Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Strumenti di Open Gov per un consenso trasparente e partecipato

4,095 views

Published on

La mia presentazione per il DotCafé "Social Politics. La comunicazione politica attraverso i social media" (Firenze, 21 aprile 2012)

Published in: News & Politics

Strumenti di Open Gov per un consenso trasparente e partecipato

  1. 1. Valentina Di LeoStrumenti di OPEN GOV per un CONSENSOtrasparente e partecipatoFirenze, 21.04.2012
  2. 2. Una definizione Open Gov governo aperto e trasparente = che consente la partecipazione e la collaborazione deicittadini, per favorire azioni efficaci e garantire un controllo diffuso sulla gestione della cosa pubblicaStrumenti di Open Gov per un consenso trasparente e partecipatoValentina Di Leo, Firenze 21.04.2012
  3. 3. Quando? 2009 1958Strumenti di Open Gov per un consenso trasparente e partecipatoValentina Di Leo, Firenze 21.04.2012
  4. 4. “ La mia amministrazione si impegna a dare vita a un grado di apertura nel governo senza precedenti. Lavoreremo assieme per assicurare la fiducia pubblica e per stabilire un sistema basato sulla trasparenza, sulla partecipazione pubblica e sulla collaborazione. Lapertura rafforzerà la nostra democrazia e promuoverà lefficienza e lefficacia dellamministrazione BARACK OBAMAStrumenti di Open Gov per un consenso trasparente e partecipatoValentina Di Leo, Firenze 21.04.2012
  5. 5. L’Open Gov è… TRASPARENZA Rapida diffusione dei DATI in formati aperti e riutilizzabiliStrumenti di Open Gov per un consenso trasparente e partecipatoValentina Di Leo, Firenze 21.04.2012
  6. 6. L’Open Gov è TRASPARENZASecondo Pierre Lévy, un filosofo francese che studia limpatto di Internet sulla società, gli scopi della trasparenza finanziaria “ciberdemocratica” sono tre: scoraggiare la corruzione e incoraggiare migliori decisioni di bilancio conquistare la fiducia dei cittadini coinvolgere i cittadini mostrando loro con precisione da dove proviene il denaro dello Stato e che direzione prendeStrumenti di Open Gov per un consenso trasparente e partecipatoValentina Di Leo, Firenze 21.04.2012
  7. 7. L’Open Gov è… PARTECIPAZIONE Coinvolgimento dei CITTADINI nei processi decisionali e controllo diffusoStrumenti di Open Gov per un consenso trasparente e partecipatoValentina Di Leo, Firenze 21.04.2012
  8. 8. L’Open Gov è PARTECIPAZIONE“ Le pubbliche amministrazioni non hanno, semplicemente, abbastanza occhi per acquisire tutte le informazioni relative a tutte le decisioni da prendere, né abbastanza cervelli per elaborare una tale conoscenza. Le politiche pubbliche vivono una crisi di attenzione, resa più grave dal costante aumento della complessità delle scelte da fare. ALBERTO COTTICAStrumenti di Open Gov per un consenso trasparente e partecipatoValentina Di Leo, Firenze 21.04.2012
  9. 9. L’Open Gov è PARTECIPAZIONEStrumenti di Open Gov per un consenso trasparente e partecipatoValentina Di Leo, Firenze 21.04.2012
  10. 10. L’Open Gov è… COLLABORAZIONE Competenze dei cittadini più attivi per migliorare la PA e la vita quotidianaStrumenti di Open Gov per un consenso trasparente e partecipatoValentina Di Leo, Firenze 21.04.2012
  11. 11. L’Open Gov è COLLABORAZIONE“ Se vuoi cambiare il mondo, devi attivare le persone. Soltanto il concorso di moltissime persone molto diverse tra loro, quando si incanala in una direzione comune, riesce a produrre cambiamento. E il cambiamento sarà tanto più profondo quanto più queste persone saranno attive, motivate, creative ALBERTO COTTICAStrumenti di Open Gov per un consenso trasparente e partecipatoValentina Di Leo, Firenze 21.04.2012
