Cosa posso fare io? Una proposta di Alberto Castagnola

1,720 views

Published on

Materiale a supporto della presentazione di Alberto Castagnola alla Scuola Estiva di Decrescita 2011 a Pesariis (UD)

Published in: Economy & Finance
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,720
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
4
Actions
Shares
0
Downloads
38
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Cosa posso fare io? Una proposta di Alberto Castagnola

  1. 1. 14 CITTA’ DELL’ALTRA ECONOMIA Centro Studi e Documentazione Cosa posso fare io? Una proposta (a cura di Alberto Castagnola )Serie Strumenti n. 1 Roma, agosto 2008 1
  2. 2. COME SI CAMBIANO LE COSE? COME SI CAMBIA LA POLITICA? COSA VUOL DIRE CAMBIAMENTO?"Non sono i più forti della specie a sopravvivere, né i più intelligenti, ma i più bravi a reagire aicambiamenti". Charles DarwinTutti noi vorremmo che "le cose cambiassero", ma se si chiede a qualunque persona, soprattutto seimpegnata politicamente, COSA esattamente si dovrebbe cambiare e soprattutto CHI dovrebbecominciare, cè da scommettere che le risposte sarebbero molto simili a questa: si dovrebbeiniziare... da qualcun altro, da qualche altra parte, in qualche altro momento… e via così, magaricon dovizia di particolari.E una tendenza universale, si cerca sempre di non pagare nessun prezzo personale, di prescriveremedicine che solo gli altri dovrebbero ingoiare.Infatti consideriamo “eroi” coloro che, invece, danno per scontato che un costo va pagato, e sonodisposti a sborsarlo, subito, senza recriminare, senza aspettare che lo faccia prima qualcun altro,perché sanno che altrimenti niente cambia.Tutti noi altri allora cosa siamo, dei vigliacchi traditori? Ma no, il fatto è che non cè niente di piùcomplesso su questa terra della natura umana, quindi è il caso di guardare le contraddizioni in cuisiamo immersi e prenderne atto, spezzando nel frattempo alcune lance a favore della comprensioneper quello che ancora non riusciamo a ottenere con il nostro impegno politico, perché di questo sitratta: cambiare il mondo non è possibile, lunico che posso cambiare realmente è me stesso, maquesta è unimpresa difficile e costosa.I costi da considerare non sono monetari, è una questione di consapevolezza, e questa è la parolapiù impegnativa che esista, perché solo così riusciamo a cambiare: diventando coscienti.Il fatto è che lessere umano è abitudinario, quindi cambiare non è semplice, ci sono resistenzenaturali al cambiamento - in certe circostanze deviare dal conosciuto è rischioso per lasopravvivenza -, ma altre ragioni sono più complesse, ad esempio è più facile imitare checontrobattere, adeguarsi invece di obiettare, e inoltre oggi sembra che modificare il proprio stile divita voglia dire soltanto "perdere": privilegi e ricchezze, comodità e apparenti vittorie sociali.Diventare consumatori consapevoli, quindi molto sobri, potrebbe plausibilmente modificare alcuneingiustizie, ma nessuno di noi è in grado di tornare magicamente al passato, a prima delle comodità:è veramente difficile rinunciare spontaneamente al frigorifero, alla doccia calda, alla lavatrice, cheormai consideriamo il minimo sindacale per vivere, per non parlare poi di tutto il corredo diaccessori che sono diventati apparentemente indispensabili.In effetti, se provo a pensare di fare a meno del computer, come prima reazione mi dico che nonservirebbe a salvare i bambini che muoiono di fame, quindi perché dovrei privarmene, ècomodissimo, mi permette di fare tante cose, ci sto scrivendo proprio ora, e poi le email sono unagrande invenzione, uno strumento politico formidabile ecc.Tuttavia basta ragionarci cinque minuti di più e mi rendo conto che invece sono stata furbescamenteindotta a considerare "ormai indispensabile" questa tecnologia, mentre so bene che la mia vitasarebbe molto più divertente se scendessi in piazza a chiacchierare con i miei vicini di quartiere. 2
  3. 3. Eppure ho difficoltà a farlo, ed ecco che devo riconoscere che questo mio comportamento,sebbene io non sia una consumatrice sfrenata e incosciente, diventa unaltra tessera di unpuzzle conforme alle esigenze del liberismo, della tecnocrazia, delle vendite miliardariedelle multinazionali dellhardware e del software, mentre nel mio animo mi ritrovo aconsiderare ormai “lussuosa” una bella sfida a tressette, perché sembra che nessunoabbia più tempo, neanche per le cose necessarie, figuriamoci per il divertimento fine a sestesso! (Se ci si pensa bene, lussuoso è un termine associato a qualcosa di raro, di moltodifficile da trovare, e cosa cè di più raro, nel nostro isterico stile di vita del vero tempolibero, quello in cui non si fa nulla di "utile"?).L’importante è il dubbioIn questa altalena di considerazioni non si sta affatto comodi, a volte mi sento stupida, a volte fessa,a volte quasi brava, insomma una bella gatta da pelare per lautostima, però non cerco più dispianare gli spigoli, li guardo e vado avanti per tentativi ed errori. Questo è uno dei prezzi da pagareper cambiare: accettare di essere imperfetti, scomposti, ma non smettere di tentare altre vie.Pur non volendo affatto autoflagellarmi per queste contraddizioni, ritengo tuttavia necessariorifletterci sopra, pensando che lunica strada possibile sia quella di essere, almeno, moltoconsapevole, provando sempre e comunque a pensare prima di comprare qualsiasi cosa, e devo direche da qualche anno a questa parte ho davvero eliminato almeno l80% di quelli che primaconsideravo acquisti "necessari".Queste scelte non sono state però il frutto di uno sforzo intellettuale, è successo nel tempo che ladignità dei miei comportamenti ha proficuamente sostituito, con successo e gioia, quei brevissimi efinti momenti di soddisfazione che seguivano allacquisto, e che erano diventati sempre più brevi, esempre meno eccitanti, nonostante a volte alzassi il tiro, in merito al livello di lusso (esempio: unviaggio allestero, brivido durato in fin dei conti solo alcune ore).Cè ancora molto da scrostare, ma ho visto che la parte difficile è linizio, il resto si srotola comefosse ovvio, senza più alcun pensiero di "depaueperamento", senza alcun rimpianto, anzi...Per quello che vale una testimonianza personale, credo di poter affermare che lunico modo perarrivare a non consumare passi attraverso una scelta individuale e libera, nel senso che se questocomportamento viene adottato soltanto come spinta "politicante", magari per lappartenenza a ungruppo più o meno no global, potrebbe risultare posticcio, ideologico, quindi passibile di un sensodi frustrazione, mentre può essere dirompente solo se si comprende fino in fondo quanta dignità civiene tolta nel rispondere come schiavi e burattini agli "ordini" del mercato, un vero padrone con lafrusta.Se ripercorro la mia vita mi accorgo di quanto sia stato profondo e progressivo il condizionamento aconsumare senza fine: quando ero bambina era un lusso incredibile avere le pastarelle la domenica eun vestito nuovo da mettere a natale e pasqua.Già dopo una decina danni, senza lautomobile di famiglia e almeno una gita al mese i vicinipensavano che fossimo pezzenti.Ancora un decennio e... seconda casa, almeno due macchine, orologi, abiti costosi e un numeroindecente di altre cose hanno fondato lepoca degli eterni scontenti, quelli che sono disposti a fare lafila per diverse ore pur di avere un pezzo di alta moda a saldo (sic!).Pochissimi sono disposti ad ammettere che questa compulsione è molto vicina ad una malattiafatale, anche se ci sono ormai cliniche specializzate nella sindrome da "compratori coatti", i drogatidegli acquisti, intossicati come qualsiasi eroinomane. 3
  4. 4. Chi sono i consumisti?Il fatto però è che neppure i più "impegnati" fra noi riescono facilmente a prendersi abbastanza ingiro sulla reale necessità (?) dellultimo videofonino, e accampano cento spiegazioniapparentemente razionali, mentre i magnati della telefonia gongolano per la facilità con cui sonoriusciti a convincere centinaia di milioni di persone a cambiare modello ogni tre mesi, dopo averligià convinti che senza il cellulare si viene radiati dalla società, in un bel circolo vizioso in cui laminaccia si auto-avvera, nel senso che ormai se dici che non hai il cellulare ti guardano strano ediventi in un istante un barbone o un lunatico, comunque uno da scansare.Reggere a questi ostracismi non è affatto facile. E un prezzo non banale da pagare se si vuolevivere sui propri valori, non su quelli statisticamente più diffusi.Ecco di nuovo il punto centrale: cè un costo per cambiare, anche se non è in denaro, ma non perquesto è meno oneroso, anzi, lo è molto di più, perché riguarda la capacità di sopportare il rischio diesclusione, un vero spauracchio per un essere umano: basta pensare che la peggiore punizioneinventata per i cattivi non è il carcere, ma la cella di isolamento.Nulla di nuovo: tutto il meccanismo dellinduzione al consumo si fonda sulla paura di restare soli,sulla necessità umana di essere uguali agli altri per ottenere accettazione, o sull’avidità di esseresuperiori, di guardare i meno ricchi dall’alto in basso. Nelle ricerche sulla felicità viene fuori chenon è importante in assoluto il proprio reddito, è importante averlo più alto del vicino.Tutte spinte che con la razionalità non hanno nulla a che vedere, e che tuttavia possono essereoggetto di riflessione personale, per diventare capaci di uscire dal mucchio, per ottenere unamaturazione individuale, per "essere" politici, non solo parlare di politica.La grande illusione di poter cambiare il mondo delegando questo cambiamento ai politici diprofessione dovrebbe essere ormai parte delle favolette da raccontare ai nipotini: il potere è unadroga talmente micidiale da modificare il dna, quindi ogni politico in realtà pensa solo a mantenere,non a cambiare, lo stato delle cose, ossia la propria posizione privilegiata.Eppure anche i migliori tra i movimentisti, quelli che questa illusione della delega lhanno giàbuttata, non riescono con facilità a guardare se stessi per primi, ad affondare i denti affilatidellautocritica dentro la loro propria carne, e difficilmente accettano di fermarsi a verificare ognisingolo comportamento alla luce di quanto hanno appreso dai pensatori antiliberisti: se restanoteorie, per quanto ineccepibili, saranno solo un bellesercizio di stile, mentre sarebbe bene accettarela grande sfida di monitorare minuto per minuto il proprio agire, non con lo scopo di farsi unprocesso infinito, ma per essere sempre più coscienti della complessità del cambiamento e dei suoicosti. Pochissimi accettano di fermarsi a pagare questi prezzi, pochissimi sono disponibili aguardarsi dentro, a portare a galla le contraddizioni, e il meccanismo più diffuso è la negazione: no,io non centro, il problema è...Proprietà privata e storia personaleUna lunga e sfibrante discussione può accendersi con facilità appena si tenti, come ho fattopersonalmente qualche volta, di ragionare sul tema della "proprietà privata". Apriti cielo se vienerammentato che questultima è assimilata da Marx al furto, e che la sinistra nacque proprio sulladimostrazione di questo principio. Tutti uniti e pronti a scaldarsi, nel dire che i tempi sono cambiati,che è molto più razionale comprare una casa che non farlo e via di questo passo, passandoallautomobile, alle tecnologie, al supermercato. 4
