Successfully reported this slideshow.

Pgt agrate brianza norme gov

811 views

Published on

fabiomassimosaldini@gmail.com

  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Pgt agrate brianza norme gov

  1. 1. COMUNE DI AGRATE BRIANZA – PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIOPIANO DELLE REGOLE – NORME DI GOVERNO DEL TERRITORIO E DEL PAESAGGIO 2INDICETITOLO I - DISPOSIZIONI PRELIMINARI................................................................. 6Art. 1. Pianificazione comunale per il governo del territorio..............................................................6Art. 2. Ambito di applicazione, natura giuridica e contenuti del Piano delle Regole...........................6Art. 3. Norma di correlazione tra gli atti del Piano di Governo del Territorio......................................6Art. 4. Norma di raccordo con gli altri strumenti di pianificazione territoriale e settoriale ...................74.1. Piano territoriale paesistico regionale..............................................................................................................................74.2. Piano territoriale di coordinamento provinciale ...............................................................................................................7Art. 5. Deroghe................................................................................................................................7Art. 6. Difformità rispetto al Piano delle Regole................................................................................8TITOLO II - DISPOSIZIONI GENERALI DI ATTUAZIONE DELLA PIANIFICAZIONECOMUNALE............................................................................................................... 9CAPO I - ATTUAZIONE DELLA PIANIFICAZIONE COMUNALE ...........................................................9Art. 7. Modalità di attuazione del Piano delle Regole .......................................................................9Art. 8. Piani attuativi comunali .........................................................................................................9Art. 9. Interventi edilizi diretti ...........................................................................................................99.1. Permesso di costruire convenzionato (PCC) ................................................................................................................10Art. 10. Recupero ai fini abitativi dei sottotetti esistenti...................................................................11Art. 11. Opere di urbanizzazione primaria......................................................................................11Art. 12. Opere di urbanizzazione secondaria .................................................................................12CAPO II - INDICI URBANISTICI E PARAMETRI EDILIZI...................................................................12Art. 13. Indici e parametri edilizi e urbanistici .................................................................................1213.1. Superficie territoriale (St ) ............................................................................................................................................1213.2. Superficie fondiaria (Sf)................................................................................................................................................1213.3. Indice di edificabilità territoriale (It) ..............................................................................................................................1313.4. Indice di edificabilità fondiaria (If) ................................................................................................................................1313.5. Superficie lorda di pavimento (Slp)..............................................................................................................................1313.6. Rapporto di copertura territoriale (Rct) ........................................................................................................................1513.7. Rapporto di copertura fondiaria (Rcf) ..........................................................................................................................1513.8. Superficie coperta (Sc).................................................................................................................................................1513.9. Superficie permeabile (Sp)...........................................................................................................................................1713.10. Indice di permeabilità (Ip)...........................................................................................................................................1713.11. Altezza massima degli edifici (h max) .......................................................................................................................17Art. 14. Definizioni.........................................................................................................................1814.1. Altezza media ponderale..............................................................................................................................................1814.2. Androni e vestiboli ........................................................................................................................................................1814.3. Ballatoio ........................................................................................................................................................................1814.4. Cavedio.........................................................................................................................................................................1814.5. Delimitazioni perimetrali esterne..................................................................................................................................1814.6. Edificio ..........................................................................................................................................................................1814.7. Linea di colmo...............................................................................................................................................................1814.8. Linea di gronda.............................................................................................................................................................1814.9. Loggia ...........................................................................................................................................................................1914.10. Lotto............................................................................................................................................................................1914.11. Pertinenze...................................................................................................................................................................1914.12. Piano di un edificio .....................................................................................................................................................1914.13. Piano fuori terra..........................................................................................................................................................1914.14. Piano interrato ............................................................................................................................................................1914.15. Piano seminterrato .....................................................................................................................................................1914.16. Piano sottotetto...........................................................................................................................................................1914.17. Piano terra ..................................................................................................................................................................1914.18. Portico.........................................................................................................................................................................1914.19. Sagoma delledificio....................................................................................................................................................1914.20. Soppalco.....................................................................................................................................................................1914.21. Spazi residenziali accessori.......................................................................................................................................2014.22. Spazi residenziali primari e di servizio.......................................................................................................................2014.23. Spazi accessori delle unità locali a destinazione primaria, secondaria, terziaria ....................................................2014.24. Sporti aggettanti aperti ...............................................................................................................................................2014.25. Tensostrutture, tendoni e tunnel di copertura. ..........................................................................................................2014.26. Tettoia.........................................................................................................................................................................2014.27. Unità immobiliare........................................................................................................................................................2014.28. Volumi tecnici e tecnologici........................................................................................................................................20
  2. 2. COMUNE DI AGRATE BRIANZA – PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIOPIANO DELLE REGOLE – NORME DI GOVERNO DEL TERRITORIO E DEL PAESAGGIO 314.29. Volume virtuale...........................................................................................................................................................20CAPO III - DISCIPLINA DEI PARCHEGGI ....................................................................................21Art. 15. Parcheggi privati pertinenziali............................................................................................21Art. 16. Parcheggi privati per impianti all’aperto.............................................................................21Art. 17. Utilizzo del patrimonio comunale.......................................................................................21CAPO IV - DISCIPLINA DELLE DISTANZE ..................................................................................22Art. 18. Distanze delle costruzioni dai confini con proprietà di terzi (Dc).........................................22Art. 19. Distanze delle costruzioni dagli spazi pubblici (Dp)............................................................22Art. 20. Distanze tra costruzioni (De).............................................................................................23CAPO V - DISCIPLINA DELLE DESTINAZIONI D’USO....................................................................24Art. 21. Destinazioni d’uso.............................................................................................................24Art. 22. Classificazione delle destinazioni duso.............................................................................24Art. 23. Mutamenti delle destinazioni d’uso....................................................................................27CAPO VI - DISCIPLINA URBANISTICA COMMERCIALE ................................................................27Art. 24. Ambito di applicazione e definizioni...................................................................................27Art. 25. Tipologie distributive .........................................................................................................27Art. 26. Norme procedurali di natura urbanistica............................................................................28Art. 27. Contestualità tra le procedure urbanistiche e le procedure commerciali.............................28Art. 28. Norme per l’insediamento e la gestione delle attività dei centri di telefonia in sede fissa ....28Art. 29. Impianti della rete distributiva dei carburanti......................................................................28CAPO VII - DISCIPLINA DELLA PEREQUAZIONE ED INCENTIVAZIONE...........................................28Art. 30. Perequazione urbanistica..................................................................................................28Art. 31. Perequazione territoriale...................................................................................................29Art. 32. Perequazione sociale........................................................................................................29Art. 33. Incentivazione per la valorizzazione dei centri storici.........................................................29TITOLO III – NORME GENERALI DI TUTELA DEL PAESAGGIO,DELL’AMBIENTE E DEL TERRITORIO.................................................................. 