Lazio: strumenti compensativi e dispensativi. Dott. Caligaris

6,543 views

Published on

0 Comments
2 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
6,543
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
122
Comments
0
Likes
2
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Lazio: strumenti compensativi e dispensativi. Dott. Caligaris

  1. 1. Fondazione Telecom - Associazione Italiana Dislessia - USR del Lazio A scuola di dislessiaFunzione e utilizzo degli strumenti compensativi e delle misure dispensative Roma, 18.04.2012 – I.T.I.S. Galileo Galilei Lorenzo Caligaris Insegnante - Pedagogista lorenzo caligaris - aid milano
  2. 2. DSA, abilità strumentali, automatismi Disturbi Specifici dell’Apprendimento (DSA) Dislessia – Disortografia – Disgrafia – Discalculia Abilità strumentali Lettura – Scrittura – Calcolo Automatismi(Rapidità e correttezza – Ortografia – Grafia – Fatti aritmetici) lorenzo caligaris - aid milano
  3. 3. Abilità e automatizzazione• il termine Abilità – esprime la capacità di eseguire una sequenza di azioni in modo rapido e corretto• il termine Automatizzazione – esprime la stabilizzazione di un processo automatico caratterizzato da un adeguato livello di velocità e accuratezza – tale processo è realizzato in modo inconsapevole richiede un minimo impegno attentivo, è difficile da ignorare, sopprimere, influenzare (G. Stella, 2001) lorenzo caligaris - aid milano
  4. 4. Dislessia e …• Difficoltà che possono associarsi alla dislessia: – Copiare dalla lavagna – Prendere appunti – Recuperare rapidamente un’informazione contenuta nel testo – Recuperare rapidamente sequenze, procedure, risultati www.aiditalia.org (2009) lorenzo caligaris - aid milano
  5. 5. Dislessia e …• Difficoltà che possono associarsi alla dislessia: – Mantenere l’attenzione per il tempo necessario a completare le attività proposte – Rispettare le regole ortografiche – Comprendere il testo letto autonomamente – Apprendere adeguatamente lingue straniere, soprattutto in forma scritta www.aiditalia.org (2009) lorenzo caligaris - aid milano
  6. 6. Lettura e comprensione Lettura Comprensione Processi automatici Processi centraliattivazione preattentiva attenzione volontaria Lettura a voce alta Lettura silenziosa lorenzo caligaris - aid milano
  7. 7. Lettura e comprensione Logan (1988; 1997)Sistema fonologico Sistema visivo analisi della parola parola globale opera su unità discrete opera in modo automatico (fonemi) (parola)richiede risorse attentive non richiede attenzione ha una processazione ha una processazione “lenta” “veloce” DECODIFICA lorenzo caligaris - aid milano RICONOSCIMENTO
  8. 8. Dislessia e rapidità di letturaIncremento medio annuale della rapidità di lettura Lettori tipici: 0.54 sillabe al secondo Dislessici: 0.29 sillabe al secondo Stella, Nicoletti (2002) Velocità di lettura: 3.00 sillabe/secondo limite minimo per l’incidenza significativa della decodifica sulla comprensione (Cornoldi, 2007) lorenzo caligaris - aid milano
  9. 9. Disturbo di lettura• All’inizio della scuola primaria la prevenzione delle difficoltà di apprendimento rappresenta uno degli obiettivi più importanti della continuità educativa.• La scuola secondaria dovrà mirare a promuovere la capacità di comprensione del testo Decreto N. 5669. Linee Guida lorenzo caligaris - aid milano
  10. 10. Disturbo di lettura• Quando leggo mi stanco molto• Faccio molti errori ortografici e non riesco a scrivere i pensieri• Ho bisogno di tempo• Non mi vengono le parole• Mi ricordo la dimostrazione ma non la formula• Quando studio faccio e rifaccio schemi• Mi scrivevo sul foglio o sul banco la successione delle tabelline perché non me le ricordavo mai lorenzo caligaris - aid milano
  11. 11. Disturbo di lettura• Persistenza del disturbo• Tempi di apprendimento molto dilatati• Instabilità delle prestazioni• Imprevedibilità degli errori• Attenzione focalizzata sugli aspetti di transcodifica• Possibile compromissione della comprensione lorenzo caligaris - aid milano
