DEKRA Magazine - n. 7 del 2010

788 views

Published on

Published in: Education, Technology, Business
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

DEKRA Magazine - n. 7 del 2010

  1. 1. N°7 09/2010 MAGAZINE OSSERVATORIO TRIMESTRALE SULLA REVISIONE PANORAMA TECNICO Poste italiane S.p.A. Spedizione in Abbonamento Postale 70% DCB Milano In caso di mancato recapito inviare al CMP/CPO di Roserio per la restituzione al mittente previo pagamento resiRevisionare l’ibrido STUDI DEKRAProva di acidità SICUREZZA STRADAlE lA “FORZA DEl NETwORK” SI EvOlvE: ADESSO ENTRATE IN GIOCO vOI! Il progetto di un nostro affiliatoMctc-Net2: MAGAZINE | SETTEMBRE 2010 Revisioni Italia S.r.l. DEKRA Software DEKRA 4|5Riconoscimento Targa Via F.lli Gracchi, 27 - Torre Sud - 20092 Cinisello Balsamo (MI) - www.dekra.it/revisioni
  2. 2. blazestyle.com EDITORIAlE “Mai Contenta” adesso è felice Ibride, elettriche e a pannelli solari. La nica con i consigli su come revisionare corsa allo sviluppo di veicoli con trazio- un ibrido. I nostri centri conoscono già ne alternativa al motore endotermico è da tempo questa scheda (ah, il vantaggio la nuova frontiera dell’industria automo- di essere un centro DEKRA…), ma pen- bilistica. Eppure, l’auto elettrica è tutt’al- siamo che sia giusto divulgare il nostro tro che un’invenzione recente. E’ passato, know-how a favore dei centri indipen- infatti, più di un secolo da quando nel denti e, soprattutto, degli automobilisti. 1899 l’auto elettrica Jamais Contente, L’ultimo pezzo sul tema è dedicato ad guidata dal belga Camille Jenatzy, fu la un centro affiliato DEKRA, la Blu Car prima a superare i 100 km/h su pista. di Orzinuovi (BS) dei fratelli Pottieri e Dopo di allora, difficoltà progettuali al loro interessante progetto: un qua- (durata delle batterie) e costi industria- driciclo leggero, totalmente a trazione li enormi, rispetto al motore a scoppio, elettrica, studiato per le esigenze dei hanno spento gli entusiasmi. centri urbani (raccolta rifiuti porta a Oggi la vecchia Mai Contenta si prende porta, piccole manutenzioni, giardi- Crea con noi il primo Network di la sua rivincita. Tutti i costruttori sono fortemente impegnati nella realizzazio- naggio). Sul mercato non c’era e, allora, i signori Pottieri hanno creato “Golia”. Autoriparatori a Servizio Completo ne di almeno un modello ibrido. La tecnologia corre e la famiglia è già Adesso vogliono creare una rete di ven- dita e assistenza in tutta Italia e hanno per il Noleggio a Lungo Termine cresciuta al tal punto che, tecnicamente, le ibride sono ora divise in quattro grup- pensato che il programma “La forza del Network” di DEKRA poteva essere la pi: le “micro hybrid”, le “mild hybrid”, strada giusta per informare tutte le of- quindi le “full hybrid” e infine le “hybrid ficine che ricevono DEKRA Magazine. plug-in”, che permettono la ricarica delle Credo che non vi sia migliore dimo- batterie collegandosi a una normale pre- strazione dell’efficacia della strategia sa di corrente. “La forza del Network”. Anche se gli esperti prevedono il boom Le opportunità di business non nasco- dell’auto elettrica o ibrida solo tra alcuni no solo da accordi con partner esterni decenni, in funzione delle sempre mag- ma anche al nostro interno, dai no- Sei meccanico, gommista, elettrauto, carrozziere? Hai anche il centro di revisione e il soccorso giori performance e del progressivo calo stri affiliati a favore dei loro colleghi stradale? Più volte hai risposto di sì, più sei il partner che cerchiamo. Perciò, continua a leggere. dei prezzi (ma gli esperti spesso si sba- DEKRA, presenti e futuri. Stiamo creando NLTonly, il primo Network di Autoriparatori a Servizio Completo, rivolto gliano e il mercato si muove più veloce Elettrizzante, vero? esclusivamente alle società di Noleggio a Lungo Termine (NLT). di loro), per noi professionisti dell’au- Andrea da Lisca tomotive il futuro è già qui. Anche se il Direttore Generale di DEKRA Revisioni Italia Abbiamo investito diverse centinaia di migliaia di euro per realizzare un software e una banca parco circolante di ibride (o elettriche) è dati per l’officina così innovativi che sono destinati a cambiare il mercato. Oggi siamo i soli a poter offrire un protocollo in grado di garantire l’assistenza a 360° per qualsiasi marca e ancora limitato, chi assiste, ripara o revi- modello di auto in commercio e vogliamo diventare il punto di riferimento delle società NLT. siona questi veicoli ha l’obbligo di infor- marsi sullo stato dell’arte e della tecnolo- Ma prima dobbiamo creare NLTonly. gia e ragionare al di fuori dei soli aspetti Oggi sono già centinaia le officine che hanno aderito a NLTonly, ma non sono ancora sufficienti. ecologici, sociali e modaioli. Per noi di DEKRA è stato allora ovvio Cerchiamo 1.000 Autoriparatori. spostare il focus dalla semplice ammi- E