31Art. 34.Tutela del patrimonio culturale ...........................................................................................31Art. 35. Principi di gestione e salvaguardia del paesaggio..............................................................31Art. 36. Funzioni amministrative in materia di tutela dei beni paesaggistici.....................................31Art. 37. Norma transitoria per le aree attualmente comprese nel perimetro del Parco Locale diInteresse Sovracomunale (PLIS) denominato “Parco del Molgora” ................................................32Art. 38. Norme transitorie di salvaguardia per gli ambiti di proposta di ampliamento del Parco Localedi Interesse Sovracomunale (PLIS) denominato “Parco del Molgora”.............................................33Art. 39. Zona di rispetto dei corsi d’acqua......................................................................................35Art. 40. Fascia di rispetto dagli impianti di depurazione..................................................................35Art. 41. Specifica regolamentazione per le aree interessate da rischio di incidenti rilevanti.............35Art. 42. Disciplina inerente la protezione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici edelettromagnetici.............................................................................................................................35Art. 43. Aree di rispetto cimiteriale.................................................................................................36Art. 44. Disciplina inerente il sistema della mobilità........................................................................36Definizione e classificazione delle strade .............................................................................................................................37Fasce di rispetto stradali........................................................................................................................................................37Pertinenze delle strade..........................................................................................................................................................38Competenza per le autorizzazioni e le concessioni .............................................................................................................39Infrastrutture di trasporto in sede propria..............................................................................................................................39Art. 45. Fascia di rispetto dagli osservatori astronomici, astrofisici .................................................39TITOLO IV – NORME DI GOVERNO DELLE UNITÀ TERRITORIALI .................... 40CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI ...........................................................................................40Art. 46. Articolazione del territorio..................................................................................................40CAPO II – IL SISTEMA DEL TESSUTO URBANO CONSOLIDATO.....................................................40Art. 47. unità territoriali CS - Centri storici e nuclei di antica formazione.........................................40Prescrizioni generali: disciplina normativa, modalità di attuazione e parametri di edificabilità...........................................41Destinazioni duso..................................................................................................................................................................45Prescrizioni particolari ...........................................................................................................................................................46
  3. 3. COMUNE DI AGRATE BRIANZA – PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIOPIANO DELLE REGOLE – NORME DI GOVERNO DEL TERRITORIO E DEL PAESAGGIO 4Indirizzi per la promozione della qualità architettonica e per la valorizzazione del patrimonio edilizio di matrice storica .46Misure per la salvaguardia del patrimonio architettonico dei centri storici e nuclei di antica formazione ..........................48Art. 48. Unità territoriali UR1 - Edifici di interesse storico di matrice rurale......................................49Prescrizioni generali: disciplina normativa, modalità di attuazione e parametri di edificabilità...........................................49Destinazioni duso..................................................................................................................................................................50Art. 49. Unità territoriali UR2 - Tessuto urbano consolidato prevalentemente residenziale..............51Prescrizioni generali: disciplina normativa, modalità di attuazione e parametri di edificabilità...........................................51Destinazioni duso..................................................................................................................................................................52Art. 50. Unità territoriali UR3 - Tessuto urbano consolidato prevalentemente residenziale derivanteda espansioni recenti ....................................................................................................................53Prescrizioni generali: disciplina normativa, modalità di attuazione e parametri di edificabilità...........................................53Destinazioni duso..................................................................................................................................................................54Art. 51. Unità territoriali UR4 - Tessuto urbano consolidato prevalentemente residenziale derivanteda espansioni recenti ....................................................................................................................54Prescrizioni generali: disciplina normativa, modalità di attuazione e parametri di edificabilità...........................................54Destinazioni duso..................................................................................................................................................................55Art. 52. Unità territoriali UR5 - Tessuto urbano consolidato derivante da espansioni recenti peredilizia EEP e convenzionata ........................................................................................................56Prescrizioni generali: disciplina normativa, modalità di attuazione e parametri di edificabilità...........................................56Destinazioni duso..................................................................................................................................................................56Art. 53. Unità territoriali UR6 - Tessuto urbano consolidato prevalentemente residenziale consignificative pertinenze a verde .....................................................................................................57Prescrizioni generali: disciplina normativa, modalità di attuazione e parametri di edificabilità...........................................57Destinazioni duso..................................................................................................................................................................57Art. 54. Unità territoriali UR7 - Parchi e giardini storici....................................................................58Prescrizioni generali: disciplina normativa, modalità di attuazione e parametri di edificabilità...........................................58Destinazioni duso..................................................................................................................................................................58Art. 55. Unità territoriali UP1 - Ambiti a prevalente specializzazione produttiva...............................58Prescrizioni generali: disciplina normativa, modalità di attuazione e parametri di edificabilità...........................................59Destinazioni duso..................................................................................................................................................................60Prescrizioni particolari ...........................................................................................................................................................60Art. 56. Unità territoriali UP2 - Ambiti a prevalente specializzazione produttiva agroalimentare ......60Prescrizioni generali: disciplina normativa, modalità di attuazione e parametri di edificabilità...........................................60Destinazioni duso..................................................................................................................................................................61Art. 57. Unità territoriali UP3 - Ambiti a prevalente specializzazione terziaria .................................62Prescrizioni generali: disciplina normativa, modalità di attuazione e parametri di edificabilità...........................................62Destinazioni duso..................................................................................................................................................................62Prescrizioni particolari ...........................................................................................................................................................63Art. 58. Unità territoriali UP4 - Ambiti a prevalente specializzazione commerciale in medie strutturedi vendita ......................................................................................................................................63Prescrizioni generali: disciplina normativa, modalità di attuazione e parametri di edificabilità...........................................63Destinazioni duso..................................................................................................................................................................63Art. 59. Unità territoriali UP5 - Impianti di distribuzione carburanti per autotrazione ad uso pubblico.....................................................................................................................................................64Prescrizioni generali: disciplina normativa, modalità di attuazione e parametri di edificabilità...........................................64Art. 60. Unità territoriali UP6 - Impianti tecnologici .........................................................................64Prescrizioni generali: disciplina normativa, modalità di attuazione e parametri di edificabilità...........................................64Art. 61. Unità territoriali UP7 - Ambiti produttivi integrati nel tessuto consolidato prevalentementeresidenziale...................................................................................................................................64Prescrizioni generali: disciplina normativa, modalità di attuazione e parametri di edificabilità...........................................64Destinazioni duso..................................................................................................................................................................65Art. 61 bis Unità territoriali UP8 - Ambiti terziari integrati nel tessuto urbano consolidato................65Prescrizioni generali: disciplina normativa, modalità di attuazione e parametri di edificabilità...........................................66Destinazioni duso..................................................................................................................................................................66Art. 61 ter. Unità territoriali UP9 - Ambiti a prevalente specializzazione commerciale all’ingrosso...67Prescrizioni generali: disciplina normativa, modalità di attuazione e parametri di edificabilità...........................................67Destinazioni duso..................................................................................................................................................................67Art. 62. Unità territoriali UA1 - Aree agricole urbane.......................................................................68CAPO III – IL SISTEMA DELLE AREE AGRICOLE .........................................................................68Art. 63. Unità territoriali UA2 - Aree della produzione agricola........................................................68CAPO IV – IL SISTEMA DELLE AREE DI VALORE PAESAGGISTICO-AMBIENTALE ED ECOLOGICHE....69Art. 64. Unità territoriali UE1 - Aree di valore paesaggistico-ambientale ed ecologiche...................69CAPO V – IL SISTEMA DELLE AREE NON SOGGETTE A TRASFORMAZIONE URBANISTICA...............70Art. 65. Unità territoriali UN1 - Aree non soggette a trasformazione urbanistica..............................70
  4. 4. COMUNE DI AGRATE BRIANZA – PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIOPIANO DELLE REGOLE – NORME DI GOVERNO DEL TERRITORIO E DEL PAESAGGIO 5TITOLO V - DISCIPLINA PER LA CONSERVAZIONE E VALORIZZAZIONE DELPAESAGGIO............................................................................................................ 71Art. 66. Ambito di applicazione ......................................................................................................71Art. 67. Esame paesistico..............................................................................................................71Art. 68. Corridoi ecologici ..............................................................................................................71Art. 69. Varchi di relazione ............................................................................................................71Art. 70. Boschi ..............................................................................................................................72Art. 71. Alberi di interesse monumentale .......................................................................................72Art. 72. Filari, siepi e arbusteti .......................................................................................................72Art. 73. Canale Villoresi.................................................................................................................72Art. 74. Specchi d’acqua ...............................................................................................................73Art. 75. Viabilità agro-silvo-pastorale .............................................................................................73Art. 76. Tracciati paesaggistici e percorsi di interesse paesistico ...................................................73Art. 77. Opere infrastrutturali .........................................................................................................73Art. 78. Piantumazione dei parcheggi ............................................................................................73Art. 79. Fasce di ambientazione e di mitigazione urbana ...............................................................73Art. 80. Aree urbane scoperte........................................................................................................74Art. 81. Schermi di insonorizzazione e barriere per ridurre la diffusione di polveri ed aerosol .........74Art. 82. Coperture con inverdimento pensile estensivo ..................................................................74Art. 83. Criteri tecnici per il recupero delle aree degradate.............................................................74TITOLO VI - NORME FINALI E TRANSITORIE....................................................... 76Art. 84. Piani attuativi vigenti .........................................................................................................76Art. 85. Titoli edilizi in corso di efficacia .........................................................................................76Art. 86. Accertamento delle superfici .............................................................................................76Art. 87. Asservimento dell’area di pertinenza.................................................................................76Art. 88. Circolari ............................................................................................................................77Art. 89. Abrogazione di norme.......................................................................................................77PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO..................................Errore. Il segnalibro non è definito.
