Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
ALDO MORO EXPRESS
EDITORIALE
Eccoci qua, siamo arrivati alla fine dell’anno
scolastico e il terzo numero è pronto. Anche
q...
ALDO MORO EXPRESS
Pagina 2 Aldo Moro EXPRESS
LA FESTA DI FINE ANNO… SPETTACOLO ASSICURATO!
ALDO MORO EXPRESS
INTERVISTA ai ragazzi della scuola se-
condaria di Cavernago sul CCR:
D: In che anno è nato questo proge...
ALDO MORO EXPRESS
Come si chiama un progetto che fa in modo che
gli alunni stessi siano pienamente soddisfatti? Si
chiama ...
ALDO MORO EXPRESS
UN GESTO PICCOLO… MA UNICO!!!
Anno 1. Numero 3. a cura della classe 1^B e 1^C. Pagina 5
Quest'anno il Di...
ALDO MORO EXPRESS
Il 5 maggio ci siamo recati in gita a Tren-
to. A dire il vero è stata una gita davvero
emozionante, bel...
ALDO MORO EXPRESS
Pagina 7 Aldo Moro EXPRESS
LE MERAVIGLIOSE GITE SCOLASTICHE!!!!!!
TRENTO
TRENTO
FIRENZE
VERONA
ALDO MORO EXPRESS
Questo sondaggio mi è sembrato molto
deludente perché mi aspettavo che il 90%
lo sapesse in quanto è un ...
ALDO MORO EXPRESS
Le stelle che brillano
Nell’azzurro del ciel
Mi fanno pensare
Soltanto a te.
A CURA DI RANIERI 1^C
POESI...
ALDO MORO EXPRESS
Ciao, mi chiamo Mamadou, ho 11 anni e mi
sono appena trasferito in Italia. Ora vi
racconterò qualcosa di...
ALDO MORO EXPRESS
VIGNETTE: IL MONDO DI TOBY
Anno 1. Numero 3. a cura della classe 1^B e 1^C. Pagina 11
A CURA DI VECCHI 1...
ALDO MORO EXPRESS
ENIGMISTICA
Anno 1. Numero 3. a cura della classe 1^B e 1^C. Pagina 12
Definizioni orizzontali
1.La capi...
ALDO MORO EXPRESS
ENIGMISTICA
Anno 1. Numero 3. a cura della classe 1^B e 1^C. Pagina 13
IL CRUCIPUZZLE scientifico
A R T ...
ALDO MORO EXPRESS
L’orso polare è uno degli animali più a rischio d’estinzione del pianeta, insieme
all’orso bruno, al lup...
ALDO MORO EXPRESS
Oggi vi parlerò del mio migliore amico, il coniglio. Questo buffo animaletto mol-
to dispettoso di color...
ALDO MORO EXPRESS
LUDOLINGUISTICA
Anno 1. Numero 3. a cura della classe 1^B e 1^C. Pagina 16
TUTTI POETI CON FIBONACCI
Sap...
ALDO MORO EXPRESS
La prima volta che sono arrivata davanti al cancello di scuola ero da sola perché cono-
scevo solo Bryan...
ALDO MORO EXPRESS
Si trova scritto in molti articoli (ed è un opi-
nione comune) che il telefonino peggiora la
vista, l’ud...
ALDO MORO EXPRESS
La Calcinatese è scarsa: ma questa non è una novità… Sabato scorso ci
siamo ritrovati al campo di Calcin...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Pubblicazione maggiodef 2 (2)

2,102 views

Published on

giornalino

Published in: Education
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Pubblicazione maggiodef 2 (2)

  1. 1. ALDO MORO EXPRESS EDITORIALE Eccoci qua, siamo arrivati alla fine dell’anno scolastico e il terzo numero è pronto. Anche questa volta troverete descritti i progetti della scuola, elencati gli appuntamenti più importanti, narrate le esperienze che i nostri ragazzi hanno vissuto in questi ultimi mesi (gite, laboratori, dinamiche di classe…). È un modo per voi per capire meglio il loro mondo, e per loro di metabolizzare tutte queste esperienze. Ad essere sinceri, quando questo giornalino ha mosso i primi passi non credevamo che avremmo trovato tanti argomenti interessanti di cui parlare: nel primo numero ci siamo scervellati per individuare articoli di vario genere su ciò che interessava ai ragazzi, ma andando avanti loro si sono dimostrati bravi anche a raccogliere vari spunti tra le loro numerose attività e a proporceli. Quindi il giornalino ha iniziato a “vivere di vita propria”. Non siamo stati scelti tra i primi venti vincitori del premio al concorso indetto dall’Ordine dei Giornalisti, ma non ce l’aspettavamo nemmeno: era già stato forte provarci! Penso che un bell’applauso i ragazzi lo meritino comunque! Il giornalino è comunque cresciuto, anche nella serietà e profondità degli argomenti trattati. Non saremo da Pulitzer, però ci siamo messi in gioco. A settembre torneremo ancora più carichi e con tante idee in più. Per ora vi lasciamo con un saluto, che è un arrivederci a presto. Noi, da parte nostra, continueremo a pubblicare! I professori responsabili Cecchini e Sottile. Mancano pochi giorni alla fine della scuola. In questa occasione l’istituto propone a tutti gli alunni un ultimo incontro, per divertirsi e stare insieme: quest’anno la festa si terrà il 31/05/2016 e il 01/06/2016 nello spazio dell’oratorio di Mornico, dove i professori di arte, musica e tecnologia presenteranno i nostri capolavori prodotti durante l’anno scolastico. Questi nostri lavori verranno venduti e il ricavato servirà per acquistare il materiale scolastico. Inoltre a questa festa parteciperanno tutti i plessi, ovvero Palo- sco, Mornico, Cavernago e Calcinate. LABORATORIO DI ARTE: Alcuni ragazzi delle classi prime sono molto contenti perché secondo loro è un’ottima idea vendere i mosaici prodotti a scuola seguendo le indicazioni della professoressa Mostosi. LABORATORIO DI TECNOLOGIA: Anche il professor Benfante, insegnante di tecnolo- gia, è molto entusiasta dell’iniziativa: infatti lui ha sempre venduto tutti i lavori e an- che questa volta dichiara che farà lo stesso. Mostrerà dei ciondoli realizzati nel laboratorio pomeridiano del vetro. I soldi ricavati da questi ciondoli verranno spesi per acqui- stare un nuovo forno per la fusione del vetro. Le classi prime hanno realizzato dei ciondoli, le seconde dei cubi e le terze degli anelli di vetro. SAGGIO MUSICALE: Adesso arriva la parte divertente, il saggio musicale organizzato dal professor Tenti, dove a cantare e suonare saranno gli alunni delle classi terze. Dice il professor Tenti che questa esperienza ormai si ripete da molti anni e può essere un momento per stare insieme anche perché il professore ha messo insieme una vera e propria “band musicale”. Sono passati i tempi in cui “saggio di musica” equivaleva a un “coro di flauti”: infatti nel triennio il professore prepara i suoi alunni a suonare stru- menti diversi, ad esempio la batteria, il basso e la chitarra, in vista del saggio finale, perché tutti gli alunni funzionino come un “gruppo” ben coordinato. Per quest’anno i ra- gazzi hanno preparato canzoni di cantanti famosi come Marco Mengoni, Emma Marrone e altri. Questa è l’organizzazione che la scuola ha preparato per la festa di fine scuola. Speriamo che veniate a vederci e a comprare i nostri capolavori. A CURA DI GREWAL E BALA 1^C E 1^B - Festa di fine anno: pag.1-2 - Attività scolastiche: pag. 3 - Progetti della scuola: pag. 4-5 - Gite scolastiche: pag. 6-7 - Festività: pag. 8 - Poesie, racconti: pag. 9 - Cultura e Culture: pag. 10 - Vignette: pag. 11 - Enigmistica: pag. 12-13 - Gli amici animali: pag.14-15 - Ludolinguistica: pag. 16 - Le dinamiche della classe: pag.17 - Le dipendenze: pag 1-18 - Sport: pag. 19 “La nuova tecnologia…” Già da alcuni anni è divampata, tra i ragazzi, la moda del cellulare che, come la televisione ed il computer, rappresenta uno strumento tecnologico di crescente utilizzo che ha superato ogni altro mezzo di comunicazione, incluso l’incontro faccia a faccia. Il comportamento dei ragazzi è diventato compulsivo, infatti influisce spesso sul rendimento scolastico, causando continua distrazione. Continua a pag 17 BREAKING NEWS FESTA DI FINE ANNO Aldo Moro EXPRESS Anno 1. Numero 3. a cura della classe 1^B e 1^C. ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO DI CALCINATE MONDO SCUOLA I GIOVANI E LE DIPENDENZE SOMMARIO
  2. 2. ALDO MORO EXPRESS Pagina 2 Aldo Moro EXPRESS LA FESTA DI FINE ANNO… SPETTACOLO ASSICURATO!
