Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
Complex Learning Un modo possibile di essere DULP Eleonora Guglielman e Laura Vettraino  DULP ‘09 14 settembre 2009
<ul><li>La sfida: rispondere alla non prevedibilità della realtà e alla complessità emergente dei saperi </li></ul>È un ap...
Complessità e organicità <ul><li>Il termine  complex  esplicita la complessità delle dinamiche che si attuano grazie al va...
Le parole chiave del Complex Learning Ibridazione Complessità  Apertura  Fluidità  Personalizzazione  Ri-mediazione Learna...
Quanto è DULP il Complex Learning? <ul><li>Design Inspired Learning </li></ul><ul><li>Ubiquitous Learning </li></ul><ul><l...
Il Complex Learning è Design Inspired <ul><li>Progettazione centrata sull’utente </li></ul><ul><li>Progettazione partecipa...
Il Complex Learning come Ubiquitous Learning <ul><li>Integrazione di tecnologie, media, strumenti di comunicazione e inter...
Liquid Learning Places: il Complex Learning Environment Luoghi tradizionali e non  di interazione, comunicazione, apprendi...
Gli ambienti virtuali: convergenza, rimediazione, integrazione, riconfigurazione…come definire la complessità? Perché defi...
Person in Place Centred Design <ul><li>Progettare in un modo nuovo, “sovversivo”, creativo,  olistico: </li></ul>la proget...
…  Ma il Complex Learning funziona? <ul><li>Il Complex Learning tende a destrutturare la formazione aumentando la dimensio...
Le condizioni di fattibilità <ul><li>Ruolo attivo e partecipato del soggetto </li></ul><ul><li>Progettazione e costruzione...
Le condizioni di fattibilità <ul><li>Prospettive teoriche eclettiche e non autescludentisi </li></ul><ul><li>Valutazione a...
<ul><li>Quali competenze per il complex tutor? Ne parliamo nel DULPCamp….  </li></ul>Grazie per l’attenzione Eleonora Gugl...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Complex Learning: un modo possibile di essere Dulp

5,300 views

Published on

Relazione presentata al convegno DULP 09 - Ubiquitous Learning in Liquid Learning Places, Roma, 14-15 settembre 2009

Published in: Education, Technology

Complex Learning: un modo possibile di essere Dulp

  1. 1. Complex Learning Un modo possibile di essere DULP Eleonora Guglielman e Laura Vettraino DULP ‘09 14 settembre 2009
  2. 2. <ul><li>La sfida: rispondere alla non prevedibilità della realtà e alla complessità emergente dei saperi </li></ul>È un approccio che va oltre il semplice blended learning; con la sua molteplicit à di attori, risorse, forme e mezzi di comunicazione il risultato è maggiore della somma dei suoi componenti. È l’i b ridazione tra teorie, ambienti, sistema dei media, linguaggi e modi di interazione. La risposta: Complex Learning
  3. 3. Complessità e organicità <ul><li>Il termine complex esplicita la complessità delle dinamiche che si attuano grazie al valore aggiunto che si integra a presenza e distanza; non sostituzione/ampliamento delle modalità disponibili, bensì riconfigurazione fra le diverse tipologie di modelli di e-learning, da nuovi legami e nuove gerarchie tra i media, nuovi linguaggi e nuove modalità d’i n terazione e quindi di ri-mediazione </li></ul><ul><li>Ferri, 2005; Guglielman, Vettraino, 2007; Guspini, 2008 </li></ul>
  4. 4. Le parole chiave del Complex Learning Ibridazione Complessità Apertura Fluidità Personalizzazione Ri-mediazione Learnativity Biografia Olismo Multiattorialità
  5. 5. Quanto è DULP il Complex Learning? <ul><li>Design Inspired Learning </li></ul><ul><li>Ubiquitous Learning </li></ul><ul><li>Liquid Learning Places </li></ul><ul><li>Person in Place Centred Design </li></ul>Quanto può essere DULP il Complex Learning? In che modo ripensare gli schemi e i luoghi noti dell’apprendimento?
  6. 6. Il Complex Learning è Design Inspired <ul><li>Progettazione centrata sull’utente </li></ul><ul><li>Progettazione partecipata: con l’utente </li></ul>Ripensare il modo di progettare l’ambiente e l’esperienza formativa, con le tecnologie e attraverso le tecnologie, per creare spazi liquidi di apprendimento
  7. 7. Il Complex Learning come Ubiquitous Learning <ul><li>Integrazione di tecnologie, media, strumenti di comunicazione e interazione, ambienti </li></ul><ul><li>Superamento dei modelli chiusi e gerarchici che ripropongono schemi basati sulla staticità dei ruoli </li></ul>L’apprendimento segue l’utente e non viceversa
  8. 8. Liquid Learning Places: il Complex Learning Environment Luoghi tradizionali e non di interazione, comunicazione, apprendimento, lavoro, svago Contaminazione e ibridazione di ambienti di rete e communities Co-location virtuale; nomadismo I luoghi del Complex Learning: aperti, flessibili, fluidi
  9. 9. Gli ambienti virtuali: convergenza, rimediazione, integrazione, riconfigurazione…come definire la complessità? Perché definirla? Google Wikipedia Blogger Wordpress Twitter Digg Piattaforma e-learning Ning Google Wave Pageflakes Scribd Slideshare Flickr Podomatic Facebook Netlog Youtube Myspace Gmail Skipe Messenger
  10. 10. Person in Place Centred Design <ul><li>Progettare in un modo nuovo, “sovversivo”, creativo, olistico: </li></ul>la progettazione è un processo continuo, che non si esaurisce nelle prime fasi; l’ambiente è organizzato e allestito progressivamente dai suoi abitanti, ciascuno dei quali mette in gioco la propria biografia rappresentativa <ul><ul><ul><li>esplicitazione dei presupposti teorici </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>definizione dell’approccio apprenditivo </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>descrizione dell’articolazione dei percorsi formativi </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>specificazione delle metodologie didattiche </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>descrizione dell’ambiente di apprendimento </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>descrizione della relazione pedagogica </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>descrizione delle modalità di valutazione </li></ul></ul></ul>Linee Guida
  11. 11. … Ma il Complex Learning funziona? <ul><li>Il Complex Learning tende a destrutturare la formazione aumentando la dimensione informale e non formale rispetto a quella formale </li></ul><ul><li>Come fare per… </li></ul><ul><li>favorire la transizione tra i diversi ambienti? </li></ul><ul><li>far interagire i corsisti in luoghi aperti e “non protetti”? </li></ul><ul><li>incentivare la partecipazione attiva? </li></ul><ul><li>valutare? </li></ul>
  12. 12. Le condizioni di fattibilità <ul><li>Ruolo attivo e partecipato del soggetto </li></ul><ul><li>Progettazione e costruzione dell’ambiente e delle risorse da parte del soggetto </li></ul><ul><li>Superamento della piattaforma per la creazione di un complex learning environment </li></ul><ul><li>Creazione di una complex community </li></ul>
  13. 13. Le condizioni di fattibilità <ul><li>Prospettive teoriche eclettiche e non autescludentisi </li></ul><ul><li>Valutazione autentica, orientata all’analisi del processo collettivo di apprendimento </li></ul><ul><li>Figura chiave del processo è il complex tutor , in possesso di competenze pregiate, in grado di favorire il nomadismo tra ambienti, attori, codici </li></ul>
  14. 14. <ul><li>Quali competenze per il complex tutor? Ne parliamo nel DULPCamp…. </li></ul>Grazie per l’attenzione Eleonora Guglielman e Laura Vettraino www. learningcom.it [email_address]

×