Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

La diagnosi energetica delle abitazioni e relative azioni

1,279 views

Published on

L’ing. Gianfranco Padovan, Presidente di EnergoClub è relatore allo IUAV/CLAME nel corso di Economia e Informatica per la gestione delle imprese per raccontare le scelte energetiche e presentando le simulazioni economico finanziarie.

Published in: Technology
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

La diagnosi energetica delle abitazioni e relative azioni

  1. 1. La diagnosi energetica delleabitazioni e azioni per ridurre iconsumi e i costi di gestioneeconomica, energetica, ambientaleing. Gianfranco Padovan, Presidente EnergoClub OnlusFrancesco Pasqualin, Coordinatore EnergoClubdott.ssa Sara Capuzzo, Resp. Comunicazione EnergoClubarch. Valeria Pluti, Progetti EnergoClubEnergia. Le buone pratiche, Padova - 15 novembre 2011
  2. 2. Chi è EnergoClub Onlus  Associazione onlus registrata dal 2005 con oltre 3.300 soci in tutta Italia  Scopo sociale  Promuovere l’impiego sostenibile delle fonti rinnovabili  Educare all’uso razionale ed efficiente delle risorse  Favorire la riconversione del sistema energetico dalle fossili alle rinnovabiliPadova, 15 novembre 2011 Padovan et alt. - Diagnosi energetica e azioni prioritarie - www.energoclub.org 2
  3. 3. Cosa fa EnergoClub Onlus?  Fornisce consulenza di primo orientamento a:  Propri soci o chi ne fa richiesta  Famiglie che ne fanno richiesta  Comuni, gruppi di cittadini, scuole  Strumenti messi a disposizione  Sopralluoghi e colloqui per i soci e non soci  Check-up energetico  Corso “La casa efficiente”  Didattica per le scuole  Partecipazione ai Gruppi di Acquisto (GAF Sole in rete, GA veicoli elettrici, ecc.)Padova, 15 novembre 2011 Padovan et alt. - Diagnosi energetica e azioni prioritarie - www.energoclub.org 3
  4. 4. Obiettivo della relazione  Alzare la consapevolezza sulle cose che si possono (e si dovrebbero) fare per:  risparmiare sulla bolletta di energia elettrica e gas  ridurre le emissioni di CO2 e PM10  finanziarsi gli interventi tramite il conto energia, detrazioni fiscali, prodotti finanziari disponibiliPadova, 15 novembre 2011 Padovan et alt. - Diagnosi energetica e azioni prioritarie - www.energoclub.org 4
  5. 5. Elenco dei contenuti  Consumi e inefficienze vanno a braccetto con le scelte fatte  Strategia consigliata  Conoscere i propri consumi di energia  Diagnosi energetica  Azioni prioritarie  Detrazioni fiscali del 55% e 36%  Il conto energia per il fotovoltaico  Costi delle varie soluzioni  I Gruppi di Acquisto  Esempio di conto economico  La banche e i prodotti finanziariPadova, 15 novembre 2011 Padovan et alt. - Diagnosi energetica e azioni prioritarie - www.energoclub.org 5
  6. 6. I costi sono generati dalle scelte che si fanno e dalla loro sequenza … oppure intervenire sostituire, installare prima sull’involucro impianti? e poi sostituire gli impianti? Caldaia ad Lampade altaCaldaia Lampade e Elettrodom efficienza elettrodomesattuali tici alta estici attuali efficienzaPadova, 15 novembre 2011 Padovan et alt. - Diagnosi energetica e azioni prioritarie - www.energoclub.org 6
  7. 7. Agire con una strategia in mente Ristrutturare una casa in modo energeticamente efficace Adottando soluzioni e 1°materiali perrisparmiare Come? Utilizzando energia energia 2° rinnovabilePadova, 15 novembre 2011 Padovan et alt. - Diagnosi energetica e azioni prioritarie - www.energoclub.org 7
