Riflessioni sul maremoto giapponese

585 views

Published on

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
585
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
12
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Riflessioni sul maremoto giapponese

  1. 1. Disastro in Giappone 11 marzo 2011東北地方太平洋沖地震 David Alexander University College London
  2. 2. 14:46 Venerdì 11 marzo 2011Terremoto• epicentro: 130 km dalla costa• ipocentro: profondità 24 km• magnitudo: 9Maremoto• altezza: 11,87 - 29,6 m• magnitudo: 3,6 - 4,9• 7 onde in 6 ore Regione Tōhoku nordest Honshu
  3. 3. • preavviso di maremoto emesso in 3 minuti• la prima onda arriva in 9-26 minuti• 443 km2 inondati• era possibile evacuare solo verticalmente• anziani e disabili più a rischio?• edifici in c/a sicuri, altre strutture no.
  4. 4. • 15.854 morti confermati• 3.155 dispersi (totale 19.009)• più 1.333 morti indiretti• 92,5% morti per annegamento• 26.992 feriti
  5. 5. In alcuni casi, come questo,noncera nessuno da salvare.
  6. 6. 54 di 174 città in 4prefetture colpite (1/3)
  7. 7. • 16.950 case e altri edifici distrutti e 138.000 danneggiati in 7 prefetture• 170.500 persone ospitate in 2.230 centri di evacuazione in 17 prefetture• 341.411 senzatetto in tutto• 70.409 famiglie ospitate nei centri• 4.000 scuole danneggiate e 554 altri usati come centri di evacuazione
  8. 8. • 30.000 case transizionali da costruire in 2 mesi
  9. 9. • stima del costo dei danni: €184 miliardi ($235 miliardi) - più del doppio del costo del terremoto di Kobe del 1995 (€92 md)• proprietà assicurata: 5,0-14,7%
  10. 10. 644 imprese in fallimento in 12 mesi(perdite €11,5 md e 11.500 posti di lavoro).
  11. 11. Fukushima DaiichiReattori 1, 2 e 3:-• danni ai nuclei a causa di problemi di raffreddamento• edifici bucati da esplosioni di gas• possibili danni a strutture di contenimento• acque radioattive trovate nei reattori, basamenti e falda freattica• perdite da uno spacco nel conteniture del reattore 2Reattore 4:-• spento prima del terremoto• incendi e esplosione nella piscina del materiale nucleareReattori 5 e 6:-• reattori spenti• altissima temperatura nella piscina del materiale nucleare.
  12. 12. Dannoallestrutturedicontenimentodeireattorin. 1-4.
  13. 13. • limiti di sicurezza superati a distanza 40 km• radioattività allimpianto 100.000x livello normale• iodio radioattivo nel mare vicino allimpianto con radioattività 4.385 volte il livello normale • il 70% del nucleo di un reattore danneggiato e 30% di un altro Fukushima Daiichi
  14. 14. • raggio di 20 km: 70.000 evacuati• raggio 20-30 km: 136.000 residenti
  15. 15. Levento:• distruzione intensissimo dappertutto• profilo di costa cambiato per sempre• tanti incendi post-sismici• peggiore evento "Na-Tech" per tanti anni
  16. 16. La risposta:• risposta al maremoto rapida, organizzata• rapida sistemazione dei superstiti• rapida ricostruzione dellinfrastruttura• problemi logistici molto complessi, soprattutto per carburante, acqua e fogna• livello di resilienza generalmente alta.
  17. 17. • metà di 22,6 mn tonnellate di detriti rimossa e riciclata in soli 5 mesi• rimozione dei detriti a Kobe in 38 mesi.
  18. 18. Potrebbeessere unripristinodopo ungrandeterremototra i piùrapidi dellastoriarecente:ma forsenon perlincidentenucleare.
  19. 19. Lincidente nucleare:• informazione al pubblico gestita male• strategia di evacuazione insufficiente?• contaminazione a lungo termine?• mancanza di fiducia nel governo da parte del pubblico generale.
  20. 20. Per quale grandezza di evento dovremo pianificare? Rischio: valore dei possibili costi e perdite Il pericolo decline Pericolosità:probabilità di avvenimento con labbassamento La vulnerabilità della probabilità Vulnerabilità:potenziale perdite aumenta con la di avvenimento Scale delle assi verticali: gravità delle possibili conseguenze Il rischio è il prodotto della pericolosità e la vulnerabilità Totale dei costi e delle perdite previsti allanno Gravità
  21. 21. Scale delle assi verticali: Pericolosità:probabilità di avvenimento Vulnerabilità:potenziale perdite Rischio: valore dei possibili costi e perditeMagnitudo e delle perdite Totale dei costi previsti allanno FAT-TAILED DISTRIBUTION Per quale grandezza di evento dovremo pianificare?
  22. 22. Quale rapporto tra questo evento e:• terremoto di Kobe, 17-1-1995 ?• terremoto di Kantō (Tokio), 1-9-1923 ?• lo scenario per un terremoto a Tokio nel futuro?
  23. 23. Questo evento potrebbe essereuna svolta nella riduzione dei rischi di disastro a livello mondiale?
  24. 24. Quanto costa la ridondanza:e quanto possiamo spendere?
  25. 25. E stata una vera emergenza complessa: cosa significa per la preparazione?
  26. 26. Sarà questo evento a dimostrare il vero valore della resilienza nel salvare unpaese dalla rovina economica e sociale?
  27. 27. Il prossimo terremoto a Tokio sarà peggiore?
  28. 28. Le lezioni del terremoto, maremoto e incidente nucleare in Giappone sarannoprese al cuore da politici e amministratori negli altri paesi del mondo?
  29. 29. Grazie per il vostro gentile ascolto. david.alexander@grforum.org

×