La  curiosità  è un treno senza rotaie Davide  Mana Centro di  Geobiologia , Università degli Studi Carlo Bo,  Urbino
No... aspettate un momento...
Dedicato a Charles Mingus? Le slide presentate all'ebookfest 2010 sono state leggermente modificate, aggiungendo del testo...
La  curiosità  è un treno senza rotaie Davide  Mana Centro di  Geobiologia , Università degli Studi Carlo Bo,  Urbino
Io in questo posto non c'entro. Non sono un  professionista dell'editoria . Non provengo da  studi umanistici . Non sono u...
 
Mi si fa notare che il titolo del mio intervento è privo di significato: un treno senza rotaie non va da nessuna parte. Ma...
CURIOSITÀ , s.f. <ul><li>Il desiderio di sapere o imparare
Il desiderio di conoscere qualcosa che non ci compete;  ficcanasaggine
Un oggetto che desta interesse, per la sua originalità o il suo carattere insolito
Un aspetto strano o insolito </li></ul>
È estremamente imbarazzante parlare di strutture non lineari utilizzando il più lineare degli strumenti di presentazione. ...
Su PowerPoint, la parola definitiva è di Edward Tufte –  The Cognitive Style of PowerPoint . Tufte – insegnante, artista e...
 
...e raccontiamoci una storia Le storie sono belle. Hanno un inizio, una parte centrale e una fine. E a differenza della r...
I nostri antenati avevano un sacco di cose per la testa
Una buona storia serve a mettere ordine negli eventi. Ed è un ottimo strumento didattico
Noi ci concentriamo sui   fatti
Li disponiamo   in ordine
Ciascun elemento ha un  significato L' ordine degli elementi  ha un  significato
La  realtà   è più  complessa
I fatti non sono   omogenei
Leggere Apprendere Capire Memorizzare Studiare Grok Esplorare Scrivere Comunicare Sperimentare Divertirsi Partecipare
Grok <ul><li>Termine coniato da  Robert Heinlein
Significherebbe letteralmente “bere”
“ capire così a fondo che l'osservatore diventa parte dell'osservato – fondendosi, mescolandosi, perdendo la propria ident...
“ capire intuitivamente ed empaticamente ” (Oxford Dictionary) </li></ul>
I Grok Spock
... e con un ardito salto concettuale, il signor Spock ci porta a parlare di fantascienza (ma non molto, ché qui siamo fra...
e-book <ul><li>Prezzo
(Pirateria)
Distribuzione
Business model
User experience
Form factor </li></ul>
L'abuso di tecnicismi in inglese ci rivela che ad occuparsi dello sviluppo futuro dell'ebook sono stati finora soprattutto...
E notiamo che citare  Bill Hicks  (1961-1994) è pertinente, essendo stato se non il primo certo il migliore nel dimostrare...
... e parlando di dischi... Nel 1973 Mike Nesmith pubblica  The Prison , un libro con una colonna sonora. Se ascolto il di...
Mike Nesmith  era uno dei Monkees. A  The Prison  fa seguire  Elephant Parts , combinazione di testo, musica e filmati. Po...
... perché a noi interessano le idee. Nuove idee. NON  idee su come saranno i libri in futuro. Perché continuare a pensare...
E così l'utente procede, costruendo un percorso di molti elementi. Occasionalmente inserisce i suoi commenti, collegandoli...
<ul><li>Quasi negli stessi anni Buckminster Fuller propone di sostituire la didattica tradizionale con  The World Game </l...
1968 Mouse Teleconferenza Web-mail Ipertesto Programmazione a oggetti Shared screen Database linkabile Doug Engelbart, Sta...
1989 Tim Berners-Lee propone l'adozione dello HTML per gli ipertesti 1993 Grazie a Mosaic, HTML e ipertesti raggiungono am...
1993 –   1968 =   25
Intanto, nel  1995 , c'è chi prevede l'estinzione imminente del libro cartaceo, rimpiazzato a breve (entro il 2000) da ipe...
... anche perché milioni di ragazzini gli ipertesti ce li hanno già – e proprio in cartaceo – dal  1985 .
 
Un romanzo interattivo, nel quale il lettore sceglie un percorso lungo una narrativa non lineare. Poi verranno MUD, MOO, v...
Intanto, la BBC, a partire dagli anni '70, si occupa di preparare gli inglesi al futuro. Organizza corsi di informatica vi...
 
1978 James Burke  Connections   esperimento in video didattica non lineare successo intercontinentale 2005 James Burke Kno...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Presentazione Mana

13,783 views

Published on

Slide della presentazione a Fosdinovo, con qualche minimo aggiustamento per rendere più comprensibile il contenuto.

