C magazine-26

1,184 views

Published on

Published in: Travel, Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,184
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
18
Actions
Shares
0
Downloads
16
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

C magazine-26

  1. 1. November 15th, 2010 Published by: webtravelmarketing 1 WTM | C-Magazine n. 26 Non perdete il nostro slot alla BTO - Buy Tourism Online 2010 il 19 Novembre alle ore 10.45 nella Main Hall in Stazione Leopolda di Firenze: Dopo il viaggio low cost il viaggio 'no cost'? (Keynote + Conversazione). Le parole chiave del nostro slot alla BTO By WTM on November 15th, 2010 E' passato quasi un anno dalla nostra nascita. Tanti incontri, tante emozioni, tante speranze e tanti chilometri. Ci siamo conosciuti, siamo diventati amici, abbiamo collaborato, collaboreremo, trasferiamo esperienza, abbiamo dato ascolto a progetti e aspettative. Abbiamo condiviso tutto con tutti soprattutto con chi voleva apprendere e sapere e anche con chi era riluttante e ostile. Buy Tourism Online ci affida un panel - Day Two, Main Hall, alle ore 10:45 - dal titolo: " Dopo il viaggio low cost il viaggio 'no cost'? (Keynote + Conversazione). Nuovi modelli di organizzare il proprio viaggio possono essere contemporaneamente un rischio o una grande opportunità per qualche tipologia di operatore turistico: sempre più 2.0, le persone conversano e condividono tra loro, creando di fatto nuove modalità per viaggiare. Dedicato a chi vuole capirci qualcosa di più prima che sia troppo tardi ;-)" Vogliamo come abbiamo sempre fatto iniziare a condividere...ecco allora le parole chiave del nostro slot. Sharing economy. Innovazione o riscoperta? By lidiamarongiu on November 15th, 2010 Foto di Latitude Research Alzi la mano chi di voi da bambino non ha indossato i vestiti dismessi dei fratelli più grandi, o dei cugini o dei vicini. Alzi la mano chi non ha trascorso le vacanze o un breve weekend usando la casa di amici, o di amici di amici. Alzi la mano chi sapendo che un amico partiva per un viaggio non ha approfittato chiedendo “un passaggio” per sé per un
  2. 2. November 15th, 2010 Published by: webtravelmarketing 2 pacco di cose buone da recapitare a un amico, un figlio che studia o vive all’estero. E il tutto come si ripagava? Semplice. Gratitudine, amicizia, ospitalità, o …barattoli di marmellata, biscotti fatti in casa, buon vino e mele appena raccolte. Però un giorno accade che questa “economia di scambio” che si basa su una rete sociale che comprende amici, parenti e vicini di casa a un certo punto si allarga. Supera i confini geografici e gli ostacoli del tempo e inizia a coinvolgere non solo gli “amici- amici”, ma anche gli amici che abbiamo su Facebook, e quelli che seguono il nostro blog e tante altre persone “sconosciute” ma che frequentiamo in rete. E che magari stanno dall’altra parte del mondo. Insomma a un certo punto accade che possiamo decidere di scambiare i vestiti dimessi con una famiglia che vive a New York, o passare le vacanze a casa di una coppia di Parigi o condividere il viaggio in macchina con un coetaneo che vive nella nostra città ma che non abbiamo mia incrociato neppure alla fermata dell’autobus. E per ricambiare tutto questo offriamo a nostra volta vestiti, ospitalità, passaggi. Oppure paghiamo una piccola quota in denaro per far parte di una comunità in cui si scambiano questi beni e servizi. Voi tutto questo come lo chiamereste? Ho chiesto a una persona” normale” (mia madre, 67 anni) e mi ha risposto: “Io lo chiamo aiutarsi uno con l’altro, come abbiamo sempre fatto. Una sorta di baratto in cui non ci vedo niente di straordinario o di innovativo!” Beh gli economisti la fanno certamente più complessa e la chiamano sharing economy. Un modello economico reso possibile e spinto dalla tecnologia, dal web, da nuove regole sociali, e non ultimo, dal bisogno. E su questo già si studia per capire sin dove si può spingere e con quali effetti su persone, relazioni ed economia. Questi argomenti sono ben affrontati in un’interessante ricerca realizzata da Latitude Research che ha coinvolto 537 persone alle quali è stato chiesto di raccontare le loro abitudini e modelli di utilizzo di piattaforme basate sulla sharing economy. La ricerca The New Sharing Economy (puoi leggerla su Scribd) mette in evidenza che lo scambio tra persone che non si conoscono è guidato da fattori valoriali e di fiducia e nei prossimi dieci anni è destinato a crescere davvero tanto. Ecco alcuni dati: - il 78% degli intervistati pensa che l’esperienza avuta attraverso la sharing economy li ha resi più aperti all’idea di condividere beni o servizi con gli sconosciuti anche nella realtà quotidiana - il 