Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Sistema Per La Partecipazione Presentazione Alberone Completa

959 views

Published on

Roma Alberone, via Appia Nuova 361, 12 gennaio 2008
Presentazione di Corrado Truffi e Daniele Mazzini

  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Sistema Per La Partecipazione Presentazione Alberone Completa

  1. 1. Sistema per la Partecipazione
  2. 2. Comma 9, Art.1 Bozza Statuto <ul><li>Il Partito Democratico organizza un sistema di comunicazioni basato sulle tecnologie telematiche adeguato a favorire il dibattito interno e a far circolare rapidamente tutte le informazioni necessarie a tale scopo. Esso rende liberamente accessibili per questa via tutte le informazioni sulla sua vita interna, ivi compreso il bilancio, sulle riunioni e le deliberazioni degli organismi dirigenti. </li></ul>
  3. 3. Agenda <ul><li>Un partito aperto </li></ul><ul><li>Il contesto </li></ul><ul><li>Finalità e obiettivi </li></ul><ul><li>Il sistema per la partecipazione </li></ul><ul><ul><li>Opinioni, richieste, decisioni </li></ul></ul><ul><ul><li>Architettura del sistema </li></ul></ul><ul><ul><li>L’ambiente per la partecipazione </li></ul></ul><ul><ul><li>Un’immagine del sistema: la parola a Daniele </li></ul></ul>
  4. 4. Un partito aperto
  5. 5. Il contesto <ul><li>Un rapporto immaturo: </li></ul><ul><ul><li>Il rapporto fra la politica e la rete, in Italia, è un rapporto immaturo: la rete è vista più come una vetrina che come un mezzo di comunicazione bidirezionale e paritario. </li></ul></ul><ul><li>… che può crescere: </li></ul><ul><ul><li>il PD può avere un fecondo rapporto con la rete: </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>il tasso di crescita di quantità e qualità dei cittadini in rete, ci dice che un partito lontano dal web farà ben poca strada; </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>un uso consapevole e innovativo della rete può contribuire a realizzare un partito veramente democratico, in cui i cittadini elettori ed i militanti abbiano voce in capitolo </li></ul></ul></ul>
  6. 6. Le finalità <ul><li>non rifare ciò che già c'è: </li></ul><ul><ul><li>forum, blog, ambienti di collaborazione e di social software. È inutile e sbagliato pensare di sostituirsi a questo circuito “spontaneo”. </li></ul></ul><ul><li>fornire nuovi servizi per partecipare </li></ul><ul><ul><li>Tramite l’utilizzo combinato della rete e della partecipazione “fisica”, il Sistema deve consentire a militanti e sostenitori di: </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>far sentire le proprie opinioni e le proprie richieste ai dirigenti politici </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>individuare soluzioni e costruire decisioni condivise e maggioritarie </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>fare formazione, informazione e controinformazione verso i non militanti </li></ul></ul></ul>
  7. 7. Obiettivi: opinioni , richieste e decisioni <ul><ul><li>NON funziona il circuito della richiesta e della proposta da parte dei cittadini verso i politici </li></ul></ul><ul><ul><li>È invece essenziale che i politici possano essere responsabili delle decisioni politiche che prendono, possano valutare le richieste dei cittadini, e possano risponderne quando al governo (accountability). </li></ul></ul><ul><ul><li>NON funziona il circuito della formulazione ed elaborazione delle idee e delle opinioni, ossia la costruzione di una linea politica in un partito politico. </li></ul></ul><ul><ul><li>E’ invece essenziale che ci siano luoghi trasparenti per partecipare all’elaborazione, alla formulazione di idee e quindi anche alla decisione. </li></ul></ul>
  8. 8. Architettura <ul><li>Ambiente di partecipazione </li></ul><ul><ul><li>l'ambiente di partecipazione fa circolare le opinioni e richieste e le soluzioni e decisioni condivise </li></ul></ul><ul><li>Supporto al funzionamento </li></ul><ul><ul><li>gli strumenti di supporto all'attività politica e al funzionamento formale del PD servono alla gestione degli iscritti, dei cittadini elettori votanti alle primarie, del voto elettronico, al censimento delle sedi e degli organi dirigenti, ecc. </li></ul></ul><ul><li>Portale formativo e informativo </li></ul><ul><ul><li>il portale informativo e formativo fa conoscere la politica del partito e le iniziative politiche e di formazione </li></ul></ul>
