Intelligence, Light, Truth in ITALIAN

540 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
540
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
9
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Intelligence, Light, Truth in ITALIAN

  1. 1. INTELLIGENZA, LUCE & VERITA2 Nephi 2: 14 Ed ora, figli miei, vi dico tutte queste cose per vostro profitto e istruzione; poiché esiste un Dio ed egli ha creato tutte le cose, sia i cieli che la terra e ogni cosa che è in essi, sia cose per agire che cose per subire.
  2. 2. JD 7:2: Brigham YoungVi è un’eternitá di materia, ed è tutta utilizzabile come pure riempitada una porzione di divinitá. La materia è sempre esistita e non puóessere eliminata. L’eternitá dunque non ha limiti, ed è riempita dallamateria; e non esiste alcuno spazio dove vi sia il ―vuoto‖. E la materia ècapacitata a ricevere intelligenza. JD 7:2 - p.3, Brigham Young, July3, 1859Se potessimo capire la vera filosofia abbastanza da comprendere lanostra propria creazione e il suo proposito – Che disegno e intenzioneebbe il Governante supremo all’organizzare la materia e crearla in mododa avervi qu´’ oggi, capiremmo che la materia non puó essere – che èsoggetta a organizzazione e disorganizzazione; e potremmo capire che lamateria non pué essere organizzata al fine di essere intelligenza, e poterpossedere piu intelligenza e continuare ad aumentare in quella; epotremmo capire quei principi che organizzarono la materia in animali,animali, vegetali ed esseri intelligenti; e potremmo percepire le operedella Divintitá, attuando e trasformando principi in materia, materia perprodurre esseri intelligenti ed esaltarli – a quale scopo? Per avere felicitá.Potrebbe questo comunque soddisfare agli spiriti dei nostri corpi No.
  3. 3. DeA 93: 2929 Anche luomo era al principio con Dio. bLintelligenza, ossia laluce di verità, non fu creata né fatta, né invero può esserlo.30 Ogni verità è indipendente in quella sfera in cui Dio lha posta,per agire da se stessa, come pure ogni intelligenza; altrimenti nonvè esistenza. .33 Poiché luomo è spirito. Gli elemeni sono eterni, e spirito edelementi inseparabilmente connessi ricevono una pienezza digioia.34 E quando sono separati, luomo non può ricevere unapienezza di gioia.35 Gli elementi sono il tabernacolo di Dio; sì, luomo è iltabernacolo di Dio, ossia il tempio; e ogni tempio che siaprofanato, Dio lo distruggerà.36 La gloria di Dio è lintelligenza, ossia, in altreparole, luce e verità.
  4. 4. DeA 88: 3838 E ad ogni regno è data una legge; e inoltre, in ogni legge visono certi limiti e condizioni.39 Tutti gli esseri che non aderiscono a queste condizioni nonsono giustificati.40 Poiché lintelligenza si attacca allintelligenza; la saggezzaaccoglie la saggezza; la verità abbraccia la verità; la virtù ama lavirtù; la luce si attacca alla luce; la misericordia ha compassionedella misericordia e reclama il suo; la giustizia prosegue il suocorso e reclama il suo; il giudizio precede la faccia di colui chesiede sul trono e governa ed esegue ogni cosa.41 Egli comprende ogni cosa, e tutte le cose sono dinanzi a lui, etutte le cose sono attorno a lui; ed egli è al di sopra di tutte lecose, e in tutte le cose, ed è dentro a tutte le cose, ed è attorno atutte le cose; e tutte le cose esistono da lui, e mediante lui, sì,Iddio, per sempre e in eterno.42 E ancora, in verità vi dico: egli ha dato una legge a tutte lecose, mediante la quale esse si muovono in base al loro tempo ealle loro stagioni.
  5. 5. DIO pure è governato da leggiMormon 9: 19 E se furono compiuti dei miracoli allora, perché Dioha cessato di essere un Dio di miracoli pur essendo tuttavia unEssere immutabile? Ed ecco, io vi dico che egli non cambia; seno, cesserebbe di essere Dio; ed egli non cessa di essere Dio, edè un Dio di miracoli.Un altro esempio: Alma 42:13 Perciò, secondo giustizia, il piano di redenzione non avrebbepotuto essere realizzato se non a condizione che gli uomini sipentissero in questo stato di prova, sì, in questo statopreparatorio; poiché, se non fosse stato a queste condizioni, lamisericordia non avrebbe potuto aver effetto senza distruggerelopera della giustizia. Ora, lopera della giustizia non potevaessere distrutta; se così fosse, Dio cesserebbe dessere DioAltre referenze: Alma 42:22, 25
  6. 6. Dio governa un universo dileggi, cause ed effetto. Diodeve mantenere la fiducia deglispiriti e delle intelligenze percontinuare ad essere Dio. Luideve essere un Dio. Lui deveassolutamente essere giusto.Brigham Young.
