L'efficienza energetica: obblighi, mercato e strumenti

893 views

Published on

Presentazione tenuta sul mercato dell'efficienza energetica, fornendo alcuni spunti sulle principali dinamiche e sulle prospettive al convegno Top Energy presso Villa San Carlo Borromeo a Senago (MI).

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
893
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
297
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

L'efficienza energetica: obblighi, mercato e strumenti

  1. 1. www.fire-italia.org Lefficienza energetica: obblighi, mercato e strumentiDario Di Santo, FIRETop Energy meetingSenago (MI), 6 giugno 2013
  2. 2. www.fire-italia.orgLa Federazione Italiana per l’uso Razionale dell’Energia èun’associazione tecnico-scientifica che dal 1987 promuove per statutoefficienza energetica e rinnovabili, supportando chi opera nel settore.Oltre alle attività rivolte ai circa 500 soci, la FIRE opera su incarico delMinistero dello Sviluppo Economico per gestire le nomine e promuovereil ruolo degli energy manager nominati ai sensi della Legge 10/91.La Federazione collabora con le Istituzioni, la Pubblica Amministrazionee varie Associazioni per diffondere l’uso efficiente dell’energia ed operaa rete con gli operatori di settore e gli utenti finali per individuare erimuovere le barriere di mercato e per promuovere buone pratiche.Cos’è la FIREwww.fire-italia.orgCertificazione EGEEsperti in Gestione dell’EnergiaUNI CEI 11339www.secem.eu Rivista Gestione Energia
  3. 3. www.fire-italia.orgProgetti e collaborazioni FIRE3www.hreii.euwww.enforce-een.euwww.ener-supply.euwww.soltec-project.euwww.esd-ca.euOltre a partecipare a progetti europei, la FIRE realizza studi e analisidi mercato e di settore su temi di interesse energetico, campagne disensibilizzazione e informazione, attività formative a richiesta.Fra i soggetti con cui sono state svolte delle collaborazioni sisegnalano l’ENEA, il GSE, l’RSE, grandi aziende, università,associazioni, agenzie e enti fieristici.Fra i progetti conclusi:- www.e-quem.enea.it- www.eu-greenlight.org- www.enerbuilding.eu- Eurocontract- ST-Esco
  4. 4. www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliSviluppo, risorse e dipendenze1900-2000: fabbisognoin fonti primarie x 101900-2000: crescitapopolazione x 4Elettrificazione deiconsumi energetici: x 3Dall’uomo agricolo aquello tecnologico: x 15Dipendenza dall’estero:85%2000-2013 prezzo delgreggio: x 5
  5. 5. www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliStatisticheBolletta energetica nazionale. Fonte: Rapporto annuale Unione Petrolifera.5FATTURA ENERGETICA A PREZZI 2011(Milioni di euro)1981 1983 1985 1987 1989 1991 1993 1995 1997 1999 2001 2003 2005 2007 2009 2011020.00040.00060.00080.000
  6. 6. www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliStatisticheBolletta energetica nazionale. Fonte: Rapporto annuale Unione Petrolifera.674ITALY Estimated fiscal revenues on oil products(Billions of euros)EXCISE TAXonpetrolof whichRegion’sshare(1)ongasoilonfuel oilon otherproductsTotalCustoms dutyon allproductsVAT on allproductsTotalon allproducts1970 0.658 0.123 0.058 0.064 0.903 0.009 0.088 1.0001975 1.286 0.159 0.023 0.089 1.557 0.010 0.542 2.1091980 2.957 0.325 0.033 0.173 3.488 0.039 1.963 5.4901985 5.268 1.669 0.097 0.195 7.229 0.076 4.028 11.3331990 8.054 7.186 0.400 0.679 16.319 0.300 5.010 21.6291995 12.586 8.862 0.724 0.738 22.910 0.374 6.972 30.2561996 12.425 3.961 8.886 0.405 1.170 22.886 0.376 7.489 30.7511997 13.082 4.032 9.194 0.349 1.040 23.665 0.238 7.850 31.7531998 13.091 2.946 9.575 0.306 1.070 24.042 0.204 7.902 32.1481999 13.613 2.930 10.350 0.300 1.150 25.413 0.178 8.367 33.9582000 11.650 2.794 9.900 0.245 0.841 22.636 0.164 9.813 32.6132001 11.350 2.530 10.700 0.230 1.597 23.877 0.140 9.658 33.6752002 11.370 2.648 11.255 0.235 1.060 23.920 0.153 9.813 33.8862003 11.000 2.379 11.800 0.230 1.186 24.216 0.126 10.050 34.3922004 10.600 2.174 12.450 0.160 0.483 23.693 0.098 10.650 34.4412005 9.950 2.032 13.050 0.150 0.878 24.028 0.085 11.630 35.7432006 9.350 1.921 13.500 0.160 1.197 24.207 0.084 12.300 36.5912007 8.770 1.971 14.000 0.120 2.071 24.961 0.061 12.100 37.1222008 8.130 2.841 14.070 0.110 1.622 23.932 0.060 13.200 37.1922009 7.900 3.214 13.900 0.110 2.012 23.922 0.069 10.850 34.8412010 7.450 3.032 13.750 0.100 2.000 23.300 0.047 11.750 35.0972011 7.500 n.a. 14.750 0.060 1.700 24.010 0.050 13.650 37.710(1)Sharing of excise extended to diesel beginning from 2007.Source: Ministry of the Economy and Finance; estimates by Unione Petrolifera since 2001
  7. 7. www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliStatistiche7Italia: domanda di energia in fonti primarie01530456075901051201351501651801952101971197219731974197519761977197819791980198119821983198419851986198719881989199019911992199319941995199619971998199920002001200220032004200520062007200820092010201120122013MtepImport di Elettricità Rinnovabili Prodotti petroliferi gas naturale SolidiOsservatorio Energia AIEE 30Fonte figura: AIEE.
