Firebird DBMS

641 views

Published on

An overview of Firebird DBMS

Published in: Technology
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
641
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
7
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Firebird DBMS

  1. 1. Firebird DBMS Daniele Bellavista, Luca Mella Università di Bologna December 5, 2011Daniele Bellavista, Luca Mella (Unibo) Firebird DBMS December 5, 2011 1 / 49
  2. 2. Outline I 1 Introduction 2 Architettura Interna Client-Server Pagine e File Tipi di Dato Indici Transazioni 3 Firebird Structured Query Language Stored Procedure Trigger Cursori Eccezioni 4 Security Utenti Ruoli 5 ConcorrenzaDaniele Bellavista, Luca Mella (Unibo) Firebird DBMS December 5, 2011 2 / 49
  3. 3. Outline II Firebird Support MVCC Locking 6 Fault Tollerance Replicazione Hot Backup 7 Ottimizzazione Piani di accesso Benchmark 8 ReferencesDaniele Bellavista, Luca Mella (Unibo) Firebird DBMS December 5, 2011 3 / 49
  4. 4. Una breve introduzione a Firebird I Un DBMS Open Source Disponibile per Windows, Linux, Apple Macintosh OS/X, FreeBSD e altre piattaforme UNIX-based. Lo sviluppo di Firebird è supportato dalla Firebird Foundation. Codice sorgente disponibile sotto licenza InterBase Public License (è possibile costruire software a sua volta sotto licenza IPL utilizzando e modificando liberamente il codice). Sono disponibili vari tools (gratuiti e non) prodotti da terzi (es: GUI manager, Replication support). Sono disponibili vari connectors: ODBC, JDBC, Python, .NET e Delphi driver.Daniele Bellavista, Luca Mella (Unibo) Firebird DBMS December 5, 2011 4 / 49
  5. 5. Una breve introduzione a Firebird II Firebird: le origini Firebird nacque dal codice sorgente di InterBase 6.0 Open Edition della Borland, rilasciato sotto licenza IPL nel Giugno 2000. L’ultima release di Firebird è la 2.5.51, scritta in C++. Il codice sorgente è disponibile su Sourceforge. Firebird web-site link: http://www.firebirdsql.org/. Sourceforge project link: http://sourceforge.net/projects/firebird/.Daniele Bellavista, Luca Mella (Unibo) Firebird DBMS December 5, 2011 5 / 49
  6. 6. Architettura Server e Client Server SuperServer: multithreading (un thread per ogni connessione). Ogni thread utilizza lo stesso database cache buffer (il page buffer). Classic Server: ogni connessione è gestita da un processo con il proprio db cache buffer. Client I client si connettono al server via TCP/IP o utilizzando Windows Networking. Firebird mette a disposizione “isql” un client a linea di comando.Daniele Bellavista, Luca Mella (Unibo) Firebird DBMS December 5, 2011 6 / 49
  7. 7. Architettura del Database I File I database di Firebird sono memorizzati in uno o più file, creati esplicitamente dall’utente. CREATE DATABASE ’C:dbmyDB.fdb’ PAGE_SIZE 8192 LENGTH 1024 FILE ’C:dbmyDB.fd1’ LENGTH 100 FILE ’C:dbmyDB.fd2’ Nell’esempio riportato, è creato un un database formato da un file primario e da due file secondari. L’ultimo file è riempito fino ai limiti o del filesystem o di Firebird. Ogni file è vincolato da Firebird ad una dimensione massima di 32 TiB.Daniele Bellavista, Luca Mella (Unibo) Firebird DBMS December 5, 2011 7 / 49