75% ha affermato che l’approccio alla condivisione crescerà notevolmente nei prossimi 5 anni, soprattutto nelle azioni e nei beni più comuni. - il 62% è interessato a condividere articoli per la casa - il 70% scambia sulla rete media digitali - oltre il 68% scambia media digitali materiali (come libri e dvd) - il 58% è interessato alla condivisione di spazi/luoghi dove soggiornare in vacanza o vivere - il 57% è interessato alla condivisione di spazi per il lavoro - oltre il 50% è interessato a condividere auto e/o mezzi di spostamento Per avere un’idea di piattaforme basate sullo sharing economy vi segnalo Freecycle (lo scambio di tutto ciò che può essere riciclato), Thredup (scambio di vestitiusati per bambini), Zipcar (car sharing), Couchsurfing (scambio/offerta divano per ospitare viaggiatori), Citizen Space (coworking e condivisione spazi di lavoro). Opportunità della sharing economy Come vedete nell’infografica la sharing economy nel settore turismo è applicata abbastanza bene ma ci sono ancora ampi spazi di crescita. Però di questo ora non vi racconto di più perché lo farò direttamente al BTO con la ricerca realizzata dal nostro Gruppo WTM e che presenteremo con Arturo Salerno nel panel dal titolo “Dopo il viaggio low cost il viaggio no cost?”(Day Two, Main Hall, alle ore 10:45 keynote + Conversazione) Del resto di collaborativo non c’è solo il consumo ma, in tempi di sharing economy anche le ricerche migliori sono collaborative, o no? Il punto B By roberta milano on November 15th, 2010 Non parlo di politica bensì della Basilicata. E, soprattutto, di sana e intelligente comunicazione territoriale che parte dal vino locale, coinvolge prodotti tipici, consiglia percorsi e promuove con i social network. Esiste un problema di come comunciare, ed un altro di cosa comunicare. Il primo conseguente al secondo. Questo esempio è perfetto su entrambi i fronti. Una di quelle piccole storie che mi piace riportare (scoperta grazie a tra cielo e mandarini) perchè dimostra come sia possibile coniugare creatività, amore, passione, sostenibilità e business. A condizione di avere delle idee. Consiglio la lettura completa dell'articolo, link compresi. La foto di Matera è mia.
  3. 3. November 15th, 2010 Published by: webtravelmarketing 3 La Basilicata non è una regione che si vende da sola. Non si passa per caso, si arriva solo su commissione. Quasi nascosta tra Puglia, Campania e Calabria, conserva gioielli ignoti ai più. Se i sassi di Matera stessero in Toscana, li conoscerebbero anche i muri [è una battuta, sorridere pliz], sarebbero pulitissimi e per visitarli pagheresti anche l’aria. Ma stanno in Lucania e sono qualcosa tipo la Gioconda. Prima di stramazzare di fronte a una bellezza sconvolgente, te li trovi davanti e pensi di conoscerli da sempre per quante volte li hai desiderati in foto senza sapere davvero dove fossero. Vinosamente parlando, la Basilicata è terra di rossi importanti a base aglianico, aggraziati, pronti sin da giovani, spesso longevi e profondi. Sara Carbone è una valida produttrice locale con l’occhio vigile sui social media, dove informazione, battute sagaci, segnalazioni, link vari e marketing si intrecciano. Attraverso Twitter, il network di microblogging nuovo da noi più che altrove, si è ingegnata per mettere in calendario un evento come #aglianicodelvulture1 (o #adv1), sulla scia della saga #lambruschi, incontri auto-organizzati a tema per scoprire una denominazione, condividere un pasto e (re)incontrare amici spesso solo digitali. Novità del caso è stata non tanto l’ospitalità per gli assaggi quanto il programma fitto e spalmato su 2-3 giorni che la produttrice Carbone ha allestito: bellezze naturali, gastronomia d’eccellenza, ristorazione di qualità e tanto vino. (Ammetto, il titolo è forse influenzato dall'aver appena seguito lo streaming di Venice Session che aveva per tema Love in the Digital Age, ma che male c'è ad associare piacere e scoperte in campi solo apparentemente lontani?) QR Code nel turismo: scopri quali sono i maggiori case history in Italia By alessioc83 on November 15th, 2010 Lafinestra d’approfondimento sul Qr code sta per giungere al termine, oggi, come anticipato la scorsa settimana, viillustrerò alcuni case history nel settore turistico che enfatizzano il connubio tra turismo e Qr code. Inizio subito a parlarvi di TagMyLagoon, un progetto che ha come claim " Dopo Venezia il nostro viaggio continua alla scoperta dell'Internet delle cose": un modo innovativo per ri-scoprire la città. In pratica si tratta di un progetto pilota (in inglese e italiano) che ti permette di scoprire una parte di Venezia attraverso una guida passo-passo per la città lagunare attraverso il tuo cellulare, la