Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
Progetto: Il Teatro per essere…….. Scuole dell’Infanzia di:  Colle Capo Croce San Francesco via P. Tosti San Francesco via...
Un ProgetTIC... <ul><li>Per gli alunni </li></ul><ul><li>per scrivere, correggere, riscrivere, modificare testi.. </li></u...
Un ProgetTIC... <ul><li>Per i docenti </li></ul><ul><li>Per programmare, relazionare, organizzare, verificare il lavoro </...
<ul><li>MOTIVAZIONE : </li></ul><ul><li>Il bambino vive immerso in una cultura con cui entra a contatto precocemente e che...
REQUISITI D’ACCESSO Elem.-Mat. – Capacità di descrivere gli elementi della realtà; Padroneggiare l’uso del colore e delle ...
<ul><li>Teatro per essere….. </li></ul><ul><li>Autore:  la teoria     -  la pratica </li></ul><ul><li>Attore:  la teoria  ...
Una delle prime fasi operative si attua con l’organizzazione di vari  laboratori   in continuità verticale ed orizzontale ...
Laboratorio giornalistico per la documentazione dei momenti più significativi del percorso di lavoro dei vari laboratori. ...
Attività Lettura espressiva ed analisi di diversi generi narrativi: la fiaba, la favola, il racconto. Analisi delle strate...
Analisi dei personaggi in base a carattere, età, aspetto fisico, modo di muoversi e di parlare. Adattamento degli stessi a...
Il teatro per essere … Realizzare percorsi operativi laboratoriali Laboratori interattivi linguistici Laboratori interatti...
Ambito antropologico-scient . Ambito logico-mat. Ambito linguistico-espressivo <ul><ul><li>I momenti principali della gior...
<ul><ul><li>Inventa l’inizio di una storia data </li></ul></ul><ul><ul><li>Favole a rovescio </li></ul></ul><ul><li>(super...
Il teatro per essere … … .Attore Armonizzare concezioni e strategie didattiche, stili educativi, pratiche di insegnamento/...
NODO  PROGETTUALE   SCENOGRAFO PER MODELLI   DI  RIFERIMENTO   AMBIENTI IMMAGINI OPERE D’ARTE ANALISI MANUALITA ’ INVENTIV...
<ul><li>Compagnia teatrale  </li></ul><ul><li>“ Il Draghetto”. </li></ul><ul><li>Esperti esterni: </li></ul><ul><li>Antone...
Risultati Per i genitori: Si è potenziato il clima di collaborazione scuola-famiglia. Si è incoraggiato un approccio fiduc...
Risultati Per gli alunni : Si è creata una aspettativa positiva verso la scuola. Sono stati suscitati,  per la novità dell...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Teatrino

3,495 views

Published on

progetto didattico

Published in: Education
  • Be the first to comment

Teatrino

  1. 1. Progetto: Il Teatro per essere…….. Scuole dell’Infanzia di: Colle Capo Croce San Francesco via P. Tosti San Francesco via Capo Croce Torrione Scuola Elementare Torrione Classi: I A – I B – I C- II A - II C Scuola Elementare San Francesco Classi I e II Circolo Didattico Alcide De Gasperi
  2. 2. Un ProgetTIC... <ul><li>Per gli alunni </li></ul><ul><li>per scrivere, correggere, riscrivere, modificare testi.. </li></ul><ul><li>per creare tabelle e mappe riassuntive </li></ul><ul><li>per scannerizzare i disegni, le foto, i lavori sul quaderno </li></ul><ul><li>per navigare in Internet alla ricerca di idee </li></ul><ul><li>per documentare il percorso con macchine fotografiche digitali e non, videoproiettori e telecamere </li></ul><ul><li>per rivedere in Tv la manifestazione e il percorso registrato </li></ul><ul><li>per crescere, lavorando con gli altri , ma seguendo i propri ritmi e i propri stili di apprendimento…… </li></ul>
  3. 3. Un ProgetTIC... <ul><li>Per i docenti </li></ul><ul><li>Per programmare, relazionare, organizzare, verificare il lavoro </li></ul><ul><li>Per creare tabelle e schede di verifica </li></ul><ul><li>Per tabulare i dati e riportarli su di un grafico </li></ul><ul><li>Per costruire ipertesti e presentazioni </li></ul><ul><li>Per realizzare biglietti d’invito, volantini, manifesti </li></ul><ul><li>Per documentare e favorire lo scambio di esperienze tra docenti anche in rete </li></ul><ul><li>Per pubblicizzare un percorso e renderlo visibile all’utenza </li></ul><ul><li>Per lavorare con gli alunni crescendo insieme a loro… </li></ul>
