Gruppo zonale Monselice 2 a.s. 2008/09 Coord. Samuel Rizzo, Emanuela Rizzi Cartelloni e disegni eseguiti dagli alunni dell...
AVEVO FAME E SETE… ERO  AMMALATO … ERO STRANIERO  E PRIGIONIERO ERO DEBITORE … ERO BAMBINO …
 
I bambini giocano  I bambini giocano alla guerra. E' raro che giochino alla pace perché gli adulti da sempre fanno la guer...
La peggiore malattia oggi  e’ il non sentirsi desiderati  ne’ amati, il sentirsi abbandonati. Vi sono molte persone al mon...
 
 
«Lasciate che i piccoli fanciulli vengano a me e non glielo impedite, perché di tali è il  regno di  Dio. (Marco 10:13-14)...
I bambini hanno fame Hanno fame i bambini con il viso scarno, gli occhi grandi e la pelle scura. Hanno fame di cibo , qual...
Ogni cittadino  ha diritto ad un tenore di vita che garantisca  l’alimentazione,la salute, le cure …
« Egli rende giustizia agli oppressi,  d à  il cibo agli affamati.  Il Signore raddrizza i curvati, il Signore ama i giust...
Colui invece che beve dell' acqua che gli darò io, non avrà mai più sete; ma l' acqua che gli darò diverrà in lui una sorg...
Ma Egli rispose:-” Voi stessi date loro da mangiare” Dissero:” Dobbiamo andare a comperare duecento denari di pane e dare ...
 
Salvator Rosa (Arenella, 1615 – Roma, 1673) - La Liberazione di San Pietro, olio su tela, cm 135x99 - Napoli, Museo di Cap...
 
Fratelli miei, noi abbiamo ricevuto una vocazione alla libertà; …… mettetevi invece per la carità al servizio gli uni degl...
 
 
 
 
 
La povertà è uno dei problemi  che affligge il Continente Africano - Sottosviluppo si parla del sottosviluppo che affligge...
Il grado di istruzione e scolarizzazione è un indice importante per valutare le condizioni di vita di un popolo, infatti u...
Tra i bambini sotto i 5 anni, le principali cause di mortalità sono la malaria e una malattia a diffusione locale, "t...
 
Che incanto, Signore! - che le tue creature che hai creato con le tue mani - gli uccelli e il vento - trasportino da piant...
L' Organizzazione delle Nazioni Unite   in sigla  ONU Le Nazioni Unite hanno come fine il conseguimento della cooperazione...
Il regno dei cieli è simile a un re che volle fare i conti con i suoi servi. Incominciati i conti, gli fu presentato uno c...
 
Vai  alle schede  lavoro
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Bibbia e diritti u1

726 views

Published on

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
726
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
13
Actions
Shares
0
Downloads
14
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Bibbia e diritti u1