  8. 8. Intensità energetica primaria, PIL eConsumo interno lordo0501001502001.340.0001.360.0001.380.0001.400.0001.420.0001.440.0001.460.0001.480.0001.500.0002007 2008 2009 2010 2011PIL a euro 2005(milioni di euro)(a sin)Consumointerno lordo dienergia (milionidi tep)(a dx)Intensitàenergetica(tep/milioni dieuro 2005)(a dx)Domanda e Impieghi finali di energiawww.efficienzaenergetica.enea.itImpieghi finali di energia per settore 2011184,2 Mtep-1,9% rispetto 2010134,9 Mtep-2,6 % rispetto 201037,5%34,6%9,0%5,5%13,3%Domanda Energia Primaria 2011PetrolioGas naturaleCombustibili solidiEnergia elettricaFonti rinnovabili24,2%31,5%34,4%2,2%5,1% 2,5%IndustriaTrasportiUsi civiliAgricolturaUsi non energeticiBunkeraggiwww.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliStatistiche: consumi e intensità energeticaFonte: RAEE 2011 ENEA.8www.efficienzaenergetica.enea.itImpieghi finali di energia per settore 2011184,2 Mtep-1,9% rispetto 2010134,9 Mtep-2,6 % rispetto 201037,5%34,6%9,0%5,5%13,3%Domanda Energia Primaria 2011PetrolioGas naturaleCombustibili solidiEnergia elettricaFonti rinnovabili24,2%31,5%34,4%2,2%5,1% 2,5%IndustriaTrasportiUsi civiliAgricolturaUsi non energeticiBunkeraggi
  9. 9. Fonte: newsletter GME.www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliStatistiche9PIL (Var. %)-6,0-5,5-5,0-4,5-4,0-3,5-3,0-2,5-2,0-1,5-1,0-0,50,00,51,01,52,02,520012002200320042005200620072008200920102011*2012*3,18%30531132132533033932033033433734033428029030031032033034035020012002200320042005200620072008200920102011*2012*Figura 2: Richiesta di energia elettrica sulla rete (TWh) Fonte: elaborazioni REF su dati Terna *Previsioni REF8082848688909210 11 12Fonte: elaborazioni su dati Istat Fonte: elaborazioni su dati Istat2005 = 100 mln  di  euro;;  anno  mobile-40-30-20-100102000 02 04 06 08 10 12Italia: Indice di produzione industriale Italia - saldo commerciale
  10. 10. www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliStatistiche: intensità energeticaFonte: RAEE 2010 ENEA.10Figura 30: Consumo del settore servizi per fonte energetica, periodo 1990-2009Figura 31: Consumo elettrico per addetto (1990=100)1990 1991 1992 1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009801001201401601802002202402602801990 1991 1992 1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009Commercio Alberghi e ristoranti Credito e asssicurazioni Pubbica AmministrazioneAltri servizi cons elett/add terziario cons energ/add terziarioIl terziario è il settore per cui ladomanda di energia è cresciuta dipiù, aspetto da sommare agli altiprezzi dell’energia, alle acciseelevate e allo scarso rilievo degliincentivi. Grande potenziale einterventi replicabili.
  11. 11. www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliStatistiche: indici ODEXFonte: RAEE 2010 ENEA.11Significativi miglioramenti si osservano a partire dal 2005 anche per il tessile, mentre altre branche,quali cemento e metalli non ferrosi, hanno registrato un peggioramento dell’efficienza energetica,particolarmente pronunciato nel 2008 e 2009.607080901001101201301401501601990 1991 1992 1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009industria manifatturiera Siderurgia Metalli non ferrosi MeccanicaAgroalimentare Tessile Minerali non metalliferi cementoChimica CartaL’andamento nel settoreindustriale dipende dalsottosettore considerato. Ipotenziali sono ancorabuoni, ma sono richiestecompetenze specifiche.
  12. 12. www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliFonte:NewsweekIl modello di ieri: generazione centralizzata
  13. 13. www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliFonte:NewsweekIl modello di domani: generazione distribuita e smart grids
  14. 14. Fonte: newsletter GME.www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliCosti dei vettori energeticiPUN MGPPUN MGPLe oscillazioni di prezzo, didifficile previsione, si traduconoin variazioni del prezzo del MWhche possono superare i 10 euro.L’energia è sempre più unprodotto finanziario costruito suun portafoglio di forniture.58,5974,7570,9986,9963,72 64,1272,23 75,4887,80108,73104,90114,3883,0576,7782,71 86,2843,18 57,0653,0072,5353,4157,3466,7169,774050607080901001101202005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012Baseload Picco Fuori Picco€/MWh55657585951051151252005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012€/MWh Nord Centro Nord Centro Sud Sud Sicilia Sardegna51015202530352008 2009 2010 2011 2012Anno€/MWh Italy  PSV Dutch  TTFPREZZI*262830323436gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic€/MWhMGP  nc MI RoyatiesPB PSV QE
  15. 15. www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliCosti dei vettori energeticiFonte: newsletter GME aprile 2013.€/MWh5060708090100110120mar apr mag giu lug ago set ott nov dic gen feb mar2012 2013Nord Centro Nord Centro Sud Sud Sicilia SardegnaGas40,2%Carbone11,7%Altretradizionali11,6%Pompaggio1,0%Geotermica2,1%Idraulica14,8%Eolica9,1%Solare e altre9,5%(14,1% )(47,1% )(14,2% )(2,1% )(9,2% )(3,8% )(8,9% )Fontirinnovabili35,5%(24,0% )(0,6% )Tra parentesi i valori dello stesso mese dellanno precedente*Riferito allultima sessione di contrattazione del mesePrezzi di controllo*. €/MWhProdotti Baseload60,0061,0063,0060,9967,1565,2066,0063,90Aprile 2013Maggio 2013Giugno 2013II Trimestre 2013III Trimestre 2013IV Trimestre 2013I Trimestre 2014Anno 201456 58 60 62 64 66 68 70Febbraio 2013 Marzo 2013
  16. 16. Diagramma di fabbisogno nel giorno di punta del mese di aprile 201345,3 GW05-04-2013 Ore 11:003035404550GWPompaggioTermica0510152025301 3 5 7 9 11 13 15 17 19 21 23 OREEsteroIdricaEolicaeFotovoltaicaGeotermicawww.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utili16Fonte: Terna 2006. Terna 2013.Alcuni aspetti da considerare:- chi paga gli oneri di sistema;- oneri per impegno di rete;- accisa gas per generazioneelettrica;- pompaggio e stoccaggio;- sconti per energy intensive;- collegamenti con l’estero.2001:- domanda 52-19 GW- offerta 71 GW (49 GW disponibili)- quota combustibili 40 €/MWh- oneri di sistema 0 €/MWh2011:- domanda 56-22 GW- offerta 118 GW (di cui 76 GWtermoelettrici)- quota combustibili 100 €/MWh- oneri di sistema 24 €/MWh12Diagramma di fabbisogno nel giorno di punta del mese di dicembre 200654,4 GW13-12-2006 Ore 17:000510152025303540455055601 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 OREGWPompeSerbatoioModulataTermicaEsteroFluenteGeotermica edEolicaSistema elettrico: 10 anni di trasformazioni
  17. 17. www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliL’efficienza energetica è un ottimo sistema per contenere e ridurre irischi del modello di sviluppo.Come rispondereL’EFFICIENZA ENERGETICA:stabilizza o diminuisce la dipendenza dall’estero;contribuisce alla riduzione dell’inquinamento;consente di evitare la costruzione di nuove centrali e reti ditrasporto e distribuzione;contribuisce alla creazione di nuovi posti di lavoro e nuoveattività, coinvolgendo le aziende italiane che operano nelsettore;fa risparmiare denaro;consente di ottenere benefici in termini di immagine;promuove uno sviluppo sostenibile delle risorse.La prima forma diefficienza consistenell’eliminazione degliSPRECHI!