  5. 5. COMUNE DI AGRATE BRIANZA – PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIOPIANO DELLE REGOLE – NORME DI GOVERNO DEL TERRITORIO E DEL PAESAGGIO 6TITOLO I - DISPOSIZIONI PRELIMINARIArt. 1. Pianificazione comunale per il governo del territorioIl piano di governo del territorio, di seguito denominato PGT, ai sensi e per gli effetti di cui alla leggeregionale 11 marzo 2005, n. 12, pianifica gli assetti e le azioni programmatiche per l’intero territoriocomunale, in coerenza con la pianificazione territoriale regionale e provinciale, con la strumentazioneregionale e provinciale di settore e con gli strumenti di pianificazione e gestione del sistema delle areeregionali protette.Il PGT persegue finalità di tutela, gestione e valorizzazione del paesaggio, di tutela dell’ambiente, dimiglioramento qualitativo del sistema insediativo e infrastrutturale, in modo da garantire uno svilupposostenibile del territorio comunale.Il PGT è articolato nei seguenti atti:a) il documento di piano (di seguito denominato DP);b) il piano dei servizi (di seguito denominato PS);c) il piano delle regole (di seguito denominato PR).Sono altresì strumenti della pianificazione comunale i piani attuativi e gli atti di programmazionenegoziata con valenza territoriale (di seguito denominati PA).Art. 2. Ambito di applicazione, natura giuridica e contenuti del Piano delle RegoleIl PR, ai sensi dell’articolo 10 della legge regionale 11 marzo 2005, n. 12, disciplina gli ambiti deltessuto urbano consolidato, le aree destinate all’agricoltura, le aree di valore paesaggistico-ambientale ed ecologiche e le aree non soggette a trasformazione urbanistica.Le indicazioni contenute nel PR hanno carattere vincolante e producono effetti diretti sul regimegiuridico dei suoli.Il PR, in ragione del quadro conoscitivo del territorio comunale definito nel DP, al fine di promuovereun miglioramento della qualità paesaggistica e una coerente pianificazione dei fattori territoriali dellosviluppo sostenibile, individua gli ambiti e le aree da assoggettare a specifica disciplina, declina gliobiettivi ambientali e di qualità urbana, detta le regole prestazionali, i requisiti e i riferimenti per laprogettazione urbanistica e architettonica, definisce i parametri di tipo quantitativo, morfologico,tipologico e funzionale da rispettare negli interventi edilizi.Il PR indica gli immobili assoggettati a tutela in base alla normativa statale e regionale con particolareriferimento al patrimonio culturale e al paesaggio.Le presenti norme di governo del territorio e del paesaggio, di seguito denominate NG, integrano conindirizzi e prescrizioni le previsioni espresse negli elaborati grafici del PR.Gli indirizzi determinano gli obiettivi qualitativi per l’attività di governo del territorio da osservare nelletrasformazioni urbanistiche ed edilizie.Le prescrizioni dispongono la disciplina relativa agli usi e alle trasformazioni ammissibili nei diversiambiti del territorio comunale e la relativa regolamentazione.In caso di contrasto tra gli elaborati progettuali e le presenti NG, prevalgono quest’ultime.Art. 3. Norma di correlazione tra gli atti del Piano di Governo del TerritorioIl PR è redatto in coerenza con gli obiettivi definiti dal DP ed in accordo con la disciplina dei servizidefinita dal PS.Nel PR e segnatamente nelle presenti NG, sono contenute definizioni necessarie alla comprensione eattuazione degli altri atti del PGT.Gli elaborati di PR riportano, a fini meramente illustrativi, l’individuazione delle aree di trasformazionee le aree per attrezzature pubbliche e di interesse pubblico o generale, la cui disciplina è dettatarispettivamente dal DP e dal PS.Per gli edifici esistenti ricompresi nelle aree di trasformazione, nelle more dell’approvazione deirispettivi PA, dove non diversamente e specificatamente disposto dalle norme di governo delle unitàterritoriali di cui al Titolo IV delle presenti NG, sono ammessi interventi di manutenzione ordinaria estraordinaria.Ai fini della prevenzione dei rischi geologici, idrogeologici e sismici, le attività di trasformazioneterritoriale sono assoggettate alle norme e alle prescrizioni dettate dallo studio relativo alla definizionedella componente geologica, idrogeologica e sismica del PGT. In particolare lo studio contiene la
  6. 6. COMUNE DI AGRATE BRIANZA – PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIOPIANO DELLE REGOLE – NORME DI GOVERNO DEL TERRITORIO E DEL PAESAGGIO 7Carta di fattibilità delle azioni di piano e le norme geologiche di piano che, secondo i criteri e gliindirizzi di cui alla vigente legislazione in materia, forniscono le indicazioni in ordine ai fattori dipericolosità geologica e geotecnica e vulnerabilità idraulica e idrogeologica del territorio, attribuisconol’articolazione della classe di fattibilità in funzione delle limitazioni all’utilizzo a scopi edificatori e alledestinazioni d’uso del territorio, e ne riportano la relativa normativa d’uso.Al fine della prevenzione e del controllo dei pericoli di incidenti rilevanti connessi con determinatesostanze pericolose, ai sensi e per gli effetti di cui alla direttiva 96/82/CE, del decreto legislativo 17agosto 1999, n. 334 e della legge regionale 23 novembre 2001 n. 19, è fatto esplicito rinvioall’Elaborato Tecnico "Rischio di incidenti rilevanti" (di seguito denominato RIR). Nel RIR, ai sensi deldecreto ministeriale 9 maggio 2001 e della deliberazione della Giunta regionale 10 dicembre 2004 n.VII/19794, sono specificatamente individuate e disciplinate le aree interessate da stabilimenti a rischiodi incidente rilevante e sono dettati requisiti minimi di sicurezza da osservare in materia dipianificazione urbanistica e territoriale.Art. 4. Norma di raccordo con gli altri strumenti di pianificazione territoriale esettorialeNel rispetto del vigente ordinamento Comunitario, Statale e Regionale, le trasformazioni del territoriosono assoggettate alle disposizioni dettate dagli strumenti di pianificazione generale e settoriale diinteresse nazionale, regionale, provinciale e comunale, dal Regolamento Edilizio e degli altriregolamenti comunali, secondo la rispettiva competenza.Al fine di assicurare la coerenza delle azioni di governo, l’integrazione delle politiche settoriali, ilcoordinamento territoriale e fattoriale degli interventi, l’Amministrazione Comunale provvede, nei modie nei termini definiti dalla legislazione vigente e dagli atti di programmazione settoriale eintersettoriale, a sottoporre ad accertamento di coerenza e compatibilità i piani e i programmi comunalivigenti con gli atti della pianificazione territoriale e, laddove necessario, alla loro armonizzazione con ilPGT.Al fine di garantire il pieno raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile perseguiti dal PGT,l’Amministrazione Comunale può promuovere studi e ricerche, programmi di intervento e pianisettoriali per approfondimenti conoscitivi e per la definizione di politiche strategiche connesse aisistemi paesistici e territoriali e agli assetti infrastrutturali e urbani (piano urbano del traffico,programmi di miglioramento agricolo-ambientale, piani particolareggiati e piani attuativi per lavalorizzazione dei centri storici ecc…).4.1. Piano territoriale paesistico regionaleIl piano territoriale paesistico regionale, di seguito denominato PTPR, approvato con deliberazione delConsiglio regionale n. VII/197 del 6 marzo 2001 e aggiornato con deliberazione della Giunta regionalen. VIII/6447 del 16 gennaio 2008, ha natura di quadro di riferimento per la costruzione del Piano delPaesaggio Lombardo e di strumento di disciplina paesistica del territorio.La disciplina paesistica del PTPR esprime differenti regimi di tutela secondo quanto previsto dalleNorme di attuazione dello stesso.Il PTPR conserva validità ed efficacia sino all’approvazione del Piano Territoriale Regionale convalenza paesaggistica previsto dall’articolo 19 della legge regionale 11 marzo 2005, n. 12.4.2. Piano territoriale di coordinamento provincialeIl Piano territoriale di coordinamento provinciale, di seguito denominato PTCP, approvato condeliberazione del Consiglio provinciale n. 55 del 14 ottobre 2003, è atto di indirizzo dellaprogrammazione socio-economica della provincia ed ha efficacia paesaggistico-ambientale.Il PTCP esprime indirizzi, direttive e prescrizioni secondo la disciplina dettata dalle Norme diAttuazione dello stesso e ai sensi dell’articolo 15 della legge regionale 11 marzo 2005, n. 12.Art. 5. DerogheLa deroga agli atti di PGT può essere disposta esclusivamente per edifici ed impianti pubblici o diinteresse pubblico, previa deliberazione del consiglio comunale e senza necessità di preventivo nulla-osta regionale, ai sensi e per gli effetti di cui all’articolo 40 della legge regionale 11 marzo 2005, n. 12.La deroga, nel rispetto delle norme igieniche, sanitarie e di sicurezza, può riguardare esclusivamente ilimiti di densità edilizia, di altezza e di distanza tra i fabbricati stabiliti dagli strumenti di pianificazionecomunale.
  7. 7. COMUNE DI AGRATE BRIANZA – PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIOPIANO DELLE REGOLE – NORME DI GOVERNO DEL TERRITORIO E DEL PAESAGGIO 8Ai fini dell’abbattimento delle barriere architettoniche e localizzative può essere, altresì, assentitaderoga, nei casi ed entro i limiti indicati dall’articolo 19 della legge regionale 20 febbraio 1989, n. 6.Art. 6. Difformità rispetto al Piano delle RegoleLe costruzioni esistenti in contrasto con il PR possono essere oggetto di interventi di manutenzioneordinaria e straordinaria, restauro e risanamento conservativo.Sono, comunque, sempre ammessi gli interventi finalizzati a adeguare lo stato di fatto alle previsionidel PR.In caso di edifici esistenti nelle unità territoriali denominate UA2, non adibiti ad attività agricola edoggetto di sanatoria edilizia ai sensi della legge 28 febbraio 1985, n. 47 e successive modificazioni eintegrazioni, sono ammessi interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria, restauro erisanamento conservativo, che non comportino aumento della Slp e modifica della destinazione d’usoin essere.
  8. 8. COMUNE DI AGRATE BRIANZA – PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIOPIANO DELLE REGOLE – NORME DI GOVERNO DEL TERRITORIO E DEL PAESAGGIO 9TITOLO II - DISPOSIZIONI GENERALI DI ATTUAZIONE DELLA PIANIFICAZIONECOMUNALECAPO I - ATTUAZIONE DELLA PIANIFICAZIONE COMUNALEArt. 7. Modalità di attuazione del Piano delle RegoleIl PR in conformità alle leggi vigenti, si attua mediante pianificazione attuativa e interventi diretti, diiniziativa pubblica e privata.I piani attuativi e gli interventi diretti previsti dal presente PR sono consentiti nei limiti e con le modalitàpreviste dai Piani o Regolamenti comunali che disciplinano le tematiche edilizie, igienico-sanitarie,della mobilità, dell’inquinamento acustico e atmosferico, del commercio, nonché nel rispetto degli studie dei piani di settore allegati al PGT.La declinazione degli interventi edilizi è definita nel Regolamento Edilizio conformemente alledisposizioni di cui alla vigente legislazione statale e regionale.Art. 8. Piani attuativi comunaliAi PA è demandata l’attuazione degli interventi di trasformazione e sviluppo indicati nel DP ecostituiscono una modalità di attuazione per significativi interventi integrativi o sostitutivi previsti dalPR nel tessuto urbano consolidato.L’Amministrazione Comunale può comunque promuovere la formazione di PA per favorire operazionidi riqualificazione e di trasformazione di ambiti del territorio per i quali si configurano esigenze diraccordo con l’impianto urbano esistente, di integrazione dei servizi, di recupero di condizioni dicompromissione e degrado, di tutela e valorizzazione dei beni e dei luoghi di interesse paesaggistico.I PA devono prevedere la cessione gratuita delle aree necessarie per le opere di urbanizzazioneprimaria, nonché la cessione gratuita delle aree per attrezzature pubbliche e di interesse pubblico ogenerale previste dal PS. Qualora l’acquisizione di tali aree non risulti possibile o non sia ritenutaopportuna dal comune in relazione alla loro estensione, conformazione o localizzazione, ovvero inrelazione ai programmi comunali di intervento, le convenzioni dei piani attuativi possono prevedere,nei modi e nei termini previsti dal PS, in alternativa totale o parziale della cessione, che all’atto dellastipulazione i soggetti obbligati corrispondano al comune una somma commisurata all’utilitàeconomica conseguita per effetto della mancata cessione.Le convenzioni dei PA, devono prevedere la realizzazione a cura dei soggetti obbligati, di tutte leopere di urbanizzazione primaria e di una quota parte delle opere di urbanizzazione secondaria o diquelle che siano necessarie per allacciare la zona ai pubblici servizi.Ai sensi dell’articolo 12 della legge regionale 11 marzo 2005, n. 12, nei piani attuativi gli indiciurbanistico-edilizi necessari alla attuazione delle previsioni degli stessi, vengono fissati in via definitivain coerenza con le indicazioni contenute nel PGT.Negli elaborati del PR e nelle presenti NG, sono individuate le unità minime di intervento sulle quali iPA devono essere attuati in modo unitario e contestuale.Nei modi e nei termini previsti dall’articolo 12 della legge regionale 11 marzo 2005, n. 12, per lapresentazione del piano attuativo è sufficiente il concorso dei proprietari degli immobili interessatirappresentanti la maggioranza assoluta del valore di detti immobili in base all’imponibile catastalerisultante al momento della presentazione del piano, costituiti in consorzio ai sensi dell’articolo 27,comma 5, della legge 1 agosto 2002, n. 166.Le previsioni contenute nei PA e loro varianti, hanno carattere vincolante e producono effetti diretti sulregime giuridico dei suoli.Art. 9. Interventi edilizi direttiNelle aree nelle quali non siano previsti piani attuativi comunali come presupposto per gli interventi ditrasformazione urbanistica ed edilizia, l’attuazione del PR avviene mediante intervento diretto, tramitepermesso di costruire o denuncia di inizio attività, nei modi e nei termini stabiliti dalla legislazionestatale e regionale vigente. Nei casi espressamente previsti dal PR, gli interventi edilizi sonosubordinati a permesso di costruire convenzionato.