  8. 8. Cosa fare per prima cosa?  Sapere dal punto di vista energetico quanto si consuma  Come? • Ricavando i consumi reali dalle bollette energia elettrica, gas, legna per l’intero anno • Conoscendo la superficie totale in pianta dei locali riscaldati nell’abitazionePadova, 15 novembre 2011 Padovan et alt. - Diagnosi energetica e azioni prioritarie - www.energoclub.org 8
  9. 9. Conversione quantità combustibile in kWh Combustibile Potere calorifico Metano 9,8 kWh/m3 Gpl 12,8 kWh/kg Gasolio 10,0 kWh/l Legna 5,2 kWh/kg Pellet 4,9 kWh/kg Fonti: EnergoClubPadova, 15 novembre 2011 Padovan et alt. - Diagnosi energetica e azioni prioritarie - www.energoclub.org 9
  10. 10. Quanto consuma la mia casa? Lo dice l’Indice di Consumo Energetico Indice di Consumo Energetico (ICE) si esprime in kWh/m2 anno e ci informa di quanta energia si consuma per ogni m2 di superficie in pianta in un anno.Padova, 15 novembre 2011 Padovan et alt. - Diagnosi energetica e azioni prioritarie - www.energoclub.org 10
  11. 11. Calcolo ICE  Energia Elettrica 3.000 kWh/anno  Energia metano 3.000 m³ x 9,8 kWh/ m³ = 29.400 kWh/anno  Energia totale E.Elettrica + E.Metano 3.000 + 29.400 = 32.400 kWh/anno  Indice ICE Energia totale : Superficie 32.400 kWh/anno : 100m² = 324 kWh/m² annoPadova, 15 novembre 2011 Padovan et alt. - Diagnosi energetica e azioni prioritarie - www.energoclub.org 11
  12. 12. Mi devo chiedere: sono in emergenza? Di quanto? Cosa fare per uscire dalla zona rossa? A FV+Solare B C Solare+FV D ESolare+Risparmio F GRisparmio+Solare Risparmio 1 2G 2 3G Risparmio 3Risparmio 100 200 300 0 IE (kWh/m² anno) Padova, 15 novembre 2011 Padovan et alt. - Diagnosi energetica e azioni prioritarie - www.energoclub.org 12
  13. 13. Le azioni e la priorità tramite il check-up  Fare una cosa prima di un’altra è importante  Per scoprirlo si effettua un check-up o diagnosi energetica:  Raccolta di dati dell’abitazione  Raccolta dati elettrodomestici  Raccolta dati utenti e loro abitudini  Elaborazione dati  Scegliere cosa è importante (ridurre il costo, ridurre il riscaldamento della terra, ridurre le emissioni inquinanti PM10, PM2,5, ecc.  Individuazione delle priorità di azionePadova, 15 novembre 2011 Padovan et alt. - Diagnosi energetica e azioni prioritarie - www.energoclub.org 13
  14. 14. Esito del check-up energeticoDati delle bollette energetiche Periodo preso in considerazione 1 gennaio 2009 31 dicembre 2009 Emissioni Energia spesa Costo annuo Emissioni CO2 Particolato Unità misura kWh/anno €/anno kg/anno kg/anno Energia Elettrica 2.382 476 1.589 0,810 Metano 14.181 1.302 3.049 1,744 Totale netta edificio 16.563 1.778 4.638 2,6 Riduzione Riduzione Riduzione RiduzioneObiettivo di Abitazione Busato A. x Energia Costi Emissioni x Patologie primaria bolletta CO2 Esito Protocollo EnergoClub Indice Consumo Indice Indice Indice Emis. Indice consumo Energetico Costo Emissione CO2 Particolato fonti fossili (ICE)  Fonte: EnergoClub kWh/m²anno €/m2 anno kg/m2 anno g/m2 anno kg/m2 anno 155 17 43 24 22 Padova, 15 novembre 2011 Padovan et alt. - Diagnosi energetica e azioni prioritarie - www.energoclub.org 14
