WORKSHOPeA: "DUE DILIGENCE: accertamento delle passività ambientali nei contratti di compravendita immobiliare"

722 views

Published on

Il trasferimento del rischio ambientale: il ruolo delle assicurazioni
Dott. Giovanni Faglia – Pool Inquinamento
esperto in Risk Engineering e docente presso l’Università degli Studi di Milano in materia di Responsabilità delle imprese in campo ambientale. Lavora come responsabile per Pool Inquinamento, consorzio di coriassicurazione gestito da Munich Re, che si occupa di risk management, valutazione tecnica dei rischi e dello studio di problematiche ambientali e assicurative

  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

WORKSHOPeA: "DUE DILIGENCE: accertamento delle passività ambientali nei contratti di compravendita immobiliare"

  1. 1. DUE DILIGENCE AMBIENTALI Accertamento delle passività ambientali nei contratti di compravenditaIl trasferimento del rischio ambientale:il ruolo delle assicurazioniDott. Giovanni Faglia – Consorzio di coriassicurazione PoolInquinamento 2
  2. 2. IL TRASFERIMENTO DEL RISCHIO AMBIENTALE: IL RUOLO DELLE ASSICURAZIONI 3
  3. 3. RISCHIO INQUINAMENTO4
  4. 4. 5
  5. 5. 6
  6. 6. SPUNTI DI RIFLESSIONE1. Cause e corresponsabilità2. La difficile valutazione “ex ante”3. Analisi delle conseguenze e gravità dei danni 7
  7. 7. INQUINAMENTO: E’ UN RISCHIOSPECIALE ?1. E’ un rischio speciale che richiede competenze di tipo tecniche, giuridico ed assicurativo2. La normativa ambientale è specifica3. Non e’ un rischio di sola Responsabilità Civile4. Caratteristiche specifiche del danno da inquinamento 8
  8. 8. Eventi inquinanti: Principali cause1. Principali Sorgenti 1. Fattori di rischio più frequenti 1. Errori progettuali, difetti tecnici,1. Serbatoi e tubazioni collaudi inefficaci interrate 2. Errori umani2. Serbatoi e vasche fuori terra 3. Eventi naturali3. Aree di deposito 4. Scarsa manutenzione prodotti 5. Atti dolosi4. Zone di stoccaggio 6. Incendio rifiuti 7. Foratura Serbatoio interrato5. Aree di carico e 8. Bacino di contenimento non a tenuta scarico 9. Percolamento da area di deposito di6. Depuratore e prodotti o rifiuti disoleatore 10. Sversamento durante operazioni di7. Camini carico e scarico 11. Malfunzionamento depuratore 12. Malfunzionamento filtri camini 9
  9. 9. Inquinamento Improvviso Rotture (es. di valvole), guasti (es. di impianti di trattamento), errori umani (es. errata manovra), incendi ed esplosioni La Datazione dell’evento inquinante è certa, la Durata breve 10
  10. 10. Inquinamento Graduale Fenomeni di dispersione prolungati nel tempo di sostanze inquinanti causati ad es. dalla foratura di un serbatoio interrato, da perdite attraverso la rete fognaria, da percolamento da aree di deposito non impermeabilizzate Di regola la datazione dell’evento inquinante è incerta, la scoperta della contaminazione avviene mesi od anni dopo l’inizio dell’inquinamento 11
  11. 11. Cosa rischia un’impresa se provocaun danno da inquinamento? 1. Rischio incendio = Valore immobile 4. Furto = Valore bene assicurato 7. Inquinamento = ? 12
  12. 12. I costi a carico dell’impresa:Voce di costo Soggetto operativo Costo (sinistro medio)Messa in sicurezza Società Pronto Intervento 30.000-200.000d’emergenza (1 giorno -1 mese)Indagine Preliminare Società consulenza ambientale 30.000-100.000Piano diCaratterizzazioneAnalisi di Rischio sitoSpecificaProgetto Operativo diBonificaBonifica, Ripristino e Società di Bonifica (1 mese – 15 anni 100.000-500.000Monitoraggio non c’è limite temporale)Danni a terzi 13 ??? ???
  13. 13. LA RESPONSABILITÀ DELLE IMPRESE: CHI INQUINA PAGA 14
  14. 14. Responsabilità delle impreseCIVILE AMBIENTALEObbligo al risarcimentodel danno a terzi: + Obbligo di bonifica e ripristino di:COSE SUOLO E SOTTOSUOLOPERSONE ACQUE SUPERFICIALI E SOTTERRANEEDA INTERRUZIONE DI ATTIVITA’ SPECIE E HABITAT NATURALI PROTETTI(Art. 2043 C.C. e ss.) (D. Lgs. 152/2006) 15
  15. 15. Le conseguenze di un evento inquinante: Richieste di risarcimento Procedimento di bonifica Ordinanza del Ministero dell’Ambiente 16
  16. 16. Come si assicurano le imprese? 17
