Moodle ed eXelearning, un’accoppiata vincente in Forumlive

1,169 views

Published on

Moodle ed eXelearning, un’accoppiata vincente in Forumlive
(Paola Lerza, Sebastiana Schillaci, Ada Giammarinaro, Marisa Galiani)

Published in: Education
0 Comments
3 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
1,169
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
3
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Moodle ed eXelearning, un’accoppiata vincente in Forumlive

  1. 1. MOODLE ED EXELEARNING: UN’ACCOPPIATA VINCENTE IN FORUMLIVE Paola Lerza, Sebastiana Schillaci, Ada Giammarinaro, Marisa Galiani Forumlive Italia redazione@forumlive.net SHORT PAPER Abstract Sulla piattaforma Moodle di Forumlive, Associazione di docenti di ogni parte d’Italia e di vari ordini di scuola che mettono in gioco le proprie competenze e l’entusiasmo per il loro lavoro, si attua un processo collaborativo online attraverso il quale, con l’uso di strumenti come Wiki e Mindmap, oltre ovviamente a chat e forum, e con l’azione di coordinamento da parte del docente promotore del tema, si giunge alla definizione, alla progettazione e alla realizzazione in gruppo di learning objects costruiti con eXelearning. Il software quindi trova piena applicazione in risorse che vengono poi messe gratuitamente a disposizione di tutti sul web, nel pieno rispetto della filosofia della condivisione. Keywords - Innovazione, tecnologia, progetti di ricerca, didattica, learning objects 1 PRESENTAZIONE DI FORUMLIVE Forumlive è nata cinque anni fa come Comunità di pratica composta da docenti che hanno cominciato a collaborare on line attraverso una piattaforma Moodle e che nelle nuove tecnologie hanno creduto da subito. Grazie ai rapporti di amicizia e alla forte motivazione professionale, che sono stati veri elementi di forza e di coesione, oggi è divenuta un’Associazione legalmente costituita senza scopo di lucro. Al suo interno sono attivi laboratori, spazi creativi, ambienti di discussione su tutte le problematiche di attualità sociale e scolastica, con occasioni di arricchimento culturale e di confronto per docenti di ogni ordine e grado di scuola e notevoli opportunità di crescita professionale. Sulla piattaforma dinamica Moodle di Forumlive (http://lnx.forumlive.net/areafad) si studiano e si insegnano vari software utilizzabili nella didattica quotidiana, il funzionamento dei quali viene divulgato con la messa a punto di tutorial e videotutorial di facile fruizione; nei laboratori si realizzano poi oggetti didattici adattabili al lavoro di classe e pubblicati (alcuni in forma scaricabile, altri in forma solo consultabile) sul sito statico http://www.forumlive.net, prevalentemente nelle rubriche Proposte indOcenti e Materiali didattici. 2 CREAZIONE DI LEARNING OBJECTS (LO) La creazione di un LO all’interno della nostra comunità di pratica passa attraverso varie fasi logiche e cronologiche, così sintetizzabili: 2.1 Fase 1: individuazione del tema Si sceglie, in genere, un macrotema che si presti a una trattazione pluridisciplinare e in una qualche misura “verticalizzabile”, che possa cioè accompagnare il discente nel percorso scolastico dall’infanzia all’adolescenza e incontrare le esigenze del docente in più ordini e gradi di scuola. Qualora anche non si trattasse di percorsi strettamente curricolari, si intende comunque offrire una serie di spunti atti a delineare un’ottica secondo la quale ogni aspetto o fenomeno oggetto di studio può essere affrontato secondo varie prospettive che concorrono, insieme, a costituire l’unicum della cultura. 2.2 Fase 2: brainstorming “strutturato” Nell’ambito del gruppo si individuano le competenze, le sfere d’azione e i campi d’interesse. Naturalmente il tutto è libero e volontario, ma chi sceglie di partecipare al lavoro “garantisce” un impegno destinato a tradursi in un contributo. Viene dunque aperto sulla piattaforma Moodle uno
