Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Informatiche par furlan_prof elio varutti_isis stringher_udin

1,126 views

Published on

This is a lesson in computer science in the Friulian and the Italian language. The event is in the new edition of the Basic course to the PC, for people over 65, who as a tutor of students' Commercial address of Stringher - Udine, supervision computer prof. Carlo Vendraminetto and organization of professors Giovanni Cucci and Andrea Fabris. Over 2013-2014 there is the implication Auser Friuli Venezia Giulia and Udine, in addition to the already proven relationship with the District of Digital Technologies of Tavagnacco (Udine). Among the collaborators is the Elvira Fusco, a professor of Word processing.

Published in: Education
  • Un articolo da 'Il Friuli'
    http://www.ilfriuli.it/articolo/Tendenze/Nonni_a_scuola_per_imparare_a_usare_il_Web_in_marilenghe/13/127232
       Reply 
    Are you sure you want to  Yes  No
    Your message goes here

Informatiche par furlan_prof elio varutti_isis stringher_udin

  1. 1. Informatiche par furlan Informatica in friulano > Nonos tal web Cors par furlan a Udin, Isis “B. Stringher”, cul jutori de Societât Filologjiche Furlane tal progjet “Lenghe e culture furlane” dentri des ativitâts dal Ministeri de Istruzion Universitât e Ricercje. Nonni sul web. Corso in friulano a Udine, Isis B. Stringher, con l’aiuto della Società Filologica Friulana nel progetto Lingua e cultura friulana tra le attività del Ministero dell’Istruzione Università e Ricerca.
  2. 2. NONOS TAL WEB / NONNI SUL WEB E je une esperience nassude tal 2012-2013. Si trate di une serie di apontaments dedicâts a chei che a àn plui di 65 agns (“over 65”) che vuèlin imparâ a doprâ lis gnovis tecnologjiis, dutun cu la esperience dai students dal Istitût Stringher di Udin e di professioniscj di alt nivel. La novitât dal 2013-2014 e je la convenzion stipulade tra il Stringher e l’Associazion di Volontariât di Udin - AUSER. Lis lezions si davuelzin tai Laboratoris di Informatiche de sezion Comerciâl e li dal Distret des Tecnologjiis Digitâls di Tavagnà (UD) - Di.Te.Di. È un’esperienza iniziata nel 2012-2013. Si tratta di una serie di appuntamenti dedicati agli "over 65" che vogliono imparare ad utilizzare le nuove tecnologie, affiancati dall'esperienza degli studenti dell'Istituto Stringher di Udine e di alti professionisti. La novità del 2013-2014 è la convenzione stipulata tra lo Stringher e l’Associazione di Volontariato Udinese - AUSER. Le lezioni si svolgono nei Laboratori di Informatica dell'indirizzo Commerciale e presso il Distretto delle Tecnologie Digitali di Tavagnacco (UD) - Di.Te.Di.
  3. 3. NONOS TAL WEB / NONNI SUL WEB
  4. 4. Chest cors al è di informatiche par furlan, cun test ancje par talian; al è un cors bilengâl. Si fevele ancje di lenghistiche furlane, staie a dî che si impare alc sul lessic, la pronuncie e la grafie e dopo sui dirits e la storie di cui che al dopre une lenghe minoritarie. Questo corso è di informatica in friulano, con testo anche in italiano; è un corso bilingue. Si parla poi di linguistica friulana, ossia si impara qualcosa sul lessico, la pronuncia e la grafia e dopo sui diritti e la storia di chi usa una lingua minoritaria. Font: Federico Vicario, Il furlan. Elements di storie lenghistiche, gramatiche e lesic, Udin, Centri interdipartimentâl di ricercje su la culture e la lenghe dal Friûl (CIRF), Universitât dal Friûl 2012. Bustute dal zucar. Bustina dello zucchero: “In friulano… si cresce bene!”