  12. 12. Strumenti compensativi e misure dispensativeGli studenti con diagnosi di DSA hanno diritto a fruire diappositi provvedimenti dispensativi e compensativi diflessibilità didattica (…). Legge 170/2010 - Art. 5 Misure educative e didattiche di supporto lorenzo caligaris
  13. 13. Gli strumenti compensativi• Le Istituzioni scolastiche assicurano l’impiego degli opportuni strumenti compensativi, curando particolarmente l’acquisizione, da parte dell’alunno e dello studente con DSA, delle competenze per un efficiente utilizzo degli stessi Decreto N. 5669 - Art. 4.4 lorenzo caligaris - aid milano
  14. 14. Gli strumenti compensativi• Sintesi vocale• Registratore• Programmi di videoscrittura• Calcolatrice• Tabelle, formulari, mappe concettualiTali strumenti sollevano l’alunno o lo studente con DSA da unaprestazione resa difficoltosa dal disturbo, senza peraltrofacilitargli il compito dal punto di vista cognitivo. Decreto N. 5669. Linee Guida lorenzo caligaris - aid milano
  15. 15. Tecnologie testuali e mappe La tecnologia del testo può essere definita come l’applicazione di un approccio scientifico al “disegno del testo”,ossia l’insieme delle forme e dei segnali con cui il discorso scritto viene presentato in funzione della comprensione e del ricordo. (Cisotto, 2006) lorenzo caligaris - aid milano
  16. 16. Tecnologie testuali e mappeSi tratta di quel complesso di congegni testuali e di segnalazioni(semantiche e tipografiche) che fungono da suggerimenti per illettore e hanno lo scopo di richiamare la sua attenzione sulleinformazioni importanti o sull’organizzazione concettuale delleparti del testo (Cisotto, 2006) lorenzo caligaris - aid milano
  17. 17. Tecnologie testuali e mappeTesto narrativo Testo informativoStruttura lineare Struttura gerarchica ad albero a rete lorenzo caligaris - aid milano
  18. 18. Tecnologie testuali e mappe• Mappe soggettive e mappe oggettiveLe mappe cognitive riguardano la rappresentazione di conoscenzesoggettive e sono strumenti principalmente diagnostici emetacognitivi con i quali l’autore rappresenta una rete concettuale.Le mappe concettuali formalizzano conoscenze assimilate eristrutturate dal soggetto e costituiscono uno strumento diapprendimento e di comunicazione di un sapere acquisito econsolidato. (Gineprini, Guastavigna; 2004) lorenzo caligaris - aid milano
  19. 19. Gli strumenti compensativiL’uso di tali strumenti non è immediato e i docenti – anche sullabase delle indicazioni del referente di Istituto – avranno cura disostenerne l’uso da parte di alunni e studenti con DSA. Decreto N. 5669. Linee Guida lorenzo caligaris - aid milano
  20. 20. Gli strumenti compensativi• Per uno studente con dislessia, gli strumenti compensativi sono primariamente quelli che possono trasformare un compito di lettura (reso difficoltoso dal disturbo) in un compito di ascolto: – Una persona che legga gli items dei test, le consegne dei compiti, le tracce dei temi, i questionari con risposta a scelta multipla – Sintesi vocale – Libri e vocabolari digitali Decreto N. 5669. Linee Guida lorenzo caligaris - aid milano
  21. 21. Gli strumenti compensativiLingue straniere:• Audio-libri• Sintesi vocale.• Computer con correttore automatico• Dizionario digitaleSintesi vocale, computer e dizionario digitale posso essereutilizzati sia in corso d’anno che in sede di esami di Stato Decreto N. 5669. Linee Guida lorenzo caligaris - aid milano
  22. 22. Le misure dispensativeL’adozione delle misure dispensative è finalizzata ad evitaresituazioni di affaticamento e di disagio in compitidirettamente coinvolti dal disturbo, senza peraltro ridurre illivello degli obiettivi di apprendimento previsti dai percorsididattici individualizzati e personalizzati Decreto N. 5669 - art. 4.5 lorenzo caligaris - aid milano
  23. 23. Le misure dispensativeDispensa da:• Lettura a voce alta• Lettura autonoma di brani la cui lunghezza non sia compatibile con il suo livello di abilità• Tutte quelle attività ove la lettura è la prestazione valutata• Valutazione della correttezza della scrittura• Tempi più lunghi per le verifiche scritte o quantità minore di esercizi Decreto N. 5669. Linee Guida lorenzo caligaris - aid milano