  5. 5. Si dimentica con un colpo di spugna che siamo inseriti fino al collo negli effetti devastanti che,appunto, la proprietà privata ha prodotto, dal possesso delle terre al dogma della superiorità sociale(morale!?) di chi possiede più cose, più case, e tutto il mondo è in guerra per la religione dellaproprietà privata! Eppure facciamo finta che la cosa riguardi solo i capitalisti.Sebbene comprensibile umanamente, questo atteggiamento tuttavia fa parte del problema di cuistiamo parlando: sono gli altri a dover cambiare, non io, non adesso, non qui. Ma allora chi, quando,dove???Come si vede continuo a fare laltalena anche in queste righe, non solo con me stessa, ma con tutti,perché capisco certe contraddizioni, e nel frattempo non posso fare a meno di vedere che sonoqueste le note stonate dellazione politica in cui i movimenti sono impegnati: vogliamo ilcambiamento ma lo chiediamo al di fuori di noi stessi, critichiamo il "sistema dominante", ma nonci domandiamo quanto siamo anche noi impregnati di convinzioni pericolose.Mi è capitato di discutere su questo argomento scottante: la differenza tra valore e denaro. Hochiesto a diversi movimentisti se fossero consapevoli che ormai attribuiamo un valore a qualunquecosa solo se questultima ha un costo definibile in denaro, più alto è il prezzo e più la cosa è "divalore", mentre dovrebbe essere sempre possibile distinguere nettamente tra i due concetti.Perfino i più preparati hanno grandi difficoltà a valutare la preziosità di qualcosa, qualsiasi cosa, senon viene monetizzata in qualche modo. Lesempio è venuto fuori in occasione di alcuni corsi diformazione che ho condotto gratuitamente: diversi partecipanti si sentivano dispensati dallesserepuntuali, dal restare per tutto il tempo previsto, dal coinvolgersi pienamente nelle esercitazioni e viadicendo, e alla mia richiesta di spiegazioni raccontavano di impegni improrogabili, e altre priorità.Ma quando, non convinta delle scuse, ho fatto la domanda precisa: "Se avessi pagato diecimila europer questo corso, verresti puntuale, rimarresti fino allultimo minuto, daresti il massimo?" Ebbene,anche i più reticenti hanno dovuto ammettere che in quel caso avrebbero attribuito allevento uncarattere di assoluta preziosità, a fronte di un alto costo in denaro.Conclusione? Al di fuori di qualsiasi giudizio morale, vale la pena di accorgersi che è difficilescrollarsi di dosso il dio denaro, è difficile pagare il prezzo del vero esame di se stessi, di un realetentativo di valutare uomini e cose con altri metri, di ridisegnare relazioni genuine tra persone, nonpiù fondate sulla mercificazione di qualsiasi elemento. Siamo imbevuti di equivoci, ben inseritimolto al di sotto della pelle, ed è il caso di farci i conti, non di negarli con argomentazioniintellettuali.In una situazione simile mi sono sentita addirittura rimproverare duramente della gratuità del corso:mi hanno detto che ero io a svalutare la mia "pur eccellente professionalità" (!?), e che in questomodo prestavo il fianco al dubbio che lo facessi per fini poco chiari (!). La confusione tra valore edenaro era completa.E molto difficile constatare che i germi del capitalismo hanno attecchito comodamente dentrociascuno di noi, perché sono stati inseriti con grande dispendio di risorse e tecniche sopraffine, permolti decenni, quindi per identificarli e poi sperimentare strategie efficaci per eliminarli occorrededicare molta attenzione, tempo, energie, a questo compito specifico: un costo non indifferente.Proprio perché cambiare vuol dire cambiare se stessi, e questo è indubbiamente il prezzo più alto.Il costo del cambiamento è interioreIl punto centrale si ripresenta, come un ritornello: lostacolo maggiore al cambiamento sociale nonsta nella difficoltà di convincere i cattivi capitalisti a rinunciare ai loro profitti (causa persa, tra 5
  6. 6. laltro, in partenza), ma proprio nel modificare quanto esiste al nostro interno di congeniale,connivente, allineato al capitalismo, non solo in quanto consumatori, ma proprio in quanto asservitialla religione della proprietà privata.Lerrore più ingenuo è quello di crederci immuni, magari perché abbiamo approfondito i temialternativi, dallequo e solidale al biologico, dai GAS alle MAG, dal disarmo alle malefattedellOrganizzazione mondiale del commercio, della Banca Mondiale e del Fondo MonetarioInternazionale, dagli appelli per la pace ai bilanci partecipati e via documentando.Il vero costo da pagare per il cambiamento non sta nel trascorrere tempo nei dibattiti, specie quellibelli, che spesso sono autoreferenziati, quindi gratificanti: è molto più costoso staccarci per qualcheora da tutto e da tutti, farci alcune domande vere, per esempio fare un elenco delle cose di cui siamoconvinti di non poter fare a meno, valutare con onestà come mai ci siamo così attaccati, e chiedercise quando parliamo di economia solidale e alternativa questo riguardi anche le nostre proprietàprivate, o se invece troviamo mille e una motivazione per giustificare la nostra realtà comeuneccezione che merita la massima comprensione...Non si tratta di andare di colpo a vivere sotto i ponti e chiedere lelemosina, tuttavia è il caso direnderci consapevoli che non siamo credibili per nessuno se al nostro interno non risolviamo alcunecontraddizioni di fondo.Vale la pena di ricordare che le persone che prendiamo ad esempio nella storia sono proprio quelleche trasudavano coerenza da tutti i pori, perché i loro comportamenti visibili e invisibili, privati epubblici, erano la conseguenza fattiva delle loro idee. Gandhi, fuori dalla retorica, era davveroconvincente, perché agiva seguendo alcuni irrinunciabili principi, e viveva ogni minuto della suagiornata in modo conforme a quei principi, appunto: "Sii tu il cambiamento che vorresti vedere nelmondo".Naturalmente viene facile affermare che di questi eroi ne nascono pochi, uno ogni miliardo, unoogni dieci secoli, e che noi invece siamo solo dei piccoli esseri tartassati dal lavoro precario, dallatelevisione, dalla pubblicità, dal mutuo.Ammesso e non concesso che sia vero, allora sarebbe almeno il caso di non chiedere più la luna, esmetterla di imprecare contro il sistema dominante, di prendersela con i capitalisti, che almeno sonochiari nella loro sete infinita di profitto, piantarla di pensare che il “compromesso” sia come ilbrodo di pollo contro linfluenza, facile e di sicuro effetto.Magari questo significa, speriamo, che arriverà prima o poi un punto di saturazione, nel quale laconsapevolezza del danno procurato dai consumi smodati diventerà più forte di tutto, e allora non sitratterà più di "rinuncia", ma di scelta libera nel modificare la nostra direttrice della vita.Ma per ora fare a meno delle “cose” sembra una sconfitta, sebbene sia il contrario, ossia una grandevittoria, la liberazione da una enorme schiavitù, perché sono le cose i nostri veri padroni, noi siamoconvinti di possederle, ma sono loro ad avere il potere su di noi, ci fanno diventare schiavi, pupazziinvasati dallisteria del possesso a tutti i costi. Vedere questa schiavitù non vuol direautomaticamente uscirne, ma di sicuro sarebbe già un bel passo avanti. Quanti di noi sono disposti arinunciare domattina al telefonino? Tanto per dirne una sola...Vostro Onore, la difesa chiama a deporre...E opportuno ribadire ancora una volta che il cambiamento è difficile, e può avvenire solo in certecondizioni. 6
  7. 7. Per esempio un vero problema risiede nel fatto che per buttare via qualcosa senza rimpianti bisognaprima averla.Questa realtà è una "debolezza" della struttura umana, tanto è vero che tutti i paesi che escono daregimi imposti, per prima cosa vogliono possedere denaro per comprare qualunque cosa, essendostati privati di questa possibilità.In questo senso non mi convince la spiegazione che sia soltanto la diabolica capacità (peraltro realeed efficacissima) del capitalismo di affascinare le genti di ogni latitudine: esiste una caratteristicaprofonda dellindividuo umano, ossia la scorciatoia comoda e veloce dellimitazione, che è unastrada eccellente di apprendimento, una via che nella crescita del bambino è fondamentale: lamaggior parte delle abilità si apprendono nei primi anni di vita imitando i genitori.Questa strategia è regolare e necessaria fino a quando lindividuo diventa adulto, fase nella qualedovrebbe invece pensare solo con la propria testa e non imitare più nessuno.Ma molto spesso, per non dire quasi sempre, la via dellimitazione risulta molto comoda anche daadulti. Si arriva con facilità al conformismo, dettato dal desiderio di non creare conflitti tra se stessie la propria comunità di appartenenza, in altre parole per farsi accettare è più facile seguire londache andare contro corrente.Nel nostro mondo occidentale, che si è arricchito seguendo meccanismi di grande ingiustizianelluso delle risorse, andare contro corrente oggi significa scegliere deliberatamente di nonconsumare, di non comprare, di non uniformarsi ai valori correnti che mettono denaro e possesso alprimo posto.Per fare questa scelta liberamente, tuttavia, bisogna comunque avere un certo grado di maturazione,di consapevole accettazione del costo che hanno queste scelte, del rischio di andare incontro acritiche, prese in giro, isolamento, giudizi forti, in altre parole: non consumare costa parecchio, enon si può pagare in moneta.Costa lincomprensione di parenti e amici, lincertezza della propria verità contro le facili certezzedel pensiero uniformato, avendo come unica costante il dubbio delle proprie scelte, la lucida analisi,impietosa sebbene serena, della difficoltà di distinguere tra convinzione e ideologia, tra felicità nelmettere in pratica i propri valori e masochismo nel mettersi contro quasi tutti quelli che ciconoscono.Questi comportamenti non sono automatici, sono frutto di grande impegno nel togliersi da dentrotutte le appiccicose false convinzioni su noi stessi e sulle nostre motivazioni ad agire. Se nellafamiglia tutti, genitori, fratelli, nipoti ecc… si sono appena comprati l’ultimo modello della tv alplasma, non è facile sentirsi dire “Ma perché tu no?” come se avessimo la peste…C’è da riflettere, perché per ora solo le catastrofi naturali impongono allimprovviso un ritorno ai(pochi) bisogni fondamentali, ma non ci sembra opportuno dover essere “svegliati” dalla catastrofe,forse sarebbe più intelligente svegliarsi autonomamente.Duecento anni fa (che sembrano tanti, ma nella storia umana sono un battito di ciglia), nonesistevano il telefono, il treno, laereo, il frigo, la lavatrice, gli abiti confezionati, gli orologi alquarzo, il computer e il cellulare, la macchina, gli scooter, internet, le penne a sfera e i blue jeans,gli antibiotici e la plastica, la tv e i dvd... lelenco sarebbe enorme (magari può diventare un gioco..),ma una cosa è certa: lumanità si trova in una fase di cambiamento accelerato a cui non è abituata.Qualcuno ha calcolato che solo 50 fa in un negozio cerano di media 500 cose, adesso in unsupermercato anche piccolo si sta intorno alle 15.000, per arrivare al megastore, che è come unacittà, dove ci sono alcuni milioni di oggetti: di fronte a un tale bombardamento i nostri sensi si 7
