Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Salute, benessere, qualità della vita

3,780 views

Published on

  • bellissime slide, ottimo punto di vista, lo condivido e apprezzo molto ;)
       Reply 
    Are you sure you want to  Yes  No
    Your message goes here

Salute, benessere, qualità della vita

  1. 1. Ambiti di approfondimento e argomenti di riflessione <ul><li>il quadro di riferimento </li></ul><ul><li>Salute, benessere, qualità di vita </li></ul><ul><li>Dall’educazione sanitaria all’educazione alla salute </li></ul><ul><li>Verso una pedagogia del benessere </li></ul><ul><li>La professionalità educativa degli operatori sanitari </li></ul><ul><li>il lavoro di cura </li></ul><ul><li>Vivere la malattia. Gestione della cura e qualità dell’intervento </li></ul><ul><li>Il counseling nella professione infermieristica </li></ul><ul><li>le competenze dell’operatore </li></ul><ul><li>Analisi di comportamenti comunicativi attraverso l’individuazione di “stili di comunicazione” </li></ul><ul><li>Le competenze relazionali e comunicative degli operatori </li></ul>
  2. 2. Salute, benessere, qualità della vita <ul><li>Nel 1948 l’ Organizzazione Mondiale della Sanità propone un nuovo concetto di salute come </li></ul><ul><li>“ stato di completo benessere fisico, mentale e sociale” che supera lo stereotipo tradizionale di salute intesa esclusivamente come assenza di malattia. </li></ul>
  3. 3. <ul><li>L’aspetto sociale della salute diventa, quindi, assai rilevante avendo la vita relazionale una valenza assai significativa per il benessere complessivo della persona. </li></ul>
  4. 4. Ne consegue che <ul><li>qualsiasi programma di cura o </li></ul><ul><li>d’intervento di salvaguardia della salute </li></ul><ul><li>deve </li></ul><ul><li>prevedere un’attenzione peculiare </li></ul><ul><li>alla persona nella sua interezza e ai contesti socio-relazionali e ambientali </li></ul><ul><li>in cui si sviluppa la sua esperienza di vita. </li></ul>
  5. 5. <ul><li>Ciò impone di pensare alla persona , </li></ul><ul><li>e perciò alla salute stessa, </li></ul><ul><li>in senso olistico </li></ul><ul><li>essendo lo stato di benessere determinato da un articolato intreccio di fattori che impongono, indispensabilmente, una </li></ul><ul><li>presa in carico complessiva del soggetto. </li></ul>
  6. 6. <ul><li>lo star bene, non dipende esclusivamente dal corretto funzionamento di un organo o di un apparato ma dalla correlazione di tutti i sistemi che identificano l’uomo </li></ul><ul><li>pertanto </li></ul><ul><li>la gestione di un problema di salute va, quindi, affrontata in un ottica globale prendendo in considerazione le diverse variabili interagenti . </li></ul>
  7. 7. Si perviene così ad un <ul><li>concetto ecosistemico di salute </li></ul><ul><li>fondato sull’idea che la salute è frutto dell’equilibrio tra molteplici dimensioni (quella fisica, psichica, sociale, ambientale , etc.) che interagiscono tra loro in maniera complessa. </li></ul><ul><li>Per questa ragione possiamo parlare di benessere come uno stato complesso perché variamente definibile. </li></ul>
  8. 8. Esso è infatti: <ul><li>Multicomponenziale </li></ul><ul><li>Multidirezionale </li></ul><ul><li>Multidimensionale </li></ul>
  9. 9. <ul><li>Multicomponenziale </li></ul><ul><li>in quanto presenta componenti sia fisiche che psichiche (sociali, emozionali, psicologiche, ecc.). </li></ul><ul><li>e, pertanto, fa riferimento sia alla valutazione </li></ul><ul><li>biologico-obiettivista delle condizioni fisiche dell’individuo </li></ul><ul><li>sia alla percezione soggettivo-emozionale </li></ul><ul><li>dello stato di salute del soggetto. </li></ul>
  10. 10. <ul><li>Multidirezionale </li></ul><ul><li>in quanto il bisogno di benessere cambia sia </li></ul><ul><li>in senso verticale , nei diversi “tempi” della vita sia </li></ul><ul><li>in senso orizzontale nei diversi “luoghi” di esistenza </li></ul><ul><li>del soggetto. </li></ul>
  11. 11. <ul><li>Multidimensionale </li></ul><ul><li>infine, perché la percezione del benessere si </li></ul><ul><li>trasforma sia </li></ul><ul><li>sincronicamente, in concomitanza ad un episodio </li></ul><ul><li>particolare in un momento determinato della vita </li></ul><ul><li>di individuo, sia </li></ul><ul><li>diacronicamente se il processo di tensione al </li></ul><ul><li>benessere lo si riconduce ad una fase o un intervallo </li></ul><ul><li>di tempo più lungo della vita di un soggetto. </li></ul>
