UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Dott. Ing. Giuseppe Graziuso CORSO DI LAUREA IN TECNICHE DELLA PREVENZIONE N...
PRINCIPI DI ACUSTICA <ul><li>LA TRASMISSIONE DEL RUMORE PUO’ ESSERE SCHEMATIZZATA NEL SEGUENTE MODO: </li></ul>SORGENTE PE...
ORIGINE E PROPAGAZIONE DEL SUONO <ul><li>IL SUONO È UN FENOMENO FISICO ,  NON UN OGGETTO .  PER ESISTERE HA BISOGNO DI UNA...
ORIGINE E PROPAGAZIONE DEL SUONO <ul><li>ALL'ORIGINE DEL SUONO C'È UN CORPO VIBRANTE </li></ul><ul><li>VIBRANDO, QUESTO CO...
ORIGINE E PROPAGAZIONE DEL SUONO IL SUONO È ENERGIA CHE SI PROPAGA SOTTO FORMA DI ONDA
ORIGINE E PROPAGAZIONE DEL SUONO LE MOLECOLE DI ARIA SI MUOVONO LEGGERMENTE, OGNUNA DI ESSA COLPISCE QUELLE VICINE TRASFER...
ORIGINE E PROPAGAZIONE DEL SUONO <ul><li>UN MEZZO IN GRADO DI PROPAGARE IL SUONO È  ASSOLUTAMENTE NECESSARIO . NON C'È’ SU...
<ul><li>L’ONDA  SONORA, ESSENDO UN FENOMENO PERIODICO, E’ CARATTERIZZATA DAI SEGUENTI PARAMETRI: </li></ul><ul><li>FREQUEN...
 
PRINCIPI DI ACUSTICA <ul><li>AMPIEZZA : È LO SCOSTAMENTO DELL'ONDA DALLA LINEA DI ZERO (NON SUONO). SI MISURA IN DECIBEL.,...
PRINCIPI DI ACUSTICA <ul><li>LE CONDIZIONI ESSENZIALI PER LA GENERAZIONE, PROPAGAZIONE E UDIBILITÀ DEL SUONO COSÌ SONO QUA...
CONSEGUENZE DI ESPOSIZIONE A RUMORE <ul><li>LA CONSEGUENZA PIU’ EVIDENTE DI UN ESPOSIZIONE A RUMORE E’ L’IPOACUSIA </li></...
VALUTAZIONE DEL RISCHIO RUMORE ARTT. 188-199 T.U. <ul><li>AI FINI DI UNA CORRETTA VALUTAZIONE DEI RISCHI, OCCORRE VERIFICA...
VALORI LIMITE DI ESPOSIZIONE <ul><li>VALORI LIMITE DI ESPOSIZIONE  RISPETTIVAMENTE LEX = 87 dB(A) e ppeak = 200 Pa (140 DB...
OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO <ul><li>IL DATORE DI LAVORO ELIMINA I RISCHI ALLA FONTE O LI RIDUCE AL MINIMO MEDIANTE LE SE...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Rumore

893 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
893
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
44
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Rumore

  1. 1. UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Dott. Ing. Giuseppe Graziuso CORSO DI LAUREA IN TECNICHE DELLA PREVENZIONE NELL’AMBIENTE E NEI LUOGHI DI LAVORO FISICA TECNICA AMBIENTALE LEZIONE VI Anno Accademico 2009/2010 FACOLTA’ DI MEDICINA E CHIRURGIA
  2. 2. PRINCIPI DI ACUSTICA <ul><li>LA TRASMISSIONE DEL RUMORE PUO’ ESSERE SCHEMATIZZATA NEL SEGUENTE MODO: </li></ul>SORGENTE PERCORSO RICEVENTE IL SUONO È UNA PERTURBAZIONE FISICA DI ENTITA’ TALE DA ESSERE RILEVATA DALL’ORECCHIO UMANO, CHE SI PROPAGA IN UN MEZZO FISICO,GASSOSO, LIQUIDO O SOLIDO. NELL’ARIA LE ONDE SONORE SONO GENERATE DA VARIAZIONI DELLA PRESSIONE, INTORNO AL VALORE STATICO DELLA PRESSIONE, CHE DETERMINANO UNA SUCCESSIONE DI STATI DI COMPRESSIONE O RAREFAZIONE DELL’ARIA. TALE SUCCESSIONE AVVIENE A VELOCITA’ CHE SI DEFINISCE VELOCITA’ DEL SUONO NEL MEZZO (INDICATA CON LA LETTERA “C” ED ESPRESSA M/S .