  8. 8. confondono, si perde la lucidità, perché l’ “iper-stimolazione” è uno sconquasso per la mente,quindi occorre una grande padronanza di sé per smascherare i falsi bisogni, per non farsi attiraredalle mille sirene, come fece Ulisse facendosi legare, e allora ecco che il cambiamento che occorresta proprio nella coscienza di quello che facciamo, di ogni gesto, di ogni singolo comportamento, intempo reale, velocemente.Nel passato ci volevano millenni perché qualcosa, anche minima, cambiasse, mentre adesso, sepenso alla vita che conducevano i miei nonni, non trovo neanche una vaga somiglianza.Questa velocità di cambiamento è una nuova facoltà da assimilare, anche in politica, dove nuoveforme e regole di governo dovranno necessariamente prendere il posto delle vecchie, modalità cheancora non riusciamo neanche ad immaginare, anche se credo che sarà possibile solo quandofiniranno le illusioni, quelle del “boom economico” e delle false certezze dell’ “Avere”, che tantiguai hanno procurato al pianeta, ma anche alla psiche delle persone, che mai come in questoperiodo consumano psicofarmaci in quantità industriali, perché il grande equivoco che ci si possarealizzare attraverso le cose, le proprietà, il denaro, sta portando ad una vera epidemia di malattiementali.Per scongiurare questo flagello generale è il caso di mettere mano al proprio cambiamento, perché èl’unico in grado di rendermi cosciente e responsabile delle mie azioni, sia personalmente checollettivamente, di ogni singolo gesto, per velocizzare la reale introduzione di altri modi di vivere.Dunque ci sono diversi argomenti da portare come avvocati difensori di tutti quelli che hanno tantedifficoltà a cambiare, a vivere secondo criteri di sobrietà, a valutare se stessi non più in base aquanto si possiede, ma a come si è dentro… tuttavia, sebbene non si tratti di emettere alcunasentenza, quanto piuttosto di renderci consapevoli degli ostacoli, forse vale la pena di guardare piùdentro che fuori, più ai nostri comportamenti che agli avversari politici, anche perché delle fortiincoerenze tra idee e azioni… proprio quegli stessi avversari ne fanno abbondante abuso.Cambiare se stessi è difficile, eppure è forse l’unica via per rendere vive le migliori idee checonosciamo e amiamo.Accettare le proprie contraddizioni è il primo passo, serve ad osservare i comportamenti senzadover ricorrere al brutto espediente dei “due pesi e due misure”, tipo… che il capitalismo è bruttosolo quando lo esercitano gli altri, mentre quando io obbedisco alla proprietà privata sono scusabile.Non si tratta di auto-flagellarsi, ché già è uno sport fin troppo praticato, ma dopo le recenti eimplacabili vicende elettorali magari converrebbe ricominciare da qualche parte in modosistematico e profondo, per esempio ricordando un fatto ultimamente un po’ trascurato, ossia che “ilpersonale è politico”.Franca AngiRoma 2008 8
  9. 9. Vi presentiamo una propostaE’ ormai una sensazione piuttosto diffusa che i danni all’ambiente siano sempre più gravi e che lepolitiche di intervento degli organismi internazionali e degli Stati più industrializzati stentino adecollare o sono addirittura inesistenti, malgrado l’urgenza di intervenire, ribadita da una serie dirapporti scientifici che si susseguono con una cadenza impressionante.In assenza di un radicale cambiamento del sistema economico dominante, sarebbero assolutamentenecessari una decisa pressione dal basso, una seria e continuativa azione di denuncia, laelaborazione di proposte concrete di cui intere popolazioni si facessero portatrici. Purtroppo siamoancora lontani da una situazione di questo tipo, ma non possiamo assistere senza reagire a fenomenisempre più gravi come le modifiche del clima o la perdita di foreste primarie che ancora per pocopreservano il patrimonio genetico originale dell’umanità.La ipotesi che stiamo perseguendo da alcuni anni si basa su una presa di coscienza e una assunzionedi responsabilità da parte di singole persone o di famiglie che vogliono realmente preoccuparsi delloro futuro. Alla domanda che tante volte ci viene rivolta, “ma io cosa posso fare di fronte afenomeni di questa portata”, vorremmo che si rispondesse con piccole azioni concrete di modificadelle nostre abitudini di consumo (ognuna delle quali contribuisce ai peggiori danni ambientali), inmodo da sperimentare concretamente un modello di consumo ben diverso da quello che ci vienecontinuamente imposto. Siamo convinti che se l’esperienza viene attuata seriamente e soprattuttotende a coinvolgere fin dall’inizio altre persone, può diventare una forma di pressione nontrascurabile, in quanto contiene in se la negazione delle logiche più distruttive del modello nel qualesiamo immersi e dal quale ci sembra così difficile uscire.Il percorso che vi proponiamo prevede diversi livelli, che ciascuno può realizzare in base a suelibere scelte; nessuna azione richiede impegni gravosi o tempi irrealistici, mentre i risultati sonoimmediatamente verificabili e permettono un uso molto più intelligente delle risorse a propriadisposizione. Le spese più onerose si evidenzieranno solo nella fase finale del percorso e sarannocomunque chiari i tempi di recupero delle cifre impegnate e i vantaggi anche monetari che possonoderivarne. Nelle prime fasi potrete cominciare a sottrarvi ad alcuni dei meccanismi più gravi epesanti che vi vengono imposti dall’esterno, riducendo alcuni dei danni al pianeta e alla vostrasalute che derivano dai consumi inutili e senza limiti ai quali siete stati abituati dalle pubblicità e daisistemi di distribuzione. Successivamente comincerete ad intravedere una modalità di consumodelle risorse naturali molto più razionale e piacevole, e potrete cominciare a costruire un modellosignificativo per voi e che avrete molta voglia di condividere con altri.Nel testo troverete delle indicazioni e dei suggerimenti, ordinati secondo livelli successivi, e perognuno di essi potrete acquisire altre fonti e strumenti di informazione e di guida. Tutto il percorsoperò deve essere libero e adatto alle proprie esigenze e priorità, mentre naturalmente non sieteobbligati a seguire la progressione dei livelli, il cui scopo è solo di essere un aiuto e un modo difacilitare l’accesso ai materiali di documentazione. Questi ultimi saranno spesso utili non per voi,ma se decidete di convincere qualche altra persona, sono cioè degli strumenti didattici adatti alladiffusione dell’esperienza che avete deciso di intraprendere. Analogamente, non esitate a ritornareai livelli precedenti se vi rendete conto che una “vecchia abitudine” ha ripreso il sopravvento sullemodalità di consumo e di comportamento che avete deciso di acquisire per rispettare il pianeta.Vi segnaliamo inoltre che la Città dell’Altra Economia comprende al suo interno, e accoglie spessoper incontri e convegni, esperti di problemi ambientali e tecnici, che saranno felici di mettere le loroconoscenze a vostra disposizione; una economia alternativa e solidale prevede come funzioniessenziali lo scambio di esperienze e il dono di conoscenze, fermo restando che tutte le personecoinvolte stanno anch’esse vivendo esperienze analoghe e possono non fornirvi verità assolute, masolo indicazioni derivanti dai lavori di costruzione e sperimentazione in corso. 9
  10. 10. Primo livelloPiccole azioni, individuali o familiari, per sottrarsi ai meccanismi di danno ambientale e acquistarecoscienza del proprio ruolo di consumatore; in genere non comportano spese e danno luogo a deirisparmi che possono essere quantificati e aumentati nel tempo. Richiedono la revisione dellevecchie abitudini, spesso diventate degli obblighi non eliminabili, e la adozione duratura di nuoveabitudini che permettono di vivere rispettando il pianeta e la natura e ponendo le basi per lacostruzione di una economia e di un mondo completamento diverso. L’attuazione di un certonumero di suggerimenti porta anche ad immaginare una società alternativa dove la solidarietàvissuta permette di instaurare relazioni e rapporti interamente nuovi. Il risparmio energetico in casa 1. Spegnere la luce uscendo da una stanza vuota 2. Man mano che si fulmina una lampadina normale (a incandescenza), sostituirla con una fluorescente a basso consumo. Pur essendo più costosa, dura otto volte di più e consuma quattro volte di meno. 3. Nei luoghi meno frequentati (scale, cantine, soffitte, ecc.) si può applicare un interruttore a tempo, mentre nei vialetti di accesso alla casa si possono installare delle luci a cellula fotoelettrica 4. Tenere pulite le lampadine: la polvere riduce la loro efficienza luminosa (fino al 15% in meno) 5. L’illuminazione con lampade da terra o da parete è migliore perché non crea zone d’ombra e fornisce una luce diffusa 6. Non lasciare computer ed elettrodomestici connessi alla fonte di elettricità (stand by, accesi ma non in funzione), staccare i carica batterie o telefonini 7. Non accostare la lavatrice al frigorifero (i motori consumano meno se intorno l’aria è a temperatura ambiente) 8. Usare la lavatrice a temperature basse (30°-60°) e solo a pieno carico 9. Pulire frequentemente filtri e vaschette dei detersivi 10. Se non abitate in una città con molto smog e molto piovosa, stendere i panni al sole è gratis e non spreca energia 11. Mettere sempre i coperchi sulle pentole che devono bollire o cuocere, si eliminano le perdite di calore 12. Se i piatti sporchi sono normalmente pochi, si possono lavare a mano con alcuni accorgimenti (lasciare in ammollo la sera, sperimentare i detersivi più efficaci e meno inquinanti, usare l’acqua calda dove si è bollita la pasta, ecc.) 10
  11. 11. 13. Nella lavastoviglie, potete rinunciare all’asciugatura dei piatti ad aria calda: aprire lo sportello e lasciare che i piatti si asciughino da soli permette di risparmiare il 45% di energia su un ciclo completo14. Mettere sempre il sale nell’apposito contenitore, affinché l’impianto di decalcificazione rimanga efficiente15. Preferire l’uso di lavapiatti e lavatrice nelle ore serali e notturne (se non disturba i vicini) quando le centrali vengono impiegate di meno e possono erogare elettricità senza sovraccarichi di potenza16. Aprite il frigorifero meno volte al giorno per il tempo più breve possibile17. Regolare il termostato a seconda della temperatura dell’ambiente: una temperatura troppo bassa (meno di 3 gradi centigradi) fa aumentare i consumi anche del 10-15% senza migliorare la conservazione del cibo18. Non introdurre alimenti caldi o liquidi scoperti che contribuiscono alla formazione di ghiaccio sulle pareti19. La zona più fredda è quella in basso20. Spegnere il forno un po’ prima della fine della cottura lasciando i cibi all’interno21. Non usare i termosifoni per asciugare i vestiti22. Non usare il condizionatore tenendo aperte porte e finestre23. Limitare l’immagazzinamento di calore durante le ore più calde, ad esempio abbassando le tapparelle24. Non cambiare aria alla casa con il riscaldamento acceso25. Rinfrescare la casa durante le ore notturne e favorire la circolazione dell’aria tenendo aperte le finestreAvete scoperto qualche altra semplice forma di risparmio energetico casalingo? Il risparmio dell’acqua1. L’acqua del rubinetto di regola è buona e molto controllata fino al termine della locale rete di distribuzione2. Se avete dubbi sulle tubature (o sui cassoni) del vostro palazzo, l’amministratore deve fare effettuare le analisi e provvedere alle eventuali riparazioni 11
