7 dì 6 febbraio 2013

306 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
306
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

7 dì 6 febbraio 2013

  1. 1. PDSan Donato Milanese “7 Dì” Rassegna stampa6 febbraio 2013Pubblichiamo gli articoli usciti sulla stampa locale negli ultimi 3 giorni.Realizzato dal nostro gruppo di comunicazione, questo servizio bisettimanaledi rassegna stampa vuole offrire ai visitatori del nostro sito la possibilità diaggiornarsi su quanto accade sul territorio sandonatese a livello politico,sociale, economico e sindacale .Buona lettura. Il PD di San Donato Milanese 4 / 6 febbraio 2013SegnalazioniMolta è l’informazione veicolata dalla stampa locale negli ultimi 2 giorni.Segnaliamo gli articoli di maggior rilievo apparsi su “Il cittadino”, “Quindici”e“L’Eco”.1. “Progetti futuri condivisi con San Giuliano Milanese” (martedì- Quindici - articolo 1)2. Checchi e Lorenzano a Twenty’z radio annunciano il maxi parco fra le due città (mercoledì - Il cittadino -- articolo 1)3. Nuovi servizi per raccolta rifiuti e per la pulizia cittadina (mercoledì – il cittadino, articoli 2 e 3).4. Riqualificazione del sistema d’illuminazione pubblica : mercoledì – L’eco - articolo 2 dal titolo “Una... luce nuova in città”.NotizieInteressanti i pezzi:  Avvocati e notai a chilometro zero: boom di contatti per le consulenze - Il servizio gratuito a cascina Roma ha fatto registrare il tutto esaurito (martedì – il cittadino – articolo 3).  I neolaureati preferiscono lavorare all’Eni (mercoledì – il cittadino articolo 4). 1
  2. 2. Martedì 5 febbraio Fonte: IL CITTADINO 1. Le polveri nella norma, niente misure anti smog - Saltano i blocchiNon ci saranno blocchi delle auto e caloriferi spenti a San Donato e Milano nel fine settimana enemmeno domenica prossima. L’ha comunicato ieri la Provincia di Milano revocando iprovvedimenti restrittivi della circolazione che sembravano alle porte fino a ieri. Invece i valori dipm10 dopo la domenica ventosa del 3 febbraio sono scesi sotto la soglia dei 50 microgrammi permetro cubo e quindi la “cabina di regia” provinciale sui protocolli antismog ha comunicato alleamministrazioni confinanti con Milano la non necessità di inasprire le misure di contenimento dellepolveri sottili. La cabina si è comunque riunita anche stamattina per proseguire i lavori del tavolopermanente dell’aria e illustrare le proposte al Pria, Piano regionale degli interventi per la qualitàdell’aria. Il protocollo di collaborazione Provincia-enti locali nel Sudmilano comprende San Donato,San Giuliano, Melegnano e alcuni centri minori del circondario melegnanese. In prima linea peròc’è soprattutto San Donato, per la posizione di prossimità alla metropoli. Il pacchetto misure giàentrate in vigore una volta il 15 gennaio scorso prevede che in caso di superamento per diecigiorni consecutivi dei 50 mcg/m3 di pm10 scattino le seguenti restrizioni: divieto di circolazione sututto il territorio di Milano per i veicoli diesel Euro 3 senza filtro (per cui l’ingresso è già vietato inarea C), e interventi di controllo sulla temperatura massima dei riscaldamenti. Negli edifici pubblici,scuole escluse, è imposta la diminuzione di un grado, da 20 a 19, e la riduzione di due ore (da 14a 12) della durata di accensione degli impianti. È impedita anche la vendita commerciale a porteaperte, con dispositivi che tengono aperti automaticamente gli ingressi. Viene chiesto agli esercizicommerciali di non fare uso di dispositivi che, al fine di favorire l’ingresso del pubblico, consentonodi tenere aperte le porte di accesso ai locali. 2. Via Marignano, torna l’asfalto e spariscono gli autobloccantiLe mattonelle autobloccanti della pavimentazione di via Marignano lasceranno spazio all’asfalto: ilcantiere prenderà quota nella giornata odierna. Il rivestimento infatti si è rivelato poco adatto asopportare il continuo viavai anche di mezzi pesanti che si concentra nello strategico trattocollocato tra piazza IX Novembre e l’area di accesso al terminal della metropolitana. Per circa unasettimana quindi pendolari e passeggeri troveranno l’impresa impegnata nella rimozione deiblocchetti e negli interventi di asfaltatura, che non dovrebbero in ogni caso comportare disagi. Inuna nota diramata dal Comune viene infatti ricordato che «i lavori saranno realizzati in modo danon ostacolare la viabilità che durante le ore diurne in quel tratto di strada è limitata ai mezzipubblici e ai taxi». Con l’occasione viene anche sottolineato che non ci saranno sprechi, in quantole mattonelle rimosse verranno recuperate per sistemare la pavimentazione del piazzale su cui