Calendario poman ashby-54x42

897 views

Published on

Il Calendario 2012 Ashby e l'Abruzzo - Limited Edition. Un pregevole lavoro della Poligrafica Mancini. Seguiteci su facebook: http://www.facebook.com/pages/Ashby-e-lAbruzzo/288633707842231?sk=wall

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
897
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
4
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Calendario poman ashby-54x42

  1. 1. 2012
  2. 2. Thomas Ashby L’eredità di Thomas Ashby impervi o sentieri di campagna, pervaso dal desiderio di scoprire le tante realtà delleL’archeologo inglese Thomas Ashby (1874-1931) Negli anni d’intensa attività come archeologo, province italiane e di attingere direttamentefu uno stimato studioso che ottenne topografo e bibliofilo, Thomas Ashby ha alla fonte di quella cultura. L’Abruzzo, terrariconoscimenti dalle più importanti istituzioni accumulato migliaia di pagine delle sue integra per l’isolamento secolare in cui eraculturali italiane ed estere. annotazioni, una vasta produzione bilbliografica rimasta, si rivelò una regione ricca di anticheL’interesse per gli studi classici e la passione e una notevole collezione di libri rari che tradizioni e di monumenti da esplorare.verso i monumenti antichi dell’Italia, lo spinsero formano il nucleo centrale della Biblioteca Della realtà abruzzese, Ashby non trascurò nullaa trasferirsi a Roma dove soggiornò per molti e dell’Archivio Fotografico della British School e da profondo osservatore prese appuntianni. Nel 1901 fu ammesso come primo studente at Rome. Parlare, però, dei vasti interessi e fotografò tutto ciò che ne faceva parte.della British School at Rome di cui divenne di Thomas Ashby senza includere la fotografia Consapevole della precarietà di quei luoghi nondirettore dal 1906 fino al 1925. Era l’epoca sarebbe ignorare uno dei suoi principali toccati dalla moderna civiltà, Ashby documentòin cui l’archeologia entrava nella modernità strumenti di lavoro. Sin da giovane capì il valore quasi a voler fermare il tempo dei monumentitrovando il proprio metodo d’indagine. documentario della fotografia che utilizzò e degli eventi che osservò. Fece tesoro di tuttoI primi anni del soggiorno romano del giovane costantemente come appunto visivo. Creò quello che vide ed essendo esponente di unaarcheologo coincisero con un periodo di grandi un archivio personale di ricerca che aveva anche cultura orientata allo scambio e alla circolazioneattività di scavi nel centro monumentale della lo scopo di fornire illustrazioni per le proprie delle notizie, contribuì a diffonderecittà: si fissarono le basi per la conoscenza pubblicazioni. Le fotografie che Ashby scattò la conoscenza dell’Abruzzo in Europa,della topografia del nucleo centrale di Roma. personalmente sono circa 9.000 e furono come testimoniano le sue pubblicazioni apparseIn quegli anni Ashby ebbe occasione di conoscere realizzate fra il 1890 e il 1925. L’autore ebbe su riviste internazionali.Rodolfo Lanciani, Giacomo Boni e altri illustri cura di sistemarle cronologicamente in 18archeologi che furono determinanti per la sua appositi album su cui di solito annotava accantofutura carriera. alla fotografia il soggetto, la località e il numero Viaggi e itinerari abruzzesi (1901-1923)Ashby fu tra i più entusiasti e assidui del negativo corrispondente. Questi album,frequentatori degli scavi nella zona del Foro che costituiscono la collezione più affascinante Sei sono i viaggi compiuti da Ashby in Abruzzo,e durante le sue visite redigeva meticolosi dell’Archivio fotografico della British School testimoniati da documentazione scrittaappunti che, insieme a schizzi e fotografie, at Rome, possono essere interpretati come e fotografica.inviava regolarmente ad alcuni periodici