  4. 4. <ul><li>MOTIVAZIONE : </li></ul><ul><li>Il bambino vive immerso in una cultura con cui entra a contatto precocemente e che richiede la conoscenza di comunicazione verbale e non, codificata e non. </li></ul><ul><li>La scuola, pertanto, deve porsi come: </li></ul><ul><li>Luogo di ricerca dell’identità quale valorizzazione del diverso; </li></ul><ul><li>Luogo di inserimento nel gruppo dei pari con cui fare esperienza e socializzare; </li></ul><ul><li>Luogo di esperienza canalizzata verso un apprendimento intenzionale, finalizzato e produttivo; </li></ul><ul><li>Luogo di sviluppo culturale per consentire al bambino di essere nella nuova esperienza soggetto attivo dei propri apprendimenti. </li></ul><ul><li>SOGGETTI COINVOLTI : </li></ul><ul><li>Docenti </li></ul><ul><li>– Animatrici dei laboratori </li></ul><ul><li>- Referenti </li></ul><ul><li>Collaborazioni esterne </li></ul><ul><li>- Associazione Ars Musicalis </li></ul><ul><li>Compagnia teatrale “ Il Draghetto </li></ul><ul><li>DESTINATARI DEL PROGETTO : </li></ul><ul><li>Bambini che frequentano l’ultimo anno di scuola dell’infanzia per un totale di n. 74 alunni </li></ul><ul><li>Alunni di primo ciclo della scuola elementare: </li></ul><ul><li>Torrione – classi I C –II C –IIA </li></ul><ul><li>San Francesco – classi I - II per un totale di n. 72 alunni . </li></ul>
  5. 5. REQUISITI D’ACCESSO Elem.-Mat. – Capacità di descrivere gli elementi della realtà; Padroneggiare l’uso del colore e delle sue gradazioni; Padroneggiare i movimenti globali e segmentari del proprio corpo nello spazio; Elem. – Utilizzare tecniche varie in modo originale; Saper raccontare una propria esperienza e/o storia; Utilizzare materiali ed elementi per composizioni personali e originali. FINALITA ’ Valorizzare forme alternative di comprensione e di espressione . Raggiungimento di più alti livelli di: -comunicazione in forme più articolate più ampie e più ricche -espressione soggettiva ; Comprensione e produzione di messaggi verbali e non Risalto dello stile personale Superamento dello stereotipo figurativo e descrittivo tramite l’approccio all’arte come studio e ricerca per la sollecitazione di composizioni personali e intenzionali. OBIETTIVI DIDATTICI TRASVERSALI Saper comunicare attraverso l'uso coordinato di gesti, parole ed azioni; acquisire consapevolezza degli spazi e delle loro funzioni; potenziare le abilità nell'orientamento; acquisire contenuti multidisciplinari, attraverso la ricerca e la lettura dei testi; acquisire strumenti per la comprensione dei linguaggi verbali e non verbali; sviluppare la creatività individuale e di gruppo ed il senso critico; recuperare problematiche in modo ludico; esplorare le possibilità sonore della voce: cantare e recitare usando il giusto volume di voce ; assimilare schemi ritmici attraverso il movimento; saper usare tecniche e materiali diversi per realizzare scenografie;
  6. 6. <ul><li>Teatro per essere….. </li></ul><ul><li>Autore: la teoria - la pratica </li></ul><ul><li>Attore: la teoria - la pratica </li></ul><ul><li>Scenografo: la teoria - la pratica </li></ul><ul><li>Grafico-Pubblicitario: teoria - pratica </li></ul>
  7. 7. Una delle prime fasi operative si attua con l’organizzazione di vari laboratori in continuità verticale ed orizzontale strutturati per classi aperte: Laboratorio linguistico per la produzione della “storia da rappresentare” e per l’ideazione di brevi testi in rima, di filastrocche, di acrostici, di poesiole. Laboratorio grafico-pittorico per l’ideazione e la realizzazione delle scenografie. Laboratorio pubblicitario per la realizzazione di manifesti, locandine ed inviti.
