Fabbale intervista-penna-vintage

711 views

Published on

http://www.pennamagazine.it/cgi-bin/pennavintage/index.html#/1/

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
711
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
5
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Fabbale intervista-penna-vintage

  1. 1. PEN FRIENDS14
  2. 2. VintagePassionwithout borders…Apart from Italy’sWe interview one of Italy’s most respected collectors, Fabio Balestri, who’s been collectingvintage fountain pens since the early ’90s.Riccardo and Alessia MurrauPhotos: Fabio Balestri and the Riccardo Murrau archive sion and his collection, whichR egardless of the thing col-lected, the world of collecting is includes pens from every corner of the globe.made up of people who,through their passion and dedi- How did you catch the col-cation, keep alive the interest in lecting bug?all kinds of objects and artworks It started with a pen at home. Itthat might otherwise be forgot- was an Omas 361 Arco that myten. Vintage fountain pen col- father used when I was still atlecting is certainly no exception. school. He was a mechanicalAnd – excluding those few peo- engineer, so needed a “tool” –ple who’ve made it into a pro- as he put it – that could writefession – this world is still most- with both a medium and finely populated by people who line for drawings and plans.hunt and collect for the sheer This pen was always in thepleasure of owning this or that house but unfortunately the nibpen. And this is a pleasure that eventually broke. One day Igoes way beyond simply using happened upon an exhibitionthe pen for writing. Collectors of Omas pens organized by Gio-like Fabio Balestri, CEO of vanni Favillini, who later be-ProRetail Gruppo Potenti, has came a friend of mine and mybeen collecting vintage fountain first supplier of limited editionpens since the early ’90s and pens. I found a pen on displaynowadays is one of Italy’s most that was the same as my father’srespected collectors. And he’s (which I’d removed from its dis-achieved this while bringing his play case at home), so askedtypically Tuscan cheerfulness to him what he could tell me aboutthe sometimes stuffy world of it. Favillini told me that the penvintage pen collecting. We had been a valuable collectibletalked to Balestri about his pas- for quite some time and I should 15
  3. 3. put mine right back in its case! So I did, and the pen is tage pens from him: a Parker 51 and a carmine redstill in my collection, along with those that I’ll never Sheaffer Admiral. I was overjoyed when they arrived!ever part with. And terrified when I first tried filling the Sheaffer lever- filler!What happened then?After restoring the Omas 361, I became a regular at Fav- In this age of the Internet and instant communica-illini’s pen store in Livorno. This is where I first started tion, which pens do you think are the most col-finding my way around pen collecting, buying different lectible as far as historical and investment valuelimited editions as they came out – especially the ones are concerned?by Omas, such as the Collezione Celluloide, Italia 90, I believe that modern technology has helped ItalianEuropa, Colombo II, Vespucci, and many of the other pens take their rightful place in the world of vintage penpens released back then. I also bought the wonderful collecting.book Penna da collezione by Maggi, Negretti, and Thanks to forums like Pennamania, but also – I’m proudNencini. As I read it, a whole new world opened up to to say – because of the work of people like me whome: the world of vintage pens. It was at this point that I spread the word about Italian pens on overseas forums,decided to learn more and began focusing exclusively there’s now quite some interest in Italian pens madeon collecting vintage pens. during the golden years up to 1940/1950. There’s alsoAt the time, it was hard to meet other collectors. some widespread amazement at how beautiful they are!But I was lucky enough to find Daniele Teppa’s name in At the global level, almost everyone has heard of the Biga magazine. Daniele sold pens by sending you a black Four – Duofolds, Sheaffers, Watermans, and Conklins –and white photocopy of the pen. I bought my first vin- partly because they were the earliest pens made.16