  12. 12. L’Open Gov è COLLABORAZIONE “ Il CIVIC HACKING è una pratica indotta dal senso civico che presuppone una certa dimestichezza con le tecnologie digitali, atta a utilizzare dati pubblici, liberati, per sviluppare applicazioni che portino benefici tangibili alla collettività DATAGOV.IT Associazione italiana per lOpen GovernmentStrumenti di Open Gov per un consenso trasparente e partecipatoValentina Di Leo, Firenze 21.04.2012
  13. 13. Open Gov grazie a…Strumenti di Open Gov per un consenso trasparente e partecipatoValentina Di Leo, Firenze 21.04.2012
  14. 14. TRASPARENZA, PARTECIPAZIONE, COLLABORAZIONE“ La vera novità democratica della Rete non consiste nel dare ai cittadini l’ingannevole illusione di partecipare alle grandi decisioni attraverso referendum elettronici. Consiste nel potere dato a ciascuno ed a tutti di servirsi della straordinaria ricchezza di materiali messa a disposizioni dalle tecnologie per elaborare proposte, controllare i modi in cui viene esercitato il potere, organizzarsi nella società STEFANO RODOTÀStrumenti di Open Gov per un consenso trasparente e partecipatoValentina Di Leo, Firenze 21.04.2012
  15. 15. L’Open Gov è anche… OPEN DATA Mettere adisposizione del cittadino e delle imprese IN FORMATO APERTO l’insieme dei dati pubblici gestiti dalla Pubblica Amministrazione rappresenta un passaggio necessarioStrumenti di Open Gov per un consenso trasparente e partecipatoValentina Di Leo, Firenze 21.04.2012
  16. 16. Una definizione Open Datadati che possono essere liberamente = utilizzati, riutilizzati e redistribuiti con la sola limitazione – al massimo – della richiesta di attribuzione dell’autore e della redistribuzione allo stesso modo (ossia senza che vengano effettuate modifiche)Strumenti di Open Gov per un consenso trasparente e partecipatoValentina Di Leo, Firenze 21.04.2012
  17. 17. Caratteristiche degli Open Data COMPLETI PRIMARI TEMPESTIVI ACCESSIBILI IN FORMATI LEGGIBILI DA COMPUTER NON PROPRIETARI LIBERI DA LICENZE CHE RIUTILIZZABILI NE LIMITINO L’USO RICERCABILI PERMANENTIStrumenti di Open Gov per un consenso trasparente e partecipatoValentina Di Leo, Firenze 21.04.2012
  18. 18. Caratteristiche degli Open Data Si definiscono “aperti” i documenti che siano: a) elettronici, cioè in formato digitale; b) on-line, ovvero disponibili in rete; c) “indipendenti dalla piattaforma”, cioè non vincolati alluso di macchine o software particolari e proprietari; d) machine-readable, vale a dire che linformazione può essere processata da un computer.Strumenti di Open Gov per un consenso trasparente e partecipatoValentina Di Leo, Firenze 21.04.2012
  19. 19. Formati degli Open Data “Open Data” NON significa “servizi direttamente fruibili da parte dei cittadini” ma rappresenta un passaggio propedeutico alla realizzazione di tali servizi Francesca Di Donato, Lo stato trasparente. Linked open data e cittadinanza attiva, Edizioni ETS, Pisa 2010, p.59Strumenti di Open Gov per un consenso trasparente e partecipatoValentina Di Leo, Firenze 21.04.2012
  20. 20. “RAW DATA NOW!” Qualora l’Amministrazione dovesse scegliere tra il pubblicare dati non completamente rispondenti ai requisiti indicati o non pubblicarli affatto, allora la logica dell’Open Data indirizza la risposta verso la prima soluzioneRAW DATA (dati grezzi)  DATA SCRAPINGStrumenti di Open Gov per un consenso trasparente e partecipatoValentina Di Leo, Firenze 21.04.2012
