2009.08.04 basi di europrogettazione cagliari

357 views

Published on

Published in: Economy & Finance
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
357
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
4
Actions
Shares
0
Downloads
8
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

2009.08.04 basi di europrogettazione cagliari

  1. 1. Europa & sviluppo locale Basi di europrogettazione (materiali a cura di Davide Caocci) 4 agosto 2009 Unione dei Comuni Basso CampidanoComune di Monastir Comune di Nuraminis Comune di Samatzai Comune di San Sperate Comune di Ussana Comune di Villasor
  2. 2. Buongiorno a tutti! Il mio nome è Davide CaocciNato a Milano nel 1972,laureato in Giurisprudenzapresso l’Università Cattolica,specializzato inDiritto internazionale,Diritto dell’UE,Economia e Gestione d’Azienda,ora consulente per lo sviluppoe docente universitario. © Davide Caocci Unione dei Comuni del Basso Campidano - 4 agosto 2009
  3. 3. Destinazione risorse del bilancio comunitario© Davide Caocci Unione dei Comuni del Basso Campidano - 4 agosto 2009
  4. 4. Le politiche comunitarie TCE, parte III - artt. 23-181- libera circolazione delle merci - agricoltura (PAC)- libera circolazione delle persone, dei servizi e dei capitali- visti, asilo, immigrazione e altre connesse - trasporti- concorrenza e fiscalità - politica economica e monetaria- occupazione - politica commerciale comune- cooperazione doganale- politica sociale, istruzione, formazione professionale e gioventù- cultura - sanità pubblica- protezione dei consumatori - reti transeuropee- industria - coesione economica e sociale- R&ST - ambiente- cooperazione allo sviluppo © Davide Caocci Unione dei Comuni del Basso Campidano - 4 agosto 2009
  5. 5. Il sistema di sostegno finanziario dell’Unione Europea • i finanziamenti diretti • i finanziamenti indiretti • i prestiti • gli appalti pubblici • i contratti pubblici© Davide Caocci Unione dei Comuni del Basso Campidano - 4 agosto 2009
  6. 6. I finanziamenti diretti - linee di finanziamento - da bilancio comunitario - gestione diretta della Commissione Europea - normativa comunitaria - concorrenza comunitaria allargata - rispetto requisiti© Davide Caocci Unione dei Comuni del Basso Campidano - 4 agosto 2009
  7. 7. I finanziamenti indiretti - da bilancio comunitario - gestione indiretta da autorità naz./loc. - normativa comunitaria + naz. + loc. - concorrenza ristretta - dinamiche naz./loc. - rispetto requisiti© Davide Caocci Unione dei Comuni del Basso Campidano - 4 agosto 2009
  8. 8. I prestiti - strumenti di finanziamento “classici” - gestione diretta da istituzioni (Bei, Fei, Euratom, Bers) + intermediari naz. (istituti accreditati) - da disponibilità bilancio istituzioni - condizioni agevolate - normativa comunitaria + naz. - rispetto requisiti© Davide Caocci Unione dei Comuni del Basso Campidano - 4 agosto 2009
  9. 9. I progetti Criteri comuni alla base dei progetti comunitari •Innovatività •Partenariato •Transnanazionalità •Valore aggiunto europeo •Effetto moltiplicatore •Trasferibilità dei risultati •Coerenza e complementarità •Competenza gestione/valutazione •Cofinanziamento© Davide Caocci Unione dei Comuni del Basso Campidano - 4 agosto 2009
  10. 10. Per gestire un progetto europeo •Calendarizzazione attività •Individuazione linea di bilancio •Stesura progetto •Attività in itinere ed ex post •Attività di lobbing© Davide Caocci Unione dei Comuni del Basso Campidano - 4 agosto 2009
  11. 11. Buona proposta progettuale • Bontà formale •rispetto dei requisiti richiesti del bando (ammissibilità e presentazione) • Bontà •utilità del progetto (coerenza sostanziale rispetto al contesto, risponde ai bisogni) •fattibilità del progetto (capacità dell’ente proponente, piano operativo, piano finanziario) • Bontà estetica •leggibilità della proposta progettuale (schemi + sintesi)© Davide Caocci Unione dei Comuni del Basso Campidano - 4 agosto 2009
  12. 12. Il bando  Testo pubblicato su GUUE e su Internet  Scadenza varia normalmente tra 45 e 60 gg dopo pubblicazione© Davide Caocci Unione dei Comuni del Basso Campidano - 4 agosto 2009
  13. 13. Il bando  Testo bando  elementi salienti:  Obiettivi  Azioni  Destinatari  Stati eleggibili  Modalità e procedure  Stanziamento  Finanziamento  Referenze© Davide Caocci Unione dei Comuni del Basso Campidano - 4 agosto 2009
  14. 14. Come si partecipa Presentazione della candidatura  Nec. predisporre progetto su apposito formulario (application form), completato su indicazioni riportate in guida (user’s guide)  Imp. allegare documenti rich. (es. statuto, certificati di registrazione alla CCIAA, bilanci, report attività)  Progetto inviato mezzo posta o altro entro e non oltre data indicata© Davide Caocci Unione dei Comuni del Basso Campidano - 4 agosto 2009
  15. 15. Come si costruisce un progetto Premesse  Nec. partire da bisogno effettivo sogg. che presenta candidatura  Nec. svolgere analisi costi/benefici di partecipazione a bando© Davide Caocci Unione dei Comuni del Basso Campidano - 4 agosto 2009