siaffaccia la stazione delle biciclette. E i pezzi che rimarranno verranno invece conservanti per lamanutenzione di altri segmenti di strade sandonatesi che necessitano di manutenzione. È la primadi una serie di iniziative concentrate nella parte di territorio che ospiterà i silos per le biciclettenell’ambito di un progetto co-finanziato che prevede anche la realizzazione di una ciclofficina,quale luogo anche di promozione culturale sulla mobilità sostenibile, attraverso l’ampliamento dellavelostazione. In concomitanza con le novità previste potrebbero essere anche inserite alcunevariazioni all’attuale assetto dell’area che ospita il capolinea degli autobus. Intanto, un primo passoviene compiuto nel pezzo di via Marignano con un’iniziativa che tra una settimana di temporestituirà ai mezzi e ai pedoni un manto asfaltato, risolvendo il problema delle mattonelle rotte escheggiate. Una prima modifica a cui, in base alle prospettive di cui si parla da tempo, dovrebberoaggiungersene altre nei prossimi mesi. Giu. Cer. 3. Avvocati e notai a chilometro zero: boom di contatti per le consulenzeIl servizio gratuito a cascina Roma ha fatto registrare il tutto esauritoSan Donato affamata di avvocati e notai. Ma, dati i tempi, risparmiando se possibile. Quasiquaranta appuntamenti in due mesi per lo sportello legale e trenta prenotazioni per quello notarile,il che significa agenda del notaio piena fino a maggio. E nel futuro, l’intenzione di continuare lamediazione familiare e riprendere il discorso dello “psicologo a chilometro zero”. Questi i numeridei servizi avviati prima di Natale a cascina Roma, con la formula dell’avvocato (o del notaio) inmunicipio. Nell’ultimo scorcio del 2012 il Comune di San Donato ha battezzato lo Sportello diorientamento legale, che ha avviato gli appuntamenti all’inizio di dicembre. Alla data di martedì 22 2
  3. 3. gennaio contava 23 colloqui svolti e 12 prenotazioni. Numeri che significano pieno delleprenotazioni per i prossimi tre martedì, fino all’inizio di febbraio. Il front office di orientamento deinotai ha iniziato l’attività esattamente il 24 gennaio facendo subito il tutto esaurito: in trenta hannogià chiesto di essere ricevuti per questioni di acquisto immobili, rogiti, successioni testamentarie esimili. La richiesta è tale che ci vorranno già giovedì prossimo due notai. In totale, 65 contatti inpoco più di un mese per l’idea che riprende la formula milanese dell’avvocato di prossimità, o delnotaio di prossimità, esportandola per la prima volta fuori dai confini del capoluogo di provincia.San Donato infatti è attualmente l’unico centro sopra i 15mila residenti, nell’area sud est Milano, adavere il front office legale e notarile; un servizio che è stato introdotto in alcune piccole realtà dellazona, ma manca tuttora in quasi tutte quelle più grandi. «I numeri danno ragione alla scommessa -osserva Chiara Bacchiega, assessore al lavoro e ai tempi e organizzazione di vita - c’è bisognodi un riferimento come questo. La convenzione firmata con l’ordine forense di Milano e con quellodei notai durano un anno, ma visti i dati iniziali penso che andremo avanti». In realtà il punto diconsulenza legale esisteva già sotto l’amministrazione Dompè, come iniziativa collegata a SpazioDue e l’attuale amministrazione non lo nega, rivendicando però «il fatto che la copertura in terminidi tempi e l’ampiezza delle materie di competenza sono state estese rispetto al passato». Ma cosavanno a chiedere i sandonatesi all’avvocato in cascina Roma? «Una specifica degli argomenti nonl’abbiamo ancora fatta - osserva Bacchiega - però è nostra intenzione procedere anche a questastatistica appena possibile. In linea generale sembra prevalga il diritto familiare, della casa eassicurativo». Anche qualche piccola impresa, di tipo unipersonale o simile, chiede aiuto adistricarsi nelle secche della burocrazia. I legali che il martedì mattina arrivano in cascina Romanon sono mai gli stessi. La rotazione è una regola scelta proprio per evitare che sorgano conflitti diinteresse o simili. È l’ordine dei giureconsulti di Milano a stabilire quali soci occupino, a rotazione, ilruolo richiesto dalla città dell’Eni. Negli auspici dell’amministrazione e di Spazio Due anche ilritorno della mediazione familiare e del counseling psicologico, anche loro in continuità con formulefortunate degli ultimi anni: «Estendere i servizi a psicologo e mediatore è nel nostro programma»,conferma Bacchiega. Emanuele Dolcini Fonte: QUINDICI 5. Progetti futuri condivisi con San Giuliano MilaneseProve tecniche di dialogo per futuri progetti condivisi, ad esempio: servizi