Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Consumer memorandum 2013 n.04

165 views

Published on

  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Consumer memorandum 2013 n.04

  1. 1. Anno 4° - Numero 4 - Aprile 2013SOMMARIO:– Le news– Le nostre recensioniLE NEWSMelanoma cutaneo: lAssociazione Italiana Dermatologi Ambulatoriali ricorda limportanzadello Skin Cancer Test e di un corretto e costante controllo di nei e pelleAl mondo ci sono persone che sono solite definirsi fataliste, altre che non temono dessereconsiderate delle pessimiste e altre ancora che, nonostante i propri sforzi, non riescono a non vivereda ipocondriache. Eppure, che si trascorrano i giorni vedendo il bicchiere sempre mezzo pieno o cisi deprima al pensiero che esso sia invece inesorabilmente destinato a rimanere mezzo vuoto, disicuro la paura di scoprirsi malati si annida in ogni essere umano creando un livello di ansia che allafine è uguale per tutti.Pur rammentando che “la mezza scienza uccide più dellignoranza”, di sicuro uno dei modi miglioriper tenere sotto controllo la propria salute consiste nel non sottovalutare mai ciò che il nostro corpoci “sta dicendo”. Scoprire lorigine di determinati sintomi o di alcuni mutamenti improvvisi puòdavvero risultare di fondamentale importanza, specie quando ci si trova a dover affrontare unproblema di natura oncologica sia esso benigno, o Dio non voglia, maligno.Un esempio di quanto appena detto lo si può del resto riscontrare citando in causa il temibile“melanoma cutaneo” ovvero un tumore maligno che può sia formarsi sulla pelle sana chesvilupparsi su un neo preesistente.Inutile dire che, al solo sentirlo nominare, il primo pensiero di tutti è “ma si può curare?Esiste un modo per evitarlo?”.Secondo quanto sostenuto dallAssociazione Italiana Dermatologi Ambulatoriali sul sito internetwww.aida.it, “il Melanoma Maligno Cutaneo si può curare: basta riconoscerlo in tempo erivolgersi subito allo Specialista Dermatologo per effettuare lo Skin Cancer Test: il controllo visivodello Specialista. Perciò controlla con attenzione la tua pelle ed in particolare i tuoi nei. E unavolta allanno sottoponiti comunque alla visita di controllo dallo Specialista Dermatologo. La tuaattenzione ed un controllo periodico dello Specialista Dermatologo sono la migliore prevenzionecontro i melanomi”.Rivolgendosi a uno specialista per effettuare lo “Skin Cancer Test”, dunque, si potrà non solo capirese la propria pelle è “sana” ma anche ottenere tutte le informazioni necessarie per imparare aconoscerla e “leggerla” nel modo corretto.LAssociazione spiega infatti che esistono delle semplici “regole dellA, B, C, D, E” che permettonodi individuare in modo tempestivo un melanoma:A come Assimetria: irregolare nella forma;B come Bordi: bordi frastagliati;C come Colore: troppo scuro o non uniforme;CCONSUMEONSUMERR MMEMORANDUEMORANDUMMNewsletter a cura di ASSOCIAZIONE CONSUMATORI PIEMONTE
  2. 2. D come Dimensione: superiore ai 6 mm di diametro;E come Evoluzione: modificazione dellaspetto iniziale;E come Emorragia: sanguinamento spontaneo e senza traumi.Per quanto ci si sforzi di concentrarsi sui suggerimenti e sui consigli di chi è dotato di competenza eindubbia professionalità, spesso può però capitare di venire fuorviati dalle cosiddette “falsecredenze” che oltre ad aumentare panico e angosce contribuiscono ad alimentare disorientamento econfusione.Per tale motivo, su www.aida.it, è stata anche inserita una tabella relativa le “false verità sui nei”che spiega alcuni errori nei quali è bene non incorrere:• Non è vero che traumi e ferite trasformano il neo in tumore: anche se sottoposti a traumiaccidentali e/o ripetuti (tagli da rasoio, sfregamenti da cintura o altro, ecc.), i nei non sitrasformano in tumore.• Non è vero che i nei non vanno toccati in alcun modo: un intervento chirurgico diasportazione non rappresenta un pericolo. Anzi, permette la reale valutazioneistopatologica.• Non è vero che le voglie della donna in gravidanza si trasformano in nei o macchie nelfiglio.• I nei nellinfanzia. Prima della pubertà i nei non sono, generalmente, a rischio. Quindi, nonnecessitano di un controllo periodico. E molto rara linsorgenza di un Melanoma Cutaneoprima dei 15 anni.• Sole e nei. Le ustioni solari ripetute, soprattutto dai 5 ai 18 anni, aumentano la probabilitàdi sviluppare un melanoma nelletà adulta. E, quindi, necessario proteggere sempre ibambini ed i ragazzi dal sole, ed evitare esposizioni prolungate.