  3. 3. ALDO MORO EXPRESS INTERVISTA ai ragazzi della scuola se- condaria di Cavernago sul CCR: D: In che anno è nato questo progetto? Chi ha avuto l’idea? R: Il progetto è nato nell’anno scolastico 2014-15 su proposta del comune di Cavernago, progetto che la scuola ha accolto con entu- siasmo. D: Come funziona? R: Il progetto è stato strutturato in due fasi: una teorica in cui gli insegnanti ci hanno fornito gli strumenti per poter operare, e una fase pratica in cui noi ragazzi della secon- daria di I grado insieme agli alunni della pri- maria, divisi in gruppi misti, abbiamo formato le liste elettorali e stilato un programma. D: Come avviene l’elezione del Sindaco del Consiglio Comunale dei Ragazzi? R: Gli alunni candidati a sindaco, attraverso un comizio, fanno conoscere le linee program- matiche della propria lista. Il candidato che ottiene il maggior numero di voti viene eletto. D: Quanto dura il mandato? R: Il mandato dura due anni. D: Che compito ha il sindaco? R: Il sindaco ha il compito di fare da porta voce per le idee proposte del CCR e deve convocare il CCR. D: Quante volte incontrate il vero consiglio comunale? Cosa avviene durante queste riu- nioni? R: Il vero Consiglio Comunale lo incontriamo 2/3 volte l’anno. D: Il Consiglio Comunale dei Ragazzi ha gli stessi ruoli di quello degli adulti? R: Il nostro CCR non agisce su tutti gli am- biti come il vero consiglio comunale. D: Che classe devono frequentare i compo- nenti del Consiglio Comunale dei Ragazzi? R: Gli alunni che possono partecipare al CCR sono quelli di quinta elementare e quelli di prima media D: Questi componenti quali caratteristiche devono avere? R: I componenti devono essere responsabili, portare avanti l’impegno che si sono presi diventando membri del consiglio. D: Ogni quanto si deve riunire? R: Si riunisce a seconda delle necessità minimo 2 volte all’anno. INTERVISTA ai docenti della scuola se- condaria di Cavernago sul CCR: D: Che finalità ha il Progetto? R: Il progetto ha la finalità di sviluppare negli alunni il senso civico e il senso di ap- partenenza a una comunità. D: Quali competenze intende promuovere? R: Il CCR promuove competenze comunica- tive, sociali e civiche, ma anche competen- ze matematiche e tecnologiche. D: Quali sono stati i maggiori successi, e quali i limiti? R: I successi sono stati molti, ma primo fra tutti promuovere un senso di appartenenza e collaborazione. Tra i limiti c’è sicuramente il tempo, consi- derato che la scuola è a tempo normale e il progetto richiede un grande impegno da parte dei docenti e degli alunni. Soluzioni? Il coinvolgimento di tutte le discipline D: Qual è il punto di forza del progetto? R: Sicuramente il suo valore sociale e la possibilità di sperimentare direttamente la gestione della "Cosa Pubblica" D: Vi divertite anche voi o a volte può di- ventare un impegno? R: E' un grande impegno per noi docenti ma è una bella soddisfazione vedere i nostri ragazzi crescere. Pagina 3 Aldo Moro EXPRESS NOTIZIE DA ALTRI PLESSI IL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DI CAVERNAGO
  4. 4. ALDO MORO EXPRESS Come si chiama un progetto che fa in modo che gli alunni stessi siano pienamente soddisfatti? Si chiama “progetto accoglienza”. Questo lavoro consiste nel presentare immagini e lavori artisti- ci svolti durante l’anno scolastico. In generale questo progetto serve a promuovere il valore dell’accoglienza e a presentare nel migliore dei modi ciò che viene affrontato nella scuola secon- daria di primo grado. Per partecipare alla mostra occorreva scattare delle foto con i compagni rispettando il titolo consegnato dalla professo- ressa Mostosi. Il tema delle classi prime era “l’abbraccio”. I nostri compagni, impegnandosi, hanno scattato parecchie foto, le quali verranno mostrate l’8 giugno nella palestra della scuola di Calcinate. A CURA DI GREWAL E BALA 1^C E 1^B Il progetto Kangourou è un concorso inter- nazionale che serve a promuovere la passio- ne per la Matematica. Il progetto consiste in un gioco che si ripete annualmente in cui concorrono diverse scuole internazionali e nazionali. Alcuni pensano che lo scopo sia confrontare i diversi livelli tra le varie na- zioni, invece l’intento principale è quello di avvicinare i giovani alla matematica. Nel 2015 i paesi che vi hanno preso parte erano 55, con più di 7.000.000 di partecipanti. Tutto il nostro istituto comprensivo è stato coinvolto, con i plessi di Calcinate, Mornico, Cavernago e Palosco. La partecipazione era libera, ma la quota era di €4,50. La finale del torneo si sarebbe svolta a Mirabilandia. Ecco le emozioni e sensazioni che ha prova- to la vincitrice del nostro istituto compren- sivo del plesso di Calcinate, Emma Mancori di 1^B. Le abbiamo chiesto cosa l’avesse spinta a partecipare, che emozioni ha prova- to durante lo svolgimento e dopo, quando ha scoperto di essere stata la migliore dell’Istituto. Queste sono state le sue ri- sposte. La motivazione a partecipare è sta- ta soprattutto che le sue amiche vi prende- vano parte, ma l’ha fatto anche per testare KANGOUROU Pagina 4 Aldo Moro EXPRESS LABORATORIO DI INGLESE Nel laboratorio di inglese negli ultimi due mesi abbiamo realizzato dei video e le foto di Hallowe- en, Carnevale e Natale; prima di girare i video guardiamo l’argomento, poi il prof. ci dà un foglio e dobbiamo tradurlo in inglese, quindi studiare le nostre battute e infine incominciare a girare i video in diversi spazi della scuola. Alla fine, il professore ci mostra il risultato. Alcune volte il prof. ci dà i cioccolatini perché siamo stati bravi a realizzare il video, ma quando non facciamo bene il nostro lavoro ci fa fare anche le verifi- che. Il laboratorio è un ripasso di quello che fac- ciamo in classe con la professoressa di inglese. A CURA DI KUMAR 1^C PROGETTI SCUOLA PROGETTO ACCOGLIENZA TORNEO DI LETTURA Il terzo gioco si chiamava “trova l’inizio” e il nostro capo squadra doveva scegliere 8 ragazzi che correvano veloci, la prof doveva leggere l’inizio dei libri e chi sapeva ricono- scere il libro doveva dirlo al corridore il quale doveva prendere la bandierina che aveva la prof e rispondere. L’ultimo gioco si chiamava “ tutti in scena”: dovevamo recita- re una scenetta tratta da uno dei libri e l’altra squadra doveva indovinare. Il gioco che mi è piaciuto di più è stato il crucipuz- zle perché serviva l’aiuto di tutti e ognuno doveva trovare una parola. Per me sono stati tutti bravi e solo per poco ha vinto la classe 1C. Questo torneo di lettura mi è piaciuto tanto e non vedo l’ora di ripeterlo in seconda media. A CURA DI KUMAR 1^C Il giorno 4 aprile ci siamo riuniti in palestra per la seconda manche del torneo di lettu- ra. All’inizio la nostra prof. ha distribuito ad ogni squadra delle istruzioni. Il primo gioco consisteva nella lettura di una frase tratta da uno dei libri: chi sapeva di che libro si trattava doveva dirlo al capo squa- dra e se lo avevamo indovinato in cambio ci davano un indizio con cui poter comporre l’identità del libro. Il secondo gioco era un crucipuzzle con 32 parole tratte dai libri che avevamo letto e una chiave da trovare. le proprie capa- cità. Non pen- sava di vincere, perché le per- sone che partecipavano erano tante, ed anche più brave, quindi la vittoria è giunta pressoché inaspettata. L’emozione principa- le durante lo svolgimento è stata l’ansia, per paura di non finire in tempo. In seguito, quando ha capito di essere arrivata prima, ha provato una grande soddisfazione. A CURA DI HOTU 1^C