  8. 8. Laboratorio giornalistico per la documentazione dei momenti più significativi del percorso di lavoro dei vari laboratori. Laboratorio multimediale per l’utilizzo delle TIC nella conduzione e realizzazione del progetto da parte di alunni ed insegnanti Laboratorio musicale con la collaborazione di un’agenzia esterna, La Bottega Ars Musicalis, per il canto, la musica vocale e strumentale. Laboratorio dell’espressività corporea in collaborazione con la Compagnia teatrale “Il Draghetto” per la messa in scena.
  9. 9. Attività Lettura espressiva ed analisi di diversi generi narrativi: la fiaba, la favola, il racconto. Analisi delle strategie e delle tecniche per la produzione e la rielaborazione di testi e scenari. Invenzione individuale e collettiva di poesie, fiabe, favole e racconti. Invenzione di una storia utilizzando le funzioni di Propp. Raccolta di testi prodotti dai bambini per la realizzazione di un libricino.
  10. 10. Analisi dei personaggi in base a carattere, età, aspetto fisico, modo di muoversi e di parlare. Adattamento degli stessi alla rappresentazione teatrale con ricerca delle tecniche più idonee. Ricerca dei brani musicali e delle ambientazioni scenografiche. Animazione corporea, improvvisazione, uso del respiro e della voce, pratica di canto corale. Costruzione delle scenografie e realizzazione dei costumi. Realizzazione di locandine ed inviti.
  11. 11. Il teatro per essere … Realizzare percorsi operativi laboratoriali Laboratori interattivi linguistici Laboratori interattivi teatrali Atelier interattivo di musica Atelier interattivo espressività corporea Laboratori interattivi pubblicitari Atelier interattivi grafici-pittorici Essere autore Essere attore Essere artista Essere scenografo Essere grafico pubblicitario Laboratori interattivi multimediali MESSA IN SCENA Armonizzare concezioni e strategie didattiche, stili educativi, pratiche di insegnamento/apprendimento. Collaborare per la realizzazione del progetto di circolo Scambiarci visite ed esperienze di vita scolastica
  12. 12. Ambito antropologico-scient . Ambito logico-mat. Ambito linguistico-espressivo <ul><ul><li>I momenti principali della giornata; </li></ul></ul><ul><ul><li>Le sequenze temporali ( prima/dopo/mentre) </li></ul></ul><ul><ul><li>Vari tipi di ambiente </li></ul></ul><ul><li>Collocazione storica: </li></ul><ul><li>non c’era la luce elettrica, quindi… </li></ul><ul><li>passarono cento anni….allora… </li></ul><ul><li>a quei tempi… </li></ul><ul><li>Interviste ai nonni </li></ul><ul><li>Individuare la differenza tra storie vere /storie fantastiche/ storie </li></ul><ul><li>verosimili </li></ul><ul><ul><ul><li>I documenti </li></ul></ul></ul><ul><li>Individuare le relazioni di Causa/effetto Azione/conseguenza </li></ul><ul><li>Tu cosa avresti fatto? </li></ul>Lingua inglese <ul><ul><li>Telling stories </li></ul></ul><ul><ul><li>Storie / storie Inglesi / storie e personaggi conosciuti in tutto il mondo </li></ul></ul><ul><ul><li>(collegamento interculturale ). </li></ul></ul><ul><ul><li>: far notare come la struttura della fiaba sia sempre la stessa e come le varie fasi corrispondano </li></ul></ul><ul><ul><li>I nomi dei personaggi delle storie più note e loro caratterizzazione ( somiglianze / differenze con i “nostri” personaggi </li></ul></ul><ul><ul><li>Raccolta, registrazione tabulazione dei dati; </li></ul></ul><ul><li>Creazione di grafici e tabelle sul quaderno; </li></ul><ul><ul><li>Semplici grafici al computer; </li></ul></ul><ul><ul><li>Tabella delle possibili combinazioni tra personaggi. </li></ul></ul><ul><ul><li>Tabella delle soluzioni possibili </li></ul></ul><ul><ul><li>Distingui tra