Published in: Education
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
13,783
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
11,621
Actions
Shares
0
Downloads
10
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Presentazione Mana

  1. 1. La curiosità è un treno senza rotaie Davide Mana Centro di Geobiologia , Università degli Studi Carlo Bo, Urbino
  2. 2. No... aspettate un momento...
  3. 3. Dedicato a Charles Mingus? Le slide presentate all'ebookfest 2010 sono state leggermente modificate, aggiungendo del testo (sempre male nelle slide), al fine di rendere i contenuti più accessibili. Sono anche state aggiunte slide per quegli argomenti toccati a braccio durante la presentazione perché pareva una buona idea. Così vi beccate 52 slide invece di 35, e un sacco delle mie chiacchiere. Che fortuna, eh? E già che ci siamo: Charles Mingus dibatté a lungo l'opportunità di scrivere una partitura per il jazz (che è improvvisazione). Questo è pertinente alla discussione su e-text e formazione – pensateci e vedrete perché – e riassume i problemi legati alla revisione di questa presentazione. OK, ricominciamo da capo...
  4. 4. La curiosità è un treno senza rotaie Davide Mana Centro di Geobiologia , Università degli Studi Carlo Bo, Urbino
  5. 5. Io in questo posto non c'entro. Non sono un professionista dell'editoria . Non provengo da studi umanistici . Non sono un educatore (non sempre, per lo meno), né un ricercatore nell'ambito dell'e-learning . Io sono un paleontologo. Talvolta scrivo: narrativa, divulgazione. Vengo dalla giungla, con un po' di idee che mi sono venute discorrendo con altri strani animali che vivono là fuori. Gente che legge, gente che scrive. Io qui non c'entro nulla. Ma ho passato gran parte della mia vita a studiare il passato e ad immaginare il futuro .
  6. 7. Mi si fa notare che il titolo del mio intervento è privo di significato: un treno senza rotaie non va da nessuna parte. Ma d'altra parte, la domanda „E adesso dove vado?” è proprio il nucleo, qui. La curiosità, che non ha e non deve avere binari, è la qualità più desiderabile in un essere umano. Anche se...
  7. 8. CURIOSITÀ , s.f. <ul><li>Il desiderio di sapere o imparare
  8. 9. Il desiderio di conoscere qualcosa che non ci compete; ficcanasaggine
  9. 10. Un oggetto che desta interesse, per la sua originalità o il suo carattere insolito
  10. 11. Un aspetto strano o insolito </li></ul>
  11. 12. È estremamente imbarazzante parlare di strutture non lineari utilizzando il più lineare degli strumenti di presentazione. Apprezziamo l'ironia...
  12. 13. Su PowerPoint, la parola definitiva è di Edward Tufte – The Cognitive Style of PowerPoint . Tufte – insegnante, artista ed editore – è oggi l'autorità ultima sulla comunicazione per immagini.
  13. 15. ...e raccontiamoci una storia Le storie sono belle. Hanno un inizio, una parte centrale e una fine. E a differenza della realtà, hanno sempre un senso.
  14. 16. I nostri antenati avevano un sacco di cose per la testa
  15. 17. Una buona storia serve a mettere ordine negli eventi. Ed è un ottimo strumento didattico
  16. 18. Noi ci concentriamo sui fatti
  17. 19. Li disponiamo in ordine
  18. 20. Ciascun elemento ha un significato L' ordine degli elementi ha un significato
  19. 21. La realtà è più complessa
  20. 22. I fatti non sono omogenei
  21. 23. Leggere Apprendere Capire Memorizzare Studiare Grok Esplorare Scrivere Comunicare Sperimentare Divertirsi Partecipare
  22. 24. Grok <ul><li>Termine coniato da Robert Heinlein
  23. 25. Significherebbe letteralmente “bere”
  24. 26. “ capire così a fondo che l'osservatore diventa parte dell'osservato – fondendosi, mescolandosi, perdendo la propria identità.“
  25. 27. “ capire intuitivamente ed empaticamente ” (Oxford Dictionary) </li></ul>
  26. 28. I Grok Spock
  27. 29. ... e con un ardito salto concettuale, il signor Spock ci porta a parlare di fantascienza (ma non molto, ché qui siamo fra gente seria), che poi sarebbe il mestiere di immaginare il futuro. Karl Schroeder ha osservato che immaginare astronavi e stazioni spaziali è facile. È immaginare cosa mangi a colazione chi ci vive, che è difficile. O come leggano il giornale. O i libri...
  28. 30. e-book <ul><li>Prezzo
  29. 31. (Pirateria)
  30. 32. Distribuzione
  31. 33. Business model
  32. 34. User experience
  33. 35. Form factor </li></ul>
  34. 36. L'abuso di tecnicismi in inglese ci rivela che ad occuparsi dello sviluppo futuro dell'ebook sono stati finora soprattutto i ragazzi del marketing. Ricordiamo allora Bill Hicks. Vi occupate di marketing? Fate un favore all'umanità. Suicidatevi. No, davvero, voi siete la stirpe del demonio. Non si può ridurre tutto al denaro, alle strategie di vendita...