rete wifi e i il Qr code, una sorta di sentiero digitale dove sono stati posizionati Qr code in ambienti quali lampioni, cestini ed insegne, in modo che il turista può accedere alle informazioni più disparate del territorio in maniera del tutto "fruibile" e "mobile". Caso analogo è successo a Pontinia, che in occasione delle celebrazioni per il 75° anniversario della fondazione della città laziale hanno realizzato un’inedita iniziativa per promuovere conoscenza, valore, cultura. Il tutto è stato possibile realizzando una guida turistica virtuale per un museo all’aperto in modo da informare i cittadini sulla storia ed il valore del centro storico di Pontinia, integrando le "comuni" tabelle informative dei monumenti con Qr Code informativo. Alle città che hanno "implementato" Qr Code nella segnaletica ed informazione turistica c'è da annoverare il progetto di Benevento che proprio in questi giorni sta ultimando la fase di "implementazione". Il sindaco spiega così le motivazioni : Il turista deve essere accolto sia da una politica del welcome, che da strumenti di conoscenza. E’ questo il valore dell’iniziativa presentata oggi. I Tag saranno posizionati sui cartelli informativi dei monumenti cittadini e i visitatori scattando una foto, saranno indirizzati al sito web specifico dove poter acquisire tutte le informazioni”.
  4. 4. November 15th, 2010 Published by: webtravelmarketing 4 Il Qr code trova la sua massima "espressione" nei luoghi di cultura, esempio all'interno di un museo, pinacoteca o mostra che sia, dove il valore aggiunto risiede nella maggior fruizione dell'opera. Non a caso per la Peggy Guggenheim Collection, nella stazione di Venezia è stato installato un QR Code Poster, dove con un semplice click si è può conoscere in tempo reale le mostre, gli orari, le informazioni sui biglietti o come raggiungere la Collezione. Un altro esempio molto interessante ed accattivante per le amministrazioni turistiche e non solo potrebbe essere questa iniziativa "Aggiungimi ai preferiti”, che sta promuovendo il territorio abruzzese, e non solo, attraverso l’elaborazione e la diffusione dei QRcode per il loro utilizzo a fini turistici, sociali, commerciali e culturali. Quanto sarebbe simpatico e "carino" girare per la destination e trovare Qr code del genere? E se li trovassimo pure nelle vetrate degli uffici di informazione turistica? Un bel "mi piace" oppure un bel "non mi piace" visto che sarà il prossimo ingresso nel mondo "faisbucchiano". insomma un modo "nuovo" per fare "prosumer care"? Insomma i campi di applicazione sono molti e sono infiniti, ho voluto solo riportare i casi "made in Italy" per avere un contatto più diretto con l'innovazione, tralasciando volutamente esempi oltre i confini nazionali Alla fine di questa trilogia ritengo opportuno elencare alcuni consigli/vantaggi che il Qr code può apportare nel settore del turismo. • Migliorano la qualità della comunicazione turistica • Permettono di accedere alle informazioni in ogni luogo ed in ogni momento • Permettono di tracciare le campagne di promozione e di comunicazione • Facilitano la condivisione e la diffusione delle informazioni • Possibilità di creare prodotti turistici "contestualizzandoli" con il territorio e il Qr code. • Permettono di "creare" una segnaletica turistica del tutto "emozionale" [video, immagine, testo, foto] • Possibilità di creare totem informativi e snack info all'interno di città e/o strutture turistiche Insomma non vi bastano tutte questi vantaggi? Cosa aspetti a [RI]progettare le tue idee/prodotti turistici in ottica QR? Io ci ho già pensato....a breve ve ne parlerò....e come si dice in queste situazioni: STAY TUNED! Il mobile è il futuro del commercio elettronico Europeo By Arturo Salerno on November 15th, 2010 Ultimamente ho avuto modo di leggere su vari blog di settore l’ultima ricerca commissionata da Akamai Tecnologies a IDC sulle tendenze di comportamento dei consumatori Europei quando acquistano prodotti e servizi on-line. La ricerca mostra
