Workshop La spezia 17 febbraio 2012

610 views

Published on

relazione per la condivisione del modello organizzativo con gli operatori che lavoreranno bel nuovo Ospedale Della Spezia

Published in: Health & Medicine
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Workshop La spezia 17 febbraio 2012

  1. 1. CONFERENZA DEI SINDACI LA SPEZIA - A.S.L. n. 5 “Spezzino”Le giornate della salute: secondo workshop - Nuovo ospedale: l’ospedale per intensità di cure La Spezia, 17 febbraio 2012 L’ospedale per intensità di cure Fabrizio Gemmi FG 2012
  2. 2. Processi ‘end to end’ Multidisciplinarità Cure graduate FG 2012 2
  3. 3. L’organizzazione per specialità Un classico ospedale progettato negli anni ’60 permanenza dei pazienti per lunghi periodi scarsa interazione fra professionisti raro ricorso alle tecnologie FG 2012
  4. 4. L’organizzazione per specialità Un classico ospedale progettato negli anni ’60 permanenza dei pazienti per lunghi periodi scarsa interazione fra professionisti raro ricorso alle tecnologie FG 2012
  5. 5. L’organizzazione per specialità Chirurgia Generale Urologia Ginecologia Chirurgia Ortopedia Plastica Chirurgia FG 2012
  6. 6. Progressioni orizzontali FG 2012
  7. 7. Progressioni orizzontali FG 2012
  8. 8. Paolo Percorsi orizzontaliAnna 8/7/2008 Timeline 8:15 8:45 9:15 9:45 Va in Dia per EGA ello car rell o car carr rell o ello carr FG 2012
  9. 9. Frammentazione Chirurgia Generale Urologia Ginecologia ChirurgiaOrtopedia Plastica Chirurgia FG 2012
  10. 10. Pratiche cliniche incomprensibilmente variabili Chirurgia Generale Urologia Ginecologia ChirurgiaOrtopedia Plastica Chirurgia FG 2012
  11. 11. Vantaggi - limiti l’ambiente stesso detta regole implicite centro di speciali caposa costo tà la repart oinfermieri primari medi o ci FG 2012
  12. 12. Progressioni - Orizzontali Radiologia Riabilitazione CUP Reparto Reparto Reparto Poli ambulatorio SalaCasa operatoria Pre ospedaliz- Casa zazione Accettazione Terapia Cartelle cliniche intensiva Servizio Laboratorio Servizio farmacia trasfusionale FG 2012
  13. 13. Progressioni - Orizzontali Radiologia Riabilitazione CUP Reparto Reparto Reparto Poli ambulatorio SalaCasa operatoria Pre ospedaliz- Casa zazione Accettazione Terapia Cartelle cliniche intensiva Servizio Laboratorio Servizio farmacia trasfusionale FG 2012
  14. 14. Progressioni - Orizzontali Radiologia Riabilitazione CUP Reparto Reparto Reparto Poli ambulatorio SalaCasa operatoria Pre ospedaliz- Casa zazione Accettazione Terapia Cartelle cliniche intensiva Servizio Laboratorio Servizio farmacia trasfusionale FG 2012
  15. 15. Progressioni - Orizzontali Radiologia Riabilitazione CUP Reparto Reparto Reparto Poli ambulatorio SalaCasa operatoria Pre ospedaliz- Casa zazione Accettazione Terapia Cartelle cliniche intensiva Servizio Laboratorio Servizio farmacia trasfusionale FG 2012
  16. 16. Progressioni - Orizzontali Radiologia Riabilitazione CUP Reparto Reparto Reparto Poli ambulatorio SalaCasa operatoria Pre ospedaliz- Casa zazione Accettazione Terapia Cartelle cliniche intensiva Servizio Laboratorio Servizio farmacia trasfusionale FG 2012
  17. 17. Progressioni - Orizzontali Radiologia Riabilitazione CUP Reparto Reparto Reparto Poli ambulatorio SalaCasa operatoria Pre ospedaliz- Casa zazione Accettazione Terapia Cartelle cliniche intensiva Servizio Laboratorio Servizio farmacia trasfusionale FG 2012
  18. 18. Progressioni - Orizzontali Radiologia Riabilitazione CUP Reparto Reparto Reparto Poli ambulatorio SalaCasa operatoria Pre ospedaliz- Casa zazione Accettazione Terapia Cartelle cliniche intensiva Servizio Laboratorio Servizio farmacia trasfusionale FG 2012
  19. 19. Progressioni - Orizzontali Radiologia Riabilitazione CUP Reparto Reparto Reparto Poli ambulatorio SalaCasa operatoria Pre ospedaliz- Casa zazione Accettazione Terapia Cartelle cliniche intensiva Servizio Laboratorio Servizio farmacia trasfusionale FG 2012
