Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Comunicare la fattoria didattica attraverso il Web2.0

890 views

Published on

30 minuti di tempo per introdurre il Web2.0 e dare un'idea di strategia social per le fattorie didattiche...

  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Comunicare la fattoria didattica attraverso il Web2.0

  1. 1. Comunicare la fattoria didattica attraverso i Social Network A cura di Claudia Zarabara – scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013
  2. 2. Dal Web 1.0 al Web 2.0 WEB 1.0 USO LA RETE WEB 2.0 SONO IN RETE WEB 2.0 SIAMO IN RETE WEB 2.0 SIAMO LA RETE“Col termine Web 2.0 generalmente ci si riferisce ad una seconda generazione di servizi disponibili sul WWW che consentono di collaborare e condividere informazioni online” tratto daWikipedia.com
  3. 3. L’evoluzione dell’informazione• Web 1.0: sono pagine create “istituzionalmente” per fornire informazioni• Web 2.0: fornisce le informazioni in modo tale che gli utenti le possano prendere e modificare. L’informazione viaggia in modo destrutturato.• User generated data: le informazioni sono create, rimaneggiate, condivise, distribuite dagli utenti.
  4. 4. Gli ingredienti• La tecnologia: facile da reperire, alla portata di tutti, facilmente usabile• La gente: potenzialmente facile da raggiungere, ma come conquistarla? E, soprattutto, come mantenerla?• Il messaggio: scrivere e’ semplice, scrivere qualcosa di originale e condivisibile è meno scontato!
  5. 5. Social network• E’ un gruppo di persone connesse tra loro.• Si tratta di servizi web che consentono agli utenti di: – costruire un profilo pubblico o semi-pubblico all’interno di un sistema chiuso; – articolare una lista di altri utenti del sistema con i quali si condivide un collegamento; – consultare e “navigare” la propria lista di contatti e quelle create da altri all’interno del sistema.• Esplosero nel 2003.• Per entrare in un social network online – occorre costruire il proprio profilo. – poi si invitano amici, che fanno lo stesso, per allargare il network• Si costruiscono community tematiche, aggregando utenti che condividono: – Relazioni professionali (lobby, reti informali e formali di contatti): Linkedin – Amicizia (ricerca amici, viaggi, scambio informazioni): FaceBook, NetLog etc. – Foto VIdeo: Flickr, Picasa, YouTube etc.
  6. 6. Un’idea! Facebook…Perché Facebook:- Economico- Universale- Internazionale- Facile da utilizzare- Facile da aggiornare- Indicizzato da Google- Diffuso sui dispositivi mobili- Attenzione: create la pagina e non il profilo. Si comincia da qui http://www.facebook.com/pages/create.php
  7. 7. Cosa potete comunicare?
  8. 8. Per comunicare bene occorre stabilire gli obiettivi Il vostro obiettivo è: • farvi conoscere • mantenere il contatto con chi vi ha conosciuto (fidelizzare) • indurre i vostri utenti Facebook (fan) a condividere i vostri post con i loro amici (viral marketing) Questo su Facebook si misura in: • N, MI PIACE • N. condivisioni EFFETTO VIRALE • N. di commenti
  9. 9. Comunicate il quotidiano!Comunicate: – quello che fate (iniziative, manifestazioni etc.) – le stagioni/il tempo – la natura – il cibo – le tradizioniAlcune regole – Occhio alla privacy (chiedete autorizzazione) – Non siate troppo commerciali (ogni 10 post 1 o due sono commerciali) – Ricordate che le foto piacciono molto! – Non postate troppo: 1 o due post al giorno sono sufficienti! – Gli orari migliori per postare: alle 9 o alle 12.30 o alle 14.00 o alle 18.00Un buon esempio (non e’ proprio una fattoria didattica):https://www.facebook.com/AgriturismoBioPievedelColle RICORDATE: QUELLO CHE PER VOI E’ SCONTATO NON LO E’ PER CHI NON VIVE IL VOSTRO QUOTIDIANO
  10. 10. Cosa ci guadagnate?• Leadership• Traffico• Visibilità• Recensioni/commenti• Segnalazioni
  11. 11. Grazie per l’attenzione! Per domande utilizza la mia pagina Facebook www.facebook.com/zarabaraclaudia

×