affermazioni vere/false/possibili </li></ul></ul><ul><li>/impossibili </li></ul><ul><ul><li>Lavora con gli insiemi prendendo in esame determinate caratteristiche delle storie e/o dei personaggi </li></ul></ul>Mappa Progettuale Il mondo fantastico delle fiabe Progetto Interdisciplinare classi II A –II C Torrione Educazione musicale <ul><ul><li>The train chain (English) </li></ul></ul><ul><li>Canzoncine e “conte” popolari sulle fiabe </li></ul><ul><ul><li>Canzoni : </li></ul></ul><ul><li>Carissimo Pinocchio.. </li></ul><ul><li>Alla fiera dell’Est </li></ul><ul><li>Il gatto e la volpe… </li></ul><ul><li>La gatta Cenerentola. </li></ul><ul><li>Proposte dell’ars musicalis </li></ul><ul><ul><li>Lettura, scrittura, drammatizzazione e illustrazione attraverso il disegno delle varie sequenze che compongono le fiabe narrate dall’insegnante: </li></ul></ul><ul><ul><li>Bene come il sale di Italo Calvino. </li></ul></ul><ul><ul><li>Biancaneve e i sette nani </li></ul></ul><ul><li>Cappuccetto rosso </li></ul><ul><ul><li>La Bella addormentata nel bosco </li></ul></ul><ul><ul><li>Cenerentola </li></ul></ul><ul><ul><li>Il vestito nuovo dell’imperatore </li></ul></ul><ul><ul><li>Hansel e Gretel </li></ul></ul><ul><li>Barbie Raperonzolo </li></ul><ul><li>Pelle d’asino </li></ul><ul><li>La collana della verità </li></ul><ul><li>Pinocchio </li></ul><ul><li>L’oca dalle uova d’oro </li></ul><ul><ul><li>Questionari di comprensione della lettura (V/F e risposta aperta). </li></ul></ul><ul><ul><li>Utilizzo della tecnica del fumetto; </li></ul></ul><ul><ul><li>La struttura della fiaba: il tempo, il luogo, il protagonista, l’antagonista, l’eroe, la prova da superare, il lieto fine. </li></ul></ul><ul><ul><li>La tecnica del riassunto ( cosa è importante? cosa può essere omesso?) </li></ul></ul><ul><ul><li>L’enunciato minimo </li></ul></ul><ul><li>Il nome </li></ul><ul><li>L’aggettivo </li></ul><ul><ul><li>Il verbo (azioni presenti/passate/future) </li></ul></ul><ul><ul><li>L’articolo </li></ul></ul><ul><li>Trasformiamo la storia: </li></ul><ul><li>Ordina le sequenze </li></ul><ul><li>Inserisci la parte mancante </li></ul>
  13. 13. <ul><ul><li>Inventa l’inizio di una storia data </li></ul></ul><ul><ul><li>Favole a rovescio </li></ul></ul><ul><li>(superiamo lo stereotipo) </li></ul><ul><ul><li>Cambia le caratteristiche dei personaggi </li></ul></ul><ul><ul><li>Cambia il finale </li></ul></ul><ul><ul><li>Inventa il finale </li></ul></ul><ul><ul><li>Dati tre personaggi inventa una storia (percorso guidato) </li></ul></ul><ul><ul><li>Inventa una storia con le carte di Propp o di Rodari </li></ul></ul><ul><li>Inventa una storia con i suggerimenti di Rodari </li></ul><ul><ul><li>Testo descrittivo: descrivi il protagonista, l’antagonista, gli altri personaggi…. </li></ul></ul><ul><ul><li>Descrivi il luogo in cui è ambientata la storia </li></ul></ul><ul><ul><li>Disegnando (o ritagliando i personaggi da riviste e depliant) diamo loro una caratterizzazione e inventiamo storie nuove da soli o in gruppo </li></ul></ul><ul><ul><li>Data un’immagine d’ambiente e/o di situazione, inventiamo una storia </li></ul></ul><ul><li>Dividiamo la storia in sequenze utilizzando la tecnica del fumetto </li></ul><ul><ul><li>Costruiamo un copione utilizzando il discorso diretto </li></ul></ul><ul><ul><li>Role play </li></ul></ul><ul><ul><li>Stesura del testo della commedia inventata dai ragazzi </li></ul></ul><ul><li>Raccolta dei testi inventati che, digitati al compute, formeranno un libro </li></ul><ul><ul><li>Raccolta di poesie e filastrocche inventate </li></ul></ul><ul><li>Descrizione e illustrazione degli ambienti (scenografie) </li></ul><ul><li>Drammatizzazione