  20. 20. to despaghettize FG 2012
  21. 21. disposizione dell’offerta confusa Intensità delle cure UCP High lunga protette diurna degenze care c. continuo diurna laboratori Durata della degenza High UCP fisiot ambulat. area medica lunga area medica c. continuo care High Regime di Indiff. paganti indiff. area chirurgica lunga area chirurgica care continuo c. erogazione High area lungac. continuo care weeck area c. continuo chirurgica chirurgica High Intensive lunga c.pediatria continuo lungacontinuo breve intensive c. care diurna DH oncologico care diurna spdc High High lunga ostetricia c. continuo lungaambulat. area dialisi care c. continuo care sale operatorie medica farmaciadirezione radiologia ambulat. ambulat ambulatoriali sala parto ambulat. ambulat. ambulatoriali DEA ambulat.trasfusionambulat. FG 2012
  22. 22. Progressioni verticali FG 2012
  23. 23. Modello migliorabilePerché è necessario un cambiamento? FG 2012
  24. 24. Modello migliorabile Perché è necessario un cambiamento?Abbiamo fenomeni di sovraffollamento e lunghe attese FG 2012
  25. 25. Modello migliorabile Perché è necessario un cambiamento?Abbiamo fenomeni di sovraffollamento e lunghe attese FG 2012
  26. 26. Modello migliorabile Perché è necessario un cambiamento?Abbiamo fenomeni di sovraffollamento e lunghe atteseEsiste interferenza fra i percorsi programmati e quelli urgentiDobbiamo ricorrere a: Ricovero in reparti non appropriati Rinvio di interventi chirurgici e procedure Allungamento improprio delle degenze FG 2012
  27. 27. Modello migliorabile Perché è necessario un cambiamento?Abbiamo fenomeni di sovraffollamento e lunghe atteseEsiste interferenza fra i percorsi programmati e quelli urgentiDobbiamo ricorrere a: Ricovero in reparti non appropriati Rinvio di interventi chirurgici e procedure Allungamento improprio delle degenze FG 2012
  28. 28. Modello migliorabile Perché è necessario un cambiamento?Abbiamo fenomeni di sovraffollamento e lunghe atteseEsiste interferenza fra i percorsi programmati e quelli urgentiDobbiamo ricorrere a: Ricovero in reparti non appropriati Rinvio di interventi chirurgici e procedure Allungamento improprio delle degenzeAssistiamo ad una diffusa demotivazione del personale FG 2012
  29. 29. Modello migliorabile Perché è necessario un cambiamento?Abbiamo fenomeni di sovraffollamento e lunghe atteseEsiste interferenza fra i percorsi programmati e quelli urgentiDobbiamo ricorrere a: Ricovero in reparti non appropriati Rinvio di interventi chirurgici e procedure Allungamento improprio delle degenzeAssistiamo ad una diffusa demotivazione del personale FG 2012
  30. 30. Modello migliorabile Perché è necessario un cambiamento?Abbiamo fenomeni di sovraffollamento e lunghe atteseEsiste interferenza fra i percorsi programmati e quelli urgentiDobbiamo ricorrere a: Ricovero in reparti non appropriati Rinvio di interventi chirurgici e procedure Allungamento improprio delle degenzeAssistiamo ad una diffusa demotivazione del personaleNon sono sempre chiare le responsabilità FG 2012
  31. 31. Modello migliorabile Perché è necessario un cambiamento?Abbiamo fenomeni di sovraffollamento e lunghe atteseEsiste interferenza fra i percorsi programmati e quelli urgentiDobbiamo ricorrere a: Ricovero in reparti non appropriati Rinvio di interventi chirurgici e procedure Allungamento improprio delle degenzeAssistiamo ad una diffusa demotivazione del personaleNon sono sempre chiare le responsabilità FG 2012
  32. 32. Modello migliorabile Perché è necessario un cambiamento?Abbiamo fenomeni di sovraffollamento e lunghe atteseEsiste interferenza fra i percorsi programmati e quelli urgentiDobbiamo ricorrere a: Ricovero in reparti non appropriati Rinvio di interventi chirurgici e procedure Allungamento improprio delle degenzeAssistiamo ad una diffusa demotivazione del personaleNon sono sempre chiare le responsabilitàL’organizzazione non è comprensibile al cittadino FG 2012
