Confcommercio Vicenza - I social network per la promozione delle attività commerciali

652 views

Published on

Come utilizzare i Social Network per la promozione delle attività commerciali. Seminario tenuto il 15 novembre 2012 presso Confcommercio Vicenza.

Published in: Business
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
652
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
6
Actions
Shares
0
Downloads
12
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Confcommercio Vicenza - I social network per la promozione delle attività commerciali

  1. 1. Partecipare è marketing: comunicare nell’epoca del web2.0 A cura di Claudia Zarabara – scrivi@claudiazarabara.it Vicenza, 15 novembre 2012
  2. 2. L’obiettivo di questa serata?Farvi dare un’occhiata a questo nuovo modo di pensare e vivere; darvi una panoramica su come possa essere sfruttato a livello aziendale… e, magari, farvelo piacere!
  3. 3. C’era una volta il Web 1.0• Aziendalmente parlando: – Un sito internet costava – Occorrevano competenze tecniche per saperlo gestire – Quindi si dipendeva da un tecnico – Ma, soprattutto, cosa dire? – E poi, a chi dirlo quando il nostro mercato è territoriale? – E quanti dei mie clienti useranno Internet per cercare me? – Ora le cose sono cambiate!
  4. 4. Signore e signori, il Web 2.0!• La tecnologia non costa• La tecnologia è alla portata di tutti• La tecnologia è usata da tutti• La tecnologia NON mi richiede competenze tecniche• La tecnologia NON è più un problema• E allora?• …scendiamo più nel dettaglio…
  5. 5. L’utente ieri e oggiIERI• Un tempo il PC era il solo dispositivo che si collegava ad Internet• Oggi i mezzi a disposizione sono più numerosi: ci sono palmari, televisori, telefonini, console etc.• Il modo di connettersi è sempre più user friendly• La banda larga è ampiamente diffusa e spesso disponibile gratuitamente in zone pubblicheOGGI: L’UTENTE E’ SEMPRE CONNESSO!• Non archivia, non stampa, non salva perché in ogni momento può trovare online ciò di cui ha bisogno.• Anche il software è disponibile online. L’utente collabora, partecipa e condivide! Cresce e fa crescere attraverso la collaborazione! I confini delle relazioni e delle conoscenze sono in questo modo in costante movimento
  6. 6. Il web 2.0 e il cliente• Prima dell’acquisto: usa la rete per conoscere, pianificare, decidere, confrontare, scoprire.• Durante l’acquisto: cerca informazioni sul negozio, sulla marca, sulla persona…• Dopo l’acquisto: condivide, esprime le sue opinioni, crea feedback, aggiorna i contenuti. O almeno questo auspichiamo... Percentualmente gli scontenti scrivono più dei contenti! Occorre controllare la e-reputation: cosa pensa la gente del tuo servizio? • Guidiamo i commenti. “Sei stato soddisfatto del prodotto? Per favore, metti in commento nella nostra pagina Facebook”
  7. 7. Dal Web 1.0 al Web 2.0 WEB 1.0 USO LA RETE WEB 2.0 SONO IN RETE WEB 2.0 SIAMO IN RETE WEB 2.0 SIAMO LA RETE“Col termine Web 2.0 generalmente ci si riferisce ad una seconda generazione di servizi disponibili sul WWW che consentono di collaborare e condividere informazioni online” tratto daWikipedia.com
  8. 8. Social Network  condivisione Social Network permettono di condividere interessi, reti di relazioni e di amicizia (vedi oltre) • Relazioni professionali (lobby, reti informali e formali di contatti): Linkedin, Viadeo, Xing etc. • Amicizia (ricerca amici, viaggi, scambio informazioni): FaceBook, NetLog etc. • Foto/Video: Flickr, Picasa, YouTube etcCosa sono i Social Network?Su cosa si basano?Sui TOT (QUANTI?) gradi di separazione: quantepersone che si conoscono l’una conl’altra ci sono tra te ed un emerito sconosciutodall’altra parte del mondo? http://www.youtube.com/watch?v=lt3kT1HkpJk
  9. 9. Le nostre domande… Le vostre domande La mia unica• Cos’ho da condividere? domanda• Quando lo faccio? “Avete voglia di• Chi lo fa? condividere?”• Sono capace?• Come si fa?