(fonte: www.aida.it)Energia: dal 1° maggio entra in vigore la delibera 67/2013/R/com dellAutorità per lenergiaelettrica e il gas che garantisce maggiori certezze per i consumatori nei casi di sospensione permorositàLinterruzione improvvisa della fornitura di energia elettrica e gas comporta sempre grandidisagi per i consumatori. Che essa abbia origine da un guasto dovuto a condizioni metereologicheparticolarmente avverse, che sia diretta conseguenza di un black out o che avvenga perché non si èriusciti a pagare la bolletta di sicuro rimanere al buio o senza acqua calda non fa mai piacere anessuno.Mentre nel caso in cui ci si trovi a dover fare i conti con la furia della natura avere risposte certe suitempi di ripristino della fornitura può non essere né facile né scontato, quando il distaccodellenergia avviene per diretta conseguenza della morosità del consumatore esistono regole e dirittidi cui non si può non tenere conto.Con la delibera 67/2013/R/com lAutorità per lenergia elettrica e il gas ha infatti "introdottoalcune garanzie innovative nella procedura di costituzione in mora e per leventuale successivarichiesta di sospensione della fornitura da parte dei venditori al dettaglio di energia elettrica egas”.Nello specifico, con tale delibera si vuole “evitare la sospensione della fornitura per morosità,senza che il cliente abbia ricevuto la comunicazione in tempo utile per effettuare il pagamento.In particolare, lAutorità ha stabilito tempistiche certe, documentate e congrue sia per il termineultimo di pagamento dopo la costituzione in mora, sia per la successiva richiesta di sospensionedella fornitura in caso prolungato inadempimento del cliente finale”.Secondo quanto spiegato dallAutorità sul proprio sito internet www.autorita.energia.it “in caso dibollette non pagate, il venditore non potrà procedere alla richiesta di sospensione della fornitura
  3. 3. senza prima aver inviato al cliente finale, per raccomandata, una comunicazione di messa in moracon levidenza della data precisa del giorno demissione della comunicazione di costituzione inmora. Tale comunicazione, nel caso in cui il venditore non sia in grado di documentare la data dieffettivo invio della raccomandata, dovrà essere consegnata al vettore postale entro e non oltre 3giorni lavorativi dallemissione; inoltre, dovrà essere garantito, dallemissione, un tempo minimo di20 giorni solari per il pagamento da parte del cliente finale. La comunicazione della costituzione inmora deve indicare con chiarezza il termine ultimo di pagamento e il termine, decorso il quale ilvenditore potrà richiedere allimpresa di distribuzione di sospendere la fornitura nel caso in cui ilpagamento non venisse effettuato. Questultimo termine non può essere inferiore a 3 giornilavorativi a decorre dallultimo giorno utile per il pagamento indicato nella comunicazione dicostituzione in mora (vale a dire decorrente dalla scadenza di 20 giorni solari dalla data diemissione della comunicazione stessa). Nel caso in cui il venditore prenda a riferimento la data dieffettivo invio della raccomandata contenente la costituzione in mora, il termine minimo dipagamento è, invece, pari a 15 giorni solari dallinvio decorrenti dalla spedizione dellaraccomandata”.I consumatori che volessero conoscere nel dettaglio i contenuti del provvedimento, potrannocomunque scaricarlo dal sito www.autorita.energia.it dove è stato inserito in formato pdf purchiarendo che esso entrerà in vigore il giorno 1 maggio 2013 “al fine di tener conto delletempistiche di adeguamento dei sistemi informativi dei venditori per la gestione dellecomunicazioni e laggiornamento dei testi contrattuali”.(fonte: www.autorita.energia.it)I ricercatori dellIstituto superiore di sanità spiegano come i cani da assistenza e i canico-terapeuti aiutano i bambini autistici a sviluppare emozioni e legami affettiviChi ha avuto modo di rivolgersi alla nostra sede veneziana sa che non viene svolta attivitàalcuna in assenza di un fedelissimo "quattro zampe" di nome Aki che, come ogni Akita Inu che sirispetti, è quotidianamente impegnato a controllare il perimetro di quella che considera, oramai, atutti gli effetti, la sua "seconda" casa e a vigilare sullincolumità di ogni membro di quella che è dasempre la sua famiglia a "due piedi".Pur essendo assai poche le persone che possono