Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

2007 sirn

  • Login to see the comments

  • Be the first to like this

2007 sirn

  1. 1. VII CONGRESSO NAZIONALE della SOCIETA’ ITALIANA di RIABILITAZIONE NEUROLOGICA Napoli, 19-21 aprile 2007 MODIFICAZIONI PERSISTENTI DELL’ECCITABILITÀ CORTICALE INDOTTE DA UN NUOVO PARADIGMA DI VIBRAZIONE MUSCOLARE IN SOGGETTI SANI E PAZIENTI CON ICTUS CRONICO. B. Marconi1 C. Pecchioli1, G. Koch1, F. Camerota2 V.M. Saraceni2 G.M. Filippi3 and C. Caltagirone1 1 IRCCS Fondazione Santa Lucia Lab. di Neurologia Clinica e Comportamentale I.R.C.C.S. Fondazione S. Lucia, Roma 2 Ist. di Medicina Fisica e Riabilitazione, Università di Roma “La Sapienza ”, Roma 3 Ist. di Fisiologia umana, Università “Cattolica del Sacro Cuore”, RomaLo scopo dello studio è stato quello di valutare, mediante TMS, l’effetto che di un particolare protocollodi vibrazione muscolare (MV) sull’eccitabilità corticale di 10 soggetti sani (HS) e 5 pazienti con ictuscronico (SP). La soglia motoria (rMT), l’ area, il volume e la SICI/ICF sono stati studiati prima (pre-MV), 15 (post-1), 30 (post-2) 60 (post-3) e 90 giorni (post-4) dopo l’applicazione della MV dai seguentimuscoli: il FCR muscolo trattato con MV (target), un m. sinergico (FCU) ed un m. antagonista (EDC).Nei HS la MV è stata applicata mentre il soggetto manteneva uno stato di contrazione isometrica del m.trattato (FCR) pari al 20% della contrazione massimale. Nei HS la MV ha indotto modifichesignificative dell’eccitabilità corticale, persistenti fino a 15 giorni, mentre nessun cambiamento è statoosservato in nessuno degli altri punti del time corse. Le modificazioni al post-1 nei HS hanno riguardato:1) una diminuzione del volume del m. target (FCR) e del suo sinergico (FCU); 2) un aumento delvolume del m. antagonista (EDC); 3) un aumento della SICI nel m. target FCR e nel FCU; 4) unadiminuzione della SICI nel EDC. Il medesimo protocollo di MV e la relativa valutazione con TMS sonostati effettuati su pazienti con ictus cronico (> di 6 mesi) che hanno avuto come esito una spasticitàdell’arto superiore da moderata a severa. Tutti i pz sono stati valutati attraverso la scala di Ashworth, laMotricity Index (M.I.) (arto superiore) e la Wolf motor function test (WMFT). Modificazionisignificative nei vari indicatori di eccitabilità corticale e punteggi nelle scale validate sono stateosservate fino a 3 mesi dopo la fine del trattamento (post-1, post-2 e post-3) in tutti i pz: 1)abbassamento della rMT; 2) aumento dell’area e del volume di tutti i muscoli (FCR, FCU ed EDC); 3)aumento della SICI nel m. FCR e nel FCU; 4) diminuzione della SICI nel m. EDC; 5) diminuzione dellaspasticità (diminuzione nei punteggi ottenuti alla scala di Ashworth); 6) aumento dell’outcome motorio(aumento nei punteggi della M.I. e WMFT). In conclusione la MV è in grado di modificare in modopersistente e non invasivo l’assetto corticale eccitatorio/inibitorio, probabilmente attraverso meccanismidi “inibizione intracorticale reciproca”. Se questi dati preliminari dovessero essere confermati,potrebbero costituire un valido substrato neurofisiologico per un recupero funzionale motorio oltre ilconcetto di cronicità, e la vibrazione muscolare potrebbe risultare uno strumento utile e non invasivo dacombinare opportunamente con le tradizionali metodiche riabilitative.

×