  5. 5. November 15th, 2010 Published by: webtravelmarketing 5 interessanti risultati nei sei paesi coperti (Francia, Regno Unito, Germania, Italia, Spagna e Svezia). • La maggioranza dei consumatori si aspettano di vedere un sito web caricato in meno di quattro secondi, e in alcuni casi due secondi, in caso contrario il 70% circa decide di passare al un altro sito web. • Il 30% degli intervistati ha indicato un aumento della spesa online nel corso del 2010. La Spagna è il mercato in più rapida crescita con il 44% dei consumatori disponibile a spendere di più online. • Il 62% degli intervistati ha acquistato abbigliamento e calzature online, il 59% libri e riviste, il 47% servizi turistici. • Quasi il 30% degli intervistati utilizza o intende utilizzare i dispositivi mobili per acquistare prodotti on-line. Il 10% degli intervistati che stanno già utilizzando il proprio cellulare effettuano ricerche, confrontano prezzi ed effettuano acquisti. Inoltre, un altro 20% degli intervistati prevede di farlo in futuro, quindi un terzo degli intervistati prevede di utilizzare il canale mobile nel breve periodo per l’e-commerce. Martin Haering, VP of International Marketing di Akamai, sostiene che il numero crescente degli acquirenti online tramite i dispositivi mobili impone ai rivenditori strategie di mobile e-commerce insieme a strategie sulla sicurezza dei dati, sulle performance del sito web, sulla scalabilità e disponibilità multi piattaforma. Nello stesso tempo Ivano Ortis, Research Director di IDC Retail Insights, che ha condotto la ricerca, ha dichiarato che le vendite on-line continuano a crescere, nonostante la crisi, e che il mercato si sta diversificando. Entro nel carrello della spesa on-line anche categorie di beni che prima erano solamente acquistati off-line. Social Network + Email Marketing = Social Email Marketing By Danilo Pontone on November 15th, 2010 Qualche giorno fa sul sito eMarketer è stato pubblicato un articolo molto interessante che evidenziava le più frequenti abitudini degli utenti di tutto il Mondo, nell’utilizzo di alcuni strumenti del web. L’immagine di seguito offre i risultati ottenuti: Questi dati mi hanno fatto riflettere su una cosa… Mi sono concentrato però solo su due punti in particolare: le email e i social network. La ricerca evidenzia subito due cose: 1. Le email, giornalmente, con il 72% sono ancora le risorse più utilizzate dagli utenti. 2. I social netwrok, sempre in continua crescita, sono utilizzati giornalmente dal 46% degli utenti. Ma l’immagine dice ancora una cosa importante: i social network sono gli strumenti su cui mediamente le persone spendono 4,6 ore al giorno contro le 4,4 ore per le email. Tutto questo mi sembra una conferma di tutto quello che sembrano essere le “evoluzioni naturali” del web. Anzi, ti dirò che mi sembra del tutto scontato. Prova a riflettere: quali sono le prime cose che fai al mattino quando arrivi nel tuo ufficio? Personalmente, e credo sia la stessa cosa per molti altri: prima di tutto apro e controllo la mia casella di posta, leggo e rispondo alle email. Successivamente apro i social network: twitter e facebook innanzitutto. E perchè i social allora sono quelli su cui si passa più tempo? Perchè la finestra del browser dei social network rimane sempre aperta e di tanto in tanto ci scappa una sbirciatina. E’ naturale che le ore trascorse sui social siano tante. :-) Ma a questo punto mi è balenato per la testa un ulteriore pensiero. E se questi due potenti mezzi si fondessero? Intendo una sorta di Social Email Marketing! Ti faccio un esempio pratico per farti capire cosa intendo: io sono il tuo potenziale cliente, iscritto alla Newsletter della tua struttura ricettiva turistica. Ogni giorno arrivo nel mio ufficio e ho la mia casella di posta aperta ed anche la finestra del browser con i miei due social network preferiti. Ad un certo punto mentre sto lavorando ricevo la tua newsletter. Apro la mail, leggo le tue offerte, news, promozioni etc. e in essa mi ritrovo anche dei bei link che mi invitano a visitare la tua pagina fan su facebook e il tuo account su twitter. Per me è
  6. 6. November 15th, 2010 Published by: webtravelmarketing 6 questione di un attimo: sono diverse ore che sono loggato su Facebook e su Twitter. :-) In breve accadono 3 cose: 1. ho letto la tua mail con l’offerta 2. ho visitato la rete social della tua struttura alberghiera e ho deciso di seguirti 3. potrei seriamente tenere in considerazione quello che mi stai offrendo (sempre se di promozioni si tratta) L’intento di questo post è quindi quello di farti capire come i dati emersi dalla ricerca possano davvero tornarti utili per impostare la tua strategia di marketing e promozione online. Se sai che gli utenti prediligono certi mezzi perchè non fargli vedere e capire che con la tua struttura rispondi esattamente alle loro esigenze? Sottinteso, ovviamente, che per un discorso del genere l’email marketing diventa una strategia fondamentale, che prevede precise regole di organizzazione e stesura di una mail. Impostare una Newsletter in modo corretto non è una cosa semplice. Ci sono sempre importanti aspetti da tenere in considerazione. Un’altra buona idea, più rapida della Newsletter, potrebbe anche essere quella di inserire i riferimenti social nella firma delle tue email. In questo modo quando ti ritroverai a rispondere a richieste di informazioni dei tuoi clienti, gli