  8. 8. Architettura del Database II Pagine I database di Firebird sono composti da sequenze di pagine a dimensione fissa. Ogni pagina contiene un header che contiene un identificatore del tipo di pagina, un checksum e altre informazioni necessarie al DBMS per la corretta interpretazione. Header Page pagina di header, la prima pagina del database. Nel caso di multi-file database, l’header dei rimanenti file contiene solamente la lunghezza e il nome del file successivo. Transaction Inventory Page contiene le informazioni relative ad una transizione, identificandone lo stato: committed, rolled back, limbo (una transazione a due fasi, che lavora su due database, ha committato solo la prima fase), active. Data Page pagina data associata ad un’unica tabella. Contiene records e BLOB di piccole dimensioni.Daniele Bellavista, Luca Mella (Unibo) Firebird DBMS December 5, 2011 8 / 49
  9. 9. Architettura del Database III Index Root Page pagina che descrive tutti gli indici di una sola tabella. Al suo interno contiene i puntatori alle radici dei B-Tree, memorizzate in pagine di tipo B-Tree Page. Blob Page pagina che memorizza i BLOB di grandi dimensioni. Contiene, se esiste, un riferimento alla pagina che ne contiene il seguito.Daniele Bellavista, Luca Mella (Unibo) Firebird DBMS December 5, 2011 9 / 49
  10. 10. Architettura del Database IV Limiti A causa della dimensione fissa delle pagine, nascono delle limitazioni su vari aspetti: Numero massimo di tabelle: 32K Dimensione massima di una tabella: 32 TiB Numero massimo di record per tabella: 16G Dimensione massima di un record: 64 KiB In ogni caso, grazie alla possibilità di avere un multi-file database, la dimensione massima di un DB è arbitrariamente espandibile.Daniele Bellavista, Luca Mella (Unibo) Firebird DBMS December 5, 2011 10 / 49
  11. 11. Architettura del Database V Alter Support Firebird permette di effettuare l’alter a vari livelli; ad esempio è possibile alterare il database introducendo nuovi file. ALTER DATABASE ADD FILE filepath [STARTING [AT [PAGE]] pagenum] [LENGTH [=] num [PAGE[S]] È possibile alterare una tabella aggiungendo o rimuovendo una colonna, modificandone il tipo, aggiungendo constraints come chiave pimaria e indici, ma non è possibile imporre il NOT NULL ad un campo già creato.Daniele Bellavista, Luca Mella (Unibo) Firebird DBMS December 5, 2011 11 / 49
  12. 12. Architettura del Database - Data Type I Data Types Standard data types Char, Smallint, Integer, BigInt, Float, Double. Date and Time Timestamp (64 bit), Date (32 bit), Time (32 bit a 4 decimali - picosecondi - ) Binary Large OBject BLOB memorizzati in pagine separate, con una dimensione massima di 32 GiB.Daniele Bellavista, Luca Mella (Unibo) Firebird DBMS December 5, 2011 12 / 49
  13. 13. Architettura del Database - Data Type II Custom Data Types È possibile definire dei domini, ovvero un tipo di dato che è un tipo di dato primitivo con l’aggiunta di un valore di default e delle check condition. CREATE DOMAIN domain_name AS datatype [CHARACTER SET <charset>] DEFAULT {literal | NULL | USER} [NOT NULL] [CHECK (<dom_check_condition>)] [COLLATE <collation>]; Custom Data Types: Esempio - String Enum Type CREATE DOMAIN db_enum AS varchar(20) CHECK (value IS NULL OR value IN (’Firebird’,’MySQL’,’MSSQL’));Daniele Bellavista, Luca Mella (Unibo) Firebird DBMS December 5, 2011 13 / 49