  9. 9. COMUNE DI AGRATE BRIANZA – PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIOPIANO DELLE REGOLE – NORME DI GOVERNO DEL TERRITORIO E DEL PAESAGGIO 109.1. Permesso di costruire convenzionato (PCC)Il permesso di costruire convenzionato (di seguito PCC) è lo strumento previsto dal PGT perl’attuazione dei disposti di cui all’articolo 36 della legge regionale 11 marzo 2005 n. 12, al fine diassicurare la partecipazione degli interventi edilizi all’urbanizzazione del territorio, qualora ricorrano lefattispecie di cui alle lettere a) b) e c) del presente articolo.a) Gli interventi di ristrutturazione edilizia comportanti demolizione e ricostruzione e gli interventi dinuova edificazione, non assoggettati a preventiva attuazione mediante piano attuativo, siattuano mediante PCC qualora sussistano le condizioni specificate nelle norme di governo chedisciplinano le singole unità urbanistiche.In particolare, i limiti delle superfici dei lotti edificabili indicati nelle norme delle singole unitàterritoriali, si intendono riferiti alla superficie asservita all’intervento necessaria in relazione allaSlp oggetto del progetto di intervento. La verifica deve essere estesa all’intero periodo di validitàdel relativo titolo edilizio.In tali fattispecie, il PCC comporta la cessione o l’asservimento all’uso pubblico di spazi di sostae di parcheggio, secondo i seguenti parametri:- per la realizzazione di edifici a destinazione residenziale e terziaria nella misura di mq 2 ognimq 10 della Slp oggetto di intervento;- per la realizzazione di edifici a destinazione produttiva nella misura di mq 1 ogni mq 10 dellaSlp oggetto di intervento.In tali casi, il PCC comporta la realizzazione e la cessione o l’asservimento all’uso pubblico, neimodi e nei termini previsti dall’ordinamento vigente in materia di lavori pubblici, a spese deisoggetti attuatori, delle opere necessarie a garantire l’accessibilità alle aree d’intervento.La Slp, computata secondo le specifiche di cui allarticolo 13.5 delle presenti NG, si riferisce aquella complessiva risultante dal progetto di intervento; la superficie destinata a parcheggiocomputabile è composta dalla effettiva superficie utilizzata per il parcheggio degli autoveicolicomprensiva degli spazi di manovra.b) Il PCC costituisce, nei casi di mutamenti di destinazione d’uso, lo strumento di attuazione deiprincipi stabiliti dall’articolo 51 della legge regionale 11 marzo 2005 n. 12, per la cessione, daparte degli interessati, delle eventuali aree o dotazioni aggiuntive di aree per servizi eattrezzature di interesse generale dovute per la nuova destinazione in rapporto alla dotazioneattribuita dalla precedente destinazione. In tali casi il PCC, comporta la stipula di convenzionepubblica o atto unilaterale d’obbligo, da trascriversi a cura e spese degli interessati, per lecessioni gratuite delle aree da destinare a servizi e attrezzature di interesse generale.c) Il PCC costituisce, infine, nei casi specificatamente individuati nelle norme di governo delleunità territoriali di cui al Titolo IV delle presenti NG, lo strumento di attuazione degli interventi daattuarsi nei Centri Storici, al fine di governare, per gli aspetti planovolumetrici, le azioni ditrasformazione e valorizzazione delle unità edilizie. Nel caso di PCC afferenti azioni diriqualificazione urbana ed edilizia, il PCC comporta la cessione, l’asservimento all’uso pubblicoovvero, nei casi specificati, la possibilità di monetizzazione di spazi di sosta e di parcheggionelle quantità di cui alla lettera a) del presente articolo.Il PCC comporta la stipula di convenzione pubblica o atto unilaterale d’obbligo, da trascriversi a cura espese degli interessati, per le cessioni gratuite o gli asservimenti all’uso pubblico delle aree necessarieper l’urbanizzazione. Ove necessario, il PCC comporta la realizzazione, nei modi e nei termini previstidall’ordinamento vigente in materia di lavori pubblici, a spese dei soggetti attuatori, della relativaviabilità atta a garantire l’accessibilità ai nuovi insediamenti.Le spese principali e accessorie, inerenti e dipendenti, riguardanti la convenzione o l’atto unilateraled’obbligo e gli atti successivi occorrenti alla sua attuazione, come pure le spese afferenti la redazionedei tipi di frazionamento delle aree in cessione o asservite e ogni altro onere annesso e connesso,sono a carico dei soggetti attuatori.Il PCC può prevedere il concorso di diversi soggetti attuatori e può prevedere che gli interventi ditrasformazione urbanistico-edilizia possano essere realizzati per diversi lotti funzionali a condizioneche la convenzione o l’atto unilaterale d’obbligo relativo al primo intervento, preveda il coordinamentoprogettuale per l’insieme delle opere di urbanizzazione primaria inerenti l’intero ambito assoggettato a
  10. 10. COMUNE DI AGRATE BRIANZA – PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIOPIANO DELLE REGOLE – NORME DI GOVERNO DEL TERRITORIO E DEL PAESAGGIO 11PCC e l’impegno alla realizzazione delle stesse, prima della richiesta del certificato di abitabilità per gliedifici direttamente serviti.La convenzione, o l’atto unilaterale d’obbligo, relativa alle fattispecie di cui al punto a) del presentearticolo, deve prevedere l’impegno degli interessati di procedere alla realizzazione degli spazi di sostae di parcheggio secondo un progetto unitario e coordinato, anche nei casi in cui il PCC preveda ilconcorso di diversi soggetti e la realizzazione per diversi lotti funzionali; la realizzazione dei parcheggirelativi allintervento oggetto di PCC, deve comunque garantire una soluzione architettonicamente efunzionalmente compiuta.La localizzazione dei parcheggi di cui al presente articolo deve essere prevista all’interno del lotto diintervento e in modo da assicurare l’accesso diretto dalla viabilità pubblica o di uso pubblico.In caso di asservimento, la convenzione, o l’atto unilaterale d’obbligo, deve prevedere l’impegno deltitolare dell’atto edilizio e dei suoi aventi causa, a non mutare la destinazione d’uso degli spaziasserviti e l’impegno alla manutenzione e alla conservazione delle aree e delle opere.Art. 10. Recupero ai fini abitativi dei sottotetti esistentiNei modi e nei termini previsti dalla legge regionale 11 marzo 2005, n. 12, nelle unità territoriali CS,UR1, UR2, UR6, UP7 sono ammessi interventi di recupero a fini abitativi dei sottotetti esistenti, conl’osservanza delle seguenti disposizioni: l’intervento di recupero ai fini abitativi non è ammesso negli edifici oggetto di tutela ai sensi deldecreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42; l’intervento di recupero non deve comportare aumento della superficie coperta dell’edificio; il sottotetto recuperato non è frazionabile con ulteriori orizzontamenti e solai intermedi; ai fini dell’osservanza dei requisiti di aeroilluminazione naturale diretta dell’unità immobiliarerecuperata è ammessa la creazione di lucernari in pendenza di falda, abbaini a falda unica concolmo parallelo alla linea di colmo della copertura, abbaini a doppia falda ortogonali alla linea dicolmo della copertura; sia nel caso di abbaino con colmo ortogonale alle falde principali, sia nel caso di abbaino confalda parallela alle falde principali stesse, tutte le finestrature in verticale e gli spiccati di pareteche le accompagnano dovranno essere arretrate di almeno m. 1,50 dal limite esterno delledelimitazioni perimetrali esterne del piano sottostante; le aperture, in ogni caso, dovranno essere assiali alle finestre della facciata sottostante almenoverso la pubblica via; ai fini dell’osservanza dei requisiti di aeroilluminazione naturale diretta è ammessa larealizzazione di terrazzi purché non aggettanti dal limite esterno delle delimitazioni perimetraliesterne del piano sottostante; nelle unità territoriali CS e UR1, l’intervento di recupero a fini abitativi dei sottotetti esistenti nondeve comportare alterazioni della configurazione geometrica principale della coperturapreesistente, non deve modificare l’altezza di imposta della falda, l’altezza di colmo e lapendenza delle falde. Non è ammessa la realizzazione di abbaini, capuccine e simili. Ai finidell’osservanza dei requisiti di aeroilluminazione naturale diretta è ammessa la realizzazione dilucernari in pendenza di falda e terrazzi in falda purché non aggettanti dal limite esterno delledelimitazioni perimetrali esterne del piano sottostante e a condizione che gli spiccati di pareteche li accompagnano, siano arretrati di almeno m. 1,50 dal limite esterno delle delimitazioniperimetrali esterne del piano sottostante. In tale arretramento, il manto di copertura dovràessere ripristinato secondo la linea di pendenza della falda principale della copertura; nelle unità territoriali UP7 l’intervento di recupero ai fini abitativi è ammesso unicamente per leunità immobiliari non costituenti pertinenze di unità locali destinate alla produzione di beni eservizi, funzionalmente distinte e autonome da strutture e impianti operativi o amministrativo-gestionali di imprese esercenti attività economiche. l’intervento di recupero a fini abitativi dei sottotetti esistenti, se volto alla realizzazione di nuoveunità immobiliari è, in ogni caso, subordinato all’obbligo di reperimento di spazi per parcheggipertinenziali nella misura prevista dall’articolo 64, comma 3 della legge regionale 11 marzo2005, n. 12.Art. 11. Opere di urbanizzazione primariaAi sensi dell’articolo 44 della legge regionale 11 marzo 2005, n. 12 sono opere di urbanizzazioneprimaria le opere pubbliche, di interesse pubblico o asservite ad uso pubblico quali strade, spazi di