offrirai anche la possibilità di curiosare sulla tua pagina di Facebook, di Twitter, di Flickr o altro ancora… Ti consiglio quindi di sfruttare bene questa strada. Le email e i social insieme fanno la differenza per te e per i tuoi clienti! I turisti usano i social media o no per pianificare una vacanza? By Enrico Ferretti on November 15th, 2010 Uno studio condotto da World Travel Market e presentato ieri per il lancio del loro evento annuale, che si tiene a Londra dall’8 all’11 novembre, evidenzia dati interessanti sui pro e i contro dei social media in ambito turistico. La ricerca effettuata su un campione di circa 1000 residenti in Inghilterra che hanno prenotato una vacanza durante il 2010, ha rilevato che solo il 33% ha consultato in qualche modo un social media durante la pianificazione del proprio viaggio. Alternativamente, il 64% non ha usato alcun social media – includendo TripAdvisor, Facebook, Twitter, blogs ecc. – in nessun modo. Eccettuando gli utenti che fanno un uso smodato dei socail media, le piattaforme più visitate sono TripAdvisor (66%), Facebook (34%), YouTube (20%) e Twitter (17%). Grafico sull'utilizzo dei social media in ambito turistico Le chat room e i forum attraggono circa il 28% degli utenti dei social media, mentre i travel blog solo il 9%. Per quelli che celebrano le virtù dei social media come diretta influenza sulle decisioni di viaggio, le statistiche sono piuttosto basse. Ad esempio, il 42% ha confermato la propria scelta originale dopo aver visitato un social media, nonostante il potere di TripAdvisor sia dimostrato da un 35% di utenti che hanno cambiato l’hotel dopo aver dato un’occhiata su popolare portale di recensioni. Ecco gli altri dettagli riguardanti il viaggio: 15% ha cambiato compagnia aerea. 15% ha cambiato resort. 15% ha cambiato agenzia o operatore turistico. 12% ha deciso di visitare un paese diverso. Impatto dei social media sulla scelta degli utenti Complessivamente, quasi metà degli intervistati, pari al 48% ha affermato di non volere usare i social media per pianificare un viaggio. Un quarto del campione ha detto che vorrebbe, il resto è indeciso. Da questi dati possiamo trarre queste considerazioni: al momento solo un utente su tre usa social media per progettare la propria vacanza tripadvisor influenza maggiormente la scelta degli utenti rispetto a facebook e twitter i social media influenzano pocchissimo l’utente sulla scelta relativa a compagnie aeree, agenzie di viaggio ed operatori turistici (meno del 5%).
  7. 7. November 15th, 2010 Published by: webtravelmarketing 7 Se conoscete l’inglese vi consiglio di leggere interamente il report, che oltre ad affrontare l’aspetto social media, evidenzia l’importanza di pianificare una strategia di marketing rivolta ai nuovi mercati emergenti come Russia, India, Brasile e China. Il report completo in pdf è scaricabile a questo indirizzo: WTM2010 Industry Report. TripAdvisor: servizi per i partner By Robi_Veltroni on November 15th, 2010 TripAdvisor intensifica sempre di più la collaborazione con gli albergatori, almeno con quelli con non lo ritengono pericoloso. Diventare partner di TripAdvisor è ancora più conveniente, in particolare per le strutture stagionali medio piccole che da alcuni giorni possono sottoscrivere le nuove opzioni di pagamento mensile. Attivare il profilo aziendale su TripAdvisor consente di ottimizzare la presenza della struttura su questo sito che sarà sempre più utilizzato dai viaggiatori (in Italia in particolare TripAdvisor ha ancora tassi di crescita significativi e importanti) e significa poter disporre di diversi vantaggi: - inserire nel profilo personalizzato informazioni utili per essere contattati direttamente dalla clientela: si possono inserire fino a tre recapiti (per esempio: telefono, telefax e casella di posta elettronica); - inserire offerte speciali gratuitamente (almeno per il primo anno di abbonamento) stimolando il contatto diretto per la prenotazione. Inserire l'offerta speciale consente anche di apparire in evidenza nei risultati di ricerca (interni del sito) per località; - potrai controllare e massimizzare il ROI grazie al traking via web o via telefono (ovviamente tutto dipende anche dalla frequenza con la quale è ricercata la zona nella quale siete localizzati). TripAdvisor offre anche sistemi di traking più sofisticato però a pagamento; - con la gestione del profilo potrai aggiungere foto e descrizioni ogni volta che vorrai, potrei gestire le recensioni inserite sulla tua pagina, rispondere ai viaggiatori con la funzione "replica della direzione" e invitare gli ospiti a scrivere nuove recensioni; Inoltre TripAdvisor aggiorna i partner con la Trade Talk Newsletter offrendo seminari