Ace consulting- Elementi del contratto di rete e il bando nuovi giovani imprenditori

468 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
468
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
4
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Ace consulting- Elementi del contratto di rete e il bando nuovi giovani imprenditori

  1. 1. Consulenza Aziendale e Finanziaria alle Imprese - Elementi del Contratto di Rete - Il Bando Nuovi Giovani Imprenditori 28 giugno 2012 1
  2. 2. Lo strumento giuridico del Contratto di ReteNel 2009, il legislatore per la prima volta introduce, attraverso il la Legge33/2009 la figura del contratto di rete di imprese, definendo di fatto un nuovostrumento giuridico per l’esercizio dell’attività di impresaDefinizione“Con il contratto di rete più imprenditori perseguono lo scopo di accrescere,individualmente e collettivamente, la propria capacità innovativa e lapropria competitività sul mercato e a tal fine si obbligano, sulla base di unprogramma comune di rete, a collaborare in forme e in ambitipredeterminati attinenti allesercizio delle proprie imprese ovvero ascambiarsi informazioni o prestazioni di natura industriale, commerciale,tecnica o tecnologica ovvero ancora ad esercitare in comune una o piùattività rientranti nelloggetto della propria impresa”. 2
  3. 3. Gli obiettivi del Legislatore Favorire la crescita dimensionale delle imprese italiane pur nel rispetto delle loro individualità; Facilitare investimenti in innovazione e competitività mediante l’aggregazione di soggetti aventi scopi comuni in quest’ambito, con conseguente rinnovamento del tessuto produttivo; Favorire il superamento di criticità infrastrutturali e logistiche tipiche del nostro paese attraverso l’aggregazione tra imprese di diversa estrazione settoriale e geografica 3
  4. 4. I “contenuti” della reteDi seguito sono evidenziati alcuni esempi di evoluzione della rete di impresa.Innovazione Nuovi mercati• Realizzazione di progetti di ricerca e/o • Creazione di un marchio di distretto che identifichi sviluppo sperimentale, in collaborazione tutte le produzioni della rete; con centri di ricerca/università per lo • Partecipazione a manifestazioni fieristiche nazionali sviluppo/perfezionamento di nuovi materiali /prodotti; Nuovi mercati ed internazionali; • Definizione di accordi transnazionali per la diffusione dei prodotti Sinergie produttive Sinergie Innovazione DISTRETTO • Accordi di collaborazione produttive “intradistretto” per lo sviluppo di nuovi prodotti; Formazione • Costruzione di una vera e propria “linea di produzioni” del distretto • Ideazione e realizzazione di progetti di formazione di nuovo personale o riqualificazione di personale già esistenti per migliorare le competenze Formazione professionali locali; • Creazione di una vera e propria scuola delle competenze nel settore di riferimento 4
  5. 5. I “contenuti” della reteE’ fondamentale, in questa fase, comprendere il valore potenziale che lacostituzione di una rete potrà avere in futuro.La rete, infatti presenta alcune caratteristiche molto importanti:Flessibilità giuridicaLa rete lega le imprese tra loro solo per lo scopo specifico che la stessa si èdata e le lascia libere di continuare ad esercitare il proprio businesstradizionale. Non avendo autonomia giuridica piena (anche se è ancora vivo ildibattito giuridico sulla personalità giuridica della stessa), si presta ad essereutilizzata per differenti obiettivi nel tempo, purché specificati ed individuatiall’interno del programma di rete.Di conseguenza sono le singole imprese a beneficiare degli effetti dellarealizzazione del programma. 5
  6. 6. I “contenuti” della reteSostegno agli investimentiAlle reti, come nuova forma di aggregazione, si rivolge una parte delleagevolazioni che saranno promosse a livello comunitario e regionale neiprossimi anni (agevolazioni fiscali, in c/investimenti).In particolare:  Il sostegno agli investimenti nelle aree di convergenza da parte della Comunità Europea e delle istituzioni nazionali e regionali, ha già iniziato a premiare i progetti che si fondano sull’aggregazione in rete di imprese proponenti.  L’Agenzia delle Entrate ha già di fatto attuato dall’esercizio 2011 l’art. 42 del DL 78/2010, che prevede la sospensione di imposta per gli utili accantonati dall’impresa col fine di contribuire alla realizzazione degli investimenti individuati nel programma di rete. 6