  1. 1. Gruppo zonale Monselice 2 a.s. 2008/09 Coord. Samuel Rizzo, Emanuela Rizzi Cartelloni e disegni eseguiti dagli alunni della scuola primaria “ B. Croce” Granze I.C. di Solesino PD Arrangiamento: Emanuela Rizzi
  2. 2. AVEVO FAME E SETE… ERO AMMALATO … ERO STRANIERO E PRIGIONIERO ERO DEBITORE … ERO BAMBINO …
  3. 4. I bambini giocano I bambini giocano alla guerra. E' raro che giochino alla pace perché gli adulti da sempre fanno la guerra, tu fai "pum" e ridi; il soldato spara e un altro uomo non ride più. E' la guerra. C'è un altro gioco da inventare: far sorridere il mondo, non farlo piangere. Pace vuol dire che non a tutti piace lo stesso gioco, che i tuoi giocattoli piacciono anche agli altri bimbi che spesso non ne hanno, perché ne hai troppi tu; che i disegni degli altri bambini non sono dei pasticci; che la tua mamma non è solo tutta tua; che tutti i bambini sono tuoi amici. E pace è ancora non avere fame non avere freddo non avere paura. Bertold Brecht  
  4. 5. La peggiore malattia oggi e’ il non sentirsi desiderati ne’ amati, il sentirsi abbandonati. Vi sono molte persone al mondo che muoiono di fame, ma un numero ancora maggiore muore per mancanza d’amore. Ognuno ha bisogno di amore. Ognuno deve sapere di essere desiderato, di essere amato, e di essere importante per Dio. Vi e’ fame d’amore, e vi e’ fame di Dio.
  5. 8. «Lasciate che i piccoli fanciulli vengano a me e non glielo impedite, perché di tali è il regno di Dio. (Marco 10:13-14) « In verità vi dico: se non vi convertite e non diventate come piccoli fanciulli, voi non entrerete affatto nel regno dei cieli. Chi dunque si umilierà come questo piccolo fanciullo, sarà il più grande nel regno dei cieli. (Matteo 18:3-4) Ma chi avrà scandalizzato uno di questi piccoli che credono in me, sarebbe meglio per lui che gli fosse legata una macina d’asino al collo e che fosse sommerso nel fondo del mare. ( Matteo 18:6 ) Ecco, i figli sono una eredità che viene dall’Eterno; il frutto del grembo è un premio, Come frecce nella mano di un prode, così sono i figli della propria giovinezza.. (Salmi 127:3-5 )
  6. 9. I bambini hanno fame Hanno fame i bambini con il viso scarno, gli occhi grandi e la pelle scura. Hanno fame di cibo , qualsiasi cibo vogliono: un po’ di molliche di pane un piatto scarso di qualsivoglia pietanza. I bambini hanno fame, hanno fame di giustizia. Quale torto hanno fatto al mondo che non li vuole? Forse quello di essere nati in una terra sbagliata ? Una viva speranza hanno nel cuore quella di un giorno migliore. Un barlume di luce sperano un po’ più di niente vogliono. La pancia piena sognano e la violenza ripudiano. Calore umano si aspettano e una sola cosa desiderano: sorridere. 
  7. 10. Ogni cittadino ha diritto ad un tenore di vita che garantisca l’alimentazione,la salute, le cure …
  8. 11. « Egli rende giustizia agli oppressi, d à il cibo agli affamati. Il Signore raddrizza i curvati, il Signore ama i giusti. Il Signore protegge il pellegrino, sostiene l'orfano e la vedova, ma sconvolge le vie degli empi » (Sal 146,7‑9). Dio è per il povero un Dio personale, il suo « custode » che « non dorme e non sogna » (Sal 121,4). Protezione efficace, poich é egli è colui « che ha fatto il cielo e la terra » (Sal 121,2). Custode del corpo ( « egli non tifa in ­ ciampare » ), lo è anche dell'anima « Dio ti custodisce da ogni male, custodisce la tua anima » : Sal 121,7). Ancor pi ù profondamente, l'orante esprime questa povert à radicale, che consiste nel riconoscere in Dio la sorgente del proprio agire: « Se Dio non costruisce la casa, invano si affaticano i costruttori » (Sal 127,1), eco anticipata della parola di Ge ­ s ù : « Senza di me non potete far nulla » (Gv 15,5).
  9. 12. Colui invece che beve dell' acqua che gli darò io, non avrà mai più sete; ma l' acqua che gli darò diverrà in lui una sorgente di acqua che zampilla verso la vita eterna».
  10. 13. Ma Egli rispose:-” Voi stessi date loro da mangiare” Dissero:” Dobbiamo andare a comperare duecento denari di pane e dare loro da mangiare?” Disse:”Quanti pani avete?” Risposero:” Cinque pani e due pesci Prese i cinque pani e i due pesci, alzò gli occhi al cielo, spezzò i pani e li dava ai suoi discepoli perché li distribuissero a loro; e divise i due pesci fra tutti. Tutti mangiarono a sazietà