  18. 18. Fonte figura: ENEA.www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utili18I costi delle soluzioni per la sostenibilità
  19. 19. www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliFonte: Commissione europea.19Efficienza e 2020 in EuropaMEETING ALL THREE “20-20-20 BY 2020” GOALS BECOMES AMATTER OF URGENCYReduce greenhousegas levels by 20%Increase share ofrenewables to 20%100%Reduce energyconsumption by 20%-10%Currenttrend to2020-20%20%Currenttrend to2020Currenttrend to20201678 Mtoe-20%objectiveStatustoday1842 Mtoebusinessasusual2020Projections from 2007Projections from 200920% Energy saving objective1474 Mtoe* Gross inland consumption minus non-energy usesPrimaryenergyconsumption*,Mtoe140014501500155016001650170017501800185019002005 2010 2015SO FAR THE EU IS NOT ON TRACK TO MEET ITS 20% ENERGYSAVING TARGET BY 2020GAPLa Commissione nel 2011 proponeuna nuova direttiva sull’efficienzaenergetica per far fronte al trendnegativo manifestato a livellocomunitario.
  20. 20. www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliFonte: Commissione europea.20Efficienza e 2020 in EuropaPUBLIC SECTOR TO LEAD BY EXAMPLE• Annual renovation target of 3%for public buildings above 250m²• Purchase of products, services& buildings with high energyefficiency performance• Local energy efficiency plansand introduction of energymanagement systemsStatus• Share of publicbuildings in buildingstockEED proposals• More systematic use of EnergyPerformance Contracting• Public sectorconsumption makesimportant share ofEU’s GDP19%12%• Low average energyperformance ofexisting buildingsstock, incl. publicbuildings• Cost optimalrenovation can bringup to 60% energysavingsPUBLIC SECTOR TO LEAD BY EXAMPLE• Annual renovationfor public buildingm²• Purchase of produc& buildings with hiefficiency perform• Local energy efficieand introduction ofmanagement systeStatus• Share of publicbuildings in buildingstockEED propo• More systematic us• Public sectorconsumption makesimportant share ofEU’s GDP19%12%• Low average energyperformance ofexisting buildingsstock, incl. publicbuildings• Cost optimalrenovation can bring
  21. 21. www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliFonte: Commissione europea.21Efficienza e 2020 in EuropaCREATING BENEFITS FOR CONSUMERS THROUGH THE PROVISIONOF TAILORED ENERGY SERVICES AND INFORMATIONStatus• Considerable savingpotential unused inthe residential andservices sectorsEED proposals• Ensure accuracy & frequency ofbilling based on actualconsumption• Obligation for individual energymeters, reflecting actual energyconsumption & information onactual time of use• Appropriate information with thebill providing comprehensiveaccount of current energy costs• Lack of awareness &access to appropriateinformation on EEbenefits• Technologicaldevelopments (e.g.smart meters/ grids)not sufficientlyreflecting householdsinterests• National energy efficiencyobligation scheme for utilities• Slow uptake of marketfor energy efficiencyservicesCREATING BENEFITS FOR CONSUMERS THROUGH THE PROVISIONOF TAILORED ENERGY SERVICES AND INFORMATIONStatus• Considerable savingpotential unused inthe residential andservices sectorsEED proposals• Ensure accuracy & frequency ofbilling based on actualconsumption• Obligation for individual energymeters, reflecting actual energyconsumption & information onactual time of use• Appropriate information with thebill providing comprehensiveaccount of current energy costs• Lack of awareness &access to appropriateinformation on EEbenefits• Technologicaldevelopments (e.g.smart meters/ grids)not sufficientlyreflecting householdsinterests• National energy efficiencyobligation scheme for utilities• Slow uptake of marketfor energy efficiencyservices
  22. 22. www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliFonte: Commissione europea.22Efficienza e 2020 in EuropaAchievedsavingsRemainingpotentialIMPROVING ENERGY EFFICIENCY IN TRANSFORMATION ANDDISTRIBUTION OF ENERGYStatus• New generationinstallations notsystematicallyreflecting level of BestAvailable Technologies• National annual inventories ofgeneration installations to monitorefficiency levels• Network tariffs design to encourageoffering services for consumersallowing them to save energy &control consumption• 10-year national heat & cooling plans:transparency, predictability &alignment of policies forinvestments• Fragmentedregulations &incentives to addresswaste across supplychain• CHP uses 30% less fuelfor the same amount ofheat & power but level ofuse in EU low: 11% vs.21%.• Waste heat recovery (CHP)obligation for new and existingpower & industrial plantsEED proposalsAchievedsavingsRemainingpotentialIMPROVING ENERGY EFFICIENCY IN TRANSFORMATION ANDDISTRIBUTION OF ENERGYStatus• New generationinstallations notsystematicallyreflecting level of BestAvailable Technologies• National annual inventories ofgeneration installations to monitorefficiency levels• Network tariffs design to encourageoffering services for consumersallowing them to save energy &control consumption• 10-year national heat & cooling plans:transparency, predictability &alignment of policies forinvestments• Fragmentedregulations &incentives to addresswaste across supplychain• CHP uses 30% less fuelfor the same amount ofheat & power but level ofuse in EU low: 11% vs.21%.• Waste heat recovery (CHP)obligation for new and existingpower & industrial plantsEED proposals
  23. 23. www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliFonte: Commissione europea.23Efficienza e 2020 in Europa• Mandatory audits for largecompanies & incentives for theimplementation of recommendedmeasures and the introduction ofEnergy Management SystemsINCREASE AWARENESS FOR BENEFITS STEMMING FROM ENERGYEFFICIENCY IMPROVEMENTS IN INDUSTRYStatus EED proposals• Member States to createincentives for SMEs to undergoenergy audits28%• Important share inoverall final energyconsumption• Considerableprogress made butpotential remainingAchievedsavingsRemainingpotential• Energy efficienttechnologies andEE best practicesreadily available• Dissemination of best practices onbenefits of energy managementsystems for SME businesses• Mandatory audits for largecompanies & incentives for theimplementation of recommendedmeasures and the introduction ofEnergy Management SystemsINCREASE AWARENESS FOR BENEFITS STEMMING FROM ENERGYEFFICIENCY IMPROVEMENTS IN INDUSTRYStatus EED proposals• Member States to createincentives for SMEs to undergoenergy audits28%• Important share inoverall final energyconsumption• Considerableprogress made butpotential remainingAchievedsavingsRemainingpotential• Energy efficienttechnologies andEE best practicesreadily available• Dissemination of best practices onbenefits of energy managementsystems for SME businesses
  24. 24. Fonte: “RAEE 2011”, ENEA.www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utili24Il PAEE 2011 e i risultati conseguiti in Italia59I risparmi energetici conseguiti al 31.12.2011 e gli obiettivi indicativi nazionali proposti nel PAEE 2011 per il 2016 sonomostrati nella tabella 6.7. In particolare, la seconda colonna della tabella raccoglie i risparmi energetici complessivi al31.12.2011. La   quarta   colonna,   che   riporta   la   percentuale   dell’obiettivo   2016   conseguita   al   31.12.2011,   mette   in  evidenza la difficoltà di ottenere gli obiettivi prefissati nei settori terziario e trasporti e conseguentemente la necessitàdi introdurre nuove misure, in  linea  con  quanto  previsto,  per  il  settore  pubblico,  dalla  nuova  Direttiva  sull’efficienza  energetica.Tabella 6.7: Risparmio energetico annuale conseguito al 2011 e atteso al 2016Anche  le  disposizioni  contenute  nei  decreti  “Conto  energia   termico”  e  “Certificati  bianchi”,  di  recente  emanazione,  mirano in particolare al superamento delle suddette criticità.Risparmio energeticoannuale conseguitoal 2011TOTALERisparmio energeticoannuale atteso al 2016[PAEE 2011]Percentualedi obiettivoraggiunto al31.12.2011[GWh/anno] [GWh/anno] %Residenziale 40.065 60.027 67%Terziario 1.987 24.590 8%Industria 10.143 20.140 50%Trasporti 5.400 21.783 25%Totale 57.595 126.540 46%SettoreRAEE 2011 - Rapporto Annuale Efficienza EnergeticaIl grafico in figura 6.1 mostra che il 72,5% del risparmio annuale conseguito al 31.12.2011 è relativo ad interventieffettuati nel settore degli edifici (Residenziale+Terziario), mentre gli interventi realizzati nel settore Industria e inquello dei Trasporti rappresentano rispettivamente il 18% e il 9,6% del risparmio complessivo.Figura 6.1: Risparmio energetico annuale conseguito al 31.12.2011 - Ripartizione per settore di intervento - %69,0%3,5%17,9%9,6%ResidenzialeTerziarioIndustriaTrasporti