qui entri in gioco tu: maggiori i servizi che potrai offrire, maggiore sarà la convenienza delle razione delle nuove tecnologie al tema società NLT a convogliare più traffico sulla tua officina perché si ridurranno gli elevati costi della della sicurezza strutturale di questi gestione amministrativa. Maggiore la tua professionalità, maggiori le tariffe di manodopera. nuovi veicoli, così come studiare possi- bili integrazioni degli attuali protocolli Se anche tu sei interessato a far parte di NLTonly, contattaci, adesso. di revisione. Scrivi una e-mail a: g.cosimetti@points.it In questo numero dedichiamo ben tre articoli a questi temi. Due trattano la si- curezza e la revisione: un crash test conIl Network che cambierà l’assistenza del Noleggio a Lungo Termine! una Toyota Prius condotto nei nostri la- boratori in Germania e una scheda tec- DEKRA MAGAZINE | SETTEMBRE 2010
  3. 3. SETTEMBRE 2010 SOMMARIO lettere alla redazione Danni al veicolo durante la revisione. Chi paga?MAGAZINE In questo numero Egregi signori, Abbiamo deciso di pubblicare questa lettera, recapitata al nostro ufficio tecnico, per due motivi: primo perché una EDITORIALE gradirei conoscere la Vostra opinione in merito ad un incidente situazione analoga è successa di recente in un nostro centro “Mai Contenta” adesso è felice 1 che ho avuto nel mio centro di revisione. In breve è successo que- diretto; secondo perché il fenomeno dell’autoalimentazione sto: un cliente mi porta la sua vettura per la revisione e dato che nei diesel sta evidentemente diventando un problema diffuso, LETTERE ALLA REDAZIONE era tardi la lascia in officina, con l’accordo che l’avrei controllata al punto che una rivista come Quattroruote ha voluto dedicare Danni al veicolo durante la revisione. Chi paga? 3 subito la mattina seguente. di recente un pezzo ad hoc. OSSERVATORIO SULLA REVISIONE Il giorno dopo inizio a revisionare l’auto, un diesel di otto anni e Il fenomeno del blow-by dei motori diesel è conosciuto da Eppur si muove! 4 con parecchi chilometri. Intanto che il mezzo si scalda, effettuo sempre ma, oggi, coi DFP i casi di autoalimentazione sonoOSSERVATORIO altri controlli e poi, prima di svolgere la prova opacità, accelero in crescita. Le tre accelerate hanno danneggiato il motore?TRIMESTRALE PANORAMA TECNICO tre volte a fondo. Improbabile, altrimenti ogni giorno migliaia di vetture Revisionare l’ibrido 6 dovrebbero rompersi durante la revisione. Più facile che ciSULLA REVISIONE Dopo avere emesso un forte fumo nero il motore inizia ad acce- fosse troppo olio nella coppa e che sia stato aspirato una volta SICUREZZA STRADALE lerare e va in autoalimentazione. Lo spengo ma a quel punto il raggiunti regimi elevati. Anche Quattroruote afferma che Check up esclusivo sulle strade delle vacanze 8 motore è danneggiato (si è fusa la testa del quarto pistone). pochi sanno di non dover eccedere coi rabbocchi.EDITORE STUDI DEKRA Ovviamente il cliente sostiene che è colpa mia perché ho accelerato Come comportarsi? Nel nostro caso, noi ci siamo dichiaratiDEKRA Revisioni Italia S.r.l. troppo forte e “a freddo” e pretende che adesso devo sostituirgli il mo- Prova di acidità 10 disposti a pagare i danni e che eventualmente lo avremmoDIRETTORE RESPONSABIlE tore. Mi ha minacciato che se non lo faccio si rivolgerà all’avvocato. fatto solo a fronte di una perizia di un tecnico nominato dalAndrea da Lisca DEKRA WORLD Come devo comportarmi? tribunale. Il motivo è semplice: dopo l’autoalimentazione l’olioCAPOREDATTORE 2010: destinazione Oriente 13 doveva trovarsi al minimo, l’astina invece mostrava il livelloFrancesca Sirimarco Cristian L. (Milano) massimo. Se qualcuno aveva sbagliato, secondo noi, nonREDAZIONE LA FORZA DEL NETWORK era il nostro Responsabile Tecnico. Malgrado ciò, il perito,Gianpaolo Riva Orzinuovi, Vicino Oriente. Ecologia e imprenditorialità tutta Made in Italy 14 salomonicamente, ha suggerito di dividere i costi a metà.Giammarco D’Orazio Pagheremo! Ora, però, sui diesel i nostri RT verificano sempreSEGRETARIA DI REDAZIONE E PUBBlICITà IDENTIFICAZIONE DELL’AFFILIATO DEKRA il livello d’olio e chiedono qual è l’utilizzo tipico del mezzo. SeStella Borsellino “Ma come ti vesti?” 16 è prevalentemente “cittadino” lasciano scaldare il motore più aDIREZIONE, REDAZIONE, lungo e stanno molto, molto attenti nelle accelerate.AMMINISTRAZIONE AREA TECNICAVia F.lli Gracchi, 27 - Torre Sud 1820092 Cinisello Balsamo (Mi) Mctc-Net2: Software Riconoscimento TargaTel. 