on line, le liste di eventi futuri tipo fiere, summit e convention... oppure come avvenuto di recente inviare articoli di marketing in collaborazione con Market Metrix circa le migliori e più recentui tecniche da adottare in campo di marketing e pubblicità. L'ultima novità tratta del come "attrarre più ospiti grazie alla mappa gratuita Nelle vicinanze" un servizio scaricabile da utilizzare sul tuo sito: una mappa interattiva che mostra i luoghi più amati dai viaggiatori di TripAdvisor. La mappa è personalizzata per la tua attività: - la tua struttura sarà al centro della mappa, - la scala di visualizzazione è studiata ad hoc; - i diretti concorrenti non vengono visualizzati; così da poter mostrare ai vostri futuri ospiti tutto ciò che di bello offre la vostra città. Di altre opportunità circa l'importnza della brand reputation si parlerà in BTO a Firenze il 18 novembre prossimo dalle ore 16:30 nel panel condotto da Giancarlo Carniani in Main Hall. Tra gli intervistati ci sarà Roberto Frua Dirigente vendite senior per TripAdvisor in Italia insieme ai responsabili di Zoover, Trivago, Reviewpro e Holidaycheck. Ci vediamo a Firenze? SEO per Google Places By Simone Luciani on November 15th, 2010 La SEO localizzata ha fatto parte della mia crescita professionale negli anni che lavoravo come SEO in eBay (2005-2009) sul sito Kijiji.it , a suo tempo strutturato completamente su sotto-domini localizzati del tipo milano.kijiji.it, roma.kijiji.it… proprio per riuscire a
  8. 8. November 15th, 2010 Published by: webtravelmarketing 8 posizionarsi bene con tutte le città con keyword come “annunci milano”, “annunci roma” ecc.. Qualche anno fa questa era una strategia perfetta. Kijiji dominava le SERP con tutte le query locali più importanti. Siamo ormai prossimi al 2011 e non solo la strategia dei sotto-domini è da considerarsi “antica” come può essere un quadro di Leonardo da Vinci, ma ora anche la strategia che si usava fino a ieri potrebbe essere assolutamente inadeguata, soprattutto nel posizionamento per keyword locali. Google ha cambiato le carte in tavola ancora una volta e chi gioca si deve adeguare. Il tema della SEO localizzata, ovvero la strategia di ottimizzazione per posizionarsi con “keyword + località”, era già ostico prima e ora con l’ultimo aggiornamento di Google lo sarà ancora di più. Questo perchè il motore di ricerca californiano ha deciso di dare molta importanza ai risultati di Google Places nella SERP, oscurando o quasi, i risultati “normali”. Ci sono anche altri fattori che rendono la strategia locale una vera e propria sfida per i SEO Specialists di tutto il mondo e questi sono: • L’algoritmo che gestisce le query locali è cambiato tantissimo diventando sempre più sensibile al comportamento dell’utente e all’IP della connessione internet (che determina una località specifica – seppur in Italia spesso imprecisa), • Molti SEO ipotizzano che la località nel dominio può aiutare molto il posizionamento locale, • Acquisire link “locali” è molto complicato. Questi cambiamenti renderanno sicuramente più felici gli utilizzatori di Google che troveranno risultati sempre più pertinenti e rattristeranno tanti webmaster con siti a carattere locale. Vista la nuova importanza di Google Places nelle SERP delle ricerche locali oggi voglio darvi qualche consiglio su come fare. Strategia SEO Geocalizzata su Google Places Gli aggiornamenti di Google hanno fatto si che ora ci sono due tipologie di risultati locali integrati tra di loro in una query: 1. google palces con la mappa integrata (posizionati ai primi posti in una SERP) 2. risultati “organici – classici” (con il nuovo aggiornamento vanno in secondo piano). I fattori che determinano il posizionamento in Google Places sono diversi da quelli “classici” e questi sono: • Contenuti nelle schede di Google Places • Recensioni e giudizi degli utenti • Citazioni a carattere locale da siti autorevoli (i nuovi link) • Coerenza dei dati aziendali tra il proprio sito e le risorse esterne • Fattori lato utente: IP di chi fa la ricerca, user behaviour … • Ottimizzazioni ON-site classiche (Title / On page ecc) Alcuni consigli utili per l’ottimizzazione in Google Places: Inserisci la tua scheda in Google Places Il primo step è sicuramente quello di inserire la tua azienda / attività su Google Places attraverso la registrazione. E’ da considerare anche l’inserimento su Bing Maps e Yahoo! Local. Ottimizza i tuoi profili aziendali nelle varie directory a carattere locale Così come i link sono fondamentali per il ranking nelle SERP “normali”, le citazioni nelle directory e nei siti a carattere locale “autorevoli”, ad esempio pagine gialle, sono fondamentali per un buon ranking in Google