  4. 4. Passione senzaAlso, Watermans and Parkerswere the first pens to be exportedto Europe. But how many peopleoutside Italy have heard ofWilliamson, Stilus, Columbus, or confini ma le italiane...even an amazing pen like theOmas Lucens? I therefore thinkthat the Internet can do a lot forItalian pens.The same is true for Japanesepens, too, which still seem to fly- Intervista a Fabio Balestri, che colleziona penneing under the radar. The internet stilografiche d’epoca fin dai primi anni ‘90 e che è oggican spread awareness of their uno dei più apprezzati collezionisti italianibeauty and the meanings behindtheir maki-e decorations.Collecting fountain pens can Il mondo del collezionismo, indipendentemente da ciò che si colleziona, è ali-sometimes be an expensive mentato da una fitta rete di persone che con la loro passione e dedizione man-hobby. Most pens, though, tengono vivo l’interesse per molti tipi di oggetti, utensili, opere d’arte ecc..can usually be picked up for a Quello della penna stilografica d’epoca non fa eccezione e, se si escludono po-reasonable price – especially chi commercianti che ne hanno fatto una professione, questo mondo è ancorawhen compared to modern per lo più formato da persone che cercano, trovano e poi collezionano per il pu-pens, which often leave a lot ro piacere di possedere questa o quella penna, che va al di là del fatto di utiliz-to be desired when it comes to zarla quotidianamente. Appassionati come Fabio Balestri, presidente di ProRe-both design and quality. So, tail Gruppo Potenti, che colleziona penne stilografiche d’epoca fin dai primiwhat do you think people anni ‘90 e che oggi è uno dei più apprezzati collezionisti italiani. Balestri non èshould look for when decid- soltanto un collezionista, ma una persona che ha saputo fondere la spensiera-ing if the asking price of a vin- tezza e goliardia tipica dei toscani con il mondo non sempre espansivo e apertotage pen is reasonable? del collezionismo di penne d’epoca. Con lui abbiamo dunque parlato della suaSince I’ve been collecting, I’ve passione e della sua collezione, che costituisce una sorta di vetrina dell’interaonly ever really followed the sug- produzione mondiale.gested guidelines a few times. Ialmost always follow my instincts(and my wallet!) as well as the oldsaying that beauty is in the eyeof the beholder. Needless tosay, I’ve made a fewgood deals but havealso been left witha bitter taste inmy mouth a fewtimes.There are certainpens that have an al-most standard value, but ul-timately you decide yourselfwhat you want to pay for a pen. Ifthat figure happens to coincidewith the seller’s expectations,you’re in luck.Why do you prefer vintage tomodern fountain pens? 17
  5. 5. Vintage pens have a charm and mys- vintage pens with me to work. Com’è nata la tua passione?tery about them that modern pens If I need to write a letter, I’ll then draft Ho cominciato da un ritrovamentosimply don’t have. it in pen first and then copy it to the casalingo. Era una Omas 361 ArcoHave you ever asked yourself, for ex- computer. che mio padre usava ai tempi dellaample, who might have owned the scuola; essendo perito disegnatorevintage pen you’re writing with? What advice would you give new- meccanico, aveva necessità di “unHow many words – and what were bies about the best vintage pens attrezzo” (come dice lui) che potes-they – did it write, back when the to start a collection? se scrivere medio e fine per traccia-pen was one of out most important I think it’s a good idea to begin with re linee e disegni. Questa penna eracommunication tools? Love letters, a Parker Duofold or two – not neces- sempre stata in casa, ma purtroppoletters from the front or from distant sarily in perfect condition, though. aveva il pennino rotto; un giorno,relatives, historical documents… They’re part of fountain pen history dalle mie parti mi sono imbattuto inAnd you mustn’t forget that when and their design inspired a lot of oth- una mostra di penne Omas organiz-vintage pens were made, no one saw er manufacturers. zata da quello che poi sarebbe di-them as collectibles. They’re easy to find – provided you ventato un amico e il mio primo for-They were made to be beautiful and don’t insist on perfection or a certain nitore di penne in edizione limitata:with technical refinements to make color – and they can also be a good Giovanni Favillini di Livorno.them functional, but not to be col- training ground for dismantling pens Girando per la mostra mi fermai alected. and discovering how they work so parlare con lui e gli chiesi informa-They’re still making beautiful pens that you can then repair others. zioni su una penna uguale a quellanowadays, but