  2. 2. spazio wiki dove avviene il primo brainstorming “strutturato”. L’apparente ossimoro insito nell’espressione si spiega col fatto che la prima raccolta “casuale” di elementi avviene all’interno di una primitiva struttura, che è quella del wiki stesso, il quale già nel suo nascere si compone di varie pagine, ciascuna con il nome dell’autore, o dell’ordine di scuola di riferimento, o di un particolare risvolto del tema prescelto. Su questo brogliaccio di partenza si gettano le basi per una interazione che si è sempre rivelata proficua e costruttiva (Fig.1). Fig.1. Schematizzazione del lavoro su Wiki 2.3 Fase 3: raccolta del materiale e prima ipotesi di struttura Date le premesse sopra citate, ciascun partecipante raccoglie e mette sul tavolo, sotto gli occhi di tutti, il materiale didattico opportuno, che viene poi, attraverso confronto su forum dedicato (Fig.2), discusso, selezionato e infine almeno provvisoriamente dislocato nelle varie unità e settori in cui si articolerà il LO. In questo modo, già all’interno del wiki, viene a delinearsi una prima ipotesi di struttura del lavoro, si definiscono meglio i campi d’azione dei singoli autori, si formulano almeno in sintesi gli obiettivi didattici e i relativi destinatari. Fig. 2. Forum di discussione sull’organizzazione del lavoro 2.4 Fase 4: progettazione e storyboard Nell’organizzare il materiale didattico da assegnare alle varie unità o settori, prendono forma la tassonomia e la struttura definitiva del LO, si inseriscono i metadata in modo da renderne più semplice il reperimento sul web, si pensa agli strumenti che possono completare l’oggetto didattico in termini di
  3. 3. attività di ricerca, di approfondimento e di tipologia di verifica. Nell’ottica dello studente moderno, che apprende con maggiore facilità se può usufruire di strumenti mediatici diversificati, si cerca appunto una formulazione multi-mediale (audio, video, consultazione di siti, links e interattività) che vada oltre il concetto canonico di “lezione” etimologicamente intesa: se ci si sofferma a pensare che la lectio di un tempo era semplicemente un testo “letto” dall’insegnante a una platea di ascoltatori passivi… beh, ogni ulteriore commento appare del tutto superfluo. 2.5 Fase 5: esecuzione e assemblaggio Va premesso che tutti i partecipanti al lavoro conoscono l’uso del software eXelearning per averlo appreso attraverso un corso di formazione gratuito tenutosi tempo fa sulla nostra piattaforma Moodle http://lnx.forumlive.net/areafad. In quell’occasione era stato fornito ai corsisti anche il materiale per realizzare un LO complesso e articolato, appositamente ideato per prospettare via via le diverse opzioni offerte dal programma. Ciascun autore è dunque in grado di mettere a punto il suo “pezzo” (Fig.3), che viene poi assemblato dal coordinatore di progetto previa predisposizione di una copertina comune ed esportato in forma di cartella web per essere poi inserito sul sito come materiale di consultazione non scaricabile. Fig. 3. Collages di lavori realizzati con eXelearning 2.6 Appendice - progettazione ed esecuzione di nuovi stili grafici per eXe Alcune nostre docenti sono intervenute sulla sintassi dei fogli di stile per aggiungere templates e nuove icone negli idevices dei LO che si addicessero all'argomento trattato, avvalendosi dei lavori creati nel laboratorio di grafica. Hanno, pertanto, creato nuovi stili grafici alla ricerca di soluzioni personalizzate, al fine di ottenere un impatto grafico di sicuro interesse e rendere distinguibili i vari lavori con identità differenziate. 3 RIFERIMENTI SITOGRAFICI ESEMPLIFICATIVI AI LAVORI PRODOTTI [1] http://www.forumlive.net/proposte/proposteindocenti/index1.htm

×