  12. 12. 3. In caso di presenza percepibile di cloro e derivati, versare l’acqua in una brocca larga e metterla in frigo per farlo evaporare4. La presenza di calcare nell’acqua non è un fattore pericoloso per la salute e anzi è un elemento di prevenzione per alcune malattie cardiovascolari5. L’acqua del rubinetto può essere usata per lattanti e dopo lo svezzamento, poiché è tarata a valori medi validi per tutte le età6. I riduttori di flusso, reperibili presso negozi di idraulica e di ferramenta, si applicano a tutti i rubinetti e alla doccia e mescolando acqua e ossigeno riducono dal 30 al 50% il consumo di acqua, conservandone il potere detergente7. Far riparare subito le perdite di acqua dai rubinetti e dalle tubature8. Inserendo un mattone o delle pietre nello sciacquone del wc si può ridurre notevolmente l’acqua utilizzata9. Si può raccogliere la pioggia installando una cisterna in terrazza e usarla per innaffiare fiori e ortaggi coltivati in casa o all’aperto10. Non aprire l’acqua a scroscio e usare delle bacinelle di raccolta per un secondo uso (quella del lavaggio della verdura servirà per i fiori, quella dei lavaggi personali per il wc e così via)11. Una doccia di 4 minuti consuma 50 litri di acqua, ma ne serve molto meno se si chiude il flusso mentre ci si insapona o ci si strofina12. Il lavaggio a mano del vasellame non grasso può richiedere poca acqua se effettuato in un catino, mentre per il risciacquo basta un filo di acqua13. Basta un bicchiere pieno per sciacquare i denti e un filo di acqua corrente per lavare lo spazzolino. Per fare la barba, basta un catino di acqua per inumidire e sciacquare rasoio e pennello. Rubinetto chiuso anche mentre si insaponano capelli, viso,mani e così via.14. Le verdure biologiche si lasciano immerse in poca acqua e si apre il rubinetto solo per il risciacquo. Quelle non biologiche possono essere immerse in acqua e bicarbonato15. L’acqua dove si è bollita la pasta è ottima per sgrassare piatti e pentole16. Innaffiare i fiori sempre verso sera: l’acqua evapora più lentamente e viene in maggior misura assorbita dalla terra.17. Utilizzare detersivi ed igienizzanti ecologici, dopo aver verificato la loro efficacia rispetto al prezzo.18. Non usare acque minerali: spesso provengono dalle stesse sorgenti che alimentano i rubinetti delle case, sono meno controllate e più esposte a inquinamenti improvvisi delle falde, possono avere una concentrazione di varie sostanze in misura superiore a quella permessa agli acquedotti comunali, sono conservate in bottiglie di plastica che aumentano i rifiuti e inquinano l’ambiente per i lunghi trasporti su camion. E inoltre incidono moltissimo sul peso durante il trasporto della spesa dal supermercato a casa. 12
  13. 13. 19. Se per motivi di salute si devono proprio acquistare particolari acque minerali, leggere sempre sull’etichetta la scadenza di conservazione; scegliere un’acqua della zona e non una che proviene da lontano; scegliere quelle in bottiglia di vetro e con il vuoto a rendere; tenere l’eventuale acqua in bottiglia di plastica lontano da fonti di calore e al riparo dai raggi solariQuando siete al bar o al ristorante, vi vergognate a chiedere “l’acqua di brocca o delsindaco o di San Rubinetto”? Ridurre i rifiuti1. Iniziate a non comprare prodotti inseriti in imballaggi eccessivi, a partire dal pane nella plastica, dai salumi in busta, dai prodotti da forno in scatole rigide di cartone piene per due terzi, e così via. Chiedetevi se siano realmente necessari scatole che all’interno hanno vaschette di plastica e poi incarti e ancora sacchetti di plastica, ecc. e preferire i prodotti analoghi contenuti in un singolo pacco.2. Scegliete il “formato famiglia”, invece di tanti vasetti o pacchetti monodose3. Se consumate il latte crudo (non pastorizzato) potete averlo in bottiglie di vetro a rendere, invece che di plastica da gettare. Eliminate gradualmente i vostri contenitori di plastica, favorendo quelli in vetro4. E’ possibile trovare detersivi per lavatrici in forma di “ricarica”, cioè contenuti in buste da vuotare nel contenitore più grande iniziale, che così può essere usato a lungo; molti supermercati hanno ormai dei distributori di detersivi alla spina, dove cioè si riempie il vostro contenitore che si usa così più e più volte.5. Per frutta e verdura, carne e formaggi, evitare le buste in plastica preconfezionate e farsi servire al banco6. Evitate i contenitori in tetrapak (cartoni a molti strati) perché difficili da riciclare per la difficoltà di separare lo strato di carta da quelli in alluminio o plastica7. Evitate i prodotti “usa e getta”, forse fanno risparmiare il tempo di lavaggio ma danneggiano gravemente e per lungo tempo l’ambiente.8. Scegli prodotti, durevoli, riparabili, intercambiabili: dobbiamo rifiutare i prodotti progettati per essere usati per un tempo ridotto e predefinito9. Al supermercato e alle botteghe usate le vostre borse (specie se in iuta o in tela lavabile) rifiutando le buste in plastica10.Riducete il volume dei vostri rifiuti, comprimendo ad esempio le bottiglie di plastica e le lattine in alluminio 13
  14. 14. 11.Raccogliete a parte la carta (giornali e riviste, testi scritti e posta, ecc.) e portatela una volta alla settimana nei contenitori stradali (cassonetti bianchi) ad essa destinati. Ricordate che le buste con le finestrelle trasparenti non devono andare con il resto della carta e che molti testi al computer possono essere stampati dai due lati, mentre le pagine scritte possono essere utilizzate sull’altro lato per appunti o brutte copie.12.Raccogliete a parte la plastica e il vetro (bottiglie, contenitori di liquidi e detersivi, barattoli per yogurt e conserve, bicchieri rotti, ecc.) e portateli nei contenitori stradali ad essi destinati. Fate attenzione che il vetro piano e i cristalli non vanno con bottiglie e vasetti, perché contengono sostanze particolari.13.Non gettate nei cassonetti il materiale elettronico che scartate e verificate, prima di comprare i nuovi apparecchi, se il venditore ritira quelli vecchi.14. Prima di gettare un oggetto, verificate se è possibile ripararlo: esistono ancora artigiani specializzati, oltre a risparmiare e a ridurre i rifiuti contribuiamo a non farli sparire.15. Prima di gettare dei beni durevoli (mobili, vestiti, elettrodomestici, ecc.) cercate di venderli o donarli alle numerose organizzazioni che ne riciclano e recuperano una gran parteResterete sorpresi del ridotto volume di tutto ciò che resta ( e ancora molto potrebbeessere recuperato e riciclato, qualora fosse organizzata la Raccolta Differenziata Porta aPorta!) Cambiare mobilità per salvaguardare il clima1. Se siete costretti ad usare un auto, mantenete una velocità moderata in autostrada e sulle strade esterne e urbane: andare a 125 chilometri all’ora invece che a 110 comporta un aumento del consumo del 20%2. Uno stile di guida tranquillo permette di risparmiare dal 5 al 25% di carburante3. Spegnere il motore durante soste lunghe (ai passaggi a livello, ai semafori lunghi, sotto i tunnel, per parcheggi temporanei)4. Spegnere tutti i dispositivi elettrici quando non sono realmente necessari (condizionatore, sbrinatore, fari, fari antinebbia)5. Evitate di riscaldare il motore a veicolo fermo6. Usate al minimo il condizionatore7. Controllate spesso la pressione dei pneumatici8. Non utilizzate accessori che aumentano la resistenza all’aria e non caricate eccessivamente la vettura: viaggiare con i finestrini aperti e con portapacchi inutili comporta aumenti di consumo del 2% in città e fino al 20% su percorsi extraurbani 14
  15. 15. 9. Usate l’auto ogni settimana un po’ meno e usate un motorino di piccola cilindrata10. Provate ad arrivare ad un mezzo pubblico con la vostra auto, lasciandola in sosta fino al momento del viaggio di ritorno,11. Provate a organizzare sul vostro posto di lavoro o con dei vicini dei trasporti in comune, magari non tutti i giorni, usando a turno una sola auto (car- pooling): aumentano anche le relazioni, praticamente impossibili sui mezzi pubblici12. Se in città esistono dei servizi efficienti di car - sharing (condivisione di un parco auto comune), provate a vedere se vi conviene; all’inizio può sembrare un cambiamento complesso, ma ci si fa presto l’abitudine13. E’ in fase sperimentale un sistema “Roadsharing”, una specie di autostop informatizzato. Chi offre un passaggio si registra sul sito indicando luogo di partenza e di arrivo, e resta in attesa di chi sta cercando un passaggio in quella direzione; analogamente chi cerca un passaggio precisa le sue esigenze. Il contatto tra domanda e offerta è stabilito dal sito.14. L’aereo inquina anche 10 volte di più di un auto: su percorsi di 500-2000 chilometri conviene il treno, specie se tenete conto dei tempi che si aggiungono a quelli del volo (andare e tornare dall’aeroporto, controlli, scali tecnici, voli cancellati, ecc.) e della fatica di guidare15. Fate diventare biciclette e bici elettriche il vostro mezzo di spostamento, magari aggiungendo un cesto e un portapacchi per la spesa16. Aumentate il tempo delle vostre camminate, in particolare di quelle senza uno scopo precisoDa quanto tempo non girate per una città d’arte senza meta, guardandovi in giro ecuriosando tra la gente e i monumenti? Per una alimentazione corretta e gustosa1. Iniziare e finire la giornata con un bicchiere di acqua2. Sul lavoro, avere a portata di mano una caraffa di acqua da bere a intervalli; se si è in giro portare con se una bottiglia di acqua e un bicchiere di alluminio a telescopio3. Aumentare la quantità di frutta e vegetali, che oltre a contenere acqua, sono ricchi di sali minerali e altre sostanze importanti per la salute dell’organismo4. Acquistare frutta e verdura durante la rispettiva stagione (anche se le abbiamo dimenticate e siamo confusi dalla contemporanea presenza di piante e frutti che maturavano in periodi diversi) e diamo la preferenza a cibi che sono prodotti nelle vicinanze e di cui conosciamo la reale provenienza: potete risparmiare più del 30% dei pesticidi che assumiamo giornalmente 15