02 899 29330Fax 02 899 29100 Per scrivere al direttore, inviare una lettera a INTERVISTE AI CENTRI Redazione DEKRA News - DEKRA Revisioni italia S.r.l. - Via F.lli Gracchi 27, 20092 Cinisello Balsamo (MI);www.dekra.it/revisioni City Garage di Roma - Centro Revisioni Sacchetti di Roma 19dekranews@dekra.it e-mail: dekranews@dekra.it - fax 02 899.29100Le opinioni espresse dagli autoriimpegnano esclusivamente FOCUS DEKRAla loro responsabilità Gestione sinistri e non solo... 20 SONO INTERESSATO A RICEvERE INFORMAZIONI SUI SEGUENTI SERvIZIPROGETTO GRAFICO E IMPAGINAZIONEEmpatic S.r.l.Via Domenico Sansotta, 100 MODALITà AFFILIAZIONE SERVIZI OFFERTI DA DEKRA REVISIONI00144 RomaTel 06 5220 8255www.empatic.it Nome e cognome RuoloSTAMPA AziendaAlfaprint S.n.c. IndirizzoVia Bellini, 2421052 Busto Arsizio (VA) Città Provincia C.a.p.Tel. 0331 620 100 E-mail Telefonowww.alfaprint.comAut. Tribunale di Monzan. 1944 del 11/3/2009 FirmaIN COllABORAZIONE CON Questo coupon è da inviare tramite fax (+39 02 899.29100) oppure a mezzo posta al seguente indirizzo: DEKRA Revisioni Italia S.r.l., via Fratelli Gracchi, 27 - Torre Sud 20092 Cinisello Balsamo (Mi) c.a. Direttore Commerciale DEKRA MAGAZINE | SETTEMBRE 2010 2|3
  4. 4. OSSERvATORIO SUllA REvISIONEEppur si muove! CLASSIFICA PER CRESCITA VOLUMI IN % I valori assoluti, da soli, possono essere AUTOVEICOLI DIFFERENZA però ingannevoli, se letti da soli. Il se- condo studio riguarda la crescita loca- 2008 2010 +/- % le in percentuale, raffrontata al valore CONSISTENZA ED ATTIVITà DELLE OFFICINE GENNAIO - LUGLIO 2010 Malgrado le rottamazioni, PRATO 34.330 38.116 3.786 11,0% nazionale. La provincia di Caserta ap- AUTOVEICOLI DIFFERENZA N.OFFICINE DIFFERENZA la situazione economica e le CASERTA 93.186 103.253 10.067 10,8% pare ancora in alta classifica, così come 2008 2010 +/- 2008 2010 +/- tante incertezze, il mercato RIMINI 40.949 44.954 4.005 9,8% Gorizia e Nuoro per la parte in nega- TOTALE ITALIA s/SICILIA 6.951.057 7.356.095 405.038 5.418 5.983 565 della revisione veicoli è in COMO 78.983 86.512 7.529 9,5% tivo. Interessante vedere come Milano, nelle top 10 della crescita assoluta, pre- TOTALE SICILIA (stima) 586.218 620.377 34.159 445 491 46 continua crescita. Ciò non CROTONE 16.952 18.563 1.611 9,5% cipiti al terzultimo posto se misurata in TOTALE ITALIA 7.537.275 7.976.472 439.197 5.863 6.474 611 significa però che le cose TOTALE ITALIA 6.951.057 7.356.095 405.038 5,8% valori relativi.Tabella 1 5,8% 10,4% vadano bene per tutti. PESARO 57.159 58.854 1.695 3,0% Per affinare sempre più il discorso, e ca- TRIESTE 27.652 28.369 717 2,6% pire se i trend di mercato hanno avuto ATTIVITà DELLE OFFICINE GENNAIO - LUGLIO (Tutta Italia) MILANO 467.648 476.374 8.726 1,9% un impatto positivo o negativo sull’at- MOTOVEICOLI DIFFERENZA CICLOMOTORI DIFFERENZA MOTO + CICLO DIFFERENZA 20.750 20.299 -451 -2,2% tività dei singoli centri, è importante GORIZIA a questo punto considerare la crescita 2008 2010 +/- 2008 2010 +/- 2008 2010 +/- % NUORO 32.608 28.620 -3.988 -12,2% dei centri stessi sul territorio. TOTALE ITALIA s/SICILIA 721.301 835.054 113.753 313.297 287.452 -25.845 1.034.598 1.122.506 87.908 8,5% Tabella 4 TOTALE SICILIA (stima) 52.798 61.125 8.327 17.141 15.727 -1.414 69.939 76.852 6.913 9,9% CLASSIFICA PER CRESCITA CENTRI IN % Ancora una volta le classifiche cambia- TOTALE ITALIA 774.099 896.179 122.080 330.438 303.179 -27.259 1.104.537 1.199.358 94.821 8,6% no, evidenziando dinamiche preoccu- AUTOVEICOLI DIFFERENZA N.OFFICINE DIFFERENZA panti per talune province. Verbania, ad 15,8% -9,0% 7,9% 2008 2010 +/- % 2008 2010 +/- %Tabella 2 esempio, nel biennio ha visto aumentare VERBANIA 13.065 13.586 521 4,0% 7 11 4 57,1% di quasi due terzi le officine autorizzate RIMINI 40.949 44.954 4.005 9,8% 23 31 8 34,8% sul proprio territorio e ciò, abbinato allaEccoci arrivati al primo giro di boa. CONSISTENZA ED ATTIVITA DELLE OFFICINE GENNAIO - LUGLIO (ITALIA S/SICILIA)Come consuetudine abbiamo sottopo- BRINDISI 49.844 53.611 3.767 7,6% 34 45 11 32,4% scarsa crescita del mercato, ha avuto pe-sto ai nostri analisti la richiesta di rac- AUTOVEICOLI DIFFERENZA N.OFFICINE DIFFERENZA BELLUNO 29.297 31.211 1.914 6,5% 22 29 7 31,8% santi riflessi negativi sulle performancecontarci come sono andate le cose per i 2008 2010 +/- 2008 2010 +/- PISTOIA 36.798 39.604 2.806 7,6% 13 17 4 30,8% medie. Notate ora Rimini, esempio per-centri di revisione nei primi sette mesi ROMA 488.842 525.105 36.263 341 368 27 fetto di un mercato incontrollato: quasi TOTALE ITALIA 6.951.057 7.356.095 405.038 5,8% 5.418 5.983 565 10,4%del 2010: a fronte di conferme sconta- NAPOLI 286.141 311.873 25.732 156 169 13 +10% di autoveicoli ma +35% di centrite, non sono mancate alcune sorprese. GORIZIA 20.750 20.299 -451 -2,2% 17 17 0 0,0% attivi. Incrociando i vari parametri, si ar- BOLOGNA 126.728 137.508 10.780 72 79 7Le conferme sono l’inarrestabile cre- TRENTO 68.273 73.457 5.184 7,6% 65 64 -1 -1,5% riva all’ultima tabella, quella più impor- TORINO 288.751 299.486 10.735 143 158 15 tante per il singolo operatore, quella chescita dei centri di revisione in tutta PESARO 57.159 58.854 1.695 3,0% 43 42 -1 -2,3%Italia (+ 611 in due anni, con punte FIRENZE 124.110 134.615 10.505 109 116 7 risponde alla domanda: “ma, alla fine, su RAVENNA 57.987 60.854 2.867 4,9% 32 31 -1 -3,1%pericolosamente patologiche in alcune PADOVA 126.885 137.001 10.116 96 112 16 quante revisioni in più o in meno avrei ALESSANDRIA 61.462 63.368 1.906 3,1% 52 50 -2 -3,8%province), il conseguente minor nu- CASERTA 93.186 103.253 10.067 58 62 4 potuto contare?”