sometimes they’re They’re strong and very simple: a di mio padre che avevo preso dacompletely impractical since they’re rubber bladder, a pressure bar, and a una teca: Favillini mi fece capire chetoo heavy or limited to just 1,000. It’s button. That’s it! oltre al valore affettivo quella pennatoo easy to manufacture a collecting aveva anche, già al tempo, un di-“phenomenon. Is your collection based on some screto valore collezionistico e che”But if someone makes a beautiful theme – a period, history, or quindi doveva assolutamente esse-pen – even a limited – that’s also style – or is it free? re rimessa a posto. Così natural-functional, maybe with something It’s free, although since the advent of mente è stato e oggi la penna è neiinnovative about it, and a price tag Pennamania, my interest in Italian miei cassetti e fa parte della schierabased on its objective value, then pens has been reignited after it delle cosiddette incedibili.collectors themselves will make it in- flagged a little a few years ago.to a success, will turn it into a gen- Nowadays, I go looking for Italian Qual è stato il passo successivo allauine phenomenon. pens more than ever, seeing as mostra e all’incontro con Favillini?I often wonder if the big manufactur- through the forum you meet other Dopo aver rimesso in condizione laers simply make pens that some en- collectors who are always willing to Omas 361, ho iniziato a frequentaregineer or designer has come up with trade. il negozio di Favillini a Livorno, dovesitting at their desk or if they’re really ho iniziato a “prendere confidenza”in tune with what the market When choosing a pen, how influ- con il collezionismo delle penne, ac-wants.I’m a desk jockey myself and I enced are you by its investment quistando in quel momento le varieoften take two or three freshly filled value? serie limitate che venivano prodotte 18
  6. 6. Not at all. I’ve never bought a pen as you bought it from is untrustworthy. soprattutto da Omas (Collezionean investment. I’ve never tried to I don’t think investors have any love Celluloide, Italia 90, Europa, Colom-work out how much I’d make if I for fountain pens. For them, pens bo II, Vespucci) e molte altre pro-sold it. Like I said, I buy what I like are simply a way of quenching their dotte in quegli anni. Acquistai an-and what I can afford at the time. thirst for doing business. che il bel libro “Penne daLike everyone, I sometimes have to They could just as easily do it with collezione” di Maggi, Negretti esell off a few pens – maybe even any other object. Nencini e leggendolo mi si spalancòvaluable ones – to recapitalize so I As far as eBay and pen shows are un mondo che ancora non conosce-can buy some other pen that I’m concerned, I really couldn’t say if vo, quello del vintage, e fu da alloramore interested in. When I break they’re for collectors or investors. che decisi d’informarmi sempre dieven, though, it’s a reason to cele- Although I do feel that, at least for più e iniziare a collezionare solobrate! beginners, it’s better to go to pen penne d’epoca. A quel tempo era shows. difficile mettersi in contatto conHow would you describe aver- The sellers at pen shows (and the qualche collezionista, ma con un po’age pen collectors? Are they in- ones I know are also collectors) are di fortuna trovai su una rivista l’indi-vestors? And do you think trustworthy people and extremely rizzo di un certo Daniele Teppa diplaces like eBay and pen shows unlikely to cheat you or try to pull Torino che vendeva penne inviandoare for collecting pens or for in- the wool over your eyes. Plus, you in visione fotocopie delle stesse investing in pens? can always contact them – they bianco e nero. Con lui conclusi il pri-I think there are two types of collec- haven’t got a nickname to hide be- mo acquisto di penne vintage: untors: the ones, like me, who are dis- hind. I’ve seen things on eBay, how- set in box di una Parker 51 e unaorganized, confused, and compul- ever, that gave me cold chills. If you Sheaffer’s Admiral in carmine red.sive, who want every pen they see, don’t know what you’re doing, Che gioia quando mi arrivarono efrom the rarest to the ugliest. Then there’s always someone ready to rip che paura nell’effettuare il mio pri-there are the ones – like some of my you off. mo caricamento della Sheaffer a le-friends on the forum – who, as well va!as owning a lot of pens, also re- If you think about the periodsearch manufacturers, patents, and from 1900 