inglesi, l’autobiografia visiva della vita e degli interessi Il primo viaggio risale al 1901, anno in cuiriassumendo le più recenti scoperte. di Ashby. Contrariamente a quanto ci si aspetta effettuò insieme con Rodolfo LancianiOltre all’amore per Roma e i suoi monumenti, gli album contengono sia fotografie un sopralluogo ai resti della colonia latinal’interesse dello studioso fu fortemente attratto di monumenti e siti archeologici immortalati di Carsioli e alla zona circostante (Carsoli, Albadall’esplorazione della Campagna Romana, ricca nelle escursioni e nei viaggi in Italia, Europa, Fucens, Sulmona, L’Aquila, Amiternum).di testimonianze archeologiche sconosciute. Australia, America, Giappone, Nord Africa, ecc., Lo studioso tornò a interessarsi del territorioNe divenne un esperto conoscitore insieme sia fotografie del paesaggio e della popolazione, carseolano e di altre località poste lungoa Lanciani, Tomassetti, Lugli, che furono soprattutto rurale, nella quale Ashby il percorso dall’antica via Valeria (Alba Fucens,tra i padri fondatori della moderna topografia s’imbatteva nel corso delle frequenti Sante Marie, Tagliacozzo) nel 1903.archeologica. In tutti i suoi studi topografici esplorazioni nella campagna e nei centri abitati Due anni dopo, in collaborazione con GeorgeAshby adottò un metodo rigoroso: seguiva delle province italiane. Joseph Pfeiffer, pubblicò nel primo volumele maggiori strade dell’antichità segnandone Alcune fotografie di Thomas Ashby si collegano dei “Supplementary Papers of the Americanil percorso sulle carte topografiche. Esplorava alle attività e alle escursioni organizzate School of Classical Studies in Rome” lo studiolarea circostante descrivendo tutto ciò dai membri della British and American topografico su Carsioli che, a oltre cent’anniche rimaneva degli antichi avanzi, esponeva Archaeological Society (fondata da John Henry dalla pubblicazione, rimane il più esaurientele pazienti osservazioni del territorio Parker), tra i quali figurano oltre ad Ashby contributo per la definizione topograficaintegrandole con le memorie storiche anche Peter Paul Mackey, George Joseph Pfeiffer dell’antica città. Nel 1905 il suo interessee i riferimenti bibliografici a opere edite e le sorelle Dora e Agnes Bulwer. da antiquario lo condusse nuovamentee inedite, illustrava tutto il suo lavoro con piante La fitta rete di conoscenze, frequentazioni in Abruzzo per visitare la Mostra di Antica Artee fotografie. Giuseppe Lugli, che si dichiarò e scambi culturali tra questi studiosi e “fotografi Abruzzese allestita presso il Palazzo Comunalediscepolo di Ashby nell’applicazione rigorosa dilettanti” ha lentamente dato vita a quello di Chieti. Come Ashby spiegò ai lettori della suadi questa metodologia, affermò: “Dove è passato che attualmente costituisce il nucleo più antico recensione intitolata “Ancient Abruzzese artil piede di Ashby, si diceva scherzando fra noi, e straordinario delle collezioni fotografiche at Chieti”, pubblicata su “The Builder” delsuoi discepoli e amici, non vi è più grano dell’Archivio della British School at Rome. 23 dicembre 1905, essendo Chieti abbastanzada mietere per gli archeologi”. distante dalle ordinarie rotte turistiche,Gli studi di Ashby su Roma, sulla campagna probabilmente, la mostra non era stata visitataromana, sul territorio laziale, su altri centri L’Abruzzo nello straordinario patrimonio dai molti viaggiatori inglesi, per cui un resocontodell’Italia e dell’Europa, sparsi in varie fotografico di Thomas Ashby di essa poteva risultare di un certo interesse.pubblicazioni, restano ancora oggi riferimenti Di questo viaggio rimangono, oltre all’articolofondamentali per gli studiosi. Ashby fu uno Tra le fotografie della collezione Ashby ci sono che contiene un giudizio