  15. 15. Esito di un check-up energetico Dove sono le dispersioni di energia? Protocollo EnergoClub - ps-023a - Abitazione Busato A. - Consumo finale energia 4.000 120% 3.422 3.500 3.077 96,9% 98,5%99,9%100,0% 100% 3.000 90,9% 94,1% 86,3% 2.277 80,6% 80% kWh anno 2.500 74,6% 2.043 65,3% 2.000 60% 1.531 53,0% 1.500 39,2% 995 40% 946 1.000 771 20,7% 522 472 20% 500 263 233 10 0 0% Abitazione ec so to ri FM ri i a ra Ve i a zio ne e da ilia costruita nel e s gg t o io etti en ld t e tro i d avi o u ar do pe ern tic ttu tic P ffitt a n tra ter ca tra on tic ior Pa e e us am in son do i m me ne 1981 con es co t So in s n In ti e r um as ICE=155 El Ac reti is az re C ris a kWh/m²anno Pa fil qu m a m ld ca Ill es tro m a et Fonte: qu do et Ac El tro EnergoClub et ElPadova, 15 novembre 2011 Padovan et alt. - Diagnosi energetica e azioni prioritarie - www.energoclub.org 15
  16. 16. Esito di un check-up energetico Dove sono i costi? Protocollo EnergoClub - ps-023a - Abitazione Busato A. - Costi 350 120% 310 300 279 98,7%99,9%100,0% 100% 94,7%97,3% 89,6% 250 83,9% 206 205 80% Euro anno 76,1% 185 200 66,7% 167 60% 56,3% 139 150 44,7% 102 90 40% 100 33,1% 47 20% 50 17,4% 24 21 2 0 0% Abitazione o ec to ri vim M ri i a ra di V ria m ca l r u s zio rne costruita nel m er ne da ilia as to tro qua i in ti i s en gi e io itto Pa e F tic ttu t a ag at El Ac are ne C en do p ter on us m tr a ste 1981 con o az ff ne m etr e s co so e s da ne in So In ti e ICE=155 t re tickWh/m²anno do ris Pa P fil um tro a qu tici ld El ca Ill Ac es Fonte: m a et do et EnergoClub tro et ElPadova, 15 novembre 2011 Padovan et alt. - Diagnosi energetica e azioni prioritarie - www.energoclub.org 16
  17. 17. Esito di un check-up energetico Dove si emette più CO2?A. - Emissioni Protocollo EnergoClub - ps-023a - Abitazione Busato CO2 800 726 120% Emissioni CO2 (kg/anno) 683 700 653 99,8% 100% 98,8% 97,6% 100,0% 95,2% 600 557 90,6% 483 83,6% 76,3% 80% 500 434 66,9% 400 56,5% 341 325 60% 300 44,5% 40% 211 200 30,4% 111 20% 100 15,7% 56 50 7 0 0% so ne to Abitazione Ill r isc Ve ari ri So F M us a on a om filtr gio ne ilia es r c e i o en ru E l A P a sso t o do a int ti i a tur ec ari in lda ate vi itt o d m pe ern tro qu ti et costruita nel a n ag ter az m e tic ot et c re n C me is e Pa ff um a tr tic n i m es 1981 con io e s az i d eti ICE=155 tic ar es P akWh/m²anno od In ld ca m ua ttr do cq le Fonte: tro E A et EnergoClub ElPadova, 15 novembre 2011 Padovan et alt. - Diagnosi energetica e azioni prioritarie - www.energoclub.org 17
  18. 18. Esito di un check-up energetico Dove si emette più PM10? Protocollo EnergoClub - ps-023a - Abitazione Busato A. - Emissioni PM10-PM2,5 0,5 0,42 120% 0,4 0,37 0,35 98,8% 99,9% 100,0% 100% 95,0% 97,5% kg PM10-PM2,5 anno 0,4 90,3% 0,28 0,28 83,5% 0,3 80% 0,2576,2% 0,3 66,5% 0,19 60% 0,2 55,7% 0,17 44,5% 0,2 0,12 40% 30,9% 0,1 0,06 20% 16,3% 0,03 0,03 0,1 0,00 0,0 0% Abitazione to ri vim M es ggi ria ec so costruita nel ri ia a tro i di zion e m rc e o El Acq reti ett i ld t e io tto ilia da tic tur do pe rn en n Ca ent F u a ca tra El esti iltra ter 1981 con az ffi tro ua inte Pa son us e on es ot am tic or m e ris Ve in So m Inf ti es ne ICE=155 s Pa is akWh/m²anno re Pa m a ld m c Illu Fonte: ca do EnergoClub et a qu do et Ac tro et El Padova, 15 novembre 2011 Padovan et alt. - Diagnosi energetica e azioni prioritarie - www.energoclub.org 18
