Appunti del 21/09/09 e del 23/09/09

519 views

Published on

Ripassao dei concetti di:
- variabile;
- array;
- funzione;
- puntatore;
- file.txt;
nel linguaggio c.

Published in: Education, Technology, Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
519
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
9
Actions
Shares
0
Downloads
3
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Appunti del 21/09/09 e del 23/09/09

  1. 1. Appunti del 21/09/'09 e del 23/09/'09 Variabile: - Unità di memoria definita da un nome e dal tipo. Array: - Insieme di variabili. Es. Array ... char array [10] [24]; ... Char --> Definizione del tipo di variabili dell'array. Array --> Nome dell'array. [10] --> Prime parentesi: indicano il numero di record (numero righe). [24] --> Senconde parentesi: indica il numero di variabili in ogni record (numero colonne). Funzione: - Insieme d'istruzioni, che ha un nome, un tipo ed un obbiettivo unico e specifico. - La funzione è formata da una testa ed un corpo: + Testa: Dichiarazione, dove viene definita la funzione, è la parteprima delle parentesi graffe. + Corpo: Insieme delle istruzioni vere e proprie, ossia la parte compresa fra le parentesi graffe. - Visibilità: la funzione può essere fatta per essere usatta solo da noi (privata - private) o da tutti (pubblica - public). Es. Definizione di una funzione (che restituisce un valore) visibilità tipo nome (...input...){ | public int somma (int a,b){ ... | int c; istruzioni; | c=a+b; ... | output; | return c; } | } Public --> Specifica la visibilità della funzione Int --> Specifica il tipo di dato che restituisce Somma --> E' il nome della funzione (int a,b) --> Dentro le parentesi vanno scritte le variabili di input { --> Inizio delle operazioni Istruzioni Return --> Restituisce il valore della funzione } --> Fine delle operazioni e della funzione N.B. Se la funzione è di tipo "void" non restituisce nessun valore e quindi non serve scrivere l'istruzione return ma printf, che serve a stampare sullo schermo il risultato della funzione.
  2. 2. Es. Definizione di una funzione (che restituisce un valore) visibilità void nome (...input...){ | public void somma (int a,b){ ... | int c; istruzioni; | c=a+b; ... | output; | printf("...%d...",c); } | } ___________________________________ public void somma (int a,b){ int c; c=a+b; } main(){ printf("...%d...",somma(40,50); } - Definire una funzuione è diverso da eseguirla perchè: + Definire una funzione significa crearla. + Eseguirla significa farla richiamare dal programma e, nel caso abbia bisogno di dati in input, fornirglieli. Eseguirla, perciò, vuol dire, semplicemente, farla funzionare. Es. Esecuzione di una funzione Funzione che restituisce | Funzione che non un valore | restituisce un valore | main(){ | main(){ variabile = nome funzione(); | nome funzione(); } | } main(){ | main(){ s = somma (50+20); | somma(); } | } - Le variabili possono essere definite all'interno o all'esterno della funzione, durante l'esecuzione del programma. + Variabile interne d'input: sono quelle variabili fra le parentesi tonde che vengono definite prima dellesecuzione della funzione. + Variabile interne: si dicono locali e hanno valore solo all'interno della funzione, per il resto del programma è come se non esistessero. + Variabile esterne: si dicono globali e hanno valore in tutto il programma, all'interno e all'esterno delle funzioni.
  3. 3. Es. Definizione variabili (Interne d'input, Interne, Esterne) Variabili interne d'input int somma (int a, b, c){ ---------> Variabile interna alla funzione d'input int c; -----------------------------> Variabile interna alla funzione c=a+b; return c; } int somma; ---------------------------> Variabile esterna alla funzione main(){ somma=somma(40,50); } Puntatore: - E' un nome che viene collegato ad uno specifico spazio nella memoria. Es. Puntatore ... FILE *f 1; ... FILE ---> Tipo di dato che si riferisce ad un flusso di dati. *f 1 ---> E' il puntatore. Ogni volta che nel programma scriviamo "f 1", intendiamo un determinato spazio di memoria, alla quale, di volta in volta, possiamo associare un "file" che vogliamo. File.txt (di testo): - Il file è un insieme ordinato di byte. - E' un isieme di righe (record) e ogni record è un insieme di campi. Come se fosse una tabella con righe e colonne (campi). - Comandi su file: + fprintf (...a...,"...b...",...c...); --> Per scrivere nel file. + fscanf (...a...,"...d...",...e...); --> Per leggere nel file. A --> File su cui scrivere- leggere. B --> Testo da scrivere sul file. C --> Formattazione. D --> Tipo di file da leggere. E --> Posisione dove va copiato il file letto.

×