I Programmi Nucleari Enel per l’ItaliaGiornata di Studio AEIT Produzione e Industria Nucleare <br />Vincenzo Napoli<br />L...
2<br />Agenda<br />L’energia nucleare oggi<br />Enel: uno dei principali operatori nucleari europei<br />L’importanza del ...
3<br />Energia nucleare Potenza Installata e Produzione Netta 1980-2008 <br />1989<br />WANO<br />1986 Chernobyl<br />1979...
4<br />Case study: Three Mile Island<br />Three Mile Island 1 – media su 3 anni rolling<br />100<br />90<br />80<br />70<b...
5<br />Centrali nucleari Centrali nucleari nel mondo e in un raggio di 200 km dai confini Italiani<br />Centrali nucleari ...
6<br />Centrali nucleari in servizioRipartizione per tecnologia<br />Ripartizione per tecnologia[N.]<br />Ripartizione per...
7<br />Centrali nucleari in costruzioneRealizzazioni in corso e sviluppi futuri<br />Centrali nucleari in costruzione – De...
63.064 MWe di nuova capacità nucleare
Molti Paesi hanno avviato importanti programmi di rilancio dell’energia nucleare:
USA: la Nuclear Regulatory Agency prevedeche entro il 2011 saranno presentate richieste di autorizzazione alla costruzione...
UK: è stato avviato nel 2007 il nuovo programma nucleare che prevede la realizzazione di 6-8 nuove unità
Francia: nel 2012 sarà avviata la realizzazione del 2° EPR francese nel sito di Penly
Cina: è pianificato di raggiungere 70-80 GWe nel 2020 e 200 GWe nel 2030</li></ul>27.230<br />9.153<br />3.766<br />5.560<...
8<br />Agenda<br />L’energia nucleare oggi<br />Enel: uno dei principali operatori nucleari europei<br />L’importanza del ...
9<br />Enel: uno dei principali operatori nucleari europei2009<br />3)<br />2)<br />4)<br />5)<br />3)<br />2)<br />4)<br ...
10<br />Enel: uno dei principali operatori nucleari europeiI nostri asset nucleari, nuovi progetti e opportunità di svilup...
 Kaliningrad, 2 X 1.117MW VVER
 Accordo con Rosatom
Romania:partecipazione nel consorzio guidato da Nuclearelectrica per la costruzione di Cernavoda 3&4 (Candu, 1.500 MW)</li...
11<br />Agenda<br />L’energia nucleare oggi<br />Enel: uno dei principali operatori nucleari europei<br />L’importanza del...
12<br />Il mix di produzioneItalia vs Europa [2009, %]<br />Rinnovabili<br />Gas<br />Carbone<br />Olio<br />Nucleare<br /...
13<br />Produzione di energia elettrica in ItaliaDipendenza dall’import<br />Produzione di elettricità1) ed import<br />[2...
14<br />I costi di generazione per le diverse tecnologieComparazione tra CCGT1), Carbone di ultima generazione e nucleare<...
15<br />Riserve di combustibili accertateDisponibilità ai tassi di produzione attuale<br />Fonte<br />Riserve<br />Petroli...
16<br />15<br />2)<br />1)<br />Emissioni specifiche di CO2Confronto fra le tecnologie di generazione termoelettrica [g/kW...
17<br />Agenda<br />L’energia nucleare oggi<br />Enel: uno dei principali operatori nucleari europei<br />L’importanza del...
18<br />Il Programma Nucleare ItalianoObiettivi del Governo ed accordo Enel/EDF<br />Gli obiettivi del Governo<br />8 unit...
Prima unità in servizio entro il 2020</li></ul>Programma di riferimento<br />6.400 MWe – Circa metà degli obiettivi del Go...
Potenza netta: 1.600 MWe</li></ul>Tecnologia di riferimento<br />
19<br />Perché la tecnologia EPRDa dove deriva<br />Esperienza di <br />Francia e Germania …<br />… le tecnologie <br />	p...
N4</li></ul>	(Chooz B)<br /><ul><li>Francia: </li></ul> 	58 unità in esercizio<br /><ul><li>Konvoi (Emsland)</li></ul>L’EP...