  19. 19. Azioni consigliate per ridurre le emissioni di particolato e prevenire le patologie (Priorità come da grafico 2) Esito di un check-up energetico Le indicazioniLe azioni prioritarie (celle rosse) desumibili dall’analisi di Pareto (% progressiva fino al valore Peso cumulatodell’80%) in accordo allorientamento del socio (ridurre il consumo di energia in generale) sonoriportate di seguito. PesoPareti esterne: Si consiglia un isolamento cappotto da progettare in accordo agli standard vigenti o,preferibilmente, in accordo ai futuri standard che lUnione Europea sta introducendo (casa passiva) in 16% 16%modo da poter accedere alle detrazioni di imposta se previste nella finanziaria.Infiltrazione aria: Si consiglia di prevedere un ricambio d’aria con ventilazione forzata con recuperotermico. Anche in questo si consiglia di progettare in accordo agli standard vigenti o, preferibilmente, 15% 31%in accordo agli standard della casa passiva.Elettrodomestici di maggior uso: Si consiglia di installare lampade ad alta efficienza e di sostituireprogressivamente gli elettrodomestici con altri di classe A+, e A++ facendo attenzione a sceglierequelli con marchi (Eco-label, Energy-Star, ecc.). Valutare un sistema solare FV adeguatamente 14% 45%dimensionato non solo per gli elettrodomestici ma anche per future esigenze (impiantocondizionamento aria, bicicletta, moto e soprattutto auto elettrica). Padova, 15 novembre 2011 Padovan et alt. - Diagnosi energetica e azioni prioritarie - www.energoclub.org 19
  20. 20. La stima dei costi e dei risparmi energetici Investimenti Max 96.187 € Min 79.993 € 67.570 € 59.088 € 49.905 € 45.586 €< 10 A+ -94% 37.590 € 28.476 €< 30 A -81%< 50 B -68%< 70 C -55%< 90 D -42%< 120 E -22% C B A A+ Classe energetica< 160 F X< 200 G Abitazione costruita nel 1981< 260 2G con ICE=155 kWh/m²anno> 260 3G Fonte: EnergoClub Padova, 15 novembre 2011 Padovan et alt. - Diagnosi energetica e azioni prioritarie - www.energoclub.org 20
  21. 21. Preventivo autovalutato, costi orientativi, delle varie soluzioni  Cappotto posato classe B: 45-100 €/m²  Tetto isolato classe B: 70-180 €/m2  Pavimento isolato e radiante Classe B: 150-250 €/m2  Infissi e vetrate posate: 250-600 €/m²  Caldaia a condensazione installata: 200-400 €/kW  Solare acqua sanitari installati con accumulo: 150-800 €/m2  Fotovoltaico installato: 2.600-3.000 €/kWp  Elettrodomestici classe A+: 1000-2000 €/kW  Pompa di calore geotermiche installate: 2.000- 3.000 €/kW  Impianto di ventilazione con recupero termico:Padova, 15 novembre 2011 500-3.000 alt. - Diagnosi energetica e azioni prioritarie - www.energoclub.org Padovan et €/kW 21
  22. 22. Come finanziare gli interventi?  Detrazione fiscale del 55% (e 36%) delle spese che:  riducono i consumi di energia (esempio isolamento)  migliorano l’efficienza energetica (sostituzione caldaie e distribuzione controllo calore)  impiegano energia rinnovabile (solare termico, geotermia, caldaie a condensazione, pompe di calore)  Incentivi per la produzione e utilizzo di fonti rinnovabili per produrre energia elettrica (conto energia) da:  solare FV e termodinamico  mini-idro  mini-eolicoPadova, 15 novembre 2011 Padovan et alt. - Diagnosi energetica e azioni prioritarie - www.energoclub.org 22
  23. 23. Le detrazioni fiscali del 55% e del 36%  Le spese di ristrutturazione edilizia sono detraibili del 36% (è stato prorogato fino al 2012); massimo detraibile 48.000 € spalmato su 10 anni)  Le spese di risparmio ed efficienza energetica sono detraibili dalla tassa lorda IRPEF o IRES (in 10 anni) del 55% fino alla fine del 2011Padova, 15 novembre 2011 Padovan et alt. - Diagnosi energetica e azioni prioritarie - www.energoclub.org 23