  12. 12. Dall’ educazione sanitaria all’ educazione alla salute <ul><li>Nell’ottica di una rivisitazione del concetto di salute si tende oggi a ripensare criticamente anche la tradizionale espressione educazione sanitaria </li></ul><ul><li>Per educazione sanitaria generalmente si intende </li></ul><ul><li>un processo di comunicazione diretto a fornire le informazioni necessarie per un esame dei problemi della salute </li></ul><ul><li>teso a responsabilizzare gli individui ed i gruppi in quelle scelte da cui scaturiscono effetti sulla salute fisica e psichica dei singoli e della collettività. </li></ul>
  13. 13. <ul><li>Tale definizione fa emergere una assoluta “medicalizzazione” del concetto di salute, nella convinzione che abbia senso parlare di salute solo e quando quest’ultima è minata da uno stato patologico. </li></ul>
  14. 14. <ul><li>Il limite di tale approccio consiste nel pensare l’ intervento esclusivamente in termini di rimedio , di recupero o di ripristino di qualcosa che è andato perso, piuttosto che in termini di prevenzione e/o di investimento educativo per il futuro. </li></ul>
  15. 15. <ul><li>In realtà, più che di educazione sanitaria </li></ul><ul><li>sembrerebbe corretto parlare di </li></ul><ul><li>educazione alla salute </li></ul><ul><li>almeno per quattro ragioni prevalenti. </li></ul>
  16. 16. 1. Il termine “educazione alla salute” scardina la falsa convinzione che i soli a fare educazione sanitaria siano gli operatori sanitari, infermieri, medici, tecnici, ecc. 2. Parlare di “educazione alla salute” significa sottolineare l'azione educativa come capace di operare sul singolo e sulla comunità in relazione ai grandi temi e problemi della salute e dell'ambiente.
  17. 17. 3. L’ “educazione alla salute” riesce a valorizzare meglio non tanto il soggetto che compie l'azione educativa, ma l'obiettivo di tale azione. 4. L’espressione “educazione alla salute” consente di pervenire ad un concetto positivo di salute e non più negativo in quanto pone l’accento sulla rilevanza delle risorse sociali e personali oltre che sulle capacità fisiche.
  18. 18. In altri termini <ul><li>il passaggio concettuale dall’ </li></ul><ul><li>“ educazione sanitaria” all’“educazione alla salute” </li></ul><ul><li>significa evolvere da una cultura della malattia ad una cultura della salute. </li></ul>
  19. 19. <ul><li>E’, dunque, preferibile parlare di educazione alla salute , in quanto tale espressione, più aperta, ampia e maggiormente rispettosa delle diverse competenze istituzionali, implica un atto educativo inteso come processo di crescente autoconsapevolezza e partecipazione della popolazione alla tutela della propria salute. </li></ul><ul><li>Questa forma di educazione deve essere intesa come un'attività permanente e policentrica della comunità che tende a promuoverne l'autonoma capacità di tutelare il proprio ambiente e la propria salute. </li></ul>
  20. 20. possiamo allora schematizzare: <ul><li>gli obiettivi generali dell'educazione alla salute nella promozione della: </li></ul><ul><li>capacità dell'individuo di auto-tutelare la propria salute rispetto ai rischi provenienti dalle sue stesse abitudini personali; </li></ul><ul><li>capacità dell'individuo di auto-tutelare la propria salute rispetto ai rischi provenienti dal suo ambiente di vita e di lavoro; </li></ul><ul><li>capacità del cittadino di ricorrere in modo pertinente e critico ai servizi tecnico-istituzionali. </li></ul>
  21. 21. Si tratta in tutti e tre i casi di: <ul><li>     aumentare la capacità dei membri della comunità di intervenire in modo partecipativo nelle questioni poste dall'educazione alla salute e non solo di conoscere questa o quella nozione relativa al corpo, alle malattie o ai farmaci; </li></ul><ul><li>  </li></ul><ul><li>· concorrere a quella crescita di potere autotutelativo e democratico che rappresenta lo scopo generale dell'educazione alla salute; </li></ul><ul><li>contribuire alla formazione, anche attraverso adeguati interventi educativi, di comunità e di persone sempre più capaci di intervenire sulla realtà in difesa del mondo in cui vivono. </li></ul>
  22. 22. Verso una pedagogia del benessere e della qualità della vita Più volte è stato sottolineato come salute e benessere costituiscano la risultante dell’ integrazione fra i sistemi biologico, psichico, socio-culturale e ambientale