to 1950, which pen Con l’avvento d’internet e dellemanufacturing techniques. do you think best represents the comunicazioni in tempo reale,They’re quite different but both love United States, Italy, and Ger- quale genere di penne pensi chefountain pens for what they are. many as the countries that have abbia più spazio di crescita sia dalInvestors, on the other hand, are contributed the most to the sec- punto di vista storico/collezionisti-those people who, when they see a tor? co sia da quello economico?pen – maybe even a very beautiful In order, the Parker Duofold Big Credo che con l’avvento della mo-or very rare pen – don’t congratulate Red, the Aurora Etiopia, and the derna tecnologia le penne italianeyou for having collected it or thank Montblanc Meisterstück 139. stiano prendendosi lo spazio cheyou for showing it to them. These are all pens that everyone meritano all’interno del mondo delThey’ll ask you how much you paid identifies with the countries that collezionismo delle penne vintage.for it and who you bought it from. made them. I’m not saying, though, Grazie a forum come Pennamania,They’ll always tell you that you paid that they’re necessarily the best ma anche grazie (e lo dico con untoo much, that they would have sold pens their manufacturers ever po’ di presunzione) a tutti quelliit to you for less, and that whoever made. che come me e altri “seminano” le 19
  7. 7. proprie penne nei forum Sicuramente il fascino estranieri, si nota un certo l’alone di mistero cheinteresse e spesso stupo- emana; per esempio, vire di fronte alle bellezze siete mai chiesti chi po-che le nostre aziende so- trebbe aver posseduto lano riuscite a produrre ne- penna vintage con cuigli anni d’oro (fino al state scrivendo? Quante1940/1950). e quali parole possonoA livello globale, forse essere state scritte in untutti conoscono le Duo- periodo in cui la pennafold, le Sheaffer, le Wa- era forse uno dei princi-terman, le Conklin (quel- pali strumenti di comuni-le che gli americani cazione? Lettere d’amo-chiamano affettuosa- re, lettere dal fronte o damente le Big Four), anche parenti lontani, docu-perché sono state le pri- menti storici…me prodotte, e soprattut- Poi non ci scordiamo cheto Waterman e Parker so- quando le penne vintageno state le prime a essere sono state prodotte nes-esportate in Europa. suno pensava all’aspettoQuanti però in giro per il collezionistico; venivanomondo conoscono una realizzate belle, funziona-Williamson, una Stilus, li e con accorgimenti tec-una Columbus o anche nici per essere utilizzate,qualche penna blasonata non per essere collezio-come la Omas Lucens? Ecco, credo che internet possa fare nate. Oggi capita anche che venga realizzata una pennamolto per le nostre penne, così come per quelle giappone- esteticamente molto bella, ma che magari è impossibile dasi, il cui mondo ritengo debba essere ancora scoperto, fa- utilizzare perché pesa tantissimo, e che venga proposta so-cendo conoscere le bellezze e i significati applicati alla tec- lo in 1.000 pezzi.nica maki-e. Così è troppo semplice creare un “fenomeno da collezio- ne”. Se si produce una bella penna, magari anche in serieCollezionare penne stilografiche può in alcuni casi essere limitata, però funzionale, con qualche innovazione e conpiuttosto costoso, ma la maggior parte di esse può essere un costo motivato da fattori oggettivi, saranno gli stessiacquistata a prezzi che possiamo definire ragionevolmen- collezionisti a decretarne il successo cercando di accapar-te congrui, se confrontati con quelli delle penne moder- rarsela e a farla diventare “un fenomeno da collezione”.ne, che spesso lasciano a desiderare sia per il design sia Spesso mi chiedo: le grandi aziende producono in base aper la qualità costruttiva. Dunque, quali sono secondo te quello che qualche ingegnere o designer progetta sedutoi dettagli da osservare per comprendere se il prezzo ri- alla scrivania o in base a quello che il mercato richiede?chiesto per una penna d’epoca è corretto oppure no? E comunque essendo un “uomo da scrivania” per quantoNel mio percorso collezionistico, non ho mai seguito più di riguarda la mia attività lavorativa, spesso riesco a portaretanto delle linee guida. Sono sempre andato dietro al mio con me 2-3 vintage sempre cariche che riesco a utilizzareistinto e al “mio portafoglio”, all’insegna del motto: “non è durante la giornata, perché se devo scrivere una lettera dibello ciò che è bello, ma è bello ciò che ci piace”. Inutile ne- persona, magari la scrivo prima in brutta copia con la stilogare che a volte ho fatto un buon affare e altre mi sono e poi la trascrivo al pc.portato a casa un grande bidone.