  16. 16. 5. Acquistare prodotti biologici (controllando che non abbiano prezzi eccessivi), provenienti da produttori certificati o autocertificati6. Evitare gli alimenti cosiddetti freschi in buste di plastica e confezioni sottovuoto, macedonie pronte, minestre pronte, polenta cotta, piatti precotti, ecc.. I surgelati non si sa quando e dove sono stati cotti o pescati, e comunque la loro lavorazione richiede molta energia7. Frequentare mercatini periodici dove sono presenti produttori diretti, che siano in grado di garantire la qualità dei prodotti (anche se non ufficialmente biologici) e che permettono di evitare i ricarichi di negozi e supermercati8. Cereali, legumi, ortaggi e frutta devono costituire la base della dieta giornaliera, nella quale inserire altri alimenti in quantità moderate9. Tra i cereali troviamo riso, granturco, frumento, avena, ma anche orzo, miglio, segale. Tra gli altri alimenti (amilacei) si colloca la patata. Questi alimenti apportano carboidrati, cioè energia, all’organismo e sono anche una fonte di proteine ma in bassa misura (5-10%). Questi alimenti devono sempre essere abbinati a fonti importanti di proteine, come carne, pesce, legumi.10. Carne, pesce, uova, latte, formaggi, sono alimenti ricchi di proteine animali, di ferro, e di vitamine del gruppo B e PP. Però vanno consumati con moderazione per il contenuto di grassi saturi e perché contengono anche sostanze conservanti, residui di antibiotici e di pesticidi e spesso anche sostanze ormonali sintetiche (usate per ingrassare gli animali, negli alimenti per pesci di allevamento, ecc.).11. Le proteine vegetali si trovano soprattutto nei legumi (piselli, fagioli, soia, lenticchie, ceci, fave, ecc.), fonti minori sono le noci, i semi e i cereali. Una dieta che combina cereali e legumi può fornire la gamma degli aminoacidi essenziali12. Sia i grassi saturi (formaggi, latte intero, panna, burro, carni grasse e loro derivati che insaturi (oli vegetali, di semi e di oliva) vanno consumati in quantità molto ridotte a causa del loro alto livello energetico13. Le sostanze grasse tendono a ossidarsi (diventano rancide e vanno conservate fuori del contatto con l’aria. I grassi solidi (burro, strutto, ecc.) vanno conservati in frigo. L’olio di oliva spremuto a freddo è la qualità da preferire, poiché questa lavorazione permette la conservazione di preziose sostanze nutritive che difendono l’organismo dai “radicali liberi” (ritenuti causa di invecchiamento, di disfunzioni delle funzioni cellulari e di tumori)14. Il consumo di adeguate quantità di frutta e di ortaggi assicura il fondamentale apporto vitamine, minerali, e acidi organici, consente di ridurre la densità energetica delle diete e riduce la sensazione di fame dato il potere saziante di questi alimenti.15. Mangiare la frutta lontano dai pasti, dopo averla lavata bene e sbucciata se non proviene da agricoltura biologica16. Meglio stufare o cuocere i cibi nella pentola a vapore, che conserva al massimo i valori nutritivi 16
  17. 17. 17. Comprare i cibi freschi permette di eliminare l’olio di conservazione dei cibi in scatola 18. Per l’alimentazione dei bimbi piccoli meglio ricavare in casa purè filtrati di verdure e frutta e cuocere biscotti casalinghi, evitando così di introdurre nella loro dieta i primi additivi chimici 19. Le intolleranze e le allergie verso gli alimenti sono sempre più diffuse in quanto legate all’uso di alimenti di produzione industriale; è opportuno ricorrere a medici e analisi specializzate, ma anche ridurre drasticamente l’uso familiare di alimenti sottoposti a processi industriali e che contengono residui di pesticidi, conservanti, coloranti, potenziatori di sapore, additivi e altri prodotti chimici 20. Gli organismi transgenici (detti OGM) sono piante e animali nel cui DNA sono stati inseriti dei geni estranei al suo patrimonio genetico originale. Si sarebbe dovuto rispettare il principio dell’affinità tra le specie, cioè non si sarebbero dovute incrociare specie troppo diverso tra loro oppure un appartenente al mondo animale con uno del mondo vegetale. Le specie transgeniche finora diffuse per scopi alimentari sono 5: mais, soia, colza, cotone e le colture di lieviti. Attualmente in Europa possono essere commercializzati prodotti alimentari che derivano da 16 organismi transgenici: una varietà di soia, una di mais, i derivati di sette varietà di colza e di quattro varietà di mais, gli oli derivati da due varietà di cotone e i cibi o i mangimi che contengono vitamina B2 (ottenute da colture del Bacillus Subtilis, batterio transgenico). Non si conoscono gli effetti che tali alimenti possono avere con l’uso prolungato sull’organismo umano e quindi sono da evitare. 21. Pur essendo in gran parte destinati all’alimentazione del bestiame, sono sicuramente in circolazione alimenti transgenici; è obbligatoria la segnalazione in etichetta, ma in Italia non è ancora rispettata la direttiva europea. Marche e Puglia hanno vietato la coltivazione di alimenti OGM. Sono inoltre disponibili liste di prodotti e di case produttrici sicuramente da evitare 22. Se si vuole ridurre i danni ambientali e alla salute derivanti dall’allevamento di bestiame e dalla pesca industriale, si possono ridurre o eliminare i consumi di carne, aumentando gli altri alimenti che contengono le stesse sostanze garantite dalla carne; manca solo la vitamina B12 che dovrà essere assunta a parte con un integratore 23. Sostituire i pasti al ristorante (tranne quelli biologici e vegetariani) con cene tra amici con alimenti biologici, locali, di stagione e appena colti e con ricette che salvaguardano i valori nutritivi e i sapori originari 24. Fare la pasta e il pane in casa, fare lo yoghourt e preparare le marmellate più semplici devono rientrare a far parte della normale cucina quotidiana 25. Masticare trenta volte un boccone fa digerire meglio e mangiare menoParlate con orgoglio delle vostre conquiste in cucina? 17
  18. 18. RIQUADROPensate che qualche lettura possa sostenere i vostri sforzi? Sapere che altri sono passati attraverso lavostra esperienza vi aiuta a superare le difficoltà e vi permette di affrontare con il sorriso sullelabbra le inevitabili ricadute, gli eccessi di serietà, le prese in giro degli amici?Vi segnaliamo alcune fonti di intelligenza, ironia e divertimento, per tenere desta la vostraattenzione contro le lusinghe del sistema economico e il peso delle piccole abitudini accumulatenegli anni.In primo luogo due libri che raccontano le esperienze di giornalisti o esperti che hannosperimentato per molti mesi cosa accade se si cerca di uscire dal mondo del consumismo illimitato edi creare una sfera di vita da consumatore critico e responsabile, sono un aiuto ironico e sincero persuperare difficoltà e debolezze:Judith Levine, Io non compro, un anno senza acquisti,un’esperienza per riflettere sul potere delmercato, Ponte alle Grazie, Milano 2006Leo Hickman, La vita ridotta all’osso, Ponte alle Grazie, Milano 2007Poi una pubblicazione periodica,La rivista “Internazionale” ha una rubrica settimanale di consigli per comportamenti e acquistiInfine, se proprio non volete leggere, almeno un film divertente:Morgan Spurlock, Super Size Me, un film di epiche porzioni, cosa potrebbe accaderti se per unmese intero mangiassi solo al fast food?, Fandango Libri, www.fandango.itAttenzione! a) Siete sicuri che le scelte risparmiose da voi effettuate sono diventate delle nuove “buone abitudini”? Qualche ricaduta nei vizi consumistici precedenti è normale e non deve creare sensi di colpa, poiché non dovete dimenticare che siete stati esposti per decenni alle tentazioni e alle imposizioni delle pubblicità e dei sistemi di distribuzione e quindi non è certo facile sottrarsi completamente e adottare comportamenti ben diversi (continuando a rimanere esposti alle suggestioni esterne, talvolta molto sottili e ben nascoste) b) Siete rimasto solo nelle vostre scelte oppure familiari e amici le rispettano o addirittura le invidiano? Avete coinvolto (senza imposizioni, si spera!) il resto del vostro nucleo familiare? c) Avete già pensato di esaminare le bollette di luce e acqua per verificare l’entità dei risparmi acquisiti? Se volete essere accurati dovete analizzare due o tre di quelle precedenti per evidenziare la spesa media di ogni voce e poi fare il confronto con le bollette successive, tenendo conto di eventi che possono aver influito sui risparmi (molte cene con tanti amici, una o due feste, ecc.) d) Avete già cercato di coinvolgere i vostri amici o colleghi nella vostra esperienza? Che tattica avete seguito? e) Cominciate a cercare di spegnere le luci quando siete in casa di altri o al lavoro, oppure guardate con dolore una fontanella senza rubinetto che spreca un liquido prezioso? Siete sulla buona strada, pronti per affrontare gli impegni del livello successivoSecondo livello 18
  19. 19. I suggerimenti talvolta comportano dei piccoli lavori o alcune spese, oppure possono essere accoltisolo al momento di fare dei lavori in casa o di pensare a mezzi di trasporto diversi, quindi ènecessario valutare bene i risparmi possibili e quanto tempo occorre per “rientrare” delle speseaffrontate. E’ opportuno che tutto il nucleo familiare condivida l’impostazione dei rapporti con lanatura e il mondo esterno, le iniziative da prendere sono molto più piacevoli se condivisi conparenti ed amici ugualmente motivati. Occorre anche pensare in anticipo ai modi in cui presentare leproprie scelte all’esterno, in particolare i vicini o i gruppi di incontro ai quali si partecipa, inparticolare i gruppi di acquisto solidale. Il risparmio energetico e la casa 1. Se comprate dei nuovi elettrodomestici (dopo aver valutato attentamente se ne vale la pena), chiedete quelli di categoria A (A+, A++, ecc.) che consumano meno energia 2. Quanti sono i piccoli elettrodomestici di cui potete fare tranquillamente a meno? 3. Termosifoni, scaldabagni, forni che usano l’energia elettrica hanno un rendimento molto basso e quindi devono essere usati il meno possibile 4. Collegare la lavatrice al tubo dell’acqua calda (e ai pannelli solari termici se già installati) permette di risparmiare il 20% di energia assorbito dal boiler interno 5. Il risparmio di energia può aumentare montando all’ingresso dell’acqua della lavatrice un decalcificatore magnetico che permette di lavare a temperature inferiori e di risparmiare metà dei detersivi 6. Scegliere lavapiatti di categoria A, non superare i 50 gradi, pulire periodicamente le pale per evitare che i fori si otturino, nonché i filtri e gli ugelli. Evitare prelavaggio e asciugatura automatica 7. Invece delle pile usa e getta (la cui produzione richiede molta più energia di quanta non ne eroghino), utilizzare quelle ricaricabili con un caricabatteria da collegare alle spine di casa. La soluzione più ecologica sarebbe una ricarica da pannello solare o a manovella 8. Un misuratore di carica può verificare quanta energia rimane in una pila. Quelle mezze scariche possono essere utilizzate per apparecchi a basso consumo (sveglie, telecomandi) 9. Una accurata coibentazione della casa può far risparmiare fino al 25% di energia. Si possono applicare pannelli isolanti di fibre naturali sulla pareti che danno verso l’esterno, isolare il pavimento del sottotetto, applicare strisce di gomma o guarnizioni sui bordi degli infissi, foderare il cassonetto delle tapparelle avvolgibili, apporre dei rotoli di stoffa alla parte inferiore delle portefinestre, ecc. 10. Applicare dove possibile i doppi vetri alle finestre 11. Piante sui terrazzi, alberi vicino ai muri, piante rampicanti sui muri esterni, alberi frangivento in giardino, ecc. modificano anche di 5 o 6 gradi il fabbisogno energetico di una casa (sia per riscaldare che per refrigerare) 19