  5. 5. ALDO MORO EXPRESS UN GESTO PICCOLO… MA UNICO!!! Anno 1. Numero 3. a cura della classe 1^B e 1^C. Pagina 5 Quest'anno il Dirigente Scolastico ha pro- posto a noi, alunni della classe 2^ C, il com- pito di organizzare la seconda edizione della Colletta alimentare che si è svolta dal 26 al 30 aprile. In tutto questo avvincente per- corso ci ha accompagnati la prof.ssa Ciglio- ne. Il nostro compagno Borali Iago ha chie- sto di essere nominato responsabile dell'ini- ziativa e, dopo aver chiesto alla classe chi volesse partecipare, abbiamo costituito lo Staff operativo. Il Progetto è partito dall'i- deazione dei volantini per la pubblicizzazio- ne della nostra iniziativa. Iago, con l'aiuto del nostro compagno Dragos, li ha ideati e stampati in numerose copie, anche per la Scuola Primaria che ci ha supportato nella raccolta presso la sede delle elementari. Altro passaggio è stato l'acquisto di 11 ma- gliette nere che, con l'aiuto della prof.ssa Mostosi, abbiamo personalizzato decorando- le con la scritta verde STAFF sul retro. Ci siamo poi divisi in gruppi da 2 e abbiamo Così, dal 2 al 6 maggio la Scuola Primaria ha dato vita alla Colletta alimentare presso le elementari che hanno raccolto perfino più di noi! A loro vanno i nostri primi ringraziamenti! Ringraziamo anche tutti i professori che han- no messo a nostra disposizione il loro tempo e la loro pazienza, soprattutto per tutte le volte che ci hanno autorizzati ad uscire dalla classe durante le loro ore di lezione. Ma, su tutti, il nostro ringraziamento va al Dirigente Scolastico Alessandro Mazzaferro, per averci dato l’opportunità di vivere in prima persona questa fantastica ed entusiasmante esperienza di vita, un piccolo gesto… Ma unico! E, seppur minuscolo, capace di cambiare un pezzo di mondo!!! Lo Staff della Colletta Alimentare esposto alle altre classi dell'Istituto il nostro progetto, distribuendo i volantini e chiedendo a tutti di contribuire gene- rosamente. La Dirigenza ha messo a nostra disposizione una classe da utiliz- zare come magazzino per il deposito del cibo raccolto. Per tutta la settimana, gli alunni della scuola hanno potuto deposi- tare il cibo dentro uno scatolone deco- rato dai membri del gruppo e posto all'ingresso della scuola. Durante l'in- tervallo alcuni dello staff avevano il compito di prendere lo scatolone e por- tarlo in magazzino per lo smistamento dei viveri. Al termine della settimana di raccolta, abbiamo invitato le classi quar- te della Scuola Primaria a farsi nostri portavoce presso le elementari. Abbia- mo mostrato loro il nostro progetto tramite un PPT invitando i volontari del gruppo parrocchiale a cui destineremo la raccolta. PROGETTI SCUOLA
  6. 6. ALDO MORO EXPRESS Il 5 maggio ci siamo recati in gita a Tren- to. A dire il vero è stata una gita davvero emozionante, bella, interessante e diver- tente! Inizialmente abbiamo visitato il castello del Buonconsiglio. Immortalato nel 1494 in un celebre acquerello di Al- brecht Dürer, esso fu fondato come pre- sidio imperiale nella prima metà del 13 secolo lungo le mura urbane in posizione dominante rispetto alle città. Fin dal 1255 divenne la sede dei principi vescovi di Trento che lo trasformarono nel corso dei secoli in una residenza. Esso è diviso in tre parti: Castel Vecchio, Magno Palaz- zo e Giunta Albertina. Noi abbiamo visita- to le tre sezioni, ma sfortunatamente non abbiamo potuto vedere la Torre dell’Aquila. La visita è durata fino alle 11.30, dopo di che ci siamo recati al Duo- mo: sembrava di essere nella cattedrale di San Pietro, il prete ha perfino voluto farci prendere parte alla preghiera del mezzogiorno. Dopo la pausa pranzo siamo andati a visitare il Muse (il museo della scienza naturale di Trento), dove siamo stati divisi in due gruppi: il primo ha se- guito la guida ai piani superiori, che ha spiegato i vari stadi dell’evoluzione uma- na, ha illustrato alcune delle principali nuove conquiste tecnologiche (come la stampante 3D) e spiegato i principali problemi ambientali. Il secondo gruppo, invece, è rimasto nella “palestra della scienza”, dove ha eseguito alcuni esperi- menti. Quello che è piaciuto di più in ge- nerale è stato l’esperimento della cannuc- cia: esso consisteva nell’ infilare una can- nuccia in un bastoncino di metallo e mor- derlo, in modo che tappandosi le orecchie si sentiva della musica classica! Da parte di noi ragazzi, vorremmo dire che è stata una gita indimenticabile perché siamo stati insieme, ci siamo divertiti e abbiamo fatto nuove scoperte. A CURA DI PEZZOTTA 1^B Pagina 6 Aldo Moro EXPRESS GITE SCOLASTICHE Arena e natura... Le seconde sono andate in gita il 18 aprile 2016 a Verona. Sono partiti alle 7.30 e sono ritornati alle 19:30. Li hanno accompagnati le professoresse Pievani, Barcella, Giavarini, Ciglione e la nostra adorabile stagista Beatrice. Le seconde hanno raccontato che si sono divertite perché a Sirmione hanno giocato in riva al lago di Garda ma soprattutto perché sono stati insieme. Il clima era sereno e caldo, dunque hanno pranzato sulla spiaggia a Sirmione. La parte che ci ha colpiti di più è stata l’arena di Verona. Hanno imparato la storia della città, anche se i castelli ed i musei erano tutti chiusi, e dunque non hanno potuto visitarli. A CURA DI ASGHAR 1^B Trento: che Buonconsiglio! Toscana: una terra ricca.. di energia! Il ritrovo davanti alla scuola era previsto per le 5:15, ma talmente tanta era l’adrenalina che molti sono arrivati perfino in anticipo. Il viag- gio è durato 5 ore, durante le quali qualcuno ha dormito (recuperando preziose ore di son- no perse la notte per l’emozione), qualcun altro ha ascoltato musica, molti giocavano ad “Obbligo o verità”… Insomma, i classici passa- tempi da viaggio in pullman! Firenze è una città bellissima, con molta gente per le viuzze, un sacco di turisti (specie orientali: loro sono dappertutto…) e moltissimi ambulanti, i prefe- riti di noi ragazzi: come resistere alla tenta- zione di un bel paio di occhiali “fashion”?? All’arrivo i professori ci hanno lasciati liberi di scorrazzare – purché tornassimo in tempo per la visita guidata – così ci siamo potuti sfogare, dopo tutte quelle ore seduti in pullman. Abbia- mo pranzato ai giardini, poi è iniziata la visita. La prima tappa è stata Piazza della Signoria, poi ci siamo avviati per Ponte Vecchio e in seguito abbiamo visitato un Palazzo bellissimo situato su una collina (sempre inseguiti dagli onnipresenti venditori ambulanti). Dopo siamo andati a Santa Maria del Fiore e abbiamo visto la famosa cupola di Brunelleschi; infine i professori ci hanno lasciato un po’ liberi e siamo entrati all’Hard Rock Café e alla Apple. A questo punto il pullman ci ha portati all’hotel e, dopo l’assegnazione delle camere, ci siamo precipitati in stanza a fare una doccia sacro- santa (dopo tutto quel caldo e quella strada). Dopo cena i professori ci hanno lasciati liberi di passare da una stanza all’altra (sarebbe stato inutile impedircelo) fino alle 23.30 (vi basti pensare che ad un certo punto eravamo in 20 sdraiati su tre letti a vedere “Ciao Darwin” e ridere come scemi!), poi sono passati a controllare e tutti siamo andati buoni a fare la nanna. Come potrete im- maginare non tutti lo hanno fatto davve- ro… Ma questa è un’altra storia! Ed è il bello delle gite. Il giorno dopo la sveglia è suonata alle 7 e abbiamo fatto colazione tutti insieme per poi partire in direzione di Larderello. Anche la visita alla centrale geotermica è stata interessante (a parte la micidiale puzza di zolfo). Ci hanno divisi in due gruppi, mentre il primo visitava la centrale l’altro visitava il “museo” e vede- va un video esplicativo, poi ci si scambia- va. Qualcuno l’ha trovato un po’ noioso, ma ci siamo rifatti con il pranzo: infatti ab- biamo mangiato una pizza strepitosa in un luogo che ci hanno indicato le guide! Dopo un po’ di svago, purtroppo è arrivato il momento di partire: eravamo tutti molto stanchi, ma le risate non sono mancate di certo. Alla fine siamo rientrati alle 20.30 nella nostra Calcinate, pieni di bei ricordi. Si ha ragione quando si dice che la gita di terza media è la più bella, perché ci siamo divertiti tantissimo e abbiamo avuto modo di conoscerci meglio tra di noi. A CURA DI GUSSAGO 3^C
