Comunità di pratica: il caso "Campionato del Cappuccino"

957 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
957
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
12
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Comunità di pratica: il caso "Campionato del Cappuccino"

  1. 1. Comunità di Pratica: trasformare le conversazioni in comunicazioni Il caso Campionato del Cappuccino Bertinoro 6/7/2010 Marco Muzzarelli
  2. 2. Introduzione - sommario <ul><li>Cos’è una Comunità di Pratica? </li></ul><ul><ul><li>Gli ingredienti </li></ul></ul><ul><ul><li>Le caratteristiche </li></ul></ul><ul><li>Il caso: Campionato del Cappuccino </li></ul>
  3. 3. Che cos’è una CdP? Un ambiente che connette le persone e le incoraggia a condividere idee ed esperienze
  4. 4. Gli ingredienti: la comunità
  5. 5. Gli ingredienti: un ambito di interesse
  6. 6. Gli ingredienti: un luogo dove incontrarsi
  7. 7. Gli ingredienti: i facilitatori
  8. 8. Gli ingredienti: la comunità di pratica
  9. 9. Le caratteristiche (1/3) <ul><li>Una comunità di Pratica è una rete di individui con un problema comune oppure interessi che creano una unione con l’obiettivo di esplorare modalità di lavoro, ricercare soluzioni comuni e condividere buone prassi e idee </li></ul><ul><li>Mantengono una connessione con persone che hanno idee simili e pari (peers) </li></ul>
  10. 10. Le caratteristiche (2/3) <ul><li>Permettono di condividere le esperienze ed apprendere dagli altri </li></ul><ul><li>Permettono di collaborare ed ottenere risultati comuni </li></ul><ul><li>Accelerano il processo di apprendimento </li></ul><ul><li>Costruiscono a partire dall’esistente e dalle buone prassi </li></ul><ul><li>Permettono di innovare e creare nuove idee </li></ul>
  11. 11. Le caratteristiche (3/3) <ul><li>Le CdP non sono una modalità per portare la conoscenza all’interno delle organizzazioni bensì una opportunità per aiutare a crescere e potenziare la conoscenza già presente nell’organizzazione stessa </li></ul>
  12. 12. Il caso: Campionato del Cappuccino 2010 <ul><li>Un ambito di interesse: </li></ul><ul><ul><li>Quarta edizione </li></ul></ul><ul><ul><li>Elevate aspettative </li></ul></ul><ul><ul><li>Spazio di protagonismo per i ragazzi </li></ul></ul><ul><ul><li>“ Vetrina” del centro </li></ul></ul>
  13. 13. La comunità: il gruppo di lavoro <ul><li>4 persone: </li></ul><ul><ul><li>1 docente </li></ul></ul><ul><ul><li>2 coordinatori/docenti </li></ul></ul><ul><ul><li>1 magazziniere </li></ul></ul><ul><li>Nessuna figura direzionale </li></ul><ul><li>2 facilitatori </li></ul>
  14. 14. Gli obiettivi <ul><li>Tempo </li></ul><ul><ul><li>Scadenza </li></ul></ul><ul><ul><li>N° di incontri </li></ul></ul><ul><ul><li>Incontri periodici </li></ul></ul><ul><li>Economici </li></ul><ul><ul><li>Budget massimo </li></ul></ul><ul><ul><li>Servizi disponibili </li></ul></ul><ul><li>Qualità </li></ul><ul><ul><li>Obiettivi raggiungibili e dichiarati </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>Presenza sui giornali </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Partner istituzionali </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>N° di persone e di scuole minime presenti </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Iniziative che coinvolgano corsi differenti </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Tematichie dello sviluppo sostenibile </li></ul></ul></ul>
  15. 15. La rete si allarga occasionale di passaggio periferico attivo facilitatore core group Lettore attento - lurkers leader esterno esperto principiante
  16. 16. I risultati
  17. 17. I risultati
  18. 18. I risultati
  19. 19. I risultati
  20. 20. I risultati
  21. 21. I risultati
  22. 22. I risultati <ul><li>Sui giornali: </li></ul><ul><ul><li>La Stampa del 18/5 </li></ul></ul><ul><ul><li>La Stampa del 20/5 </li></ul></ul><ul><li>In Televisione </li></ul><ul><ul><li>TG1 20.00 del 19/5 </li></ul></ul><ul><ul><li>TG3 19.00 del 19/5 </li></ul></ul><ul><li>6 sponsor + 2 patrocini </li></ul><ul><li>11 scuole </li></ul>
  23. 23. I risultati da uno dei facilitatori <ul><li>Dalla verifica del gruppo di lavoro: “Non abbiamo fatto la media dei nostri lavori ma sono emerse le eccellenze dei singoli componenti del gruppo” </li></ul>
  24. 24. Cosa ha permesso di ottenere il successo? <ul><li>Obiettivi chiari e interessi comunii </li></ul><ul><li>Un ambiente di lavoro “protetto” </li></ul><ul><li>Gruppo di lavoro fortemente motivato </li></ul><ul><li>Conoscere le elsigenze dei partecipanti </li></ul><ul><li>Allargamento della rete </li></ul>
  25. 25. Bookmarks <ul><li>www.campionatodelcappuccino.it </li></ul><ul><li>www.slideshare.net/engimtorino </li></ul><ul><li>www.youtube.com/engimtorino </li></ul>
  26. 26. Grazie per l’attenzione… Domande?

×