www.fire-italia.org

Nuovi modelli per l’efficienza energetica
Dario Di Santo, FIRE

Convegno ENEL Fondazione: efficienza ...
Cos’è la FIRE

La Federazione Italiana per l’uso Razionale dell’Energia è
un’associazione tecnico-scientifica che dal 1987...
Progetti e collaborazioni FIRE
Efficienza
Business model
Conclusioni

www.enforce-een.eu

www.hreii.eu/demo

www.soltec-pr...
13,3%

,5%

Gas

37,5%

Petrolio

GPL
5.000

Gas naturale
Combustibili solidi

Consumi di energia nel settore civili
0
199...
Molteplicità di soluzioni di ogni genere e taglia
Efficienza
Business model
Conclusioni

www.fire-italia.org

!5
Costi dell’energia: l’efficienza è l’unica difesa
Efficienza
Business model
Conclusioni

2001:
domanda 52-19 GW
offerta 71...
Un’opportunità per domanda e offerta
Efficienza
Business model
Fornitori di
tecnologie efficienti

Conclusioni

O
F
F
E
R
...
Finanziamenti tradizionali: questione di taglie
Efficienza
Business model
Conclusioni

Small:
credito via agenzia, non su ...
L’equazione fondamentale degli investimenti in efficientamento
Efficienza

Mancano misure
e KPI

Business model

Dipende d...
Filiere integrate
Efficienza
Business model
Conclusioni

www.fire-italia.org

In ragione della complessità dell’efficienza...
I prestigiosi marchi coinvolti nell’iniziativa sono: iGuzzini, Habitech, Harley&Dikkinson
Finance, Riello, Saint Gobain, S...
documentazione& necessaria& all’implementazione& del& progetto& pilota,& tra& cui:& definizione
selezione& delle& Esco,& a...
Aggregazione: l’approccio di Habitech nel Trentino
Efficienza
Business model
Conclusioni

www.fire-italia.org

!13
Considerazioni finali
Efficienza
Business model
Conclusioni

Per fare sviluppare l’efficienza energetica occorre considera...
Lo studio FIRE per ENEL Fondazione
Efficienza
Business model
Conclusioni

Il progetto si propone di analizzare le competen...
www.fire-italia.org

Blog & Social
www.linkedin.com/company/fire-federazione-italiana-per-l'uso-razionale-dell'energia
www...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Nuovi modelli per l’efficienza energetica

676 views

Published on

L'efficienza energetica ha ormai raccolto un interesse generalizzato da parte del mercato e dei policy maker. La trasformazione in azioni concrete di questa sensibilità crescente richiede però uno sforzo non trascurabile, che passi per nuovi approcci alla gestione delle aziende e dei patrimoni immobiliari, oltreché per nuovi modelli di business. La FIRE sta realizzando uno studio sul tema per Enel Fondazione.

0 Comments
2 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
676
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
279
Actions
Shares
0
Downloads
15
Comments
0
Likes
2
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Nuovi modelli per l’efficienza energetica

