3-denaro e potere

834 views

Published on

Come vengono utilizzati il denaro, e il debito ad esso connaturato, nell'equilibrio dei poteri tra Stati ed istituzioni finanziarie

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
834
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
35
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

3-denaro e potere

  1. 1. EDUCARE AL PRESENTE Il moderno sistema economico-finanziario3 - “Denaro e debito come strumenti di potere Giovanni Morlino giovanni.arcipelagoscec@gmail.com in collaborazione con Centro di Cultura Contemporanea Strozzina
  2. 2. SOMMARIO1) Cenni storici sullorigine della moneta Cosè la moneta? Dal baratto alla moneta elettronica Dai gioiellieri ai banchieri Passaggio dal Gold-standard al Dollar-standard2) La creazione della moneta nel moderno sistema bancario La problematica dellinteresse I concetti di moneta-credito e moneta-debito Il funzionamento delle Banche Centrali Il concetto di crescita3) Denaro come strumento di potere Dalla crisi del 29 ai giorni nostri Il perché delle crisi La nuova funzione della finanza come strumento di controllo sociale e di esercizio del potere
  3. 3. LA CRISI DEL 29 Breve sommario dei fatti • Crollo della borsa di Wall Street • I titoli delle banche crollano → assalto ai depositi • Impossibilità di finanziamento delle imprese • Licenziamenti • Riduzione della spesa complessiva delle famiglie • Ulteriore aggravamento per le imprese • Riduzione delle esportazioni e delle importazioni • La crisi si estende agli altri paesi (soprattutto Europa)Conseguenze• La disoccupazione USA raggiunge il 25%, laproduzione scende del 50%• Nel 31 lInghilterra abbandona il Gold Standard • → fine della dominazione inglese della finanza• Nel 34 Dollaro e sterlina subiscono una pesanteinflazione
  4. 4. LA CRISI DEL 29Le soluzioni alla crisi• Falliscono I tentativi di trovare una soluzione condivisa a livellointernazionale (mancano sia un paese leader che istituzionisovragovernative)• Imposizione di dazi e creazione di economie chiuse• Intervento massiccio dello Stato nelleconomia: • New Deal rooseveltiano in USA (modello keynesiano-fordista: espansione della domanda aggregata e forti investimenti pubblici) • Fondazione dellIRI in Italia nel 33• Le economie di molti paesi si convertono in economie di guerra• La Grande Depressione termina solo con linizio della II Guerra Mondiale.
  5. 5. BRETTON WOODS44–46 Accordi di Bretton WoodsScopo: Ricostruzione dei paesi colpiti dallaguerra e creazione di un nuovo sistemamonetario internazionale in grado digarantire la stabilità dei prezzi.Furono presentati 2 progetti:• John Keynes(Inghilterra): creazione camera di compensazione dicrediti/debiti e di una moneta unica per gli scambi internazionali (Bancor)• Harry White (USA): sistema basato sul dollaro (a sua volta basato sulloro): cambi fissi tra le altre monete e il dollaroFondati i seguenti istituti:• Banca per lo sviluppo e la cooperazione (Banca Mondiale)• Fondo Monetario Internazionale• GATT (Accordo sulle tariffe e sul commercio per labbattimento dei dazidoganali) → oggi WTO
  6. 6. 50-70: Dal colonialismo al neo-colonialismoCon la fine del colonialismo si pone il problema di come mantenere ilcontrollo sulle risorse naturali delle ex-colonie.Banca Mondiale e FMI divennero in breve tempo gli strumenti per larealizzazione del neo-colonialismoLe tecniche neocoloniali si basano sullutilizzo del potere finanziario, piuttostoche sulla violenza diretta, come avveniva in passato. COME FUNZIONA IL NEO-COLONIALISMO?1) I paesi in via di sviluppo vengono invogliati ad entrare ne libero mercatosedotti dal progresso economico dei Paesi occidentali.2) Agenzie di consulenza fanno previsioni di crescita3) La BM fornisce prestiti per la crescita economica del paese4) La crescita è sistematicamente sotto le aspettative dei modelli di previsione5) I paesi si trovano impossibilitati a restituire i debiti6) Entra in gioco il FMI per fornire ulteriori prestiti ma solo sotto condizioniprecise: liberalizzazioni, etc...7) Le multinazionali occidentali comprano le proprietà dei Paesi