  7. 7. Intelligenze co-eterne: “Se esistono due cose,per forza una sará maggiore dell’altra. * * * * *Se esistono due spiriti, uno sará piú intelligentedell’altro, ad ogni modo questi due spiriti,nonostante uno sia piú intelligente dell’altro,non hanno principio; esistevano prima, nonavranno fine, esisteranno dopo, perchè sonognolaum ossia eterni.Libro di Abrahamo cap. 3: 16, 18
  8. 8. DIO ERA IL PIÚ INTELIGENTECosí Dio potè conoscere anticamente il potere per lavirtú e il principio che Egli è superiore a tutte leintelligenze che esistono — il fatto è che Egli è il piúintelligente. Nei cieli cosí come in terra, l’aforismo èche la conoscenza è Potere, affermando che per―conoscenza‖ vogliamo dire applicazione e non unpossesso mentale di veritá. In una rivelazione nel1833 data a Joseph Smith, il carattere di Divinaautoritá e potere è riassunto subliminamente cosí:―La Gloria di Dio è Intelligenza." (DeA 93:36.)
  9. 9. L’INTELlIGENZA CHE SALVAL’intelligencia che salva comprende il sapere e fare ció cherequisisce il vangelo di Gesú Cristo; e tale intelligenzacontinuerá dopo la morte. ―Qualsiasi principio di intelligenza noiconseguiamo in questa vita sorgerà con noi nella risurrezione. 19 E se una persona guadagna maggiore conoscenza eintelligenza in questa vita, mediante la sua diligenza e la suaobbedienza, che unaltra, essa ne avrà altrettanto vantaggio nelmondo a venire." (D&C130:18-19) Intelligenza in quanto allecose di Dio, le quali sono riassunte nel vangelo di GesúCristo, ha un costante aumento di comprensione di Dio, equesta è una conoscenza suprema; perchè come Cristo haaffermato: ―e questa è la vita eterna: che conoscano te,l’unico vero Dio, e a Gesú Cristo, colui che hai mandato."(Giovanni 17:3)
  10. 10. Per iniziare, il profeta Joseph Smith ha insegnato che gli elementifisici nell’universo sono sempre esistiti: ―gli elementi sonoeterni. Nella tradizione [avente a che fare con la creazione]. . . Laparola ―creato‖ sarebbe in realtá ―formato‖ oppure ―organizzato‖Dio non ha creato il mondo da niente; esso fu organizzato con deimateriali giá esistenti. Le scritture non ci dicono quale sia la natura ola storia di questi elementi prima che fossero organizzati come partedi questa terra, peró sappiamo che Dio fu il potere che formó la terracome essa è adesso.Joseph Smith ha insegnato che gli elementi sono eterni, sipossono riorganizzare: ―I principi pure dell’elemento sonoprincipi [o componenti] che non si possono mai distruggere; sipossono organizzare e riorganizzare, ma non si possono distruggere.Non avendo principio non possono avere fine."
  11. 11. PIANTE ED ANIMALIAvendo in conto che tutte le creature,piante e arboli delle terra sono staticreati prima spiritualmente, scopriamoche non solo l’uomo ha il diritto allaresurrezione, ma questo diritto cel’hanno tutte le creazioni che feceroparte della caduta di Adamo.
  12. 12. Brigham Young disse: ―L’intelligenza che si trova dentro un sasso èesattamente, dentro la sua propria capacitá, la stessa che si trovanell’uomo. Peró, L’uomo è organizzato in manirea che una porzione piúgrande di intelligenza si centri in lui, dunque l’uomo è , in risultato diquesto, essenzialmente ed eternamente diverso dal sasso.‖Il presidenteYoung ha pure detto: ―la vita che si trova in noi fa parte di una vita eterna,ed è organizzata come spirito, costituendo in questa maniera il nostreessere presente, il quale è disegnato per poter acquisire piú intelligenza.La materia che compone i nostri corpi e spiriti è stata organizzata daun’eternitá di materia che riempie l’immensitá (Discorsi di BrighamYoung, Vol. 7:285, Brigham Young.)Un’intelligenza minore non puó accedere al livello di intelligenzasuccessivo senza passare per la disorganizazzione. Questa dottrina nonpermette l’interpretazione che un’intellegenza minore come quella di unanimale possa con il tempo convertirti nell’intelligenza di un uomo.―poiché rimangono nella sfera in cui io, Dio, li creai.‖ (Mosé 3:9.) Il cavalloresterá sempre un cavallo anche se comunque la sua intelligenza puóaumentare. Per fare ihn modo che le parti costituenti, o forze diun’animale, facessero parte dell’intelligenza di un uomo, sarebbenecessario disorganizzare l’animale e riorganizzare gli elementi in quellodi un uomo e cosi iniziare dal principio.