  11. 11. COMUNE DI AGRATE BRIANZA – PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIOPIANO DELLE REGOLE – NORME DI GOVERNO DEL TERRITORIO E DEL PAESAGGIO 12sosta o di parcheggio, fognature, rete idrica, rete di distribuzione dell’energia elettrica e del gas,infrastrutture di reti pubbliche di comunicazione, cavedi multiservizi e cavidotti per il passaggio di retidi telecomunicazioni, pubblica illuminazione, spazi di verde attrezzato.Sono da assimilare alle opere di urbanizzazione primaria le attrezzature riconducibili alla necessità dimigliorare la qualità degli spazi urbani ed adeguarli alle innovazioni tecnologiche quali le seguenticategorie di opere: raccordi e svincoli stradali, barriere antirumore ed altre misure atte a mitigarel’inquinamento acustico, piazzole di sosta per gli autobus, piste ciclabili con relativi stalli e percorsiciclopedonali urbani, spazi attrezzati per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani, interventi eco-tecnologici per il trattamento delle acque reflue, bacini di raccolta per il riuso delle acque piovane.Fatto salvo quanto stabilito dalle norme di settore, con l’osservanza delle specifiche tecniche vigenti edelle direttive del piano urbano generale dei servizi nel sottosuolo (PUGSS), la realizzazione delleopere di urbanizzazione primaria costituenti sistemi a rete di infrastrutturazione del sottosuolo, èammessa in tutte le unità territoriali individuate dal PR. Nelle unità territoriali denominate Centri storicie nuclei di antica formazione, edifici di interesse storico di matrice rurale, parchi e giardini storici, larealizzazione deve garantire l’integrità dei caratteri tipologici, formali e costruttivi dei manufatti diinteresse storico-architettonico e comunque deve garantire la compatibilità con le esigenze prioritariedi tutela dei caratteri d’interesse culturale. Nelle aree costituenti il sistema delle aree agricole e ilsistema delle aree di valore paesaggistico-ambientale ed ecologiche, la realizzazione è ammessaqualora non sussistano idonee alternative, minimizzando gli impatti sul sistema ecologico e sulsistema del reticolo idrografico e, comunque, adottando gli opportuni accorgimenti tecnici in modo daridurre gli ostacoli o gli impedimenti permanenti per le normali lavorazioni connesse all’attività agricola.Art. 12. Opere di urbanizzazione secondariaAi sensi dell’articolo 44 della legge regionale 11 marzo 2005, n. 12 sono opere di urbanizzazionesecondaria le opere pubbliche, di interesse pubblico o asservite ad uso pubblico quali asili nido escuole materne, scuole dell’obbligo e strutture e complessi per l’istruzione superiore all’obbligo,mercati di quartiere, presidi per la sicurezza pubblica, delegazioni comunali, chiese e altri edificireligiosi, impianti sportivi di quartiere, aree verdi di quartiere, centri sociali e attrezzature culturali esanitarie, cimiteri. In particolare, sono qualificate come aree verdi di quartiere e distinte dagli spazi diverde attrezzato costituente urbanizzazione primaria, le aree a verde che in ragione della loroarticolazione spaziale e funzionale, realizzino delle dotazioni territoriali.CAPO II - INDICI URBANISTICI E PARAMETRI EDILIZIArt. 13. Indici e parametri edilizi e urbanisticiAl fine di individuare e controllare i requisiti edilizi ed urbanistici delle trasformazioni duso del suolo edegli interventi edilizi, sono assunti dalle presenti NG i seguenti indici e parametri, di seguito elencaticon le relative definizioni.Gli indici e i parametri rilevanti ai fini degli interventi di trasformazione edilizia del territorio, sonoespressi nelle singole unità urbanistiche e costituiscono riferimento per la verifica di conformità tecnicadegli atti di assenso, comunque denominati, necessari ai fini della realizzazione degli interventi edilizi.13.1. Superficie territoriale (St )Superficie dellarea oggetto di intervento di trasformazione urbanistica, comprensiva delle superficifondiarie destinate alledificazione e delle aree destinate alle opere di urbanizzazione primaria esecondaria; è la superficie di riferimento per la determinazione della capacità edificatoria degli ambitiassoggettati a pianificazione attuativa.13.2. Superficie fondiaria (Sf)Superficie dell’area oggetto di intervento diretto e di pertinenza degli edifici; ovvero è la parte residuadella St detratte le aree per le urbanizzazioni primarie e secondarie. Costituisce la superficie diriferimento per la determinazione della capacità edificatoria degli ambiti assoggettati ad interventiedilizi diretti.
  12. 12. COMUNE DI AGRATE BRIANZA – PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIOPIANO DELLE REGOLE – NORME DI GOVERNO DEL TERRITORIO E DEL PAESAGGIO 1313.3. Indice di edificabilità territoriale (It)E’ il rapporto tra la superficie lorda di pavimento, espressa in metri quadrati, e la superficie territoriale,espressa in metri quadrati.13.4. Indice di edificabilità fondiaria (If)E’ il rapporto tra superficie lorda di pavimento, espressa in metri quadrati, e la superficie fondiariaespressa in metri quadrati.13.5. Superficie lorda di pavimento (Slp)E la somma delle superfici dei singoli piani comprese entro il profilo esterno delle delimitazioniperimetrali degli edifici. Sono considerate nei computi le superfici di tutti i piani interrati, seminterrati efuori terra, con le seguenti specifiche:13.5.1. androni e atri di ingressoGli androni non sono considerati nei computi. Gli atri di ingresso comuni a più unità immobiliarinon sono considerati nei computi.13.5.2. cavediI cavedi non sono considerati nei computi.13.5.3. logge e porticiLe logge e i portici non sono considerati nei computi.13.5.4.pertinenzeLe pertinenze non diversamente normate dal presente articolo, non sono considerate neicomputi qualora soddisfino le seguenti condizioni:a. abbiano altezza massima, misurata all’estradosso della copertura, inferiore a m. 2,80;b. comportino la realizzazione di una Slp inferiore al 20% della Slp dell’edifico principaledi cui costituiscono pertinenza e comunque inferiore a 10 mq.13.5.5. scaleI vani scala di uso comune di due o più unità immobiliari, compresi gli eventuali impianti disollevamento per il collegamento verticale e i pianerottoli di sbarco e distribuzione, non sonoconsiderati nei computi al lordo delle loro murature perimetrali.Non sono altresì considerati nei computi le scale di collegamento tra il piano di campagna el’eventuale unità immobiliare posta non oltre il secondo piano fuori terra.Le scale interne a singole unità immobiliari sono considerate nel computo in misura pari alla loroproiezione ortogonale sul piano orizzontale del pavimento di partenza. In caso di scaleracchiuse in vani scala, sono considerate nel computo, in misura pari alla proiezione ortogonaledel vano scala sul piano orizzontale del pavimento di partenza. Sono analogamente consideratinei computi gli eventuali impianti di sollevamento e i pianerottoli di sbarco e di distribuzioneLe scale secondarie, scoperte e prive di delimitazioni perimetrali sporgenti dal piano dicampagna, di collegamento tra i vani principali degli edifici e gli spazi accessori quali le cantinee i locali sottotetto aventi le caratteristiche di esclusione dal computo della Slp, non sonoconsiderate nei computi.Le scale, scoperte e prive di delimitazioni perimetrali, di collegamento tra il piano di campagna eil piano terra degli edifici, non sono considerate nei computi.Le scale di sicurezza, purchè non costituiscano unico accesso alle unità immobiliari, non sonoconsiderate nei computi.13.5.6. serbatoi industriali e silosLa superficie dei serbatoi industriali e dei silos per lo stoccaggio dei prodotti è considerata neicomputi in misura pari alla loro proiezione ortogonale sul piano orizzontale del terreno.Non sono considerate nei computi le vasche di contenimento realizzate per impedire ilriversamento accidentale dei prodotti stoccati.