  23. 23. <ul><li>il benessere dipende non soltanto dal corretto funzionamento e dalla efficiente gestione dei servizi sanitari, ma soprattutto dagli stili di vita e di lavoro , dal tempo libero , dalla condizione dell’ambiente e dalla salubrità dei contesti. </li></ul><ul><li>il concetto di benessere ha assunto una connotazione sempre più psichica, sociale, ambientale ; in un epoca in cui l’aspettativa del benessere è divenuta più legittima e, proprio per questo, oggi è possibile analizzare direttamente il benessere senza passare attraverso il suo antagonista e cioè il malessere . </li></ul>
  24. 24. <ul><li>Ciò determina una positiva </li></ul><ul><li>inversione di tendenza </li></ul><ul><li>rispetto ad una considerazione dell’ </li></ul><ul><li>esistenza come “luogo di benessere” e non come “assenza di malessere”. </li></ul>
  25. 25. <ul><li>Il benessere diventa qualcosa di legittimo, mediante l’esercizio del “diritto a stare bene”; diritto che può essere </li></ul><ul><li>tutelato </li></ul><ul><li>attraverso interventi </li></ul><ul><li>politico-istituzionali (leggi in materia sanitaria, di tutela del lavoro, della famiglia, etc.) </li></ul><ul><li>ma anche </li></ul><ul><li>conquistato </li></ul><ul><li>quanto più i soggetti vengono aiutati a ricorrere alle proprie risorse e a fare leva sulle proprie potenzialità in termini di empowerment, nell’autodeterminare il proprio stato di benessere. </li></ul>
  26. 26. <ul><li>La convinzione che </li></ul><ul><li>“ imparare a star bene” </li></ul><ul><li>possa essere insegnato </li></ul><ul><li>richiama la possibilità di formare operatori di ambito psico-socio-sanitario ed assistenziale e comunque i diversi professionisti che a vario titolo gestiscono relazioni di cura, sostegno, aiuto, programmi di prevenzione. </li></ul>
  27. 27. <ul><li>La pedagogia del benessere si regge, quindi, sul convincimento che sia possibile </li></ul><ul><li>“ insegnare a stare meglio e a stare bene” </li></ul><ul><li>attraverso azioni </li></ul><ul><li>che indirizzino i soggetti verso la conquista di maggiori consapevolezze e capacità di costruire da se stessi il proprio personale benessere. </li></ul>
  28. 28. <ul><li>L’ ottica privilegiata </li></ul><ul><li>è naturalmente quella </li></ul><ul><li>Educativa </li></ul><ul><li>che riguarda </li></ul><ul><li>processi di comunicazione e orientamento </li></ul><ul><li>di persone, gruppi e comunità </li></ul><ul><li>tesi a sviluppare la crescita, l’autonomia e l’emancipazione . </li></ul>
  29. 29. <ul><li>Tale convincimento risulta presente nella letteratura sul servizio sociale in cui risultano centrali i concetti quali </li></ul><ul><li>l’ empowerment e il self-help </li></ul><ul><li>fondati sull’idea di dare forza ai soggetti facendo “lievitare” in loro quelle potenzialità attraverso le quali facilitare relazioni di mutuo aiuto improntate a migliorare il benessere e la qualità della vita. </li></ul>
  30. 30. <ul><li>Alla luce di tali considerazioni appare evidente che </li></ul><ul><li>“ insegnare ad imparare a stare bene” </li></ul><ul><li>e, di conseguenza, </li></ul><ul><li>“ imparare ad imparare a stare bene” </li></ul><ul><li>consiste nel riuscire ad </li></ul><ul><li>innescare un processo in cui lo “star bene” può coincidere con il “sentirsi bene”. </li></ul>
  31. 31. In altre parole <ul><li>il benessere obiettivo è sempre più la conseguenza del benessere soggettivo </li></ul><ul><li>quando questo risulti costruito attraverso </li></ul><ul><li>una più ampia e corretta informazione, </li></ul><ul><li>l’adesione a più sani stili di vita, </li></ul><ul><li>l’attenzione alla prevenzione di processi patologici associati a fattori ambientali. </li></ul>
  32. 32. <ul><li>La formazione al benessere deve consistere in una </li></ul><ul><li>sensibilizzazione di tutti al benessere </li></ul><ul><li>basata sull’idea che </li></ul><ul><li>tutti possiamo imparare a star meglio </li></ul><ul><li>e che salute e benessere </li></ul><ul><li>non riguardano </li></ul><ul><li>solo la quantità dell’investimento di risorse economiche e strutturali messe in campo dalle istituzioni </li></ul><ul><li>ma riguarda soprattutto </li></ul><ul><li>la qualità dell’impegno dei soggetti nella </li></ul><ul><li>soddisfazione dei propri bisogni e desideri. </li></ul>

×