allapersona, sicurezza e viabilitàUna proficua collaborazione tra due città territorialmente vicine e con molte esigenzecomuni. Le “prove tecniche di dialogo" tra San Donato e San Giuliano proseguono conconvinzione. Dopo i diversi incontri tra i Sindaci Andrea Checchi e Alessandro Lorenzano etra assessori omologhi, oggi pomeriggio, presso il Municipio sandonatese, le due Giunte sisono riunite a ranghi compatti. Obiettivo dell’incontro, porre le basi per la realizzazione di progettifuturi condivisi. “In questo momento di profonda flessione economica – ha dichiarato il Sindacodi San Donato, Andrea Checchi a margine dell’incontro – è fondamentale attivare partnershipragionando nell’ottica che le esigenze dei cittadini spesso travalicano i confini delle singole città. Leeconomie di scala derivanti dall’unione delle nostre forze con quelle di San Giuliano ciconsentirebbero di offrire quelle risposte ai cittadini che come singolo Ente faticheremmo agarantire per la ristrettezza delle risorse e per i pressanti vincoli di bilancio. Su temi come iservizi alla persona, la sicurezza, la cultura, la viabilità e la mobilità dolce, ad esempio,pianificando in termini più ampi rispetto al singolo territorio comunale si possono adottaresoluzioni più efficaci. Per questo siamo convinti che il dialogo con San Giuliano rappresenti unarisorsa importante da coltivare nel tempo". "Abbiamo introdotto un metodo per dire bastaall’assurdo isolamento del passato – ha commentato il Sindaco Lorenzano –: le sinergie traSan Giuliano e San Donato consentiranno di ottenere risultati migliori per l’intera collettività.Non solo dichiarazioni di intenti, ma spazio ai fatti concreti: ci sono progettualità e idee darendere operative. Una vera e propria visione di insieme, che coniughi sviluppo e ambiente.Pensiamo a un grande polmone verde che unisca i due territori comunali, dall’ospedale di SanDonato a via Risorgimento a San Giuliano: le città unite da un grande parco, grazie alle pisteciclabili che ne faranno una sola entità agganciata all’area metropolitana. La Sicurezza, il bigliettounico per un sistema di trasporto integrato, un collegamento più funzionale tra Borgolombardo,Civesio e il quartiere di via Di Vittorio: su questi e altri fronti le due amministrazioni sarannoimpegnate congiuntamente". La prima prova tangibile della collaborazione tra i due enti saràvisibile in primavera quando termineranno i lavori per la realizzazione della ciclabile che unirà idue Comuni. 3
  4. 4. 6. Lavori Enipower in via Correggio Da martedì 5 febbraio, i lavori per lestensione della rete cittadina del teleriscaldamento, interesseranno via Correggio su cui sarà progressivamente interdetta la circolazione Prosegue l’estensione della rete cittadina del teleriscaldamento a opera di Eni Power. Da martedì prossimo a essere interessata dall’intervento sarà via Correggio. Per consentire la realizzazione degli scavi e la posa della rete, la strada sarà progressivamente chiusa alla circolazione. Nei primi giorni il divieto di transito interesserà il tratto compreso tra via Vannucchi e via Battisti. A seguire, per un periodo di circa due mesi (salvo complicazioni), la chiusura sarà estesa fino allincrocio con via Cornegliano. I lavori, oltre alle limitazioni alla viabilità, comporteranno la modifica temporanea dei percorsi della linea C-Blu AGI in direzione M3 e della linea 132 ATM in entrambe le direzioni, seguendo tragitti provvisori che saranno adeguatamente illustrati presso le fermate dei mezzi (e sulla home page comunale www.comune.sandonatomilanese.mi.it) a cura dei gestori del servizio di trasporto pubblico. Al procedere dei lavori, inoltre, verrà aggiornata la segnaletica per indirizzare gli automobilisti lungo i tragitti alternativi. 7. Fare sport costa meno - La giunta comunale ha ricalibrato le tariffe delle strutture del Parco Mattei Da qualche giorno fare sport a Metanopoli costa meno. La Giunta, infatti, ha ricalibrato le tariffe per l’utilizzo delle strutture del Parco principali beneficiari della decisione di ritoccare a ribasso il costo per l’utilizzo degli impianti sono le associazioni sportive operanti nel centro di via Caviaga e anche i singoli utenti, in particolare quelli del tennis. Questi ultimi, per effetto della scelta dell’esecutivo cittadino, potranno utilizzare i terreni di gioco affrontando una spesa decurtata del 25%. La tariffa oraria per l’affitto dei campi da tennis infatti, scende da 20 euro a 15 euro. Tranne poche conferme (ad esempio, per gli abbonamenti mensili al parcheggio mantenuti a 10 euro, e per il costo orario mattutino dellaffitto della pista di atletica