  20. 20. 12. Un impianto termico a metano riduce del 50% le emissioni di anidride carbonica e del 30% quelle di ossido di azoto rispetto agli impianti a gasolio13. Caldaie e caminetti a pellets o cippato ( fatti di residui di legno) riducono anche del 50% i costi di gestione e quindi permettono di compensare il costo di acquisto in tempi brevi14. Inserire una valvola termostatica per regolare e diversificare le temperature nei diversi locali; si può risparmiare anche il 20% di energia; un cronotermostato permette di regolare per giorni e settimane i gradi e gli orari di accensione15. Inserire un miscelatore in uscita dallo scaldabagno, tarando la temperatura fra 37 e 40 gradi; installare un timer per l’accensione regolata; verificare che il serbatoio dell’acqua sia ben coibentato16. Contro il caldo esterno, utilizzare tende diverse secondo le stanze17. I ventilatori consumano molto meno dei condizionatori. Quelli a pale (specie se a turbo) muovono l’aria di tutta la stanza possono ridurre la temperatura corporea anche di 5 gradi18. Dovendo acquistare una lavastoviglie, scegliere i modelli ad alta efficienza ( con lavaggio a pioggia e riutilizzo dell’acqua di lavaggio) e verificare la presenza del marchio europeo IMQ e della ecolabel; evitare i modelli “lava e asciuga”, sono comodi ma consumano molta energia19. Acquistare frigoriferi che non contengano Cfc, Hcfc, Hfc, i loro costi di esercizio sono minori e non si rischia di danneggiare la fascia di ozono che ci difende dai raggi del sole20. Sbrinare il freezer quando lo strato di ghiaccio supera i 5 mm. altrimenti i consumi aumentano anche oltre il 30%; pulire dalla polvere la serpentina posta sul retro21. I condizionatori di classe A costano di più ma consumano meno energia; non impostare una temperatura troppo diversa da quella esterna; pulire periodicamente i filtri che accumulano polvere e batteri pericolosi per la salute22. Preferire i ferri da stiro più leggeri (massimo 1200 watt), a vapore e con dispositivo anti calcare23. Le batterie degli apparecchi elettronici costituiscono un rifiuto pericoloso, quindi è sempre da preferire l’alimentazione elettrica; le batterie ricaricabili durano molto di più e il loro costo è recuperabile in breve tempo; le batterie alcaline e al litio garantiscono le migliori prestazioni; vanno tolte le batterie dagli apparecchi di uso non frequente. Le batterie scariche vanno assolutamente depositate negli appositi contenitori24. Per una illuminazione migliore, tinteggiare le pareti di bianco; lampade da terra o da parete non creano zone di ombra; per lavorare, leggere o cucinare illuminare con apposite lampade i piani di lavoro; le plafoniere sono più adatte per bagni e zone di passaggio; usare le lampade al neon solo nei luoghi di lavoro e senza abbagliare25. Per i locali senza luce diretta è possibile catturare la luce con dei dispositivi detti “tubi solari”: sono tubi riflettenti con una estremità sul tetto o su un muro esterno e l’altra sul 20
  21. 21. soffitto della stanza da illuminare. La spesa energetica è nulla e l’investimento si recupera in poco tempo26. Se avete spazi sufficienti sul tetto o intorno alla casa per installare pannelli fotovoltaici per la produzione di energia o termici per ottenere acqua calda, oppure piccoli rotori eolici se la zona è ventosa, potete richiedere dei preventivi. Sarete sorpresi dallo scoprire che una spesa del genere può essere recuperata in un tempo molto breveSono stati divertenti o stancanti i lavori suggeriti per rendere la vostra casa più leggera sulpianeta? Il risparmio dell’acqua1. Esistono in commercio sciacquoni del wc a doppio pulsante, con diverse erogazioni di acqua; oppure si può modificare quello già installato agendo sull’asticella del galleggiante interno al serbatoio (si possono risparmiare fino a 25.000 litri all’anno)2. Se l’acqua non ha un gusto gradevole o non è potabile, sono possibili tre soluzioni: se dipende dai tubi vecchi e arrugginiti dell’edificio, si può munire il rubinetto di un filtro meccanico a rete; se le cause sono a monte, si possono usare delle cartucce filtranti con una miscela di carbone attivo e scambiatore di ioni (sono efficaci per ridurre la durezza carbonica dell’acqua, e contro la presenza di cloro e di alcuni metalli ma non eliminano le sostanze inquinanti); per l’eccesso di magnesio e calcio si può installare un impianto di addolcimento (chiamando degli esperti)3. Un sistema risolutivo a largo spettro è il depuratore domestico ad osmosi inversa, utile per rimuovere metalli pesanti; è costoso, ma efficace e duraturo e si recupera la spesa in circa due anni. C’è il rischio di una eccessiva demineralizzazione se non è ben tarato4. Si può bere acqua del rubinetto aromatizzata alle erbe (menta e basilico), oppure con gocce di oli essenziali al limone o all’arancio amaro. Le spremute sono poco costose e fresche; si può acquistare una bottiglietta di succo di mirtillo da diluire (costa quanto una lattina di bibite chimiche); la bibita di liquirizia si ottiene da due bastoncini di liquirizia lasciati sciogliere in una caraffa di acqua fresca. E infine il “guaranito” importato dal commercio equo e solidale.5. In fase di ristrutturazione della casa si può chiedere di abbinare la colonna degli scarichi di cucina, della doccia, della vasca da bagno, della lavatrice o della lavapiatti a quella del wc.6. Sul balcone si può installare un serbatoio in plastica per raccogliere l’acqua piovana, deviandola dalle grondaie e usandola per innaffiare o per il wc7. Nei giardini domestici evitare od eliminare pavimentazioni impermeabilizzanti.8. La neve artificiale sulle Alpi consuma tanta acqua quanto una città di un milione di abitanti; anche le piscine e i campi da golf consumano quantità eccessive di acqua9. Lavare l’auto con un secchio invece che con la pompa 21
  22. 22. 10. Perché non provare a scrivere sui prodotti di più largo consumo la quantità d’acqua che è necessaria per produrli?Avete provato a calcolare quanta acqua consumate ogni giorno? E i membri del vostronucleo familiare? Ridurre i rifiuti 1. Adottare per i bimbi il pannolino ecologico lavabile, tutto cotone (ora anche biologico), così da eliminare i pannolini usa e getta, costosi e inquinanti e che, soprattutto, contenendo dei gel chimici superassorbenti, possono provocare irritazioni 2. Anche gli assorbenti per le donne diventano per ragioni igieniche dei rifiuti indifferenziati e se dispersi nell’ambiente persistono a lungo senza modificarsi. Oggi possono esser sostituiti dalle pratiche “coppette” di lattice, lavabili e utilizzabili per lunghi periodi senza inquinare (rappresentano una spesa mensile di 30 centesimi di euro). 3. Usare la carta igienica riciclata al 100%, marchio Ecolabel, sbiancata con cloro e imballata in amido di mais inseribile nei compost, acquistabile a prezzi uguali a quella normalmente in circolazione 4. Evitare i bagnoschiuma, contengono tensioattivi schiumogeni che finiscono nei fiumi 5. Evitare i deodoranti composti da oscuri ingredienti e gli antitraspiranti che chiudono i condotti sudoriferi e infiammano le ghiandole; usare invece la pietra di allume di potassio inumidita, acqua e bicarbonato, il normale borotalco 6. Per la barba, rasoio di metallo, non usa e getta; escludere i pennelli da barba di tasso o con base in avorio 7. I barattoli di vetro con coperchio a vite possono essere riusati senza limiti per riempirli di marmellate, succhi, conserve, vegetali sottolio, creme di semi oleosi, ecc. 8. Se è proprio necessario usare stoviglie monouso, acquistare quelle biodegradabili in Mater B a base di amido di mais o i Pla, a base di acido polilattico 9. Prima di gettare un tessuto, un oggetto, un foglio di carta usata, pensare intensamente ai nuovi usi che ne potremmo fare ( un patchwork, un vestito per bambini, un blocco per appunti, ecc.) senza porre limiti all’immaginazione 10. I computer dichiarati “vecchi” dal mercato che deve inseguire modelli sempre nuovi, possono essere aggiornati e rimessi in circolazione dotati di software libero; i dannosi rifiuti di origine elettronica che intasano e avvelenano le discariche sono ormai insostenibili 11. Molti oggetti, di stoffa, di legno, ecc. con un po’ di fantasia possono essere trasformati in giocattoli (preferiti da molti bambini rispetto a quelli supermeccanici) 22
  23. 23. 12. Le nostre case sono invase da piccoli contenitori di plastica mezzi vuoti (detersivi, saponi, shampoo, schiume, creme, cosmetici, ecc.): forse è ora di avviarli al cassonetto dopo averli accuratamente sciacquati 13. Molti imballaggi (buste di plastica, scatole di cartone, ecc.) possono essere usati più volte; mettere da parte quelli che prevedete potranno esservi utili 14. Verificare sempre la possibilità di riparare un oggetto che non funziona, prima di gettarlo via; esistono dei piccoli riparatori (calzolai, rammendatrici, arrotini, falegnami, orologiai, sarte, restauratori, rilegatori, ecc.) che con poca spesa prolungheranno la sua vita utile 15. Se pensate di gettare un oggetto di casa, un vecchio libro, un mobile vecchio stile, ecc. verificate se può ancora essere utile a qualcun altro; esistono dei mercatini dell’usato che permettono il baratto diretto tra le persone e organizzazioni di volontariato che raccolgono cose vecchie per recuperarle 16. Le pile esauste, i medicinali scaduti, i toner di copiatrici e stampanti, gli oli fritti, ecc. devono essere gettate negli appositi contenitori differenziati: sono tossici e pericolosi e possono perfino inquinare, rendendoli inutilizzabili, gli altri rifiuti 17. Avete mai provato a sverniciare un vecchio mobile e a dargli nuova vita con vernici ecologiche? Cambiare mobilità per salvaguardare il clima1. Proporsi di non utilizzare l’auto per percorsi compresi tra i tre e i cinque chilometri2. Convertire le auto a benzina in auto con impianti a metano o a GPL3. Per auto diesel cercare di usare le tipologie meno inquinanti (blu diesel, gasolio bianco). L’uso del biodiesel (proveniente dal trattamento chimico di oli vegetali di colza, girasole e soia) riduce l’inquinamento, ma contribuisce ad aumentare i prezzi delle materie prime agricole e danneggia i paesi tormentati dalla fame e dalla malnutrizione4. Sostituire l’auto con il treno per i percorsi superiori a 100 chilometri dalla propria abitazione5. Ridurre al minimo gli ingressi nei grandi e medi centri urbani, usando l’auto solo per arrivare ai parcheggi di scambio intermodale e utilizzando poi i mezzi pubblici, con preferenza le metropolitane (anche quelle leggere di superficie)6. Dovendo proprio acquistare una auto nuova, preferire i mezzi di piccola o media cilindrata7. Dare inoltre la preferenza ad auto ibride (a doppia alimentazione) o che sperimentano carburanti meno inquinanti8. Al momento dell’acquisto verificare attentamente la presenza di apparati che riducono le emissioni inquinanti e il rispetto delle norme europee in vigore o di cui è prevista l’approvazione nell’immediato futuro 23