Places. Un’attività di inserimento in queste directory e siti autorevoli è consigliata. Ogni tipologia di Business ha le proprie directory locali che Google considera autorevoli. E’ importante ottimizzare tutti i vari profili aziendali online cercando di essere coerenti tutte le volte con i numeri di telefono e gli indirizzi. L’algoritmo di Google valuta molto questo fattore. Per esempio, se sul sito utilizzo il numero di telefono con la forma +39 02 090 0901 dovrei fare lo stesso anche nelle directory e nei siti esterni. Scrivere il numero di telefono in modi diversi, ad esempio 0039 (0) 2 090 0901 sarebbe un errore. Incoraggia i tuoi clienti a scriverti recensioni e darti dei giudizi Un altro fattore fondamentale che può determinare il ranking in Google Places è la recensione e il giudizio dell’utente. Ovviamente migliori sono i giudizi migliore potrebbe essere il ranking. Incoraggiate i vostri clienti a lasciare una recensione
  9. 9. November 15th, 2010 Published by: webtravelmarketing 9 su Google, è semplice e immediato. Una strategia che ho proposto ad un mio cliente titolare di uno studio dentistico è stata quella di offrire uno sconto a tutti i clienti che lasciavano una recensione su Google Places tramite apposito link. Attenzione: Google è in grado di capire se una recensione è finta. Le recensioni finte sono contro la legislazione europea e comunque Google potrebbe escludere il vostro sito da Google Places con un ban. Aumenta l’engagement con gli utenti di Google Places Come in qualsiasi attività di Online Marketing, anche in Google Places l’engagement è importante. Questa si può aumentare con l’inserimento di immagini, video e buoni sconti sotto forma di coupon codes all’interno delle schede. Oltre ai metodi nuovi non vanno dimenticati quelli classici della SEO, ovvero l’ottimizzazione on site che deve essere coerente con le località da promuovere. Appena riesco vi propongo una lista di siti autorevoli da utilizzare per aumentare le citazioni esterne che miglioreranno il vostro ranking. Disparity Rate: danni all’immagine e ai profitti By sfarinel on November 15th, 2010 Sono quasi 8.000 gli hotel italiani presi in analisi da Trivago che per la maggior parte non mantengono la Parity Rate, cioè non mostrano ai clienti tariffe univoche su tutti i canali di vendita, (sia on-line che off-line), per la stessa camera e per le stesse date di prenotazione. Secondo il recente tHDPI (trivago Hotel Disparity Price Index), condotto dal comparatore di prezzi del sito di recensioni relativamente al periodo Settembre-ottobre 2010, ci sarebbe in media un’oscillazione di prezzo del 13% nelle tariffe nazionali, percentuale che va aumentando nelle città meta dei maggiori flussi turistici, ad esempio Pisa (33%) e Milano (32%). Gli hotel a 4 e 5 stelle detengono il primato della “disparity rate” (dal 13% al 21%). Dalla cartina elaborata da Trivago, si può evincere come la pratica di mantenere tariffe differenziate sia diffusa un po’ in tutta la penisola, anche se il primato al riguardo lo detengono le regioni con maggior densità alberghiera, come Toscana, il Lazio e Veneto: Tra le Regioni che mantengono invece con più attenzione la Parity ci sono quelle dove gli hotel presenti sul web sono pochi e dove dunque c’è minor possibilità di contravvenire alla parità tariffaria on-line, come il Molise (variazione tariffaria 1%), la Basilicata, il Trentino Alto Adige (4%), il Friuli Venezia Giulia (5%), la Liguria e la Puglia (entrambe 7%). Le conseguenze della Disparity Rate: danni all’immagine ed ai profitti Abbiamo già ripetuto tante volte qui su Booking Blog che la Parity Rate dovrebbe essere alla base di qualsiasi strategia di posizionamento e di marketing, per evitare danni alla brand reputation e ai profitti dell’hotel: 1. Danni d’immagine e di brand reputation: Trivago afferma che “La disparità dei prezzi degli hotel è un fenomeno che colpisce la maggior parte della popolazione turistica ma che tuttavia non viene ancora avvertito”. 2. Disincentivazione alla prenotazione diretta e diminuzione dei profitti: Come ha affermato Patrick Landman di Xotels recentemente: “L’obiettivo della Rate Parity per gli hotel consiste nell’incoraggiare gli utenti a prenotare direttamente. Non dovrebbero trovare nessun vantaggio nel prenotare tramite un intermediario rispetto al vostro sito ufficiale. La Rate Parity dovrebbe essere sfruttata alla stregua di uno strumento di revenue management”. Quello che afferma Landman, ovvero che l’albergatore dovrebbe impegnarsi a far sì che il cliente prenoti dal suo sito piuttosto che su un’OTA, per molti albergatori italiani sembra non essere un fatto così
