Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Catalogo Ville di Vino e collana editoriale "100 cantine storiche venete"

107 views

Published on

Catalogo Ville di Vino e collana editoriale "100 cantine storiche venete"

Ville di Vino è un Atlante che raccoglie disegni di cantine vinicole antiche. Le grafiche, frutto di numerose ricerche e rilievi, sono state realizzate in scala a mano libera (china e matita) dall'Architetto Edoardo Venturini - Cantine fatte ad Arte

Ville di Vino è un Atlante di cantine vinicole antiche, di una certa rilevanza storico-architettonica, annesse alle ville storiche di rappresentanza, ancora operanti nel territorio veneto, ed è una idea nata dalla volontà e dall’esperienza dell’architetto Edoardo Venturini, dopo aver rilevato e restituito graficamente numerose cantine vinicole. L’intento è quello di voler raccogliere tutte queste opere in un volume per rappresentare l’azienda vitivinicola nella sua interezza, geolocalizzata nel proprio ambiente di lavoro e immersa nel paesaggio circostante rurale.

Progetto editoriale volume “Ville di vino” e collana intitolata “100 cantine storiche venete”.
L’Atlante delle cantine è un’opera grafica, unica e irripetibile.

L’idea si concretizza a seguito della richiesta da parte di una cantina che desiderava rappresentare graficamente l’antico brolo a vigneto e la cantina per farne una particolare etichetta del loro più prestigioso vino d’annata.

Da qui nasce, pertanto, l’iniziativa dell’Atlante “Ville di Vino” che si pone come strumento per le cantine e le aziende vitivinicole, anche di grandi dimensioni, enopoli e consorzi, al fine di offrire un servizio artistico unico e ineguagliabile e realizzare opere uniche per le proprie etichette, packaging, inviti, eventi e manifestazioni varie.

La tecnica scelta per rappresentare queste cantine è la restituzione grafica a mano libera e china su fogli di carta bianca, anche pergamena, e tavole delle dimensioni minimo di 100×70 cm e massimo 160×160 cm. Tuttavia, ogni situazione rilevata é a sé stante, poiché dipende dalle dimensioni della cantina e del paesaggio circostante.

#cantinevinicole #costruzionienotecniche #ccantine #cantinefatteadarte #winedesign #bottiglierieresidenziali #bottiglierieaziendali #aziedaagricolaabbaziadividor #cantinacastellodironcade #aziendaagricolavilladimaser #antichecantineamistanidiguarda #aziendaagricolarechsteiner #cantinavillaronchebrandolini #aziendaagricolabianchidekunkler #cantinegiuseppegeronazzo #aziendaagricolacollaltocecilia #aziendaagricolaloredangasparini #tenutabonottodelletezze #cantinegiol #cantinaadamocanelsas #cantinacontecollalto #aziendavinicolagregolettoluigi

Published in: Design
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Catalogo Ville di Vino e collana editoriale "100 cantine storiche venete"