  33. 33. evoluzione delle funzioni - sostenibilità del modello FG 2012
  34. 34. “I problemi che abbiamo oggi non saranno mai risolti all’interno della stessa cultura che li ha generati”“Ogni sistema è perfettamente disegnato per raggiungere i risultati che ottiene” FG 2012
  35. 35. Sistema centrato sull’utente “Ogni processo di servizio che non riesca a risolvere completamente un problema è inaccettabile”“Un fallimento in un qualsiasi passaggio compromette l’intero processo di servizio” James P. Womack and Daniel T. Jones “Lean solutions” London 2005 FG 2012
  36. 36. Cubo diNecker FG 2012
  37. 37. Serviziodato alpaziente FG 2012
  38. 38. Servizioricevutodalpaziente FG 2012
  39. 39. Legge 23 dicembre 1978, n. 833 "Istituzione del servizio sanitario nazionale"… ordinamento degli ospedali in dipartimenti, in base al principio dellintegrazione tra le divisioni, sezioni e servizi affini e complementari, a quello del collegamento tra servizi ospedalieri ed extra ospedalieri in rapporto alle esigenze di definiti ambiti territoriali, nonché a quello della gestione dei dipartimenti stessi sulla base della integrazione delle competenze in modo da valorizzare anche il lavoro di gruppo. FG 2012
  40. 40. Legge 23 dicembre 1978, n. 833 "Istituzione del servizio sanitario nazionale"… ordinamento degli ospedali in dipartimenti, in base al principio dellintegrazione tra le divisioni, sezioni e servizi affini e complementari, a quello del collegamento tra servizi ospedalieri ed extra ospedalieri in rapporto alle esigenze di definiti ambiti territoriali, nonché a quello della gestione dei dipartimenti stessi sulla base della integrazione delle competenze in modo da valorizzare anche il lavoro di gruppo. Articolo 17 FG 2012
  41. 41. FG 2012
  42. 42. Intensive care units per pazienti critici Self-care units per convalescenti e accertamenti Intermediate care units per coloro che non rientrano nei tipi precedenti (60% del totale) Beds attached to out-patient departments for “one-day” patients Recovery units“essential to the modern hospitals” FG 2012
  43. 43. Intensive care units per pazienti critici Self-care units per convalescenti e accertamenti Intermediate care units per coloro che non rientrano nei tipi precedenti (60% del totale) Beds attached to out-patient departments for “one-day” patients Recovery units“essential to the modern hospitals” FG 2012
  44. 44. Intensive care units per pazienti critici Degenza Intensive care Self-care units per convalescenti e accertamenti Degenza High care Intermediate care units per coloro che non rientrano nei Degenza Low care tipi precedenti (60% del totale) Beds attached to out-patient Degenza diurna departments for “one-day” Day Hospital e Day Surgery patients Recovery units Recovery room“essential to the modern hospitals” FG 2012
  45. 45. 1962 2003 Intensive care units per pazienti critici Degenza Intensive care Self-care units per convalescenti e accertamenti Degenza High care Intermediate care units per coloro che non rientrano nei Degenza Low care tipi precedenti (60% del totale) Beds attached to out-patient Degenza diurna departments for “one-day” Day Hospital e Day Surgery patients Recovery units Recovery room“essential to the modern hospitals” FG 2012
  46. 46. ed i professionisti? FG 2012
  47. 47. “non fabbrichiamo automobilie non siamo giapponesi” cosa sentono dire?“solo gli infermierisono avvantaggiati” FG 2012
  48. 48. rilevare, rilevare,rilevare, rilevare ... somministrare, somministrare, somministrare ... FG 2012
  49. 49. cosa dicono? “perdiamo troppo tempo in cose che non ci competono” “ci dedichiamo poco ai pazienti”FG 2012