  21. 21. Che dati liberare? DATI GEOGRAFICI DATI SUI TRASPORTI DATI RELATIVI ALLA PRODUZIONE E DATI DEMOGRAFICI AL CONSUMO ENERGETICO DATI SUI BILANCI DELLE DATI SULLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ATTIVITÀ ECONOMICHE LOCALI DATI SULLA SALUTE E DATI AMBIENTALI E RELATIVI SULL’EDUCAZIONE ALL’INQUINAMENTO DATI ELETTORALI DATI SULL’ATTIVITÀ DEI POLITICIStrumenti di Open Gov per un consenso trasparente e partecipatoValentina Di Leo, Firenze 21.04.2012
  22. 22. Esempi di ri-utilizzo Open Data Cosa? Bus torino. Ottieni le informazioni sugli orari di passaggio ed informazioni sul percorso degli autobus di Torino Chi? Mi chiamo Paolo Godino, sono laureato in Ingegneria Informatica. Sviluppo software per le piattaforme iPhone e iPad. http://www.paologodino.it/Strumenti di Open Gov per un consenso trasparente e partecipatoValentina Di Leo, Firenze 21.04.2012
  23. 23. Esempi di ri-utilizzo Open Data Cosa? La distribuzione geografica dei soldi spesi dalla Camera dei Deputati applicazione realizzata per la tesi di laurea Chi? Matteo Spagnoli, studente http://bsfortic2.altervista.org/wp/navigatore.htmlStrumenti di Open Gov per un consenso trasparente e partecipatoValentina Di Leo, Firenze 21.04.2012
  24. 24. Esempi di ri-utilizzo Open Data La concentrazione degli agenti inquinanti nell’atmosfera rilevata dalle centraline apposita può venire combinata con un database geografico come Openstreetmap per produrre una mappa della qualità dell’aria. Questa, a sua volta può essere sovrapposta a una mappa delle piste ciclabili per permettere ai ciclisti di scegliere un itinerario non troppo velenoso.Strumenti di Open Gov per un consenso trasparente e partecipatoValentina Di Leo, Firenze 21.04.2012
  25. 25. Open Data perché… …il libero accesso a documenti, atti e saperi sul governo della res publica e sulle scelte politico-istituzionali compiute dalle Amministrazioni è un aspetto centrale per la TRASPARENZA delle IstituzioniStrumenti di Open Gov per un consenso trasparente e partecipatoValentina Di Leo, Firenze 21.04.2012
  26. 26. Open Data perché… …i dati pubblici in un formato aperto possono essere riutilizzati da cittadini e imprese fino a sviluppare SERVIZI E APPLICAZIONI a vantaggio dell’intera comunitàStrumenti di Open Gov per un consenso trasparente e partecipatoValentina Di Leo, Firenze 21.04.2012
  27. 27. Open Data perché… …hanno ricadute in termini di SVILUPPO ECONOMICO E INNOVAZIONE: INNOVAZIONE le imprese, soprattutto piccole e medie, possono sviluppare servizi a basso costo e si possono creare nuovi posti di lavoroStrumenti di Open Gov per un consenso trasparente e partecipatoValentina Di Leo, Firenze 21.04.2012
  28. 28. Ma quindi l’OPEN GOVè utile alla comunicazione politica? Consente cioè di aggregare CONSENSOStrumenti di Open Gov per un consenso trasparente e partecipatoValentina Di Leo, Firenze 21.04.2012 ?
  29. 29. Open Government Partnership http://www.youtube.com/watch?v=Bq_ZWl1ZXA0Strumenti di Open Gov per un consenso trasparente e partecipatoValentina Di Leo, Firenze 21.04.2012
  30. 30. L’equazione è semplice: TRASPARENZA + PARTECIPAZIONE = ACCOUNTABILITY, EFFICACIA, EFFICIENZAStrumenti di Open Gov per un consenso trasparente e partecipatoValentina Di Leo, Firenze 21.04.2012
  31. 31. TRASPARENZA+PARTECIPAZIONE = ACCOUNTABILITY“ L’accountability è la sintesi di tante virtù: responsabilità, etica pubblica, capacità di offrire risposte ai cittadini e ai mezzi di comunicazione, autorevolezza. […] Un governo che ha smarrito la sua accountability per strada è arrivato a fine corsa. DINO AMENDUNIStrumenti di Open Gov per un consenso trasparente e partecipatoValentina Di Leo, Firenze 21.04.2012