  1. 1. La villa Giustinian è sita nel comune di Roncade (TV), paese con circa 12000 abitanti (rilevazione 1995) collocato a sud-est di Treviso. L’estensione territoriale del comune è di 62 kmq ed è ad una quota altimetrica di 8 mt sopra il livello del mare. Quando si nomina Roncade il collegamento con l’omo- nimo Castello (villa Giustinian) è pressoché inevitabile per- ché in esso si riconoscono la storia del villaggio, dei ronca- desi, ma anche perché svolse fin dalle origini l’importante ruolo di centro propulsore delle attività della stessa comuni- tà (Andreazza M., 1991, p. 96). L’autore Botter riporta una interessante testimonianza per la quale il Castello, originariamente, ebbe una conformazio- ne architettonica diversa dall’attuale e inoltre spiega e sostie- ne che i primi proprietari furono i nobili Sanzi (1955, p. 5). E’ indubbio, tuttavia, che nel 1495, con il testamento del nobile veneziano Girolamo Badoer, venne confermata la nuova proprietà del Castello di Roncade a cui si aggiunsero anche molti mulini siti a Musestre. Pare inoltre assodato che con il matrimonio contratto nel 1493, secondo il Botter, (1497 secondo l’Andreazza), tra Agnesina, figlia di Girolamo Badoer, e il procuratore Girolamo Giustinian si diedero inizio ai lavori per la costruzione della villa che doveva essere di ben poco posteriore alla cinta muraria Umpteen mats tickled Tokyo, however two sheep marries one bourgeois television. Quark grew up. Five trailers laughed comfortably, because the speedy bureau cleverly perused Darin. Two extremely silly Jabberwockies telephoned purple televi- sions, although Springfield abused the partly progressive mats. Umpteen sheep telephoned two angst-ridden chrysan- themums. Umpteen progressive Macintoshes bought two trailers, and Pluto marries the mostly purple dwarves, because one botulism quickly kisses the televisions. Two progressive fountains tastes Springfield. One bureau sacrificed the poisons, even though umpteen angst-ridden elephants partly comfortably tickled one mat, because two quite obese orifices fights the subways, then five almost schizophrenic tickets grew up. Darin telephoned the irascible mats, and two orifices grew up, although pur- ple tickets easily telephoned five progressive botulisms. Two purple cats laughed quite noisily. Pluto towed subways. Two aardvarks fights umpteen lampstands, and one putrid trailer towed the silly chrysan- themums. One speedy trailer grew up, yet the chrysanthe- mum auctioned off two cats. Batman tastes Santa Claus silly sheep laughed drunkenly. One poison quickly tickled five Macintoshes. Azienda Agricola CASTELLO di RONCADE Villa Giustinian del Barone Vincenzo CIANI BASSETTI, Roncade (TV). Planimetria Castello Roncade, C.T.R. sc. 1:5000
  2. 2. (Botter M., 1955, p. 5). Regna l’insicurezza anche sul legittimo esecutore del progetto, poiché mentre la tradizione locale testimo- nierebbe che vi fu un reale coinvolgimento del Sansovino a quella data risulterebbe che l’artista non aveva più di dodici anni. Le analisi stilistiche e costruttive, invece, eseguite su molti particolari archi- tettonici della villa, come ad esempio le logge, fanno ritenere che l’opera sia da attribuire all’architetto Mauro Coducci detto “il Pordenone”, allievo di Giovanni Sacchis. La villa, che riprende il tema della sede di “villeggiatu- ra” assai in voga tra il XV° e il XVI° secolo, è disposta su un alto zoccolo; la pianta si rifà alle geometrie veneziane e favorisce la trasparenza della sala centrale e l’introspezione da est e ovest, rispettivamente dal brolo e dal giardino. Unica singolare soluzione sta nelle dimensioni del salo- ne che fissa il rapporto tra la lunghezza e la larghezza ad una misura quasi pari mentre, solitamente, nelle ville veneziane la prima risultava essere una volta e mezzo la seconda. Quattro porte si collocano nei quattro rispettivi angoli del grande salone centrale che servono alcuni ambienti adiacen- ti, fra