particolarmentescienziato eclettico: le sue ricerche spaziarono circa 150 immagini inedite che riguardano lodevole nei confronti degli organizzatori delladal settore archeologico e topografico a quello l’Abruzzo, regione che l’autore ebbe modo mostra, anche quattro fotografie della città.dell’architettura, della storia dell’arte di visitare più volte tra il 1901 e il 1923. Si tratta Il viaggio in Abruzzo nel 1909 aveva uno scopoe del collezionismo antiquario. Ebbe una grande di suggestive immagini di monumenti, di siti preciso: vedere e documentare alcuni aspettidimestichezza nella consultazione delle archeologici, di centri abitati e paesaggi, della vita popolare abruzzese durantebiblioteche e degli archivi sparsi in vari luoghi ma soprattutto prevale l’interesse per laspetto le caratteristiche processioni svolte in occasionedel mondo e la sua competenza di studioso etnografico. L’elemento umano è fortemente di alcune feste religiose. Con sessantaquattroe collezionista di libri e disegni antichi caratterizzato dall’ambiente e dall’epoca. fotografie e tre pubblicazioni Ashbylo portarono a dedicare una speciale cura Contadini, personaggi con i costumi tradizionali, ha immortalato l’ambiente abruzzese nei priminella ricerca delle piante e delle vedute di Roma sono stati ritratti da Ashby prevalentemente anni del ‘900. In questo gruppo di fotografiee di altre località italiane tramandate dagli in gruppi mentre partecipano alle prevale l’elemento umano. La gente accorsaartisti e architetti del Rinascimento e dai caratteristiche processioni in occasione di feste dai vari paesi d’Abruzzo per partecipare alleviaggiatori inglesi del Grand Tour. Di questi religiose, o durante lo svolgimento di fiere caratteristiche processioni della Madonnadocumenti ne fece oggetto di numerose paesane. La presenza di fotografie di genere della Libera a Pratola Peligna, di S. Alessandropubblicazioni, spesso utilizzando esemplari antropologico può sembrare insolita, poiché a Corfinio, di San Domenico a Cocullo, è stataprovenienti dalla sua ricca collezione. gli archeologi o gli storici dell’arte fotografano ritratta perlopiù in gruppo e vestita con i tipiciPer concludere il rapido excursus sull’operato generalmente solo elementi che rientrano costumi tradizionali. Numerose sono inoltre nel settore specifico della loro disciplina. le fotografie che ritraggono i monumenti George Joseph Pfeiffer | Thomas Ashby a Carsioli, 1901-1903 circadi quest’appassionato e fecondo archeologo,la cui bibliografia straordinaria per mole Da questo punto di vista Ashby rappresenta di Sulmona e Anversa, le splendide vedutee pregio certamente meriterebbe maggiore un’eccezione, poiché ha dimostrato un grande del cosiddetto lago di S. Domenico pressoattenzione, non si può tralasciare l’interesse interesse anche per gli aspetti del “paese reale”. Villalago (Aq) e le suggestive Gole del Sagittario.di Thomas Ashby per la cultura popolare italiana Egli ha raccolto e porta verso equilibri più maturi Altri tre viaggi furono compiuti da Ashbycui dedicò molti anni di ricerca. la straordinaria eredità dei viaggiatori inglesi nel 1914, 1915, 1923. Le ventitre fotografie,Osservò personalmente feste e riti di molte rispecchiando nel suo modo di viaggiare quella prevalentemente di paesaggio, ritraggonolocalità italiane, prese appunti e scattando stessa temperie culturale che, a partire dalla i dintorni di Cappadocia, Capistrello,fotografie, raccolse informazioni dai parroci, fine del Settecento, portò artisti e scrittori Pescocanale, Civita d’Antino, Tagliacozzodagli abitanti dei luoghi visitati, dai libri a superare i confini tradizionali del viaggio e Roccacerro.e dalle guide turistiche. imposti dal Grand Tour dEuropa. Ashby rientraI risultati di queste ricerche pluriennali in