Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
Il danno alla persona Definizione: modificazione peggiorativa del modo di essere della persona, considerata come entità so...
La valutazione medico-legale deve considerare il rapporto danno-interesse, individuando quali-quantitativamente la menomaz...
Azione lesiva è determinata dall’incontro tra agente lesivo ed organismo e si identifica con la causa vera e propria del d...
La lesione è il processo morboso in sé (frattura di un arto), la menomazione è il deficit funzionale che ne deriva (imposs...
Classificazione del danno Oltre alla classificazione tre temporaneo e permanente, si distinguono danni: attuali  potenzial...
<ul><li>Tipiche situazioni di danno futuro sono: </li></ul><ul><li>malattia a carattere sicuramente inarrestabile e progre...
Caratteri del danno alla persona Componenti elemento biologico (materiale) elemento giuridico (formale) Determinanti azion...
Caratteri del danno alla persona Accertamento realtà del danno cause del danno natura del danno entità del danno conseguen...
Accertamento del danno La realtà del danno viene accertata mediante la constatazione obiettiva della lesione e la conferma...
L’entità del danno è collegata alla natura clinica della lesione ed alle sue conseguenze. Cruciale per una corretta valuta...
La simulazione del danno Riguarda tutti i casi in cui la realtà è falsata rispetto all’esistenza, alle cause, alle manifes...
I moventi della simulazione sono i più molteplici; determinanti saranno sentimenti egoistici (volontà di ottenere un guada...
Ci sono, poi, altri aspetti della simulazione: aggravamento: il soggetto peggiora, aggravandola, l’entità degli effetti de...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Il danno alla persona