  14. 14. Architettura del Database - Indici I Indici Firebird utilizza indici rappresentati come B-Tree. Supporta indici primary e secondary, indici multi-attributo, ascending o descending. In firebird il costo di accesso ad un indice clustered o unclustered è identico: durante l’accesso agli indici, è raccolta una bitmap di record locaters, riferimenti ai record. Una volta terminata la ricerca, si accede alle Data Page in un certo ordine evitando caricamenti ripetuti della stessa pagina. Sempre utilizzando la bitmap, Firebird è in grado di utilizzare campi presenti in indici diversi per ottimizzare la ricerca.Daniele Bellavista, Luca Mella (Unibo) Firebird DBMS December 5, 2011 14 / 49
  15. 15. Architettura del Database - Indici II Indici - Esempio Combinazione di Indici Data una tabella FILM(ID, Titolo, Regista, Anno, Distribuzione) e tre indici su Regista, Anno e Distribuzione e la query SELECT titolo FROM FILM WHERE Regista=’Neill Blomkamp’ AND Anno=2009 AND Distribuzione=’Sony Pictures’ L’ottimizzatore potrebbe avvalersi dei tre indici separati per effettuare la ricerca.Daniele Bellavista, Luca Mella (Unibo) Firebird DBMS December 5, 2011 15 / 49
  16. 16. Architettura del Database - Indici III Indici - Side-Effect del versioning In particolari query come count(*), o di lettura del dato indicizzato, un ottimizzatore potrebbe decidere di utilizzare le informazioni ricavate dalla struttura dati dell’indice piuttosto che accedere alle pagine dati. Come spiegato più avanti, Firebird gestisce transazioni concorrenti “versionando” i dati. Una transazione può utilizzare dati che sono caratterizzati da una data versione, ma questa informazione non è replicata nelle pagine del B-Tree. Di conseguenza Firebird deve accedere in ogni caso alle pagine dati per ottenere la versione del dato.Daniele Bellavista, Luca Mella (Unibo) Firebird DBMS December 5, 2011 16 / 49
  17. 17. Architettura del Database - Transazioni Transazioni ACID No-autocommit mode Ogni query inizia implicitamente una transazione, da terminare con un COMMIT o un ROLLBACK Per iniziare una transazione si utilizza lo statement START TRANSACTION È possibile creare dei savepoints con lo statement SAVEPOINT e effettuare dei RELEASE o dei ROLLBACK sul savepoint.Daniele Bellavista, Luca Mella (Unibo) Firebird DBMS December 5, 2011 17 / 49
  18. 18. Firebird SQL Dialetti SQL Firebird è conforme allo standard SQL-92, inoltre implementa alcune feature come stored procedure, triggers, role ed eccezioni. Firebird utilizza tre dialetti di SQL: Extended-SQL e Dynamic-SQL Linguaggi utilizzati in tutte le query che non siano stored procedure. Procedural-SQL Linguaggio utilizzato nelle stored procedureDaniele Bellavista, Luca Mella (Unibo) Firebird DBMS December 5, 2011 18 / 49
  19. 19. Firebird SQL - Stored Procedures I Stored Procedure Una stored procedure è un modulo richiamabile da client, altre stored procedure o trigger. Le stored procedure eseguono codice PSQL e la loro creazione avviene tramite ESQL e DSQL, quindi non è possibile per una stored procedure creare una stored procedure. All’interno del codice PSQL è possibile utilizzare lo statement SUSPEND che ritorna una row composta dai valori di ritorno al chiamante.Daniele Bellavista, Luca Mella (Unibo) Firebird DBMS December 5, 2011 19 / 49
  20. 20. Firebird SQL - Stored Procedures II Stored Procedure - Esempio SET TERM #; CREATE PROCEDURE mul (N INTEGER) RETURNS (Res INTEGER) AS DECLARE C int; DECLARE Tmp INTEGER; BEGIN Res = 0; C = 1; WHILE (C <= N) DO begin SELECT n.Numb FROM Numbers n WHERE n.ID = :C INTO :Tmp; Res = Tmp + Res; C = C + 1; end; SUSPEND; END#Daniele Bellavista, Luca Mella (Unibo) Firebird DBMS December 5, 2011 20 / 49