quella schiera di viaggiatori checonfluirono nel volume “Some Italian Scenes attraversarono la penisola italiana a piediand Festivals” pubblicato nel 1929 (London o in bicicletta, percorrendo itinerariMethuen & Co. Ltd.) che raccoglie descrizioni non convenzionali, lontani dalle grandi città. Vienna Tordonee immagini di feste, usi, costumi, monumenti Egli si lasciò dietro alle spalle le strade battute Dipartimento di Studi Classici dall’Antico al Contemporaneo,e paesaggi incontrati in varie regioni italiane. per avventurarsi attraverso percorsi montani Università degli Studi “G. d’Annunzio” di Chieti-Pescara
  3. 3. con la collaborazione diThe British School at RomeAd.Venture srlDipartimento di Studi ClassiciUniversità degli Studi“G. d’Annunzio” Chieti - PescaraSoprintendenza per i BeniArcheologici dell’AbruzzoCittà dell’AquilaCittà di TeramoConfindustria Abruzzoil Centro / quotidiano dell’AbruzzoMarcopolo TvMu6 / rivista di arte e culturaAiapzineRotary Club Teramo EstRotary Club L’Aquila Gran Sasso
  4. 4. Calendario 2012Poligrafica Mancini srl66020 S. Giovanni Teatino (CH)zona industriale Sambucetovia Tevere, 24tel. 085.4460336 r.a.fax 085.4463039com@polmancini.itfoto diThomas AshbyDora e Agnes Bulwera cura diAd.Venture srl© 2011 / BSRThe British School at Rome
  5. 5. Thomas Ashby | L’ Aquila, mercato del bestiame, 1901 gennaio 2012 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 do lu ma me gi ve sa do lu ma me gi ve sa do lu ma me gi ve sa do lu ma me gi ve sa do lu ma
  6. 6. Dora e Agnes Bulwer | Sulmona (Aq), palazzo dell’Annunziata, 1890-1913 febbraio 2012 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 me gi ve sa do lu ma me gi ve sa do lu ma me gi ve sa do lu ma me gi ve sa do lu ma me
  7. 7. Thomas Ashby | L’ Aquila, mercato del bestiame, 1901 marzo 2012 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 gi ve sa do lu ma me gi ve sa do lu ma me gi ve sa do lu ma me gi ve sa do lu ma me gi ve sa
  8. 8. Thomas Ashby | Sulmona (Aq), mercato, 1909 aprile 2012 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 do lu ma me gi ve sa do lu ma me gi ve sa do lu ma me gi ve sa do lu ma me gi ve sa do lu
  9. 9. Thomas Ashby | L’ Aquila, mercato del bestiame, 1901 maggio 2012 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 ma me gi ve sa do lu ma me gi ve sa do lu ma me gi ve sa do lu ma me gi ve sa do lu ma me gi
  10. 10. Dora e Agnes Bulwer | Sulmona (Aq), Piazza Garibaldi, Acquedotto medievale e chiesa di San Filippo Neri, 1890-1913 giugno 2012 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 ve sa do lu ma me gi ve sa do lu ma me gi ve sa do lu ma me gi ve sa do lu ma me gi ve sa
  11. 11. Thomas Ashby | Pratola Peligna (Aq), festa della Madonna della Libera, 1909 luglio 2012 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 do lu ma me gi ve sa do lu ma me gi ve sa do lu ma me gi ve sa do lu ma me gi ve sa do lu ma
  12. 12. Thomas Ashby | Sulmona (Aq), mercato e archi dell’Acquedotto medievale, 1909 agosto 2012 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 me gi ve sa do lu ma me gi ve sa do lu ma me gi ve sa do lu ma me gi ve sa do lu ma me gi ve
  13. 13. Thomas Ashby | L’ Aquila, mercato del bestiame, 1901 settembre 2012 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 sa do lu ma me gi ve sa do lu ma me gi ve sa do lu ma me gi ve sa do lu ma me gi ve sa do
  14. 14. Thomas Ashby | Corfinio (Aq), festa di Sant’Alessandro, 1909 ottobre 2012 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 lu ma me gi ve sa do lu ma me gi ve sa do lu ma me gi ve sa do lu ma me gi ve sa do lu ma me
  15. 15. Thomas Ashby | L’ Aquila, 1901 novembre 2012 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 gi ve sa do lu ma me gi ve sa do lu ma me gi ve sa do lu ma me gi ve sa do lu ma me gi ve