  7. 7. ALDO MORO EXPRESS Pagina 7 Aldo Moro EXPRESS LE MERAVIGLIOSE GITE SCOLASTICHE!!!!!! TRENTO TRENTO FIRENZE VERONA
  8. 8. ALDO MORO EXPRESS Questo sondaggio mi è sembrato molto deludente perché mi aspettavo che il 90% lo sapesse in quanto è un argomento molto toccante. C'è a questo punto da chiedersi quanto valori come la Resistenza siano ancora attuali e come si potrebbe fare per aumentare la consapevolezza di fronte a questi temi... A CURA DI CAPOFERRI 1^B LA STORIA DI HOLI Anno 1. Numero 3. a cura della classe 1^B e 1^C. Pagina 8 Holi è la festa dei colori che si celebra il 22 marzo in India e assomiglia un po’ al Carnevale europeo: infatti, come a Carnevale si lanciano i coriandoli, in India per la festa di Holi si gioca con i colori, nel senso che i partecipanti prendono la polvere colorata (rosso, giallo, verde, blu, viola, azzurro ecc…), la spargono nell’aria o la buttano ad- dosso a qualcuno e infatti per questo tutti devono vestirsi di bianco, da un lato perché se qualcuno vuole buttare il colore non si può sporcare con i ve- stiti normali, dall’altro perché alla fine i vestiti bianchi diventano colorati. Tanto tempo fa c’era un re che doveva vendicare la morte di suo fratello cau- sata dal signore Vishnu che è il dio degli hindu. Il re aveva un figlio di nome Prahlad che pregava il dio Vishnu: il padre cercava sempre di convincerlo protetto dal dio Vishnu. La morale è quella che il bene vince sempre e invece il male perde sem- pre. A CURA DI KAUR E BASRA 1^B Ecco le risposte più esilaranti che abbiamo ricevuto: per qualcuno è la festa del giubi- leo o, ancora meglio, la gita scolastica. Tra gli alunni di prima media il 70% non lo sa- peva mentre il 30% lo sapeva. In seconda media i dati sono invertiti: il 30% non lo sapeva e al contrario il 70% lo sapeva. Nella classe di terza media il 30% no men- tre il 70% sì. . a non pregare il dio Vishnu, ma non riusciva mai. Un giorno decise di ucciderlo e lo disse a sua sorella Holika, zia di Prahlad. Il piano per ucciderlo era quello di far seder Holika e Prahlad sul fuoco, ma quando Holika si era seduta insieme a Prahlad succede che Holika muore ma Prahlad no, perché era Il 25 aprile 1945 l'Italia è stata liberata dal nazifascismo. Era l’ultimo atto di una terribile guerra civile iniziata con l’8 set- tembre 1943, quando il nostro Paese si tro- vò tagliato in due e teatro di scontro tra i tedeschi da una parte e gli angloamericani dall’altra. In questa drammatica situazione a lottare per la libertà restavano solo i partigiani, combattenti che non appartengo- no a un esercito fisso ma a un movimento di resistenza. Senza la lotta dei Partigiani noi non avremmo un governo libero e democrati- co. Quando ho sentito questa storia mi è sembrata molto interessante ed emozionan- te perché la nostra liberazione è costata davvero lacrime e sangue. Io, insieme ad alcune mie compagne, ho dunque fatto un sondaggio su quanti studenti all'interno della nostra scuola sapevano cosa è succes- so e perché il 25 aprile è per l'Italia festa nazionale. IL 25 APRILE FESTIVITÀ
  9. 9. ALDO MORO EXPRESS Le stelle che brillano Nell’azzurro del ciel Mi fanno pensare Soltanto a te. A CURA DI RANIERI 1^C POESIE, RACCONTI, RECENSIONI. ragazzi iscritti al club se vanno via perché si annoiano. Le vacanze estive di Greg sono quasi terminate, non sono andate tanto bene, perché ha avuto alcune discussioni con suo padre ma dopo si è risolto tutto. “Diario di una schiappa” mi ha colpito mol- to perché affronta le questioni di noi ado- lescenti per esempio: essere responsabili, affrontare le difficoltà, essere prudenti e impegnarsi. A CURA DI VECCHI 1^C “INSIDE-OUT”: Il film parla di una ragazza di nome Riley che dal Minnesota si deve trasferire a San Francisco: la atten- dono dunque una nuova vita, una nuova scuola e una nuova casa. In questo numero vi parlerò di questo adole- scente di nome Greg Affley che frequenta le scuole se- condarie che si sente una vera schiappa. Sono appena arrivate le vacanze estive, tutti i ragazzi si divertono molto all’aria aperta, ma Greg è un “nerd” che si diverte a stare chiuso in casa davanti alla televisione, a giocare ai video games; sua madre Susan Affley vuole fargli capire che l’estate è fatta non solo per stare davanti alla televisione, ma anche per stare in compagnia con la famiglia. Allora decide di andare in vacanza con la famiglia del suo amico del cuo- re, di nome Rowley ma non è andata come sperava. Visto che Greg ei suoi amici non leg- gono tanti libri, alla mamma di Greg viene in mente un’idea stupenda: di fondare un club per leggere i libri; ma a poco a poco tutti i IL DIARIO DI UNA SCHIAPPA “VITA DA CANI” (di Jeff Kinney) Pagina 9 Aldo Moro EXPRESS LE STELLE Ti vedo ma non ti guardo, ti sento ma non ti ascolto. Le tue dolci parole Mi portano timore. A CURA DI RANIERI 1^C AFORISMI Il silenzio non significa sempre sì. A volte significa ‘sono stanca di spiegare a persone a cui non importa di capire’. Al giorno d’oggi, le relazioni incominciano con un “mi piaci” e finiscono con un “rimuovi dagli amici’” la gente vede, sente, parla … purtroppo vede male, sente poco e parla troppo. Vado a scuola penso a te … Vado alla lavagna penso a te … Vado al posto e prendo tre. Non ho tempo di odiare chi mi odia … Sono impegnata ad amare chi mi ama … Tanta voglia di crescere Per poi accorgersi che rimanere bimbi È la cosa più bella che ci sia. A CURA DI MOUSHINE 1^C IL TIMORE RECENSIONI: Riley non riesce ad accettare il cambiamen- to e scappa. Nel frattempo, nel Quartier Generale (ovvero il luogo della nostra mente in cui nascono le emozioni), Gioia e Tristezza vengono risucchiate da un tubo e finiscono nella memoria a lungo termine. Insieme cer- cano di ritornare al Quartier Generale anche perché, in loro assenza, Rabbia, Disgusto e Paura hanno preso il comando provocando una serie di guai. Solo dopo un lungo viaggio Tri- stezza e Gioia sono riuscite a ritornare nel Quartiere Generale. Alla fine Gioia ha capito che Tristezza sarebbe stata la salvezza di Riley perché solo accettando la Tristezza Riley inizia a compiere le scelte giuste per il suo futuro. Morale della storia: la Gioia è importante ma anche la tristezza lo è! A CURA DI NDOME 1^C Sulle verdi foglie Ci sta il bruco con le voglie Su un cespuglio tutto e’ in fiore ci sono le api che fan rumore. Da lontano nello stagno ci sono le rane, che fanno il bagno. Le campane suonano a festa sento un grillo nella testa. Nell’erba ci sono i grilli, e i bambini che corrono arzilli. I balconi sono in fiore, Trasformano tutto in colore. La primavera è arrivata E finalmente son rinata! A CURA DI GRITTI 1^C E’ PRIMAVERA!