  21. 21. Firebird SQL - Stored Procedures III Esecuzione di una Stored Procedure Per eseguire una stored procedure si utilizza lo Statement EXECUTE PROCEDURE procname [in_item {, in_item }] [RETURNING_VALUES out_item , out_item] Oppure, se si è incluso lo statement suspend, si può utilizzare: SELECT * FROM procname L’utilizzo della SELECT comporta la possibilità di creare viste da una stored procedure.Daniele Bellavista, Luca Mella (Unibo) Firebird DBMS December 5, 2011 21 / 49
  22. 22. Firebird SQL - Stored Procedures IV Limitazioni di PSQL Essenzialmente PSQL non permette di effettuare le seguenti operazioni: 1 CREATE / ALTER / DROP (database, tabelle, eccezioni, stored procedure, . . . ). 2 Transaction Control A differenza di SQL Server, non è disponibile una funzione di print su standard output.Daniele Bellavista, Luca Mella (Unibo) Firebird DBMS December 5, 2011 22 / 49
  23. 23. Firebird SQL - Altri Statements PSQL I Trigger CREATE TRIGGER Log_Price_Upd FOR Articles AFTER INSERT OR UPDATE AS BEGIN IF INSERTING THEN INSERT INTO PRICE_LOGS (ART_ID, ACTION, DATETIME, NEW_PRICE) VALUES (NEW.ART_ID, ’I’, current_timestamp, NEW.PRICE); ELSE INSERT INTO PRICE_LOGS (ART_ID, ACTION, DATETIME, NEW_PRICE) VALUES (NEW.ART_ID, ’U’, current_timestamp, NEW.PRICE); END; CREATE TRIGGER tr_connect ON CONNECT AS BEGIN INSERT INTO dblog (who, when, what) VALUES (current_user, current_timestamp, ’connected’); ENDDaniele Bellavista, Luca Mella (Unibo) Firebird DBMS December 5, 2011 23 / 49
  24. 24. Firebird SQL - Altri Statements PSQL II Cursori //* PSQL block *// DECLARE cur CURSOR FOR SELECT p.num1, p.num2 FROM Prova p FOR UPDATE BEGIN OPEN cur; WHILE (1 = 1) DO BEGIN FETCH cur INTO n1, n2; IF (row_count = 0) THEN LEAVE; IF(n1 > n2) THEN UPDATE Prova SET n2 = n1 WHERE CURRENT OF cur; SUSPEND; END;Daniele Bellavista, Luca Mella (Unibo) Firebird DBMS December 5, 2011 24 / 49
  25. 25. Firebird SQL - Altri Statements PSQL III Eccezioni //*ESQL code*// CREATE EXCEPTION My_Exception ’My Exception message’ //*PSQL code*// WHEN EXCEPTION My_Exception DO BEGIN //*do things*// END WHEN ANY DO BEGIN //*do things*// EXCEPTION; //* retrhow catched exception *// ENDDaniele Bellavista, Luca Mella (Unibo) Firebird DBMS December 5, 2011 25 / 49
  26. 26. Firebird Security I Sicurezza in Firebird Disponibile solo un supporto basilare di gestione utenti. Desiderata: hide del codice di Stored Procedure e Triggers da parte di altri utenti. Soluzione: non esiste una soluzione efficace. Desiderata: connessione sicura al server database remoto. Soluzione: costruzione a mano di un tunnel ssh. Desiderata: cifratura del contenuto del database. Soluzione: cifratura del filesystem con tool esterni o cifratura a mano dei contenuti delle tabelle.Daniele Bellavista, Luca Mella (Unibo) Firebird DBMS December 5, 2011 26 / 49
  27. 27. Firebird Security II Livelli di protezione Due livelli di protezione: 1 Validazione utente in fase di CONNECT al database. 2 Controlli a livello di database utilizzando utenti e privilegi definiti in SQL. Gestione degli utenti Utente root: SYSDBA. Creazione di un utente tramite utility gsec. Possibilità di utilizzare utenti di sistema, con pattern hostname [username]. Tuttavia non è possibile utilizzare Server e Client con gestione utenti incompatibili (Unix e Windows).Daniele Bellavista, Luca Mella (Unibo) Firebird DBMS December 5, 2011 27 / 49