  24. 24. 9. Durante l’uso verificare scrupolosamente il funzionamento degli apparati di controllo delle emissioni, affinché siano rispondenti ai livelli minimi previsti dalle norme in vigore o consigliate10. Cambiare la marmitta catalitica quando è esaurita la sua funzionalità11. Montare pneumatici ricostruiti, cioè che provengono da processi di riciclaggio e riutilizzo di vecchie gomme12. Fare attenzione al corretto smaltimento dei rifiuti dell’auto: olio esausto, liquido dei freni o del cambio, batterie, pneumatici sostituiti devono essere consegnati agli appositi centri di raccolta per rifiuti pericolosi, dove saranno riciclati13. Le auto elettriche non sono veicoli a emissione zero ma ad emissione differita, cioè che inquinano al momento della ricarica e dello smaltimento delle batterie, anche se contribuiscono molto a ridurre lo smog nei centri urbani14. Acquistando una bicicletta, date la preferenza a quelle prodotte con il riutilizzo delle lattine di alluminio15. Verificate la possibilità di acquistare piccoli carrelli trainati dalla bicicletta, di uso comune in molti paesi europei Per una alimentazione sana e alternativa1. Entrare a far parte o costituire un gruppo di acquisto solidale è una esperienza ormai molto diffusa e permette di stabilire rapporti diretti con produttori agricoli e di consumare frutta e verdure di stagione (in qualche caso consegnate a casa settimanalmente): a prezzi molto più bassi dei mercati rionali si mangiano alimenti appena colti2. Se si dispone di un giardino anche piccolo è possibile autoprodurre un notevole gruppo di alimenti: da tre a sei metri quadri, coltivati poche ore a settimana, possono fornire verdure a una famiglia di 3-4 persone per tutto l’anno3. Anche un balcone può ospitare una piccola produzione di odori e piante per condire i cibi: basilico, menta, rosmarino, salvia, timo, erba cipollina, ecc. ma anche insalata, cavoli, sedani a coste, ecc.4. Su un terrazzo si possono addossare alle pareti piante rampicanti, disporre delle cassette di legno sulle ringhiere (verso l’interno e verso l’esterno) mentre dei vasi più grandi possono ospitare piccoli alberi da frutta e può essere realizzata una piccola serra in un angolo riparato per avere prodotti anche d’inverno5. Coltivare germogli in un barattolo è davvero interessante. Ricchissimi di sali minerali (calcio, ferro, fosforo) proteici e disintossicanti, i germogli di semi vari potrebbero da soli tenervi in vita E poi niente pesticidi, niente trasporti, niente terra, niente imballaggi, solo un barattolo e un po’ d’acqua. Si inizia con grani non decorticati di frumento, avena, ceci, orzo, soia mung, semi di girasole e zucca, ecc. Si mangiano in insalata o appena sbollentati 24
  25. 25. 6. Quasi tutti i vegetali si possono trasformare in conserve e le frutta in marmellate, con un po’ di pratica si imparano le proporzioni da rispettare e le modalità di preparazione dei barattoli per garantire la conservazione 7. Quasi tutte le frutta e molte verdure si possono essiccare al sole, basta disporre di un balcone soleggiato; stendere su delle tavole e coprire con dei veli tipo zanzariere 8. Esistono migliaia di piante selvatiche commestibili o utilizzabili per migliorare la salute. Seguire un corso di riconoscimento delle piante apre la strada per una attività di raccolta divertente e interessante per chi voglia lavorare in una prospettiva innovativa 9. Studiare le ricette che permettono di utilizzare i prodotti locali e provenienti dal Sud del mondo, le spezie meno conosciute, le erbe non coltivate e raccolte, è fondamentale per variare la dieta e per utilizzare al massimo le caratteristiche di ogni alimento (contro la standardizzazione dei prodotti trasformati industrialmente) 10. Per far uscire i bambini dai vincoli di bevande molto pubblicizzate, patatine piene di “potenziatori di sapori” (vere e proprie droghe per la loro bocca) e merendine industriali è necessario recuperare le conoscenze della pasta e dei sughi fatti in casa, dei ciambelloni e delle crostate delle nostre nonne, dei succhi di frutta senza prodotti chimici e avviare un processo lento di vera e propria rieducazione del gusto (invitando anche i loro piccoli amici finché non saranno invidiosi dei cibi “diversi” da voi preparati).RIQUADROMolti dei suggerimenti contenuti in questa parte del percorso sono tratti da alcune fontifondamentali, che potreste utilmente consultare in quanto contengono i motivi che portano aipotizzare la nuova modalità di consumo, l’elenco dei rischi che si corrono e che si cerca di evitare emolti dettagli sul modo di realizzare l’innovazione. In sostanza il percorso è puramente indicativo,l’analisi approfondita è stata lavoro prezioso di questi autori, che quasi sempre hannopersonalmente sperimentato quanto suggeriscono e sono ricchi di indicazioni pratiche e operativeper guidare la realizzazione.Ulteriori indicazioni di obiettivi facilmente raggiungibili e maggiori informazioni su quelli giàindicati sono essenziali se si vogliono capire i motivi profondi delle scelte da fare e se si vuoleraggiungere una maggiore conoscenza relativa alle scelte già fatte:Albert K. Bates, Manuale di sopravvivenza alla fine del petrolio, riflessioni, consigli e ricette perfare a meno dell’oro nero, AAM Terra Nuova, Firenze, aprile 2008 (con bibliografia e ricette dicucina)Marinella Correggia, La rivoluzione dei dettagli, manuale di ecoazioni individuali e collettive,Serie Bianca Feltrinelli, Milano, aprile 2007 (con bibliografia)Comune di Venezia, Progetto Cambieresti? (Consumi, ambiente, risparmio energetico, stili divita), undici schede di informazioni e consigli, www.cambieresti.net.Centro Nuovo Modello di Sviluppo, Guida al consumo critico, informazioni sul comportamentodelle imprese per un consumo consapevole, EMI, Bologna, ultima edizione aggiornata 25
  26. 26. Terzo livelloE’venuto il momento di guardarvi intorno, di rendervi conto che la vostra esperienza non è isolatama è parte di un movimento dal basso che coinvolge un numero crescente di persone. Potetecominciare a chiedervi cosa potete fare intorno a voi, per vostra iniziativa e pressione, perdiffondere le nuove abitudini di risparmio e consumo. Si tratti di campagne, gruppi di acquisto opressioni politiche, l’incisività e la tenuta delle attività intraprese dipende molto dalle capacitàvostre e di chi avete coinvolto. Occorrono preparazione, conoscenze, motivazioni non superficiali,capacità di creare contatti e alimentare relazioni sociali. E’ necessario avere idee chiare sugliobiettivi delle singole iniziative, sulla adeguatezza dei mezzi rispetto agli scopi perseguiti, sullafunzionalità delle reti, sulle capacità collettive e personali di incidere sui meccanismi di dannoconsiderati obiettivi prioritari. Ciascuno deve trovare la collocazione adatta alle sue caratteristichepersonali, tutti devono sapere che ruolo hanno e come devono svolgerlo. Solo una spintaorganizzata dal basso è oggi in grado di incidere su una situazione particolarmente grave. E’ uncompito e insieme una responsabilità, condivisi e partecipati, ma dove l’apporto personale, di tuttele persone, è essenziale. Le indicazioni sono largamente esemplificative, completate il quadro con levostre informazioni e una analisi accurata del contesto nel quale intendete muovervi. Il risparmio energetico fuori di casa 1. Tutte le misure adottate per la vostra casa possono essere imitate in tutti gli uffici pubblici e in tutte le imprese private. Ogni vostra partecipazione a pressioni esercitate in questa direzione anche nel comune più piccolo è utile e conveniente per i contribuenti 2. Riempiendo di pannelli solari lo 0,4 delle superfici costruite in Italia, (che sono il 10% del territorio) si potrebbe coprire l’intero fabbisogno di energia elettrica del paese. Quindi ogni decisione, azione o campagna con questo obiettivo è di massima utilità e l’apporto della vostra esperienza essenziale 3. L’ideale sarebbe che le normative edilizie nazionali e locali prevedessero tetti coperti da pannelli solari in tutte le case di nuova costruzione e incentivassero le abitazioni e i condomini disposti a dotare le loro costruzioni con i pannelli 4. Ormai esistono anche in Italia interi quartieri alimentati con energia solare. E’ essenziale spingere le altre comunità ad imitare questi esempi di impiego oculato dei soldi pubblici. 5. Per evitare di far peggiorare la situazione del clima è necessario ridurre le emissioni di CO2 di oltre il 60% di quelle attuali, quindi occorre esercitare pressioni non soltanto sui principali “produttori”, ma su tutti coloro che anche in misura contenuta contribuiscono al flusso di emissioni. E’ essenziale partecipare a campagne e iniziative con questi obiettivi 6. Dobbiamo ridurre le risorse naturali che utilizziamo in una misura compresa tra il 70 e il 90% dei consumi attuali; per questo tutte le iniziative di consumo critico e responsabile vanno sostenute e richiedono la partecipazione di tutti 7. E’ importante tenere sempre presente la quantità di acqua che è necessaria per produrre ciascun bene e quindi scegliere di usare quei prodotti che a monte hanno consumato meno acqua 26
  27. 27. 8. Si devono riconvertire a produzioni più rispettose dell’ambiente tutte le industrie che danneggiano gravemente il pianeta; in ogni territorio occorre conoscere i danni causati dalle aziende locali ed esercitare ogni possibile pressione perché modifichino sia pure gradualmente i loro processi produttivi9. Ogni sede o locale può essere adibito a funzioni diverse a secondo degli orari; a proprietari, enti ed organizzazioni possono essere presentate delle richieste che aumentino l’uso sociale di parte delle scuole, degli uffici comunali, degli ospedali, dei cinema, ecc. nelle diverse ore del giorno10. Si può esercitare una importante pressione su ogni nuova costruzione nel vostro quartiere o paese, cercando di far applicare le regole della bioarchitettura (impatto emissioni zero, energie rinnovabili, recupero acqua piovana, ecc.) e della bioedilizia (materiali edili, qualità degli arredamenti, vernici non tossiche, ecc.), prendendo a modello i bioquartieri, l’edilizia biopopolare, le ecoscuole11. Si può lottare contro l’inquinamento acustico esterno (traffico, musiche, fabbriche, locali notturni) presentando un esposto al sindaco che deve intervenire, misurare i rumori ed effettuare sequestri12. Sono moltissimi i territori inquinati da impianti chimici, centrali di energia, inceneritori, discariche, allevamenti, ecc. E’ essenziale creare un comitato di protesta che elabori anche proposte alternative, per difendere l’ambiente e la salute degli abitanti13. Si possono appoggiare tutte le iniziative connesse con il diritto alla casa (contro le case sfitte, per ottenere case di edilizia popolare, a sostegno delle occupazioni di edifici vuoti, ecc.)14. Si devono denunciare tutti gli episodi di abusivismo relativi al vostro territorio15. Proteggere e richiedere il verde urbano: non solo ville e parchi ma anche giardini pubblici e aiuole spartitraffico coltivate16. Invitare nel proprio quartiere o comune la casamobile dell’energia e del risparmio: rivolgersi a Paea o al Centro Sereno Regis di Torino17. Chiedere al vostro Comune di rendere “verdi” cioè ecocompatibili tutti i suoi acquisti Il risparmio dell’acqua 1. E’ importante tenere sempre presente la quantità di acqua che è necessaria per produrre ciascun bene e quindi scegliere di usare quei prodotti che a monte hanno consumato meno acqua 2. Controllare che l’ente acquedotti locale o il comune effettuino tutti i controlli di qualità richiesti dalla legge e rendano pubblici i risultati 27
