Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Yes we code

361 views

Published on

Presentazione evcnto Non solo Coding - Pavone Canavese - 29 settembre 2016

Published in: Education
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Yes we code

  1. 1. La paura dell’algoritmo. Coding,gadgeting e formazione docenti Eleonora Pantò – 29 settembre 2016 Associazione Gessetti Colorati
  2. 2. Computer Science for All • Nei prossimi anni, dovremmo lavorare affinché ogni studente possa sperimentare l’informatica e la matematica su computer per renderli pronti per il lavoro dal primo giorno. • Nella new economy l’informatica non è una competenza opzionale, ma fondamentale come leggere e far di conto. 9 genitori su 10 vogliono che questo sia insegnato a scuola. https://www.whitehouse.gov/blog/2016/01/30/computer-science-all
  3. 3. Qui tutti dovremmo imparare a programmare?
  4. 4. Importante fare chiarezza • Computer Science • Computational Thinking • Coding • Informatica • Pensiero Computazionale • Programmazione // Coding
  5. 5. Informatica
  6. 6. Informatica • Problem solving – Algoritmi • Logica – astrazione, logica booleana • Dati - cos’è informazione • Sistemi – modellare sistemi complessi che soddisfano vincoli e requisiti • Pensiero – intelligenza artificiale, apprendimento automatico, linguaggio naturale
  7. 7. • Computer science is no more about computers than astronomy is about telescopes, biology about microscopes, or chemistry about beakers and test tubes. Science is not about tools. • Michael Fellows and Ian Parberry
  8. 8. http://csunplugged.org/
  9. 9. Programmare signifca istruire il computer a svolgere determinati compiti Programmare
  10. 10. Perché imparare a programmare a scuola • DIY – partire da cose semplici • TROUBLESHOOTING - se sai come si fa, puoi capire perché non funziona • PROFESSIONE – imparare un po’ di programmazione non farà di voi un professionista, come accade per la chimica o la fisica
  11. 11. Pensiero computazionale
  12. 12. http://lorenabarba.com/blog/computational-thinking-i-do-not-think-it-means-what-you- think-it-means/ Il primo a parlare di Pensiero Computazionale è stato Seymour Paper nel suo libro “Mindstorms: Children, Computers, and Powerful Ideas” nel 1980
  13. 13. Seymour Papert : micromondi per imparare la matematica •usare qualcosa è un modo naturale di imparare, per poi arrivare alla comprensione. Le nuove idee permettono di realizzare nuovi progetti •Il progetto viene prima del problema, a volte si risolvono durante il progetto e a volte si dissolvono •Il mezzo definisce il contenuto: utilizzare micromondi al posto della carta, permette di creare nuovi contenuti •oggetti prima delle operazioni: dare corpo, rappresentare le idee matematiche ne facilita la comprensione Seymour Papert (1996), An Exploration in the Space of Mathematics Educations, International Journal of Computers for Mathematical Learning, Vol. 1, No. 1, pp. 95-123.
  14. 14. Pensiero Computazionale 2006 • “Il pensiero computazionale è una competenza fondamentale per tutti, non solo per gli informatici. Per leggere, scrivere e far di conto, dovremmo aggiungere pensiero computazionale alla capacità analitica di ogni bambino. " Jeannette Wing (2006) • https://dl.acm.org/citation.cfm?doid=111817 8.1118215
  15. 15. Dottori, avvocati, insegnanti, allevatori, un qualunque mestiere. Il futuro di tutte queste professioni sarà pieno di Pensiero Computazionale. Medicina basata sui sensori, smart contract, analisi di dati nell'educazione, agricoltura di precisione: il successo dipenderà da quanto sarete bravi con il pensiero computazionale. Mi sono accorto di una tendenza interessante. Scegliete un qualsiasi settore X, dalla Archeologia alla Zoologia. Ci sono due possibilità: o esiste già “X Computazionale” o esisterà presto. E tutti lo considerano il futuro di quel settore. http://blog.stephenwolfram.com/2016/09/how-to-teach-computational-thinking/
  16. 16. Pensiero Computazionale • La capacità di descrivere un problema in maniera così chiara e sistematica che si può lasciare a un computer il compito di risolverlo.
  17. 17. Pensiero Computazionale Il pensiero computazionale è un processo mentale per la risoluzione di problemi costituito dalla combinazione di metodi caratteristici e di strumenti intellettuali, entrambi di valore generale. ( Programma il futuro) 2016
  18. 18. Coding • Coding non è programmazione, ma l’uso didattico di strumenti di programmazione visuale per lo sviluppo di pensiero computazionale • (A. Bogliolo 2016)
  19. 19. Cos’è Dschola 2001: Progetto per l’infrastrutturazione delle scuole in Piemonte 2003: Una community di insegnanti e una rete di scuole 2004: Un’associazione senza scopo di lucro
  20. 20. Sperimentazione e ricerca per USARE la tecnologia in classe Soluzioni tecnologiche sostenibili Strumenti Metodologie Assistenza Formazione