  16. 16. Thomas Ashby | Amiternum (Aq), anfiteatro, 1901 dicembre 2012 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 sa do lu ma me gi ve sa do lu ma me gi ve sa do lu ma me gi ve sa do lu ma me gi ve sa do lu
  17. 17. 2011 / 2012Presentazione Sotto l’Alto Patronato Comitato organizzativo Comitato scientifico Con il patrocinio di Pubblicità Progresso Sponsors Media partners Progetto grafico del Presidente della Repubblica Fondazione per la Almacis il Centro / quotidiano dell’Abruzzo Ad.Venture srlRoma Bruno Carioti Umberto Bultrighini Commissione Nazionale Italiana Comunicazione Sociale Black&White Marcopolo TvBritish School at Rome Promossa da Conservatorio di Musica Giandomenico Cifani per l’UNESCO Bluserena Mu6 / rivista di arte e cultura Riproduzioni fotografiche Aiap31 maggio 2011 The British School at Rome “Alfredo Casella” di L’Aquila Emanuela Fabbricotti Carispaq Aiapzine Elio e Stefano Ciol snc Ministero per i Beni Associazione italiana progettazione Donatella Consolandi Germana Galli e le Attività Culturali per la comunicazione visiva Mion Hotel Abruzzo Economia Con la collaborazione di Unicom Anna Innamorati Gelco D’Abruzzo / Edizioni Menabò Sponsoring Franco La Cecla British Embassy Unicom Vario / Abruzzo in rivista Ermanno Ruscitti Paola Di Felice Rome Unione NazionaleLe mostre in Abruzzo Istituto Centrale per il Catalogo Museo Civico Archeologico Laura Moro Technical sponsors Tesori d’Abruzzo PR comunicazioni e la Documentazione Andrea Pessina Imprese di Comunicazione McCann Erickson “Francesco Savini” di Teramo Regione AbruzzoL’Aquila Soprintendenza per i Beni Daniela Piscitelli Confindustria Abruzzo Charme&Relax Realizzazione Daniele Ghitti Consiglio Regionale dell’AbruzzoChiostro di San Domenico Archeologici dell’Abruzzo Christopher Smith Anas spa Chef&chefs elementi espositivi il Centro11 giugno / Lorenzo Strona Città di L’Aquila Marramiero Vini Moscone Neon Jolly8 luglio 2011 Soprintendenza per i Beni Storici, Franco Mancinelli Vienna Tordone Qualità Abruzzo Lavorazioni tecnologiche Città di Chieti Artistici ed Etnoantropologici Ad.Venture srl L’Aquila made in dell’Abruzzo Città di PescaraPescara Roberto e Giannina Mion Coordinatore Moscone Neon JollyMuseo delle Genti d’Abruzzo Presidenza del Consiglio Regionale Charme&Relax Monica Giuliato Città di Sulmona Hotel SportingAurum dell’Abruzzo Anna Perugini Città di Teramo Borgo Spoltino22 luglio / Istituto Centrale per il Catalogo Poligrafica Mancini Città di L’Aquila Provincia dell’Aquila8 agosto 2011 e la Documentazione Dipartimento di Studi Classici Provincia di Chieti Chiara PiccininiSulmona dall’Antico al Contemporaneo Comune di L’Aquila Provincia di PescaraPolo Museale dell’Annunziata Università degli Studi12 agosto / “G. d’Annunzio” di Chieti - Pescara Fabrizio M. Rossi Provincia di Teramo Aiap18 settembre 2011 Confindustria Abruzzo Università degli Studi Maria Ruggeri “G. d’Annunzio” di Chieti-Pescara il Centro, quotidiano dell’Abruzzo Soprintendenza per i BeniChieti Archeologici dell’Abruzzo Università degli Studi di TeramoMuseo Archeologico Nazionaledell’Abruzzo / Villa Frigerj Fabio Sciarra Consiglio Nazionale A cura di delle Ricerche24 settembre / Presidenza del Consiglio Regionale Ad.Venture srl dell’Abruzzo20 novembre 2011 Roma Capitale Catalogo Valerie Scott Assessorato alle Politiche CulturaliTeramo British School at Rome e Centro Storico Silvana EditorialeMuseo Civico Archeologivo Rosanna Tuteri“F. Savini” Soprintendenza per i Beni26 novembre 2011 / Archeologici dell’Abruzzo www.ashbyelabruzzo.com www.bsrdigitalcollections.it18 maggio 2012 www.bsr.ac.uk Coordinatore www.silvanaeditoriale.it www.ilcentro.it Luigi Di Giosaffatte www.aiap.it Confindustria Abruzzo www.aiapzine.aiap.it

×