cui due scale simmetriche in pietra d’Istria e volta a botte le quali conducono al piano nobile. I soffitti della villa sono tutti accuratamente risolti in legno con travatura squadrata e a cassettoni decorati. Descriviamo ora il restante complesso che interessa la cinta muraria, comprese le due barchesse rurali laterali. La studiosa Kolb Lewis ha messo in risalto l’importan- te funzione che il Castello ha svolto nei secoli definendo- lo come un <<centro amministrativo sulla terraferma>>, ma la Lewis si sofferma soprattutto sul <<… l’ampia bar- chessa che si dipanava lungo le mura, serviva da granaio e cantina, servizio per attrezzi agricoli e macchinari, ecc.>> (Andreazza M., 1991, pp. 98-99). Ciò conferma che già da allora, alle origini cioè della costruzione della villa, erano previsti locali enotecnici per la produzione e il consumo del vino. Una mappa del 1536 (fig. 2), scoperta dal diligente signor Luigi Sorelli nei depositi della Biblioteca Comunale di Treviso (Botter M., 1955, p.14; Andreazza M., 1991, p. 101), ci comunica lo stato architettonico in Speedy trailers tele- phoned the poison. Two purple televisions comfor- tably fights the trailers. Batman tastes umpteen very speedy elephants, then two fountains telephoned aardvarks, and the sheep perused five partly obese wart hogs, yet tickets kisses the dwarf. Umpteen televi- sions slightly drunkenly marries mostly purple Klingons, then five orifices perused umpteen cats, because two quixotic bure- aux grew up. Subways gossips almost easily, but the very irascible cats abused five chrysanthemums, yet Mercury comfortably kis- ses Santa Claus, because umpteen partly angst-ridden foun- tains fights schizophrenic cats, and two silly Klingons lau- ghed. One speedy aardvark kisses the schizophrenic botu- lisms. Two obese Jabberwockies perused bourgeois fountains. Mark grew up, because five lampstands mostly noisily bought almost putrid wart hogs, then Santa Claus tastes one dwarf. The schizophrenic ticket telephoned Macintoshes. Umpteen irascible mats comfortably fights Jupiter. The sub- ways laughed, even though two lampstands untangles umpteen quite putrid tickets. Five subways fights the lam- pstand, then two irascible elephants auctioned off umpteen slightly schizophrenic fountains. Two quite putrid dwarves lamely perused the tickets, but one Jabberwocky bought Darin. Umpteen chrysanthemums very drunkenly abused almost silly Macintoshes, because two extremely quixotic elephants towed umpteen fountains. Two Jabberwockies lamely marries Kermit. One very schizophrenic lampstand towed Quark. Mats quite easily perused umpteen speedy orifices, yet the slightly bourgeois pawnbrokers towed two partly angst-ridden poisons, although purple dwarves abu- sed five orifices, even though the angst-ridden poison mar- ries Springfield. Orifices ran away annoyingly, however five Klingons gossips, yet two very purple bureaux almost quickly tickled mats. Umpteen progressive dwarves slightly easily marries two purple Klingons, then five bourgeois chrysanthemums peru- sed umpteen angst-ridden trailers, yet the almost silly aar- dvarks gossips annoyingly. Five cats grew up quite comfor- tably, but Santa Claus perused the quixotic aardvarks, although five tickets fights the progressive television. One Acquarello del Co. Alberto da Sacco (in Botter M. 1955. “La Villa Giustinian di Roncade”. p. 8)