  1. 1. www.fire-italia.org Nuovi modelli per l’efficienza energetica Dario Di Santo, FIRE Convegno ENEL Fondazione: efficienza energetica per una nuova crescita
 Roma, 30 ottobre 2013
  2. 2. Cos’è la FIRE La Federazione Italiana per l’uso Razionale dell’Energia è un’associazione tecnico-scientifica che dal 1987 promuove per statuto efficienza energetica e rinnovabili, supportando chi opera nel settore. ! Oltre alle attività rivolte ai circa 500 soci, la FIRE opera su incarico del Ministero dello Sviluppo Economico per gestire le nomine e promuovere il ruolo degli energy manager nominati ai sensi della Legge 10/91. ! La Federazione collabora con le Istituzioni, la Pubblica Amministrazione e varie Associazioni per diffondere l’uso efficiente dell’energia ed opera a rete con gli operatori di settore e gli utenti finali per individuare e rimuovere le barriere di mercato e per promuovere buone pratiche. www.fire-italia.org Certificazione EGE Esperti in Gestione dell’Energia UNI CEI 11339 www.fire-italia.org www.secem.eu Rivista Gestione Energia !2
  3. 3. Progetti e collaborazioni FIRE Efficienza Business model Conclusioni www.enforce-een.eu www.hreii.eu/demo www.soltec-project.eu Fra i progetti conclusi: - www.e-quem.enea.it - www.eu-greenlight.org - www.enerbuilding.eu - Eurocontract - ST-Esco www.ener-supply.eu www.fire-italia.org www.esd-ca.eu Oltre a partecipare a progetti europei, la FIRE realizza studi e analisi di mercato e di settore su temi di interesse energetico, campagne di sensibilizzazione e informazione, attività formative a richiesta. Fra i soggetti con cui sono state svolte delle collaborazioni si segnalano l’ENEA, il GSE, l’RSE, grandi aziende, università, associazioni, agenzie e enti fieristici. !3
  4. 4. 13,3% ,5% Gas 37,5% Petrolio GPL 5.000 Gas naturale Combustibili solidi Consumi di energia nel settore civili 0 1990 1991 1992 1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 Energia elettrica Fonti rinnovabili Sources: RAEE 2011 ENEA, ENEA. 34,6% Efficienza 2,2% Business model Figura 30: Consumo del settore servizi per fonte energetica, periodo 1990-2009 Impieghi finali di energia per settore 2011 5,1% 2,5% Industria 24,2% Usi civili: 34,5% Trasporti 34,4% Usi civili Usi non energetici 134,9 Mtep Bunkeraggi 31,5% -2,6 % rispetto 2010 Alberghi e ristoranti Credito e asssicurazioni Altri servizi cons elett/add terziario cons energ/add terziario Pubbica Amministrazione 280 Crescita continua dei consumi nel terziario con 240scarso sviluppo dell’efficienza 260 Agricoltura Conclusioni Commercio 220 Federazione Italiana per l’uso Razionale dell’Energia 200 180 EFFICIENZA ENERGETICA E BARRIERE NON ECONOMICHE 160 Obiettivi del documento Alcuni dati sull’Italia: L’efficienza 140 energetica è considerata la migliore soluzione per rispondere ai cambiamenti climatici, Edifici residenziali: 12 milioni www.efficienzaenergetica.enea.it ridurre la dipendenza energetica dall’estero, aumentare la competitività delle imprese, contenere il 120 Uffici: 65.000 problema della fuel poverty e conseguire gli obiettivi del Pacchetto clima energia dell’Unione Scuole: 52.000 100 Europea. La ragione principale è il rapporto costi benefici, decisamente più favorevole delle fonti Hotel: 6.000 80 rinnovabili elettriche1991 1992 carbon sequestration,1998 1999mostra la 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 1990 e della 1993 1994 1995 1996 1997 come 2000 2001 figura seguente. Stock edifici per anno di costruzione circa il 65% realizzato prima del 1980... 25 % Figura 31: Consumo elettrico per addetto (1990=100) Fonte: elaborazione ENEA su dati MISE Edifici a priorità di intervento 20,1% 20 % 15 % 9,1% 11,1% Edifici costruiti dopo della Legge 373/76 10 % 5 % 0 % 40 Edifici costruiti prima della Legge 373/76 12,2% 10,8% Distribuzione del Parco edilizio residenziale in Italia (rif. 2010) Fonte ENEA- CRESME Prima dal 1920 dal 1946 dal 1962 dal 1972 dal 1982 dal 1992 dal 2002 del 1919 al 1945 al 1961 al 1971 al 1981 al 1991 al 2001 al 2008 www.fire-italia.org Rispetto al 20 intervento com riduzione di co di circa 6 e 17 rispettivamen e BAT, pari ne 12,8% del con prende a rifer previsione “Pr Baseline”[1], c un consumo t Mtep al 2020, del 22,4% nel 29,1% per lo Incidenza percentuale per fasce di costruzione 18,20% NORD CENTRO SUD+ISOLE 30 16,90% 17,00% 25 14,20%20 11,90% 11,10% 15 10 6,80% 5 3,90% 0 ante 1920 1920/1945 1946/1971 1972/1991 1992/oggi Buone performance delle tecnologie per l’efficienza energetica nella McKinsey GHG abatement cost curve !4
  5. 5. Molteplicità di soluzioni di ogni genere e taglia Efficienza Business model Conclusioni www.fire-italia.org !5
