Csi pavia notizie_n_29_del_23.07.13

183 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
183
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Csi pavia notizie_n_29_del_23.07.13

  1. 1. REG. TRIB. DI PAVIA N. 303 DEL 8/2/1985 - DIRETTORE RESPONSABILE SERGIO CONTRINI - STAMPATO IN PROPRIO IN PAVIA VIALE LODI, 20 - SPEDIZIONE IN ABBONAMENTO POSTALE - COMMA 27 - ART 21 - LEGGE 549/95 – PAVIA SEDE PAVIA – VIALE LODI, 20: TEL. 0382/528822 FAX 0382/529886 www.csipavia.it e-mail: csipavia@csipavia.it UFFICIO DI VIGEVANO – VIA MADONNA 7 DOLORI, 31: TEL./FAX 0381/75169 N°29 anno 25 Giocare per credere Martedì 23 Luglio 2013 CALCIO “OPEN” ISCRIZIONI APERTE VIGEVANO NOMINATO IL NUOVO VESCOVO Sabato 20 Luglio a Vigevano ed a Bergamo è stato dato l’annuncio ufficiale della nomina del nuovo Vescovo. A Vigevano l’Amministratore Apostolico Cardinal Dionigi Tettamanzi nel Palazzo Vescovile ha dato lettura del decreto di nomina che individua in Mons. Maurizio Gervasoni il nuovo Vescovo di Vigevano. Attualmente Mons. Gervasoni è Vicario Episcopale per la città di Bergamo e Parroco di Santa Lucia. La consacrazione episcopale di Mons. Gervasoni avverrà in Settembre e subito dopo il suo ingresso in Diocesi. _______________ A Mons. Gervasoni l’augurio e la preghiera del CSI. UN CSI PER UN’ATTIVITA’ SPORTIVA ALL’AVANGUARDIA L’attività sportiva del CSI oggi gode di buona salute. E’ in costante crescita e si basa su un impianto costruito in oltre 10 anni di intenso lavoro, a partire dall’introduzione della Joy Cup sino ad oggi. Siamo molto soddisfatti di quanto realizzato. Perché allora pensare a nuove sfide e a complicarci la vita? Perché crediamo davvero che l’attività sportiva sia il principio generativo dell’azione educativa del CSI. Questa convinzione ci obbliga a non fermarci mai nel desiderio di migliorare e rendere più incisiva la nostra azione educativa.
  2. 2. 2 RISCRIVERE L’ITINERARIO SPORTIVO EDUCATIVO Ecco la prima grande sfida. Ripensare e riscrivere l’Itinerario Sportivo Educativo dell’Associazione. Due anni di intenso lavoro per presentarlo nel 2014 in occasione del 70° di fondazione del CSI. Il CSI è stato sempre un passo avanti rispetto al sistema sportivo italiano. Tante nostre intuizioni sono state “fatte proprie” da Federazioni e realtà dello sport italiano. Oggi è arrivato il tempo di ripensare una proposta del CSI per l’infanzia, i bambini, gli adolescenti, i giovani, gli adulti, gli anziani … Tutto questo non perché quello che facciamo oggi non va bene. Esattamente il contrario. Perché vogliamo continuare ad anticipare i tempi e a essere all’avanguardia nello sport italiano. L’Itinerario Sportivo Educativo del CSI risale agli anni ‘70. Oggi è tempo di editare una nuova versione capace di diventare “riferimento” per tutto lo sport italiano e non solo per le nostre società sportive. Per far questo si pensa ad un gruppo di lavoro estremamente qualificato. FARE BENE IL BENE: LA QUALITA’ DELL’ATTIVITA’ SPORTIVA Se da un lato dobbiamo pensare a migliorare (vedi riscrivere “Itinerario Sportivo Educativo”), dall’altro dobbiamo pensare a consolidare. La qualità dell’attività sportiva per noi è un principio non negoziabile, ma è anche una certezza da “conquistare e riconquistare” quotidianamente. Il convincersi che solo un’attività sportiva “ben fatta” genera educazione è una verità indiscutibile. Tuttavia nel territorio resistono sacche di “superficialità”, dove questo principio non viene tradotto nella concretezza e nella quotidianità. Esistono ancora oggi realtà e Comitati dove l’attività sportiva viene vissuta approssimativamente senza una adeguata determinazione a far “bene il bene”. Si tratta di una parte “limitata” ma che esiste. Dobbiamo aiutare e supportare queste realtà. Ma dobbiamo anche essere chiari nel dire che l’Associazione cammina con determinazione sul binario della qualità dell’attività sportiva come elemento irrinunciabile per generare vera esperienza educativa. L’attività sportiva del CSI non deve essere buona. Deve essere ottima. I grandi e immensi passi avanti fatti nel corso dell’ultimo decennio sono una conquista associativa di fondamentale importanza.