  28. 28. Firebird Security III Privilegi di utenti Operatori GRANT e REVOKE su: INSERT, UPDATE, DELETE, SELECT (viste e tabelle). EXECUTE ON PROCEDURE procname. REFERENCE (permesso del server di eseguire un lookup sulle righe in una relazione con primary/foreign key)Daniele Bellavista, Luca Mella (Unibo) Firebird DBMS December 5, 2011 28 / 49
  29. 29. Firebird Security IV SQL Roles Utilizzo di SQL Roles, template per utenti, insiemi di privilegi. CREATE ROLE rolename È possibile fare GRANT e REVOKE su un roles. Dopo aver creato un utente gli si può fare il GRANT di un ruolo: GRANT rolename ON username; Se un utente ha più ruoli, può connettersi ad un database specificando un ruolo: CONNECT database USER user PASSWORD password ROLE role; Ruolo predefinito di amministratore: ADMIN.Daniele Bellavista, Luca Mella (Unibo) Firebird DBMS December 5, 2011 29 / 49
  30. 30. Concorrenza - Firebird Support I Firebird Support Consistency ANSI/ISO SERIALIZABLE equivalente Concurrency Read Committed rilascia r-lock appena possibile non-repetable read possibile Wait/No wait in caso di conflitto di scrittura attenti altra transazione o no (fail immediately) Snapshot/No Snapshot ANSI/ISO REPEATABLE READS equivalenteDaniele Bellavista, Luca Mella (Unibo) Firebird DBMS December 5, 2011 30 / 49
  31. 31. Concorrenza - Firebird Support II Firebird default. . . Concurrency, Wait, Snapshot Dirty writes: No solo l’ultima versione può essere modificata Dirty reads: No le transazioni non vedono altre versioni del db Repeatable read: Yes cambiamenti effettuati da transazioni concorrenti sono ignoratiDaniele Bellavista, Luca Mella (Unibo) Firebird DBMS December 5, 2011 31 / 49
  32. 32. Concorrenza - MVCC I Multi Version Concurrency Control Concetti chiave Record version, ogni transazione vede una certa versione. Transaction signature (aka Transaction-id). Write solo su ultima versione Proprietà + Read mai bloccate. - Generazione di più versioni.Daniele Bellavista, Luca Mella (Unibo) Firebird DBMS December 5, 2011 32 / 49
  33. 33. Concorrenza - MVCC II Multi Version Concurrency Control Quando una transazione accede ad un record. . . Il sistema controlla se la firma appartiene ad una transazione COMMITTED o ACTIVE. In caso di COMMITTED T. In caso di ACTIVE T. ritorna (e ritorna la versione più recente genera) una versione precedente. del record. Ok, ma. . . come?? Ricordate che il Transaction Manager mantiene un log delle transazioni son segnate tutte le operazioni che sono state fatte? Attraverso questo log il CM (Cuncurrency Manager) è capace di ricostruire le versioni precedenti dei record.Daniele Bellavista, Luca Mella (Unibo) Firebird DBMS December 5, 2011 33 / 49
  34. 34. Concorrenza - MVCC III Multi Version Concurrency Control Table: Example scenario Time Transaction T1 Transaction T2 1 begin x is signed with 120 2 begin 3 R(x), W(x) T1 sign x with 125 4 R(x) T2 reads previous version (120) 5 Commit 6 W(x) T2 has not the most recent version! FAIL 7 Rollback NOTA Se si scambia 5 con 6, il comportamento di T2 sara quello di attendere T1, perchè in caso di fallimento (e rollback) di T1 il suo update sarà consistente.Daniele Bellavista, Luca Mella (Unibo) Firebird DBMS December 5, 2011 34 / 49
  35. 35. Concorrenza - Locking Locking Support 2 Phase Locking R/W locking Lock Promotion and Demotion Prima richiedi lock su record, in caso di grande numero di record scambia i lock ottenuti con un lock su tabella. Prima richiedi lock su tabella, in caso di accesso concorrente alla stessa tabella richiedi lock su record. Granularity DataBase lock, in caso di restore da backup (usa locking fornito dall’OS) Table lock Record lock Predicate lock, niente phandom records (costoso)Daniele Bellavista, Luca Mella (Unibo) Firebird DBMS December 5, 2011 35 / 49