pari a 15 euro) le tariffe, nella maggior parte dei casi, sono state diminuite con sconti che si spingono ben oltre il 50% (ad esempio, nel caso dellaffitto diurno del campo di calcio per disputare un match il cui costo orario scende da 260 a 120 euro). Da segnalare, infine, come nella ricalibrazione dei costi a carico degli utenti non sia stato incluso alcun aumento. “In attesa della riqualificazione integrale e radicale del centro sportivo – ha dichiarato l’Assessore allo Sport Matteo Sargenti – abbiamo deciso di rivedere le tariffe in vigore nel prossimo semestre. La riduzione delle stesse deriva dalla volontà di adeguarle al livello tariffario applicato dalle altre strutture presenti nel circondario e anche dalla valutazione delle condizioni, spesso precarie, in cui si trovano attualmente gli impianti". Mercoledì 6 febbraio Fonte: IL CITTADINO 1. Checchi e Lorenzano a Twenty’z radio annunciano il maxi parco fra le due città Primi cittadini ospiti a Twenty’z radio. I sindaci di San Donato e San Giuliano, Andrea Checchi e Alessandro Lorenzano, hanno preso infatti la parola davanti ai microfoni della trasmissione “Seven” dell’emittente in streaming, diretta da Matteo Castelnuovo e condotta da Cinzia Caserio, con la regia di Fabio Zingrini. Con l’occasione i due amministratori pubblici dei comuni confinanti, lunedì hanno rilanciato l’intenzione di realizzare un parco di interconfine nel tratto che circonda la pista ciclabile di collegamento tra le due città. Dopo quindi la seduta congiunta degli esecutivi di centrosinistra, che si è tenuta nei giorni scorsi nel municipio di San Donato, le strategie per le zone di confine sono state poste al centro della trasmissione radiofonica. 2. La discarica adesso arriva a domicilio L’iniziativa del nuovo gestore per la raccolta della spazzatura: ci si potrà liberare di alcuni rifiuti senza recarsi alla piazzola - Scatta da venerdì la novità della stazione ecologica itinerante A partire da venerdì il territorio avrà un Centro ambientale mobile. A turno i sandonatesi avranno infatti a disposizione una stazione ecologica itinerante, che inaugurerà un nuovo servizio teso ad incentivare la suddivisione degli scarti, sulla base di un progetto che il nuovo gestore Amsa ha già sperimentato nella metropoli. In particolare i sandonatesi potranno liberarsi dei piccoli 4
  5. 5. elettrodomestici senza doversi recare presso la piattaforma di via Monticello. Il venerdì, inconcomitanza con il mercato rionale, i cittadini incontreranno l’attrezzato punto di raccolta, chestazionerà con il presidio di un operatore, nell’area antistante il Comune, presso il Concentrico.Mentre nella giornata di sabato a turno il servizio raggiungerà il quartiere di via Di Vittorio, nonchéla zona in prossimità del Centro commerciale “l’Incontro” e la frazione di Poasco. «È una novità -annuncia l’assessore all’ecologia Andrea Battocchio -, che verrà testata con cadenzabisettimanale a partire dai prossimi giorni, con ulteriori prospettive per il futuro». Rivelando iprossimi passi, prosegue: «Al fine di dare merito ai cittadini virtuosi, il sistema funzionerà poi con laTessera sanitaria regionale, consentendo di individuare i rifiuti gettati dai singoli utenti, i quali seutilizzeranno correttamente il servizio avranno sconti sulla Tia (Tariffa di igiene ambientale)».L’iniziativa rientra tra le strategie tese ad incentivare la suddivisione della spazzatura attraverso uncoinvolgimento attivo della cittadinanza. Ulteriori informazioni all’esordio di un progetto che sta peraccendere i motori saranno a disposizione presso il punto di riferimento itinerante. E a a breveverrà divulgato anche un elenco della tipologia di oggetti che si potranno gettare nell’appositocontenitore mobile, ormai pronto ad entrare in funzione con prove concrete sul campo. Per ilmomento si parla di cellulari vecchi, navigatori satellitari, lettori di Dvd e altra tecnologia pocoingombrante, sebbene gli addetti ai lavori avranno una certa flessibilità nel definire le regole di quelche si può e quel non si deve buttare nella stazione ecologica. La novità fa parte del ventaglio diservizi aggiuntivi introdotti da Amsa, che con l’inizio di febbraio ha preso in mano le redini delsettore ambientale. Migliorie sono previste anche per quanto concerne il ritiro dei rifiutiingombranti, con un potenziamento dei giorni di passaggio dei mezzi e degli addetti. «Sono incorso una serie di valutazioni - fa presente l’assessore -, con l’obiettivo di portare da due a tregiorni alla settimana il ritiro degli ingombranti a domicilio su prenotazione, al fine di contenere itempi di attesa