4,029 views

Published on

  • Be the first to comment

Il danno alla persona

  1. 1. Il danno alla persona Definizione: modificazione peggiorativa del modo di essere della persona, considerata come entità somato-psichica. <ul><li>Il concetto di danno è legato ad un’alterazione nell’individuo rispetto ad una situazione antecedente (es. passaggio dalla salute alla malattia o aggravamento di una patologia preesistente). </li></ul><ul><li>Il peggioramento conseguente al danno assume significato medico-legale quando è collegata ad un effetto giuridico, quindi quando consta di due componenti: </li></ul><ul><li>danno biologico o materiale – alterazione fisica o psichica dell’organismo </li></ul><ul><li>danno giuridico o formale – bene o interesse tutelato dalla legge pregiudicato, per cui l’ordinamento legislativo prevede una reazione volta alla riparazione del danno. </li></ul>
  2. 2. La valutazione medico-legale deve considerare il rapporto danno-interesse, individuando quali-quantitativamente la menomazione all’integrità della persona e l’equivalente nocumento giuridico (atto conseguente al danno), con risvolti penali, civili, può interressare le assicurazioni sociali o private. Il risarcimento del danno implicherà, quindi, da un punto di vista giuridico una sanzione penale, un risarcimento pecuniario, un indennizzo, una pensione a seconda della natura del bene danneggiato dell’interesse economico connesso. <ul><li>Da un punto di vista biologico, il danno alla persona prevede 3 determinanti: </li></ul><ul><ul><ul><li>azione lesiva </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>lesione (effetto dell’azione lesiva) </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>menomazione (effetto della lesione) </li></ul></ul></ul>Da un punto di vista giuridico il danno è un fatto ingiusto, di natura patrimoniale e non, lesivo della sfera giuridica altrui e capace di cagionare un danno che la persona non doveva subire.
  3. 3. Azione lesiva è determinata dall’incontro tra agente lesivo ed organismo e si identifica con la causa vera e propria del danno. L’individuazione del momento lesivo non si esaurisce con l’accertamento eziologico e patologico della lesione, ma deve interessare anche le circostanze in cui il danno si è verificato. Lesione è l’alterazione dell’integrità somatica e psichica della persona, determinata dall’azione lesiva e rappresentata da un processo patologico. Comprende sia le lesioni organiche, quanto le compromissioni funzionali dell’individuo, ricadendo nel concetto generale di malattia. La classificazione sfrutta criteri propri dell’anatomia patologica, medica e chirurgica: lesioni organiche e funzionali, somatiche, psichiche o miste somato-psichiche, locali o generali, uniche o diffuse. La lesione, inoltre, potrà essere aggravata da condizioni antecedenti proprie del soggetto. La gravità della lesione dipenderà dalla gravità delle menomazioni. Tra i fattori che tendono ad aumentare la gravità della lesione vi sono: la tendenza ad indurre complicanze, l’insanabilità certa o presunta della lesione, pericolosità delle manifestazioni morbose e grado di ampiezza della compromissione di vari organi o funzioni. la durata della lesione influenza, invece, il destino del processo morboso (morte o guarigione).
  4. 4. La lesione è il processo morboso in sé (frattura di un arto), la menomazione è il deficit funzionale che ne deriva (impossibilità di deambulazione). <ul><li>La menomazione e gli effetti dannosi sull’efficienza psicofisica possono influenzarsi: </li></ul><ul><li>la menomazione riduce o abolisce funzioni organiche elementari, con l’impossibilità di espletare alcune attività (es. inefficienza di un arto); </li></ul><ul><li>la menomazione aggrava i pericoli in cui il minorato può incorrere nell’espletare alcune attività (es. l’iperteso è a rischio emorragico maggiore sotto sforzo fisico); </li></ul><ul><li>la menomazione limita la capacità concorrenziale del soggetto, restringendo il campo delle attività lavorative che può svolgere (es. crisi di vertigine o accessi epilettici limitano il soggetto ad attività che non comportino lavori in altezza). </li></ul>Menomazione rappresenta la compromissione dell’efficienza fisica e psichica della persona conseguente alla lesione. É puramente funzionale e si riferisce all’abolizione o alla riduzione di attività organiche, da cui derivino disfunzioni (motorie, sensoriali, psichiche, neurologiche, endocrine, sessuali, estetiche...). Si distinguono menomazioni funzionali (il danno psico-fisico non ha ripercussioni lavorative), da menomazioni professionali (il danno psico-fisico incide sulle capacità professionali).
  5. 5. Classificazione del danno Oltre alla classificazione tre temporaneo e permanente, si distinguono danni: attuali potenziali futuri aleatori Danno attuale: c’è contemporaneità tra danno biologico e giuridico (es. riduzione della capacità lavorativa a seguito della menomazione di un arto). Danno potenziale: c’è dissociazione tra danno biologico e giuridico, poiché la menomazione in atto o stabilizzata produrrà i suoi effetti dannosi in futuro (es. bimbo con conseguenze menomative di una paresi che ne subirà gli effetti ed il danno economico quando comincerà a lavorare) Danno futuro: è il danno non ancora verificatosi, ma prevedibile in modo certo o con grande probabilità o presente
  6. 6. <ul><li>Tipiche situazioni di danno futuro sono: </li></ul><ul><li>malattia a carattere sicuramente inarrestabile e progressivo (SLA) </li></ul><ul><li>aggravamento certo o probabile dei postumi in atto (artrosi seguente a fratture articolari) </li></ul><ul><li>impedimenti nell’affrontare attività lavorative a causa della menomazione </li></ul><ul><li>il venir meno delle legittime e fondate aspettative di miglioramento della situazione lavorativa </li></ul><ul><li>Dal momento che il danno futuro è certo o probabile è risarcibile così come quello attuale. </li></ul>Danno aleatorio: è solo possibile, ma il verificarsi effettivo non è certo, aleatorio, appunto. Pertanto, non è un danno risarcibile (in realtà la linea di demarcazione tra danno futuro e aleatorio non è sempre netta).