  24. 24. Le misure dispensativeLingua inglese:• Tempi aggiuntivi• Adeguata riduzione del carico di lavoro• In caso di disturbo grave e previa verifica delle condizioni previste dall’articolo 6, comma 5 del D.M. 12 luglio 2011, è possibile in corso d’anno dispensare l’alunno dalla valutazione nelle prove scritte e, in sede di esame di Stato, prevedere una prova orale sostitutiva di quella scritta, i cui contenuti e le cui modalità sono stabiliti dalla Commissione d’esame sulla base della documentazione fornita dai Consigli di Classe Decreto N. 5669. Linee Guida lorenzo caligaris - aid milano
  25. 25. Le misure dispensativeLingue straniere:• L’esonero riguarda l’insegnamento della lingua straniera nel suo complesso, mentre la dispensa concerne unicamente le prestazioni in forma scritta Decreto N. 5669. Linee Guida lorenzo caligaris - aid milano
  26. 26. Valutazione• Articolo 5 – Misure educative e didattiche di supporto 4. Agli studenti con DSA sono garantite, durante il percorso di istruzione e di formazione scolastica e universitaria, adeguate forme di verifica e di valutazione, anche per quanto concerne gli esami di Stato e di ammissione alluniversità nonché gli esami universitari. Legge 170/2010 lorenzo caligaris - aid milano
  27. 27. DSA e valutazione scolasticaCompiti “non controllabili” Compiti “controllabili” Abilità strumentali Apprendimenti disciplinari (sottendono l’attivazione di (sottendono il coinvolgimento delle processi automatici) potenzialità cognitive) no sì Valutazione L’abilità oggetto di diagnosi non può essere oggetto di valutazione scolastica lorenzo caligaris - aid milano
  28. 28. Verifiche Alunno con sviluppo Alunno dislessico tipico della lettura• Investe poche risorse • Investe molte risorse cognitive per l’attivazione dei cognitive per l’attivazione dei processi automatici (lettura) processi automatici (lettura)• E’ in grado di adattare le • Utilizza un’unica modalità di strategie di lettura in base lettura, indipendentemente alle caratteristiche del testo dalle caratteristiche del testo (tipologia, scopo) (tipologia, scopo) lorenzo caligaris - aid milano
  29. 29. Verifiche• Prove orali: – Interrogazioni programmate – Esposizione supportata da: • Scalette • Schemi • Mappe • Grafici, tabelle, carte tematiche • Presentazioni in ppt – Accettare e incoraggiare le parafrasi lorenzo caligaris - aid milano
  30. 30. Verifiche• Prove scritte: – Domande a scelta multipla – Domande poste prima del testo – Cloze – Computer – Dizionario digitale – Tempo di svolgimento incrementato del 30% oppure riduzione del carico di lavoro lorenzo caligaris - aid milano
  31. 31. L’intervento della scuolaL’intervento della scuola deve mirare a realizzare le condizioniper consentire all’alunno con DSA di raggiungere gli obiettivi diapprendimento nel modo e al livello in cui le sue personalipotenzialità cognitive glielo consentono lorenzo caligaris - aid milano
  32. 32. L’intervento della scuolaLa ricerca del miglioramento della padronanza delle abilitàstrumentali va condotta nei limiti di ciò che è modificabileattraverso l’insegnamento e l’apprendimento lorenzo caligaris - aid milano
  33. 33. L’intervento della scuolaCiò che non è modificabile, va compensato con l’adozione distrumenti e misure di tipo compensativo e dispensativoL’intervento deve “mettere a fuoco” le potenzialità, non ledifficoltà lorenzo caligaris - aid milano
  34. 34. Potenziare, abilitare, compensare, dispensare• potenziare • abilitarearricchire ed estendere il curricolo rafforzare e incrementare ilnaturale per mezzo del curricolo funzionamento di abilità pocoscolastico efficienti per mezzo di interventi specifici• compensare • dispensarestabilire una situazione di equilibrio esonerare in modo parziale dalloattraverso l’impiego di mezzi e criteri svolgimento di specifiche attivitàidonei a supplire funzioni carenti caratterizzate da particolari vincoli esecutivi lorenzo caligaris - aid milano

×