.mero di revisioni pro capite e la cadu- Tabella 5 GORIZIA 20.750 20.299 -451 17 17 0ta a piombo dei ciclomotori, prossimi Osservate il “Totale Italia” perché è REVISIONI MEDIE PER OFFICINAoramai “all’estinzione”. Le sorprese NUORO 32.608 28.620 -3.988 27 31 4 GENNAIO - LUGLIO 2010 (ITALIA S/SICILIA) emblematico della situazione in atto:sono invece la crescita del revisionato TOTALE ITALIA s/SICILIA 6.951.057 7.356.095 405.038 5.418 5.983 565 le revisioni medie sono calate del 4,2%! AUTOVEICOLI DIFFERENZAauto e di quello moto ben oltre le L’aumento del revisionato nazionale distime di fine 2009. Tabella 3 2008 2010 +/- % + 5,8% (Tab.2) viene vanificato ed an-Partiamo dai dati nazionali, con una RAVENNA 1.812 1.963 151 8,3% nullato da quel +10.4% rappresentatoimportante premessa: i valori relativi TRENTO 1.050 1.148 97 9,3% da nuovi centri (Tab.3).alla Sicilia sono delle stime e vanno Comunque vada, sarà la prima vol- stesso periodo nel Beneventano. Una ALESSANDRIA 1.182 1.267 85 7,2% Effetto leva che si amplifica sino alprese con beneficio d’inventario. ta che un anno pari sfonda il muro spiegazione di ciò è, forse, individuabile IMPERIA 1.909 1.982 73 3,8% paradosso: Pesaro perde mercato ma,Ricordiamo infatti che la Regione Si- dei 12 milioni di veicoli ispezionati. nell’anticipato esaurirsi dell’effetto del- singolarmente, i centri hanno un mi- PESARO 1.329 1.401 72 5,4%cilia, da agosto 2009, si è “staccata” dal Ma le cose non vanno bene per tutti. le rottamazioni rispetto al resto d’Italia. glioramento; Rimini cresce nei volumiresto del Paese e non utilizza il “Por- Le tabelle complete sono consulta- A riprova, Milano, dove il volume FERRARA 1.260 1.260 0 0,0% ma il calo medio è di 330 autoveicolitale dell’Automobilista” per la trasmis- bili sul sito www.dekra.it/revisioni; di rottamazioni è stato in assolu- TERNI 1.054 1.053 -1 -0,1% per centro. Pistoia e Verbania paganosione dei dati. qui ci limitiamo ad una sintesi, evi- to il più elevato, si colloca solo al 10° SAVONA 2.020 2.015 -5 -0,2% pegno per gli anni “grassi” del passato,Limitiamo i commenti al mercato auto- denziando solo i primi e gli ultimi posto con appena 8.726 revisioni in 1.434 1.427 -7 -0,5% quando i centri erano relativamente po- ROMAveicoli. Le stime DEKRA proiettavano classificati su un totale di 94 Pro- più. Il divario da Roma per il prima- chi. Inevitabile che altri, prima o poi, ci12,2 milioni di revisioni per il 2010, con to nazionale passa da 21.000 revisio- TOTALE ITALIA s/Sicilia 1.283 1.229 -53 -4,2% vince censite (escluse le 9 siciliane). avrebbero messo gli occhi addosso.una crescita del +4% rispetto al 2008. Iniziamo dai dati a livello assoluto: sette ni in meno del 2008 a quasi -50.000 NUORO 1.208 923 -284 -23,6%Se il trend attuale tiene, saremo fe- province registrano volumi importanti di quest’anno. TARANTO 1.641 1.324 -317 -19,3%lici di esserci sbagliati per difet- di revisionato incrementale, superiori Decisamente preoccupanti, infine, RIMINI 1.780 1.450 -330 -18,5%to: +5,8% del 2010 verso i primi alle 10.000 unità. Roma, ad esempio, in Gorizia e Nuoro, uniche due pro- PISTOIA 2.831 2.330 -501 -17,7%sette mesi del 2008, significa 12,5 sette mesi ha segnato una crescita equi- vince con un saldo anno su annomilioni di revisioni a fine anno. valente a tutte le revisioni fatte nello addirittura negativo. VERBANIA 1.866 1.235 -631 -33,8% Tabella 6 DEKRA MAGAZINE | SETTEMBRE 2010 4|5
  5. 5. PANORAMA TECNICORevisionare l’ibrido assicurarsi che l’impianto che eroga ener- gia elettrica sia in grado di alimentare per- fettamente tutti gli apparati, che devonoI limiti sempre più stringenti, imposti dalle norme che regolamentano le emissioni inquinanti essere verificati secondo quanto descrittodei veicoli, hanno accelerato l’evoluzione e la diffusione dei mezzi con trazione ibrida, nella procedura di revisione periodica. Da ultimo è bene evidenziare che primaper i quali si pone il problema del corretto svolgimento della revisione periodica. di riconsegnare la vettura al cliente, è ne- cessario ristabilire la corretta e normale modalità (occorre uscire da quella per la manutenzione precedentemente imposta- ta), disattivando le segnalazioni presenti sul cruscotto e sul display multifunzione. La metodologia descritta per poter effet- tuare la revisione periodica della Prius va ovviamente applicata anche per gli altri veicoli ibridi. Naturalmente per ogni mo- dello dovrà essere seguita una specifica