  6. 6. Costi dell’energia: l’efficienza è l’unica difesa Efficienza Business model Conclusioni 2001: domanda 52-19 GW offerta 71 GW (49 GW disponibili) quota combustibile 40 €/MWh oneri di sistema 0 €/MWh 2011: domanda 56-22 GW o ff e r t a 11 8 G W ( d i c u i 7 6 G W termoelettrici) quota combustibile 80 €/MWh oneri di sistema 24 €/MWh 2013: uplift 10 €/MWh oneri 37 €/MWh L’evoluzione del sistema, minata da una serie di scelte e di investimenti discutibili, è tale da assicurare costi alti per un lasso di tempo non breve). www.fire-italia.org Intervenire sul sistema servirà più a renderlo efficiente nel tempo che a offrire soluzioni nel breve termine. L’efficienza energetica è l’unica risposta capace di offrire risposte strutturali. !6
  7. 7. Un’opportunità per domanda e offerta Efficienza Business model Fornitori di tecnologie efficienti Conclusioni O F F E R T A Industria energy intensive ESCO Fornitori di energia Industria non energy intensive Progetto di efficientamento energetico Terziario Imprese del settore edilizio Pubblica amministrazione Installatori Fonte: FIRE. Residenziale D O M A N D A Grande distribuzione www.fire-italia.org !7
  8. 8. Finanziamenti tradizionali: questione di taglie Efficienza Business model Conclusioni Small: credito via agenzia, non su progetto; necessità struttura commerciale e tecnica diffusa; richiesta di soluzioni chiavi in mano. Medium: credito via agenzia o corporate; struttura commerciale e tecnica più tradizionale; richiesta prevalente di soluzioni chiavi in mano. www.fire-italia.org Large: credito via corporate o project financing; struttura in grado di gestire grandi progetti; soluzioni su misura e miste. Ampi spazi per soluzioni innovative, dalle cooperative, al crowdfunding, dai fondi ai programmi BEI, dal raggruppamento di progetti piccoli alla diffusione di operatori locali. !8
  9. 9. L’equazione fondamentale degli investimenti in efficientamento Efficienza Mancano misure e KPI Business model Dipende dagli usi (occupazione e produzione) Conclusioni flusso di cassa => consumo ex ante - consumo ex post Dipende dagli usi e dal clima www.fire-italia.org Dipende dal dimensionamento Dipende dalla gestione Il collegamento diretto fra i flussi di cassa collegati al risparmio energetico e gli usi finali rende più complicata la valutazione e gestione dei rischi. Per sviluppare modelli alternativi si può puntare su due strade: puntare su tecnologie semplici per le quali la conoscenza dell’ex-ante non è fondamentale; diffondere i sistemi di misura e monitoraggio per favorire un approccio olistico all’efficienza energetica. !9
  10. 10. Filiere integrate Efficienza Business model Conclusioni www.fire-italia.org In ragione della complessità dell’efficienza già da anni alcune aziende hanno sviluppato modelli di business volti a affiancare alla vendita diretta del prodotto: un servizio energetico chiavi in mano (e.g. illuminazione pubblica, cogenerazione, servizio energia plus, etc.); una soluzione integrata basata sulla sinergia fra prodotti diversi (e.g. soluzioni integrate per l’automazione industriale o la building automation); la vendita in bundle di energia ed efficienza (trader e consorzi); una filiera integrata (e.g. iniziativa sulle biomasse, Rebuilding network, Home lab); un aggregazione di progetti e utenti per accedere a possibilità di finanziamento più ampie (e.g. Provincia di Milano con il programma Elena della BEI). Il primo approccio si è sviluppato prima e risponde alla mancanza di competenze specifiche dell’utenze, è però spesso basato su una singola soluzione tecnologica o risponde a un unica esigenza. Il secondo approccio risponde in parte alle lacune del primo e può essere offerto in un’ottica di servizio, ma è limitato alla gamma di prodotti di un’unica azienda (e.g ABB, Siemens, Schneider Electric, etc.). ! Il terzo e il quarto approccio sono più recenti e globale. !10
  11. 11. I prestigiosi marchi coinvolti nell’iniziativa sono: iGuzzini, Habitech, Harley&Dikkinson Finance, Riello, Saint Gobain, Schneider Electric, Gruppo Tosoni e Uniflair. Aziende Partner del “Green Building Project” ad EIRE 2012 network In un unico stand (K11-K15/L12-L16 PadiglioneFiliere visitatori di EIRE 2012 verrà illustrato 01), ai integrate: Rebuilding come far rendere al massimo l’investimento negli edifici, attraverso il raggiungimento delle Efficienza Business model Conclusioni www.fire-italia.org ! ! Con l’obiettivo di promuovere un approccio sempre più integrato e sistemico, che vada dalla ! progettazione del nuovo alla riqualificazione dell’esistente, saranno presentate le soluzioni più ! innovative per la gestione dell’energia, l’illuminazione, il riscaldamento, i materiali da ! costruzione, i pavimenti tecnici, le facciate continue, con una attenzione specifica alla ! certificazione energetica ed ambientale e non ultimo alle diverse opzioni di finanziamento. Un ! approccio “sinergetico” volto sia alla valorizzazione dell’asset, sia alla rendita da locazione, che ! consente di ottenere il migliore ritorno dall’investimento. ! ! migliori prestazioni energetiche e di sostenibilità ambientale. L’idea è di presentarsi al cliente come un unico soggetto capace di rispondere a tutte le sue esigenze: illuminazione (iGuzzini); climatizzazione (Riello, Uniflair); Aziende Partner del “Green Building Project” ad EIRE 2012 facciate e involucro (Habitec, Saint Gobain, Tosoni); building automation, datacenter, generazione distribuita (Schneider Electric); strumenti finanziari (Harley&Dikkinson). !11
