Successfully reported this slideshow.

Acquacultura in permacultura

2

Share

Loading in …3
×
1 of 32
1 of 32

Acquacultura in permacultura

2

Share

Download to read offline

Una presentazione di introduzione all'acquacoltura in permacultura. raccolta di varie caratteristiche e peculiarità dell'elemento acqua.

Una presentazione di introduzione all'acquacoltura in permacultura. raccolta di varie caratteristiche e peculiarità dell'elemento acqua.

More Related Content

Related Books

Free with a 14 day trial from Scribd

See all

Related Audiobooks

Free with a 14 day trial from Scribd

See all

Acquacultura in permacultura

  1. 1. Acquacoltura in Permacultura Trento, Marzo 2013 Elena Parmiggiani
  2. 2. Acquacoltura in Permacultura
  3. 3. Caratteristiche  Climatizzazione  Antincendio e salvaguardia (drenaggio/stoccaggio)  Acqua per irrigazione o per dissetare animali  Habitat  Il metodo più efficiente di: ottenere proteine animali, creare suolo, riciclare scarti vegetali e animali
  4. 4. Ecologia di stagni e pesci
  5. 5. Catena alimentare e produttività  Gelso, foglie: gamberi e pacciamatura, frutti: pesci e anatre/galline  In termini di proteine, 1h di acquacoltura sono più produttivi di 20h di pascolo  L’acqua dell’acquacoltura ha eccellenti livelli di pH e ricca di nutrienti, ottima per fertirrigare gli alberi (troppo N per gli ortaggi)
  6. 6. Tipi diversi di animali e piante
  7. 7. Fattori da tenere presenti  pH: ideale tra 7 e 9. sotto 6.5 poca produzione. Un pH tra 7.5 e 8 è ottimale, ma cambia nei diversi periodi dell’anno  Profondità: minimo 2m nel punto più profondo, per permettere ai pesci di sopravvivere al troppo caldo o freddo  Temperatura: ideale tra 18°C e 25°C, le trote iniziano a morire se la temperatura raggiunge i 29°C
  8. 8. Fattori da tenere presenti  Acqua pulita: se visibilità a 45cm di profondità, l’acqua è abbastanza pulita per i pesci. Se torbida, riduce la penetrazione del sole e quindi la crescita di piante e pesci.  Cibo: alberi da frutta, alghe, scarti animali e vegetali, larve di vario genere (trappole per mosche ed altri insetti), deiezioni  Nitrati e nitriti: mancano microorganismi/piante  Livello stabile dell’acqua e di ossigeno. Flow form, ricircolo, sorgenti e altre fonti
  9. 9. Effetto Margine/quanti pesci?  1:15mq 1:15m lineari ratio sup:marg
  10. 10. Progettazione
  11. 11. Progettazione: forma  Progettare un margine esteso
  12. 12. Progettazione: profondità
  13. 13. Progettazione: drenaggio  Prevedere la possibilità di svuotare completamente ed in modo sicuro il bacino di acqua  Prevedere un troppo pieno  Prevedere un piccolo bacino di cattura di limo prima del bacino di acquacoltura  e dopo una piccola zona di fitodepurazione (se non usiamo l’acqua per irrigare alberi e arbusti
  14. 14. Progettazione: altri dettagli  Fornire riparo e habitat ai pesci e altri insetti e animali (pneumatici, mattoni forati, tubi, etc)  Favorire la protezione degli avannotti, creando sponde ospitali (con tronchi e rami immersi, molte piante di margine ecc)  Il fondo del bacino è importante per il riciclo di nutrienti, migliorarlo mettendo uno strato di piante da sovescio o medica prima di riempire il bacino con l’acqua (microorganismi)
  15. 15. Criteri di selezione di piante e specie animali
  16. 16. Fattori che determinano la selezione  Grandezza del bacino  Clima  Irraggiamento solare  Evaporazione  Impatto sull’ambiente  Vento  Qualità dell’acqua  Carpe, pescegatto, trote se acqua corrente fredda e ossigenata (flowforms)
  17. 17. Piante acquatiche
  18. 18. Piante acquatiche  Prevedere livelli che arrivino dal bordo fino a 1.2m di profondità  Se impossibile mantenere il livello, costruire zattere dove posizionare le piante di superficie o, con pesi, a profondità adeguate  Includere piante: con radici, foglie, frutti commestibili, che crescano sui bordi, che crescano in acqua ferma e corrente, che abbiano contenuti nutritivi alti (spirulina), di nicchia.  Abbinare: Pesci e lombrichi, p. e maiali, p. e anatre, p. e rifiuti cucina, p. e rifiuti agricoli e industriali (macelli, barbabietola da zucchero)
  19. 19. Probelmi di gestione  Mancanza di acqua  Mancanza di ossigeno  Predatori  Pesci indesiderati  Inquinamento
  20. 20. Idee progettuali
  21. 21. Cambiare l’attività economica
  22. 22. Esercizio  Progettare un piccolo stagno e dare indicazioni per la realizzazione  Progettare per il sito prescelto un sistema completo di acquacoltura

×