e di garantire quindi un clima di maggiore ordine nei quartieri». Giulia Cerboni 3. In azione una flottiglia di “mini spazzatrici” per la pulizia di marciapiedi e piste ciclabiliMini spazzatrici di un metro e 30 centimetri entreranno in funzione nelle piste ciclabili del territorio,che sino ad ora, in mancanza di strumenti specifici, sono state pulite “a mano” dagli operatoriecologi. E anche i marciapiedi della città per la prima volta verranno lavati grazie allo stessosistema che consentirà, non appena messo a punto, la pulizia strade con le auto parcheggiate.Tecniche che consentiranno dunque l’abolizione del divieto di sosta in concomitanza con ilpassaggio della spazzatrice e la fine di molte battaglie per il posto auto negli orari in cui entra invigore il divieto. Per il momento il sistema verrà sperimentato, quartiere per quartiere, mantenendoin vigore le regole esistenti, ma non appena verranno testati tempi, modalità ed eventuali ostacoli,legati ad esempio alla presenza di alberi in alcuni quartieri, entrerà in vigore una novità assolutaper questo tratto di hinterland, di cui si parla sin dalla pubblicazione del bando per l’affidamento delsettore di igiene ambientale. Partiranno da subito una serie di verifiche riguardanti ad esempio itempi necessari ai mezzi, al fine di rivedere eventualmente anche gli orari della turnazione deiquartieri in un’ottica di riorganizzazione del servizio che terrà conto di una serie di novità. I lavorisono appena partiti e le modifiche passeranno dalle prove sul campo ormai giunte al decollo. Siparla anche di mezzi ecologici che aumenteranno nel tempo, contribuendo così in manieraimportante alla lotta contro lo smog. Queste le prime strategie in tema ambientale a cui, spiegal’assessore Andrea Battocchio, si aggiungeranno man mano ulteriori migliorie attualmente alvaglio. Già annunciato anche l’arrivo di 600 nuovi cestini per la carta, con particolare attenzione aiquartieri che ne sono carenti. Giu. Cer. 4. I neolaureati preferiscono lavorare all’EniL’azienda energetica si conferma in testa alle classifiche di gradimento - Il dato inuna ricerca condotta su un campione rappresentativo: è la realtà ottimale pergarantire un brillante futuroI giovani neolaureati al di sotto dei 30 anni di età ritengono che l’Ente nazionale idrocarburi, meglioconosciuto con la sigla Eni, di San Donato, sia l’azienda ottimale per garantire un brillante futurolavorativo completo di possibilità di formazione e di carriera all’interno dell’azienda con relativoprestigio e guadagno. Questo è il dato che emerge da una ricerca eseguita da una strutturainternazionale, che pubblica successivamente i dati della Recent graduate survey (Rgs), cheanalizza la percezione del mondo del lavoro da parte dei neolaureati riferendosi a ben 153 aziendecon caratterizzazione ed operosità non esclusivamente nazionale. L’Eni risulta l’azienda preferita 5
  6. 6. come luogo di impiego tra il numero di neolaureati che vorrebbe andare a lavorare in una determinata azienda. Eni assume 300-400 giovani laureati ogni anno. Tra l’altro, le assunzioni femminili sul totale sono passate dal 20 per cento di cinque anni fa al 23 per cento attuale, con l’obiettivo però di arrivare al 28 per cento. La Recent graduate survey analizza, ogni anno dal 2002, i punti di vista e le aspettative dei neolaureati sul mercato del lavoro, le loro preferenze e gli obiettivi nei confronti delle aziende. I dati raccolti, quindi, costituiscono un osservatorio statistico permanente sull’evoluzione delle opinioni e sull’immagine delle aziende. Tra i suoi obiettivi la Rgs analizza il gradimento dell’impresa come luogo di lavoro assegnando il “Best employer of choice”, ossia in quale azienda vorrebbero andare a lavorare i neolaureati. A questo scopo sono state prese in esame 153 aziende tra le principali realtà imprenditoriali operanti in Italia. Solidità economica, formazione, opportunità professionali internazionali, sensibilità ai temi dello sviluppo sostenibile, cooperazione, interculturalità, costante investimento nell’innovazione tecnologica, sono alcune delle parole chiave che i giovani ricercano in un’impresa ideale e che hanno premiato Eni nella scelta dei neolaureati. Da segnalare che è il terzo anno consecutivo che Eni è ai vertici di questa classifica, seguita da Ferrovie dello Stato(l’anno scorso terza), Bnl(14esimo posto nel 2012), Apple (sesta)e Banca d’Italia(settima) appaiate al quarto posto; al quinto Mondadori e Google, nel 2012 entrambe alla nona piazza. Fonte: L’ECO 1. Il rilancio del parco Mattei, passa da Eni Il centro sportivo di via Caviaga attende di conoscere