  5. 5. “Web” = Tele di ragn mondiâl pes comunicazions. E je une scurtadure di “World Wide Web”, o ancje “WWW”. Al è un servizi di Internet che al permet di navigâ (di lâ a tôr in Internet) e di vê un grandissin insiemi di contignûts (multimediâi e no) colegâts midiant i leams (“link”), e di altris servizis par ducj o par une part dai utents di Internet. “Web” = Grande ragnatela mondiale per le comunicazioni. È una ellissi diffusa nel linguaggio comune "WWW“ è un servizio di Internet che permette di navigare ed usufruire di un insieme vastissimo di contenuti (multimediali e non) collegati tra loro attraverso legami (link), e di ulteriori servizi accessibili a tutti o ad una parte selezionata degli utenti di Internet.
  6. 6. Elio Varutti Professôr di Dissiplinis economichis aziendâls Isis “B. Stringher”, Udin, an scolastic 2013-2014 Elio Varutti docente di Discipline economiche aziendali Isis “B. Stringher”, Udine anno scolastico 2013-2014 Informatiche in marilenghe. Nonos tal web.
  7. 7. Informatiche “Informatique”. La peraule e salte fûr in France tal 1962, tant che un scurtament di “Information automatique”. Sience che e studie lis tecnichis pal tratament automatic dai dâts cuntun ordenadôr, staie a dî cul computer. Informatica. “Informatique”. La parola nasce in Francia nel 1962, come contrazione di “Information automatique”. Scienza che studia le tecniche per il trattamento automatico dei dati con un computer.
  8. 8. Pirate informatic. “Cracker”. Cui che al va tes rêts e tes bancjis di dâts, in maniere no legâl, par robâ informazions segretis o par fâ dam. Tal fevelâ comun e, par inglês, il pirate informatic al ven clamât “hacker” al dî di vuê. I “hacker”, une volte, a erin chei che a si divertivin a meti il nâs intai ordenadôrs dai altris, cuntune sorte di codiç deontologjic che al improibive propit di fâ dams. Pirata informatico. “Cracker”. Chi va nelle reti e nelle banche dati, in modo illegale, per rubare informazioni o per fare danno. Comunemente e, in inglese, il pirata informatico è detto “hacker” oggi. Gli “hacker” una volta erano coloro che si divertivano a ficcare il naso nei computer altrui, con una sorta di codice deontologico che proibiva di fare danni. Font / fonte: http://www.tesionline.it/default/glossario.jsp?GlossarioID=641 http://www.pc-facile.com/glossario/hacker/
  9. 9. Insegnâ par furlan tal Istitût “Stringher”. Une scuele vierte tal teritori Insegnare in friulano all’Istituto Stringher. Una scuola aperta al territorio • Referente dal progjet “Lenghe e culture furlane” (2001) e je la professore Elisabetta Marioni, insegnant di Letaris (sezion comerciâl). • I professôrs che partecipin a son: Lucia Blonna (Letaris,sezion albeghiere), Giancarlo Martina (Letaris, sezions turistiche e comerciâl) e Roberto Orsaria (Matematiche, sezion turistiche). • La professore Stefania Nonino (Inglês) e fâs un cors di leture in lenghis, tignint cont ancje dal furlan. • Lu espert al è Elio Varutti (Economie aziendâl, sezions turistiche, comerciâl e alberghiere). • Referente del progetto “Lingua e cultura friulana” (2001) è la professoressa Elisabetta Marioni, insegnante di Lettere (sezione commerciale). I professori partecipanti sono: Lucia Blonna (Lettere, sez. alberghiera), Giancarlo Martina (Lettere, sez. turistica e commerciale) e Roberto Orsaria (Matematica, sezione turistica). La professoressa Stefania Nonino (Inglese) tiene un corso di Lettura nelle lingue, compreso il friulano. L’esperto è il prof. E. Varutti (Economie aziendale, sezioni turistica, commerciale alberghiera).