  36. 36. Fault Tollerance - Replicazione I Tipi di replicazione supportati Synchronous aggiornamenti propagati a real-time - performance (computazione online). + consistenza. Asynchronous aggiornamenti propagati a tempo arbitrario + performance-saving. - meno consistenza tra le repliche.Daniele Bellavista, Luca Mella (Unibo) Firebird DBMS December 5, 2011 36 / 49
  37. 37. Fault Tollerance - Replicazione II Realizzazione di replicazione asincrona Relativamente semplice, di base solo pochi elementi sono necessari: CHANGELOG table, eg.(<U|A|D>, <KEYFIELDNAME> , <SOURCEKEY>,<SOURCETABLE>,<USERNAME> , <Olds> , <News> ) Triggers su tabella sorgente, per riempire il CHANGELOG Servizio di replicazione, che legge CHANGELOG periodicamente ed effettua i cambiamenti sulla replica. Altre soluzioni Soluzioni e configurazioni più sofisticate possono essere realizzate usando suite software ad-hoc come IBRreplicator, che gestisce più sorgenti e più destinazioni in entrambe le maniere (SYNC, ASYNC).Daniele Bellavista, Luca Mella (Unibo) Firebird DBMS December 5, 2011 37 / 49
  38. 38. Fault Tollerance - Hot Backup I nbackup, un tool per hot-backup Features: Backup Incrementale ( -B <n>, with n>0 ) Disabilitazione trigger ( -T ) Locking del database file (backup manuale) ( -L,-N ) Example nbackup -B 0 db.fdb db1-Oct-2011.nbk /*full backup*/ nbackup -B 1 db.fdb db2-Oct-2011.nbk /*incremental*/ /*restoring incremental*/ nbackup -R <db> [<backup0> [<backup1> [...] ] ]Daniele Bellavista, Luca Mella (Unibo) Firebird DBMS December 5, 2011 38 / 49
  39. 39. Fault Tollerance - Hot Backup II Altri tool: gbak, gstat e gfix gbak stesse feature di nbackup, ma con controllo più fine (splitting, remote backups,create/overwrite. . . ) gstat toole per report statistici (analizza indici, pagine, cache. . . ) gfix admin tool (start e stop del db, risolve transazioni in ’limbo’. . . ) Nota Per completare un restore con successo (specialmente in overwrite mode) è una buona pratica spegnere il database prima di cominciare. Eg. /*Shut down database, wait 60 seconds until all connections are closed*/ gfix -user SYSDBA -password "masterkey" dbserver:/db/mydb.fdb -shut -attach 60Daniele Bellavista, Luca Mella (Unibo) Firebird DBMS December 5, 2011 39 / 49
  40. 40. Ottimizzazione I Query Optimizer Ottimizzatore cost-based Definizione di statistiche (eg. SET STATISTICS INDEX index-name) Tiene traccia del fattore di carico delle pagine Lunghezza media dei record e cardinalità Profondità B+tree Fattore di clustering (sparsità dati) numero di NULLs Il ricalcolo delle statistiche non è pienamente automatizzato. . . E’triggerato per default quando le statistiche sono a 0. Il DBA dovrebbe scriversi qualche procedura/trigger per farlo.Daniele Bellavista, Luca Mella (Unibo) Firebird DBMS December 5, 2011 40 / 49
  41. 41. Ottimizzazione II Table scan algorithms Cardinalità, selettività, contatori di NULL sono considerati SEQUENTIAL SCAN INDEX SCAN (vedi prima parte:)) You should know them :D Join algorithms Firebird considera cardinalità e selettività per decidere quale algoritmo usare NESTED LOOP JOIN SORT MERGE JOIN HASH JOIN not yet implemented! You should know them too :DDaniele Bellavista, Luca Mella (Unibo) Firebird DBMS December 5, 2011 41 / 49