  13. 13. Joseph Smith anticipá la scienza inquesto concetto di vitaGli uomini, le bestie e le pìante – e tutti queiesseri possessori di vita superiore,differiscono dalla natura inanimata perdefinizione, in un grado di maggioreorganizzazione. Quello è il dogma del―Mormonismo‖ e la dottrina della scienza.All’incirca nel 1831 Joseph Smith diedequesta conoscenza al mondo ed unagenerazione piú tardi gli scienziatiarrivararono in una maniera indipendente allastessa conclusione.
  14. 14. Brigham Young descrivendo alcune dichiarazione di DeA:29, versetti 22-26: 22 E ancora, in verità, in verità vi dico che quando i mille anni saranno finiti e gliuomini cominceranno di nuovo a rinnegare il loro Dio, allora io non risparmierò laterra che per una breve stagione; 23 E verrà la fine; e i cieli e la terra saranno consumati e passeranno, e visaranno un nuovo cielo e una nuova terra. 24 Poiché tutte le cose antiche passeranno e tutte le cose diverranno nuove,anche il cielo e la terra e tutta la loro pienezza, sia gli uomini che le bestie, gliuccelli dellaria e i pesci del mare; 25 E non sarà perduto un solo capello, né una pagliuzza, poiché sono loperadelle mie mani. 26 Ma ecco, in verità io vi dico: Prima che la terra passi Michele, il mio arcangelo,suonerà la sua tromba, e allora tutti i morti si sveglieranno, poiché le loro tombesaranno aperte ed essi verranno fuori — sì, proprio tutti.(D. & C. 29:22-26.)―vediamo dunque come su questa terra mortale, e come tutto ció che vi sitrova in superficie, sta invecchiando fino a morire, ma sará purificata erisorgerá come regno celeste e tutto ció che sará restaurato alla vita nonmorirá mai piú. Questo comunque non vuol dire che tutto ció che si trovisulla terra, sia assegnato a restare sulla terra quando sará purificata e siaesaltato per una gloria celeste , umani, animali, vegetali d’accordo con ilpiano divino.‖
  15. 15. ORA DIAMO UN’OCCHIATASULL’ORGANIZZAZIONE DELLA TERRA.
  16. 16. CHE FU LA PRIMA COSA CHE FECERO GLI DEI UNA VOLTA LA TERRA ORGANIZZATA? Abraham 4:1 1 1 E allora il Signore disse: Scendiamo. Ed essi scesero, nel principio, ed essi, cioè gli Dei, organizzarono e dettero forma ai cieli e alla terra. . . (DA CHE COSA LA CREARONO? Da materiali giá esistenti) e gli Dei dissero vi sia luce, e vi 3 fu luce. La luce (intelligenza) fu la prima cosa ad essere introdotta dopo l’organizzazione della terra.
  17. 17. Abraham 4:1 E allora il Signore disse: Scendiamo. Ed essiscesero, nel principio, ed essi, cioè gli Dei, organizzarono edettero forma ai cieli e alla terra.7 E gli Dei ordinarono alla distesa; e fu così, propriocome ordinarono.10 E gli Dei designarono la terra asciutta Terra; e gli Deividero che erano obbediti.12 E gli Dei organizzarono la terra per produrre erba, eper dare dal suo seme, e le piante per produrre piantedal loro seme; e la terra per produrre gli alberi dal loroproprio seme, per dare frutto; e gli Dei videro cheerano obbediti.
  18. 18. ADESSO LA FRASE CHIAVE18 E gli Dei vegliarono sulle cose che avevano ordinato,finché esse obbedirono21 E gli Dei prepararono le acque perché potesseroprodurre ogni creatura vivente che si muove; ed ogniuccello alato secondo la sua specie. E gli Dei videro chesarebbero stati obbediti e che il loro piano era buono.25 25 E gli Dei organizzarono la terra per produrre lebestie secondo la loro specie, e il bestiame secondo lasua specie, e ogni essere che striscia sulla terrasecondo la sua specie; e gli Dei videro che essiavrebbero obbedito.
  19. 19. DIO COMANDA e glielementi OBBEDISCONO Comandare e obbedire
  20. 20. Perche obbedirono?Perche il maestro, LA PAROLA, ILCREATORE gliel’ha comandato Egli parló alle intelligenze ed agli spiriti delle cose ed essi obbedirono. Ciascuno secondo la sua rispettiva sfera.