  25. 25. www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utili25Il PAEE 2011Strategia Energetica Nazionale:per  un’energia  più  competitiva  e  sostenibileElementi chiave del documento di Strategia Energetica NazionaleMarzo 2013Strategia Energetica Nazionale:per  un’energia  più  competitiva  e  sostenibileElementi chiave del documento di Strategia Energetica NazionaleMarzo 2013
  26. 26. www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliLa nuova Strategia Energetica Nazionale si incentra su quattro obiettivi principali:1. Ridurre significativamente il gap di costo dell’energia per i consumatori e le imprese, con unallineamento ai prezzi e costi dell’energia europei. E’ questa l’area in cui si parte da unasituazione di maggior criticità e per la quale sono necessari i maggiori sforzi: differenziali diprezzo di oltre il 25% ad esempio per l‘energia elettrica hanno un impatto decisivo sullacompetitività delle imprese e sul bilancio delle famiglie.2. Raggiungere e superare gli obiettivi ambientali definiti dal Pacchetto europeo Clima-Energia2020 (cosiddetto “20-20-20”). Tutte le scelte di politica energetica quindi mireranno a miglioraregli standard ambientali e di decarbonizzazione, già oggi tra i più elevati al mondo, e a farassumere al Paese un ruolo esemplare a livello globale.3. Continuare a migliorare la nostra sicurezza di approvvigionamento, soprattutto nel settoregas, e ridurre la dipendenza dall’estero. E’ necessario migliorare soprattutto la capacità dirisposta ad eventi critici (come la crisi del gas del febbraio 2012 ci ha dimostrato) e ridurre ilnostro livello di importazioni, che oggi costano al Paese circa 62 miliardi di euro l’anno.4. Favorire la crescita economica sostenibile attraverso lo sviluppo del settore energetico. Losviluppo della filiera industriale dell’energia può e deve essere un obiettivo in sé della strategiaenergetica, considerando le opportunità, anche internazionali, che si presenteranno in un settorein continua crescita (stimati 38 mila miliardi di investimenti mondiali al 2035) e la tradizione ecompetenza del nostro sistema industriale in molti segmenti rilevanti.26Il PAEE 2011 e i risultati conseguiti in Italia
  27. 27. www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliSettori oggi e nel futuroFonte: SEN.27Superamento degli impegni ambientali europei al 2020Riduzioni gas serraMilioni di tonnellate diCO2/anno1Sviluppo RinnovabiliIncidenza su consumi finalitotali, %Efficienza energeticaConsumi primari energetici,Mtep455472575-21%-18%ObiettivoPianoNazionaleCO2/SEN2020Obiettivoeuropeo20202005158167209-24%-20%ObiettivoSEN2020Obiettivoeuropeo20202020‘inerziale’1 Le iniziative prioritarie introdotte sono coerenti con quanto in corso di definizione nel Piano nazionale per la riduzione della CO2 che prevede un livello diemissioni al 2020 pari a 455 Mtons/anno 71710ObiettivoSEN2020Obiettivoeuropeo2020Dato201019-20
  28. 28. www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utili28Il PAEE 2011 e i risultati conseguiti in ItaliaSono state identificate 7 priorità con obiettivi concreti e specifiche misurea supporto5▪ Sviluppo sostenibile delle energie rinnovabili▪ Efficienza energetica▪ Sviluppo mercato competitivo eHub del gas sud-europeo▪ Produzione sostenibile di idrocarburi nazionali▪ Sviluppo  dell’infrastruttura e del mercato elettrico▪ Ristrutturazione della raffinazione e della rete didistribuzione dei carburanti▪ Modernizzazione del sistema di governance6543127Ricerca esvilupponel settoredell’energia
  29. 29. www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliSettori oggi e nel futuroFonte: SEN.2923% 45% 32%I consumi termici rappresentano la quota maggiore dei consumienergetici del Paese, sia nel settore civile che per le imprese32%18%7-8%1-2%17%1%5%5%1%9%3%ServiziIndustriaTrasportiElettrico Calore TrasportiAltroConsumi finali di energia 2010, % su consumi totali, stimeResidenzialePA23%12-13%2-3%26%32%4%1
  30. 30. www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliSettori oggi e nel futuroFonte: SEN.30Supporto a ricercae innovazioneRafforzamentomodello  ‘ESCO’1Comunicazione esensibilizzazioneControllo e‘enforcement’ dellemisureEfficienza Energetica – I fattori abilitanti1Fattori abilitanti Gli interventi▪ Introduzione di agevolazioni finanziarie per la promozione di progetti di ricerca,sviluppo e innovazione tecnologica (e.g., Fondo sviluppo tecnologico FER e EE,Fondo per la crescita sostenibile, Fondo rotativo per il sostegno alle imprese eall’innovazione  tecnologica  – Kyoto) e per start up innovative221 Energy Service Company, ovvero aziende che forniscono servizi di consulenza, progettazione/ esecuzione lavori e gestione impianti finalizzati amigliorare  l’efficienza  di  industria,  edifici,  servizi▪ Lancio di un ampio programma di comunicazione e sensibilizzazione in strettacollaborazione con Regioni e associazioni imprenditoriali/ di consumatori. Rendere ilconsumatore finale maggiormente consapevole ed attivo rappresenta infatti unfattore indispensabile per il successo del Programma▪ Promozione di campagne di audit energetico per settore civile e industriale▪ Introduzione di percorsi formativi specializzati sui temi di efficienza energetica▪ Il rafforzamento del ruolo di ENEA nel suo ruolo di sensibilizzazione▪ Rafforzamento controlli e sanzioni sul rispetto di normative e standard e sulraggiungimento degli obiettivi di risparmio energetico per i soggetti obbligati▪ Miglioramento del sistema di monitoraggio e contabilizzazione dei risultati dirisparmio energetico conseguiti▪ Introduzione di criteri di qualificazione▪ Creazione di fondi di garanzia dedicati o appositivi fondi rotativi per progetti piùgrandi▪ Sviluppo e diffusione di modelli contrattuali innovativi per finanziamento tramite terzi
  31. 31. www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliSettori oggi e nel futuroFonte: SEN.31Il  settore  dell’energia  – soprattutto nella Green economy – rappresenteràun notevole volano di investimenti per la crescita del PaeseStima investimenti cumulati al 2020, Miliardi di euro1 Include: Rete di trasporto e distribuzione gas; Rigassificatori, gasdotti e stoccaggi; Generazione, trasmissione e distribuzione elettrica; E&Pidrocarburi.2 Investimenti privati, in parte supportati da incentivi 12170-180~50%50-60~50%50-60~40%60-70~60%Green economy110-130 miliardi di euro,70% degli investimenticomplessivi attesiEnergierinnovabiliEfficienzaenergeticaSettori‘tradizionali’1TotaleIncentivi2 oinvestimenti regolatiInvestimentiprivati non sostenutida tariffe o incentivi
  32. 32. www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliLe barriereFonte: IEA 2010.32for a better product, collecting and assessing information, and completing thetransaction. Consumer perceptions of the potential risks associated with the shiftto more efficient technologies may also impede their adoption. Policies can makeenergy-efficient technologies more attractive to would-be adopters (Figure 16.5).Figure 16.5 Impact of policies on different costs relating to technology choicesImpacted by policies,programmes, awareness, and byshifting preferences – all roughlyapproximated by the “hurdle rate”or the “implicit discount rate”Impacted by policies, R&Dprogrammes, experience, growingexpectations, and new innovationsCapitalCapitalFuelFuelStandardtechnologyEfficienttechnologyInformationcostsSearch costsPreferences,perceived riskTransactioncostsCostorcostequivalentSource: Laitner (2009). Un esempio di barriera non economica informativa ful’esito negativo della campagna Acqua calda dal Sole.