  10. 10. ALDO MORO EXPRESS Ciao, mi chiamo Mamadou, ho 11 anni e mi sono appena trasferito in Italia. Ora vi racconterò qualcosa di me: vivevo a Kaolack, che è una città del Senegal abbastanza vicina a Dackar. Ogni mattina andavo a scuola alle otto. La mia scuola si chiamava Immaculè e le materie che facevo erano: matematica, lingua inglese, scienze, geogra- fia e storia. La storia era la mia materia preferita. Dopo la scuola giocavo a calcio con i miei amici ma prima andavo dai nonni e mangiavo un bel piatto invitante di Khie- budjen (mmm, che buoni). Poi andavo a casa e facevo i compiti. Subito dopo, mangiavo Chiere e andavo a dormire. Quando mi sono trasferito in Italia ho sentito nostalgia di Kaolack! Mi mancano molto i miei parenti, la scuola, gli amici. A CURA DI MAMADOU E NDOME 1^B E 1^C CULTURA E CULTURE: PAESI DI ORIGINE tici; quello che mi è piaciuto particolarmente era lo scivolo nel quale scorreva l’acqua. Un altro posto che abbiamo visitato è stato “Haveli”, un museo, nel quale viene rappresen- tata l’India antica, ad esempio le sculture dei contadini che lavorano la terra senza macchi- ne, le donne che si occupano della casa e figli che aiutano il padre. Inoltre alcune stanze erano fatte di terra: nell’antichità infatti il mattone costava troppo e gli uomini poveri, non avendo soldi, costruivano case fatte di terra. Questi erano i luoghi nei quali ho viaggiato: mi manca l’India, spero di tornarci presto. A CURA DI BALA 1^B Aeroporto, bagagli, aereo vi faranno ricor- dare un bel viaggio. Quest’inverno, nono- stante l’anno scolastico fosse in corso, sono dovuta partire per l’India, per partecipare ad un matrimonio. In India ci sono molte tradizioni diverse per celebrare un matri- monio; uno di questi è lo “Jaggo”, un rito che consiste nel celebrare la felicità cantando e ballando il “Giddha”. Io e mia cugina abbia- mo ballato tantissimo. Il secondo giorno ci siamo recati in un ristorante, nel quale ab- biamo ballato, scattato tante foto e cele- brato i riti. In seguito siamo andati nel “Gurudwa-ra” (tempio indiano) nel quale il sacerdote leggeva il libro sacro e lo sposo e la sposa gli giravano intorno sette volte. Successivamente, siamo tornati al ristoran- te e abbiamo celebrato il “Jaimala”, un rito nel quale il ragazzo deve mettere una colla- na di fiori alla ragazza e viceversa. Da quel momento i due sono diventati marito e mo- glie. Dopo questo rito si balla e si celebra l’ultimo rito, ovvero il “Doli”, nel quale la ragazza deve lasciare la propria famiglia e recarsi a casa del marito. Dopo due, tre giorni mio cugino, per farci piacere, ci disse di andare a Hardy’s World, un grande parco giochi. Ci siamo divertiti tantissimo, in que- sto parco abbiamo visto tanti giochi acqua- Anno 1. Numero 3. a cura della classe 1^B e 1^C. VIAGGIO IN SENEGAL VIAGGIO IN INDIA
  11. 11. ALDO MORO EXPRESS VIGNETTE: IL MONDO DI TOBY Anno 1. Numero 3. a cura della classe 1^B e 1^C. Pagina 11 A CURA DI VECCHI 1^C
  12. 12. ALDO MORO EXPRESS ENIGMISTICA Anno 1. Numero 3. a cura della classe 1^B e 1^C. Pagina 12 Definizioni orizzontali 1.La capitale dell’Italia. 3.Lo si dà al cane. 7.Gara in centro. 8.Li usano le tessitrici. 9.Parente brutto della rana 12. Un po’ di energia. 13.Vi si mette la mano quando c’è freddo. 16.Si muovono mangiando. 18.Si presentano al Festival di Sanremo. 19.Meravigliato, stupito. 21.Religioso. 22.Vocali nel patto. 23.Mezza esca. Definizioni verticali 1.Introvabili. 2.Metallo prezioso per fare catenine. 3.Vocali della notte. 4.Non la conosce l’amico fidato. 5.Prima di Ni- cola sul calendario. 6.Noia in centro. 8.La regione con Fi- renze. 10.Lo è chi ha lavorato tanto. 11.Precede a tavola la carne. 14.Dieci per dieci. 15.Fine della trasmissione. 16. Si lavano a vicenda. 17. Bisticcio. 18.Lo emette il passerotto. 20.Mezzo osso. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 C O M P I T I I I R O R R E I B A M B I N I R B I L I A B S A U M A N I T A E E B U D I S C A E U R S N L T T E N I D A I C L A E N A O C D T I C E L T A E A D V N C I E M O I L C T L M T A N G S G P E N R L O A A E G U H E I E I M I L E M D M N U Q R S G S S O A O G P I A T E P E N N A O R V C A A D I A R I O I I M D I I A P G C O R R I D O I I I A V L N N I D E E E I D E S E R C I Z I AGENDA EPISODI NOTE ALUNNI ERRORI PAGELLE BACI ESAMI PENNA BAMBINI ESERCIZI PRESIDE BIDELLE GIOVANI QUADER- NI CALAMAIO GUERRE RADICI CAMPIONI IDEE RETTORE CLASSI IMPEGNO RIUNIONI COMPAGNI INSEGNANTI SCOLARI COMPITI LAVAGNA SEDIE CORRIDOI LIBRI TEMI DIARIO LOCALI TURNI DIDATTICA MAESTRI UMANITÀ ELEMENTARE MEMORIA IL CRUCIVERBA IL CRUCIPUZZLE della scuola
  13. 13. ALDO MORO EXPRESS ENIGMISTICA Anno 1. Numero 3. a cura della classe 1^B e 1^C. Pagina 13 IL CRUCIPUZZLE scientifico A R T E R I E I M A F O R T S N R R T T T I I O O O A I S T R I F C T T V T C Z O A O T N A A A P L N E E B C S E M C M R P I L R A T U O O L U I M R L M M A P C E M O U P R A A D U V R A T Z R I S G I R I M D A C O N E M E I S O N M A L M O T L R C O S B S I O I V L I R E N N L I E N A P O A N E V N N C V E R O M A E Chiave – (5-11)Il cuore… può avere………………………………………. AMORE-ANNI MUSCOLO ARTERIE NORME ATRI PERICARDIO BATTITI PESO-PETTO CALMA POMPARE CAVITA’ PULSAZIONI CENTRO RUMORE CONICA SANGUE FORMA SISTOLE MEDIASTINO VALVOLE MEMBRANE VELO-VENA MITRALICA VOLUME D E C R I S T O F A R O M L Q D E U L E U N A M I K B N A Q C D S N E Q D E I T E T R I R E A E I V M A M O T R E G E C K L L D R W I S L E O N A R D O I O W I E M L B O L T T A V U L R G H V E V I C A I E M I F A E R D N A A R A I H C I C G W N I A X O D I F N G S L T P R Z E E G F B M R O O L V U U I O A G C B A X Z S E H I E O O C I B B U B B D Z M E A O V S F E G U A M G I F X Q Q I N A V E I P I E T R O Z B R A L E H C I M O S T O S I D W O G A L L F D Y A R I W I A N B R N P I M K F D O A E D M I G L IL CRUCIPUZZLE dei nostri nomi ( 2^ B) ANDREA BARCELLA BENFANTE BUBBICO CHIARA CIGLIONE DALILA DAVIDE DECRISTOFARO DESIREE EMILIANO FABIO FACOETTI FIORE GIAVARINI GIORGIA IKRAM KEROLAIN LEONARDO LIONEL LORENZO MANUEL MICHELA MILVIA MOSTOSI NICOLE NOHAILA PIETRO PIEVANI REDUANE SEMAA SONIA SVEVA TENTI
  14. 14. ALDO MORO EXPRESS L’orso polare è uno degli animali più a rischio d’estinzione del pianeta, insieme all’orso bruno, al lupo, alla lince iberica e al gipeto. L’orso polare si trova in Rus- sia, in Groenlandia e in Svalbard, è a rischio d’estinzione soprattutto per i cambiamenti del clima. Le 19 specie di orsi polari che abitano l’artico dal Canada all’Alaska (Stati Uniti), dalla Russia alle Svalbard (Norvegia), fino alla Groenlandia (Danimarca), sono per gran parte del loro tempo vicino alle banchise o ai loro margini, alla ricerca di cibo per nutrirsi. Il livello dei gas serra nell’atmosfera sta aumentando, ciò vuol dire che sta avvenendo un surriscaldamento globale; infatti negli ultimi anni la formazione dei ghiacciai all’avvicinarsi dell’inverno è sempre più in ritardo, per questo gli orsi polari hanno sempre meno tempo per procurarsi cibo. Molti orsi infatti trascorrono primavera, inverno, autunno ed estate alle banchise, dove è più semplice trovarne. Quando il ghiacciaio inizia a sciogliersi, molti orsi restano sui frammenti di ghiaccio galleggianti, mentre altri raggiungono la terra fer- ma, sfruttando il