  21. 21. D & C 88: 11 E la luce che brilla e che vi dà luce, viene tramite colui cheillumina i vostri occhi, che è la stessa luce che vivifica il vostro intelletto; 12 Luce che emana dalla presenza di Dio per riempire limmensità dellospazio; 13 La luce che è in tutte le cose, che dà vita a tutte le cose, che èla legge mediante la quale tutte le cose sono governate, sì, il potere diDio che siede sul suo trono, che è nel seno delleternità, che è in mezzoad ogni cosa.E ANCORA PER LA NOSTRA TERRA25 E ancora, in verità vi dico: la terra si attiene alla legge di un regnoceleste, poiché adempie la misura della sua creazione e non trasgredisce lalegge DeA 6:21 21 Ecco, io sono Gesù Cristo, il Figlio di Dio. Sono colui chevenne ai miei, ma i miei non mi accolsero. Io sono la luce che brilla nelletenebre e le tenebre non la comprendono
  22. 22. L’UOMO SEGUE LO STESSO MODELLOIl Signore parla e la gente obbedisce. Quella è la viaal fine di avere felicitá che tutto il genere umanocerca, e nuessun altro puó soddisfare allo spiritonobile e divino dell’uomo che fu formato perl’espresso proposito di preservare la suaidentitá durante tutta l’eternitá. Senza unrigoroso compimento delle leggi per le quali i mondifurono creati – nelle parole dell’eterno, nessuno puóereditare le vite eterne. JD 7:4, Brigham Young, July3, 1859 La prima legge del cielo è l’obbedienza
  23. 23. L’UOMO DEVE CRESCERE EDD & C 93: OBBEDIRE1 In verità, così dice il Signore: avverrà che ogni anima che abbandona i suoipeccati e viene a me, e invoca il mio nome, e obbedisce alla mia voce, e rispetta imiei comandamenti, vedrà la mia faccia e saprà che io sono;2 E che io sono la vera luce che illumina ogni uomo che vienenel mondo13 E non ricevette la pienezza allinizio, ma continuò di grazia in graziafino a che ricevette la pienezza;19 Io vi do queste parole affinché comprendiate e sappiate come adorare, esappiate che cosa adorate, affinché veniate al Padre in nome mio e a tempo debitosiate partecipi della sua pienezza.20 Poiché, se rispettate i miei comandamenti saretepartecipi della sua pienezza voi riceverete e sareteglorificati in me, come io lo sono nel Padre; perciò io vi dico,grazia su grazia. .
  24. 24. D&C 50 riguardo alla CRESCITA 24 Ciò che è da Dio è luce; e colui che riceve la luce e continua in Dio riceve più luce; e quella luce diventa sempre più brillante fino al giorno perfettoElder Hales disse ai missionari nel Fino a che siamo perfettiGiugno 2010: il giorno perfetto come Gesú Cristo e Diosará quando compariremo allapresenza di Dio avendo ottenuto Padreabbastanza luce da poterpermanere alla sua presenza.
  25. 25. LUCE vs TENEBRE Felicitá e gioia depressione e tristezza Servizio, stabilire Sion opere di tenebre Alleanze e stipolamenti al tempio combinazioni segrete ed alleanze mortaliCose che facciamo alla luce del giorn ció che facciamo senza che nessuno ci guardi Luce veritá e conoscenza oscuritá bugie ed ignoranza virtú Vizio Gloria celeste castigo, inferno e fuoco
  26. 26. Che magnifica promessa abbiamo! Tutta laluce e veritá viene da Dio. Tutto ció che non ciedifica non è da Dio, quindi ci da tenebre.Se continuiamo in Dio, cioé, obbediamo aisuoi comandamente, lo adoriamo e amiamo lasua veritá, allora arriveerá il momento chesaremmo immersi dalla pienezza della veritá,che crescerá sempre piú brillante fino algiorno perfetto.Allora, troveremo il potero, saggezza, laconoscenza che è perfetta che puó soloottenersi al continuare in Dios nell’obbedirgli.
  27. 27. E quando obbediamo otteniamo la fede ed il potere sufficiente per rappresentare CristoJacob 4:6 6 Pertanto noi investighiamo i profeti, e abbiamo molte rivelazioni e lo spiritodi aprofezia; e avendo tutte queste btestimonianze, otteniamo una speranza, e la nostrafede diviene incrollabile, tanto che possiamo veramente ccomandare in dnome di Gesù eperfino gli alberi ci obbediscono, o i monti, o le onde del mare.7 Nondimeno il Signore Iddio ci mostra la nostra adebolezza affinché possiamo sapereche è per la sua grazia e la sua grande condiscendenza verso i figlioli degli uomini chenoi abbiamo il potere di fare queste cose. . 8 Ecco, grandi e meravigliose sono le opere del Signore. Quanto aimperscrutabili sonole profondità dei suoi bmisteri; ed è impossibile che luomo scopra tutte le sue vie. Enessuno cconosce le sue dvie salvo che ciò gli sia rivelato; pertanto, fratelli, nondisprezzate le rivelazioni di Dio. 9 Poiché ecco, mediante il potere della sua aparola lbuomo venne sulla faccia dellaterra, terra che fu creata mediante il potere della sua parola. Pertanto, se Dio fu ingrado di parlare e il mondo fu, di parlare e luomo fu creato, oh, allora, perché eglinon sarebbe in grado di comandare alla cterra, ovvero allopera delle sue manisulla faccia dessa, secondo la sua volontà e a suo piacimento?NOTARE BENE:In spagnolo le scritture si riferiscono a Gesú Cristo come PAROLA. Nellaversione inglese delle vale lo stesso concetto – LA PAROLA (the Word).