procedura per poter accendere il motore a combustione interna, quando il veico- lo è fermo. Queste procedure vengono definite da DEKRA con la collabora- zione dei costruttori automobilistici.Il disegno riassume le quattro tipologie di funzionamento fondamentali, messe a punto da Toyota per la trazione ibrida. L’immagine mostra il gruppo motopropulsore ibrido della Toyota.COME FUNZIONA si ha un veicolo che può rientrare nella controllo stabilisce la corretta riparti- ce nella posizione P, azionando in segui- ne (l’indicazione è riportata sul displayLa trazione ibrida, ottenuta tramite un categoria LEV, ovvero Low Emissions zione dell’energia messa a disposizione to per due volte l’acceleratore a fondo. Si multifunzione) e si accende sul cruscottomotore a combustione interna ed uno Vehicle (Veicoli con Emissioni Basse). dal motore stesso. procede spostando il selettore delle marce la spia di allarme principale. Ovviamen-elettrico, è stata sviluppata dai costrut- Ovviamente il mezzo di trasporto può • In caso di elevate accelerazioni, la cop- sulla posizione N, azionando poi l’acce- te il motore a combustione interna devetori automobilistici per utilizzarla unica- funzionare anche in modo classico, ov- pia erogata dal motore a combustione leratore a fondo per due volte. Si riporta essere in funzione anche durante la pro-mente sui prototipi. Solo recentemente vero la sua coppia motrice viene generata interna viene sostenuta da quella ero- infine il selettore delle marce ancora nella va fonometrica; infatti se la vettura è inToyota ha iniziato la commercializzazio- dal propulsore con combustione interna. gata dal motore elettrico. posizione P e si aziona nuovamente il pe- modalità elettrica, non produce nessunne su larga scala della vettura Prius, san- In sintesi, prendendo come esempio la • Tramite il generatore azionato dal mo- dale dell’acceleratore completamente per rumore e dunque non ha senso fare il test.cendo di fatto l’inizio dell’era dell’ibrido tecnologia ibrida di Toyota applicata alla tore a combustione interna, il livello di due volte. Entro sessanta secondi si agisce Diversamente per effettuare la verifica del-prodotto in serie. vettura Prius, si possono descrivere i se- carica delle batterie viene sempre man- sul comando di accensione, mettendo così la funzionalità dei dispositivi elettrici e diLa particolare tecnologia, realizzata per guenti modi operativi: tenuto oltre il valore minimo necessario. in moto il motore a combustione interna. illuminazione-segnalazione presenti sul Il disegno mostra lo schema di funzionamento parallelo di un gruppo motopropulsore ibrido.ottenere trazione usando contempora- • In decelerazione e frenata il generatore In questo modo viene attivata la modali- veicolo, è bene che quest’ultimo funzioni Il motore elettrico e quello a combustione internaneamente le batterie ed il classico car- trasforma l’energia cinetica del veicolo COME SI REvISIONA tà di funzionamento per la manutenzio- in modalità utente (normale), in modo da concorrono nella generazione della coppia motrice.burante, è stata sviluppata fondamen- in energia elettrica, utilizzata per ricari- Da quanto fino ad ora descritto, si com-talmente per ridurre l’inquinamento. care gli accumulatori. prende come il processo di revisione pe-Quando infatti il veicolo ibrido funzio- • Il motore a combustione interna viene riodica di un veicolo ibrido non possa es-na con il motore elettrico, le emissioni automaticamente spento se il sistema di sere identico a quello applicato ad una vet-sono nulle e dunque esso rientra nella controllo non ritiene sufficientemente tura tradizionale. Nell’ibrido, infatti, è ne-categoria degli ZEV, ovvero Zero Emis- efficiente il suo funzionamento. In que- cessario attivare esclusivamente il motoresions Vehicle (Veicoli con Emissioni sto caso la trazione è elettrica. Anche a combustione interna quando la vetturaZero - nulle). Se invece il propulsore la partenza del veicolo da fermo viene è ferma, in modo che possa raggiungeretermico funziona in stazionario per ri- effettuata solo col motore elettrico e se la corretta temperatura di regime per po-caricare gli accumulatori e la trazione è l’automobilista arresta la marcia il moto- ter eseguire le rilevazioni degli inquinantielettrica, si ha il grande vantaggio di far re a combustione interna viene spento. presenti nei gas di scarico, secondo quan-operare il propulsore stesso ad un regi- • Durante l’utilizzo normale della Prius to previsto dalla procedura di revisione.me costante e ad un carico tale che il suo il motore a combustione interna eroga Perciò se si considera come esempio il Il disegno mostra lo schema di funzionamento misto di un gruppo motopro- Il disegno mostra lo schema di funzionamento serie di un gruppo motopro-rendimento è migliore e per questo l’in- pulsore ibrido. Il motore elettrico e quello a combustione interna, concorrono pulsore ibrido. Il motore elettrico mette in movimento il veicolo, mentre quel- la coppia motrice ed attiva il generatore caso della Toyota Prius, occorre accendere nella generazione della coppia motrice, mentre parte dell’energia di quello lo a combustione interna tramite il generatore, ricarica gli accumulatori.quinamento è più basso. In questo caso per ricaricare le batterie. Il sistema di il quadro e mettere il selettore delle mar- a combustione interna viene fornita al generatore per ricaricare le batterie. DEKRA MAGAZINE | SETTEMBRE 2010 6|7