quale sarà il suo futuro in vista di Expo 2015 - Intanto il sindaco Andrea Checchi riapre la piscina e abbassa i costi delle tariffe per l’utilizzo degli impianti Il centro sportivo ex Snam di via Caviaga, ribattezzato parco Mattei alla fine dell’estate scorsa in onore del suo fondatore, Enrico Mattei, aspetta di conoscere quale sarà il suo futuro e come verranno rilanciate le varie strutture, nuoto, tennis, pallavolo, pallanuoto, basket, calcio ecc., che circolano al suo interno. Alle porte c’è la grande esposizione mondiale Expo 2015, cioè fra meno di due anni, con l’intervento di autorevoli personalità della politica e del commercio per rendere l’atteso evento assolutamente vantaggioso per tutti, espositori e organizzatori. Alla manifestazione sono attesi milioni di visitatori, provenienti anche dall’estero, interessati a conoscere le novità tecnologiche esposte nei padiglioni. Anche la nostra città, comune di prima fascia dell’hinterland milanese, è coinvolta nell’avvenimento soprattutto per la presenza di Eni capace di attirare da solo migliaia di persone. Non a caso il colosso energetico ha già avviato un vigoroso lifting costruendo in pieno centro cittadino il 6° palazzo uffici che tanto discutere ha fatto negli anni scorsi. Volente o nolente, a nostro parere, il rilancio del parco Mattei passa attraverso la sponsorizzazione di quella che fino a poco più di un decennio fa era chiamata “Mamma Eni”, ancora oggi nostalgica definizione di quanti sono vissuti all’ombra dei grandi palazzi di vetro di piazza Vanoni. Eni nei decenni passati finanziava tutto e tutti tenendo molto a cuore il benessere dei suoi dipendenti. Il centro sportivo di Metanopoli era il gioiello di San Donato Milanese con buona pace del comune di Milano che provava grande invidia per mancanza di una struttura così grandiosa. In via Caviaga, sotto i colori gialloblu della Snam, sono nati grandi campioni di atletica e di nuoto e le grandi squadre di calcio di Serie A, prima di affrontare il Milan e l’Inter a San Siro, venivano qui per gli allenamenti. Il centro sportivo era tenuto con molta cura a beneficio della “città verde” sandonatese. Oggi tutto questo non esiste più, il prato del centro sportivo è spelacchiato, le dismissioni immobiliari del 2001 hanno caricato l’Amministrazione comunale di San Donato di un peso economico difficilmente sostenibile. Come porre rimedio e rilanciare la struttura? Ci provò l’ex sindaco del centrodestra, Mario Dompè, subito dopo la sua elezione nel 2007, facendo arrivare investitori esterni, ma non ebbe successo al di là di alcune pur lodevoli iniziative, quali il Festival del vino e altre simili. Ci prova adesso Andrea Checchi, sindaco del centrosinistra eletto nella primavera del 2012, ma non è ancora chiaro come e cosa voglia realmente fare. Checchi è intenzionato a rilanciare la struttura senza arrivare a svuotare le casse comunali. Tenere in vita in modo adeguato il centro sportivo costa un milione di euro all’anno e con la crisi economica in atto è difficile trovare un imprenditore disposto a investire senza avere un ritorno certo. Al momento attuale rimane ancora Eni possibile sponsor del centro sportivo con un investimento milionario che probabilmente riporterebbe di nuovo la città tra le sue braccia, come ai tempi passati. Quando fu approvata la convenzione fra comune e Eniservizi in aula consiliare, 6
  7. 7. l’ente di stato “barattò” la titolazione del centro sportivo al suo grande presidente con larealizzazione del Campus Eni. Fu solo un caso o invece un interesse specifico a tornare aimpossessarsi della struttura di Metanopoli?Intanto il sindaco Checchi ha riaperto la piscina coperta, che era stata chiusa all’inizio digennaio per un’infiltrazione d’acqua tra i mui. L’impianto natatorio è stato costruito negli anni ’50 enon più efficiente come un tempo. Nei prossimi mesi sarà sottoposto a una riqualificazione radicalesotto lo stretto controllo dei tecnici comunali.Altra novità importante è il ribasso del costo delle tariffe per frequentare il parco Mattei. La giuntacomunale ha ricalibrato del 25% in meno la spesa dell’utilizzo dei terreni di gioco. La tariffa orariaper l’affitto dei campi da tennis scende da 20 a 15 euro.Tranne poche conferme, come ad esempio gli abbonamenti mensili al parcheggio, mantenuti su 10euro, e per il costo orario mattutino dell’affitto della pista di atletica, pari a 15 euro, molte tariffesono state diminuite con sconti che vanno anche oltre il 50%.