Tardoantico2009

1,908 views

Published on

La moneta romana nella Tarda Antichità

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,908
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
452
Actions
Shares
0
Downloads
57
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Tardoantico2009

  1. 1. Le riforme di Diocleziano e Costantino
  2. 3. Diocleziano e Massimiano su quadriga di elefanti
  3. 4. Diocleziano “Giovio” Massimiano “ Erculeo”
  4. 5. La riforma di Diocleziano
  5. 7. Argenteus La riforma di Diocleziano Aureus
  6. 8. Nummus o Follis (laureato grande) Radiato Laureato piccolo
  7. 9. Solido aureo di Costantino II Cesare, 322/323. LA “RIFORMA” DI COSTANTINO
  8. 10. LA “RIFORMA” DI COSTANTINO Nel 309-310 Costantino introdusse una riforma monetaria, necessaria anche per fare fronte alla scarsità di monete d'oro. Venne, quindi, introdotto il  solidus  ( nomisma ) d'oro, con un peso di 4,54 g pari a 1/72 di libbra, cioè più leggero (anche se più largo e sottile) dell’ aureus , che in quel momento valeva 1/60 di libbra. Si ritornò inoltre al sistema bimetallico di Augusto coniando la  siliqua  d'argento, di 2,27 g pari a 1/144 di libbra: il miliarensis , con un valore doppio della siliqua, aveva quindi lo stesso peso del solido. Per quanto riguarda i bronzi, il  follis , ormai fortemente svalutato, venne sostituito da una moneta di 3 g, detto  nummus centenionalis , pari ad1/100 di libbra e di siliqua.
  9. 12. Costante, medaglione AR emesso dalla zecca di Siscia 337-340
  10. 13. Costanzo II, miliarense emesso dalla zecca di Tessalonica, 340-350
  11. 14. Costanzo II, solidus emesso dalla zecca di Nicomedia, 340-351
  12. 15. Costanzo II, solidus emesso dalla zecca di Nicomedia, 340-351
  13. 16. Costanzo II, solidus emesso dalla zecca di Antiochia, 335-361
  14. 17. Solidus aureo di Costanzo II, 353-357
  15. 18. Costanzo II, solidus emesso dalla zecca di Treviri, 350-353
  16. 19. Valentiniano I, solidus della zecca di Arelate, 364-367
  17. 21. Graziano, solidus della zecca di Costantinopoli, 367-375
  18. 22. Graziano, solidus della zecca di Treviri, 367-375
  19. 23. Valentiniano II, solidus della zecca di Mediolanum, 388-392
  20. 24. Valentiniano II, solidus della zecca di Treviri, 388-392
  21. 25. Valentiniano II, solidus della zecca di Treviri, 388-392
  22. 26. Teodosio II, solidus della zecca di Ravenna, 402-450
  23. 27. Valentiniano III, solidus della zecca di Roma, 425-455
  24. 28. Galla Placidia, solidus emesso dalla zecca di Roma, 425-450
  25. 29. Libio Severo, solidus emesso dalla zecca di Ravenna, 461-465
  26. 30. Odoacre, tremissi, mezza siliqua e nummus (a nome di Zenone), 476-493
  27. 31. Goti, monetazione municipale di Roma, 493-553
  28. 34. Teodorico, multiplo da tre solidi della zecca di Roma, 493
  29. 35. Teodorico, solidus della zecca di Roma, 493-518
  30. 36. Teodorico, quarto di siliqua della zecca di Roma, 493-518
  31. 37. Atalarico, quarto di siliqua (a nome di Giustino I), 526-527
  32. 38. Atalarico, decanummius della zecca di Roma, 526-534
  33. 39. Atalarico, decanummius della zecca di Ravenna, 526-534
  34. 40. Atalarico, decanummius della zecca di Ravenna
  35. 43. Teodato, follis della zecca di Roma, 534-536
  36. 44. Baduela (Totila), quarto di siliqua (a nome di Giustiniano), 541-552
  37. 45. Baduela (Totila), decanummius , 541-552
  38. 46. Visigoti, emissioni pseudo-imperiali a nome di Giustino I e Giustiniano II
  39. 48. Visigoti, serie reali, Leovigildo (572-586), Reccaredo (586-601), Liuva II (601-603), tremissi di varie zecche della penisola iberica

×