  16. 16. La Gestione del Ciclo del Progetto A. Strategia indicativa B. Definizione degli obiettivi F. Valutazione e C. Pianificazione delle monitoraggio attività E. Realizzazione D. Reperimento delle risorse© Davide Caocci Unione dei Comuni del Basso Campidano - 4 agosto 2009
  17. 17. Come si costruisce un progettoFasi del Project Management Impostazione progetto Comprensione contesto progetto (interlocutori, risorse, vincoli); definizione obt., valutazione rischi, individuazione azioni gestionali necessarie)© Davide Caocci Unione dei Comuni del Basso Campidano - 4 agosto 2009
  18. 18. Pianificazione Organizzazione tempo attività e risorse per raggiungere obt. e risultati progetto in modo coerente a tempi, costi e attività© Davide Caocci Unione dei Comuni del Basso Campidano - 4 agosto 2009
  19. 19.  Organizzazione Definizione struttura organizzativa gruppo di lavoro, ruoli, procedure, individuazione personale e assegnazione di compiti e responsabilità© Davide Caocci Unione dei Comuni del Basso Campidano - 4 agosto 2009
  20. 20. Controllo Misurazione lavoro svolto mediante rilevazione feedback. Verifica avanzamento lavoro e efficacia risultati progetto© Davide Caocci Unione dei Comuni del Basso Campidano - 4 agosto 2009
  21. 21. Il capofila del progetto Sogg. che presenta progetto a Comm. Eur. Firma contratto È responsabile per tutti aspetti del progetto fino a sua conclusione© Davide Caocci Unione dei Comuni del Basso Campidano - 4 agosto 2009
  22. 22. Il partenariato  Progetti devono essere presentati da gruppo di partner di diversi Stati (Membri o Terzi)  Piena libertà in scelta partner  Caratteristiche simili, diverse, complementari  Reperire i partner  Gestire attività, rapporti, comunicazione© Davide Caocci Unione dei Comuni del Basso Campidano - 4 agosto 2009
  23. 23. Il budget del progetto Risorse umane: ore, giorni, mesi / persona Attrezzature: affitto locali, ammortamento per apparecchiature Servizi esterni: consulenze© Davide Caocci Unione dei Comuni del Basso Campidano - 4 agosto 2009
  24. 24. Il budget del progetto  Viaggi e soggiorni  Interpretariato e traduzioni  Documentazione, materiali informativi  Spese generali in %: affitto, telefono, fax, illuminazione, riscaldamento, manutenzione e pulizia, sicurezza, ecc.© Davide Caocci Unione dei Comuni del Basso Campidano - 4 agosto 2009
  25. 25. Inviato il progetto …  Comm. Eur. invia lettera di ricevimento progetto  con attribuzione numero di prot.  Inizia fase selezione domande presentate: • Verifica criteri idoneità • Valutazione© Davide Caocci Unione dei Comuni del Basso Campidano - 4 agosto 2009
  26. 26. Inviato il progetto …  Esito: approvazione o bocciatura del progetto© Davide Caocci Unione dei Comuni del Basso Campidano - 4 agosto 2009
  27. 27. Criteri di valutazione  Valore aggiunto europeo  Rilevanza progetto rispetto a programma© Davide Caocci Unione dei Comuni del Basso Campidano - 4 agosto 2009
  28. 28. Criteri di valutazione  Preparazione progetto, completezza e coerenza bilancio  Efficienza, valutazione costi e tempi  da attività a risultati + qualità risultati© Davide Caocci Unione dei Comuni del Basso Campidano - 4 agosto 2009
  29. 29. Criteri di valutazione Efficacia, valutazione contributo risultati a raggiungimento obt. progetto + ev. fattori esterni Impatto prog., su ambiente + contributo a raggiungimento obt. programma comunitario© Davide Caocci Unione dei Comuni del Basso Campidano - 4 agosto 2009
  30. 30. Criteri di valutazione  Sostenibilità progetto, continuazione benefici apportati e risultati© Davide Caocci Unione dei Comuni del Basso Campidano - 4 agosto 2009
  31. 31. La valutazione  La valutazione ex ante  La valutazione di sostenibilità  La valutazione in itinere  La valutazione ex post© Davide Caocci Unione dei Comuni del Basso Campidano - 4 agosto 2009
  32. 32. Oggetto della valutazione Obiettivi generali A. Valutazione impatto su Obiettivi specifici Obiettivi specifici B. Valutazione efficacia su Risultati Risultati C. Valutazione efficienza su Attività Mezzi © Davide Caocci Unione dei Comuni del Basso Campidano - 4 agosto 2009
  33. 33. Valutazione di sostenibilità Sostenibilità  continua a dare benefici oltre periodo finanziamento + si estende dopo fine prevista progetto stesso© Davide Caocci Unione dei Comuni del Basso Campidano - 4 agosto 2009
  34. 34. Sostenibilità progetto:= benefici anche dopo la fine del progettoSostenibilità ambientale:= impatto su medio ambiente© Davide Caocci Unione dei Comuni del Basso Campidano - 4 agosto 2009
  35. 35. Valutazione QUALITÀ Impatto Efficienza Efficacia SOSTENIBILITÀ Elementi chiave per la Commissione UE REPLICABILITÀ© Davide Caocci Unione dei Comuni del Basso Campidano - 4 agosto 2009
  36. 36. Teletron Funding and Project www.teletron.it info@teletron.itTelefono (+39) 070.211.04.28 Fax (+39) 070.211.10.18Sede Legale e Centro Ricerche Teletron Euroricerche S.r.l.c/o Aeroporto di Cagliari - Via Caduti di Nassiriya sn - 09030 Elmas - CAC.P. n.224 Ufficio Postale Elmas Centro - CA - ItalyPartita IVA e Codice Fiscale 03061610923 R.E.A. 243533 C.C.I.A.A. Cagliari© Davide Caocci Unione dei Comuni del Basso Campidano - 4 agosto 2009

×