grasso che hanno per sopravvivere. La fitta pelliccia dell’orso polare è costituita da peli idrorepellenti ed essa nasconde una pelle nera, ideale per assorbire i raggi del sole artico. L’orso polare si è adattato alla vita del nord, dove le temperature sono rigidissime: non superano i 10° durante l’estate e scendono anche a -30° d’inverno, per questo l’habitat preferito di questo animale è il ghiaccio, dove trascorre la maggior parte del suo tempo, cacciando e riproducen- dosi. I maschi adulti di orso polare possono misurare dai 200 ai 250 cm di altezza, e possono pesare dai 400 ai 600 chilogrammi, mentre le dimensioni delle femmine sono circa la metà. Secondo me, per non mettere più a rischio d’estinzione queste specie di animali, bisognerebbe smettere di cacciarli e diminuire l’utilizzo dei gas serra per evitare il surriscaldamento globale. Apprezzo molto le associazioni che salvano gli animali in generale, come l’ ENPA (Ente Nazionale Protezione Animali) che ogni giorno “lotta” per salvare gli animali di ogni spe- cie. Molti pensano che sia stupido fare un album con una raccolta di figurine solamente per salvare gli animali ma secondo altre persone, è una cosa molto importante, perché comunque stai contribuendo a dare un aiuto al pianeta e quando sentiranno pronunciare la frase: “grazie a voi abbiamo potuto salvare molte specie a rischio d’estinzione”, si sentiranno orgogliosi di aver aiutato questi animali. A CURA DI MANZONI 1^C “I NOSTRI AMICI ANIMALI” Pagina 14 Aldo Moro EXPRESS Il mio coniglio si chiama Pepe ed è molto furbo e vivace. Ha un pelo di color noccio- la, ha la cresta e le orecchiette sempre una su e l’altra giù. Quando me l’hanno regalato, subito gli ho preso una mini vil- letta di legno perché a lui piace sgranoc- chiare il legno. Lo lascio libero per la casa perché non mi fa i suoi bisogni in giro; lui si lascia accarezzare ma se lo prendi dal fondo schiena si allunga e fugge via, invece se lo prendi dalle orecchie lui si lascia prendere in braccio. Tutte le sere dopo cena viene sempre sotto al tavolo e inizia a tirarmi il pigiama. I difetti di Pepe sono che odia i fili, le sedie di legno, i nastrini e le foglie delle piante. Una sera ero a letto e avevo lasciato aperta la porta della mia camera e sento le zampe, allora mi sono alzata a vedere dove era ed era sopra l’altro letto, quindi ho chiuso la porta e l'ho lasciato in camera mia; però io non avevo pensato che lui potesse granocchia- re tutti i fili della corrente, allora dopo un po’ sento a cadere qualcosa e vedo che lui era sul comodino e aveva sgranocchiato tutto il filo della lampada. Io a Pepe voglio tanto bene, anche se lo vedo raramente perché i miei genitori lavo- rano fino tardi e io sono sempre da mia nonna. Io una volta volevo portare Pepe da mia nonna dove c’era il suo cane Laki però non sapevo che i cani e i conigli si odiano, allora ho sentito Pepe sbattere le zampe anteriori come segno di pericolo e Laki invece iniziò ad avvicinarsi a me annusando- mi ed a saltarmi addosso, quindi ho dato il coniglio a mia mamma che l'ha portato a casa. Pepe è l’unico dei fratelli che ha il pelo diverso dai gli altri. Ora mostrerò Pepe, Laki, la sua villetta e i suoi fratelli. A CURA DI BENTI 1^B L’ESTINZIONE DELL’ORSO POLARE IL MIO CONIGLIO: PEPE
  15. 15. ALDO MORO EXPRESS Oggi vi parlerò del mio migliore amico, il coniglio. Questo buffo animaletto mol- to dispettoso di colore bianco e nero e si chiama Fulmine. Ha una macchia nera sull’ occhio destro e le zampe sono due nere e due bianche, con una coda candi- da di colore bianco e una macchia nera al centro. Fulmine è un coniglio di razza nana. Esistono altri tipi di conigli, ad esem- pio il coniglio a cresta di leone che ha corna di capricorno. Fulmine è una bestiola molto carina: quando lo lascio andare nel giardino salta come un matto, però poi quando lo chia- mo si fa prendere per farsi mettere in gab- bia. Nell’ ultima settimana fa un po’ il cattivello perché non si lascia prendere e ti morsica ogni tanto. Il mio coniglio l’ha trovato il papà di un mio amico in un cantiere e ha chiesto chi lo voleva, ma tutti quanti dicevano che se lo portavano a casa se lo cucinavano con le patatine fritte, allora il papà di Luca ha chiesto a sua moglie se per caso voleva un coniglio e lei gli ha risposto che andava bene e l’ha portato a casa; la sera, quando il papà del mio amico è arrivato a casa, mi è venuto a chiamare e abbiamo deciso il nome insieme e l’abbiamo chiamato Ful- mine, poi Luca mi ha chiesto se volevo essere la padroncina di Fulmine e io gli ho risposto che andava bene per me e allora sono diventata la sua padroncina. Il mio coniglio mangia un sacco di cose, ad esempio il suo mangime, le carote. (ma non troppe perché sta male), la lattuga e la mela secca. A CURA DI MARENZI 1^C “I NOSTRI AMICI ANIMALI” Pagina 15 Aldo Moro EXPRESS IL MIO TORO: E.T. L’animale che accudisco è il toro, mi è arrivato due anni fa, quando avevo otto anni; il mio toro ha 4 anni e si chiama Eti perché dietro le sue orecchie aveva inciso le lettere “ E T”. Quando mi avevano regalato il toro, la mia prima sensazione è stata la paura, per- ché temevo che se fosse uscito dal recinto mi avreb- be fatto male. Poi mi è passata perché sapevo che non mi avrebbe fatto niente. Il mio toro pesa circa 600kg, è alto 140cm circa ed è di colore nero con una macchia sulla coda. Gli piace mangiare soprattutto il fieno e la farina di grano. Quando mi voglio divertire vado nella stalla del mio toro, perché tante volte salgo sul fieno così mi rilasso e intanto il toro mi guarda e mangia. Mio zio, che è esperto di tori, mi ha detto che quando era piccolo i maschi e le femmine venivano separati, invece alcuni dicono che avere un toro porta anche fortuna. A CURA DI VECCHI 1^C IL MIO CONIGLIO: FULMINE Nella razza Sheltie il mantello è lungo come nella razza peruviana, ma cresce all'indietro lascian- do scoperto il musetto dell'animale; ha una notevole quantità di pelo, grosso e lucido, soprattutto ai lati e sulle guance. Mantello liscio, lungo fino alle zampe, morbidissimo e color ambra con rifles- si biondi sul dorso, due simpatici occhietti neri sempre attenti e curiosi, sempre allegro e gioche- rellone. Ama brucare erba in piccole quantità nel prato. Io adoro, durante le lunghe giornate d’estate, accarezzarlo in giardino e farlo divertire con i suoi giochini. Mi piace tanto prenderlo in braccio ogni giorno per accarezzarlo e ascoltare le sue dolci fusa. Goldie si ciba esclusivamente di frutta e verdura, i suoi ortaggi preferiti sono: lattuga, radicchio rosso, erba del prato o dei campi, basilico, prezzemolo, salvia, alloro, carote, sedano, fragole, pera, ciliegie, arancia e mela . Goldie proviene da sant’ Omobono Imagna e l’abbiamo acquistato da un veterinario che gestiva un allevamento di porcellini d’india nella sua fattoria. Giunti a destinazione ci trovammo di fronte a centinaia di porcellini d’india e non sapevamo proprio come avremmo potuto fare una scelta, ma fummo attratti da un porcellino d’india diverso dagli altri sia come aspet- to che come carattere. Chiedemmo di poterlo vedere più da vicino. Nel 2013 Goldie aveva solo quattro mesi ed io lo presi in braccio e capii subito che era lui che cercavamo. Nel frattempo mio fratello aveva già pensato al nome: “Goldie”, che significa dorato. Esattamente come il colore del suo mantello. Da quel momento Goldie non tornò più nella sua piccola gabbia ma fu accolto da noi, nella nostra casa dove avevamo già organizzato la sua stanzetta e la sua gabbia personalizzata. A CURA DI MANCORI 1^ B IL MIO PORCELLINO D’ INDIA: GOLDIE