20<br />L’EPR nel mondoI progetti in corso e gli sviluppi attesi<br /><ul><li>Regno Unito:
4 EPR pianificati
Canada:
Tender per 1 unità nell’Ontario
Finlandia:
Olkiluoto 3
Potenziale ampliamento
Francia:
Flamanville 3
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

I Programmi Nucleari Enel per l’Italia

1,296 views

Published on

Published in: Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,296
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
7
Actions
Shares
0
Downloads
28
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

I Programmi Nucleari Enel per l’Italia

  1. 1. I Programmi Nucleari Enel per l’ItaliaGiornata di Studio AEIT Produzione e Industria Nucleare <br />Vincenzo Napoli<br />Licensing & Permitting<br />Sviluppo Nucleare Italia<br />Trieste, 01 Febbraio 2011<br />
  2. 2. 2<br />Agenda<br />L’energia nucleare oggi<br />Enel: uno dei principali operatori nucleari europei<br />L’importanza del ritorno al nucleare per l’Italia<br />Il progetto Enel/EdF<br />Le ricadute socio-economiche<br />Le ricadute industriali<br />
  3. 3. 3<br />Energia nucleare Potenza Installata e Produzione Netta 1980-2008 <br />1989<br />WANO<br />1986 Chernobyl<br />1979:TMI2INPO<br />Potenza Installata e Produzione di Energia Nucleare nel Mondo<br />Potenza elettronucleare installata<br />Produzione netta di energia da nucleare<br />500<br />3000<br />450<br />2500<br />400<br />350<br />2000<br />1986-2008 <br />Potenza installata : + 45 %<br />Energia Prodotta: + 80 %<br />300<br />Produzione Energia [TWh]<br />Potenza Installata [GWe]<br />250<br />1500<br />200<br />1000<br />150<br />100<br />500<br />50<br />0<br />0<br />2000<br />2004<br />2005<br />2006<br />2007<br />2008<br />2001<br />2002<br />2003<br />1997<br />1987<br />1988<br />1989<br />1990<br />1991<br />1992<br />1993<br />1994<br />1995<br />1996<br />1998<br />1999<br />1980<br />1982<br />1983<br />1984<br />1985<br />1986<br />1981<br />Fonte: EIA – WNA.<br />
  4. 4. 4<br />Case study: Three Mile Island<br />Three Mile Island 1 – media su 3 anni rolling<br />100<br />90<br />80<br />70<br />60<br />50<br />Unit Capability Factor (%) <br />40<br />30<br />20<br />10<br />0<br />1998<br />2000<br />2002<br />2004<br />2006<br />2008<br />1974<br />1976<br />1978<br />1980<br />1982<br />1984<br />1986<br />1988<br />1990<br />1992<br />1994<br />1996<br />
  5. 5. 5<br />Centrali nucleari Centrali nucleari nel mondo e in un raggio di 200 km dai confini Italiani<br />Centrali nucleari in un raggio di 200 km dai confini Italiani<br />Centrali nucleari nel mondo<br />200 km<br />441 reattori in esercizio in 31 diversi Paesi per complessivi 374.682 MWe – Producono circa il 15% dell’energia elettrica prodotta nel mondo.<br />In un raggio di 200 km dai confini Italiani, sono ad oggi attive 27 unità nucleari per un totale di circa 24.000 MWe.<br />Fonte: IAEA Power Reactor Information System – 2011/01/13<br />
  6. 6. 6<br />Centrali nucleari in servizioRipartizione per tecnologia<br />Ripartizione per tecnologia[N.]<br />Ripartizione per tecnologia[GWe]<br />61%<br />21%<br />10%<br />8%<br />100%<br />66%<br />23%<br />6%<br />5%<br />100%<br />%<br />Pressurized Water Reactor tecnologia prevalente – Rappresenta il 61% dei reattori in servizio ed il 66% della potenza installata<br />PWR: Pressurized Water Reactor; BWR: Boiling Water Reactor; PHWR: Pressurized Heavy Water Reactor; Altro: GCR: Gas Cooled Reactor; LWGR: Light Water cooled Graphite moderated Reactor; FBR: Fast Breeder Reactor<br />Fonte: IAEA Power Reactor Information System<br />
  7. 7. 7<br />Centrali nucleari in costruzioneRealizzazioni in corso e sviluppi futuri<br />Centrali nucleari in costruzione – Dettaglio per Paese [N.; MWe]<br />Commenti<br /><ul><li>66 reattori in costruzione in 16 diversi Paesi
  8. 8. 63.064 MWe di nuova capacità nucleare