  42. 42. Ottimizzazione III Group by algorithms Firebird d considera cardinalità e selettività per decidere SORT Aggregation Legge un record in input che è stato ordinato per il campo di raggruppamento Appena letto il record, viene comparato con il precedente Se i campi di raggruppamento matchano, allora aggiorna il gruppo. Altrimenti il gruppo è finito. HASH Aggregation Crea una hash table (in-memory) dei campi di raggruppamento. Come leggi un record, aggiorna il corrispondente gruppo. Computa tutti i record prima di ritornare i gruppi. Computazione dei gruppi avviene in paralleloDaniele Bellavista, Luca Mella (Unibo) Firebird DBMS December 5, 2011 42 / 49
  43. 43. Optimization - Piani di accesso I Visualizzare un piano d’accesso SET PLANONLY ON; SELECT a.emp, b.currency FROM a INNER JOIN b ON a.field = b.field; PLAN JOIN (A NATURAL,B INDEX (RDBPRIMARY1)) /*This is the execution plan,wich means that firebird optimizator will access to A naturally (sequentially) and to B through his primary key’s index */ Specificare un piano di accesso a piacere SELECT . . . . . . ORDER BY column1 /* Here you can specify wich kind of join to use and how access to relations*/ PLAN [JOIN] | [SORT] [MERGE] ] (<table1> NATURAL, <table2> INDEX (<indexname>));Daniele Bellavista, Luca Mella (Unibo) Firebird DBMS December 5, 2011 43 / 49
  44. 44. Optimization - Benchmark I TPC-B Misura il throughput in termini di numero di transazioni gesite nell’intervallo di tempo tramite l’emulazione di un tipico screnario bancario (conti, filiali, cassieri e storico). EMP7 Benchmark non standard, si basa su una query CPU intensive che coinvolge un unica relazione (tabella) contenente solo 14 record. Join multipli sulla stessa relazione garantiscono un fardello computazionale notevole.Daniele Bellavista, Luca Mella (Unibo) Firebird DBMS December 5, 2011 44 / 49
  45. 45. Optimization - Benchmark IIDaniele Bellavista, Luca Mella (Unibo) Firebird DBMS December 5, 2011 45 / 49
  46. 46. Optimization - Benchmark III Nota Piano d’accesso simile per entrambi i dbms. . . Nested Loops Join Sequential access 10 records, 100 iterations in EMP7 scale 10, 1000 iterations in TPCBDaniele Bellavista, Luca Mella (Unibo) Firebird DBMS December 5, 2011 46 / 49
  47. 47. References I Function and Design Documentation http://www.ibphoenix.com/resources/documents/design Language Reference http://www.firebirdsql.org/file/documentation/reference_ manuals/reference_material/html/langrefupd25.html Users and Security http: //www.ibphoenix.com/resources/documents/search/doc_59 Async Replication www.ibphoenix.com/resources/documents/how_to/doc_316 Replication www.ibphoenix.com/products/software/ibreplicatorDaniele Bellavista, Luca Mella (Unibo) Firebird DBMS December 5, 2011 47 / 49
  48. 48. References II MVCC http: //www.ibphoenix.com/resources/documents/articles/doc_27 Locking http: //www.ibphoenix.com/resources/documents/search/doc_48 Optimization I http://ibexpert.net/ibe/index.php?n=Doc.Optimization Optimization II http://www.slideshare.net/ibsurgeon/ firebird-costbased-optimization-and-statistics-by-dmitry-ye Algorithms http://dcx.sybase.com/1001/en/dbugen10/ ug-grouping-optimizer-queryopt.htmlDaniele Bellavista, Luca Mella (Unibo) Firebird DBMS December 5, 2011 48 / 49
  49. 49. Questions ?Daniele Bellavista, Luca Mella (Unibo) Firebird DBMS December 5, 2011 49 / 49

×