  16. 16. ALDO MORO EXPRESS LUDOLINGUISTICA Anno 1. Numero 3. a cura della classe 1^B e 1^C. Pagina 16 TUTTI POETI CON FIBONACCI Sapendo che la serie Fibonacci è una progressione numerica (0-1-1-2-3-5-8-13) in cui ogni numero è la somma dei due pro- cedimenti, utilizzatela come regola matematica per comporre versi. Scrivete un componimento poetico in cui ad ogni nume- ro corrispondono le equivalenti parole (per ogni verso). PRIMO COMPONIMENTO Ciao, ciao, come va? bene La La. Cosa fai oggi di bello ? Faccio tante cose come giocare sempre al trotterello. Anche a me piace molto giocare al trotterello perché è troppo troppo bello. SECONDO COMPONIMENTO Piccolo piccolo come LoLò è lo stupidino che non ha un fratellino noi insieme giochiamo a rincorrerci come dei pazzoidi anche se cadiamo noi insieme ci rialziamo aiutati dai nostri cari amici stramboidi. La Filastrocca dei personaggi improbabili (realizzata con la scacchiera) Una tigre nuotava nel laghetto quando un gatto la raggiunse su un traghetto. Un bambino biondo e assai carino correva nel prato con il suo cagnolino. In fondo all’angolo più acuto c’era un orsetto muto. Poi, una splendida Barbie animata allegramente faceva una passeggiata. Nell’erba rimase abbandonato un astuccio sporco per fortuna lo raccolse l’amico Orco. A CURA DI GREWAL E BALA 1^C E 1^B
  17. 17. ALDO MORO EXPRESS La prima volta che sono arrivata davanti al cancello di scuola ero da sola perché cono- scevo solo Bryan e Emma, ma loro non c’erano. Poi sono arrivati altri alunni della mia stessa età e c’era una ragazza che era lì da sola, allora io mi sono fatta avanti e le ho chiesto se voleva fare amicizia: lei ha accettato e ora dopo tutto siamo ancora amiche. A metà anno scolastico con me c’è stato un problema: infatti ad alcuni compagni non andavo bene perché dicevano che con il mio comportamento facevo litigare persone che erano amiche già dall’infanzia, però da quei pochi alunni che si lamentavano alla fine mi hanno dato addosso tutti. I miei compagni hanno dunque pensato di prepararmi una “lettera di cambiamento entro 3 settimane,” che conteneva le seguenti indicazioni: -non litigare più con gli altri -non parlare alle spalle di altri -rispettare gli altri Io in quel momento se avessi avuto una pala mi sarei scavata una fossa e sarei sprofondata sottoterra. Dopo una settimana ho cercato di cambiare un po’ ma non so se dal punto di vista dei miei compagni ero cambiata abbastanza. Dopo tre settimane ho fatto un passo avanti e ho iniziato a scusarmi con loro. Ora vado d’accordo con quasi tutti: un po’ mi hanno fatto soffrire, ma mi rendo conto che senza il loro aiuto non ce l’ avrei fatta. A CURA DI BENTI E RAPIS 1^B ADOLESCENTI ALLO “SBARAGLIO” Pagina 17 Aldo Moro EXPRESS LE DINAMICHE DI CLASSE COSA DICONO LE RAGAZZE... Noi ragazze spesso veniamo paragonate a delle Barbie che sorri- dono sempre, simpatiche, dolci, tenere e carine (fisicamente), ma vi possiamo assicurare che dopo aver letto questo articolo cambie- rete opinione. Di sicuro siamo molto complicate, quando qualcuno ci chiede qualcosa e rispondiamo di “sì”, spesso significa “no” e vice- versa. Siamo molto competitive, la maggior parte delle volte si litiga perché magari una va in giro a far vedere che ha il voto più alto, o che piace al ragazzo più bello della classe, insomma alla fine ce ne dicia- mo di ogni e ci può essere la litigata che dura un giorno e quella che dura un mese. Le liti tra ragazze nella nostra classe si verificano spesso in palestra durante le partite di palla prigioniera, ad esempio quando si dice: ”io non prendo te, tu non prendi me”, poi non si rispetta il patto e si litiga per delle cavolate. Solitamente, quando una ragazza di maggiore età passa davanti ad una più piccola, si sente superiore. Spesso all’interno della classe si creano dei piccoli gruppi formati da ragazze solidali e che difendono i com- pagni più fragili, mentre altri gruppi sono formati da ragazze che si sentono superio- ri e fanno le prepotenti peggio dei maschi! Speriamo che ora abbiate capito che le ragazze spesso non sono come dimostrano di essere. A CURA DI BALA E MANZONI 1^B E 1^C COSA DICONO I RAGAZZI... In tutte le classi ci sono persone che vanno d’accordo ed altre invece che non si sopportano; alcune addirittura erano amiche fin dalle ele- mentari per poi scoprirsi acerrime nemiche alle medie. Ma come av- viene tutto ciò? A volte queste dinamiche si creano a causa di amici, altre volte invece a causa del maggior peso che i voti sembrano assu- mere alle medie. Spesso, questi nodi vengo- no al pettine durante l’ora di ginnastica, quando si gioca a palla prigioniera, forse perché tutti pensano che il nostro profes- sore sia più tollerante. Un elemento della nostra classe, ma non solo lui, ha il vizio di prendere in giro, provocare o proporre sfide che non riesce a vincere. Molti di noi, dicono sempre di non dargli ascolto, ma secondo la mia opinione è praticamente impossibile, perché se si ignora continua con offese ben più gravi. Indovinate un po’ dove succedono queste cose? Esatto, nello spoglia- toio della palestra, solitamente in quello maschile. Durante l’ultima gita, però, io e lui abbiamo discusso questo fatto, e siamo giunti ad un chiarimento. La mia questione è risolta, mentre i miei amici devono ancora fare pace con lui. Tra maschi e femmine è questa la differenza: noi le cose le risolviamo in qualche modo, magari a botte o a insulti, ma alla fine trovando una soluzione. Le femmine invece si trascinano la lite anche per diversi mesi, perché non sono capaci di dirsi le cose in faccia! A CURA DI HOTU 1^C
  18. 18. ALDO MORO EXPRESS Si trova scritto in molti articoli (ed è un opi- nione comune) che il telefonino peggiora la vista, l’udito oppure che ti può causare gravi dipendenze e a volte ti serve per colmare paure o insicurezze. Alcune di queste cose sono vere per metà mentre altre sono del tutto false. Per esempio non è vero che i tele- foni hanno un impatto negativo sui ragazzi, anzi, riesci a fare nuove conoscenze tramite i social o a rafforzare amicizie sia a distanza che in vicinanza; inoltre la tecnologia degli smartphone può essere funzionale ad un uti- lizzo didattico, come avviene ad esempio al Liceo Scientifico Lussana, dove sono utilizzati i tablet al posto dei libri. Certi ragazzi, però, fanno un uso eccessivo del telefono e questo fa temere che essi diventino un elemento di distrazione: a questo si può ovviare fissando alcune semplici regole, come impostare una fascia oraria di utilizzo oppure limitarlo all’uso scolastico. La cosa che non riesco a capire è perché si facciano tante storie que- sti smartphone: in fondo il mondo si è sempre evoluto. Pensiamo per esempio all’invenzione della stampa e questo ciclo si ripeterà per sempre perché il progres- so è nell’ordine delle cose. Forse il pro- blema è che sono gli adulti ad avere paura delle nuove tecnologie, perché non le sanno usare, e d’altro canto