  28. 28. Helaman 12: 6 Ecco, essi non desiderano che il Signore loro Iddio, che li hacreati, li governi e regni su di loro; nonostante la sua grande bontà e la suamisericordia verso di loro, essi disprezzano i suoi consigli e non vogliono cheglisia la loro guida. 7 Oh, comè grande la nullità dei figlioli degli uomini; sì, sono meno anche dellapolvere della terra. 8 Poiché ecco, la polvere della terra si muove di qua e di là, fino a dividersi, alcomando del nostro grande ed eterno Dio. 9 Sì, ecco, alla sua voce le colline e le montagne tremano e sussultano. 10 E per il potere della sua voce si dirompono e diventano piane, sì, propriocome una valle. 11 Sì, per il potere della sua voce la terra intera è scossa; 12 Sì, per il potere della sua voce le fondamenta oscillano, sì, fino al centro. 13 Sì, e segli dice alla terra — Muoviti — essa si muove.14 Sì, se dice alla terra — Va indietro, cosicché il giorno si prolunghi di molte ore— ciò si compie.15 E così, secondo la sua parola, la terra va indietro e pare alluomo che il solestia fermo; sì, ed ecco, è così, poiché è certamente la terra che si muove, e non ilsole.16 Ed ecco, inoltre, se egli dice alle acque del grande abisso — Prosciugatei —ciò si compie. 17 Ecco, se dice a questa montagna — sollevati e vieni a cadere su questacittà, affinché sia sepolta — ecco, ciò si compie.
  29. 29. CHE MIRACOLI DUNQUE!!E lui dirá ACQUA in VINO, e le molecole obbediscono.E dirá al braccio invalido, sii guarito, e le ossa e I muscoliche nacquero in uno stato di disorganizzazione, diverrannotutti organizzati.―ed alzatosi, rimproveró il vento, e disse al mare, Pace,calmati. Ed i venti cessarono, e ci fu una grande calma. Edessi…si dissero l’un l’altro, che razza di u`mo è questo chepure I venti e I mari gli obbediscono‖ Marco 4:38, 39, 41.
  30. 30. A qulali chiavi future ASPIRIAMO?Pres. Spencer W. Kimball, ha citato molto il profeta Brigham Young nel suodiscorso IL NOSTRO GRANDE POTENZIALE della liahona di Maggio nel 1977(April 1977 sessione del sacerdozio)―Noi non abbiamo e non possiamo ricevere qui, the ordinance and the keys ofresurrection.‖―Questa è una delle ordinanze che non possiamo ricevere qui silla terra, e cisono tante altre.‖―…(noi) riceveremo l’esperienza ed il potere per creare, organizzare, controllaregli elementi basici. Quanto limitati siamo adesso! Non abbiamo il potere dicomandare all’erba di crescere, alle piante di svilupparsi.‖―Ma un giorno avremo l’autoritá di creare spiriti e corpi. Ma quelle chiavi non lericeviamo nella carne.‖―L’occhio non ha visto, nemmeno l’orecchio udito, non è nemmeno entrato nelcuore dell’uomo, le cose che Dio ha preparato per loro.‖ 1 Cor. 2:9
  31. 31. Il destino della nostra terra7 Ma risiedono alla presenza di Dio, suun globo simile ad un mare di cristalloe di fuoco, dove tutte le cose, passate,presenti e future, sono manifeste, perla loro gloria; ed esse sonocontinuamente dinanzi al Signore8 Il luogo dove risiede Dio è un grandeUrim e Thummim.9 Questa terra nel suo stato santificato eimmortale, sarà resa simile ad un cristallo esarà un Urim e Thummim per gli abitantiche vi abitano, mediante il quale tutte lecose che appartengono ad un regnoinferiore, ossia tutti i regni di un ordine Art. La terra saráinferiore, saranno manifeste a coloro che vi rinnovata e riceverá laabitano; e questa terra sarà di Cristo. (D & sua gloria paradisiacaC 130)
  32. 32. E LA GIUSTA RICOMPENSA PEROGNI UOMO E DONNA RETTA? UNA CONTINUAZIONE ed ESPANSIONE DI LUCE, VERITÁ ed INTELLIGENZA… FINO AL GIORNO PERFETTO
  33. 33. Colui che rispetta i suoi comandamenti riceve verità eluce, fino a che sia glorificato nella verità e conosca ognicosa D & C 93:28 Il regno celeste 24 queste sono le vite eterne—conoscere il vero e saggio Dio, e Gesú Cristo, colui che ha mandato. Io sono colui. Ricevete oh VITA dunque la mia legge. ETERNA
  34. 34. Joseph Smith il profeta ci diede la suprema definizionedi vita eterna: “la vita eterna è conoscere il vero esaggio Dio; e che vi è mostrato come diventare dei voistessi, ed essere re e sacerdoti di Dio, lo stesso che gliDei fecero prima di voi. 50: 24 Ciò che è da Dio è luce; e colui che riceve la luce e continua in Dio riceve più luce; e quella luce diventa sempre più brillante fino al giorno perfettoAndando da un piccolo grado ad un altro, e da unapiccola capacitá ad una piçu grande; di grazia in grazia,da esaltazione ad esaltazione, fino a quando sareterisorti dai morti, e potrete dimorare in eterni luoghi, esedervi in gloria, come quelli adesso seduti dotati dalpotere eterno.