  3. 3. ORIGINE E PROPAGAZIONE DEL SUONO <ul><li>IL SUONO È UN FENOMENO FISICO , NON UN OGGETTO . PER ESISTERE HA BISOGNO DI UNA SORGENTE, CIOÈ’ DI UN CORPO VIBRANTE E DI UN MEZZO ELASTICO DI PROPAGAZIONE IN CUI LE ONDE POSSANO VIAGGIARE. ARIA, ACQUA, LEGNO, ALCUNI METALLI E PERFINO IL VETRO POSSONO VIBRARE E PROPAGARE LE ONDE SONORE. NATURALMENTE LA DISTANZA A CUI QUESTE ULTIME SI PROPAGANO DIPENDE DALL'ELASTICITÀ DEL MEZZO. ABBIAMO QUINDI UN PRIMO DATO DI FATTO: </li></ul>
  4. 4. ORIGINE E PROPAGAZIONE DEL SUONO <ul><li>ALL'ORIGINE DEL SUONO C'È UN CORPO VIBRANTE </li></ul><ul><li>VIBRANDO, QUESTO CORPO TRASMETTE LE PROPRIE VIBRAZIONI AL MEZZO CHE LO CIRCONDA (NEL NOSTRO CASO, L'ARIA). L'ENERGIA SONORA, QUINDI, È UNA FORZA MECCANICA CHE, PARTENDO DALLA SORGENTE, SI IRRADIA SOTTO FORMA DI ONDE ATTRAVERSO IL MEZZO DI PROPAGAZIONE FINO ALL'ASCOLTATORE </li></ul>
  5. 5. ORIGINE E PROPAGAZIONE DEL SUONO IL SUONO È ENERGIA CHE SI PROPAGA SOTTO FORMA DI ONDA
  6. 6. ORIGINE E PROPAGAZIONE DEL SUONO LE MOLECOLE DI ARIA SI MUOVONO LEGGERMENTE, OGNUNA DI ESSA COLPISCE QUELLE VICINE TRASFERENDO LORO IL PROPRIO MOTO,UN PO' COME NEL CASO DI UNA &quot;OLA&quot;.
  7. 7. ORIGINE E PROPAGAZIONE DEL SUONO <ul><li>UN MEZZO IN GRADO DI PROPAGARE IL SUONO È ASSOLUTAMENTE NECESSARIO . NON C'È’ SUONO SENZA IL MEZZO DI PROPAGAZIONE PERCHÉ NON CI SAREBBERO MOLECOLE DA MUOVERE. SE LE VIBRAZIONI DELLA SORGENTE NON SI TRASMETTONO A NULLA, SI ESAURISCONO NEL PUNTO DI ORIGINE E NON ARRIVANO A UN EVENTUALE ASCOLTATORE, QUINDI NON C'È SUONO NEL VUOTO. IL MEZZO DI PROPAGAZIONE PUÒ ESSERE UN QUALSIASI ELEMENTO IN GRADO DI VIBRARE. IL SUONO SI PROPAGA NELL'ARIA E IN TUTTI I GAS, MA ANCHE NELL'ACQUA E ANCHE IN SOSTANZE SOLIDE CHE SIANO ALMENO LEGGERMENTE ELASTICHE. QUELLO CHE CAMBIA È LA VELOCITÀ DI PROPAGAZIONE. NELL'ARIA A 20° È 344 METRI/SECONDO ED È INFLUENZATA DALLA TEMPERATURA E DALLA DENSITÀ DEL MEZZO </li></ul>
  8. 8. <ul><li>L’ONDA SONORA, ESSENDO UN FENOMENO PERIODICO, E’ CARATTERIZZATA DAI SEGUENTI PARAMETRI: </li></ul><ul><li>FREQUENZA : PER DEFINIZIONE È IL NUMERO DI VOLTE IN UN SECONDO CON CUI IL FENOMENO SI RIPETE, OSSIA È IL NUMERO DI CICLI AL SECONDO. LA FREQUENZA E’ NORMALMENTE INDICATA DA UN NUMERO SEGUITO DALL’UNITÀ DI MISURA CHE È L’HERZ (Hz) ED È L’INVERSO DEL PERIODO T, CHE STA AD INDICARE LA DURATA CICLICA DEL FENOMENO. </li></ul><ul><li>LUNGHEZZA D’ONDA : E’ LA DISTANZA PERCORSA DALL’ONDA SONORA IN UN CICLO COMPLETO DI VIBRAZIONE. LA LUNGHEZZA D’ONDA, INDICATA CON LA LETTERA λ (LAMBDA) E’ IN RELAZIONE CON LA FREQUENZA E CON LA VELOCITA’ DEL SUONO ATTRAVERSO LA RELAZIONE: </li></ul><ul><li>λ /T = λ f= c </li></ul>PRINCIPI DI ACUSTICA
  9. 10. PRINCIPI DI ACUSTICA <ul><li>AMPIEZZA : È LO SCOSTAMENTO DELL'ONDA DALLA LINEA DI ZERO (NON SUONO). SI MISURA IN DECIBEL., È LEGATA ALLA DINAMICA/INTENSITÀ/VOLUME DEL SUONO . </li></ul>