  33. 33. www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliNonostante le premesse e i vantaggi, le buone pratiche dell’efficienzaenergetica non sono diffuse quanto potrebbero.Il superamento di queste barriere è fondamentale per raggiungere gliobiettivi previsti e superarli.La FIRE ha attivato nel 2011 un tavolo di lavoro sul tema delle barrieree degli incentivi per presentare proposte alle istituzioni competenti.Le barriereLe barriere non economiche principali:mancanza di conoscenza e sensibilità;secondarietà rispetto al core business;professionalità e qualificazione degli operatori;attitudini e comportamenti;filiera non sviluppata adeguatamente;complessità delle soluzioni;vincoli legislativi e autorizzativi;accesso agli incentivi;sistema del credito non maturo.
  34. 34. www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliI risultati dell’indagine, cui hanno risposto 148 energy manager, sonointeressanti, in quanto mostrano un cambiamento rispetto al passato.Le buone notizie:il 35% degli intervistati è interessato alla certificazione EN16001;il 17% afferma di usare già la metodologia LCCA per gliacquisti, e un 25% sta valutando la possibilità di adottarla;la sensibilità dei decisori aziendali sta aumentando.Altre informazioni emerse:le aziende di grande dimensione tendono a finanziare in propriogli interventi di efficientamento energetico;se le soluzioni proposte sono in linea con i requisiti aziendalisulla redditività degli investimenti in genere vengono accettate;metà campione ritiene gli incentivi esistenti inadeguati.34L’indagine sulle barriere
  35. 35. www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliLe principali barriere. Fonte: indagine FIRE 2011.35L’indagine sulle barriereIl campione è sufficientemente rappresentativo della realtà delleaziende con energy manager.Figura 1 - Domanda 1
  36. 36. www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliLe principali barriere. Fonte: indagine FIRE 2011.36L’indagine sulle barriereFigura 15 - Domanda 15Figura 16 - Domanda 16Risaltano l’importanza dell’informazione/sensibilizzazione deiruoli non tecnici, l’esigenza di tecnici qualificati, l’importanza dellaregolazione e degli incentivi.
  37. 37. www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliGli interventi di efficientamento energetico si differenziano da quelli sullefonti rinnovabili per i seguenti punti:la complessità rende l’efficienza “tecnica” e quindi difficile daspiegare e da comprendere per i decisori;l’efficienza si integra con gli usi finali e le prestazioni degliimpianti e degli involucri edilizi dipendono dall’uso;le prestazioni di una singola tecnologia possono esserenegative se installata/regolata male o se inserita nel contestosbagliato, per cui sono richiesti operatori qualificati;non è sempre facile misurare il risparmio energetico conseguito;molti soggetti, anche aziende, non ragionano in termini diinvestimento;per questi motivi molti interventi sono anche difficili dafinanziare, se confrontati con quelli sulle fonti rinnovabili,nonostante le prestazioni economico-finanziarie migliori.Occorrono dunque comunicazione, formazione e nuovi modelli didistribuzione e vendita (se si può comprare un telefonino o un televisorecon un finanziamento, si può fare un investimento in efficienza).37Alcuni aspetti importanti
  38. 38. www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliUn energy manager, come suggerisce il termine, ha il compito di gestireciò che riguarda l’energia all’interno di un’azienda o di un edificio,verificando i consumi, ottimizzandoli e promuovendo interventi miratiall’efficienza energetica e all’uso di fonti rinnovabili.Questo si traduce in un ruolo differente a seconda delle caratteristichedimensionali della struttura considerata:nel caso di un’organizzazione complessa, l’energy managersarà un dirigente alla guida di un gruppo di persone diestrazione prevalentemente tecnica;nel caso di aziende ed enti di piccole dimensioni si tratterà o diun consulente esterno con competenze tecniche;nel caso di una residenza, non essendo pensabile unconsulente dedicato a causa dei costi, la funzione può esseresvolta da reti di supporto (e.g. associazioni di consumatori,punti energia e agenzia, etc.) o da chi rilascia la certificazioneenergetica.Nell’ultimo caso è più che altro un energy auditor, nel secondo in generecontinua a mancare la parte gestionale e prevale l’aspetto tecnico. 38L’energy manager
  39. 39. www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliLe funzioni dell’energy manager:verificare i consumi attraverso audit ad hoc o, se disponibili,tramite i report prodotti da sistemi di telegestione, telecontrollo eautomazione;ottimizzare i consumi attraverso la corretta regolazione degliimpianti e il loro utilizzo appropriato dal punto di vistaenergetico;promuovere comportamenti da parte dei dipendenti e/o deglioccupanti della struttura energeticamente consapevoli;proporre investimenti migliorativi, possibilmente in grado dimigliorare i processi produttivi o le performance dei servizicollegati;contrattare l’acquisto di energia elettrica e altri vettori energetici,eventualmente promuovendo la corretta gestione dei carichielettrici in modo da evitare punte di potenza che comportinocosti maggiori;collaborare con l’ufficio acquisti per promuovere procedure chepromuovano i cosiddetti acquisti verdi (green procurement) el’acquisto di macchinari caratterizzati da bassi consumienergetici e dunque bassi costi di gestione (life cycle costanalysis – LCCA). 39L’energy manager
  40. 40. www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliIl responsabile della legge 10/91La figura dell’energy manager nasce nel settore industriale sulla spintadelle crisi energetiche degli anni 70.Si tratta fondamentalmente di una figura deputata a rendere efficienti gliusi energetici all’interno delle aziende, agendo come supporto aidecisori.In Italia la figura è spesso collegata al responsabile per laconservazione e l’uso razionale dell’energia. La legge 10/91 all’art. 19obbliga le aziende del comparto industriale con consumi annui superioriai 10.000 tep e quelle civili oltre i 1.000 tep alla nomina delresponsabile.Funzioni del responsabile:individuare azioni, interventi, procedure e quantaltro necessario perpromuovere luso razionale dellenergia;assicurare la predisposizione di bilanci energetici in funzione anchedei parametri economici e degli usi energetici finali;predisporre i dati energetici di verifica degli interventi effettuati concontributo dello Stato.