  35. 35. 1 Nella gloria celeste vi sono tre cieli o gradi E allo scopo di ottenere ilpiù alto, un uomo deve entrare in questordine del sacerdozio (cioè lanuova ed eterna alleanza di matrimonio E se non lo fa, non può ottenerlo.Può entrare nellaltro, ma questa è la fine del suo regno: non può avereprogenie. Sec 131 Il regno celesteD e A 132: 19 … ed essi passeranno oltre gli angeli, e gli dei,che sono posti là, verso la loro esaltazione e gloria in ognicosa, come è stato suggellato sulla loro testa, gloria che saràuna pienezza e una continuazione della posterità per sempree in eterno.20. Allora essi saranno dei, perchè non hanno fine; perciósaranno d’eternitá in eternitá, perchè continuano; allorasaranno sopra tutte le cose, perchè tutte le cose sonoloro soggette. Allora saranno dei, perchè avrannoogni potere, e gli angeli saranno loro soggetti.
  36. 36. L’ULTIMA TESTIMONIANZA―se voi continuate nella mia parola, allora saretemie discepoli; e voi saprete la veritá, e la veritá virenderá liberi."Queste sono le parole del nostro maestro, edobbedendo a Lui ed alla sua parola ―conosceremole glorie ed I misteri del regno dei cieli. Non sipuó ottenere questa conoscenza in nessunaltro modo‖. Synopsis of Baccalaureate sermongiven at BYU, Sunday, June 6, 1937. Joseph F. Smith)
  37. 37. ORA luce, intelligenza, conoscenza e verità si combinano insieme e siapplicano alla nostra vita E all’ Espiazione
  38. 38. In Section 50 di dottrina e alleanze Trovari un passaggio che mi ha impressionato piú diqualsiasi altro passaggio della scrittura. Se questo detto era lunica verità rivelataattraverso il profeta Joseph Smith, sarebbe sufficiente a lui siggillato con il potere dellavisione profetica. È una delle verità eccezionale ha rivelato per la salvezza delluomo. Èstato il mezzo che mi ha i aiutato a essere umili e a gioire nella verità eterna diesaltazione, come è stata rivelata come la verità. Essa mi ha indotto a gioire eringraziare il Signore per la sua misericordia e di bontà e della speranza di vita eternache è venuto a me. Ecco ciò che il Signore ha rivelato:. 8
  39. 39. Alma 42: 13 Perciò, secondo giustizia, il apiano di redenzione non avrebbe potuto essere realizzato se non a condizione che gli uomini bsi pentissero in questo stato di prova, sì, in questo stato preparatorio; poiché, se non fosse stato a queste condizioni, la misericordia non avrebbe potuto aver effetto senza distruggere lopera della giustizia. Ora, lopera della giustizia non poteva essere distrutta; se così fosse, Dio ccesserebbe dessere Dio. 14 E così vediamo che tutta lumanità era adecaduta, ed era nelle mani della bgiustizia; sì, la giustizia di Dio che laveva consegnata ad essere recisa per sempre dalla sua presenza. 15 Ed ora, il piano della misericordia non avrebbe potuto essere realizzato, a meno che non fosse compiuta unespiazione; perciò Dio stesso aespia per i peccati del mondo, per realizzare il piano della bmisericordia, per placare le richieste della cgiustizia, affinché Dio possa essere un Dio dperfetto e giusto, e anche un Dio misericordioso. 16 Ora, il pentimento non avrebbe potuto venire agli uomini, a meno che non vi fosse una punizione, che fosse inoltre aeterna, come deve essere la vita dellanima, fissata in opposizione al piano di felicità, che era pure altrettanto eterno quanto la vita dellanima. 17 Ora, come potrebbe un uomo pentirsi, a meno che non abbia apeccato? Come potrebbe peccare, se non vi fosse una blegge? Come potrebbe esserci una legge, se non vi fosse una punizione? 18 Ora, era stata fissata una punizione ed era stata data una legge giusta, il che produsse nelluomo il rimorso di acoscienza. 19 Ora, se non fosse stata data una legge — se luomo aammazzava doveva morire — avrebbe egli paura di morire se avesse ammazzato? 20 E inoltre, se non fosse stata data una legge contro il peccato, gli uomini non avrebbero paura di peccare. 21 E se anon fosse stata data una legge, se gli uomini peccavano cosa poteva fare la giustizia, o anche la misericordia, poiché non avrebbero avuto nessun diritto sulla creatura? 22 Ma è stata data una legge, e una punizione è stata fissata, ed è stato concesso il apentimento; pentimento che la misericordia esige; altrimenti la giustizia reclama la creatura e applica la legge, e la legge infligge la punizione. Se non fosse così, le opere della giustizia sarebbero distrutte, e Dio cesserebbe di essere Dio. 23 Ma Dio non cessa di essere Dio, e la amisericordia reclama il penitente, e la misericordia viene a causa dellbespiazione; e lespiazione fa avverare la crisurrezione dei morti; e la risurrezione dei morti driconduce gli uomini alla presenza di Dio; e così essi sono restituiti alla sua presenza, per essere egiudicati secondo le loro opere, secondo la legge e la giustizia. 24 Poiché ecco, la giustizia mette in atto tutte le sue richieste, ed anche la misericordia reclama tutto ciò che è suo; e così nessuno, se non chi si pente veramente, sarà salvato. 25 Perché, credi tu che la misericordia possa derubare la agiustizia? Io ti dico: No, neppure in un punto. Se così fosse, Dio cesserebbe di essere Dio.