  10. 10. Il lengaç de informatiche al è di gjenar binari. Al si fonde su doi elements. Viert o sierât. Tant che il cric de lûs. Il linguaggio dell’informatica è di tipo binario. Si fonda su due elementi. Aperto o chiuso. Come un interruttore, ad esempio: quello della luce”. “Input” = Informazion di jentrade. Informazione di ingresso. “Output” = Informazion di jessude. Informazione di uscita. Internet = Rêt informatiche (di comunicazion) internazionâl “Internet” = “International Network”. Rete informatica (di comunicazione) internazionale. Networking = “computing: using network” lavôr in rêt, colegament in rêt. Networking = “computing: using network”, lavoro in rete, collegamento in rete.
  11. 11. Mascaris di len Mascaris di len pal Carneval pal Carneval conservadis li conservadis li dal Museu dal Museu Cjargnel des Cjargnel des Arts e Arts e Tradizions Tradizions Popolârs Popolârs “Michele “Michele Gortani” di Gortani” di Tumieç Tumieç Maschere in legno per ilil Maschere in legno per Carnevale, conservate al Carnevale, conservate al Museo Carnico delle Arti ee Museo Carnico delle Arti tradizioni Popolari “Gortani” di tradizioni Popolari “Gortani” di Tomezzo Tomezzo
  12. 12. “File” = archivi = Archivio. Wi-Fi = tecnologjie par metisi adun in rêt di Internet cence fîl, ma e covente simpri un colegament telefonic. Il termine Wi-Fi, nel campo delle telecomunicazioni, indica una tecnologia ed i relativi dispositivi che consentono a terminali di utenza di collegarsi tra loro attraverso una rete locale in maniera wireless (WLAN) basandosi sulle specifiche dello standard IEEE 802.1 ADLS = Grup di tecnologjiis par jentrâ in Internet cuntune gruesse velocitât In telecomunicazioni il termine ADSL (acronimo dell'inglese Asymmetric Digital Subscriber Line) indica una classe di tecnologie di trasmissione a livello fisico, appartenenti a loro volta alla famiglia xDSL, utilizzate per l'accesso digitale a Internet ad alta velocità di trasmissione su doppino telefonico, cioè nell'ultimo miglio della rete telefonica (o rete di accesso), mirate al mercato residenziale e alle piccole-medie aziende previa la stipulazione di un contratto di fornitura con un provider del servizio.
  13. 13. I cantins da la lezion Argomenti della lezione. • Lenghe e dissiplinis di scuele, no dome informatiche • Lis minorancis linguistichis in Italie a son riconossudis cu la • Leç n. 482 dai 15 di Dicembar dal 1999 “Norme in materia di tutela delle minoranze linguistiche storiche”. • Art. 1 “La lingua ufficiale della Repubblica è l’italiano”. • Lingua e discipline scolastiche, non solo informatica • Le minoranze linguistiche in Italia sono riconosciute in base alla • Legge n. 482 del 15 dicembre 1999 “Norme in materia di tutela delle minoranze linguistiche storiche”. • Art. 1 “La lingua ufficiale della Repubblica è l’italiano”.
  14. 14. Art. 2 (Leç 482/1999) In atuazion dal art. 6 de Costituzion e in armonie cui princîps gjenerâi stabilîts dai organisims europeans e internazionâi, la Republiche pupile la lenghe e la culture des popolazions albanesis, catalanis, gjermanichis, grecanis, slovenis e crauatis e di chês che a fevelin il francês, il franc-provenzâl, il furlan, il ladin, l’ocitan e il sardegnûl . Art. 2 (Legge 482/1999) In attuazione dell’art. 6 della Costituzione e in armonia con i princìpi generali stabiliti dagli organismi europei e internazionali, la Repubblica tutela la lingua e la cultura delle popolazioni albanesi, catalane, germaniche, greche, slovene e croate e di quelle parlanti il francese, il franco-provenzale, il friulano, il ladino, l’occitano e il sardo.