  9. 9. Molti Paesi hanno avviato importanti programmi di rilancio dell’energia nucleare:
  10. 10. USA: la Nuclear Regulatory Agency prevedeche entro il 2011 saranno presentate richieste di autorizzazione alla costruzione di 34 nuove unità
  11. 11. UK: è stato avviato nel 2007 il nuovo programma nucleare che prevede la realizzazione di 6-8 nuove unità
  12. 12. Francia: nel 2012 sarà avviata la realizzazione del 2° EPR francese nel sito di Penly
  13. 13. Cina: è pianificato di raggiungere 70-80 GWe nel 2020 e 200 GWe nel 2030</li></ul>27.230<br />9.153<br />3.766<br />5.560<br />2.650<br />2.600<br />1.906<br />782<br />1.600<br />1.600<br />1.245<br />1.165<br />915<br />692<br />300<br />Progetti Enel o nei quali Enel ha una partecipazione<br />Fonte: IAEA Power Reactor Information System – 2011/01/13<br />
  14. 14. 8<br />Agenda<br />L’energia nucleare oggi<br />Enel: uno dei principali operatori nucleari europei<br />L’importanza del ritorno al nucleare per l’Italia<br />Il progetto Enel/EdF<br />Le ricadute socio-economiche<br />Le ricadute industriali<br />
  15. 15. 9<br />Enel: uno dei principali operatori nucleari europei2009<br />3)<br />2)<br />4)<br />5)<br />3)<br />2)<br />4)<br />EBITDA (1)<br />[Bln EUR]<br />5)<br />Potenza Istallata<br />[GW]<br />dati relativi 2009<br />Enel include: 100% di Endesa (esclusi gli asset ceduti a E.on e Acciona), OGK-5 e Muntenia (consolidamento su anno intero)<br />EdF include: British Energy al 100% e la Joint Venture con Constellation Energy al 49,99%<br />E.on include: Endesa Europa, Viesgo e altri asset spagnoli di generazione da Enel/Endesa<br />RWE include: i dati pro-forma di Essent 2008, come comunicati dall’Azienda<br />
  16. 16. 10<br />Enel: uno dei principali operatori nucleari europeiI nostri asset nucleari, nuovi progetti e opportunità di sviluppo<br />Programma Nucleare Italiano: accordo con EDF per lo sviluppo congiunto di almeno 4 unità EPR<br />Nuovi progetti:<br /><ul><li>Russia:
  17. 17. Kaliningrad, 2 X 1.117MW VVER
  18. 18. Accordo con Rosatom
  19. 19. Romania:partecipazione nel consorzio guidato da Nuclearelectrica per la costruzione di Cernavoda 3&4 (Candu, 1.500 MW)</li></ul>11 unità in servizio per complessivi 5.500 MWe – Enel partecipa alla realizzazione di due delle tre centrali nucleari in corso di realizzazione in Europa – Ulteriori sviluppi attesi in Russia, Romania ed Italia<br />
  20. 20. 11<br />Agenda<br />L’energia nucleare oggi<br />Enel: uno dei principali operatori nucleari europei<br />L’importanza del ritorno al nucleare per l’Italia<br />Il progetto Enel/EdF<br />Le ricadute socio-economiche<br />Le ricadute industriali<br />
  21. 21. 12<br />Il mix di produzioneItalia vs Europa [2009, %]<br />Rinnovabili<br />Gas<br />Carbone<br />Olio<br />Nucleare<br />7%<br />23%<br />27%<br />12%<br />32%<br />Italia unico Paese industrializzato ad aver abbandonato l’energia nucleare <br />Il 28% dell’energia elettrica prodotta in Europa deriva da energia nucleare<br />
  22. 22. 13<br />Produzione di energia elettrica in ItaliaDipendenza dall’import<br />Produzione di elettricità1) ed import<br />[2008; TWh]<br />Ripartizione combustibili importati[2008; %]<br />350,5<br />77,1<br />(22%)<br />Produzione nazionale<br />43,4<br />(12%)<br />Import<br />78% della produzione di elettricità coperta da import<br />18%<br />Carbone<br />66%<br />GAS<br />Produzione da combustibili importati<br />230,0<br />(66%)<br />16%<br />Olio/altro<br />Forte dipendenza dall’import per la produzione di elettricità <br />Il Gas ha la quota più importante tra i combustibili importati<br />Fonte: Analisi Enel su dati Terna<br />1) Produzione netta – Consumi per pompaggi inclusi<br />