  3. 3. 3 TRA CONFERME E NOVITA’: DALL’ORATORIO CUP ALLA SECONDA GAMBA DELLE MANIFESTAZIONI NAZIONALI Le nostre finali nazionali coinvolgono oggi circa 11 mila persone. Non esiste un movimento simile in nessuna Federazione o Ente di promozione sportiva. Le finali nazionali attuali sono un patrimonio che dobbiamo “valorizzare”. Devono essere rivisti alcuni modelli organizzativi (la fatica per realizzarle è enorme), ma si tratta di una realtà che non può certo essere messa in discussione. La sfida è quella di andare “oltre le finali nazionali”. Oggi sono maturi i tempi per mettere in campo due grandi iniziative. L’Oratorio Cup nazionale, come “Champions League” di tutte le Parrocchie del Paese. Una manifestazione “importante” sotto tutti i punti di vista, che deve diventare occasione di riflessione e di valorizzazione di tutto lo sport in Parrocchia. E poi “manifestazioni nazionali” alle quali accedere non per merito sportivo ma per “libera partecipazione”. Qui bisogna essere chiari. Non è in discussione il percorso fatto in termini di serietà e qualità dell’attività sportiva. Il ritorno alle Feste Nazionali intese come “esperienza sportiva basata sul pressapochismo” non ci sfiora nemmeno. Si tratta invece di allargare il modello attuale (qualità sportiva e qualità dell’esperienza educativa) anche a chi non arriva nei primi posti dei propri campionati (o magari non partecipa proprio al campionato). Dobbiamo mettere in campo, gradualmente, una seconda gamba di manifestazioni nazionali a libera partecipazione, per offrire a tutti l’esperienza di vivere un momento indimenticabile in termini educativi. Da valorizzare in questa direzione anche le Finali Regionali, che possono essere una grande occasione in questo senso. UN CSI CHE NON COPIA MA ANTICIPA Il CSI non ha mai copiato i modelli dello sport tradizionale. Ha sempre anticipato scelte e strategie ad alto tasso di qualità educativa. Per fare questo oggi dobbiamo ridefinire alcuni ruoli. Alle attuali Commissioni sportive nazionali viene affidato il compito di “coordinare” lo svolgimento delle finali nazionali. Serve affiancare a questo un “pool” di esperti per ogni disciplina che possa lavorare sulle proposte per caratterizzare l’attività in termini educativi, anticipando le scelte del nostro tempo. Massimo Achini Presidente Nazionale CSI
  4. 4. 4 ON LINE CSI FLASH E’ On Line il CSI Flash Agenzia n.12 del 12 Luglio 2013. Il Link a cui collegarsi per visualizzarlo: http://www.csi- net.it/upload/file_modules/Italia/137355900112agenzia_12luglio2013_webres.pdf POLIZZA ASSICURATIVA PER LA STAGIONE 2013/2014 Il CSI ha concluso l'iter per la realizzazione della polizza assicurativa per i tesserati con la Società Cattolica Assicurazioni. La copertura assicurativa relativa agli infortuni è adeguata al decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 3/11/2010 relativo alla "assicurazione obbligatoria per gli sportivi dilettanti". L'accordo CSI Società Cattolica Assicurazioni prevede: polizza infortuni e polizza responsabilità civile verso terzi. I testi si possono visualizzare e stampare sul sito www.csipavia.it FOTOGRAFIE FESTA DELLO SPORTIVO Sul sito CSI www.csipavia.it nella Foto Gallery trovate le splendide immagini della Festa dello Sportivo CSI colte dall'attento obbiettivo del fotografo Stefano Mauri. Per contattare il fotografo info@stefanomauri.com CHIUSURA SEDE La sede resterà chiusa dal 1 Agosto. Riapertura alle ore 17.00 di lunedì 26 Agosto. IL CSI DI PAVIA PER HAITI Sul conto del CSI Nazionale attivo per il sostegno al progetto CSI per Haiti abbiamo inviato € 783,78 quali proventi dei seguenti momenti: Assemblea del 13 Marzo 2013, Festa dello Sportivo del 22 Giugno 2013 e Day Arbitro del Giugno 2013.