  15. 15. Alore: si puès doprâ la lenghe furlane in maniere veicolâr par displeâ une cualsisei dissipline di scuele, tant che la informatiche. Allora: si può usare la lingua friulana in modo veicolare per spiegare qualsiasi discipline di scuola, come l’informatica. Bandiere cul steme patriarcjâl, Udin, Museu dal Domo. Mantel di Bertrant di Saint Geniès, copât dai feudataris furlans intai cjamps de Richinvelde ai 6 di Jugn dal 1350. Bandiera con stemma patriarcale, Udine Museo del Duomo. Mantello di Bertrando di Saint Geniès, ucciso in un agguato dai feudatari friulani nelle campagne della Richinvelda (PN) il 6 giugno 1350.
  16. 16. “Mouse” = selezionadôr video o surîs. Acessori dal ordenadôr che si pues movi suntun plan a man e che in corispondence al permet di movi il pontadôr o il cursôr tal video (“display”) e di dâ comants. (A cualchi informatic no i plâs che si volti par furlan la peraule “mouse”). Stampante = machine par stampâ i documents fats cul ordenadôr. Memorizâ = meti in memorie dal ordenadôr un test scrit, prime di sierâ la machine eletroniche. O sin avonde mâl, se par sierâ lu ordenadôr o vin di fracâ “scomençe”… “Mouse” = selezionatore video o topo. Accessorio del computer che si può muovere su un piano a mano e che in corrispondenza permette di muovere il puntatore o il cursore nel video (“display”) e di dare comandi. (A qualche informatico non piace la traduzione in friulano della parola “mouse”). Stampante = macchina per stampare i documenti scritti col computer. Memorizzare = mettere in memoria del computer un test scritto, prima di chiudere la macchina elettronica. Siamo mal messi, se per chiudere il computer bisogna pigiare “inizia”…
  17. 17. “Hardware” = complès dai aparâts fisics di un ordenadôr; machinari o la feramente. Hardware = complesso di apparati fisici di un computer. In ingegneria elettronica e informatica con il termine hardware si indica la parte fisica di un computer, ovvero tutte quelle parti elettroniche, elettriche, meccaniche, magnetiche, ottiche e radio che ne consentono il funzionamento (dette anche strumentario). “Software” = complès dai programs che a coventin par dutis lis elaborazions e parcè che l’ordenadôr al fâs un compit; programari. Al è dut astrat. Software = è un termine generico che definisce programmi e procedure utilizzati per far eseguire al computer un determinato compito. È astratto.
  18. 18. Suplement a “La Vita Cattolica”, setimanâl diocesan di Udin
  19. 19. “Tablet” = taulute. Al è un ordenadôr grant tant che un cuadêr, cu di plui al è pussibil zontâsi in Internet. La prime taulute metude in vendite dapardut e je dal 2000, cuant che Microsoft al à presentât un prodot basât su “Windows XP”. È un computer grande come un quaderno, con cui è possibile collegarsi a Internet. Il primo tablet venduto in ogni dove è del 2000, quando Microsoft presentò un proprio concept basato su Windows XP. L'iPad [si pronucie: “Aipad”] e je une taulute o “tablet” di seconde gjenerazion, produsût da Apple e presentât ai 27 di Zenâr dal 2010. Al è un dispositîf “multi-touch” (che si pues fracâ tantis voltis), cuntun schermi di 9,7 dêts, retroinlusorât a LED, in grât di tornâ a produsi contignûts multimediâi, e cun la pussibilitât di tacâsi a Internet. L'iPad è un tablet di seconda generazione, prodotto da Apple e presentato il 27 gennaio 2010. È un dispositivo multi-touch, con uno schermo da 9,7 pollici, retroilluminazione a LED, in grado di riprodurre contenuti multimediali, e con la possibilità di accedere ad Internet. Font / fonte : http://www.tabletpc.it/it/storia-del-tablet-computing/
  20. 20. L'HyperText Transfer Protocol (HTTP) (protocol di trasferiment di un ipertest) al è doprât come principâl sisteme par la trasmission d'informazions tal web, o vêr intune imprest tipic “client-server”. L'HyperText Transfer Protocol (HTTP) (protocollo di trasferimento di un ipertesto) è usato come principale sistema per la trasmissione d'informazioni sul web ovvero in un'architettura tipica client-server. “Pen drive USB” = Piçule pene par memorâsi tescj, fotografiis e cines o dome peraulis. Non si pues doprâle par scrivi a man, ancje se e ven clamade: pene. E je une memorie di masse. E pues jessi grande tant che un savon. “Pen drive USB” = Piccola penna per memorizzare testi, fotografie e film o solo parole. Non si può usarla per scrivere a mano, anche se è chiamata: penna. È una memoria di massa. Può essere grande come un sapone. Direzion di pueste eletroniche. Indirizzo di posta elettronica. Per esempio: Par esempli: mario.boschettich@libero.it (“mario.boschettich” = destinatari / destinatario. “libero.it” = servizi / servizio ).