È vero che ci sono alcune penne che ormai hanno quasi un Se un neofita ti chiedesse informazioni a proposito dellevalore standard, ma secondo me è anche vero che ognuno penne ideali per iniziare una collezione, quali sarebbero iil prezzo della penna che vuole acquistare se lo decide da tuoi consigli?solo; bisogna solo aver fortuna che questo coincida con le Secondo me iniziare con qualche Parker Duofold, magariaspettative del venditore. non proprio perfetta, potrebbe essere una buona cosa. Sono penne che hanno fatto la storia e al cui design poiCosa ti spinge a preferire una penna stilografica d’epoca a molti altri produttori si sono ispirati; sono penne che si tro-una penna stilografica moderna? vano facilmente (se non ci sono pretese di perfezione e co- 20
  8. 8. lori) e possono anche essere una buona palestra per inizia- Per quanto riguarda poi eBay e i pen show, non riesco a fa-re a smontare una penna e cercare magari di capire com’è re distinzione fra ricerca e speculazione, anche se ritengofatta, per poi provare a ripararne altre. che, almeno per un neofita, sia più opportuno frequentareSono penne robuste e molto semplici: un sacchetto, una un pen show.barretta e un bottoncino; niente di più. I venditori (quelli che conosco sono anche collezionisti) so- no tutti persone serie e difficilmente danno fregature oLa tua collezione segue una logica (temporale, storica, vendono fischi per fiaschi e poi sono sempre reperibili,stilistica ecc.) oppure è libera da costrizioni? non sono persone nascoste dietro un nickname. Su eBayLibera da ogni dettame, anche se dopo l’avvento del fo- ho visto delle cose da brivido e se non hai un po’ di espe-rum Pennamania si è risvegliato in me l’interesse per il rienza, la fregatura può essere sempre lì dietro l’angolo.made in Italy che si era assopito qualche anno fa. Oggi cer-co di trovare sempre di più penne italiane, visto che grazie Prendendo come riferimento il periodo che va dai primial forum si fa conoscenza con altri collezionisti che sono del ‘900 al 1950, qual è la penna che meglio identificasempre pronti al trade. Stati Uniti, Italia, Germania, nazioni che molto hanno fanno in questo settore?Parlando di collezionismo, è determinante per la tua scel- Nell’ordine: Parker Duofold Big Red, Aurora Etiopia e Mon-ta il valore commerciale che una determinata penna può tblanc Meisterstück 139. La scelta è comunque riferita aavere? modelli che credo possono essere da tutti riconosciuti comeOnestamente no. Non ho mai acquistato una penna a fini appartenenti alle nazioni indicate; questo non vuol dire pe-speculativi, pensando poi a quanto avrei realizzato se rò che siano le migliori penne che queste aziende hannol’avessi venduta. prodotto durante la loro vita.Come ho già detto, compro quello che mi piace e quelloche in quel momento il mio budget può sostenere. Chiara-mente, come tutti, anche io alle volte sono “costretto” adisfarmi di qualche pezzo, magari anche importante, perricapitalizzare e comprare qualche altra penna che m’inte-ressa di più; ti posso assicurare però, che spesso e volen-tieri, quando vendo, se “faccio pari” è festa grossa.Come definiresti il collezionista di penne?E lo speculatore? Luoghi come eBay e ipen show li consideri più luoghi di ricerca odi speculazione?Credo che ci siano due tipi di collezionista:quello arruffone, confusionario, convulsivo eschizofrenico come me, che vorrebbe avere tut-te le penne che vede passare sotto i suoi occhi,dalle più rare alle più inguardabili, e quello (comequalche amico del forum) che oltre a possederemolte penne, effettua ricerche storiche sui produt-tori, sui brevetti, sulle tecniche di costruzione.Due tipi diversi, ma entrambi amanti della penna sti-lografica in quanto tale. Lo speculatore, invece, è se-condo me quello che quando vede una tua penna, ma-gari pure bella e rara, non ti fa i complimenti perché lapossiedi e non ti ringrazia perché la fai vedere: ti chiedequanto l’hai pagata e da chi l’hai comprata, e tendenzial-mente poi affermerà sempre che l’hai pagata troppo, chelui te l’avrebbe offerta a meno e che il tipo da cui l’haicomprata è uno inaffidabile. Non credo che lo speculatoreami la stilografica, perché per lui la penna è soltanto ilmezzo (come potrebbe essere qualsiasi altro oggetto) persopire la sua sete di fare business. 21

×