  11. 15. Salvator Rosa (Arenella, 1615 – Roma, 1673) - La Liberazione di San Pietro, olio su tela, cm 135x99 - Napoli, Museo di Capodimonte La Conversione di Saulo, del Caravaggio, nella cappella Cerasi di Santa Maria del Popolo
  12. 17. Fratelli miei, noi abbiamo ricevuto una vocazione alla libertà; …… mettetevi invece per la carità al servizio gli uni degli altri (Gal. 5,13 ). La vita cristiana è dunque una schiavitù? Si. Ma una schiavitù d'amore. Di conseguenza, essa è la suprema libertà
  13. 23. La povertà è uno dei problemi che affligge il Continente Africano - Sottosviluppo si parla del sottosviluppo che affligge il continente africano e del problema dell'analfabetismo - Popolazione viene esposto il lato più drammatico della situazione dei bambini e delle condizioni delle donne - Malattie si parla delle molte malattie  e in particolare del problema dell' AIDS - Povertà si descrive la povertà del Continente Africano e il fallimento di ogni tentativo per svilupparne le risorse
  14. 24. Il grado di istruzione e scolarizzazione è un indice importante per valutare le condizioni di vita di un popolo, infatti un analfabeta avrà meno possibilità di migliorare il proprio tenore di vita.. Nei Paesi più poveri, molti sono i bambini che non frequentano o abbandonano la scuola perché costretti a lavorare per aiutare la famiglia. L’Africa è il continente con i più gravi problemi di sottosviluppo. In vastissimi territori le condizioni di vita sono arretrate e, ad eccezione della fascia costiera settentrionale e del Sudafrica, le popolazioni, quasi del tutto prive di beni alimentari, rientrano nella fascia della fame. Anche per carestie ricorrenti e periodi di siccità, la malnutrizione affligge molti Paesi africani
  15. 25. Tra i bambini sotto i 5 anni, le principali cause di mortalità sono la malaria e una malattia a diffusione locale, "two lango", descritta come malnutrizione associata a infezione orale. . Centinaia di bambini muoiono di epidemie come la diarrea, il tifo ed il colera e la maggior parte dei bambini che nascono non riescono a sopravvivere oltre al 5°anno di età a causa di scarse condizioni igieniche, denutrizione o mancanza di acqua.
  16. 27. Che incanto, Signore! - che le tue creature che hai creato con le tue mani - gli uccelli e il vento - trasportino da pianta in pianta da albero ad albero i semi di amore e pace." Dom Helder Camara, vescovo brasiliano simbolo di tante battaglie,ma soprattutto paladino di un ideale supremo e irrinunciabile, quello della giustizia, fratello dei poveri contro ignoranza e miseria. "Partire è ... non lasciarsi chiudere negli angusti problemi del piccolo mondo a cui apparteniamo: qualunque sia l'importanza di questo nostro mondo, l'umanità è più grande ed è essa che dobbiamo servire" dom Helder Camara
  17. 28. L' Organizzazione delle Nazioni Unite in sigla ONU Le Nazioni Unite hanno come fine il conseguimento della cooperazione internazionale in ambito di sviluppo economico, progresso socioculturale, diritti umani e sicurezza internazionale .
  18. 29. Il regno dei cieli è simile a un re che volle fare i conti con i suoi servi. Incominciati i conti, gli fu presentato uno che gli era debitore di diecimila talenti. Allora quel servo, gettatosi a terra, lo supplicava: Signore, abbi pazienza con me e ti restituirò ogni cosa. Impietositosi del servo, il padrone lo lasciò andare e gli condonò il debito. Appena uscito, quel servo trovò un altro servo come lui che gli doveva cento denari e, afferratolo, lo soffocava e diceva: Paga quel che devi! Visto quel che accadeva, gli altri servi furono addolorati e andarono a riferire al loro padrone tutto l’accaduto. Allora il padrone fece chiamare quell’uomo e gli disse: Servo malvagio, io ti ho condonato tutto il debito perché mi hai pregato. Non dovevi forse anche tu aver pietà del tuo compagno, così come io ho avuto pietà di te?
  19. 31. Vai alle schede lavoro

×