  7. 7. Caratteri del danno alla persona Componenti elemento biologico (materiale) elemento giuridico (formale) Determinanti azione lesiva lesione menomazione Suddivisione danno attuale (presente) danno potenziale (dissociato) danno futuro (di previsione) danno aleatorio (eventuale) Proiezione campo penale campo civile assicurazioni sociali assicurazioni private
  8. 8. Caratteri del danno alla persona Accertamento realtà del danno cause del danno natura del danno entità del danno conseguenze del danno ripercussioni giuridiche del danno Evoluzione permanenza del danno miglioramento del danno aggravamento del danno
  9. 9. Accertamento del danno La realtà del danno viene accertata mediante la constatazione obiettiva della lesione e la conferma delle circostanze che l’hanno determinato, così come dichiarato dal soggetto. Ciò si realizza integrando i dati clinici con i documenti relativi al fatto in esame, senza tralasciare le numerose difficoltà che possono impedire una puntuale ed esatta ricostruzione degli accadimenti (non ultime le simulazioni e/o false testimonianze). Le cause del danno possono essere naturali o dipendere da azioni umane. Per riconoscere il nesso causale occorre stabilire la natura e l’entità (intesa come potere potenziale) dell’azione lesiva e la natura patogena: il nesso di causa deve essere stabilito tra la natura della causa e la lesione e tra l’efficacia lesiva della causa dichiarata. In questo modo è possibile risalire alle circostanze in cui il fatto lesivo è avvenuto, identificare il mezzo lesivo e determinare le responsabilità individuali. La natura del danno è dedotta dal carattere clinico, anatomo-patologico della lesione (sede, gravità, estensione, durata ed esiti), mediante la diagnosi clinica (senza però trascurare la semiotica medico-legale per escludere eventuali simulazioni). Partendo dalla diagnosi si formula la prognosi (probabile evoluzione della malattia), considerando la benignità o malignità, la terapia messa in atto, gli effetti jatrogeni ecc. Va ricordato che il paziente non è obbligato a sottoporsi ai rischi di un intervento chirurgico laddove non sia indispensabile.
  10. 10. L’entità del danno è collegata alla natura clinica della lesione ed alle sue conseguenze. Cruciale per una corretta valutazione sarà individuare l’organo/i coinvolto/i, la durata, la guaribilità ecc., senza trascurare possibili effetti (complicazioni, efficacia del trattamento terapeutico in atto), nonché parametri soggettivi (età, anamnesi precedente, predisposizioni morbose ecc). Le conseguenze del danno derivano dalla lesione e menomazione conseguente, determinando una compromissione del soggetto. Il danno-evento consiste nella lesione dell’integrità fisica o psichica; il danno-conseguenza incide, invece, sull’attività lavorativa. Accertare le conseguenze del danno consente di valutare l’entità del pregiudizio arrecato alla persona dall’azione lesiva. Le ripercussioni giuridiche sono già delineate nella valutazione della proiezione del danno. Si distingue tra fatto lesivo – compromissione fisica e psichica della persona – e fatto dannoso – che rappresenta la conseguenza giuridicamente rilevante del fato morboso, quindi costituisce il risultato ultimo dell’evento, cui il diritto giuridico collega la sanzione o risarcimento -.
  11. 11. La simulazione del danno Riguarda tutti i casi in cui la realtà è falsata rispetto all’esistenza, alle cause, alle manifestazioni e conseguenze di una malattia, lesione o menomazione. Cruciali sono: personalità del soggetto, motivazioni che lo spingono e specie di simulazione. Si distinguono due tipi di simulazione: simulazione-scopo: il soggetto è spinto dal desiderio di raggiungere un fine vantaggioso simulazione-situazione: il soggetto è spinto dal timore, dal bisogno di reagire ad una situazione (es. evitare il servizio militare). La simulazione potrà, inoltre, essere involontaria o volontaria. tipica di soggetti nevrotici o isterici, che tendono ad esagerare o inventare sintomi inesistenti. Quindi, ci sarà un fondo patologico propria di chi intenzionalmente altera la realtà allo scopo di ottenere un vantaggio illecito o iniquo (alle volte anche nobile), mediante una violazione consapevole che sfrutti l’inganno, la menzogna, il raggiro o la malafede.
  12. 12. I moventi della simulazione sono i più molteplici; determinanti saranno sentimenti egoistici (volontà di ottenere un guadagno, una comodità e così via). Saranno fattori coadiuvanti la scarsa educazione, l’influenza di altri simulatori, il rilasciamento del costume sociale ecc. Forme della simulazione <ul><li>soggetto sano che finge di essere malato </li></ul><ul><li>soggetto sano che si procura la malattia </li></ul><ul><li>soggetto malato che si finge sano </li></ul>simulazione in senso stretto delle manifestazioni morbose autolesionismo o provocazione della malattia, falsata nelle cause dissimulazione vera e propria, in cui si occultano le manifestazioni della malattia
  13. 13. Ci sono, poi, altri aspetti della simulazione: aggravamento: il soggetto peggiora, aggravandola, l’entità degli effetti della malattia; esagerazione: si riportano effetti più gravi del vero; prolungamento: gli effetti sono denunciati per più tempo del reale; attenuazione: la malattia è riferita in modo meno grave del reale Alcuni soggetti, poi, denunciano malattie procurate (autoprocurate o eteroprocurate), quali mutilazioni, lesioni o infermità. La forma più nota di questo tipo di simulazione è l’autolesionismo, una forma di mutilazione fraudolenta. Altre lesioni sono provocate mediante ustioni, uso di sostanze tossiche o corrosive (es. si può procurare febbre mediante iniezioni di vaccini, latte e di medicamenti).

×