  7. 7. 71: la fine del Gold-standard...A seguito delle spese sostenute per la guerra in Vietnam, gli USAstamparono una notevole quantità di dollari, il debito pubblico crebbenotevolmente e di conseguenza il dollaro subì inflazioneLinflazione del dollaro si aggrava per la crescita economica di Germaniae GiapponeAlcuni paesi, come la Francia, chiesero la conversione delle proprieriserve di dollari in oro1971: Nixon decide la non convertibilità del dollaro in oro.1971 Smithsonian Agreement: si pone fine al sistema di Bretton Woodsche viene rimpiazzato da un sistema aleatorio di cambi variabili tramonete. Il dollaro viene svalutato leggermente.
  8. 8. ...e la nascita del Dollar-standard “Il potere del Dollaro si è manifestato nella sua natura puramente egemonica” Guido Carli-Governatore Banca dItaliaIl dollaro diventa moneta di riferimento internazionale su baseesclusivamente fiduciariaGli USA ottengono un vantaggio enorme: ottenere ricchezza in cambio diuna moneta di cui possono stampare quantità illimitate.Il rovescio della medaglia è che gli USA non hanno più un frenoallindebitamento: in pochi anni passano dallessere il maggiorecreditore mondiale al maggiore debitore (negli anni 80).Leconomia USA si trasforma da economia di produzione a economiabasata sulla rendita (finanziaria), sul consumo e sul debito. PERCHÈ IL DOLLARO NON SUBISCE INFLAZIONE IMMEDIATA?
  9. 9. 1973: la crisi petrolifera• Gli USA appoggiano Israele nella guerra dOttobre del 1973• I paesi dellOPEC reagiscono con un taglio della produzione di petrolio e unsuccessivo embargo verso gli USA di 5 mesi• Il prezzo del greggio sale da 1,39$ (1970) a 8,32$ (1974)Alla fine dellembargo Washington iniziò a negoziare con I sauditi.Dopo qualche anno si giunse ad un accordo: Gli USA si impegnavano a1) Sostegno incondizionato della casa di Saud, sia politico che militare2) Fornire imprese e tecnologie per trasformare lArabia Saudita in un Paese moderno. I sauditi si impegnavano a1) Fornire greggio a prezzi stabili2) Investire I petrodollari in imprese americane3) Vendere il greggio solo in dollari4) Comprare I buoni del tesoro americano con le eccedenze di petrodollari LArabia Saudita entra a far parte del sistema imperiale Statunitense
  10. 10. Il ciclo del dollaro Fino al 1973 gli USA rimangono il maggior creditore mondiale FEDDebito A partire dagli anni 80 diventano USA il maggior debitore mondiale Buoni del tesoro dollari Il Giappone diventa creditore Beni di produzione
  11. 11. IL Neo-colonialismo e il debito USAChi detiene il debito USA? Fonte: United States Treasury department Office for Public Affairs
  12. 12. Anni 60-70: le battaglie socialiA seguito dei successi delle ricette keynesiane I paesi occidentali vedono unenorme aumento della ricchezza e la diminuzione del divario tra ricchi epoveri.Il maggiore benessere delle classi povere favorisce la conflittualità sociale:gli anni 60 e 70 vedono un fiorire di movimenti di massa che cercano diottenere maggiore partecipazione democratica, maggiori diritti sociali elibertà civili.Nel 1975 la Commissione Trilaterale (Trilateral Commision) dedica unconvegno alla “crisi democratica”:→ identifica la responsabilità della crisi (economica e sociale) nei maggiorisalari ottenuti dalle classi lavoratrici→ identifica come rimedio 1) deflazione salariale 2) riduzione della spesa sociale 3) maggiore libertà per il capitale
  13. 13. Anni 80: inizio dellera liberista81 Elezione di Regan alla Casa Bianca (vice: G. Bush) (Lamministrazione Regan è fortemente legata alla corporatocrazia )Alla Banca Mondiale McNamara viene sostituito da William Clausen. Lepolitiche di BM e FMI mutano drasticamente: vengono applicate alla lettera leteorie liberiste della scuola di Chicago (principali esponenti: MiltonFriedman, George Stigler)Lo stesso faranno Regan e Thacher avviando laderegulation:si abbandona lidea keynesiana di uneconomiasostenuta dellazione dello Stato, a vantaggio deimodelli privati, privi di regole • Liberalizzazione della circolazionedelle merci • Liberalizzazione del flusso di capitali (82-98)
  14. 14. Il “Washington consensus”Il neoliberismo è una forma del capitalismo (cioè della teoriadellaccumulazione) che si basa su tre pilastri fondamentaliAusterità → aumento delle tasse → riduzione dei deficit pubblici → taglio dei servizi Ricetta tipicaPrivatizzazione → trasferimento di monopoli statali applicata dal in mani private FMILiberalizzazione → apertura delle frontiere alle merci straniere → favorire lafflusso di capitali stranieriCorollario: Il “trickle-down”-> è inutile occuparsi dei poveri perché se cèbenessere qualcosa prima o poi arriverà anche a loro... NOTA: il modello matematico su cui si basa il libero mercato è profondamente semplicistico