  13. 13. COMUNE DI AGRATE BRIANZA – PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIOPIANO DELLE REGOLE – NORME DI GOVERNO DEL TERRITORIO E DEL PAESAGGIO 1413.5.7.soppalchiI soppalchi sono considerati nei computi ad eccezione degli spazi aventi altezza mediaponderale inferiore a m. 1,80.13.5.8.spazi accessori siti negli interrati e nei seminterratiGli spazi accessori interrati e seminterrati di pertinenza delle soprastanti unità immobiliari, nonsono considerate nei computi qualora soddisfino le seguenti condizioni:a. ad eccezione delle cantine senza permanenza continuativa di persone, sianocompresi entro la proiezione ortogonale sul piano orizzontale della sagomadell’edificio soprastante;b. la quota, misurata dal piano di campagna all’estradosso della soletta di copertura, nonsia superiore a m. 1,40;c. l’altezza interpiano netta, determinata quale differenza tra la quota della soletta dicopertura misurata allintradosso e la quota di pavimento finito, sia inferiore a m. 2,60.13.5.9.spazi accessori siti nel sottotettoGli spazi accessori siti nel sottotetto di pertinenza delle sottostanti unità immobiliari, sonoesclusi dal computo qualora soddisfino le seguenti condizioni:a. siano compresi entro la proiezione ortogonale sul piano orizzontale della sagomadell’edificio sottostante;b. laltezza media ponderale sia inferiore a m. 2,40, calcolata sul singolo sottotettopertinenziale senza tenere in considerazione eventuali tramezzature delimitanti vaniinterni e senza tenere conto di eventuali controsoffitti;13.5.10.spazi destinati al ricovero di autoveicoliGli spazi destinati al ricovero di autoveicoli, compresi i relativi corselli di manovra, non sonoconsiderati nei computi qualora soddisfino le seguenti condizioni:a. siano interrati;b. se seminterrati, la quota misurata dal piano di campagna all’estradosso della soletta dicopertura, sia inferiore a m. 1,40;Gli spazi destinati al ricovero di autoveicoli realizzati ai sensi dell’articolo 9 della legge 24 marzo1989, n. 122, non sono considerati nei computi. Analogamente non sono computati gli spazidestinati al ricovero degli autoveicoli realizzati fuori terra in forza di atto edilizio emessoprecedentemente all’entrata in vigore del presente PGT, alle condizioni e nei limiti disposti dalPRG previgente.13.5.11.sporti aggettanti apertiGli sporti aggettati aperti non sono considerati nei computi.13.5.12.tamponamenti perimetrali per il perseguimento di maggiori livelli di coibentazione termoacustica o di inerzia termicaAi sensi e per gli effetti di cui alla legge regionale 20 aprile 1995, n. 26, i tamponamentiperimetrali e i muri perimetrali portanti delle nuove costruzioni di qualsiasi genere soggette allenorme sul risparmio energetico e, indistintamente, di tutti gli edifici residenziali, che comportinospessori complessivi sia per gli elementi strutturali che sovrastrutturali superiori a centimetri 30,non sono considerati nei computi, per la sola parte eccedente i centimetri 30 e fino ad unmassimo di ulteriori centimetri 25 per gli elementi verticali, se il maggior spessore contribuisceal miglioramento dei livelli di coibentazione termica, acustica o di inerzia termica.Non è considerato nei computi, l’aumento di Slp prodotto dagli aumenti di spessore di muratureesterne per la realizzazione di pareti ventilateI muri perimetrali portanti e di tamponamento, che costituiscono involucro esterno di nuovecostruzioni e di ristrutturazioni soggette al rispetto dei limiti di fabbisogno di energia primaria o ditrasmittanza termica, previsti dalle disposizioni regionali in materia di risparmio energetico, nonsono considerati nei computi in presenza di riduzioni certificate superiori al 10 per cento rispettoai valori limite previsti dalle disposizioni regionali in materia. Non sono altresì considerate neicomputi le serre bioclimatiche, integrate nella composizione dell’edificio, che garantiscano un
  14. 14. COMUNE DI AGRATE BRIANZA – PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIOPIANO DELLE REGOLE – NORME DI GOVERNO DEL TERRITORIO E DEL PAESAGGIO 15risparmio energetico con riduzioni certificate superiori al 10 per cento rispetto ai valori limiteprevisti dalle disposizioni regionali in materia.13.5.13. tensostrutture, tendoni e tunnel di coperturaFatte salve le specifiche norme per le attività agricole disciplinate dalla legge regionale 11marzo 2005 n. 12, sono considerate nei computi tensostrutture, tendoni e tunnel di copertura.Non sono computate nella Slp le strutture retrattili ancorate agli edifici, realizzate a protezionedelle aperture, senza binari ancorati al suolo e purché aventi dimensioni –misurate nella loromassima estensione- inferiori a mq 6.13.5.14. tettoieLe tettoie di pertinenza degli edifici, non sono considerate nei computi fino alla concorrenzapercentuale massima del 5% della Slp massima ammissibile nel relativo lotto edificabile ecomunque fino ad una dimensione complessiva massima di mq 100.Nel caso di percentuali e dimensioni maggiori, è computata solo la parte eccedente le misuremassime sopra descritte.13.5.15. volumi tecnici e tecnologiciI volumi tecnici, non sono considerati nei computi fino alla concorrenza percentuale massimadel 5% della Slp massima ammissibile nel relativo lotto edificabile e comunque fino ad unadimensione complessiva massima di mq 100.Nel caso di percentuali e dimensioni maggiori, è computata solo la parte eccedente le misuremassime sopra descritte.I volumi tecnologici non sono considerati nei computi fino alla percentuale massima del 40 %della Slp della unità locale di cui costituiscono pertinenza.Nel caso di percentuali e dimensioni maggiori, è computata solo la parte eccedente le misuremassime sopra descritte.13.5.16. passerelle e camminamenti civili e industrialiLe passerelle, scoperte e prive di delimitazioni perimetrali, destinate esclusivamente acamminamenti pedonali o per il sostegno di canalizzazioni degli impianti tecnologici, aventilarghezza minore di m. 2,40 non sono considerate nei computi.13.6. Rapporto di copertura territoriale (Rct)E’ il rapporto, espresso in percentuale, tra superficie coperta e superficie territoriale.13.7. Rapporto di copertura fondiaria (Rcf)E’ il rapporto, espresso in percentuale, tra superficie coperta e superficie fondiaria.13.8. Superficie coperta (Sc)E la superficie risultante dalla proiezione ortogonale sul piano orizzontale del terreno, delle porzioniedificate seminterrate e fuori terra comprese entro il profilo esterno delle delimitazioni perimetraliesterne, computata con le seguenti specifiche:13.8.1. androniGli androni non sono considerati nei computi.13.8.2. cavediI cavedi non sono considerati nei computi.13.8.3. logge e porticiLe logge e i portici assoggettati ad uso pubblico non sono considerati nei computi.13.8.4.pertinenzeLe pertinenze non diversamente normate dal presente articolo, non sono considerate neicomputi qualora soddisfino le seguenti condizioni:a. abbiano altezza massima, misurata all’estradosso della copertura, inferiore a m. 2,80;
  15. 15. COMUNE DI AGRATE BRIANZA – PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIOPIANO DELLE REGOLE – NORME DI GOVERNO DEL TERRITORIO E DEL PAESAGGIO 16b. comportino la realizzazione di una Sc inferiore al 20% della Sc dell’edifico principale dicui costituiscono pertinenza e comunque inferiore a 10 mq.13.8.5. scaleLe scale, anche se scoperte e prive di delimitazioni perimetrali, sono considerate nel computodella Sc, in misura pari alla loro proiezione ortogonale sul piano orizzontale; in caso di scaleracchiuse in vani scala, sono considerate nel computo in misura pari alla proiezione ortogonaledel vano scala.Sono analogamente considerati nei computi gli eventuali impianti di sollevamento e i pianerottolidi sbarco e di distribuzione.Le scale, scoperte e prive di delimitazioni perimetrali, di collegamento tra il piano di campagna eil piano terra degli edifici, non sono considerate nei computi.Le scale di sicurezza, purchè non costituiscano unico accesso alle unità immobiliari, non sonoconsiderate nei computi.13.8.6. serbatoi industriali e silosLa superficie dei serbatoi industriali e dei silos per lo stoccaggio dei prodotti è considerata neicomputi in misura pari alla loro proiezione ortogonale sul piano orizzontale del terreno.Non sono considerate nei computi le vasche di contenimento realizzate per impedire ilriversamento accidentale dei prodotti stoccati.13.8.7.spazi destinati al ricovero di autoveicoliGli spazi destinati al ricovero di autoveicoli, compresi i relativi corselli di manovra, non sonoconsiderati nei computi qualora soddisfino le seguenti condizioni:a. siano interrati;b. se seminterrati, la quota misurata dal piano di campagna all’estradosso della soletta dicopertura, sia inferiore a m. 1,40;Gli spazi destinati al ricovero di autoveicoli realizzati ai sensi dell’articolo 9 della legge 24 marzo1989, n. 122, non sono considerati nei computi.13.8.8. sporti aggettanti apertiGli sporti aggettanti aperti aventi profondità minore di m 1,80, non sono considerati nei computi.13.8.9. tamponamenti perimetrali per il perseguimento di maggiori livelli di coibentazione termoacustica o di inerzia termicaAi sensi e per gli effetti di cui alla legge regionale 20 aprile 1995, n. 26, i tamponamentiperimetrali e i muri perimetrali portanti delle nuove costruzioni di qualsiasi genere soggette allenorme sul risparmio energetico e, indistintamente, di tutti gli edifici residenziali, che comportinospessori complessivi sia per gli elementi strutturali che sovrastrutturali superiori a centimetri 30,non sono considerati nei computi, per la sola parte eccedente i centimetri 30 e fino ad unmassimo di ulteriori centimetri 25 per gli elementi verticali, se il maggior spessore contribuisceal miglioramento dei livelli di coibentazione termica, acustica o di inerzia termica.Non è considerato nei computi, l’aumento di Sc prodotto dagli aumenti di spessore di muratureesterne per la realizzazione di pareti ventilateI muri perimetrali portanti e di tamponamento, che costituiscono involucro esterno di nuovecostruzioni e di ristrutturazioni soggette al rispetto dei limiti di fabbisogno di energia primaria o ditrasmittanza termica, previsti dalle disposizioni regionali in materia di risparmio energetico, nonsono considerati nei computi in presenza di riduzioni certificate superiori al 10 per cento rispettoai valori limite previsti dalle disposizioni regionali in materia. Non sono altresì considerate neicomputi le serre bioclimatiche, integrate nella composizione dell’edificio, che garantiscano unrisparmio energetico con riduzioni certificate superiori al 10 per cento rispetto ai valori limiteprevisti dalle disposizioni regionali in materia.13.8.10. tensostrutture, tendoni e tunnel di coperturaFatte salve le specifiche norme per le attività agricole disciplinate dalla legge regionale 11marzo 2005 n. 12, sono considerate nei computi tensostrutture, tendoni e tunnel di copertura.