  6. 6. SICUREZZA STRADAlE IN COllABORAZIONE CONCheck up esclusivo sulle TUTTE lE TAPPEstrade delle vacanze 1 > VENEZIA - MILANO, Autogrill Brianza Nord 2 > MILANO - GENOVA, 8 1 Ecco i risultati dell’inchiesta Autogrill Dorno Ovest 7 2 esclusiva organizzata 3 > GENOVA - FIRENZE, 9 Autogrill Versilia Ovest da Gente Motori in 3 4 > FIRENZE - ROMA, collaborazione con DEKRA. Autogrill Flaminia Ovest 4 6 2.077 i km percorsi da nord 5 > ROMA - NAPOLI, Autogrill Macchia Ovest a sud in 9 giorni di non stop; 5 6 > BARI - BOLOGNA, 476 le auto controllate; Autogrill Conero Est 35 le voci sotto esame per 7 > VENEZIA - MILANO, Autogrill Scaligera Ovest un check up completo. 8 > MILANO - TORINO, Una su tre è a rischio multa. Autogrill Novara Nord 9 > MILANO - BOLOGNA, Autogrill Arda Ovest ticamente” - ci hanno risposto in molti. gruppi ottici danneggiati: attenti, c’è una accorto...”. E in questo caso la nostra fi- Sarà, ma in caso di controllo della Stra- bella multa, ma soprattutto c’è il rischio ducia inizia a vacillare... L’italianità, dal dale scattano immediatamente 389 euro di guidare alla cieca e di non essere vi- punto di vista automobilistico, ci unisce. di multa e ritiro del libretto. Il livello dei sti! E poi ci sono i piccoli “vizi” quali il Non ci sono differenze marcate tra Nord, liquidi era al di sotto del minimo sinda- dimenticarsi di sostituire i pneumatici Centro e Sud. Le auto peggiori? Solita- cale per il 6,5%, mentre per un più pre- invernali e “disattenzioni” per la targa mente le utilitarie, mentre la palma d’oro occupante 2,1% il problema riguardava illeggibile o, in qualche caso, addirittura va alle monovolume e alle station wa- quello dei freni. Chiude l’elenco dei pro- assente. La giustificazione? “Devo averla gon, quasi sempre in splendida forma. blemi più frequenti il 6,5% di vetture con persa poco fa, non me ne sono proprio Almeno alla famiglia ci teniamo. 9,50% 5,10%TUTTE lE TAPPE veicolo e attenzione alla sicurezza), per È varia anche sotto il profilo delle disat- TUTTI I KO NEl DETTAGlIOUn’auto su due non è a posto, una su tre un totale di 10 minuti per macchina. tenzioni la fotografia del parco circolante. Analizzando i “ko” nel dettaglio, il 24% 29,40% dei problemi è relativo alle ruote. Il 10,7% 14,90% Liquidi(38,6%) a rischio multa, più di una su Giusto il tempo di ricevere una copia di La più frequente riguarda il classico giletdieci è una minaccia per gli altri. È que- Gente Motori, indossare un cappellino catarifrangente. Il 18,8% degli automobi- ha battistrada consumato, il 9,3% monta Specchi e cristallisto il preoccupante quadro fotografato rosso di DEKRA, come quello del mitico listi italiani o non ne è in possesso, oppu- pneumatici in cattivo stato di conserva- zione, mentre il 6,6% ha pressioni diverse Gruppi otticidalla nostra inchiesta. Nove giorni cal- campione tedesco di F1, e gustare un caf- re ce l’ha nel bagagliaio.dissimi (sotto ogni aspetto) nelle piazzole fè, gentilmente offerto ai partecipanti da Il triangolo? Solo lo 0,63% degli automo- da quelle consigliate. La carenza di liquidi Equipaggiamento di sicurezza Autogrill, partner dell’iniziativa. bilisti lo ha lasciato nel box di casa (e in riguarda quello di raffreddamento per ildegli Autogrill italiani con un obiettivo: Cerchi e pneumatici 5,1% e quelle dei freni per il 2,4%. I cri-passare al setaccio le vetture sulle strade Tante dunque le vetture esaminate da questo caso scatta la sanzione). stalli danneggiati sono il 2,9%, il restante Altrodelle vacanze, per scoprirne vizi e virtù. Nord a Sud senza distinzione di età o ses- La nostra inchiesta ci ha permesso di 2,2% è per gli specchietti. Il gilet catari-Il risultato? Pneumatici consumati ben so dei guidatori. Un campione ampio ed scoprire una realtà ben più radicata e de- frangente manca nel 21,8% dei casi. 19,50%oltre i limiti di legge, fari rotti, compo- eterogeneo, un risultato confortante per cisamente pericolosa, soprattutto quan- 25,20%nenti non omologati e revisioni non in certi versi (il 55,3% è risultato in perfetta do si parla di pneumatici. Partiamo con CHI è SENZA PECCATOregola sono tutt’altro che una rarità. E i forma), preoccupante per altri: un’auto su due dati: il 9,32% delle vetture esaminate