  15. 15. Il roulo dellFMIIl FMI è unistituzione profondamente antidemocratica: le politiche da “imporre”ad un paese non vengono mai discusse con il Paese stesso, e spesso presentate intotale segretezza.Il FMI concede prestiti ai Paesi in crisi.In cambio chiede che vengano adottate alla lettera le ricette economicheneoliberiste.Alcune volte vengono addirittura “suggerite” le leggi da approvare inparlamento!!!Il potere del FMI oggi è enorme: tutti I Paesi ne cercano il consenso, perché la suaapprovazione delle politiche economiche garantisce ai Paesi laccesso aifinanziamenti della BM e dei mercati in genere.A seguito delle politiche dell FMI quasi tutti I paesi che applicano queste ricettesubiscono gravi crisi economicheNegli ultimi 25 anni ci sono state circa 100 crisi economiche!!!Nota: le ricette del FMI non sono mai state applicate nei paesi ricchi,almeno fino allavvento della crisi del 2008!!!
  16. 16. Lattuale Sistema di Governo Gruppo Commissione Bildenberg Trilaterale Banche Centrali Banche dAffari Banche (Goldman Sachs, Commerciali Leheman Brothers, etc.) Paradisi Fiscali BORSA FMI(Fondo Monetario Internazionale) Multinazionali WTO (Organizzazione Mondiale GOVERNI del Commercio)
  17. 17. LAZIONE DI GOVERNOLazione di governo si esplica attraverso il controllo del sistemafinanziario.Il denaro è il principale fondamento della sovranità (cioè il possesso deldenaro legittima lesercizio del potere)In questo sistema può essere governato tutto ciò che è mercificabile(quindi quantificabile in denaro).Due principali conseguenze: → Il sistema tende a mercificare tutto il possibile → Ciò che non è mercificabile non esiste (non perché non se ne può trarre profitto, ma perché non può essere controllato) Il profitto è il mezzo, non il fine: il fine ultimo del sistema liberista è il controllo sociale.
  18. 18. Gli strumenti di governo La FINANZA regola le relazioni e attua un controllo socialeattraverso: 1) Politica monetaria (cioè come il denaro viene creato e distribuito) 2) Bolle speculative (utilizzo del denaro per il trasferimento di poteri e di beni materiali) 3) Cambi variabili tra le valute 4) Percentuali di interesse sui Buoni del Tesoro
  19. 19. Il meccanismo del debitoAlla base di tutto il sistema cè ilmeccanismo del debito attraversolinteresse, che funziona da “idrovora”per trasferire ricchezza dal bassoverso lalto
  20. 20. Le risposte politiche alla crisiLa Commissione Europea sta sfruttando linstabilità provocata dalla crisieconomica per sottrarre i bilanci degli Stati dalle decisioni dei loro governilegittimi ed ha intrapreso un processo che porterà a un colossale trasferimentodi sovranità [...] Le politiche di bilancio ora non sono più nelle mani dei governinazionali”“Da una parte stiamo riducendo il potere dello Stato e del settore pubblicoin generale attraverso le privatizzazioni e la deregulation… Dall’altrastiamo trasferendo molti dei poteri delle nazioni a una struttura piùmoderna a livello europeo (la Commissione, nda)… che aiuta i businessinternazionali come il nostro”. Daniel Janssen European Roundtable of Industrialists (ERT) (membro della Commissione Trilaterale)
  21. 21. Le risposte politiche alla crisiLe élites al potere non riescono a sviluppare soluzioni alla crisi chevadano oltre lideologia liberista.Approccio della Sinistrainvoca nuove regole per arginare il potere distruttivo del capitalismo. Noncè alternativa al sistema liberale, ma solo un capitalismo più umano.Approccio della Destra (liberista)pur auspicando nuove regole la destra liberista utilizza la crisi perristrutturrare il sistema economico e sociale in chiave gerarchica: • frantumazione dal basso (precarizzazione del tessuto sociale) • accentramento in altro (del capitale e dei sistemi di controllo)
  22. 22. Cosa ha prodotto questo sistema?Il mondo visto in base al suo sfruttamento (fonte WWF: Living Planet Report­2006)
  23. 23. Quale alternativa?“Non cambierai mai le cosecombattendo la realtàesistente.Per cambiare qualcosa ,costruisci un modellonuovo che renda la realtàobsoleta“ (Buckminster Fuller)

×