  23. 23. 14<br />I costi di generazione per le diverse tecnologieComparazione tra CCGT1), Carbone di ultima generazione e nucleare<br />Costi fissi<br />Costi variabili<br />Indice di costo di generazione medio [CCGT=100]<br />Effetti sul costo di generazione di una variazione del costo del combustibile<br />CCGT1)<br />Nucleare<br />CCGT1)<br />100<br />~20%<br />Carbone USC2)<br />80<br />~22%<br />80<br />Nucleare3)<br />~85%<br />Costo di generazione da carbone e nucleare minore del 20% rispetto ai cicli combinati a gas – Il costo di generazione da nucleare non risente di fluttuazioni del prezzo dell’uranio<br />CCGT: Combined Cycle Gas Turbine – Ciclo Combinato a Gas<br />Carbone Ultra Super Critico – Tecnologia di ultima generazione impiegata per la realizzazione della centrale di Torrevaldaliga Nord<br />Tecnologia EPR – Assumendo il costo del petrolio pari a 60 $/barile e costo delle quote CO2 pari a 25 EUR/t<br />Fonte: Analisi Enel<br />
  24. 24. 15<br />Riserve di combustibili accertateDisponibilità ai tassi di produzione attuale<br />Fonte<br />Riserve<br />Petrolio<br />1.258 miliardi di barili<br />Gas Naturale<br />185 miliardi di m3<br />Carbone<br />826 miliardi di tonnellate<br />Uranio<br />5,5 milioni di tonnellate<br />Rapporto riserve accertate e recuperabili e produzione dalla fonte considerata [N. anni]<br />Riserve accertate<br />100-290<br />Ulteriori riserve stimate<br />Carbone e Uranio assicurano disponibilità sufficienti a coprire più di un secolo di produzione di energia elettrica con le tecnologie ed ai tassi di produzione attuali<br />Fonte: analisi Enel su dati BP<br />
  25. 25. 16<br />15<br />2)<br />1)<br />Emissioni specifiche di CO2Confronto fra le tecnologie di generazione termoelettrica [g/kWh]<br /><ul><li>Producendo 100 TWh/anno da fonte nucleare anziché attraverso CCGT si eviterebbe l’immissione in atmosfera di circa 35 milioni di tonnellate di CO2</li></ul>-345<br />Se paragonate alle tecnologie termoelettriche tradizionali, le emissioni relative all’intera catena del valore nucleare sono trascurabili<br />Carbone Ultra Super Critico – Tecnologia di ultima generazione impiegata per la realizzazione della centrale di Torrevaldaliga Nord<br />Emissioni relative all’intera catena del valore, dall’estrazione dell’uranio al trattamento dei rifiuti radioattivi, inclusa la realizzazione della centrale<br />Fonte: Analisi Enel; per il Nucleare fonte IAEA, International Atomic Energy Agency<br />
  26. 26. 17<br />Agenda<br />L’energia nucleare oggi<br />Enel: uno dei principali operatori nucleari europei<br />L’importanza del ritorno al nucleare per l’Italia<br />Il progetto Enel/EdF<br />Le ricadute socio-economiche<br />Le ricadute industriali<br />
  27. 27. 18<br />Il Programma Nucleare ItalianoObiettivi del Governo ed accordo Enel/EDF<br />Gli obiettivi del Governo<br />8 unità da 1.600 MWe<br />L’accordo Enel/EDF<br /><ul><li>Realizzazione di almeno 4 unità su 3 siti
  28. 28. Prima unità in servizio entro il 2020</li></ul>Programma di riferimento<br />6.400 MWe – Circa metà degli obiettivi del Governo<br /><ul><li>Tecnologia EPR (European Pressurized Reactor) modello Flamanville 3
  29. 29. Potenza netta: 1.600 MWe</li></ul>Tecnologia di riferimento<br />
  30. 30. 19<br />Perché la tecnologia EPRDa dove deriva<br />Esperienza di <br />Francia e Germania …<br />… le tecnologie <br /> più avanzate …<br />… Reattore di Gen. III+<br />EPR<br /><ul><li>Germany: 17 unità in esercizio
  31. 31. N4</li></ul> (Chooz B)<br /><ul><li>Francia: </li></ul> 58 unità in esercizio<br /><ul><li>Konvoi (Emsland)</li></ul>L’EPR deriva dall’esperienza accumulata da Francia e Germania nella realizzazione ed esercizio di reattori PWR – <br />È un progetto evolutivo basato sulla tecnologia <br />francese N4 e tedesca Konvoi<br />19<br />
  32. 32. 20<br />L’EPR nel mondoI progetti in corso e gli sviluppi attesi<br /><ul><li>Regno Unito:
  33. 33. 4 EPR pianificati
  34. 34. Canada:
  35. 35. Tender per 1 unità nell’Ontario
  36. 36. Finlandia:
  37. 37. Olkiluoto 3
  38. 38. Potenziale ampliamento
  39. 39. Francia:
  40. 40. Flamanville 3
  41. 41. Penly 3
  42. 42. Cina:
  43. 43. Taishan 1 e 2
  44. 44. Altre unità pianificate
  45. 45. Italia:
  46. 46. 4 EPR pianificati
  47. 47. India:
  48. 48. 6 EPR pianificati
  49. 49. USA:
  50. 50. EPR scelto da 5 Operatori
  51. 51. Sud Africa:
  52. 52. Tender per 1 unità</li></ul> (in attesa)<br />Il Programma Nucleare Italiano beneficerà delle diverse esperienze acquisite a livello mondiale<br />Paesi con progetti EPR in corso<br />Paesi dove partiranno progetti EPR<br />
  53. 53. 21<br />La collaborazione Enel-EdFI rapporti in essere ed i nuovi sviluppi della collaborazione<br />I rapporti in essere prima dell’avvio della collaborazione per l’Italia<br /><ul><li>Accordi stipulati il 30 novembre del 2007 che prevedono:
  54. 54. Partecipazione Enel con una quota del 12,5% al progetto di realizzazione di un‘unità EPR (1.600 MWe) nel sito di Flamanville
  55. 55. Formazione specialistica on the job di risorse Enel da parte di EDF per Ingegneria, Costruzione ed Esercizio sul progetto Flamaville 3
  56. 56. Opzione per Enel di co-investire con le medesime modalità nella realizzazione delle successive 5 unità EPR che EDF svilupperà in Francia
  57. 57. Possibilità per EDF di partecipare in nuovi progetti basati sulla tecnologia EPR sviluppati da Enel</li></ul>Ambito<br />Descrizione<br />I nuovi sviluppi della collaborazione<br /><ul><li>Il 24 febbraio 2009, facendo seguito alla stipula del Protocollo di Accordo Italo-Francese sulla cooperazione nel settore del’energia nucleare, Enel e EDF hanno sottoscritto due nuovi accordi:
  58. 58. Un accordo che prevede la partecipazione di Enel, con le stesse modalità di Flamanville, alla realizzazione del 2° EPR Francese la cui costruzione è prevista a partire dal 2012 nel sito di Penly
  59. 59. Un accordo che prevede lo sviluppo congiunto di un programma nucleare italiano</li></ul>La collaborazione Enel/EdF nel campo dell’energia nucleare è ormai consolidata<br />
  60. 60. 22<br />L’accordo Enel – EdF per l’ItaliaI nuovi sviluppi <br />Obiettivi strategici<br /><ul><li>Realizzazione di una serie composta da almeno 4 unità di generazione nucleare in Italia su tre siti
  61. 61. La tecnologia EPR, modello Flamanville, è assunta come riferimento tecnologico per l‘intero piano
  62. 62. Ingresso in servizio della prima unità entro il 2020</li></ul>Ambito<br />Descrizione<br />Struttura della partecipazione<br />Fase di<br />sviluppo del progetto<br /><ul><li>Joint Venture paritaria (50/50)</li></ul>Ownership ed Esercizio degli impianti<br /><ul><li>Veicoli societari ad hoc per Ownership ed Esercizio caratterizzati da:
  63. 63. Partecipazione di maggioranza per Enel
  64. 64. Partecipazione all'investimento aperta anche a terzi, garantendo il mantenimento da parte di Enel ed EDF della maggioranza</li></ul>Realizzazione di almeno 4 unità EPR su tre siti. Coinvolgimento anche di terzi nell'investimento <br />
  65. 65. 23<br />L’accordo Enel – EdF per l’ItaliaSviluppo Nucleare Italia s.r.l. (SNI)<br />Struttura societaria di SNI<br /><ul><li>La Società Sviluppo Nucleare Italia S.r.l. è stata costituita il31 luglio 2009, a seguito del MoU firmato tra Enel ed EdF nel febbraio 2009
  66. 66. SNI è una JV paritetica, con composizione di poteri bilanciata tra i soci
  67. 67. ENEL esprimel'Amministratore Delegato ed altri 3 membri del CdA
  68. 68. EdF esprime il Presidente, il Vice Presidente Esecutivo e altri 2 membri nel CdA</li></ul>Ambito<br />Descrizione<br /><ul><li>Effettuare il site screening
  69. 69. Predisporre gli studi di fattibilità per ogni sito
  70. 70. Predisporre la costituzione delle Società di Scopo
  71. 71. Supportare i processi autorizzativi</li></ul>Obiettivi strategici<br />di SNI<br />Attività<br /><ul><li>Predisporre uno studio di fattibilità dettagliato per ottenere la Final Investment Decision da parte dei Board delle due Società</li></ul>Scopo <br />del lavoro<br />Predisposizione degli studi dettagliati di fattibilità, per la Decisione Finale dell'Investimento <br />