  10. 10. L’evoluzione dell’informazione • Web 1.0: sono pagine create “istituzionalmente” per fornire informazioni • Web 2.0: fornisce le informazioni in modo tale che gli utenti le possano prendere e modificare. L’informazione viaggia in modo destrutturato. • User generated data: le informazioni sono create, rimaneggiate, condivise, distribuite dagli utenti.
  11. 11. Il rischio…E’ più rischioso esserci o non esserci? Se non ci sei, altri parleranno di te anche se questa non è una tua iniziativa Se ci sei sarai in grado di controllare/gestire la comunicazione, il reclamo, i commenti positivi e negativi. Occorre reinventare la comunicazione!
  12. 12. Perché utilizzare il Web 2.0• Alcuni segnali da considerare: – I Social Network sono i siti più visti al mondo – Il loro utilizzo è sempre più ampio, sia a livello di età che di sesso • Gli over 50, nel corso del 2011 sono passati dal 22 al 42% – Facebook negli Usa ha superato Google per numero di connessioni: la gente usa Facebook anche per fare ricerche! • Facebook negli USA rappresenta il 25% del traffico web • Nel 2009 in un mese gli ultra 46enni sono cresciuti del 51%. – Il sistema di posta interno a questi strumenti è preferito rispetto alle mail tradizionali: • i giovani ritengono la mail un mezzo obsoleto • la newsletter è meno letta rispetta agli alert di Facebook• Dulcis in fundo: tutte le risorse business per le aziende offerte dai Social Network sono gratuite!
  13. 13. Un modo nuovo di ragionare• Il Social Media Marketing permette di dare voce al consumatore. Questo significa: – ascoltarlo – dare delle risposte – monitorarlo (controllarlo è impossibile, occorre accettare il rischio!)• Il consumatore apprezza trasparenza, chiarezza e, in generale, delle risposte (magari in tempi utili)!• Occorre partecipare in modo nuovo: “Partecipare è marketing” (C.Heuer) “Se tentate di vendere qualcosa alla community, e questa è la ragione per cui siete qui, questo sarà chiaro a tutti e non otterrete il successo sperato. Se invece partecipate perché volete veramente dare un contributo alla community, perché volete condividere ciò che sapete, perché volete veramente essere a servizio della community e dei suoi membri riuscite a vendere alle persone giuste GRAZIE alla vostra sincerità ed onestà”
  14. 14. Quindi?• Nel Social Network bisogna esserci• Occorre scegliere quelli giusti• Occorre gestire la comunicazione guidando e valorizzando l’utente• Occorre sentirsi parte del network e partecipare• Bisogna gestire i contenuti ottimizzando anche per i motori di ricerca• Occorre monitore ciò che si dice di noi (e-reputation). La rete offre strumenti ad hoc anche per questo!• Occorre saper gestire la critica!Uno strumento è “web 2.0” o “web 1.0” in relazione all’utilizzo che ne fa l’utente
  15. 15. Praticamente?• Il Web 2.0 permette a qualsiasi tipo di azienda di essere presente in rete senza investimenti• Permette di lavorare anche e solo nel nostro territorio• Non richiede alcuna competenza TECNICA• Basta solo saper scegliere gli strumenti giusti e comunicare nel modo giusto• Comunicare cosa? Comunicare come?• Il trucco è: imparare a comunicare attraverso questi strumenti!
  16. 16. Da dove cominciamo?• Non esistono regole, non esistono strategie preconfigurate: esistono degli strumenti innovativi da utilizzare, dei prodotti/Servizi da promuovere una STRATEGIA DA INVENTARE partendo da:• Partiamo sempre da lì: da noi, dal nostro prodotto, dal target da raggiungere! – Cosa vendiamo – Il nostro target usa i Social? Usa la rete? – Siamo certi del nostro prodotto? – A chi vogliamo vendere?
  17. 17. Gli strumenti e il segreto…
  18. 18. YouTube• Fare viral marketing attraverso i video…
  19. 19. Facebook• La pagina aziendale: attenzione! Non il profilo, la pagina!
  20. 20. Facebook Advertising• L’opportunità di definire un target preciso per il tuo prodotto!
  21. 21. Twitter• Account Twitter: aggiornamenti in 140 caratteri (meno di un SMS). A chi??? E cosa dico?
  22. 22. Riassumendo• Impara a comunicare• Impara a gestire la critica (capitano…)• Impara a dire le cose nel modo giusto• Impara a creare la tua strategia!

×