></ul>
  23. 23. <ul><li>Il presente materiale è pubblicato con licenza Creative Commons “Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo - 2.5 Italia” http://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/2.5/it/ . </li></ul><ul><li>Credits </li></ul><ul><li>Alcune sliedes di questo corso sono una rielaborazione delle slides del R.Polillo - Corso Web 2.0 (ott 2009) - Università degli Studi di Milano Bicocca </li></ul><ul><li>Si è preso spunto anche dalla presentazione della Prof.ssa Elena Valentini, Dal Web 1.0 al Web 2.0, Definizioni, strumenti, prospettive di sviluppo, Sistemi tecnologici e informazione on line, Università Sapienza di Roma, 5, 11 e 12 marzo 2010 </li></ul><ul><li>Per la sezione sul blog,si è attinto da http://cird.unive.it/dspace/bitstream/123456789/24/1/Blog%2520e%2520didattica01.pdf </li></ul><ul><li>Del materiale in rete si indica sempre la fonte; la segnalazione di dimenticanze ed errori di fatto, lapsus calami et alias, è sempre gradita per migliorare il presente lavoro. </li></ul>

×