noi che le sappiamo usare non sappiamo spesso come comportarci: allora forse dovremmo colla- borare, noi mettendoci le competenze da SMARTPHONE A SCUOLA: SÌ O NO? Pagina 18 Aldo Moro EXPRESS Tra gli adolescenti, i soggetti più compulsi- vi si sono dimostrate le ragazze che si lasciano coinvolgere dai messaggi delle chat e l’ansia di controllarli danneggia il loro rendimento scolastico. Uno studio, però ha dimostrato che allontanarsi per una settimana, o più, dal proprio smartpho- ne, porterebbe, chi ne fa uso, a non sentir- ne più la mancanza in quanto si sforzereb- be di trovare delle soluzioni alternative per affrontare la giornata. Sicuramente emer- gerebbero alternative anche più produtti- ve, perché alla fine non siamo noi a essere dipendenti dai telefoni, ma è esattamente il contrario! Telefoni a scuola… Per quanto riguarda l’uso dei telefoni a scuola, ogni istituto ha delle proprie regole, infatti per esempio il nostro regolamento scolastico cita che: “E’ fatto divieto di introdurre telefoni cellulari nell’Istituto Scolastico, se non previa specifica richiesta della fa- miglia. In questi casi, gli alunni dovranno consegnare il proprio telefono, al momento LE RAGIONI DEL SÌ LE RAGIONI DEL NO [Continua da pag 1] dell’ingresso a scuola, ai Collaboratori Scolastici, i quali depositeranno gli stessi nella cassaforte della scuola per la neces- saria custodia. I telefoni saranno ripresi in consegna dagli alunni al momento dell’uscita.” Io penso che la regola del nostro Istituto sia giusta, perché il tele- fono a scuola sarebbe solo una fonte di distrazione continua… Se ne può benissimo fare a meno!!! Demenza digitale… La tecnologia è sinonimo di futuro e sem- pre più spesso sentiamo parlare di born digital, ossia “nativi digitali”, riferendosi alla generazione attuale che, con queste tecnologie, ha a che fare fin dalla nascita e spesso le padroneggia molto meglio degli adulti di riferimento. In America si è arri- vati progressivamente all’abbandono del corsivo, considerata una scrittura antiqua- ta e scomoda: lento da scrivere e difficile da capire, infatti nelle scuole libri e qua- derni iniziano a cedere il passo a dispositi- vi elettronici. Perciò l’uso sempre più mas- siccio di tablet, smartphone e computer sia a scuola che a casa, inizia a far cresce- re preoccupazioni di “demenza digitale” e gravi danni neurologici nei bambini. Molti studi infatti affermano che la tecnologia può avere effetto negativo sull’istruzione e che la scrittura a mano migliora l’attenzione e la capacità di lettura e po- tenzia l’apprendimento. A CURA DI MANCORI 1^B nativi digitali, loro l’esperienza e il senso di responsabilità che spesso a noi manca. A CURA DI RANIERI 1^ C LIBERI DAI CELLULARI ! ! ! !
  19. 19. ALDO MORO EXPRESS La Calcinatese è scarsa: ma questa non è una novità… Sabato scorso ci siamo ritrovati al campo di Calcinate all’ una e 45 e siamo partiti alle 2. Giunti al campo di Albano abbiamo atteso la squadra avversaria. Abbia- mo fatto l’allenamento a piacere. Iniziata la partita abbiamo incomincia- to noi a tirare la palla, ma ce la rubavano sempre e la tiravano in porta. Alla fine abbiamo fatto solo un gol mentre loro ne hanno segnati ben 9!! La colpa però non è del tutto del portiere (cioè mia) perché la difesa era tutta spostata in avanti e quelli di Albano erano veloci come un Freccia Rossa. Alla fine riuscivano a centrare sempre l’incrocio dei pali. Io ci provavo, ma senza difesa non ho avuto scampo! Speriamo vada meglio la prossima volta!! A CURA DI BASSANI 1^B La Champions League è un torneo di calcio che si svolge tutti gli anni in tutta l’Europa. La coppa della Cham- pions è fatta d’argento. Dopo la finale sul trofeo viene inciso il nome della squadra vincitrice. La Champions 2015 è stata vinta dalla FC BARCELLONA, contro la JUVENTUS per 3-1. Quest’anno sono state qualificate le squadre: ATLETICO MADRID, REAL MADRID, MANCHESTER CITY, BAYER MONACO per quarti di finali. Il BARCELLONA è stato squalificato dall’ATLETICO MADRID, perché L’ATLETICO MADRID aveva capito la strategia del BARCA, dopo la sconfitta dei quarti di finali della Cham- pions League la FC BARCELLONA ha cambiato la strategia e per questo è riuscita a vincere 8-0 contro il DEPORTIVO, 6-0 contro il VILLERE- AL,2-0 contro BETIS e 5-0 contro ESPANYOL e 3-0 contro GRANA- DA. Il pallone della Champions League viene cambiato ogni anno. La fina- le della Champions League che si è svolta il 28 MAGGIO allo stadio SAN SIRO è stata trasmessa da tutti i canali di sport. È stata una specie di derby: infatti si sono scontrate l’ATLETICO MADRID con il REAL MA- DRID: alla fine ha vinto il REAL ai rigori con uno strepitoso gol di Cri- stiano Ronaldo. Quest’anno sono stati loro a sollevare la celebre “Coppa dalle grandi orecchie”. A CURA DI MANJOT 1^B SPORT: IL CALCIO Anno 1. Numero 3. a cura della classe 1^B e 1^C. Pagina 19 LA CALCINATESE “EL PIBE DE ORO” MARADONA Diego Armando Maradona è un ex calciatore argentino, nato a Lanùs il 30 ottobre 1960 nella periferia di Buenos Aiers. Fin da bambino ha sempre amato e giocato a calcio, come tutti gli altri bambini della periferia. Gran parte della sua giornata, la trascorreva giocando a pallone. E grazie ai piccoli spazi in cui era costretto a giocare, tra macchine, passanti e trasporti, egli imparò a manovrare la palla in modo magistra- le. Era già un mito per i suoi amici e così iniziarono a chiamar- lo “el pibe de oro” (il ragazzo d’oro). Verrà chiamato così anche quando diventerà una celebrità. Ben presto passa a praticare il calcio a livello professionistico: all’inizio, entra a far parte dei “Argentinos Juniors” poi nei “Boca Juniors”. Grazie alle sue capacità, già a 16 anni è stato scelto per en- trare nella nazionale Argentina. Da allora prende il volo la sua carriera, che tuttavia non è stata tutta rosa e fiori: insieme alla fama e alla ricchezza, sono arrivate le tentazioni, per le donne, la “vida loca” e soprattutto la droga: infatti è risulta- to 2 volte positivo a un test antidoping, ma a fregarlo è so- prattutto lei, la “polvere degli dei”. La cocaina... E da quel momento è solo una lunga, rapida discesa, costellata di scan- dali. Sempre a causa degli eccessi, l’ex “pibe de oro” arriva a pesare 127 chili e deve ricorrere ad un bypass gastrico per rientrare in forma. Nel 2014 Maradona sostiene Fidel Castro nella sua battaglia politica (l’aveva conosciuto all’inizio del suo tentativo di riabilitazione dalle droghe, trascorso per l’appunto a Cuba), ma già in precedenza aveva spreso ammira- zione per il presidente venezuelano Hugo Chavez e per Erne- sto “Che” Guevara. Resta un personaggio controverso e per molti versi affascinante: episodi particolarmente “gustosi” della sua vicenda sono il famoso “gol di mano” contro l’Inghilterra nei mondiali del Messico nel 1986 (Maradona disse che era stata la “mano de Dios” a segnare, per via della contesa tra l’Argentina e l’Inghilterra per il possesso delle isole Falkland), o, nella stessa partita, lo “slalom” pazzesco che nemmeno il cronista sportivo Viktor Hugo Morales era riuscito a rendicontare per quanto era stato rapido (60 me- tri in 10 secondi, saltando 5 avversari!), se non con un “ta-ta- ta-ta-ta-ta... Goooooool... “. A CURA DI DIALLO E REDA 1^C A CHI PIACE LA CHAMPIONS?

×