  12. 12. documentazione& necessaria& all’implementazione& del& progetto& pilota,& tra& cui:& definizione selezione& delle& Esco,& assessment& finale& delle& diagnosi& energetiche,& stesura& di& Capitolati& e& definizione& del& sistema& di& valutazione& delle& offerte,& partecipazione& alle& commissioni& monitoraggio&dei&risultati,&auditing&finanziario,&disseminazione&dei&risultati.& di Milano Aggregazione: progetto ELENA nella Provincia Efficienza Business model Conclusioni Accordo%Quadro con%la%DG7Tren%come Struttura%di%Supporto al%Patto%dei%Sindaci Fondi&BEI % sta hie i% Ric nd Fo Redazione%delle%Diagnosi Energetiche%degli%Edifici (Fondazione%Cariplo) Aggiornamento%delle%Diagnosi Energetiche%(Baseline) Capitolati%di%Gara% e%Contratti%Tipo % Selezione Intermediario Finanziario Gare%per%la%Riqualificazione% EnergeJca%degli%Edifici% Azioni%finanziate%dalla%facility%ELENA% Fornitori%di%Energia% www.fire-italia.org % Comuni& Canoni% Risparmi% ESCo%Vincitrici% E.P.C%con Garanzia%di Risultato & Figura!12:!Schema!di!flusso!semplificato!delle!principali!attività !12
  13. 13. Aggregazione: l’approccio di Habitech nel Trentino Efficienza Business model Conclusioni www.fire-italia.org !13
  14. 14. Considerazioni finali Efficienza Business model Conclusioni Per fare sviluppare l’efficienza energetica occorre considerare i seguenti aspetti: Essendo materia complessa, l’efficienza energetica richiede molta informazione e formazione. In parte è compito del privato pensarci, in parte può aiutare il pubblico. Le diagnosi energetiche e, meglio ancora, i sistemi di gestione dell’energia, sono fondamentali per avere dati di baseline affidabili su cui costruire business plan credibili. Favorirli per via legislativa potrebbe essere un’arma vincente. L’efficienza energetica si fa nel territorio a favore del territorio e del sistema. Mancano però strutture in grado di operare in modo distribuito su piccoli progetti (o di aggregarli a favore di operatori più grandi). Anche in questo caso il supporto delle istituzioni, specie regionali e locali, può aiutare molto. Le ESCO rappresentano un’opportunità, soprattutto per il settore civile e per alcuni interventi specifici in quello industriale, ma sono sottocapitalizzate e si confrontano con utenti finali poco inclini a investire in diagnosi e monitoraggio. Utile ogni forma di supporto, dal finanziamento delle diagnosi (e.g. conto termico) alla costituzione di fondi di garanzia o di programmi come il PACE. Senza controlli sul campo siamo incapaci come sistema Paese di operare in qualità. Occorre investire su questo tema. www.fire-italia.org Nessun modello di business si sviluppa bene in un sistema in cui si mette mano continuamente alle regole senza che vi sia una visione chiara e che il sistema riesca a farle proprie. Occorrerebbe fare uno sforzo per lavorare per testi integrati. Pompe di calore elettriche, cucine a induzione, elettrotecnologie per l’industria e veicoli elettrici favorirebbero un riequilibrio del sistema elettrico, ma occorre togliere le barriere regolatorie, a partire dalle strutture tariffarie. Rinnovabili e dispacciamento: revisione regole, ma anche in positivo (SEU, accumuli e partecipazione al mercato della capacità). !14
  15. 15. Lo studio FIRE per ENEL Fondazione Efficienza Business model Conclusioni Il progetto si propone di analizzare le competenze innovative e i modelli di business di supporto alle politiche per la promozione dell'efficienza energetica nel settore dell'edilizia pubblica mediante lo sviluppo del modello ESCO, anche collegando tale miglioramento alla progettazione di una politica industriale coerente con la strategia della green economy. Il progetto esaminerà: il livello di integrazione delle tecnologie disponibili, le competenze richieste e quelle necessarie per gestire tale integrazione e l'interazione tra i diversi attori e soggetti interessati (pubblici e privati); le barriere (finanziarie, amministrative e giuridiche) che ostacolano la massiccia diffusione di tecnologie efficienti per il settore delle costruzioni su scala più ampia e che impediscono a un approccio integrato e olistico di decollare; l'attuazione concreta di modelli di business innovativi e di successo per migliorare l'efficienza energetica nel settore dell'edilizia pubblica (ad esempio società di servizi energetici, utilities, banche verdi, etc.) Il progetto si concentrerà sulla situazione italiana in questa fase e il documento sarà pronto all'inizio del 2014. www.fire-italia.org www.enermanagement.it !15
  16. 16. www.fire-italia.org Blog & Social www.linkedin.com/company/fire-federazione-italiana-per-l'uso-razionale-dell'energia www.facebook.com/FIREenergy.manager www.dariodisanto.com

×