  41. 41. www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliIl responsabile della legge 10/91Altre funzioni del responsabile:verificare l’attestazione ex legge 10/91 sui progetti edilizi;predisporre progetti collegati ai titoli di efficienza energetica;svolgere il ruolo di controparte nel caso di appalti pubblici.
  42. 42. Fondamentalmente l’EM è richiesto perrisparmiare sui costi energetici aziendali.Costi sempre secondari rispetto al corebusiness aziendale.www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliI problemi dell’energy managementNon c’è politicaaziendaleNon c’èl’organizzazioneNon c’è l’energymanagerMancano i soldie/o il tempoProblema “0”Problema 1Problema 2Problema 3
  43. 43. www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliGestione dell’energia nelle impreseAspetti legati alla conoscenza:- conoscenza delle utenze (catasto degli edifici e degli impianti);- contabilità energetica per centri di costo (responsabilizzazione);- conoscenza delle prestazioni (norme, aspetti di sicurezza, misure).Aspetti della gestione:- gestione contrattuale degli approvvigionamenti energetici;- gestione delle trasformazioni energetiche (centrali termiche edelettriche e loro reti), efficienza sul lato produzione e distribuzione dienergia;- gestione degli utilizzi dell’energia (utenti finali).Introduzione
  44. 44. www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliStrumentiTecnologiciSensori e sistemi di misura a basso costoTelecontrollo e telegestioneInnovazione nei componenti (e.g. led)ComportamentaliProgrammi con il personale a condivisione dei risultatiAnalitici e proceduraliLife Cycle Cost Analisys - LCCABenchmark per centri di costo e KPI (key performanceindicator)Sistemi di Gestione dell’energia ISO 50001Finanziari• Certificati bianchi• Conto termico• Contratti a prestazioni garantite con ESCo• Altri strumenti finanziari (fondi di garanzia, fondo Kyoto, etc.)incentivi
  45. 45. www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliLa norma ISO 50001La ISO 50001 ha come obiettivo la definizione dei requisiti di un sistemadi gestione energetica (SGE).Il rispetto di tali standard dimostra un impegno concreto volto allarazionalizzazione ed alla gestione “intelligente” delle risorseenergetiche.45
  46. 46. www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliIl criterio alla base della ISO 50001 è quello di ogni sistema di gestione:pianificare e agire sulla base degli obiettivi individuati.Al fine di affrontare i problemi energetici si devono analizzare e valutarele principali criticità e i punti deboli, per poi definire scelte operative perla loro eliminazione.Dopo aver implementato le misure individuate, viene valutata l’efficienzadi questi provvedimenti e vengono analizzati eventuali nuovi puntideboli.46Sulla base di questa fase dicontrollo ricomincia il ciclo dipianificazione definendo nuoviobiettivi.Gli elementi costitutivi del SGEsono illustrati nella piramide afianco.La norma ISO 50001
  47. 47. www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliFonte: John O’Sullivan, SEAI, Eceee summer school 2011 proceedings.Una best practice: l’esperienza irlandeseLien: large industry energy network,168 aziende, 70% consumiEAP: energy agreements programme,80 aziende, 100 EN 16001Push: obbligoPull: stimolo
  48. 48. www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliFonte: John O’Sullivan, SEAI, Eceee summer school 2011 proceedings.Una best practice: l’esperienza irlandese3-375 O’SULLIVAN PANEL 3: ENERGY USE IN INDUSTRYTable 2: Programme model elements.Push: obbligoPull: stimolo
  49. 49. www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliFonte: John O’Sullivan, SEAI, Eceee summer school 2011 proceedings.Una best practice: l’esperienza irlandeseTool per collegare SGE con Six Sigma, Leanmanufacturing, Kaizen e processi in generale
  50. 50. www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliFonte: John O’Sullivan, SEAI, Eceee summer school 2011 proceedings.Una best practice: l’esperienza irlandesereflection of performance covering a 15-year period thatincludes periods of both strong growth and rapid decline.• The LIEN members that were active and reported in 2000and in 2009 have achieved savings of 14 % over that pe-riod. This group of companies includes those that recordedthe largest drops in output and consequently in energy ef-ficiency.• The LIEN members that were active and reported in 2005and in 2009 have achieved savings of 17 % over that period.This plot is the only series that did not report a drop in en-HISTORICAL DATA ANALYSISAs the network is continually evolving, it is difficult to presentcumulative percentage energy savings over a long period oftime in a meaningful form. The performance of companies thatare new to energy management and that of companies withrelatively mature energy management can be very different. Inaddition, the companies have a natural cycle of product devel-opment. To filter this effect, in Figure 6, the energy perform-ance trend of fixed member groups across three time periods ispresented: 1995–2009, 2000–2009 and 2005–2009.The analysis demonstrates substantial energy savings. ItFigure 6: LIEN historical energy performance.3-375 O’SULLIVAN PANEL 3: ENERGY USE IN INDUSTRTable 11: Reported energy projects by category.67% dei risparmilegato all’SGE!I risparmi continuano acrescere anche nelle aziendepartite per prime coll’SGE
  51. 51. www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliIl quadro riassuntivo51ISO 9001ISO 14001EN 15900 SEEUNI CEI11352 ESCoUNI CEI 11339EGE DiagnosiEnergeticheBenchmarkingISO 50001SGEAlla ISO 50001 si affiancano altre norme che certificano:le ESCO e gli esperti in gestione dell’energia (EGE);i servizi per l’efficienza energetica (EN 15900);in futuro le diagnosi energetiche e il benchmarking.