  16. 16. COMUNE DI AGRATE BRIANZA – PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIOPIANO DELLE REGOLE – NORME DI GOVERNO DEL TERRITORIO E DEL PAESAGGIO 17Non sono computate nella Sc, le strutture retrattili ancorate agli edifici, realizzate a protezionedelle aperture, senza binari ancorati al suolo e purché aventi dimensioni –misurate nella loromassima estensione- inferiori a mq 6.13.8.11. tettoieLe tettoie di pertinenza e al servizio degli edifici non sono considerate nei computi, fino allaconcorrenza percentuale massima del 5% della Sc massima ammissibile nel relativo lottoedificabile e comunque fino ad una dimensione complessiva massima di mq 100.Nel caso di percentuali e dimensioni maggiori, è computata solo la parte eccedente le misuremassime sopra descritte.13.8.12. volumi tecniciI volumi tecnici, non sono considerati nei computi fino alla concorrenza percentuale massimadel 5% della Sc massima ammissibile nel relativo lotto edificabile e comunque fino ad unadimensione complessiva massima di mq 100.Nel caso di percentuali e dimensioni maggiori, è computata solo la parte eccedente le misuremassime sopra descritte.13.8.13. passerelle e camminamenti civili e industrialiLe passerelle, scoperte e prive di delimitazioni perimetrali, destinate esclusivamente acamminamenti pedonali o per il sostegno di canalizzazioni degli impianti tecnologici, aventilarghezza minore di m. 2,40 non sono considerate nei computi.13.9. Superficie permeabile (Sp)Si intende la percentuale di superficie territoriale o fondiaria non interessata da manufatti edilizi chedeve essere mantenuta permeabile naturalmente in modo profondo. Tale superficie non deve essereinteressata da alcun tipo di edificazione fuori terra o interrata, né da alcun tipo di pavimentazione osistemazione impermeabile del terreno.13.10. Indice di permeabilità (Ip)E’ il rapporto, espresso in percentuale, minimo ammissibile tra la superficie permeabile Sp e lasuperficie di riferimento specificata dalle presenti NG.13.11. Altezza massima degli edifici (h max)E’ l’altezza, espressa in metri lineari, di riferimento per gli edifici e i manufatti edilizi e costituisce illimite massimo sul piano verticale oltre il quale non possono elevarsi.E la massima distanza, misurata lungo il prospetto esterno degli edifici, tra il piano di campagna ed ilpiano di copertura, dove: massima distanza:misura massima del segmento verticale congiungente i due piani; prospetto esterno:superficie del poligono esterno di delimitazione in elevazione di un edificio, definito inproiezione ortogonale sul piano verticale; piano di campagna:piano stradale antistante il prospetto di riferimento, misurato al lordo del marciapiede. Incaso di assenza di marciapiede si considera la quota strada aumentata di cm 15. In casodi differenza di quota tra la strada ed il terreno naturale della superficie di pertinenzadelledificio, superiore a m 1,00, si considera quale piano di campagna la quota medianaturale del terreno; piano di copertura negli edifici con copertura piana o pseudo-piana:piano orizzontale passante per lintradosso del solaio che determina la chiusura superioredelledificio, intesa come la superficie di separazione tra gli spazi interni delledificio e lospazio esterno soprastante esposto agli agenti atmosferici. Nel caso di solai a quotediverse, si considera quello avente la quota più elevata; piano di copertura negli edifici con copertura a falda:piano orizzontale passante per la linea dimposta della copertura, determinatadallintersezione tra lintradosso della falda di copertura ed il prospetto. Nel caso di faldacon linea dimposta a quote diverse, si considera la quota dimposta più elevata. Nel caso
  17. 17. COMUNE DI AGRATE BRIANZA – PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIOPIANO DELLE REGOLE – NORME DI GOVERNO DEL TERRITORIO E DEL PAESAGGIO 18in cui il piano sottotetto risulti interessato da orizzontamenti, si considera quale piano dicopertura il piano orizzontale passante per lintradosso di tale orizzontamento ; piano di copertura negli edifici con copertura a volta:piano orizzontale passante per la linea dimposta dellarco di volta, determinatadallintersezione della retta orizzontale passante per la superficie superiore dei sostegnidegli archi di volta ed il prospetto.Nel caso di volte con linee dimposta a quote diverse si considera la quota dimposta dellavolta più elevata. Nel caso in cui il piano sottotetto risulti interessato da orizzontamenti, siconsidera quale piano di copertura il piano orizzontale passante per lintradosso di taleorizzontamento.Sono esclusi dal computo dell’altezza massima i volumi tecnici a servizio degli edifici, purché noncostituiscano spazi altrimenti utilizzabili.Non sono soggetti al rispetto dellaltezza massima, compatibilmente al rispetto delle esigenzeambientali e paesaggistiche, i manufatti tecnici quali tralicci di elettrodotti, serbatoi idrici, torri pertelecomunicazioni, torri di raffreddamento e ciminiere, pennoni e campanili.Sono fatte salve le deroghe ai sensi e agli effetti di cui all’articolo 11 del decreto legislativo 30 maggio2008, n. 115.Art. 14. DefinizioniLe definizioni espresse dal presente articolo hanno carattere esplicativo e definitorio degli indici eparametri urbanistici e, in generale, dei termini utilizzati nel PGT. Costituiscono un glossario finalizzatoa conferire certezza normativa e univocità interpretativa alle prescrizioni che declinano le fattispecieurbanisticamente rilevanti. In caso di termini precisati in altri Regolamenti comunali, il PGT si riferiscea tali definizioni.14.1. Altezza media ponderaleRapporto tra il volume reale interno di uno spazio e la superficie di pavimento relativa.14.2. Androni e vestiboliAmbienti di disimpegno ed ingresso, situati al piano terra degli immobili, aventi o due lati aperti o unlato aperto ed uno collegato direttamente al corpo scale ed agli impianti di sollevamento.14.3. BallatoioStruttura orizzontale, aperta almeno su un lato, sorretta da mensole o a sbalzo sporgente dalledelimitazioni perimetrali esterne, ad uso di disimpegno e comunicazione tra il corpo di distribuzioneverticale e le unità immobiliari o parte di esse.14.4. CavedioSpazio circoscritto da muri perimetrali, situato all’interno di un edificio, destinato a dare aria e luce alocali secondari ovvero destinato al passaggio degli impianti tecnologici.14.5. Delimitazioni perimetrali esterneSono costituite dalle pareti esterne opache di qualsiasi materiale, dalle pareti esterne trasparenti e daiserramenti che racchiudono il volume delledificio.14.6. EdificioStruttura insediativa, composta da una o più unità immobiliari, identificabile per lasservimento dellastruttura stessa ad un unico lotto o costituente un organismo architettonicamente e funzionalmenteinscindibile.14.7. Linea di colmoE’ la retta orizzontale generata dall’intersezione dei piani inclinati opposti costituiti dalle falde ogenerata dall’intersezione superiore tra piani verticali e falda.14.8. Linea di grondaE’ la retta orizzontale posta al livello inferiore dei piani inclinati costituiti dalle falde. E’ determinatadall’intersezione dei piani inclinati con l’estradosso del piano orizzontale di copertura.
  18. 18. COMUNE DI AGRATE BRIANZA – PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIOPIANO DELLE REGOLE – NORME DI GOVERNO DEL TERRITORIO E DEL PAESAGGIO 1914.9. LoggiaE uno spazio aperto integrato al piano di un edificio, posto ad un livello superiore al piano terra;delimitata per almeno un lato dalledificio stesso e per i restanti da pilastri, può essere sormontata daterrazzo, copertura o edificio pieno.14.10. LottoPorzione continua di terreno, anche appartenente a più possessori (siano persone fisiche ogiuridiche), compresa in ambito a caratterizzazione omogenea; coincide con la superficie reale delterreno misurata in proiezione orizzontale.Per lotto edificabile si intende la superficie del terreno asservita all’intervento di trasformazioneurbanistico-edilizia e che costituisce il riferimento spaziale per il computo dei parametri di edificabilità.14.11. PertinenzeSono individuate quali pertinenze, le opere e i manufatti destinati in modo durevole a servizio o adornamento di edifici quali i manufatti di ingresso integrati nelle recinzioni, i ripostigli, i vani per ricoveroattrezzi, i manufatti per il gioco, le legnaie, i gazebo, gli spazi per il ricovero degli autoveicoli, le tettoie,i manufatti per il ricovero degli animali e le serre non destinati all’attività agricola professionale.14.12. Piano di un edificioSi definisce piano di un edificio lo spazio racchiuso o meno da pareti perimetrali, compreso tra duesolai, limitato rispettivamente dal pavimento (estradosso del solaio inferiore, piano di calpestio) e dalsoffitto (intradosso del solaio superiore). Il soffitto può essere orizzontale, inclinato o curvo.14.13. Piano fuori terraSi definisce piano fuori terra, il piano di un edificio il cui pavimento si trovi in ogni suo punto a unaquota uguale o superiore a quella del piano di campagna.14.14. Piano interratoE il piano avente quota di pavimento finito e quota della soletta di copertura, misurata allestradosso,inferiori alla quota del piano di campagna.14.15. Piano seminterratoE il piano avente quota di pavimento finito, inferiore alla quota del piano di campagna e la quotadellestradosso della soletta di copertura, superiore alla quota del piano di campagna.14.16. Piano sottotettoE il volume compreso tra lultimo solaio delimitante lultimo piano abitabile o praticabile ed il solaioinclinato di falda che sorregge il manto di copertura.14.17. Piano terraE’ il piano fuori terra dell’edificio avente quota del pavimento non superiore a 1,40 metri rispetto alpiano di campagna.14.18. PorticoE uno spazio aperto posto al piano terra di un edificio con almeno un lato aperto e/o eventualmentesostenuto da pilastri; può essere sormontato da terrazzo, da copertura o edificio.14.19. Sagoma delledificioFigura solida delimitata dalle varie superfici - verticali, orizzontali, inclinate e curve - che contengonotutte le fronti delledificio stesso e i piani delle coperture (falde, lastrici solari, coperture a terrazza),compresi i balconi e gli altri corpi aggettanti aventi sporgenza maggiore di metri 1,80.14.20. SoppalcoE’ un piano intermedio allinterno di spazi primari avente almeno un lato non delimitato da pareti a tuttaaltezza.
  19. 19. COMUNE DI AGRATE BRIANZA – PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIOPIANO DELLE REGOLE – NORME DI GOVERNO DEL TERRITORIO E DEL PAESAGGIO 2014.21. Spazi residenziali accessoriSono locali integrativi ai locali di abitazione, caratterizzati da una permanenza di tipo saltuario edestinati a sala da gioco, sala di lettura, sala hobby, lavanderia, stenditoi, stireria, cantine e cantinole,locali di sgombero, spazi per la raccolta dei rifiuti, e similari.14.22. Spazi residenziali primari e di servizioSono locali di abitazione caratterizzati da una permanenza di tipo continuativo e destinati a camera daletto, sala, soggiorno, pranzo, cucina, spazi di cottura, stanze da bagno, servizi igienici, spogliatoi,guardaroba, corridoi di distribuzione, e similari.14.23. Spazi accessori delle unità locali a destinazione primaria, secondaria, terziariaSono spazi destinati ad accogliere servizi integrativi allo svolgimento dell’attività principale diproduzione e trasformazione di beni e di servizi o dell’attività principale di vendita di prodotti, quali adesempio spogliatoi e guardaroba, locali per il deposito dei materiali per la pulizia dei locali, archivi.14.24. Sporti aggettanti apertiStrutture orizzontali o inclinate sporgenti dalle delimitazioni perimetrali esterne quali balconi, pensiline,gronde e cornicioni. Privi di sostegni esterni, sono imperniati su un fulcro al quale sono ancorati,ovvero costituiscono prolungamento dei solai e delle travi.14.25. Tensostrutture, tendoni e tunnel di copertura.Sistemi per lo stoccaggio delle merci, per il ricovero dei veicoli o per la protezione delle persone,realizzati con strutture metalliche o di altro materiale, delimitate da copertura ed eventuali paretiperimetrali, anche retrattili.14.26. TettoiaStruttura costituita da copertura piana o inclinata, a sbalzo o sostenuta da strutture verticali, apertaalmeno su due lati adiacenti, può essere addossata ad uno o a due lati di un edificio.14.27. Unità immobiliareE il complesso di vani organizzati al fine di un’utilizzazione funzionale unitaria, comprensivo dellepertinenze.14.28. Volumi tecnici e tecnologiciSono i vani e gli spazi strettamente necessari a contenere le apparecchiature principali ed accessoriedegli impianti tecnici al servizio degli edifici (impianti idrici, termici, di condizionamento dellaria, disollevamento, elettrici, telefonici, per le telecomunicazioni, fognari, di raccolta e sgombero immondizie,impianti tecnologici per la depurazione delle acque, dell’aria e per la riduzione delle emissioni dirumore, attrezzature e impianti per il trasporto di liquidi e gas, ecc.) aventi un rapporto di strumentalitànecessaria con l’utilizzo della costruzione e che non sono ubicati all’interno della parte abitabile degliedifici.Sono volumi tecnologici gli spazi strettamente necessari a contenere gli impianti di servizio e dipertinenza delle strutture produttive (produzione e/o distribuzione dell’energia meccanica, elettrica etermica e per la realizzazione di condizioni ambientali idonee alla produzione e conservazione dei benie ad assicurare la sicurezza dei lavoratori, quali impianto elettrico e cabine di trasformazione, impiantoidrico per l’acqua industriale, impianto termico per la produzione di acqua calda e vapore necessariper le lavorazioni, impianti di condizionamento e antincendio, montacarichi) aventi un rapporto distrumentalità necessaria con l’impresa produttiva di beni insediata.14.29. Volume virtualeE’ il prodotto della Slp per laltezza virtuale di interpiano considerata pari a m 3,00.