  21. 21. Riforma Gelmini 2010 • Nel triennio dal 2007-2008 al 2010-2011 le classi sono calate di 10.617 unità, nonostante il numero degli alunni in Italia non sia mai diminuito. Nel triennio 2008-2011 si è effettuata l'eliminazione e il taglio netto di oltre 90.000 cattedre intere. Dal 2007-2008 al 2009-2010 hanno perso l'incarico ben circa 30.000 supplenti con incarichi annuali. Nel2009 e nel 2010 sono diminuiti di 30.000 unità i posti per il personale non docente, e si è verificato un taglio di ulteriori 14.000 posti nel 2011 • Riconversione di insegnanti e introduzione dell’insegnamento dell’informatica nel biennio  ECDL Bando proposte: Per quanto riguarda, in particolare, l’insegnamento delle scienze integrate nel primo biennio degli istituti tecnici e professionali, è prevista la produzione e messa a disposizione di tutti gli insegnanti di materiali didattici con il coinvolgimento di reti di scuole, associazioni professionali e disciplinari, università italiane e straniere[...] http://nuovitecnici.indire.it/ https://it.wikipedia.org/wiki/Riforma_Gelmini
  22. 22. 2010 – informatica non è solo il pc
  23. 23. In un articolo recente pubblicato su La Stampa, l’economista Andrea Gavosto ha proposto una prima riflessione sulla riforma dell’istruzione superiore. Condivido nella sostanza i giudizi espressi da Gavosto ma i colleghi della mia parrocchia scientifica - l’informatica - sono stati, come il sottoscritto, molto turbati dalla seguente affermazione: «Appare bizzarra l’inclusione dell’informatica come materia a sé; è difficile pensare che i ragazzi di oggi abbiano bisogno di una specifica alfabetizzazione sui computer, a meno che non li si voglia trasformare in ingegneri informatici... I ragazzi non devono sapere come sono fatti i computer; devono usarli, sfruttandone in modo intelligente e critico le risorse cognitive». • L’opinione di Gavosto non rappresenta una singolarità. Ad esempio, benché Berlusconi avesse impostato il capitolo scolastico della sua campagna elettorale sulle note tre «I» (Impresa, Inglese, Informatica), il suo ministro Gelmini ha di fatto cancellato l’informatica dall’insegnamento della scuola primaria e di quella secondaria di primo grado. Noi riteniamo che i principi dell’informatica, dalla logica ai fondamenti concettuali della programmazione, abbiano un valore formativo enorme, molto più importante dell’apprendimento dell’uso del computer. Per questo riteniamo perniciosa l’opinione dominante secondo la quale insegnare l’informatica significhi insegnare solo l’uso del pc. La tecnologia dell’informazione dev’essere insegnata a tutti, e non soltanto agli ingegneri informatici, perché è la base di un mondo che è molto diverso da quello di un paio di decenni or sono. Due miliardi di persone si collegano a Internet. Centinaia di milioni di miliardi di transistori - i componenti elementari delle tecnologie dell’informazione - popolano i prodotti che ci circondano, dall’automobile all’elettrodomestico. Centinaia di miliardi di istruzioni software animano tutti i processi produttivi moderni. E i nostri ragazzi «non devono sapere come è fatto un computer»? http://www.lastampa.it/2010/02/15/cultura/opinioni/l-editoriale-dei-lettori/informatica-non-solo-il-pc-jgFe6tqJ8WXVSDZOicbhIJ/pagina.html
  24. 24. Arduino a scuola (2010) Dschola Computer Ethics Internet of things Arduino 101 project Riforma Secondaria
  25. 25. Internet delle cose • La prima definizione del termine “The Internet of Things” la dobbiamo al MIT che la descrive come una rete, tipicamente wireless, che mette in collegamento gli oggetti come quelli che usiamo quotidianamente in casa. • L’unione di Internet mobile, cloud computing e reti di sensori è alla base della cosiddetta "smart economy" o “Internet delle cose” • La terza fase del web è basata sull’interconnessione di oggetti e persone
  26. 26. Computer Ethics • Computer e lavoro: minaccia? dequalificazione? salute? • Computer e sicurezza: virus, spionaggio, privacy, integrità, consistenza, controllo dell’accesso alle fonti • Proprietà intellettuale e open source • Qualità del software • Furto di identità, terrorismo, pornografia • Accesso a materiali educativi, inforicchi e infopoveri
  27. 27. Arduino a scuola
  28. 28. 80 docenti in formazione 4 edizioni di corso su Processing Arduino
  29. 29. Processing o Scratch?
  30. 30. BBC - Make it digital Non abbiamo ancora imparato nulla riguardo ai gadget nell’educazione? Quanti report dovremo ancora leggere che sottolineano l’importanza della formazione degli insegnanti e di una corretta pianificazione? Una cosa di cui gli insegnanti non hanno bisogno è un altro gadget che arrivi in classe come un paracadute alieno senza una preparazione e una reale formazione (D. Clark) http://www.bbc.co.uk/mediacentre/latestnews/2015/make-it-digital
  31. 31. Make it digital
  32. 32. https://www.zipato.com
  33. 33.
  34. 34. La politicità degli algoritmi
  35. 35. 6 cappelli per pensare
  36. 36. Pensiero Laterale
  37. 37. Nicolas
  38. 38. Pensiero Critico
  39. 39. CSP progetti innovativi per la didattica dal 1998
  40. 40. CSP innovazione nelle ICT s.c. a r.l. Sede Strada del Lionetto, 6 – 10146 Torino Tel +39 011 4815111 Fax +39 011 4815001 E-mail: innovazione@csp.it www.csp.it Grazie per l’attenzione Eleonora Pantò eleonora.panto@csp.it @epanto http://www.puntopanto.it

×