Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Gocce di pace

280 views

Published on

Aiutiamo l'Africa più povera. Dai un contributo per questo progetto

Published in: Education
  • Be the first to comment

Gocce di pace

  1. 1. Progetto di cooperazione e solidarietà internazionale nelle aree semidesertiche colpite dalla siccità del Corno d’Africa Marsabit - KenyaPromosso da:Associazione Onlus Economia Alternativa (capofilarichiedente)Somirenec ONG (Social Ministry Research NetworkCentre) KenyaAssociazione Acquifera OnlusAssociazione Salotto dei Medici Africani (Onlus diMigranti)Associazione Antida ThouretAssociazione La VignaRotary Club Roma Sud 2^ classificato a BANDO PROVINCIA DI ROMA anno 2011
  2. 2. Il Progetto coinvolge 1567 persone che vivono in 7 villaggi e campi IDP (InternalDisplaced People) beneficiari degli interventi per l’approvvigionamento idrico,per le attività di sviluppo, di formazione e pacificazione. OBIETTIVI: 1- Favorire l’accesso all’acqua 2- Incrementare le attività agro-pastorali per conseguire la sicurezza alimentare 3- Promuovere la formazione di donne e giovani per attività generatrici di reddito 4- Formare i giovani perché diventino agenti della trasformazione delle Comunità, contrastando pratiche tradizionali nocive come le FGM 5- Promuovere l’educazione scolastica per pastorelli e Morans (guerrieri) 6- Promuovere la coesione sociale e costruire una cultura del rispetto e della pace tra gruppi etnici in conflitto ( Borana e Rendille) COSTO del PROGETTO: € 67.607
  3. 3. Le tribù BORANA occupano le terre della località di Bandasa e i RENDILLE quelle di Songa, entrambe dotate di un terreno fertile per lo sviluppo agricolo, ma gli scontri interetnici e la carenza d’acqua hanno finora impedito lo sfruttamento della terra.Il 1° intervento previsto è la progettazione e realizzazione di serbatoi diaccumulo e la posa in opera di una rete di adduzione di 8 km che collegherà lasorgente, trovata nella foresta, con le Comunità interessate.
  4. 4. Il 2° intervento sarà l’insediamento e l’avvio di Orti famigliari in ogni villaggio (50 per ognuno dei 7 villaggi), affidati alle donne, che per 6 mesi saranno seguite da esperti orticultori della Scuola Agricola di Baraka.Per ottimizzare la produzione elimitare il consumo d’acqua, gli ortisaranno tutti dotati del sistema di“drip-irrigation”, ed avrannoun’estensione di ca. 200mq ciascunosufficiente a garantire la sicurezzaalimentare della famiglia e generaresurplus destinati alla vendita equindi alla miglioramento delreddito famigliare.
  5. 5. 3° intervento: 12 giovani (6 di etnia Rendille e 6 di etnia Borana) avranno la possibilità di frequentare corsi di agraria, zootecnia, apicultura e falegnameria presso le scuole di Baraka e Embu. Detti corsi che saranno residenziali e, favorendo la conoscenze interculturali delle due etnie, e i giovani, al loro rientro, oltre ad un arricchimento della propria personalità, porteranno una conoscenza dell’altra Comunità che costituirà il propulsore di uno sviluppo sostenibileViene altresì prevista l’organizzazione di 5 scuole di alfabetizzazione in grado di ospitarealmeno 100 alunni (l’analfabetismo è stimato al 80% per i maschi e al 95% per lefemmine), programma indispensabile per il successivo inserimento nelle scuolegovernative.
  6. 6. 4° intervento: Il conflitto tra i due gruppi etnici, Borana e Rendille, è costatola vita a 354 persone, solamente nel 2009 (fonte ONU), e i bambini sonosegnati da ferite psicologiche profonde che se non guarite porteranno adun’escalation di violenza. Verrà quindi organizzato un traiding per insegnanti delle scuole governative atti a fornire loro rudimentali nozioni e strumenti rivolti all’identificazione e superamento di questi traumi psicologici.
  7. 7. 5° intervento: verranno organizzati workshops di 3 giorni per 300adolescenti delle 2 etnie per approfondire con esperti temi molto importanti incomunità quali: la circoncisone, le mutilazioni genitali femminili e la diffusionedell’Aids.
  8. 8. Vogliamo realizzare questo progetto con il vostro generoso contributo che potrete effettuare – in una delle modalità sottoindicate – con causale: “Prog. N° 352 GOCCE DI PACE” Conto corrente postale n° 16748006 intestato a Associazione Economia Alternativa Onlus Conto corrente Banca Popolare di Milano intestato a Associazione Economia Alternativa Onlus Iban: IT23I 05584 03204 00000 0013093 Tramite PAYPAL direttamente sul sito www.economialternativa.org

×