  52. 52. www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliLo schema di base - 152Aziende fornitrici dimacchine e serviziBancheClienteESCORisparmicondivisi1 tep corrisponde a circa:980 kg di gasolio,1.200 m3di gas naturale5.300 kWh elettriciUna ESCO deve offrire (D.Lgs. 115/08):• la garanzia dei risultati;• il finanziamento tramite terzi;• servizi energetici integrati.Risparmio in bolletta(400-1.600 €/tep)Fonte: FIRE
  53. 53. www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliLo schema di base - 253Aziende fornitrici dimacchine e serviziBancheClienteESCOPrestazionigarantite1 tep corrisponde a circa:980 kg di gasolio,1.200 m3di gas naturale5.300 kWh elettriciUna ESCO deve offrire (D.Lgs. 115/08):• la garanzia dei risultati;• il finanziamento tramite terzi;• servizi energetici integrati.Risparmio in bolletta(400-1.600 €/tep)Fonte: FIRE
  54. 54. www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliDefinizioni nel D.Lgs. 115/2008g) «programma di miglioramento dellefficienza energetica»: attivitàincentrate su gruppi di clienti finali e che di norma si traducono inmiglioramenti dellefficienza energetica verificabili e misurabili o stimabili;h) «misura di miglioramento dellefficienza energetica»: qualsiasiazione che di norma si traduce in miglioramenti dellefficienza energeticaverificabili e misurabili o stimabili;i) «ESCO»: persona fisica o giuridica che fornisce servizi energeticiovvero altre misure di miglioramento dellefficienza energetica nelleinstallazioni o nei locali dellutente e, ciò facendo, accetta un certomargine di rischio finanziario. Il pagamento dei servizi forniti si basa,totalmente o parzialmente, sul miglioramento dellefficienza energeticaconseguito e sul raggiungimento degli altri criteri di rendimento stabiliti;l) «contratto di rendimento energetico»: accordo contrattuale tra ilbeneficiario e il fornitore riguardante una misura di miglioramentodellefficienza energetica, in cui i pagamenti a fronte degli investimenti insiffatta misura sono effettuati in funzione del livello di miglioramentodellefficienza energetica stabilito contrattualmente;m) «finanziamento tramite terzi»: accordo contrattuale checomprende un terzo, oltre al fornitore di energia e al beneficiario dellamisura di miglioramento dellefficienza energetica, che fornisce i capitaliper tale misura e addebita al beneficiario un canone pari a una parte delrisparmio energetico conseguito avvalendosi della misura stessa. Il terzopuò essere una ESCO;n) «diagnosi energetica»: procedura sistematica volta a fornireunadeguata conoscenza del profilo di consumo energetico di un edificio ogruppo di edifici, di una attività o impianto industriale o di servizi pubblici
  55. 55. www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliCondivisione dei risparmi0255075100ex ante Intervento EE ex postCondivisione dei risparmi (shared savings)%Consumi Saving utente Saving ESCOFonte: FIRE
  56. 56. www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliMolti confondono le società accreditate dall’Autorità per l’energiaelettrica e il gas come SSE (società di servizi energetici) nell’ambitodello schema dei certificati bianchi con le ESCO.Le prime possono essere in realtà semplici società di consulenza perl’accesso all’incentivo, sebbene vi siano nell’elenco anche delle ESCOvere e proprie.L’unico requisito per risultare tali è infatti il seguente (art. 1 comma 1allegato A delibera 9/11):Di contro, come apparirà chiaro dall’analisi della norma UNI CEI 11352,è naturale che una ESCO soddisfi un tale requisito e dunque possaaccreditarsi come SSE.56Cos’è NON è una ESCOAllegato Asocietà di servizi energetici sono le società, comprese le imprese artigiane e leloro forme consortili, che alla data di avvio del progetto hanno come oggettosociale, anche non esclusivo, l’offerta di servizi integrati per la realizzazione el’eventuale successiva gestione di interventi;soggetti con obbligo di nomina dell’energy manager sono i soggetti di cuiall’articolo 19, comma 1, della legge n. 10/91, che hanno effettivamenteprovveduto alla nomina del responsabile per la conservazione e l’usorazionale dell’energia di cui al medesimo articolo 19, i quali realizzano misureo interventi che comportano una riduzione dei consumi di energia primariamaggiore di una soglia minima, espressa in tonnellate equivalenti di petrolio,determinata dall’Autorità;soggetto responsabile delle attività di verifica e di certificazione dei risparmi è
  57. 57. www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliAlcune indicazioni utili per far ricorso al modello delle ESCO:una diagnosi energetica preliminare è molto utile perdefinire le regole della gara e per ottenere i massimirisultati;l’energy manager può svolgere il ruolo di controparte everificare che le clausole contrattuali relative alleprestazioni ed alla manutenzione siano rispettate;occorre definire delle formule di remunerazione delservizio che consentano alla ESCO di investire e dirientrare degli investimenti;risparmi energetici difficili da misurare rendono pocopraticabile la strada dei contratti a garanzia dei risultati;le ESCO possono essere un tramite efficace con lebanche.Un aspetto fondamentale da ricordare quando si “vende”l’efficienza energetica, che si sia ESCO o energy manager,sono i co-benefici (manutenzione, ambiente, ergonomia, etc.).Finanza e mercato: le ESCO
  58. 58. www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliESCO - UNI CEI 11352La norma sulle ESCO è uscita per rispondere ad una serie di richiesteda parte del mercato, in primis ad un’esigenza di chiarezza su cosasiano le ESCO e su come trovarle.La certificazione consentirà infatti di:costituire un elenco di operatori certificati;assicurare che le aziende rispettino i requisiti previsti in terminidi servizi energetici offerti;dare ai soggetti interessati ad usufruire di un servizio energeticola possibilità di indicare fra i requisiti di gara il possesso dellacertificazione;offrire agli istituti di credito una modalità per riconoscere inmodo più semplice finanziamenti chirografari sulla base dellacertificazione UNI-CEI 11352 e della predisposizione di uncontratto a garanzia dei risultati;dare visibilità alle società che operano realmente come ESCO,differenziandole da quelle che non ne possiedono i requisiti.58
  59. 59. www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliEsperti in gestione dell’energia EGE - UNI CEI 11339Come nel caso della norma sulle ESCO, anche in questo caso la primamotivazione per una norma sugli esperti in gestione dell’energia (EGE)è la richiesta da parte del mercato di poter dimostrare le competenzeacquisite sul campo.Ciò permette di certificare l’esperienza e le capacità degli energymanager e degli altri professionisti che operano nel settore dell’energia.Un EGE si propone come scelta ottimale per un’azienda alla ricerca diun energy manager o come responsabile del sistema di gestionedell’energia della norma EN 50001.59
  60. 60. www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliA partire dall’indagine di campo del progetto e-Quem esulla base dell’esperienza raccolta dai partner negli annisi è provveduto a definire un profilo di competenzedisciplinari di Esperto in Gestione dell’Energia.ResponsabiliLegge 10/91ESCOLiberiprofessionistiAuditorEsperto ingestionedell’energiaLe premesse: il progetto e-Quem62