  10. 10. November 15th, 2010 Published by: webtravelmarketing 10 scontato. L’analisi di Trivago rivela infatti: “Lo scenario reale dimostra che esiste una grande percentuale di risparmio (per gli utenti, ndr), che dipende per lo più per l’esistenza di agenzie di prenotazione on-line e che solo raramente è l’hotel stesso a praticare e riservarsi la tariffa più bassa”. Il fatto che l’hotel proponga sui portali una tariffa addirittura più bassa che sul proprio sito, denota senza dubbio carenza di una cultura customer-oriented, mancanza di attenzione e di utilizzo di strumenti avanzati per la gestione delle tariffe come il channel manager. Cancellation disparity: gli utenti non sono invogliati a prenotare sul sito ufficiale Recentemente abbiamo rilevato che gli albergatori italiani spesso non si limitano a gestire tariffe diverse tra portali e sito ufficiale, ma spesso si spingono fino allo stabilire due diversi trattamenti di cancellazione: se sul portale la cancellation policy è di pochi giorni, sul sito ufficiale le restrizioni sono molto più dure. Ma perché accade questo? Forse in questo modo l’albergatore si illude di potersi tutelare maggiormente contro no-show o cancellazioni, o forse semplicemente non reputa il cliente abbastanza “scaltro” da individuare questa disparità di trattamento. Come abbiamo già detto per le tariffe, gli utenti stanno diventando sempre più attenti e accorti nell’effettuare una prenotazione, dunque una cancellation policy meno flessibile sul canale diretto, non potrà far altro che disincentivare alla prenotazione sul sito ufficiale. Insomma, c’è una “masochistica” propensione a spingere l’utente a prenotare su canali in cui si pagano fior di commissioni. Dunque come è possibile favorire la disintermediazione dalle OTA e l’incentivazione all’utilizzo del canale diretto? Come sensibilizzare gli albergatori ad una nuova, diversa e più proficua gestione dell’hotel e del sito ufficiale? Google instant preview: ed ora che succede? By Salvatore on November 15th, 2010 Alcuni giorni fa scrivevo in un post di una funzione sperimentale messa in atto da Google con la quale veniva mostrato, di fianco ai risultati organici, per ogni sito nelle serp, una Thumbnail (ovvero un immagine di anteprima) del sito stesso. Oggi tale funzione è diventata realtà anche per il mercato italiano, con il nome di Google Instant Preview. D’ora in poi quando un utente interrogherà Google, gli verranno mostrati -di fianco ai risultati- sulla destra delle speciali icone, simili ad una lente di ingrandimento, passando il mouse sulle quali sarà possibile vedere un anteprima del sito che si intende visitare. Un'anteprima di Google Instant Preview Google, in una nota definisce questa nuova funzione “reattiva ed intuitiva” e creata allo scopo di “far risparmiare tempo utile nella ricerca” e di “far trovare più velocemente un sito già visitato“. La novità non è di poco conto, anzi, in relazione al CTR (Il CTR o click-thtough rate è il tasso, in percentuale, di click) gli effetti saranno davvero notevoli. Ad esempio: User Experience Design Innanzitutto verrà presa molto più in considerazione l’User Experience Design: la navigabilità, il design e l’usabilità di un sito avranno un’importanza maggiore, ed è ovvio; quando un utente interroga Google per una ricerca sta cercando un qualcosa di specifico ed una “giusta” anteprima del sito web sicuramente otterrà un CTR maggiore. Densità dei testi nella pagina La densità di un testo in una pagina assumerà nello stesso tempo un’importanza maggiore. Visualizzare infatti un anteprima di un sito web contraddistinta da testi poco leggibili influirà sul click-thtough rate in maniera negativa. Look and Feel del sito Anche l’aspetto grafico -se positivo- sarà premiato con un CTR maggiore. Siti contraddistinti da un layout moderno e professionale avranno ovviamente una credibilità maggiore. Un sito web quindi realizzato con dei colori gradevoli e da un design pulito riceverà più traffico proprio grazie al suo design. Conclusione Con molta probabilità nei prossimi mesi Google Instant Preview si diffonderà in maniera virale.Ora più che mai è necessario progettare siti web contraddistinti da ottimi livelli di User Experience Design e di principi di usabilità se vogliamo aumentare il traffico proveniente dai risultati organici dei motori di ricerca.
  11. 11. November 15th, 2010 Published by: webtravelmarketing 11 CC Creative Commons WTM | C-Magazine non rappresenta una testata giornalistica ma è un mero aggregatore di notizie presenti sul web. Non può quindi considerarsi prodotto editoriale ai sensi della legge del 07-03-2001. Questo Magazine può essere liberamente divulgato, pubblicato,condiviso citandone la fonte. Facebook: http://www.facebook.com/web.travel.marketing

×