È la fascia compresa tra i 30 e i 45 anni quellapericoli, così, possono coinvolgere anche due ha qualcosa che non va. E non impor- viaggiava con battistrada eccessivamente che maggiormente si è distinta per la curachi tiene lo “stato di forma” della propria ta che si tratti di piccoli difetti come nel consumato (la legge impone un minimo della propria vettura. Premiate dalla nostravettura sempre al top. 18,8% dei casi (comunque in violazione di 1,6 mm) e l’8% montava pneumatici in inchiesta, ovviamente, le auto più recenti,Grazie alla collaborazione di un esperto del Codice della Strada) o di trascuratezze pessimo e inadeguato stato di conserva- mentre la maglia nera va alle utilitarie. gravi dalle conseguenze penali come per zione. Ciò significa che una vettura su die- Le auto più curate? Monovolume e stationteam di tecnici della DEKRA abbiamo wagon, spesso sottoposte a controlli esti-verificato sul campo la salute di 476 vet- quell’1,27% di vetture “beccate” a circolare ci potrebbe essere una minaccia in caso vi prima di mettersi in viaggio, ma ancheture (in media 50 al giorno). Ben 35 le senza la revisione (sempre al Nord). di frenata improvvisa. In più, c’è il proble- qualche sorpresa “over 150.000 km”. Nordvoci controllate, suddivise in 9 aree (in- Noi abbiamo ricordato ai proprietari che ma della pressione di gonfiaggio errata. e sud non sono diversi nelle percentuali diterno, esterno, vano motore, sottoscocca, rischiano il ritiro della Carta di Circola- Non va dimenticato poi lo 0,6% di auto ok e ko, mentre la vicinanza con le grandiorgani dello sterzo, impianto frenante, zione e che, in caso di incidente, l’assicu- che montava cerchi e pneumatici di mi- città (Milano e Roma) sembra, inspiega-ruote e sospensioni, identificazione del razione può esercitare il diritto di rivalsa. sure non omologate: “sono più belli este- bilmente, avere effetti negativi sulle auto. DEKRA MAGAZINE | SETTEMBRE 2010 8|9
  7. 7. STUDI DEKRAProva di acidità Non stiamo parlando di cartine di tornasole, ma di cosa succede quando una Toyota Prius si schianta contro un muro alla velocità di 50 km/h. Un “crash!” che porta con sé una domanda legittima: come si comporta un’auto che ha a bordo cavi elettrici di trazione e batterie ibride in caso di incidente? Resiste come un’auto a motore endotermico? È più sicura o più pericolosa? Per capirlo abbiamo esaminato i risultati utilizzata una Toyota Prius Hybrid II di quale, come ci si aspettava, è fuoriusci- del primo crash test condotto da DEKRA tre anni e 124.000 km, alimentata con ta intatta dallo schianto. su un veicolo con catena cinematica ibri- un motore a benzina da 113 cavalli e un Con l’urto l’inverter ha subito qualche da, scelto nelle reali condizioni in cui si motore elettrico da 82 kW funzionante spostamento sul lato posteriore ma sen- trova a circolare: una Prius seconda se- con tensioni da 200 a 500 volt. za riportare né ammaccature né rotture. rie, acquistata usata. Lo scenario stavolta è stato il Crash Inoltre non si sono generati difetti che Test Center DEKRA di Neumünster. avrebbero potuto caricare elettricamente Si parla tanto di alimentazione alterna- In conformità con le disposizioni dello la carrozzeria. Anche i cavi ad alta ten- tiva. Così DEKRA e Auto Bild, impor- standard americano FMVSS - in Eu- sione che collegano la batteria nella parte tante rivista automobilistica tedesca, ropa non esiste ancora una normativa posteriore del motore sono rimasti intat- hanno voluto effettuare il primo crash corrispondente - la Prius è stata spinta ti, compresi quelli del collo di bottiglia tra test su una vettura ibrida. Per questa alla velocità di circa 50 km/h contro l’assale anteriore e il telaio. Come hanno “prova di acidità” (espressione calzante un muro inclinato rispetto al suo asse, dimostrato le registrazioni in tempo reale visto che parliamo di batterie, che du- così da far agire le forze dello schian- effettuate durante il crash test sulla ten- rante l’urto possono rompersi e sparge- to sulla zona anteriore sinistra, dove si sione della batteria, al momento dell’im- re il liquido in esse contenuto) è stata trova il cuore della trazione ibrida. La patto l’accumulatore collegato ai sensori DEKRA MAGAZINE | SETTEMBRE 2010 10 | 11