È il caso dell’affitto diurno del campo di calcio il cui costo scende da 260 a 120 euro. “In attesadella riqualificazione integrale del centro sportivo”, ha affermato l’assessore allo sport MatteoSargenti, “abbiamo deciso di rivedere le tariffe in vigore nel prossimo semestre. Ciò anche perlivellare i costi – ha aggiunto l’assessore - al pari delle altre strutture presenti nel circondario,tenendo pure conto delle condizioni, spesso precarie, in cui si trovano attualmente gli impianti”.Aspettando Eni. Domenico .Palumbo 2. Una... luce nuova in città - Illuminazione pubblica riqualificataDa oggi a marzo diverse zone di San Donato Milanese saranno interessate dagli interventi diriqualificazione del sistema d’illuminazione pubblica.Per consentire al gestore di effettuare i lavori in piena sicurezza, nelle vie interessate dai lavorisaranno adottate alcune modifiche temporanee alla circolazione. I divieti di sosta, i sensi unicialternati e i limiti di velocità fissati a 30Km orari, verranno attivati il tempo necessario per portare atermine i singoli lavori e saranno comunicati ai cittadini e agli automobilisti attraverso la segnaleticadel caso. Nello specifico, Hera Luce, gestore del servizio di illuminazione pubblica, sostituirà lelinee di alimentazione degli impianti, per mezzo di scavi, e provvederà all’installazione di nuovi palidella luce, eliminando i vecchi, nelle vie Marcora, Emilia, Morandi, Gorizia, Primavera, Mattei,Verdi e via Unica Poasco.Ogni intervento comporterà la sostituzione delle norme di circolazione ordinaria con divietitemporanei aggiornati in tempo reale con il procedere dei lavori al fine di contenere al massimo idisagi per la viabilità. Modifica alla viabilità anche a causa del teleriscaldamento messo in atto daEni Power, che nei prossimi giorni interesserà via Correggio.Il divieto di transito interesserà il tratto compreso tra via Vannucchi e via Battisti. A seguire, per unperiodo di circa due mesi, la chiusura sarà estesa fino all’incrocio con via Cornegaliano. Modificatianche i percorsi dei bus, la linea C-Blu Agi in direzione M3 e la linea 132 Atm in entrambe ledirezioni. 3. Raccolta rifiuti, c’è Amsa -SAN DONATO / EMERGENZA FINITAÈ stata finalmente risolta la questione della raccolta dei rifiuti che nella seconda metà di gennaioha parecchio angustiato i cittadini. Dal 1° febbraio scorso è entrata in servizio la societàAmsa, vincitrice della relativa gara di appalto, che prenderà il posto della ditta Aimeri nelservizio suddet to. I problemi sono sorti quando il mese sorso i dipendenti di Aimeri hannoincrociato le braccia in segno di protesta contro i responsabili dell’azienda, cogliendo disorpresa il comune di San Donato Milanese che non s’aspettava simile iniziativa.In poco tempo i contenitori erano pieni d’immondizia abbandonata per strada costringendol’assessore all’ecologia Andrea Battocchio, a correre frettolosamente ai ripari insiemeal personale del suo assessorato. A dare una mano è stata chiamata pure la cooperativasociale “Spazio aperto”, responsabile della gestione della piattaforma ecologica, che si èsubito premurata della raccolta della carta, riducendo al minimo i disagi.Il problema grosso era però lo svuotamento dei contenitori del secco e dell’umido, fermada oltre una settimana, con seri problemi di igiene nei condomini. Vista la situazionedavvero precaria, l’Amsa ha reso la sua disponibilità anticipata per la raccolta delmateriale suddetto. 7
  8. 8. 4. Un questionario per i sandonatesiNovità nel periodico comunale che conterrà il sondaggio di gradimentoLa prossima edizione del periodico comunale SDMese conterrà un questionario per sondare ilgradimento dei sandonatesi nei confronti del principale strumento di comunicazione del Comune.In particolare saranno posti 12 quesiti a risposta multipla e uno a risposta libera per testare laqualità del giornale.L’obiettivo è migliorare l’offerta informativa valutando – e nel caso adottando – le modifiche che icittadini potranno suggerire attraverso la compilazione della scheda pubblicata a pag. 5 del mesedi febbraio. Tale finalità è resa ben evidente dallo slogan che accompagna il formulario ideato dallaredazione del mensile: “Quanto ti piace SDM?Aiutaci a fartelo piacere di più”. Diversi gli aspetti sottoposti al parere dei lettori, dai temi trattati allachiarezza di esposizione degli stessi, dalla periodicità alla distribuzione, dalla qualitàdell’impaginazione al livello di approfondimento delle notizie. L’ultimo punto del questionario,“Come si potrebbe migliorare SDM?”, rivolge l’invito ai sandonatesi di esporre le proprie idee per ilmigliorare il periodico spaziando negli ambiti non affrontati dagli altri quesiti.Per facilitare il compito dei lettori, l’Amministrazione comunale ha fornito ampia facoltà di scelta perl’invio delle valutazioni, tramite mail, compilando il modulo scaricabile dalle home page del Comunewww.comune.sandonatomilanese.mi.it e inviandolo a www.comune.sandonatomilanese.mi.it , oppure viaposta all’indirizzo Redazione SanDonatoM.ese, via Cesare Battisti 2 – 20097 San DonatoMilanese, oppure ancora scegliendo la consegna diretta imbucando il questionario nella cassettadelle lettere all’ingresso del Municipio. L’iniziativa durerà un paio di mesi.