  17. 17. LE ALTERNATIVE:ESTENSIONE ALL’INQUINAMENTO POLIZZA INQUINAMENTOACCIDENTALE SU POLIZZA RCG NESSUNA COPERTURA 18
  18. 18. Come si assicurano le imprese in Italia? 19
  19. 19. L’ estensione all’inquinamento accidentalesu Polizza RCG: 2 esempi …l’assicurazione si intende operante anche per i danni conseguenti ad inquinamento derivante da rottura accidentale di impianti, condutture.. ….l’assicurazione si intende estesa alla RC derivante all’Assicurato per danni involontariamente cagionati a terzi da inquinamento dell’ambiente conseguente a fatto improvviso e dovuto a cause accidentali… 20
  20. 20. ESTENSIONE ALL’INQUINAMENTOACCIDENTALE: VALUTAZIONEa. il concetto di inquinamento “accidentale” non e’ definito ne’ facilmente interpretabileb. L’operatività della polizza si verifica solo “ex-post”c. spesso il sottolimite o le limitazioni previste rendono del tutto inadeguata la coperturad. garanzia non valutata e per la quale non viene richiesta alcuna informazionee. è la soluzione assicurativa che andava bene, forse, 20 anni fa 21
  21. 21. Evoluzione dei prodottiassicurativi:da Responsabilità Civilea Responsabilità Ambientale22
  22. 22. Evoluzione del mercatoassicurativoPrima del 1979: Estensione all’inquinamento accidentale su Polizza RCG 23
  23. 23. Polizza di Responsabilità Ambientale Insediamenti Evento Inquinante (sia improvviso che graduale)Responsabilità Civile Spese per interventi diTradizionale: Bonifica, Messa in Sicurezza e  Danni a cose e persone Ripristino delle matrici  Danni da interruzione di ambientali attività sia all’interno che all’esterno del sito assicurato 24
  24. 24. Garanzia Base (Ed. 2011) Danni a terzi (cose, persone e da interruzione di attività) Bonifica del Sito assicurato SPESE DI BONIFICA + DANNO AMBIENTALE Garanzie OpzionaliA) Amianto B) Beni mobili C) OCS e immobili all’interno D) TMP del sito assicurato
  25. 25. Rischi e coperture Attenzione: lePossibili Costi coperture non sono tutte uguali - Spese di bonifica DEFINIZIONI ed interne al sito ESCLUSIONI possono compromettere l’operatività della Danni a terzi Danno polizza Polizza dedicata Ambientale Spese di bonifica esterne al sito Altre spese Estensione Inq. Accidentale su RCG Rischi Inquinamento 26
  26. 26. LA POLIZZA DI RESPONSABILITÀ AMBIENTALE:- E’ uno strumento di protezione del patrimonio dell’impresa- Può essere “personalizzata” in base ai rischi reali dell’azienda- Permette alle aziende di avere un supporto professionale nella complessa gestione del sinistro- Permette il trasferimento di parte del rischio ambientale 27
  27. 27. BONIFICHE, M&A: QUALI SOLUZIONI ASSICURATIVE?28
  28. 28. ORIGINE DEI SITI CONTAMINATI3. INCIDENTI INDUSTRIALI4. INQUINAMENTO STORICO IN AREE INDUSTRIALI OPERATIVE5. AZIENDE DISMESSE - SITI INDUSTRIALI ABBANDONATI6. SITI DI INTERESSE NAZIONALE7. DISCARICHE ABUSIVE E SIMILI 29
  29. 29. I RISCHI:s DANNI A TERZI DURANTE L’ESECUZIONE DELLA BONIFICAs SUPERAMENTO DEL COSTO DI BONIFICA PREVENTIVATO PER CAUSE DIVERSEs IMPEGNI CONTRATTUALI FRA COMPRATORE E VENDITORE DI UN SITOs DANNI AD ALTRE MATRICI AMBIENTALI DERIVANTI DA ESECUZIONE ERRATA DELLA BONIFICA 30
  30. 30. I RISCHI ASSICURABILI - 1s PARTEDEI RISCHI SAREBBERO PIU’ FACILMENTE ASSICURABILI SE LE AZIENDE FOSSERO SEMPRE STATE ASSICURATE CON LA POLIZZA INQUINAMENTOs ATTUALMENTE SONO ASSICURABILI I RISCHI DURANTE L’ESECUZIONE DELLA BONIFICA 31
  31. 31. I RISCHI ASSICURABILI – 2: UN NUOVO PROGETTOs ASSICURAREI MAGGIORI COSTI DI BONIFICA : A QUALI CONDIZIONI? 32
  32. 32. I RISCHI ASSICURABILI – 3: LE PROBLEMATICHEsI TEMPIs I COSTIs LE DIFFICOLTA’ TECNICAs LE PROCEDURE ASSUNTIVE 33
  33. 33. Scenari Futuri1. E’ in costante aumento sia l’interesse delle aziende e degli operatori di tutto il settore2. Sono in crescita le richieste di polizza obbligatoria sia da parte dei Committenti privati e pubblici3. Possibile impatto della 231 sulla mancanza di coperture adeguate 34
  34. 34. Grazie dell’attenzione Giovanni Faglia Pool InquinamentoPool_Inquinamento@Munichre.com Tel: 02 76416470 www.poolinquinamento.it 35

×