  61. 61. www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliChi rilascia la certificazione per gli EGE e le ESCO?La certificazione può essere rilasciata da qualunque struttura ottengal’accreditamento presso Accredia (ex-Sincert) secondo la norma ISO17024, rispettando i requisiti indicati nelle norme UNI-CEI 11339 e UNI-CEI 11352.La FIRE ha attivato una struttura per il riconoscimento dellacertificazione EGE: il Secem.La prima sessione di esame si è tenuta nel gennaio del 2010, con lacertificazione dei primi 10 soggetti.A gennaio 2012 si è tenuta la quinta sessione di certificazione esuccessivamente Secem è stato accreditato da Accredia come primoorganismo operante sulla norma UNI CEI 11339 sugli EGE.61www.secem.eu
  62. 62. www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliLa certificazione è volontaria, è aperta a tutti i soggetti che abbianoraggiunto un livello di esperienza minimo dipendente dal titolo di studioconseguito e che possono accedere alla procedura di valutazione deititoli ed alle prove di esame.Una volta ottenuta la certificazione rimane valida per 5 anni, dopodichéoccorre procedere ad un nuovo esame con presentazione di eventualicrediti.La certificazione SECEM garantisce l’alto profilo della preparazione delsoggetto certificato.Tutti gli esperti certificati sono iscritti in apposito registro articolato in dueelenchi separati corrispondenti a due classi di attività:settore produttivo (agricoltura e pesca, industria manifatturiera,industria dell’energia e dell’acqua, industria dei servizi, attivitàproduttiva in generale);settore civile (costruzioni pubbliche e private, trasporti, pubblicaamministrazione, commercio, servizi pubblici e privati).62La certificazione EGE del Secem
  63. 63. www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliPer l’accesso alla procedura di valutazione per la certificazione èrichiesto il possesso di requisiti scolastici e di un certo periodoverificabile di esperienza professionale.Requisiti minimi per l’accesso alla procedura di certificazione per EM:Laurea magistrale (2° livello) di tipo tecnico-ingegneristico + 3anni di esperienza specifica nel settore Energy Management;Laurea (1° livello) di tipo tecnico-ingegneristico + 4 anni diesperienza specifica nel settore EM;Diploma di perito o laurea non ingegneristica + 5 anni diesperienza nel settore EM;10 anni di esperienza specifica nel settore EM.La valutazione del possesso dei requisiti per la certificazione vieneeffettuata per titoli ed esami.63La certificazione EGE del Secem
  64. 64. www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliI titoli oggetto di interesse devono necessariamente far riferimento a:specifiche esperienze professionali e lavorative nel settore in quanto aespletamento di ruoli e funzioni in uffici preposti alla gestione dell’energia ecollegati, conduzione e partecipazione a programmi e progetti, docenzauniversitaria, consulenze tecniche e simili (max 30 pti);diplomi di corsi universitari post lauream con esame finale quali quellielargiti da corsi master, scuole di specializzazione, corsi di perfezionamentoe simili, di durata non inferiore ad un semestre accademico (max 8 pti);diplomi e attestati finali di corsi di formazione nel campo specificodell’Energy Management riconosciuti da organismo certificatore (max 6 pti);altri titoli quali altri corsi di formazione e aggiornamento, pubblicazioni,partecipazioni a comitati e commissioni, attività scientifiche e culturali,premi e riconoscimenti in campo energetico, e simili (max 6 pti).Valutazione per esame: gli esami consistono in una prova scritta sui temi dell’EMelencati nella specifica tecnica, configurata parzialmente in forma di test, e in uncolloquio sempre sugli argomenti suddetti anche in riferimento ai titoli presentatied all’esito della prova scritta.Il colloquio potrà comprendere anche l’accertamento della conoscenza di unalingua estera tecnica (a scelta del candidato tra le principali lingue europee –inglese, francese, tedesco, spagnolo) e una discussione sui requisiti attitudinali.64La certificazione EGE del Secem
  65. 65. www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliIl quadro riassuntivo65ISO 9001ISO 14001EN 15900 SEEUNI CEI11352 ESCoUNI CEI 11339EGE DiagnosiEnergeticheBenchmarkingISO 50001SGEAlla ISO 50001 si affiancano altre norme che certificano:le ESCO e gli esperti in gestione dell’energia (EGE);i servizi per l’efficienza energetica (EN 15900);in futuro le diagnosi energetiche e il benchmarking.
  66. 66. www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliIncentiviLe opzioni disponibiliGli incentivi statali non sono in genere cumulabili con altri incentivi statali, fatti salvi ifondi di garanzia, i contributi in conto interesse e le agevolazioni sul credito diimposta.Gli schemi principali sono i seguenti:incentivi in conto capitale (e.g. finanziamenti regionali, RdS);incentivi in conto energia e feed-in (e.g. incentivi per le fonti rinnovabili);certificati bianchi;conto termico;agevolazioni fiscali (50%, 55% e 65% Irpef, accisa del gas percogenerazione);fondi di garanzia (fondo centrale PMI e fondo teleriscaldamento);programmi di supporto finanziario e di assistenza tecnica (programmi BEI,come ELENA, Jessica ed Energy efficiency fund).
  67. 67. Non c’è politicaaziendaleNon c’èl’organizzazioneNon c’è l’energymanagerMancano i soldie/o il tempoLa ISO 50001 offre una buona risposta allamaggior parte dei problemi.Ovviamente occorre che sia applicata inmodo corretto.www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliLe possibili soluzioni dell’energy managementISO 50001ISO 50001ISO 50001 ESCO e EPCProblema “0”Problema 1Problema 2Problema 3Diventa fondamentale la sensibilizzazione dei decisori aziendali.
  68. 68. www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utili68Alcune fonti di dati:IEA www.iea.orgEurostat http://epp.eurostat.ec.europa.euJRC energy efficiency Ispra http://re.jrc.ec.europa.eu/energyefficiencyBP, Shell, Eni, Enel, Unione PetroliferaIstat www.istat.itTerna www.terna.itENEA www.enea.it e www.efficienzaenergetica.enea.itAEEG www.autorita.energia.itGSE www.gse.itGME www.mercatoelettrico.orgRSE www.rse-web.itConfindustria www.confindustria.itFIRE energy manager em.fire-italia.orgFonti
  69. 69. www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utili69Per rimanere aggiornati sono disponibili vari strumenti:la gazzetta ufficiale europea (http://eur-lex.europa.eu);la gazzetta ufficiale (www.gazzettaufficiale.it) e i BUR dellevarie Regioni;la newsletter dell’Autorità per l’Energia Elettrica ed il Gas(attivabile nel sito www.autorita.energia.it);il sito del GSE (www.gse.it);il sito del GME (www.mercatoelettrico.org);le testate di informazione energetica (www.staffettaonline.com,www.quotidianoenergia.it, www.e-gazette.it);i portali di enti e associazioni collegate al tema dell’energia(www.enea.it, www.fire-italia.org, www.nextville.it, etc);il sito www.normattiva.it, che riporta leggi e decreti legislativiintegrati e aggiornati, o gli analoghi commerciali comewww.studiolegale.leggiditalia.it, che includono anche i decretiministeriali e i provvedimenti regionali, oltre a vaste banchedati di giurisprudenza.Il quadro legislativo
  70. 70. www.fire-italia.orgPremessaIl sistemaL’efficienzaStrumentiMercatoTecnologieUnità di misuraLink utiliCollegamenti utiliAlcuni siti web da cui partire: per largo pubblico http://efficienzaenergetica.acs.enea.it www.enea.it www.autorita.energia.it/consumatori http://percorsi.fire-italia.org www.gse.it http://enforce-een.eu www.isesitalia.it www.eurotopten.it www.eere.energy.gov www.radio24.ilsole24ore.com/main.php?dirprog=Mr Kilowatt per specialisti www.fire-italia.it www.aper.it www.euromobility.org http://re.jrc.ec.europa.eu/energyefficiency70
  71. 71. www.fire-italia.orgBlog dell’autore: www.dariodisanto.com

×