Come cambia l Italia che legge Come le biblioteche possono  rispondere al cambiamento              Giovanni Solimine      ...
1. Il quadro di riferimento
Lettori di almeno un libro all anno
Lettura in Italia 2005-2010
L Italia delle differenze: Genere
Squilibri territoriali•  Al nord legge il 54%•  Al centro il 50%•  Al sud il 35%
L Italia delle differenze: Età
L Italia delle differenze: Intensità di lettura
2. Consumi culturalie livelli di partecipazione
Partecipazione alla vita culturale
Partecipazione ad attività culturali (Europa a 27)Italia 11%
% della spesa familiare destinata ai consumi culturali                                            Media                   ...
3. Biblioteche, lettura   e libri elettronici
Biblioteche universitarie USAUna ricerca 2010 su 364 biblioteche(Library Journal)ü 94% offre e-book ai propri utentiü ne...
Cosa acquistano
Biblioteche pubbliche USAUna ricerca 2010 su 781 biblioteche(Library Journal)ü  72% offre e-book ai propri utentiü  Uso:...
Biblioteche universitarie ItaliaUna ricerca 2009 su 51 Atenei (CARE)ü Nel 27% dei casi le proposte partono dai   docentiü...
Biblioteche universitarie Italiaü Si acquistano nel 48% monografie   scientifiche, nel 21% opere di reference,   nel 21% ...
Biblioteche pubbliche Italiaü Cologno Monzeseü …e poi?
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Giovanni Solimine @ Ebook Lab Italia 2011 - Biblioteche: evoluzione della domanda e dell'offerta

841 views

Published on

Come cambia l'Italia che legge e come le biblioteche possono rispondere al cambiamento. - I dati sulla lettura di libri e giornali e sulla partecipazione degli italiani alla vita culturale dimostrano che esiste una forte correlazione tra le diverse forme di intrattenimento, informazione e formazione: i diversi linguaggi della comunicazione non sono in conflitto fra loro, ma spesso si alimentano e si trainano reciprocamente, sia quando vengono utilizzati per occupare il tempo libero sia quando sono funzionali allo studio e alla documentazione per fini professionali. Chi è “attivo” culturalmente fa molte cose insieme: legge, va al cinema e a teatro, frequenta manifestazioni culturali, naviga in Internet. Già da alcuni anni diverse indagini hanno messo bene a fuoco questo fenomeno, descrivendo la ricchezza e la povertà della “dieta mediatica” degli italiani. Le diete culturali più povere sono quelle dei cosiddetti “marginali”, che si limitano ad un unico consumo fruito in ambito domestico, e cioè alla sola tv; sul versante opposto troviamo coloro, in particolare giovani, che fanno un uso largo e integrato di una varietà di media, da quelli più antichi a quelli più innovativi. L’Italia sta cambiando, anche se meno rapidamente e meno profondamente di quanto potrebbe. Siamo ancora indietro, ad esempio, sul terreno della information literacy, e cioè della capacità di recuperare l’informazione attuando strategie di ricerca efficaci, selezionare e valutare l’informazione recuperata, organizzare e rielaborare i contenuti, saper presentare e comunicare i risultati del proprio lavoro. Queste capacità si acquisiscono proprio utilizzando consapevolmente e criticamente una pluralità di strumenti e linguaggi di comunicazione. Per fronteggiare le sfide della società dell’informazione le biblioteche possono esercitare un ruolo importante, reinterpretando in questo modo la loro funzione di promozione culturale, favorendo la crescita individuale e collettiva delle persone, garantendone i diritti di cittadinanza in una società “inclusiva”.

Published in: Technology, Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
841
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
24
Actions
Shares
0
Downloads
32
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Giovanni Solimine @ Ebook Lab Italia 2011 - Biblioteche: evoluzione della domanda e dell'offerta

  1. 1. Come cambia l Italia che legge Come le biblioteche possono rispondere al cambiamento Giovanni Solimine giovanni.solimine@uniroma1.it
  2. 2. 1. Il quadro di riferimento
  3. 3. Lettori di almeno un libro all anno
  4. 4. Lettura in Italia 2005-2010
  5. 5. L Italia delle differenze: Genere
  6. 6. Squilibri territoriali•  Al nord legge il 54%•  Al centro il 50%•  Al sud il 35%
  7. 7. L Italia delle differenze: Età
  8. 8. L Italia delle differenze: Intensità di lettura
  9. 9. 2. Consumi culturalie livelli di partecipazione
  10. 10. Partecipazione alla vita culturale
  11. 11. Partecipazione ad attività culturali (Europa a 27)Italia 11%
  12. 12. % della spesa familiare destinata ai consumi culturali Media Europa a 15 4,5%
  13. 13. 3. Biblioteche, lettura e libri elettronici
  14. 14. Biblioteche universitarie USAUna ricerca 2010 su 364 biblioteche(Library Journal)ü 94% offre e-book ai propri utentiü nel 66% dei casi acquistati su proposta delle facoltà e dei docenti
  15. 15. Cosa acquistano
  16. 16. Biblioteche pubbliche USAUna ricerca 2010 su 781 biblioteche(Library Journal)ü  72% offre e-book ai propri utentiü  Uso: il 61% li ligge sul proprio pc, il 52% su e-book reader dedicati, il 36% su altri dispositivi portatili, solo il 16% sui pc della bibliotecaü  Meno del 30% delle biblioteche presta devices precaricatiü  E-book più prestati: nella fiction bestseller (83%) e mystery/suspence (62%); nella saggistica biografie (50%) e attualità (35%)
  17. 17. Biblioteche universitarie ItaliaUna ricerca 2009 su 51 Atenei (CARE)ü Nel 27% dei casi le proposte partono dai docentiü Gli acquisti sono gestiti centralmente nel 31,37% dei casi (nel 25,49% dalle singole biblioteche
  18. 18. Biblioteche universitarie Italiaü Si acquistano nel 48% monografie scientifiche, nel 21% opere di reference, nel 21% manuali, nel 6% libri di testoü Aree disciplinari: 21% scienze matematiche e informatiche, 14% scienze economiche e statistiche, 14% scienze mediche
  19. 19. Biblioteche pubbliche Italiaü Cologno Monzeseü …e poi?

×