  50. 50. Giornata“classica” FG 2012
  51. 51. “la burocrazia spetta agli altri”“abbiamo sempre lavorato così” cosa pensano? FG 2012
  52. 52. mescolare quello che non sipuò mescolare? FG 2012
  53. 53. “Abbiamo raggiunto brillanti risultati con uomininormali, capaci di gestire e rispettare processieccellenti; notiamo che i nostri concorrentispesso ottengono risultati normali, talvoltamediocri, con uomini brillanti che gestisconoprocessi disastrosi poco rispettati.”(Soichiro Toyoda) FG 2012
  54. 54. cosa fanno?1) aspettano, passerà (Peter Pan) FG 2012
  55. 55. cosa fanno?2) partecipano al cambiamento (Brutto Anatroccolo) FG 2012
  56. 56. Ogni paziente è unicoLa personalizzazione della cura inizia dalla standardizzazione Così è possibile offrire servizi eccellenti FG 2012
  57. 57. Il flusso di valore per è in relazione con lastoria naturale della malattia (decorsointraospedaliero) Insorgenza degenza FG 2012
  58. 58. Il flusso di valore per è in relazione con lastoria naturale della malattia (decorsointraospedaliero) Fase Insorgenza critica degenza FG 2012
  59. 59. Il flusso di valore per è in relazione con lastoria naturale della malattia (decorsointraospedaliero) Fase Stabiliz- Insorgenza critica zazione degenza FG 2012
  60. 60. Il flusso di valore per è in relazione con lastoria naturale della malattia (decorsointraospedaliero) Fase Stabiliz- Miglio- Insorgenza critica zazione ramento degenza FG 2012
  61. 61. Il flusso di valore per è in relazione con lastoria naturale della malattia (decorsointraospedaliero) Fase Stabiliz- Miglio- Convale- Insorgenza critica zazione ramento scenza degenza FG 2012
  62. 62. Il flusso di valore per è in relazione con lastoria naturale della malattia (decorsointraospedaliero) ricovero Fase Stabiliz- Miglio- Convale- Insorgenza critica zazione ramento scenza degenza FG 2012
  63. 63. Il flusso di valore per è in relazione con lastoria naturale della malattia (decorsointraospedaliero) ricovero dimissione Fase Stabiliz- Miglio- Convale- Insorgenza critica zazione ramento scenza degenza FG 2012
  64. 64. migliorare il flusso migliora tuttoFG 2012
  65. 65. Il Dipartimento di Emergenza - Urgenza Visual management & Operation management FG 2012 37
  66. 66. Il Dipartimento di Emergenza - Urgenza Visual hospital & One-patient’s flowfoto: cortesia dr C. Passaglia, UO Medicina 5 FG 2012 38
  67. 67. Il Dipartimento di Emergenza - Urgenzacasi=167 casi=166 casi=254 FG 2012 39
  68. 68. settings d’assistenza FG 2012
  69. 69. settings d’assistenza FG 2012
  70. 70. Intensità dell’assistenza FG 2012
  71. 71. Cure graduate per fase FG 2012
  72. 72. integrazione multidiscipinaresoftware hardware specialità caposalaprimario reparto medici infermieri FG 2012
  73. 73. integrazione multidiscipinaresoftware hardware specialità caposalaprimario reparto paziente medici infermieri FG 2012
  74. 74. il tutorIl Tutor – Medico di riferimento viene designato dalresponsabile dell’unità operativa alla quale èaffidato il paziente.Svolge funzioni di duplice ordine:di corretta gestione del Piano di Cura;di referente informativo del paziente.(Linee Guida ASSR, 2003) FG 2012
  75. 75. il tutorper il pazienteil tutor èla faccia delteam FG 2012
  76. 76. Comunicazione briefingcoordinatorecon infermieri FG 2012
  77. 77. Da D Jones e A Mitchell, 2006. cit.FG 2012
  78. 78. FG 2012
  79. 79. Superare la frammentazione organizzativa: la multidisciplinarità FG 2012
  80. 80. Superare la frammentazione organizzativa: la multidisciplinarità FG 2012
  81. 81. Superare la frammentazione organizzativa: la multidisciplinarità Chirurgia Generale Urologia Ginecologia Chirurgia Ortopedia Plastica Chirurgia FG 2012
  82. 82. vasi comunicanticortesia di: FG 2012 51
  83. 83. variabilità naturale e artificiale FG 2012
  84. 84. FG 2012
  85. 85. FG 2012
  86. 86. FG 2012

×