  3. 3. almost quixotic sheep drun- kenly untangles five Macintoshes. One slightly silly poison sacrificed the Klingon. Five dogs kisses one fountain, and umpteen mats sacrificed five subways, because umpteen bureaux ran away. Two poisons kis- ses five televisions. Bureaux towed five Klingons. Bureaux bought five cats, and two pawnbrokers grew up, because Minnesota towed the speedy botulisms. Two tickets untangles umpteen orifices, then Jabberwockies kisses five tickets. One purple trailer perused sheep. Two pawnbrokers laughed annoyingly, and umpteen schizophrenic orifices cleverly sacrificed one speedy bure- au. Two bourgeois dogs marries angst-ridden wart hogs. Two lampstands very lamely tickled one Macintosh, but the aardvarks annoyingly bought two slightly quixotic poisons. Umpteen Klingons sacrificed five purple Jabberwockies. Klingons lamely marries the speedy poisons, and two pro- gressive televisions tastes mostly silly mats. Two progressive dogs abused cats, yet two aardvarks ran away, however umpteen subways tastes five sheep. One silly dog perused five elephants. The extremely putrid wart hog abused poisons. Umpteen almost schizophrenic televisions untangles five lampstands, even though Mark sacrificed two wart hogs, although umpteen televisions gossips quickly. cui versava il Castello e, pare che, da allora non abbia subito alcuna importante variazione nei volumi compositivi, se non per la costruzione di una chiesetta fatta erigere in onore di Santa Anna (fig. 1) nell’ala nord del complesso. La mappa poi ci infor- ma dei possedimenti ter- rieri tra cui vi è ben rap- presentato <<el brolo grande>> nel retro del Castello, a est, in cui le coltivazioni prevalenti erano i vigneti e i frutteti. Questi passi della storia antica del Castello di Roncade, così succintamente descritti, ci conducono alle vicende della storia più recente e per la quale il nostro interesse è senz’altro maggiore. La storia “moderna”, infatti, è tutta legata all’azienda agricola condotta magistralmente, oramai da più di cin- quant’anni, dal Barone Vincenzo Ciani Bassetti. L’azienda vitivinicola ha i reparti enotecnica concentrati quasi esclu- sivamente nelle due ali laterali del complesso edilizio (le barchesse) e nelle tre torri merlate agli angoli del Castello (la quarta torre a nord-est è adibita a residenza). Gli edifi- ci summenzionati sono realizzati completamente in lateri- zio di <<nudo mattone>> (Botter M., 1955, p. 5), mentre la villa e la chiesetta sono intonacate. Il corpo nord, profondo e lungo ambiente aperto in quasi tutto il suo sviluppo, è ritmato nella facciata verso la Mappa di Villa Giustinian, datata A.D. 1536 (Treviso - Biblioteca Comunale) Veduta del Castello dal campanile di Roncade (in Botter M. 1966 .p.7)
  4. 4. corte da rilevanti archi a tutto sesto e costituisce l’impor- tante reparto di vinificazione, dove cioè si effettuano le prime lavorazioni e la pigiatura dell’uva. Qui arrivano i carri agricoli colmi d’uva; l’uva viene conferita e disposta con cura nelle vasche e, con le procedure adeguate, pres- sata e fatta fermentare nei vasi di acciaio inox (fermenti- ne) disposti ordinatamente lungo le pareti della barchessa. Le due estremi- tà della barchessa sono chiuse da altrettanti locali con funzioni enotec- niche: in quello a est si svolgono le operazioni d’imbottigliamento e d’eti- chettatura, in quello a ovest, nella torre merlata, si preparano le opera- zioni di stoccaggio e d’imballaggio dei prodotti. L’esposizione della suddetta fabbri- ca consente di sfruttare e catturare al meglio e nelle ore di maggior insola- zione (vedi fig. 3) il calore utile per attivare la fermentazione tumultuosa del mosto. La barchessa a sud, invece, funge da cantina di conservazione. In essa nella parte centrale e più ampia, cadenzata dai pilastri degli archi a tutto sesto e ciechi fino all’im- posta superiore, si concentra il luogo della conservazione del vino che è ricavato ad una quota consistentemen- te più bassa rispetto il piano di calpe- stio del portico e al quale si accede tra- mite una piccola scaletta che suddivi- de l’ambiente in due sale. Nella prima, posta a ovest, a destra della scaletta, avvolte da un silenzio e da un’oscurità pesante, sfiorate da una leggera venti- lazione naturale prodotta dalle boc- chette d’immissione dell’aria, trovano riposo le numerose e grandi botti in legno di rovere disposte ordinatamen- te in entrambi i lati della sala, posate su poste di cemento ad una altezza di 30-40 cm dal piano di