  28. 28. 3. Controllare lo stato di inquinamento di tutti i corsi d’acqua del vostro territorio e se necessario promuovere un comitato di sorveglianza di bacino, cioè che coinvolga tutte le popolazioni dei territori attraversati da fiumi e torrenti4. Organizzare gite e visite alle sorgenti d’acqua del vostro territorio e alle centrali di potabilizzazione, per sensibilizzare la popolazione ad un uso corretto del prezioso liquido5. Esercitare pressioni affinché gli enti locali svolgano una azione di promozione dell’acqua pubblica, in contrapposizione alle pubblicità insistenti delle acque cosiddette minerali6. Organizzare delle “prove gusto”: la maggioranza dei consumatori non riesce a distinguere tra acqua del rubinetto e acque in bottiglia; metter cartelli nelle mense che usano l’acqua in brocca; esercitare pressioni su ristoranti e bar affinché passino all’acqua in brocca7. L’acqua non deve essere privatizzata. Se l’ente locale ha già commesso questo errore (anche nella forma di società per azioni con la presenza del Comune), occorre esercitare decise pressioni per la sua ripubblicizzazione e per l’inserimento dei cittadini negli organi di controllo della gestione8. Devono essere eliminate le tariffe minime (cioè l’acqua da pagare comunque) perché rappresentano un incentivo allo spreco nelle famiglie di più piccole dimensioni e installati dei contatori per ogni appartamento in modo che ogni nucleo possa controllare facilmente gli effettivi consumi e possa iniziare a ridurli9. La promozione a tappeto dei riduttori di flusso domestici e negli edifici pubblici è una campagna che ogni ente locale dovrebbe avviare, specie se su richiesta dei cittadini; anche l’installazione di rubinetti nelle fontanelle è una azione che ridurrebbe la spesa collettiva per il consumo di acqua10. Le reti di adduzione e di distribuzione dell’acqua richiederebbero una azione molto consistente di riduzione delle perdite; si potrebbe iniziare dal vostro territorio11. I sistemi di fitodepurazione (igienizzare le acque attraverso particolari piante) sono convenienti e molto ecologici12. Incentivare la raccolta dell’acqua piovana nelle case e nei locali pubblici potrebbe essere una misura alla portata di tutti gli enti locali13. Controllare lo stato dei permessi di pesca e degli allevamenti artificiali14. Esercitare pressioni per l’eliminazione di tutti gli scarichi illegali in fiumi e torrenti15. Suggerire a produttori e cooperative di inserire nelle etichette dei prodotti da essi venduti la quantità di acqua che è stata necessaria per realizzarli 28
  29. 29. Ridurre i rifiuti e recuperare “materie seconde”1. Promuovere nel vostro Comune la raccolta differenziata fino a superare almeno il 60% del totale dei rifiuti è una azione fondamentale, ad alta priorità e urgente perché la utilità di discariche e inceneritori per lo smaltimento è assolutamente nulla, anzi dannosa in quanto non permette il recupero di molte materie prime essenziali (metalli, carta, plastica, ecc.)2. Promuovere la raccolta differenziata porta a porta è ancora più utile, perché l’obiettivo 80% non è così difficile da raggiungere in poco tempo, purché la popolazione sia stata debitamente sensibilizzata e istruita3. Naturalmente la riduzione a monte dei rifiuti agevola tutte le operazioni successive: ciò significa drastica riduzione degli imballaggi superflui, il recupero degli alimenti in scatola prossimi alla scadenza o in contenitori danneggiati che non pregiudicano la qualità del prodotto, il riuso e il riciclaggio spinto di arredamenti e utensili di casa4. La frazione residua va ulteriormente ridotta con un apposito trattamento non inquinante5. E’ necessario promuovere il passaggio da una tassa proporzionata alla taglia della casa a una tariffa applicata alla reale produzione in peso dei rifiuti, nonché l’adozione di incentivi a chi tratta il compost a domicilio6. L’uso della carta riciclata dovrebbe diventare obbligatorio per una serie di prodotti di largo consumo (carta per uffici, buste per lettere, ecc.), mentre dovrebbe essere fatta rispettare la legge che impone agli enti pubblici di acquistare, nella misura minima del 30% della spesa, prodotti riciclati7. Sono da sostenere i comitati che chiedono una moratoria nella costruzione di nuovi inceneritori finché non si sarà realizzata in misura cospicua la raccolta differenziata su tutto il territorio nazionale e saranno state adottate norme per la drastica riduzione degli imballaggi inutili8. Proporre nelle mense, negli uffici, nelle scuole l’installazione di distributori automatici di prodotti biologici e del commercio equo e solidale (con imballaggi ridotti all’essenziale)9. Partecipare con creative azioni di sostegno e di pubblicizzazione la giornata del “non acquisto”: un modo per sottrarsi almeno per 24 ore alle sollecitazioni continue del sistema distributivo10. Rifiutare le buste di plastica per la spesa e sollecitare l’adozione da parte dei supermercati delle buste di tela o iuta Cambiare la mobilità per salvaguardare il clima 1. Partecipare a campagne e iniziative a favore dell’ampliamento delle zone urbane vietate alle auto e completamente disponibili per i pedoni; le corsie preferenziali per i trasporti pubblici urbani dovrebbero superare il 50% delle strade 29
  30. 30. 2. Sostenere la pressione per la ripubblicizzazione dei trasporti pubblici, da considerare beni comuni preziosi 3. Richiedere alle aziende con più di 300 dipendenti di ricercare e mantenere sistemi collettivi di trasporto dei dipendenti stessi sui tragitti comuni casa-ufficio 4. Proporre biglietti integrati che oltre alla rete di autobus e metropolitane, comprendano l’uso del car sharing e di biciclette. 5. Proporre tessere aziendali e scolastiche scontate da offrire ai dipendenti e studenti che scelgano di usare i mezzi pubblici per recarsi sul posto di lavoro o di studio; biglietti scontati per eventi dovrebbero essere offerti a chi dimostra di aver utilizzato mezzi pubblici per raggiungere il luogo dell’evento 6. Esercitare pressioni per avere mezzi pubblici urbani elettrici (anche se sono utili contro lo smog ma non contro le emissioni se sono ricaricati con energia termo elettrica come avviene in Italia; i mezzi solari non sono ancora stati sperimentati nelle attuali condizioni del traffico 7. L’aria condizionata sui mezzi pubblici è spesso eccessiva e fa consumare il 20% in più di carburante; una protesta sistematica dei passeggeri potrebbe eliminare le pratiche scorrette 8. E’ importante sostenere le proteste di viaggiatori pendolari in una fase in cui i tagli alle ferrovie e alle linee di bus per le periferie rendono il servizio sempre più inadeguato 9. Partecipare alle richieste collettive di piste ciclabili, itinerari dedicati e moderazione della velocità per i mezzi pubblici e privati per garantire la sicurezza di ciclisti e pedoni; insistere per la disponibilità di bici (anche elettriche) nelle aree urbane centrali, da prelevare e restituire senza limitazioni 10. Gli aerei sono rimasti fuori dalle normative dell’accordo di Kyoto: una campagna non solo nazionale dovrebbe esercitare una decisa pressione per l’approvazione di norme limitative degli inquinamenti derivanti dai voli aerei Alimentarsi senza danneggiare il pianeta1. Nei condomini con giardini interni si può proporre di coltivare alberi da frutta e un piccolo orto, magari affidati alle cure di anziani esperti e di bambini interessati; si risparmia sulle spese per il mantenimento di piante solo ornamentali e si possono creare occasioni di raccolti collettivi ma anche produrre il compost per tutte le piante da balcone2. Chi è esperto di essiccazione di cibi o di produzione di marmellate e conserve potrebbe offrirsi di tenere corsi di autoproduzione ai condomini o ai municipi3. Si può cercare di acquistare varietà antiche o rare di frutta e verdure in modo da garantirne la sopravvivenza e la coltivazione 30
  31. 31. 4. Adottare un albero a distanza, rivolgendosi ad Archeologia Arborea, vicino Perugia, un rifugio di alberi da frutto in via di estinzione 5. Esiste un movimento di “Seed Savers” (salvatori di semi), impegnato nella salvaguardia di varietà di piante minacciate di scomparsa: perché non sostenerlo in una delle tante attività che svolge? 6. Avete mai notato quanti spazi urbani potrebbero essere valorizzati con piccole coltivazioni di orti o di fiori, rendendo la città più verde e più pulita? 7. Molti comuni permettono di coltivare terreni demaniali incolti o aree confiscate alla mafia 8. Sono in corso di sperimentazione accordi tra cittadini e agricoltori, per coltivare senza retribuzione parte dei terreni e condividere il raccolto 9. “Orto in condotta” è il progetto di Slow Food per mettere in rete tutte le scuole che hanno un orto biologico 10. Perché non collaborare alla organizzazione di mercati periodici nei quali scambiare i semi e le esperienze di coltivazione di piante rare o minacciate di estinzione?RIQUADROLe guide per i comportamenti alternativi, elaborate sia da enti locali che da campagne eassociazioni, si stanno moltiplicando; ne segnaliamo alcune:Centro Nuovo Modello di Sviluppo, Guida al risparmio responsabile, informazioni sulcomportamento delle banche per scelte consapevoli, EMI, Bologna,Centro Nuovo Modello di Sviluppo, Guida al vestire critico, EMI, Bologna, 2007Centro Nuovo Modello di Sviluppo, Guida al telefono critico, il mondo della telefonia messo anudo, Terre di Mezzo, Milano, ottobre 2007Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione, Più ortaggi, legumi e frutta,educazione alimentare e del gusto nella scuola primaria, (guida e manuale per l’insegnante,quaderni di esercizi per l’alunno), 2008WWF-Enea, Risparmio ed efficienza energetica in casa, GenerAzione Clima, Roma (Via Po 25c,00198, www.wwf.it)Lea, Ecoguida, guida al risparmio energetico in casa, LEA Civitavecchia e RomaArpal, E’ ora di cambiare aria, Regione Liguria e Sistema Ligure di educazione ambientale,(www.regione.liguria)Assforseo, Il sole per tutti, Rete informativa territorio ambiente, ( Energetica, www.energetica.eu erete per l’autocostruzione del solare termico, www.autocostruzionesolare.it) 31

×