  35. 37. E notiamo che citare Bill Hicks (1961-1994) è pertinente, essendo stato se non il primo certo il migliore nel dimostrare che è possibile fare cultura, discutere di scienza e di filosofia facendo morire dal ridere il pubblico. Ed obbligandolo a riflettere. Senza aver mai scritto un libro – lui faceva spettacoli live, e dischi.
  36. 38. ... e parlando di dischi... Nel 1973 Mike Nesmith pubblica The Prison , un libro con una colonna sonora. Se ascolto il disco leggendo, i brani sono sincronizzati ed i testi delle canzoni contrappuntano il testo scritto.
  37. 39. Mike Nesmith era uno dei Monkees. A The Prison fa seguire Elephant Parts , combinazione di testo, musica e filmati. Poi inventa MTV . Mica male come idea, eh?
  38. 40. ... perché a noi interessano le idee. Nuove idee. NON idee su come saranno i libri in futuro. Perché continuare a pensare all'ebook come ad un libro elettronico ci vincola a strutture e preconcetti dai quali l'elettronica ci può svincolare... Pensiamo a qualcosa di diverso ... magari a qualcosa di nuovo ... ma anche no...
  39. 41. E così l'utente procede, costruendo un percorso di molti elementi. Occasionalmente inserisce i suoi commenti, collegandoli al percorso principale o connettendoli al percorso laterale di un elemento... e costruisce così un percorso dei propri interessi attraverso un labirinto di materiali che gli sono disponibili. Vannevar Bush, As We May Think , 1945
  40. 42. <ul><li>Quasi negli stessi anni Buckminster Fuller propone di sostituire la didattica tradizionale con The World Game </li></ul>Aboliamo la divisione fra materie scientifiche e umanistiche. Formiamo i giovani facendo loro affrontare problemi reali . Usiamo il dibattito e il gioco di ruolo come principali strategia di apprendimento. Formiamo buoni esseri umani – saranno anche buoni professionisti.
  41. 43. 1968 Mouse Teleconferenza Web-mail Ipertesto Programmazione a oggetti Shared screen Database linkabile Doug Engelbart, Stanford
  42. 44. 1989 Tim Berners-Lee propone l'adozione dello HTML per gli ipertesti 1993 Grazie a Mosaic, HTML e ipertesti raggiungono ampia diffusione
  43. 45. 1993 – 1968 = 25
  44. 46. Intanto, nel 1995 , c'è chi prevede l'estinzione imminente del libro cartaceo, rimpiazzato a breve (entro il 2000) da ipertesti in Clipper stoccati su dischi da 3 e 1/2. Siete autorizzati a ridere.
  45. 47. ... anche perché milioni di ragazzini gli ipertesti ce li hanno già – e proprio in cartaceo – dal 1985 .
  46. 49. Un romanzo interattivo, nel quale il lettore sceglie un percorso lungo una narrativa non lineare. Poi verranno MUD, MOO, videogames, Second Life... Ma i libri-game sono già ipertesti non lineari e interattivi (e fra le pagine posso tenere i biglietti del tram)
  47. 50. Intanto, la BBC, a partire dagli anni '70, si occupa di preparare gli inglesi al futuro. Organizza corsi di informatica via TV. Didattica con nuove tecnologie = nuovi percorsi didattici Fra i cervelli al lavoro Tony Buzan (psicologo) James Burke (storico della scienza)
  48. 52. 1978 James Burke Connections esperimento in video didattica non lineare successo intercontinentale 2005 James Burke Knowledge Web non trova finanziatori sviluppato da volontari
  49. 53. Possible ou Probable <ul><li>Etext modificabile
  50. 54. Condivisibile
  51. 55. Tag
  52. 56. Georeferenziato
  53. 57. Riversabile su cartaceo </li></ul>2007 cercatelo su YouTube
  54. 58. Tutta la tecnologia di Possible ou Probable è già disponibile oggi . Ipertesto Wifi & Bluetooth GPS e Georeferenziazione Print on Demand Desktop publishing e-marketing Book trailer Bisogna solo integrarli.
  55. 59. Sophie 2 Software per lo sviluppo di ebook multimediali condivisibili e modificabili in tempo reale Cross-platform Programmato originariamente in SmallTalk (vedi Doug Engelbart)
  56. 60. 2010 – 1968 = 42
  57. 61. OK, quindi ci sono voluti 42 anni ma abbiamo il software. E l'hardware? L'iPad è caro. Il Kindle è in bianco e nero e non programmabile. Blackberry, palmari e smartphone sono semplicemente inadatti. Però... Al MIT...
  58. 62. Nicholas Negroponte (autore di Essere Digitali – chi non l'ha letto è un perdente), lancia il progetto di informatizzazione del Terzo Mondo, One Laptop per Child
  59. 63. 75$ 2012 One Laptop per Child – the Next Generation
  60. 65. In conclusione Non sappiamo come sarà , abbiamo qualche idea ma nulla di certo, però sappiamo cosa dovremo poterci fare
  61. 66. riorganizzare CONTENUTI annotare aggiungere condividere interagire aggiornare WEB navigare integrare disegnare Senza un percorso predefinito adattare evolvere cartografare esplorare liberamente Quando serve intuitivamente divertendosi

×