Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Growth Hacking Mindset - Portare il growth hacking nelle grandi aziende

2,373 views

Published on

È possibile portare l'approccio del Growth Hacking nelle grandi aziende? Secondo me si e in questa presentazione spiego il perché.

Ad oggi sono tanti i casi di grosse corporate che hanno fatto loro questa metodologia: Facebook, LinkedIn, Coca-Cola, IBM, Heineken e tante altre.

Presentazione usata nell'ambito di un progetto di formazione all'interno di una grossa azienda italiana del settore energetico.

Published in: Marketing

Growth Hacking Mindset - Portare il growth hacking nelle grandi aziende

  1. 1. Growth Hacking Mindset Portare la cultura del Growth Hacking nelle grandi aziende09/11/2017
  2. 2. Chi sono Raffaele Gaito Imprenditore digitale. Consulente. Formatore. Blogger. Autore di “Growth Hacker - Mindset e strumenti per far crescere il tuo business” raffaelegaito.com info@raffaelegaito.com 2
  3. 3. Blockbuster 2
  4. 4. Blockbuster - Cosa è successo? 3 Valeva 5 miliardi nel 2002 È fallita nel 2012 Cosa è successo?
  5. 5. Ecco cosa è successo! 4
  6. 6. Kodak 5
  7. 7. Kodak - Cosa è successo? 6 150.000 dipendenti negli anni 90 Bancarotta nel 2013 Cosa è successo?
  8. 8. Ecco cosa è successo! 7
  9. 9. Blackberry 8
  10. 10. Blackberry - Cosa è successo? 9 Un’azione valeva 133$ nel 2007 Oggi vale 7,50$ Cosa è successo?
  11. 11. Ecco cosa è successo! 10
  12. 12. E la lista continua… 11
  13. 13. Futuro… “La nostra incapacità di predire il futuro non lo rende meno inevitabile.” - Mike Rauz 12
  14. 14. Cosa è il Growth Hacking? 13
  15. 15. Cosa è il Growth Hacking?! “Il Growth Hacking è un processo di sperimentazione rapida […] per trovare il modo più efficiente di far crescere un business” - J. Wanamaker 14
  16. 16. Tutto inizia in Silicon Valley 26 Luglio 2010 Sean Ellis “Find a Growth Hacker for your startup” In un contesto rapido e in continua evoluzione, l’approccio tradizionale non bastava più. Bisognava andare oltre, c’era bisogno di un nuovo mindset. 15
  17. 17. Il Growth Hacking 16 Fonte: Gaito R. - Growth Hacker
  18. 18. Caratteristiche del Growth Hacking - Adattabile - Scalabile - Rapido - Misurabile - Ripetibile 17
  19. 19. Il Growth Hacking è riservato solo alle startup? 18
  20. 20. Il “caso” Coca-Cola 19
  21. 21. Il “caso” Coca-Cola spiegato Il 23 Marzo 2017 Coca-Cola annuncia di aver sostituito il Direttore Marketing (CMO) con la figura del Growth Hacker (CGO). Leggendo in dettaglio il comunicato e le varie analisi pubblicate emergono due aspetti: - Negli ultimi anni il brand Coca-Cola era in forte crescita - A cui non corrispondeva una crescita in termini di fatturato Cambio di mindset fondamentale: dal “concentriamoci sul Marketing” al “concentriamoci sulla crescita”. 20
  22. 22. Non solo Coca-Cola 21
  23. 23. Non solo digital 22
  24. 24. Un grosso cambiamento in atto… “Il Marketing è cambiato per sempre. Ecco perché tutti i marketer dovrebbero diventare Growth Hacker” - Forbes 23 https://www.forbes.com/sites/danschawbel/2013/09/16/ryan-holiday-why-all-marketers-should-be-growth-hackers/
  25. 25. … che sta coinvolgendo tutte le aziende… “Ogni business ha bisogno di un Growth Hacker. La crescita dovrebbe essere il primo obiettivo di qualsiasi azienda.” - Harvard Business Review 24 https://hbr.org/2016/02/every-company-needs-a-growth-manager
  26. 26. … e sta portando una ventata di innovazione. “Anche le grandi aziende possono utilizzare l’approccio Growth Hacking per innovare.” - AdWeek 25 http://www.adweek.com/digital/growth-hacking-for-grownups-how-can-big-brands-leverage-startup-growth-tactics/
  27. 27. Un case study “classico” 26
  28. 28. Case study: Twitter 27 Una delle aziende che per prime ha adottato a pieno l’approccio Growth Hacking è stata Twitter. L’arrivo di Satya Patel come VP of Product ne cambiò completamente la rotta: - Utenti prima del Growth Hacking: da Giugno 2010 = 50M a Dicembre 2010 = 54M - Utenti con il Growth Hacking: Dicembre 2011 = 100M, Dicembre 2012 = 200M Satya Patel trasformò Twitter in un’azienda orientata agli esperimenti: 10+ a settimana
  29. 29. …e uno decisamente meno “classico”! 28
  30. 30. Case study: Macron 29 Il primo presidente eletto grazie a un approccio Growth Hacking La campagna del presidente francesce Macron è stata caratterizzata dal largo utilizzo di tecniche e strumenti tipici del Growth Hacking: - Uso del funnel AAARRR - Raccolta lead tramite newsletter e chatbot - Massiccia attività di Lean Nurturing - Costante raccolta di dati quantitativi e qualitativi - Advertising estremamente targettizzato - E tanto altro…
  31. 31. Il mindset del Growth Hacking in 3 step 30
  32. 32. 1. Multidisciplinarietà 31
  33. 33. Takeaway su “Multidisciplinarietà” - Formazione continua e differenziata dei dipendenti (lifelong learning) - Investimenti su cross fertilization interna ed esterna - Focus su “profili a T” e incoraggiamento alla multipotenzialità 32
  34. 34. 2. Approccio data-driven 33
  35. 35. Takeaway su “Approccio data-driven” - I dati come “carburante” aziendale, a tutti i livelli - Presenza massiccia di data scientist - Ridurre investimenti in attività non tracciabili - Scelte esclusivamente basate sui dati 34
  36. 36. 3. Cultura della sperimentazione 35
  37. 37. Takeaway su “Cultura della sperimentazione” - Sperimenta in piccolo, fallisci in piccolo - Autorizzazione e incoraggiamento al test - Sandbox e programmi dedicati - La sperimentazione come processo 36
  38. 38. Conclusione “Il Growth Hacking non serve a darti risposte, ma a farti porre le giuste domande.” - Raffaele Gaito 37
  39. 39. Grazie! 38

×