Parmigiano ez presentazioneiso50001_rev00

203 views

Published on

La norma ISO 50001:2011 si adatta anche ai caseifici che producono Parmigiano Reggiano! Una breve presentazione in vista del convegno di Borgo V. di Taro dedicata alla sostenibilità ambientale ed energetica del 03/12/2011

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
203
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
14
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Parmigiano ez presentazioneiso50001_rev00

  1. 1. ParmigianoEZ_presentazioneISO50001 rev 00 del 24 nov 2011I sistemi di gestione dell’energia ISO 50001:2011 - UNI CEI EN 16001 e l’efficienza energetica ! 1 PremessaCon il Protocollo di Kyoto e la direttiva europea 20-20-20 (Climate package, approvato in seduta plenaria dal Parlamento europeo il17/12/2008), il tema energetico è diventato un argomento di grande importanza a livello politico ed economico con significative ricadute neltessuto sociale. Accanto allimportanza ambientale, lefficienza energetica è oggi un obiettivo aziendale per migliorare lacompetitività e la prestazione delle aziende stesse, differenziarsi dai competitor e fidelizzare i propri clienti assicurando prodotti abasso impatto ambientale.ISO 50001:2011 e UNI CEI EN 16001:2009 aiutano le imprese a definire azioni e processi volti al miglioramento dell’efficienzaenergetica che porta a benefici economici e alla riduzione delle emissioni di gas serra.I vantaggi più significativi sono: • diminuire i costi energetici mediante una sistematica gestione dell’energia; • migliorare le proprie prestazioni energetiche in forma sistemica; • ridurre l’emissioni di gas ad effetto serra; • sensibilizzare i propri utenti/dipendenti/clienti/cittadini circa luso responsabile della risorsa energetica; • differenziarsi dai competitor sul mercato, fidelizzando i clienti, associando ai propri prodotti uneffettiva politica environment-friendly tenendo lontano il green-washing; 2 ApplicazioniSono già molte le aziende che, con il supporto di un sistema di gestione dell’energia, hanno scelto di iniziare a risparmiare energiae di migliorare i processi produttivi. Per il settore lattiero-caseario, l’approccio parte dall’analisi di aspetti energetici critici qualigenerazione e uso di calore e vapore di processo, circuito di refrigerazione, regolazione sistema aria compressa, illuminazione, regolazionedi motori e pompe, e della relativa contrattualistica energetica. Si passa poi alla valutazione della possibilità di far ricorso a tecnologie dimicro-cogenerazione e fonti rinnovabili, particolarmente utili, sulle basse potenze, per aziende di trasformazione lattiero-casearie e conincentivi notevoli quali i certificati bianchi (Titoli di efficienza energetica) recentemente potenziati e che assicurano un ritorno velocedell’investimento.Gli interventi di miglioramento eseguiti indicano una percentuale di risparmio energetico complessivo variabile tra il 15 e il 30%.CaseificioProduzione annua: 1.170 t di formaggioMateria prima: circa 70.000 t di latte.Emissioni annue: 3.200 tonnellate di CO2Consumi elettrici: 2.600 MWhConsumi termici: 915.000 Nmc gas metanoUsi energetici significativi: refrigerazione, aria condizionata e vaporeInterventi di miglioramento:Accumulo dell’acqua calda, supportato da pannelli solari termici per incrementare l’efficienza delle caldaiePreriscaldamento dell’acqua con recupero da impianti di refrigerazioneSostituzione di lampade tradizionali al neon con equivalenti a LEDRisparmio complessivo pari al 12% del consumo totaleCaseificio-AllevamentoEmissioni annue: 28 tonnellate di CO2Consumi elettrici: 9500 €Usi energetici significativi: riscaldamento acqua, refrigerazione latte, impianto di mungitura, illuminazione e varieInterventi di miglioramento:Dispositivo di raffreddamento per riduzione annua energia elettrica per refrigerare il latte per un risparmio annuo pari a 8% del consumototalePompe a velocità variabile (VSD) per la mungitura con un risparmio del 5 % rispetto al consumo totale;Recupero del calore dal compressore pari al 2,5% del consumo totaleTempi di ritorno inferiore a 3 anni.1 di 1

×