  9. 9. L’ambiente di partecipazione <ul><li>Mappe dei problemi e delle soluzioni </li></ul><ul><ul><li>Mappe nel Territorio, nelle Istituzioni, delle Idee </li></ul></ul><ul><li>Ambiente di discussione </li></ul><ul><ul><li>Descrizione e discussione dei problemi </li></ul></ul><ul><ul><li>Definizione e votazione delle soluzioni </li></ul></ul><ul><ul><li>Interazione con gli eletti </li></ul></ul><ul><ul><li>Feedback </li></ul></ul><ul><li>Comunità di interesse </li></ul><ul><ul><li>Campagne </li></ul></ul><ul><ul><li>Campagne di partito </li></ul></ul><ul><ul><li>Pseudoblog dei politici </li></ul></ul><ul><ul><li>Comunità di partito (circoli territoriali, ecc.) </li></ul></ul>
  10. 10. Un’immagine del sistema 
  11. 11. La mappa dei problemi
  12. 12. Problemi, proposte, azioni, voti
  13. 13. Personaggi: chi usa il sistema
  14. 14. Mappa dei problemi e delle soluzioni <ul><li>Territorio </li></ul><ul><ul><li>localizzare i problemi legati al territorio in google maps: un parcheggio, un nuovo parco o un rigassificatore. Guardando le icone sulla mappa, individuare i problemi per tipo, interesse, importanza. Le dimensioni il colore e la forma dell’icona possono rendere evidenti questi dati. </li></ul></ul><ul><li>Istituzioni e Idee </li></ul><ul><ul><li>Per le questioni non legate ad un luogo geografico, mappe delle istituzioni, per tutti gli argomenti che le riguardano, e mappa dei principi, per chi vuole discutere di idee. </li></ul></ul>
  15. 15. Ambiente di discussione (1) <ul><li>Descrizione e discussione dei problemi </li></ul><ul><ul><li>Dietro ogni icona una descrizione del problema, scritta da chi lo ha proposto. Votazioni sull’importanza del problema. Discussioni sul problema, modello forum, e un tasto “modifica” per proporre descrizioni alternative, come in un wiki. </li></ul></ul><ul><li>Definizione e votazione delle soluzioni </li></ul><ul><ul><li>Per ogni problema, possibili proposte di soluzione, con relative votazioni e discussioni. Con la possibilità di ricomporre diverse soluzioni. </li></ul></ul>
  16. 16. Ambiente di discussione (2) <ul><li>Interazione con gli eletti </li></ul><ul><ul><li>Chi è registrato nel sito come politico eletto può comunicare che si è preso carico di un problema, e può spiegare come intende risolverlo. Votazioni e discussioni consentono di sapere se la soluzione realizzata è stata soddisfacente </li></ul></ul><ul><li>Feedback </li></ul><ul><ul><li>Una volta conclusa l’azione del politico, chi aveva segnalato per primo il problema, ne da una valutazione positiva o negativa. In ogni caso, la segnalazione rimane attiva, ma con l’evidenza di ciò che è stato fatto. </li></ul></ul>
  17. 17. Comunità di interesse <ul><li>Si possono formare gruppi su un argomento specifico, ed è possibile che un gruppo possa diventare stabile: è favorita l’aggregazione e l’azione collettiva </li></ul><ul><li>Campagne </li></ul><ul><ul><li>Un problema locale può essere trasformato in una campagna a livello comunale, regionale, nazionale. </li></ul></ul><ul><li>Campagne dei politici </li></ul><ul><ul><li>Politici eletti e dirigenti possono lanciare a loro volta campagne all’adeguato livello territoriale. </li></ul></ul><ul><li>Un ambiente di partecipazione che aiuta il politico </li></ul><ul><ul><li>Ogni politico ha pagina personale di tutti gli interventi che ha effettuato. Su questa pagina può commentarli per spiegarli. Può anche instaurare un rapporto diretto con gli altri utenti scrivendo liberamente sul proprio blog e rispondendo ai commenti degli altri. </li></ul></ul>
  18. 18. La comunità partito <ul><li>Anche il Partito e le sue articolazioni territoriali costituiscono altrettante comunità. Con alcune caratteristiche ed esigenze specifiche: </li></ul><ul><ul><li>l'autenticazione differenziata di iscritti e normali cittadini </li></ul></ul><ul><ul><li>la costituzione automatica di gruppi corrispondenti agli iscritti di ciascun circolo del PD, cui possono aggregarsi i cittadini del relativo territorio </li></ul></ul><ul><ul><li>l'esistenza di processi di votazione controllata, con voto palese e con voto segreto, e la possibilità di indire a diversi livelli specifiche votazioni e sondaggi deliberativi </li></ul></ul><ul><ul><li>la possibilità per ciascun unità di base e per ciascuna organizzazione del PD di utilizzare l'ambiente in modo riservato, ossia limitando la visibilità ai soli iscritti al gruppo </li></ul></ul><ul><ul><li>l'esistenza di una solida redazione, articolata territorialmente, per il supporto ai politici e in generale per il governo e la moderazione delle discussioni. </li></ul></ul>

×