  40. 40. ―L’Uomo era anche allinizio con Dio. Intelligenza, o la luce dellaverità, non è stata creata o fatto, non può infatti esserecreata." (Doc. & Cov., Sec. xciii, 29.)―Mi sto soffermando sull’ immortalità dello spirito delluomo. È logicodire che lintelligenza degli spiriti è immortale, e ancora che esso (cioèlintelligenza) ha avuto un inizio.Lintelligenza degli spiriti non avuto inizio, né avrà fine. Che è buonalogica. Ciò che ha un inizio può avere un fine. Non ci fu mai un tempoquando non vi erano spiriti (intelligenze qui), perché sono co-eguale(coeterno) con nostro Padre celeste. ***** Prendo il mio anello dal dito e loparagono alla mente delluomo — limmortale parte, perché non è inizio.Supponiamo che tagliato in due; poi ha un inizio e una fine; ma lo unisconuovamente e continua un giro eterno. Quindi, con lo spirito delluomo.Come il Signore vive, se ha avuto un inizio avrà fine. ***** Intelligence èeterno e non esiste su un principio di auto-esistente. È uno spirito dalletàdi età e non non cè alcuna creazione su di esso. ***** I principi primi di unuomo sono auto-esistente con Dio.—Joseph Smith—(Mill. Star, Vol. 23, p.262)
  41. 41. Credete nel vecchio e il nuovoLa testamento?" "Sì". Poi gli ho chiesto alcunepersona domande in materia della venuta del figlio delluomo, come viene chiamato in pochidi Gesú luoghi. "Lei crede che sia nato dallaCristo Vergine Maria? -che era il figlio di Maria? " Affresco "Sì". "Lei crede che lApostolo ha detto la cattolico della verità quando ha detto che lui è stato trinitá generato dal padre?" "Sì". "Perché si contesta, poi, o lanciare un dubbio su di essa? Egli non era carne della nostra carne e ossa delle nostre ossa, se la storia data di lui è vera?" "Oh sì." Lui é e agisce come il padre? E cosa é venuto a fare?" Poi mi girai e leggere - "chi ha visto me ha visto il padre", e chiese, "lei crede?" si ma non ho mai avuto una visione come questa." "Lui non è fatto ad immagine e somiglianza del padre in cielo? La Bibbia dice che egli è. Credete nella la Bibbia?" "Sì".
  42. 42. D and C 19: 15 Perciò io vi comando di pentirvi — pentitevi, perchè non abbia a colpirvi con la verga della mia bocca, e con la mia ira, e con la mia collera, e che le vostre asofferenze siano dolorose — quanto dolorose non sapete, quanto intense non sapete, sì, quanto dure da sopportare non sapete. 16 Poiché ecco, io, Iddio, ho asofferto queste cose per tutti, affinché non bsoffrano, se si cpentiranno; 17 Ma se non volessero pentirsi, essi dovranno asoffrire proprio come me; 18 E queste sofferenze fecero sì che io stesso, Iddio, il più grande di tutti, tremassi per il dolore e sanguinassi da ogni poro, e soffrissi sia nel corpo che nello spirito — e desiderassi di anon bere la coppa amara e mi ritraessi — 19 Nondimeno, sia gloria al Padre, bevvi e aportai a termine i miei preparativi per i figlioli degli uomini.