e rappresentazione finale. </li></ul><ul><ul><li>Realizziamo una mostra del lavoro svolto: documentazione del lavoro </li></ul></ul><ul><ul><li>Illustrazione di storie con Power point </li></ul></ul><ul><li>Realizzazione di un CD che raccoglie e documenta il lavoro svolto </li></ul>Ambito linguistico L1-L2 segue <ul><ul><li>Sleeping beauty II </li></ul></ul><ul><ul><li>(come va a finire la storia della Bella addormentata) </li></ul></ul><ul><ul><li>Big Blue Baseball Boots </li></ul></ul><ul><ul><li>(Cappuccetto Rosso al maschile) </li></ul></ul><ul><ul><li>A magic stone </li></ul></ul><ul><ul><li>The invisible tracksuit </li></ul></ul><ul><ul><li>Descrizione dei personaggi (big/tall/short/thin/fat/….nice/ugly/ </li></ul></ul><ul><ul><li>angry…scared...) e delle caratteristiche fisiche (He/She’s got….blue eyes, red hair…) </li></ul></ul><ul><ul><li>Invento un personaggio e lo descrivo (speaking and writing guidati) </li></ul></ul><ul><li>Disegno o individuo un personaggio dalla descrizione </li></ul><ul><ul><li>(listening) </li></ul></ul><ul><ul><li>Role play </li></ul></ul><ul><ul><li>drammatizzazione delle storie lette e ascoltate </li></ul></ul><ul><ul><li>Le parti del corpo </li></ul></ul><ul><li>Gli indicatori spaziali </li></ul><ul><ul><li>Gli aggettivi qualificativi di uso più comune </li></ul></ul><ul><ul><li>Songs, chants and rhymes </li></ul></ul><ul><ul><li>L’articolo, il nome, i generi, i pronomi personali soggetto, i verbi di uso più comune. </li></ul></ul>Educazione motoria Esercizi di coordinazione motoria: il salto con la corda : Arancia, limone, mandarino… Esercizi di ritmica Coreografie per un balletto Esercizi con i nastri e/o con i cerchi Mimica e gestualità Il linguaggio del corpo Lo schema corporeo Giochi popolari collegati alle fiabe: Oh che bel castello.. Capretto non uscire… Un, due, tre, stella! Studi sociali <ul><ul><li>Regole di comportamento </li></ul></ul><ul><ul><li>La morale della storia </li></ul></ul><ul><ul><li>Discutiamo sul comportamento dei vari personaggi: ha fatto bene perché…/ ha fatto male perché… </li></ul></ul><ul><ul><li>Tu cosa avresti fatto? </li></ul></ul><ul><ul><li>Ti sei mai trovato in una situazione simile? Racconta </li></ul></ul><ul><ul><li>Credi che esistano nella realtà i personaggi delle fiabe o personaggi che somigliano ad essi? Parliamone… </li></ul></ul>
  14. 14. Il teatro per essere … … .Attore Armonizzare concezioni e strategie didattiche, stili educativi, pratiche di insegnamento/apprendimento. Collaborare per la realizzazione del progetto di circolo Scambiarci visite ed esperienze di vita scolastica Teatro in movimento Il corpo, questo grande attore! Laboratori di psicomotricità Individuazione di schemi motori riferibili a… Analisi della storia Scuola Materna S. Francesco via P. Tosti Scuola materna Torrione Scuola el. S. Francesco Classi I - II Scuola el. Torrio Classe II A Situazioni emotive Tutta la storia o una parte Uno o più personaggi Presa di coscienza e consapevolezza delle proprie possibilità di espressione corporea Ricerca basi musicali idonee Ricerca di possibilità espressive ad imitazione Creazione di schemi motori dal semplice al complesso Elementi naturali Accostamento Musica movimento Montaggio degli schemi per la costruzione della performance Comunicazione-espressione nella consapevolezza del rapporto Attore-Spettatore Messa in scena
  15. 15. NODO PROGETTUALE SCENOGRAFO PER MODELLI DI RIFERIMENTO AMBIENTI IMMAGINI OPERE D’ARTE ANALISI MANUALITA ’ INVENTIVA CREATIVITA’ ORIGINALITA ’ VALORIZZAZIONE ESTETICA GESTUALITA ’ INTENZIONALITA ’ PADRONANZA IDEAZIONE PROGETTUALITA ’ SITUAZIONE TESTO OSSERVAZIONE RICERCA COLLABORAZIONE ORGANIZZAZIONE DEL GRUPPO VALORIZZAZIONE DELLE CAPACITA’ SOGGETTIVE TECNICHE MATERIALI COLORI