  5. 5. 5 BOZZA DATE CAMPIONATI REGIONALI CSI 2013/2014  Corsa Campestre: 24/11/2013, 19/01/2014, 23/02/2014  Corsa su Strada: 10/11/2013, 16/03/2014, 13/04/2014  Tennis Tavolo zona “A”: 01/12/2013, 12/01/2014, 16/02/2014  Tennis Tavolo zona “B”: 01/12/2013, 12/01/2014, 16/02/2014  Tennis Tavolo Finale: 16/03/2014  Judo: 16/03/2014, 06/04/2014  Ciclismo Strada: Maggio / Giugno 2014  Nuoto: 16/02/2014, 23/03/2014, 01/05/2014  Meeting Polisportivo (Allievi – Junior – Top Junior): Aprile 2014  Meeting Polisportivo (Under 10/12/14): Aprile 2014  Ginnastica Artistica: 15-16/03/2014, 27/04/2014  Ginnastica Ritmica: 30/03/2014  Sport di Squadra (Allievi – Junior – Under 14): inizio fasi 18/05/2014, termine fasi 21 – 22/06/2014  Sport di Squadra (Top Junior – Open): inizio fasi 25/05/2014, termine fasi 28 – 29/06/2014  Atletica su Pista: 27/04/2014, 18/05/2014, 08/06/2014  Biliardino: 25/05/2014 POLIZZE ASSICURATIVE BASE CHE SI ATTIVANO UNITAMENTE AL TESSERAMENTO ANNO SPORTIVO 2013/2014 Garanzie assicurative infortunio:  morte € 80.000,00*;  invalidità permanente fino ad un importo massimo di € 80.000,00 con la franchigia assoluta del 10% (è esclusa l’inabilità o l’invalidità temporanea)**  spese mediche fino a un massimo di € 1.500,00 con franchigia di € 500,00 ;  diaria da ricovero di € 25,00 al giorno con esclusione dei primi cinque giorni e per un massimo di 60 giorni (è esclusa la diaria da gesso); * limitatamente al caso di morte viene considerato infortunio anche l’infarto purché l’assicurato sia in possesso di regolare certificato di idoneità sportiva e/o agonistica; **l’indennizzo sull’invalidità permanente viene determinato sulla somma assicurata per l’invalidità permanente in proporzione al grado di invalidità accertato secondo i criteri
  6. 6. 6 stabiliti dalla Tabella Lesioni di cui al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 3/11/2010 relativo all’ Assicurazione obbligatoria per gli sportivi dilettanti; Tutta la normativa a cui riferirsi, se le garanzie di polizza non sono migliorative, è quella contenuta nel già citato Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 3/11/2010 relativo all’Assicurazione obbligatoria per gli sportivi dilettanti Garanzie assicurative RCT Il massimale della RCT è pari ad € 1.549.000,00 con franchigia di € 1.000,00 Garanzia Tutela Legale e spese di resistenza: svolta dai legali della Compagnia qualora l’assicurato venga chiamato in giudizio per ogni richiesta di risarcimento danni a terzi (persone/cose/animali) a seguito di svolgimento delle proprie mansioni nel CSI. Comprende le spese di resistenza in