  7. 7. Highlights  La rete nasce da un progetto comune, che si può evolvere nel tempo, ma che deve essere sempre declinato all’interno del contratto  Il contratto di rete è lo strumento attraverso cui vengono regolati tutti i rapporti tra le imprese aderenti, nonché il ruolo e l’autonomia d’azione degli organi di rappresentanza ed il livello di autonomia patrimoniale;  Le imprese aderenti restano autonome nell’esercizio della propria attività, e si vincolano esclusivamente al raggiungimento dello scopo comune identificato all’interno del contratto. 7
  8. 8. Bando Nuovi Giovani ImprenditoriLa Regione Calabria, nell’ambito del POR Calabria FESR 2007-2013, Asse VII-Sistemi produttivi, Obiettivo operativo 7.1.4.3 – Promozione dell’imprenditoriagiovanile, ha pubblicato un bando per la concessione di agevolazioni perl’avvio di microimprese giovanili.Il Bando si prefigge lo scopo di stimolare e rivitalizzare il tessutoimprenditoriale calabrese attraverso la nascita di nuove realtà promosse dagiovani.L’avviso pubblico è strutturato nella forma di Pacchetto Integrato diAgevolazioni (PIA), limitato però a due piani di investimento specifici PIP PSR Piano Investimenti Piano servizi Reali Produttivi PIA NGI 8
  9. 9. Bando Nuovi Giovani ImprenditoriSoggetti beneficiari Nuove microimprese da costituire o di nuova costituzione che abbiano un’unità produttiva nel territorio della Regione Calabria e i cui partecipanti abbiano età compresa tra i 18 e i 40 anni compiuti.Soglie di MIN: 30.000€, MAX: 500.000€investimentoIntensità di aiuto PIP: l’agevolazione massima concedibile è pari al 70% dell’investimento PSR: l’agevolazione massima concedibile è pari al 50% dell’investimento Contributo De Minimis Max: Euro 200.000Settori ammissibili Industria manifatturiera, Trasporti, Turismo, Servizi, Attività professionali.Investimenti Il Bando consente di realizzare un piano aziendale di sviluppo che si componeammissibili innanzitutto di un Piano di investimenti Produttivi (PIP), che comprende: 1.Spese di Progettazione (max 2% dell’investimento) 2.Spese per acquisto di suolo aziendale (max 10% dell’investimento) 3.Spese per opere murarie e infrastrutture specifiche (max 35% dell’investimento) 4.Macchinari, impianti ed attrezzature; 5.SW, brevetti, licenze, Know how e conoscenze tecniche relative ad innovazioni di prodotto e processo A queste spese si può abbinare un Piano di Servizi Reali (PSR) che include: 1.Spese per consulenze specifiche mirate a: definizione strategia d’impresa, politiche di marketing, organizzazione d’impresa, piano economico-finanziario per l’avvio dell’iniziativa 2.Spese per l’acquisizione di certificazioni; 3.Spese per l’innovazione (disegno industriale, progettazione prodotti,…) 9
  10. 10. Bando Nuovi Giovani ImprenditoriIter di Il bando scade il 30/07 e prevede con procedura di valutazione a graduatoria.approvazione Tutte le domande pervenute saranno valutate secondo una procedura istruttoria che prevede l’attribuzione di un punteggio finale e la formazione di una graduatoria di merito.Criteri di Il bando intende premiare quelle iniziative che presentano carattere di maggiorevalutazione innovatività. In particolare il possesso di alcuni requisiti consente di ottenere premialità sul punteggio:  Imprese nei settori di ICT, Materiali innovativi, risparmio energetico, e settore agroalimentare di qualità, ottengono un più alto punteggio;  Acquisizione di impianti, macchinari, attrezzature innovative;  Iniziative nate dagli esiti di una ricerca accademica o da un’azienda già operante nello stesso settore ma su un’attività diversa (spin off accademico o aziendale)  % di contributo richiesta: minore è la % richiesta, maggiore è il punteggio attribuito al progettoCopertura Il bando richiede che un apporto di mezzi propri pari almeno al 25%finanziaria dell’investimento ammissibile (per mezzi propri si intendono tutti i mezzi di copertura esenti da aiuto pubblico).dell’investimento La copertura finanziaria del piano di investimenti può essere assicurata tramite MEZZI PROPRI e/o FINANZIAMENTO BANCARIO, entro la data di firma dle contratto di agevolazione. 10
  11. 11. Contatti Ace Consulting Srl Viale Giacomo Mancini 24 87100 Cosenza tel. 0984/26586 fax 0984/784407 Twitter: @aceconsultingtw info@aceconsultingsrl.it www.aceconsultingsrl.it 11

×