  16. 16. <ul><li>Compagnia teatrale </li></ul><ul><li>“ Il Draghetto”. </li></ul><ul><li>Esperti esterni: </li></ul><ul><li>Antonella Lattanzi, Isabella Nardis, </li></ul><ul><li>Giada Santoro, Michela Vignini. </li></ul><ul><li>Direttore artistico: </li></ul><ul><li>Manuela Del Beato . </li></ul><ul><li>Il telecomando Magico </li></ul><ul><li>La maestra rapita </li></ul><ul><li>Sc. Mat. Torrione </li></ul><ul><li>Sc. El. Torrione -Classe II A </li></ul><ul><li>L’isola che non c’è </li></ul><ul><li>Sc. Mat. S. Francesco P. Tosti </li></ul><ul><li>Sc. El. S.Francesco - Classe II </li></ul><ul><li>Sulla luna </li></ul><ul><li>Sc. El. Torrione -Classe II C </li></ul><ul><li>Gran Finale </li></ul><ul><li>Sc. Mat. S. Francesco P. Tosti </li></ul><ul><li>Sc. El. San Francesco - Classe I </li></ul><ul><li>Progetto </li></ul><ul><li>Teatro per Essere…. </li></ul><ul><li>Autori: </li></ul><ul><li>Classi IIA –II C – Torrione </li></ul><ul><li>Attori: </li></ul><ul><li>Scuola Mat. S. Francesco P.Tosti </li></ul><ul><li>Scuola Mat. Torrione </li></ul><ul><li>Scuola Elem. Torrione IIA -IIC </li></ul><ul><li>Scuola Elem. San Francesco I –II </li></ul><ul><li>Grafici Pubblicitari: </li></ul><ul><li>Scuola Mat. S.Francesco CapoCroce </li></ul><ul><li>Scuola Elem. Torrione – IIA </li></ul><ul><li>Scenografi: </li></ul><ul><li>Scuola Mat. Colle Capo Croce </li></ul><ul><li>Scuola Elem. Torrione I C -II C </li></ul><ul><li>Cantanti: </li></ul><ul><li>Tutti i bambini che frequentano </li></ul><ul><li>l’ultimo anno di Scuola Materna </li></ul><ul><li>Tutte le classi prime e seconde </li></ul><ul><li>delle Scuole El. di Torrione e </li></ul><ul><li>S. Francesco. </li></ul><ul><li>Associazione Musica per la Pace </li></ul><ul><li>Esperti esterni: </li></ul><ul><li>Vincenzo Di Carlo </li></ul><ul><li>Eleonora Placidi </li></ul><ul><li>Simona Stipa </li></ul><ul><li>Majlinda Vide </li></ul><ul><li>Direttore artistico: M° Josè Maria Sciutto. </li></ul><ul><li>PROGRAMMA </li></ul><ul><li>La lumaca - Germania </li></ul><ul><li>Una, tre, sei formichine </li></ul><ul><li>Canti tradizionali infantili: </li></ul><ul><li>Paese d’allegria </li></ul><ul><li>La farfalla </li></ul><ul><li>L’oca, il gatto ed il topo </li></ul><ul><li>Il trenino strano </li></ul><ul><li>Girotondo per tutti </li></ul><ul><li>La scalata delle note </li></ul><ul><li>Martora- Vitali-Comolli </li></ul><ul><li>La canzone del fungo re </li></ul><ul><li>Ganata- Camolli </li></ul><ul><li>La tartaruga </li></ul><ul><li>Martora-Vitali-Comolli </li></ul><ul><li>Tutti i gatti miao - Carnovich </li></ul><ul><li>Giacomina - Pastormerlo-Rizzi </li></ul><ul><li>Bidibi bodibi bu - Di Carlo </li></ul>
  17. 17. Risultati Per i genitori: Si è potenziato il clima di collaborazione scuola-famiglia. Si è incoraggiato un approccio fiducioso, sereno e realistico alla scuola affinché esso venga trasmesso ai bambini. Si è favorita la conoscenza della realtà scolastica in tutti i suoi aspetti: didattico, educativo ed organizzativo.
  18. 18. Risultati Per gli alunni : Si è creata una aspettativa positiva verso la scuola. Sono stati suscitati, per la novità della proposta, entusiasmo, motivazione ed interesse determinando l’apertura a numerose esperienze di tipo cognitivo, emotivo e relazionale. Sono stati valorizzati linguaggi alternativi consentendo a tutti di esprimere le proprie potenzialità, innalzando il livello di autostima e di consapevolezza personale. Si è ottimizzato il processo di integrazione dei disabili allargandone i confini.

×