  21. 21. Chiocciola = @ = “at”. Caiut. E covente par dividi il destinatari di un messaç di pueste eletroniche (cu la cassele di pueste eletroniche) di cui che al fâs il servizi. Serve per dividere il destinatario di un messaggio di posta elettronica (con la e-mail) da chi fa il servizio. “username” = non, ancje di fantasie, doprât par fâsi cognossi intun contest informatic (sît Internet). “Username” = nome, anche di fantasia, usato per farsi riconoscere in un contesto informatico (sito Internet). “Password” = peraule di ordin, clâf di identificazion, test di acces, doprât dutun cul Username par jentrâ intune part riservade di una rêt informatiche. Parola d’ordine, chiave d’identificazione, testo di accesso, utilizzato in combinazione all'Username per accedere ad un'area riservata di una rete informatica.
  22. 22. Jerusalem Jerusalem (Israêl), (Israêl), Glesie dal Pari Glesie dal Pari Nestri. Nestri. Preiere par Preiere par furlan, furlan, ceramiche. ceramiche. Gerusalemme Gerusalemme (Israele), (Israele), Chiesa del Padre Chiesa del Padre Nostro. Nostro. Preghiera in Preghiera in friulano, friulano, ceramica. ceramica. Se esist cheste ceramiche a Jerusalem, alore podìno fa informatiche par furlan… Se esiste questa ceramica a Gerusalemme, allora possiamo fare informatica in friulano…
  23. 23. “Nickname” = sorenon doprât intai “Social Network” rêt di comunicazion sociâl in Internet. “Nickname” = sopranome usato nei “Social Network” rete di comunicazione sociale in Internet. “Server” = In informatiche cu la peraule “server” (dal inglês, servidôr), al è un component o un toc dal sisteme informatic di elaborazion che al fornîs, a nivel logic e a nivel fisic, un cualsisei tîp di servizi a altris components (tipichementri clamadis “client”, o vêr “aventôr"). In informatica il termine server (dall'inglese, letteralmente: servitore) indica genericamente un componente o sottosistema informatico di elaborazione che fornisce, a livello logico e a livello fisico, un qualunque tipo di servizio ad altre componenti (tipicamente chiamate client, cioè "cliente") che ne fanno richiesta attraverso una rete di computer, all'interno di un sistema informatico o direttamente in locale su un computer. “Webcam” = telecjamare di rêt = Telecamera in rete.
  24. 24. Lis assistentis di sale, ancje cui costums tradizionâi furlans, ae “Mostre sul façûl ee Lis assistentis di sale, ancje cui costums tradizionâi furlans, ae “Mostre sul façûl la culture materiâl”, dicembar dal 2008, Auditori dal Stringher, Udin. la culture materiâl”, dicembar dal 2008, Auditori dal Stringher, Udin. Le hostess di sala, anche con i icostumi tradizionali friulani, alla “Mostra sul fazzoletto eela Le hostess di sala, anche con costumi tradizionali friulani, alla “Mostra sul fazzoletto la cultura materiale”, dicembre 2008, Auditorium dello Stringher, Udine. cultura materiale”, dicembre 2008, Auditorium dello Stringher, Udine.