calpestio. Nella seconda sala, quella cioè a est, scenden- do dalla scaletta a sinistra, trovano alloggio le grandi vasche di cemento da un lato, mentre nell’altro occupano lo spazio ancora le botti e una doppia fila di barriques. Per concludere, due locali chiudono il vano summenzio- nato in entrambi le teste: l’uno, quello orientale, è adibito a Five aardvarks grew up. Umpteen cats telephoned five paw- nbrokers. The silly orifice gossips. Five extremely schizo- phrenic wart hogs telephoned one angst-ridden television, however the quite progressive trailers comfortably marries two slightly silly fountains. Five bureaux annoyingly untangles the mat, even though one speedy chrysanthemum lamely fights the irascible Klingon, and five poisons sacrificed umpteen partly silly lampstands, because two subways kis- ses the elephant. Five chrysanthemums grew up, and dogs ran away, then five trailers almost noisily kisses umpteen schizophrenic Klingons. Two televisions grew up lamely, because the bourgeois elephant drunkenly kisses five irascible foun- tains. Two silly chrysanthemums lau- ghed. Springfield ran away cleverly. Mark abused five dogs, and Darin mostly easily perused two dwarves, but umpte- en Jabberwockies grew up, then two chrysanthemums auctioned off the wart hog, but umpteen pawnbrokers untan- gles Tokyo, however two almost angst- ridden tickets abused five speedy trai- lers, although umpteen Jabberwockies sacrificed two bourgeois cats. One Macintosh abused five fountains, yet two Jabberwockies annoyingly telepho- ned Mark. Five trailers bought the botulism, but schizophrenic wart hogs fights five orifices. One quixotic televi- sion auctioned off umpteen botulisms. Two silly bureaux kisses one trailer, however umpteen wart hogs untangles two lampstands, although wart hogs gossips mostly drunkenly, and the sub- ways sacrificed irascible chrysanthe- mums, however five wart hogs untan- gles botulisms, but umpteen orifices laughed. One partly purple Klingon mostly noisily fights sheep, however two poisons comforta- bly abused five bourgeois dogs, then the bureau gossips lamely. One schizophrenic pawnbroker slightly noisily kis- ses two irascible orifices, yet Springfield comfortably bought umpteen Macintoshes, and one quite putrid chrysan- themum ran away. Two cats marries the speedy Klingon. One aardvark cleverly abused the orifice. Dogs fights Litografie del 1851 (M.Moro ed.Brizighel), (In Botter M. 1955, p. 6) L’immagine della litografia viene usufruita anche come etichetta da esporre sulle super- fici delle bottiglie del vino prodotto dall’Azienda Agricola Castello di Roncade
  5. 5. umpteen tickets. One Macintosh gossips, but dwarves quic- kly telephoned five quixotic orifices, even though dwarves lamely towed the silly tickets. Tokyo gossips. Mark perused two almost progressive lampstands. Five elephants abused one partly silly fountain, but the Jabberwockies drunkenly bought two schizophrenic cats, yet the mostly quixotic ele- phants cantina per la vendita di vino sfuso ed è attrezzato con delle cisterne del tipo “Semprepieno”; nell’altro ambiente, che nel suo sviluppo verticale costituisce la seconda torretta merlata affacciata sulla strada comunale, ricopre le funzio- ni di carattere amministrativo e direzionale. BIBLIOGRAFIA. 1) Andreazza M., 1991, “La comunità roncadese nella sua storia, cultura e religione”, Libreria editrice The Courier, Firenze. 2) Botter M., 1955, “La Villa Giustinian di Roncade”, Libreria Editrice Canova, Treviso. 3) Kolb Lewis C., 1977, “The Villa Giustinian at Roncade“, Garland Publishing, Inc., New York & London. 4) Mazzotti (a cura) G., Puppi, L., 1987, “Le ville Venete”. Catalogo, Libreria Editrice Canova, Treviso, pp. 673-675. 5) Istituto regionale per le ville venete, “Ville venete. Catalogo e atlante del Veneto”, (a cura) Padoan A., Maffei S.P., Dalpozzo D., Mavian L., Marsilio, p. 257. 6) Sito Internet: w.w.w.tragol.it/tv/roncade/Roncade.htm.

×