  32. 32. TRASPARENZA e consenso L’accesso alle informazioni consente di creare una relazione di fiducia tra politica e cittadini-elettoriStrumenti di Open Gov per un consenso trasparente e partecipatoValentina Di Leo, Firenze 21.04.2012
  33. 33. TRASPARENZA nel 2012 in ItaliaStrumenti di Open Gov per un consenso trasparente e partecipatoValentina Di Leo, Firenze 21.04.2012
  34. 34. PARTECIPAZIONE e consenso I cittadini-elettori hanno l’occasione di prendere parte al processo decisionale con opinioni, proposte e criticheStrumenti di Open Gov per un consenso trasparente e partecipatoValentina Di Leo, Firenze 21.04.2012
  35. 35. PARTECIPAZIONE e consenso “ Internet abilita le persone che si interessano alle singole politiche a raggrupparsi e cercare insieme soluzioni, e ciò rende possibile raggiungere la “coda lunga” delle politiche pubbliche ALBERTO COTTICAStrumenti di Open Gov per un consenso trasparente e partecipatoValentina Di Leo, Firenze 21.04.2012
  36. 36. COLLABORAZIONE e consenso“ C’è più gente intelligente fuori che dentro la pubblica amministrazione, anche solo in termini quantitativi, ed è importante che la PA e il governo riconoscano questo e si impegnino a raggiungere il maggior numero di intelligenze possibili al di fuori del proprio sistema. DAVID OSIMOStrumenti di Open Gov per un consenso trasparente e partecipatoValentina Di Leo, Firenze 21.04.2012
  37. 37. COLLABORAZIONE e consenso La politica può sfruttare i benefici di una “governance collaborativa” per: ri-avvicinare cittadini- varare politiche mirate e elettori lontani dalla precisi obiettivi di politica, ma dotati di comunicazione specifiche skills e che considerano “naturali” le logiche collaborativeStrumenti di Open Gov per un consenso trasparente e partecipatoValentina Di Leo, Firenze 21.04.2012
  38. 38. Una definizione“ La costruzione del CONSENSO passa attraverso la capacità di sviluppare un sistema di governo delle relazioni e politiche pubbliche efficaci. Lo sviluppo di queste ultime, in un contesto in cui i cittadini-elettori vogliono sempre più essere ascoltati e poter dire la loro, non può limitarsi al lavoro svolto a porte chiuse da esperti e «teste d’uovo». MARCO CACCIOTTO, Marketing politico, Il Mulino, Bologna 2011Strumenti di Open Gov per un consenso trasparente e partecipatoValentina Di Leo, Firenze 21.04.2012
  39. 39. L’OPEN GOVè (utile alla) comunicazione politicae offre l’opportunità di costruire un CONSENSO trasparente e partecipatoStrumenti di Open Gov per un consenso trasparente e partecipatoValentina Di Leo, Firenze 21.04.2012
  40. 40. Ma quindi l’OPEN GOV è una bacchetta magica che risolve tutti i mali?Strumenti di Open Gov per un consenso trasparente e partecipatoValentina Di Leo, Firenze 21.04.2012
  41. 41. LOpen Gov è una palestra dove ci si allena ad essere Governi migliori e cittadini migliori ERNESTO BELISARIOStrumenti di Open Gov per un consenso trasparente e partecipatoValentina Di Leo, Firenze 21.04.2012
  42. 42. LOpen Gov è una sfida e un’opportunità dei prossimi anni, non dei prossimi mesiStrumenti di Open Gov per un consenso trasparente e partecipatoValentina Di Leo, Firenze 21.04.2012
  43. 43. Grazie per l’attenzioneStrumenti di Open Gov per un consenso trasparente e partecipatoValentina Di Leo, Firenze 21.04.2012
  44. 44. Valentina Di Leodileovale.tumblr.com@dileovale

×