  8. 8. STUDI DEKRA DEKRA wORlD 2010: destinazione Oriented’urto è stato immediatamente scollegato stemata in una zona sicura, sopra l’assale di un plauso per aver costruito attornodalla rete di alimentazione. Ciò significa posteriore. Secondo DEKRA è così ben alle zone potenzialmente pericolose unache durante la collisione la carrozzeria protetta che potrebbe resistere addirit- struttura che ha resistito bene, persinonon è mai stata in tensione. tura in caso di tamponamento. Durante meglio di quanto evidenziato dai crashA parte un leggero piegamento del mon- il crash test non c’è mai stato rischio di test di veicoli tradizionali relativamente Auto, industria e prodottitante A, la berlina nel complesso ha sop- incendio. Un corto circuito nella batteria a zone simili. medicali, Cina eportato bene l’elevato impatto. Il valore ibrida al nickel-metallo, all’impianto elet- Questi risultati sono davvero incorag-di decelerazione dei manichini è stato trico o al cablaggio di alimentazione del gianti sia per gli occupanti sia soprattutto Giappone: ecco le strategieaccettabile e lo spazio di sopravvivenza motore elettrico, infatti, avrebbe messo per le squadre di soccorso, che possono DEKRA per l’Asia.nell’abitacolo è rimasto inalterato durante gli occupanti e le squadre di soccorso in svolgere i loro normali interventi senzatutto il crash. Anche le porte hanno po- pericolo di vita per i rischi di folgorazione correre rischi di folgorazione. Il fatto chetuto essere aperte senza alcun problema che potrebbero nascere tanto per la ten- la Prius abbia già raggiunto un buon li-e le cinture di sicurezza si sono rilasciate sione quanto per il tempo di esposizio- vello di sicurezza con la generazione pre-senza intoppi. ne alla corrente. Ma così non è stato e i cedente all’attuale, evidenziano gli espertiCosa molto importante, la collisione non conducenti della Prius possono ritenersi DEKRA, non deve però fermare gli studi Il mercato asiatico è vasto, variegato, inha danneggiato nemmeno la batteria, si- sicuri. Ai progettisti della Toyota va quin- sulla sicurezza dei veicoli ibridi. forte crescita e ricco di opportunità per le imprese europee. Per questo DEKRA ha deciso di puntarvi per rafforzare an- cora di più la propria presenza a livello mondiale. La strategia è chiara: amplia- re il portafoglio dei servizi che i mercati asiatici richiedono, siano essi specifici di una delle mille realtà di quel continente o derivati da quelli già proposti in Eu- ropa, per sfruttare tutte le possibilità di business offerte da questo mercato. L’obiettivo numero uno è conquistare la Cina. Qui il settore più promettente è quello automobilistico: il Paese è enor- me, scarsamente motorizzato ma sta rapidamente colmando il gap con il re-Fig. 1 sto del mondo grazie al dinamismo dei suoi costruttori. DEKRA ha puntato la Alla World Expo 2010 di Shanghai, to anche nel campo dell’efficienza ener- sua attenzione soprattutto sul mondo DEKRA non si è fatta scappare l’oppor- getica di un’opera architettonica. dell’auto, dando vita a diversi progetti tunità di dimostrare, anche sul mercato DEKRA è approdata anche in Giap- pilota nel campo dei servizi per l’ispe- asiatico, la sua tradizionale attenzione pone, altro mercato chiave nella stra- zione dei veicoli, in collaborazione per la protezione dell’ambiente e per la tegia di espansione in Oriente, foca- con le Case automobilistiche locali. sostenibilità sponsorizzando la Ham- lizzandosi su un settore specifico e A questi progetti è seguito un impegno burg House, il progetto per uno sviluppo molto sviluppato nel Paese nipponico, nell’ambito industriale che ha portato urbano integrato e sostenibile, realizza- la certificazione della tecnologia medi- DEKRA a proporre in Cina le proprie to dalla città di Amburgo. È un edificio cale. Attraverso la controllata KEMA competenze e professionalità con test modello a livello tecnologico e ambien- Quality Japan K.K, gli esperti DEKRA di prodotto, sistemi di certificazione, tale, in linea con il concetto di sostenibi- si sono presto affermati come l’unico servizi di collaudo, efficienza energeti- lità della vita in città, che dimostra come fornitore di servizi di certificazione e ca e sostenibilità ambientale. l’expertise DEKRA possa essere sfrutta- controllo per i produttori giappone-Fig. 3 Fig. 2 si di articoli medico-sanitari. Questa attività è per le aziende europee un prerequisito fondamentale per l’espor- tazione dei loro prodotti medicali e di diagnosi in vitro in Giappone. DEKRA, infatti, è in grado di espletare le proce- dure di valutazione di conformità e le La foto grande della pagina accanto riprende il mo- certificazioni di prodotto in linea con mento dello schianto della Toyota Prius contro il muro alla velocità di 50 km/h. Nella foto 1 un giornalista le normative nazionali giapponesi. di AutoBild indica la posizione della batteria nel vano motore prima che il crash test abbia luogo. Nella foto 2 il punto di collisione sulla vettura, dove all’interno Lancio simbolico della joint venture è alloggiata la batteria che, come evidenziato nella tra DEKRA e WIT Assessment del 25 foto 3, è rimasta intatta, nonostante i danni di carroz- giugno scorso. Al centro Mark Thoma, zeria. Infine, nella foto 4 in primo piano il leggero Amministratore Delegato e Direttore piegamento del montante a seguito dello schianto. Generale di DEKRA Certification.Fig. 4 DEKRA MAGAZINE | SETTEMBRE 2010 12 | 13

×