  25. 25. “Browser” = sgarfadôr. Un “web browser” [/ˈbraʊzə(r)/] o navigadôr, in informatiche, al è un programe che al permet di vê i servizis di conession in Internet, o di una rêt di ordenadôrs, e di navigâ tal “World Wide Web”. Browser Un web browser (/ˈbraʊzə(r)/) o navigatore, in informatica, è un programma che consente di usufruire dei servizi di connettività in Internet, o di una rete di computer, e di navigare sul World Wide Web. Mozilla Firefox (che al vûl par inglês Volp di fouc o Bolp di fûc, dipent dalis zonis) al è un sgarfadôr (browser) che al permet di navigâ su la rêt Internet. Mozilla Firefox (che vuole dire in inglese “Volpe di fuoco”) è un browser che permette di navigare sulla rete Internet. LIM = Lavagne Interative Multimediâl. E je tacade a un ordenadôr. Ti permet di scrivi, di mostrâ tescj preparâts o gjavâts fûr di Internet, di fâ viodi cines, fotografiis, cjartis gjeografichis e di fâ scoltâ musichis. LIM = Lavagna Interattiva Multimediale. È connessa a un computer. Ti permette di scrivere, di mostrare testi preparati o scaricati da Internet, di far vedere film, fotografie, carte geografiche e di ascoltare musiche.
  26. 26. La domotiche, union des peraulis “domus” (che in latin e vûl dî “cjase”) + robotiche, e je la sience interdisciplinâr che e studie lis tecnologjiis par une cualitât de vite te cjase e plui in gjenerâl intai ambients antropizâts (fats dal om). La domotica, dall'unione delle parole domus (che in latino significa "casa") + robotica, è la scienza interdisciplinare che si occupa dello studio delle tecnologie atte a migliorare la qualità della vita nella casa e più in generale negli ambienti antropizzati. Questa area fortemente interdisciplinare richiede l'apporto di molte tecnologie e professionalità, tra le quali ingegneria edile, ingegneria energetica, automazione, elettrotecnica, elettronica, telecomunicazioni ed informatica.
  27. 27. E doman? Tal futûr l’ordinadôr fis, il telefonut celulâr e la taulute (tablet) – chei chì nus dan la pussibilitât di fâ fotografiis e ripresis video – a saran plui integrâts midiant lis stazionsmagazins (“dock-station”) simpri plui sofisticadis. E domani? In futuro il computer da tavolo, il telefono cellulare e il tablet – questi danno la possibilità di fare fotografie e riprese video – saranno più integrati mediante delle stazionimagazzino (“dock-station”) sempre più sofisticate.
  28. 28. FIN Tescj par cure dal Grup “Zovins di Lenghe Furlane” an scolastic 2013-2014 Arlêvs: Davide Bertolini, Mortean e Lucrezia Vicedomini, Gonârs, classe 1^ I alberghiere. Silvia Andreutti, Ruvigne e Eimmy Elizabeth Echevarria Ochoa, Dimplan (cul nono di Vençon), classe 2^ C turistiche. Consuelo Fadini, di Magnan e Nicola Gavin, Mortean, classe 4^ D comerciâl Isis B. Stringher – UDIN Revision e impagjinazion dal professôr Elio Varutti, Economie aziendâl Cu la colaborazion de professore Katya Moret, Informatiche professore dotore Anna Maria Zilli, Dirigjent scolastic Testi a cura del Gruppo “Giovani di Lingua Friulana” – anno scolastico 2013-2014 Allievi: Davide Bertolini, Mortegliano e Lucrezia Vicedomini, Gonars, classe 1^ I alberghiera. Silvia Andreutti, Ragogna e Eimmy Elizabeth Echevarria Ochoa, Piano d’Arta (col nonno di Venzone), classe 2^ C turistica. Consuelo Fadini, di Magnano in Riviera e Nicola Gavin, Mortegliano, classe 4^ D Commerciale - Isis B. Stringher – UDIN Revisione e impaginazione: prof. Elio Varutti, Economia aziendale Con la collaborazione della professoressa Katya Moret, Informatica Prof.ssa dott.ssa Anna Maria Zilli, Dirigente scolastico

×