  43. 43. 9 Poiché è opportuno che sia fatta unaespiazione; poiché, secondo il grande bpianoAlma 34: dellEterno Iddio, devesser fatta unespiazione, altrimenti tutta lumanità dovrà inevitabilmente perire; sì, tutti sono induriti; sì, tutti sono cdecaduti e perduti, e devono perire, a meno che non avvenga tramite lespiazione che è opportuno sia fatta. 10 Poiché è opportuno che vi sia un grande e ultimo asacrificio; sì, non un sacrificio di uomini, né di bestie, né dalcuna sorta di volatili; poiché non sarà un sacrificio umano; ma dovrà essere un bsacrificio cinfinito ed eterno. 11 Ora, non vè alcun uomo che possa sacrificare il proprio sangue per espiare i peccati di un altro. Ora, se un uomo uccide, ecco, la nostra legge, che è agiusta, toglierà la vita a suo fratello? Io vi dico: No. 12 Ma la legge richiede la vita di colui che ha aucciso; perciò non vi può essere nulla di meno di unespiazione infinita che possa bastare per i peccati del mondo. 13 È necessario perciò che vi sia un grande e ultimo sacrificio; e dopo vi sarà, ossia è opportuno che vi sia, un atermine allo spargimento di sangue; allora la blegge di Mosè sarà compiuta; sì, sarà tutta compiuta, ogni iota, ogni apice, e niente sarà annullato. 14 Ed ecco, questo è lintero asignificato della blegge; ogni più piccola parte sta a indicare quel grande e ultimo csacrificio; e quel grande e ultimo sacrificio sarà quello del Figlio di Dio, sì, infinito ed eterno. 15 E così egli porterà la asalvezza a tutti coloro che crederanno nel suo nome; poiché essendo questo lintento di questo ultimo sacrificio: richiamare le viscere della misericordia, la quale vince la giustizia e procura agli uomini i mezzi perché possano aver fede fino a pentirsi. 16 E così la amisericordia può soddisfare le esigenze della bgiustizia e le circonda con le braccia della salvezza, mentre colui che non esercita la fede fino a pentirsi è esposto allintera legge delle esigenze della cgiustizia; perciò solo per colui che ha fede fino a pentirsi si realizza il grande ed eterno dpiano della redenzione. 17 Possa dunque Dio accordarvi, fratelli miei, di poter iniziare ad esercitare la afede fino a pentirvi, perché possiate cominciare a binvocare il suo santo nome, affinché egli abbia
  44. 44. QUESTION OF HONOR:D & C 29: 36 E avvenne che Adamo, essendo tentato dal adiavolo — poiché ecco, il diavolo esisteva prima di Adamo, poiché si bribellò contro di me, dicendo: Dammi il tuo conore, che è il mio dpotere; e distolse a me anche una eterza parte delle fschiere del cielo a causa del loro glibero arbitrio;
  45. 45. 2 Nephi 9: 7 Pertanto è necessario che vi sia una bespiazione ainfinita — e se non fosse una espiazione infinita, questa corruzione non potrebbe rivestirsi di incorruttibilità. Pertanto il cprimo giudizio che cadde sulluomo avrebbe dovuto necessariamente drestare per un tempo infinito. E se così fosse, questa carne avrebbe dovuto giacere per marcire e decomporsi nella madre terra, per non risorgere mai più. 8 Oh, la asaggezza di Dio, la sua bmisericordia e la sua cgrazia! Poiché ecco, se la dcarne non risuscitasse più, il nostro spirito dovrebbe divenire soggetto a quellangelo che ecadde dalla presenza delleterno Iddio, e divenne il fdiavolo, per non risorgere mai più. 9 E il nostro spirito avrebbe dovuto divenire come lui, e noi divenire diavoli, aangeli di un diavolo, per essere besclusi dalla presenza del nostro Dio, e per rimanere con il padre delle cmenzogne, nellinfelicità, come lui stesso; con quellessere che dingannò i nostri primi genitori, che esi trasforma quasi in un fangelo di luce e istiga i figlioli degli uomini verso gassociazioni segrete di omicidio e ogni sorta di tenebrose opere segrete.
  46. 46. Quando Dio creó l’uomo27 Così gli dèiandarono giù aorganizzare luomoa propria immagine,a immagine deglidèi per formarli,maschio efemmina. Adamo ed Eva di
  47. 47. IIntelligenze, eterne, auto-esistenti: ―la mente lospirito immortale—da dove vengono? Tuttoquello che imparano gli uomini e I dottori sulladivinitá é che l’uomo é stato creato dall’inizio; manon é cosi: questa idea riduce la stimadell’uomo. Io non credo a questa dottrina. Io só.Ascoltate, voi tutte, estremitá della terra, perchéDio me l’ha detto, se non crederete, questo noncambierá l’effetto della veritá. * * * Diciamo cheDio stesso è un essere auto-esistente.Che detto così È abbastanza corretto, macome ha fatto ottenere questo? Chi ti hadetto che luomo non esisteva in modosimile, sugli stessi principi? Uomo esistesugli stessi principi. ***** La mente olintelligenza che luomo possiede è co-eguale. [coeterno 1, con Dio stesso. Soche la mia testimonianza è vera."—JosephSmith, (Mill. Star, Vol. XXIII, p. 262

×