  20. 20. COMUNE DI AGRATE BRIANZA – PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIOPIANO DELLE REGOLE – NORME DI GOVERNO DEL TERRITORIO E DEL PAESAGGIO 21CAPO III - DISCIPLINA DEI PARCHEGGIArt. 15. Parcheggi privati pertinenzialiIn ogni intervento -a qualsiasi attività destinato- di nuova costruzione, di ampliamento del patrimonioedilizio esistente e di demolizione e successiva ricostruzione, devono essere riservati appositi spaziper parcheggi in misura non inferiore ad un metro quadrato per ogni dieci metri cubi di costruzione, aisensi dellarticolo 41 sexies della legge 17 agosto 1942, n. 1150 e successive modificazioni eintegrazioni.Le superfici di cui sopra devono essere computate secondo i seguenti criteri:- il volume di riferimento è quello virtuale;- la superficie destinata a parcheggio computabile è composta dalla effettiva superficie utilizzataper il parcheggio degli autoveicoli, con lesclusione delle rampe di accesso; è ammesso ilcomputo degli spazi di manovra in piano fino alla concorrenza massima del 40 % rispetto allasuperficie che deve essere riservata;- negli interventi di ampliamento, ferma restando la dotazione di spazi per parcheggi preesistente,le superfici da destinare a parcheggio devono essere computate con riferimento al volumeoggetto dell’ampliamento.Per gli edifici a destinazione residenziale dovrà comunque essere assicurata la dotazione minima di 1posto auto ogni unità immobiliare. Per gli edifici a destinazione produttiva di beni dovrà comunqueessere assicurata la dotazione minima di 1 posto auto ogni 100 mq di slp.E ammessa la realizzazione di spazi per parcheggi da destinarsi a pertinenza delle unità immobiliariesistenti purché gli stessi vengano localizzati nel sottosuolo od al piano terreno degli edifici, ai sensidellarticolo 9 della legge 24 marzo 1989, n. 122 e con l’osservanza delle disposizioni di cui alla leggeregionale 11 marzo 2005, n. 12.Ad eccezione degli edifici ricadenti nelle unità urbanistiche qualificate dal PR come centri storici, edificidi interesse storico di matrice rurale, per gli edifici esistenti e realizzati in forza di titolo edilizio emessoprecedentemente alla data del 7 aprile 1989, al fine del recupero della dotazione minima degli spazida destinare a parcheggio, è ammessa la realizzazione di parcheggi privati a box o a posti autoindividuali, anche in deroga agli indici di edificabilità prescritti dalle norme delle singole unitàurbanistiche, con l’osservanza dei seguenti parametri:Hmax. m. 2,50Superficie massima da destinare a parcheggio = 10 % del volume esistente.Art. 16. Parcheggi privati per impianti all’apertoNei casi di strutture o impianti fissi per attività all’aperto, devono essere riservati appositi spazi perparcheggi secondo le seguenti dotazioni minime: per le attività produttive (deposito ed esposizione di merci e materiali a cielo aperto), in misuranon inferiore ad un metro quadrato ogni 20 metri quadrati della superficie fondiaria interessata; per le attività sportive, ricreative e di divertimento, in misura non inferiore ad un posto auto ogni4 unità di capienza delle strutture e degli impianti; la capienza è calcolata ai sensi delle vigentidisposizioni in materia di sicurezza, come somma del numero massimo di addetti, praticanti espettatori.Art. 17. Utilizzo del patrimonio comunaleIl Comune, fatte salve le disposizioni in materia di aree per attrezzature pubbliche o di uso pubblico,anche su richiesta dei privati interessati, in forma individuale ovvero societaria, può cedere in diritto disuperficie aree del proprio patrimonio o il sottosuolo delle stesse per la realizzazione di parcheggiprivati pertinenziali.La localizzazione di tali aree è individuata dal Comune mediante apposito bando destinato a personefisiche o giuridiche proprietarie o non proprietarie di immobili, riunite anche in forma cooperativa,nonché ad imprese di costruzione, definendo:a) i requisiti dei soggetti aventi diritto;b) le modalità di selezione delle richieste e di concessione del diritto di superficie sulle aree;c) l’ambito territoriale di riferimento per soddisfare il fabbisogno di parcheggi delle unità immobiliariinteressate;d) la documentazione tecnico-progettuale necessaria;e) le garanzie economico-finanziarie da prestare.
  21. 21. COMUNE DI AGRATE BRIANZA – PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIOPIANO DELLE REGOLE – NORME DI GOVERNO DEL TERRITORIO E DEL PAESAGGIO 22Per quanto non precisato nel presente articolo è fatto espresso richiamo e rinvio alle disposizioni di cuiall’ articolo 68 della legge regionale 11 marzo 2005, n. 12 e all’articolo 9 della legge 24 marzo 1989,n. 122.CAPO IV - DISCIPLINA DELLE DISTANZEArt. 18. Distanze delle costruzioni dai confini con proprietà di terzi (Dc)Per distanza delle costruzioni dal confine con proprietà di terzi finitime, si intende la distanzatopografica misurata come lunghezza del segmento rettilineo che congiunge la proiezione ortogonalesul piano orizzontale del terreno delle delimitazioni perimetrali esterne del manufatto edilizio (con lasola esclusione di sporti aggettanti aperti aventi profondità inferiori a metri 1,80) e la linea di confine.Negli interventi di nuova costruzione, di ristrutturazione edilizia comportante demolizione ericostruzione, la distanza minima non può essere inferiore a metri 5,00. Nel caso in cui tale distanzasia inferiore a metà dell’altezza della costruzione, la distanza minima deve essere incrementata fino araggiungere tale misura.Distanze minori, in ogni caso non inferiori a metri 3,00, sono consentite in caso di: seminterrati aventi quota dell’estradosso della soletta di copertura inferiore a m. 1,40; edifici facenti parte di piani attuativi quando specificatamente ammesso dalla normativa delpiano attuativo stesso; accordo fra i proprietari, debitamente dimostrato con assenso della proprietà asservitamediante atto trascritto ai Pubblici Registri Immobiliari;E’ ammessa l’edificazione in fregio al confine, in caso di: edifici facenti parte di piani attuativi quando specificatamente ammesso dalla normativa delpiano attuativo stesso; costruzioni in unione o in aderenza a muri nudi di fabbricati esistenti, ai sensi degli articoli873 e seguenti del Codice Civile; tale disposizione si giustifica solo in presenza dicostruzione di manufatti dotati di un muro idoneo allappoggio e unicamente in caso direalizzazione di un edificio architettonicamente integrato. volumi tecnici e pertinenze aventi altezza massima, misurata all’estradosso della copertura,inferiore a metri 2,80. accordo fra i proprietari, debitamente dimostrato con assenso delle proprietà mediante attotrascritto ai Pubblici Registri Immobiliari;Non sono considerate, ai fini del computo della distanza, le costruzioni interrate; non sono altresìconsiderati: i muri di cinta, le recinzioni e i muri isolati, che abbiano altezza non superiore a metri 2,80; le strutture di arredo urbano (quali chioschi, gazebo, pensiline bus, opere artistiche) e gliimpianti tecnologici (quali cabine elettriche e telefoniche, di decompressione della rete delgas ecc…) pubblici e di interesse pubblico, aventi altezza massima, misurata all’estradossodella copertura, inferiore a m. 2,80.Sono fatte salve le deroghe ai sensi e agli effetti di cui all’articolo 11 del decreto legislativo 30 maggio2008, n. 115.Art. 19. Distanze delle costruzioni dagli spazi pubblici (Dp)Per distanza delle costruzioni dal confine con spazi pubblici o assoggettati all’uso pubblico, si intendela distanza topografica misurata come lunghezza del segmento rettilineo che congiunge la proiezioneortogonale sul piano orizzontale del terreno delle delimitazioni perimetrali esterne del manufattoedilizio (con l’esclusione di sporti aggettanti aperti aventi profondità inferiori a m. 1,80) e la linea diconfine.Ferme restando le disposizioni dettate in materia dal regolamento di esecuzione e attuazione delNuovo Codice della Strada, negli interventi di nuova costruzione, di ristrutturazione ediliziacomportante demolizione e ricostruzione, la distanza minima dal confine stradale non può essereinferiore a: m. 5 per strade aventi carreggiata di larghezza inferiore a m. 7; m. 7 per strade aventi carreggiata di larghezza compresa tra m. 7 e m. 15; m. 10 per strade aventi carreggiata di larghezza superiore a m. 15;

×