  24. 24. Detrazioni e incentivi • Detrazioni fiscali fino a 60.000 € 109.090 (100.000 € x riqualificazione 181.818 energ.) pari al 55% delle spese di 54.545 investimento • Esempio: • investimento = 24.000 € • detrazione totale = 55% x 24.000 = 13.200 € • detrazione annua (in 19 anni) = 1.320 € • Incentivi per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili (impianti fotovoltaici, micro-idro, micro-eolico, ecc.) • Esempio: • incentivo conto energia da 0,40+ 0,09…0,15Padova, 15 novembre 2011 Padovan et alt. - Diagnosi energetica e azioni prioritarie - www.energoclub.org 24
  25. 25. Gli incentivi 2011-2016 - tariffa incentivante (0,27 €/kWh media) - vendita in rete (0,15 €/kWh media) - autoconsumo 30% della produzione Da aggiungere: +10% per materiali europei oppure 0,05 €/kWh rimozione amianto € per kWh prodottoPadova, 15 novembre 2011 Padovan et alt. - Diagnosi energetica e azioni prioritarie - www.energoclub.org 25
  26. 26. Il conto energia termico  Decreto Legislativo 3 marzo 2011, n. 28 - "Attuazione della direttiva 2009/28/CE sulla promozione delluso dellenergia da fonti rinnovabili, …“  In analogia alle rinnovabili ci sarà un fondo costruito tramite il prelievo sulla bolletta del gas …Padova, 15 novembre 2011 Padovan et alt. - Diagnosi energetica e azioni prioritarie - www.energoclub.org 26
  27. 27. Gli incentivi sul Fotovoltaico Esempio di conto economico Costo bolletta attuale 500 €/anno 10.000 €/20 anni Costo impianto “famiglia tipo” Produzione media 4.800 kWh/anno da 4,5 kWp a 3.030 €/kWp 14.700 € Incentivo in 20 anni 26.350 € Finanziamento 100% Vendita + autoconsumo 10.150 € (tasso medio 4%) 10 anni 3.500 € Assicuraz. 20 anni 2.000 € Ricambi (inverter) 1.500 € Manutenzione 1.500 € Bolletta (residua) 6.800 € Totale su 20 anni 28.934 € Totale entrate 20 anni36.500 € (incentivi 1° semestre 2012)Padova, 15 novembre 2011 Padovan et alt. - Diagnosi energetica e azioni prioritarie - www.energoclub.org 27
  28. 28. Il fotovoltaico come fonte di 28 finanziamento per gli interventi di efficienza energetica SINTESI DEL CONFRONTO TRA BENEFICI E COSTI FACCIO RINUNCIO l’impianto fotovoltaico a fare l’impianto CON PRESTITO fotovoltaico BENEFICI 36.500 € 0€ COSTI 28.900 € 10.000 € GUADAGNO/PERDITA + 7.600 € -10.000 € benefici meno costi VANTAGGIO FINALE + 17.600 € differenza tra le due soluzioni faccio o rinuncioPadova, 15 novembre 2011 Padovan et alt. - Diagnosi energetica e azioni prioritarie - www.energoclub.org 28
  29. 29. Bisogna essere consapevoli che il problema energetico …  Il 60% circa del consumo totale di energia dipende dalle scelte dei singoli cittadini o famiglie  Le scelte sull’abitazione e sul trasporto rientrano entro la sfera personale e familiarePadova, 15 novembre 2011 Padovan et alt. - Diagnosi energetica e azioni prioritarie - www.energoclub.org 29
  30. 30. Conclusioni  Oggi è possibile ridurre i propri consumi di energia dal 40% fino al 95%.  E’ opportuno avere in mente una strategia su cosa fare nei prossimi 2- 3 anni (check-up)  Nel 2012 verranno introdotti degli incentivi per raggiungere gli obiettivi dell’Unione Europea 20-20-20 anche per la parte termica  Le detrazioni fiscali, gli incentivi, i prodotti finanziari ad hoc, sono un mezzo per farloPadova, 15 novembre 2011 Padovan et alt. - Diagnosi energetica e azioni prioritarie - www.energoclub.org 30

×