“Un giornale come SDM ha un ruolo fondamentale perché porta nelle case di tutti i san-donatesi leinformazioni riguardanti la vita cittadina – ha dichiarato il sindaco Andrea Checchi - per cui ilsuo livello qualitativo è molto importante per essere letto senza fatica dai cittadini”. 5. Arrivano i “parapalloni”: Reti protettive nei parchi giocoSi chiamano “parapalloni”, in realtà sono delle reti per proteggere le auto e i pedoni in transito suimarciapiedi e sulle strade dai palloni calciati maldestramente dai bambini che frequentano i campigioco delle aree pubbliche della città.L’installazione delle protezioni è già avvenuta nei parchetti di via Libertà, di via Rodari/Moro e deicampi di calcio di via Alfonsine, con buona pace dei passanti. La prima area a essere interessatadall’intervento è stata il parco giochi di via Libertà dove è stato installato il parapalloni ai bordi delcampo di basket. A seguire sarà sistemato il parco di via Rodari/Moro e di via Alfonsine dove sonopreviste due reti in corrispondenza delle porte del campo di calcio e un’altra utile a separare i dueterreni di gioco. La vicesindaco e assessore ai lavori pubblici Simona Rullo apparesoddisfatta: “Abbiamo dato concretezza alla riqualificazione degli spazi urbani, già prevista nelnostro programma, per soddisfare le esigenze dei nostri piccoli concittadini”, afferma lavicesindaco. 6. In 250 per la festa di Twnty’z Radio - Il compleanno dell’emittente sandonateseBuona sera a tutti, questo è Un Dollaro 1000 Km, noi siamo Matteo e Dario e questa è Twenty’zRadio”. Iniziava così la trasmissione dei due ragazzi della Twenty’z Radio, Matteo e Dario, venerdì25 gennaio scorso, per celebrare i primi due anni di attività dell’emittente radiofonica sandonateseall’Auditorium Marchetti di via Parri, stracolmo di gente, soprattutto giovani. Esattamente come dueanni fa quando 2’Z Radio faceva il suo debutto sul web con la voce piena di emozione e con lapaura di sbagliare a parlare.Così si esprimevano le radio libere negli anni ‘70/80, così si esprimono le radio di oggi. Allora c’eraRadio San Donato, vicino piazza della Pieve, oggi c’è Twenty’z Radio in via Parri, ma tutti animatidalla voglia matta di dire la propria in tutti i campi della musica e della cultura. Da quegli inizipionieristici è successo di tutto, difficile però da raccontare, ma è pur sempre una storia dipassione e di amore per chi l’ha vissuta in diretta fin dal primo giorno.Sono tanti i ragazzi che hanno fatto e che ancora fanno parte dello staff, dando un notevolecontributo alla creazione del progetto. Sono tutti nomi ben noti agli amanti del web ma ci piace quisottolinearli ugualmente: Matteo, Dario Fabio I., Luca R., Chiara, Giulia C., Camilla, Stefano,Gianandrea, Federico, Alessandro S., Flavio, Tommaso, Marta, Giulia V., Margherita, FrancescoO., Francesco A., Giulia P., Francesca, Bianca, Luca Z., Valentina, Gianluca, Andrea, Pierluigi,Cinzia, Fabio Z., Alessandro G., Milind, Rosario, Nadia, Mauro, Ilaria, Dennis, e molti altri ancora il 8
  9. 9. cui apporto è stato davvero notevole. SandoCAlling, l’Associazione l’Italia...”, dichiara Carlo meseper preparare l’evento riuscendo a richiamare nell’ampio salone di via Parri oltre 250 personeattratte dalla musica, ch’è durata sino alle due di notte, dal divertimento, e dalle luci da discotecaofferte da Dario Zucchetto.Dentro e fuori l’Auditorium c’era un’accattivante mostra fotografica, denominata Camera oscura,con l’esposizione delle foto di cinque fotografi della Twenty’z e le vignette del fumettista FabioZingrini. Al bar di Sando Calling, ben nutrito di vivande leggere, non c’era il rischio di ubriacarsi ecomunqueCroce Rossa giovani era attenta a prevenire la guida in stato di ebbrezza.Dai dj set di Dj e.S.s. e Mr. Yuri Dj, alla vendita di ticket per la pesca di un tablet, estratto lunedì 28gennaio durante la trasmissione Se7en, in onda ogni lunedì alle 19, tutto era fatto apposta perpassare quattro ore in allegra compagnia. Com’è nello spirito diTwenty’z Radio, una radio liberacome la musica, spensierata come i 20 anni dei giovani, forte come di chi sa credere nei proprisogni. M.C. 9

×