  72. 72. 24<br />Il programma Nucleare ItaliaDal Supply Chain Meeting al Supply Chain Day<br />2017<br />2010<br />2011<br />2012<br />2013<br />2014<br />2015<br />2016<br />2018<br />2019<br />2020<br />Quadro Normativo<br /><ul><li>Approvato il Decreto n° 31 che definisce le procedure autorizzative per la localizzazione, la realizzazione e l’esercizio degli impianti
  73. 73. Designati i vertici dell‘Agenzia per la Sicurezza Nucleare, approvato il suo statuto</li></ul>Progetto<br />Enel-EdF<br /><ul><li>Condotta la Market Survey con le imprese italiane che hanno mostrato interesse verso il programma nucleare
  74. 74. Avviato il processo di ritorno di esperienza da tutti e 4 gli impianti EPR in corso di costruzione
  75. 75. Avviata la pre-analisi del territorio italiano per identificare aree adatte alla localizzazione dei siti
  76. 76. Avviate le attività di comunicazione per diffondere consapevolezza circa le caratteristiche tecniche distintive del Nucleare e i suoi vantaggi
  77. 77. In corso di definizione la struttura dell‘Architect Engineer, che dovrà garantire un controllo forte sul progetto</li></ul>A quasi un anno dal Supply Chain Meeting, a livello paese sono state gettate le basi del contesto normativo e le attività del Programma Enel-EdF sono andate avanti con il coinvolgimento dell’industria italiana<br />
  78. 78. 25<br />Il programma Nucleare ItaliaStato di avanzamento del quadro legislativo – passi da compiere<br />Passi da compiere<br /><ul><li>Nomina definitiva collegio Agenzia sicurezza nucleare [con Parere Commissioni parlamentari, Delibera CdM, Decreto Presidente Repubblica]
  79. 79. Decreti per operatività struttura Agenzia sicurezza nucleare (sede, trasf. risorse umane e finanziarie) [con Decreti MEF, MiSE, MATTM]
  80. 80. Delibera CIPE sulle tecnologie adottabili [con Parere Commissioni parlamentari e Conferenza Unificata – Delibera CIPE]
  81. 81. Strategia nucleare [con Proposta MiSE, di con concerto con il MATTM, e Delibera CdM]
  82. 82. Criteri per la localizzazione dei siti [con Proposta Agenzia e Decreto MiSE MATTM]</li></ul>Il rapido completamento del quadro regolatorio e la nomina ufficiale del Collegio dell’Agenzia sono indispensabili per il rispetto del programma<br />
  83. 83. 26<br />Il programma Nucleare ItaliaIl programma cronologico di riferimento: criteri<br /><ul><li>Il piano temporale di riferimento del progetto Enel-EdF tiene conto dei tempi necessari nella definizione del contesto normativo (es. Creazione dell’ASN1), emissione della Strategia Nucleare)
  84. 84. Il piano incorpora alcune ipotesi per la chiusura dei futuri step normativi (es. Approvazione Criteri) per la localizzazione dei siti nel marzo 2011) e sulla tempistica del percorso autorizzativo (abbiamo utilizzato dei tempi medi, sulla base del Dlgs 31)
  85. 85. Gli step importanti del nuovo programma sono:
  86. 86. l’apertura del primo cantiere al 2013
  87. 87. l’entrata in esercizio della prima unità alla fine del 2020, le altre seguiranno con passo di 18 mesi
  88. 88. Le aziende italiane verranno coinvolte fin da subito:
  89. 89. Dall’inizio del 2011 per le attività di qualificazione
  90. 90. Dalla fine del 2011 per le prime richieste di offerta necessarie a definire il preventivo di costo in vista della Decisione sull’Investimento del 2013 (a cui seguiranno le assegnazioni dei primi contratti)</li></ul>1) Autorità per la Sicurezza Nucleare<br />
  91. 91. 27<br />Il programma Nucleare Italia Programma cronologico di riferimento<br /><ul><li>Le principali tappe del programma Nucleare Italia sono:
  92. 92. 2013  Avvio Lavori Preliminari
  93. 93. 2015  Avvio Opere Nucleari