  10. 11. PRINCIPI DI ACUSTICA <ul><li>LE CONDIZIONI ESSENZIALI PER LA GENERAZIONE, PROPAGAZIONE E UDIBILITÀ DEL SUONO COSÌ SONO QUATTRO: </li></ul><ul><li>LA PRESENZA DI UN MEZZO ELASTICO (NEL VUOTO NON C’È’ PROPAGAZIONE SONORA); </li></ul><ul><li>UNA VARIAZIONE DI PRESSIONE NEL MEZZO INTORNO AD UN VALORE DI EQUILIBRIO (AD ESEMPIO LA PRESSIONE ATMOSFERICA); </li></ul><ul><li>UNA FREQUENZA DELLE VARIAZIONI DI PRESSIONE COMPRESA NEL CAMPO UDIBILE; </li></ul><ul><li>UN CONTENUTO ENERGETICO SUPERIORE AD UNA SOGLIA MINIMA DI UDIBILITÀ. </li></ul>
  11. 12. CONSEGUENZE DI ESPOSIZIONE A RUMORE <ul><li>LA CONSEGUENZA PIU’ EVIDENTE DI UN ESPOSIZIONE A RUMORE E’ L’IPOACUSIA </li></ul><ul><li>TUTTAVIA L’ESPOSIZIONE A RUMORE PUÒ CAUSARE ALTRI EFFETTI NEGATIVI: </li></ul><ul><li>IRRITABILITA’, PERDITA DI CONCENTRAZIONE, INSONNIA (EFFETTI PSICOLOGICI); </li></ul><ul><li>DISTURBO DELLA COMUNICAZIONE ORALE ( CON CONSEGUENTI RISCHI PER LA CORRETTA ESECUZIONE DEI LAVORI E PER LA STESSA SICUREZZA); </li></ul><ul><li>ABBASSAMENTO DELLA SOGLIA UDITIVA (TEMPORANEA O PERMANENTE), DOLORE, ANCHE NAUSEA (RUMORI ELEVATI) </li></ul>
  12. 13. VALUTAZIONE DEL RISCHIO RUMORE ARTT. 188-199 T.U. <ul><li>AI FINI DI UNA CORRETTA VALUTAZIONE DEI RISCHI, OCCORRE VERIFICARE PRELIMINARMENTE: </li></ul><ul><li>A) IL LIVELLO, IL TIPO E LA DURATA DELL’ESPOSIZIONE, INCLUSA OGNI ESPOSIZIONE A RUMORE IMPULSIVO; </li></ul><ul><li>B) I VALORI LIMITE DI ESPOSIZIONE E I VALORI DI AZIONE. IN RELAZIONE AL LIVELLO DI ESPOSIZIONE GIORNALIERA AL RUMORE E ALLA PRESSIONE ACUSTICA DI PICCO ESSI SONO FISSATI: </li></ul>
  13. 14. VALORI LIMITE DI ESPOSIZIONE <ul><li>VALORI LIMITE DI ESPOSIZIONE RISPETTIVAMENTE LEX = 87 dB(A) e ppeak = 200 Pa (140 DB (C); </li></ul><ul><li>VALORI SUPERIORI DI AZIONE : RISPETTIVAMENTE LEX = 85 dB(A) e ppeak = 140 Pa (137 DB (C); </li></ul><ul><li>VALORI INFERIORI DI AZIONE RISPETTIVAMENTE LEX = 80 dB(A) e ppeak = 112 Pa (135 DB (C); </li></ul>
  14. 15. OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO <ul><li>IL DATORE DI LAVORO ELIMINA I RISCHI ALLA FONTE O LI RIDUCE AL MINIMO MEDIANTE LE SEGUENTI MISURE: </li></ul><ul><li>ALTRI METODI DI LAVORO CHE IMPLICANO UNA MINORE ESPOSIZIONE AL RUMORE; </li></ul><ul><li>ATTREZZATURE DI LAVORO ADEGUATE; </li></ul><ul><li>DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALI; </li></ul><ul><li>INFORMAZIONE E FORMAZIONE </li></ul><ul><li>MISURE TECNICHE PER I CONTENIMENTO DEL RUMORE TRASMESSO PER VIA AEREA </li></ul><ul><li>MANUTENZIONE DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO; </li></ul><ul><li>MIGLIORE ORGANIZZAZIOINE DEL LAVORO ATTRAVERSO LA LIMITAZIONE DELLA DURATA E DELL’INTENSITA’ DELL’ESPOSIZIONE; </li></ul>

×