giudizio. Sintesi, Estratto e Testo completo delle Polizze assicurative sono reperibili nel sito www.csi-net.it nell'area Tesseramento e Affiliazione - Informazioni - Norme di Tesseramento 2013/2014 COPERTURE INTEGRATIVE INFORTUNI IN AGGIUNTA ALLA COPERTURA BASE SOTTOSCRIVIBILI UNICAMENTE ON LINE (le garanzie si sommano a quelle della copertura base): 1^ combinazione :  Morte € 20.000,00  Invalidità permanente € 50.000,00  Rimborso spese mediche € 1.000,00  Indennità diaria da ricovero € 25,00 Costo € 5,50 2^ combinazione :  Morte € 40.000,00  Invalidità permanente € 70.000,00  Rimborso spese mediche € 2.000,00  Indennità diaria da ricovero € 50,00 Costo € 8,00  PER LE COPERTURE INTEGRATIVE SONO VIGENTI LE STESSE FRANCHIGIE GIA’ PREVISTE PER LA COPERTURA BASE.  PUO’ ESSERE SOTTOSCRITTA SOLO UNA COMBINAZIONE TRA QUELLE PROPOSTE.
  7. 7. 7  LE COPERTURE INTEGRATIVE INFORTUNI POSSONO ESSERE SOTTOSCRITTE DA TUTTI I TESSERATI – “AT” e “SO”.  LA COPERTURA INTEGRATIVA RCT PUO’ ESSERE SOTTOSCRITTA ESCLUSIVAMENTE DAI TESSERATI “SO”. COPERTURE INTEGRATIVE RCT IN AGGIUNTA ALLA COPERTURA BASE SOTTOSCRIVIBILI UNICAMENTE ON LINE (le garanzie si sommano a quelle della copertura base): Garanzia Responsabilità Civile: • Massimale € 1.451.000,00 (sommata a quella base € 3.000.000,00) Costo € 9,00 PER LA COPERTURA INTEGRATIVA È VIGENTE LA STESSA FRANCHIGIA GIA’ PREVISTA PER LA COPERTURA BASE. LA COPERTURA INTEGRATIVA RCT PUO’ ESSERE SOTTOSCRITTA ESCLUSIVAMENTE DAI TESSERATI CHE POSSIEDONO QUALIFICHE DIRIGENZIALI ALL’INTERNO DELLA SOCIETA’ SPORTIVA. Sintesi, Estratto e Testo completo delle Polizze assicurative sono reperibili nel sito www.csi-net.it nell'area Tesseramento e Affiliazione - Informazioni - Norme di Tesseramento 2013/2014
  8. 8. 8 Il 5 x 1000 dell’imposta sul reddito a CC..SS..II CCoommiittaattoo PPrroovviinncciiaallee PPaavviiaa per sostenere la promozione dello sport Nella fase di compilazione della denuncia dei redditi (sul CUD 2012, sul modello 730-1 bis redditi 2012 o sul modello unico persone fisiche 2013) redditi 2012  apponendo la tua firma nel settore destinato a sostegno delle Organizzazioni Non Lucrative di Unità Sociale  indicando, nello spazio sotto la firma, il codice fiscale 8800001144331100118811 Non è una quota in più da versare, ma una diversa destinazione di una parte delle tasse che si dovrebbero pagare allo Stato N.B. 5 x mille e 8 per mille sono due iniziative distinte, l’una non esclude l’altra e nessuno dei due casi comporta un esborso economico, ma solo la libera facoltà di scegliere a chi destinare una piccola parte delle tasse dovute allo Stato

×