  94. 94. 2020  Esercizio Commerciale</li></li></ul><li>28<br />Il programma Nucleare Italia Enel/EDFCosti associati al programma<br />Commenti<br />Dettaglio costi per unità [Mln EUR1)]<br />16.000<br /> 18.000<br />4.000<br /> 4.500<br /><ul><li>La realizzazione diun’unità EPR richiede uninvestimento compreso tra i 4 e i 4,5 Mld EUR in funzione delle caratteristiche del sito
  95. 95. L’intero programma Enel/EdF richiederà pertanto un investimento complessivo compreso tra i 16 e i 18 Mld EUR
  96. 96. Le unità EPR sono progettate per una vita utile di 60 anni</li></ul>4.000<br /> 4.500<br />4.000<br /> 4.500<br />4.000<br /> 4.500<br />Moneta costante giugno 2009<br />FLO: Full Load Operation – Ingresso in servizio<br />Programma infrastrutturale con pochi precedenti nella storia del nostro Paese per l’entità degli investimenti richiesti<br />
  97. 97. 29<br />Agenda<br />L’energia nucleare oggi<br />Enel: uno dei principali operatori nucleari europei<br />L’importanza del ritorno al nucleare per l’Italia<br />Il progetto Enel/EdF<br />Le ricadute socio-economiche<br />Le ricadute industriali<br />
  98. 98. 30<br />Benefici socio-economici<br />COSTRUZIONE<br />≈<br />X<br />3.000 €/MW (*)<br />5 M€ / anno<br />1630<br />MW<br />(*) aumentato del 20 % per potenze nominali superiori a 1600 MW<br />ESERCIZIO<br />≈<br />5 M€ / anno<br />X<br />0,40 €/MWh<br />12.800.000 MWh<br />300 M€<br />X<br />=<br />60 anni<br />ICI (TBD) 10 M€ / anno<br />
  99. 99. 31<br />10 %<br />5 M€<br />Fino a 10 M€<br />55 %<br />+ <br />ICI<br />35 %<br />Benefici socio-economici<br />COSTRUZIONE (M€ / anno) – ripartizione territoriale<br />40 %<br />60 %<br />ESERCIZIO<br />Benefici sulla bolletta elettrica a: <br /><ul><li> Comune ospitante l’impianto
  100. 100. Comuni entro 20 km
  101. 101. Provincia/e</li></ul>(percentuali da definire in sede Ministeriale)<br />5 M€<br />~10 M€<br />
  102. 102. Agenda<br />L’energia nucleare oggi<br />Enel: uno dei principali operatori nucleari europei<br />L’importanza del ritorno al nucleare per l’Italia<br />Il progetto Enel/EdF<br />Le ricadute socio-economiche<br />Le ricadute industriali<br />32<br />
  103. 103. 33<br />La realizzazione di un impianto EPRComposizione costi di realizzazione – Isole principali<br />Ripartizione per isole principali [%]<br />Descrizione<br /><ul><li>Isola Nucleare: comprende il cosiddetto Nuclear Steam Supply System (NSSS) composto da reattore, generatori di vapore, pressurizzatore interni al contenitore, nonché le salvaguardie, i diesel di emergenza e gli altri ausiliari nucleari, inclusa la sala manovra
  104. 104. Isola Convenzionale: contiene i sistemi relativi alla “isola di potenza” (turbina a vapore + alternatore), tutti gli ausiliari, i sistemi elettrici, etc
  105. 105. Opere civili: contiene tutte le opere civili dell’impianto</li></ul>Fonte: Elaborazioni Enel<br />Il 50% dei costi di realizzazione dell’impianto sono imputabili<br />all’isola nucleare<br />
  106. 106. 34<br />La realizzazione di un impianto EPRComposizione costi di realizzazione – Categorie merceologiche [%]<br />Le forniture meccaniche rappresentano la categoria<br />merceologica che incide maggiormente – circa 30% – sul costo di<br />realizzazione di un’unità EPR<br />I dati relativi alle forniture includono la relativa ingegneria ed il controllo della qualità<br />Fonte: Elaborazioni Enel<br />
  107. 107. 35<br />Il programma Nucleare Italia Azioni necessarie a supportare il programma<br /><ul><li>Vediamo con favore all’aggregazione tra le imprese italiane (es. attraverso partnerships)
  108. 108. È necessario che le imprese investano nel recupero delle competenze in campo nucleare
  109. 109. Sono necessari investimenti per l’ammodernamento e/o la modifica dei processi produttivi,perraggiungere competitività sul mercato internazionale
  110. 110. Il sistema industriale deve riprendere e sviluppare la Cultura del Nucleare, e la consapevolezza di lavorare in un ambito diverso dai tradizionali, che richiede alti standard di qualità (es. complessità nella gestione documentale, processi rigorosi e documentati nelle varie fasi)
  111. 111. La cultura della Sicurezza Nucleare deve essere la base dell’intero programma</li></ul>L’obiettivo è la massimizzazione delle forniture italiane e la creazione di un sistema industriale a livello paese che possa competere anche all’estero<br />Ai fornitori interessati chiediamo però un forte impegno fin dalle prime fasi del prossimo anno per creare una cultura dell’eccellenza in termini di qualità e sicurezza, competitività e continuità nel lungo periodo<br />
  112. 112. 36<br />L’industria Italiana presente a Flamanville 3Dettaglio per regione<br />43 fornitori Italiani gi<br />à<br />coinvol<br />ti<br />a <br />Flamanville<br />3<br /><ul><li>43 fornitori Italiani già coinvolti nel progetto di realizzazione di Flamanville 3 (tecnologia EPR – partecipazione Enel pari al 12,5%)
  113. 113. Coinvolti soprattutto fornitori di forgiati, di apparecchiature meccaniche e materiali bulk
  114. 114. Si tratta nella maggior parte dei casi di sub-fornitori di contrattisti principali di EDF (es. Areva – isola nucleare, Alstom – gruppo turboalternatore)
  115. 115. Circa 20 aziende Italiane sono inoltre coinvolte nel progetto di realizzazione della unità EPR di Olkiluoto, Finlandia
  116. 116. Friuli Venezia Giulia 4 fornitori
  117. 117. Piemonte 2 fornitori
  118. 118. Veneto</li></ul> 5 fornitori<br /><ul><li>Lombardia</li></ul> 26 fornitori<br /><ul><li>Emilia Romagna</li></ul> 4 fornitori<br /><ul><li>Liguria</li></ul> 1 fornitore<br /><ul><li>Umbria</li></ul> 1 fornitore<br />I progetti EPR in corso di realizzazione in Francia e Finlandia hanno già coinvolto aziende italiane<br />
  119. 119. 37<br />Market SurveyIntroduzione<br /><ul><li>Piano di investimenti a lungo termine per il rilancio del nucleare nel nostro Paese
  120. 120. Collaborazione con i partner industriali: fattore chiave
  121. 121. Criteri stringenti di sicurezza, qualità e ottimizzazione di tempi e costi
  122. 122. Enel e Confindustria credono in un Sistema Paese forte e competitivo basato sul consolidamento, il recupero e lo sviluppo di competenze specifiche per il nucleare
  123. 123. Enel, nell’ambito di Confindustria, ha proposto un processo di sviluppo in tempi idonei al fine di massimizzare l’opportunità del coinvolgimento dell’industria nazionale</li></ul>37<br />
  124. 124. 38<br />Market Survey Registrazioni RFI: la risposta dell’industria<br />Grande partecipazione: 571 aziende registrate periodo Gennaio – Novembre 2010<br />38<br />
  125. 125. 39<br />Processo di qualificazione <br />Processo di qualificazione<br />Responsabilità Enel<br />Responsabilità<br />Fornitori diretti<br />Diversi percorsi di qualificazione in base alle categorie e al profilo delle imprese<br /> Sub<br /> Fornitori<br /> Fornitori <br /> diretti<br /> di Enel<br /> Enel<br />Coordinamento continuo e planning condiviso, monitoraggio da parte di Enel<br />Processi di qualificazione impegnativi basati su <br />valutazioni approfondite e impegno assoluto<br />
  126. 126. 40<br />Analisi della Market Survey Conclusioni<br /><ul><li>Al momento già alcune impreseitaliane sono attive nel settore nucleare, sia aziende leader sia aziende di nicchia con alto profilo tecnologico
  127. 127. L’industria italiana mostra eccellenze nella progettazione, fabbricazione e installazione di sistemi e componenti
  128. 128. Alcune capacità devono svilupparsi per soddisfare i requisiti del settore nucleare
  129. 129. Il mercato nucleare sta crescendo: nuove opportunità di business
  130. 130. Con impegno e investimenti il coinvolgimento dell’industria italianapuò crescere e coprire tutte le principali aree d’impianto
  131. 131. Tale sviluppo permetterà anche di incrementarela competitività sui mercati internazionali delle imprese italiane</li></ul>40<br />

×