permettersi il “privilegio” di portare sempre con séi propri amici animali, è indubitabile che quando si ha la fortuna di stringere un legame damore conuno di essi, difficilmente si proverà la sgradevole sensazione di sentirsi soli.Ciò è tanto più vero quando si decide di adottare un cane cosiddetto “co-terapeutico” (perché unessere umano non lo si compra ma lo si adotta!) o comunque in grado dessere di aiutonellaffrontare determinati disturbi che, specie quando riguardano i bambini, possono generareprofonda disperazione in chi vorrebbe aiutarli a migliorare le proprie condizioni di vita.Una recente conferma di quanto appena sostenuto arriva, del resto, da una fonte più che autorevoleovvero lIstituto superiore di sanità.Secondo uno studio condotto da un team di ricercatori dellIstituto, coordinati da Francesca Cirullied Enrico Alleva, infatti, “l’interazione con un cane, sia che si tratti di "cani da assistenza" che di"cani co-terapeuti", può aiutare i bambini autistici a sviluppare emozioni e legami affettivi,stimolandone le capacità comunicative e relazionali”.I risultati ottenuti, pubblicati sul Journal of Alternative and Complementary Medicine, hanno quindiconsentito alla coordinatrice Francesca Cirulli di poter concludere che “gli studi sugli effettidell’introduzione di un cane da assistenza (i cani cioè addestrati a sopperire a menomazioni fisichedel padrone o "conduttore", come per es. i cani per ciechi) in ambito famigliare hanno ottenuto suibambini affetti da autismo un significativo decremento dell’ansia e dell’aggressività e unariduzione del numero di scatti emotivi oltre ad apportare un senso di maggior sicurezza nei genitorie un miglioramento quantitativo e qualitativo del loro sonno. Un altro tipo di indagini, focalizzatesui parametri fisiologici, hanno evidenziato una diminuzione dei livelli di cortisolo (l’ormone dello
  4. 4. stress) in presenza del cane e, al contrario, un aumento del cortisolo quando l’animale venivaallontanato”.Come inoltre specificato da Alessandra Berry e Marta Borgi, anchesse tra gli autori dello studio,“risultati analoghi sono stati ottenuti con i cani impiegati nelle "attività assistite", cani addestratiad entrare in interazione con uomini e bambini. I bambini autistici, in presenza del cane,mostravano più frequentemente comportamenti sociali sia di tipo verbale (parlavano col cane e delcane col terapista) che non. Si riducevano le manifestazioni ossessive e aggressive a beneficio disorrisi, contatti fisici amichevoli, gesti affettuosi e atteggiamenti di socievolezza tra pari e con gliadulti... Questo avviene perché gli animali, i cani in special modo, sono in grado di rispondereaffettivamente all’attenzione umana, reagendo con comportamenti di tipo sociale e ispirandosentimenti positivi. In questo, mostrano di possedere una capacità unica: quella di agire, inspecifici contesti ludici o terapeutici, come un ponte attraverso cui fluiscono le emozioni, e difungere da catalizzatore sociale”.(fonte: www.iss.it)LE NOSTRE RECENSIONIConsigliare a qualcuno la lettura di un libro è un po come fornire il nominativo di unmedico o di un legale: se limpressione finale è positiva arriveranno mille complimenti e infinitiringraziamenti mentre se è pessima o negativa non vi sarà ombrellone capace di riparare da insulti emaledizioni.Ma la paura di sbagliare nel recensire unopera piuttosto di un altra non deve paralizzarci poichè nelrinunciare a indicare un lavoro che riteniamo degno di attenzione commetteremmo un doppio torto:allautore che lha scritto e al lettore che non riuscirà a leggerlo.Ecco perchè questo mese abbiamo deciso di "osare" introducendo una rubrica del tutto nuova per lanostra newsletter che speriamo raccolga i consensi di chi, come noi, considera un libro al pari di unantico vascello a bordo del quale non esiste confine oltre il quale non ci si possa avventurare e nonesiste tempo in cui non si possa viaggiare.Una rubrica che inauguriamo segnalandovi "ABC DEL LOWCOST - come vivere risparmiando" diMarco Mengoli ed edito da Edizioni Il Ciliegio.ABC del low cost è un manuale “nudo e crudo”, con tanto diindirizzi, siti Internet e indicazioni dettagliate ed esaurienti chedanno la possibilità di provare davvero a vivere risparmiando.A parlare con noi di questo libro che merita davvero desserletto è stato lo stesso autore:“un certo Gaber scriveva e cantava che il mercato è ilDemonio, ma allo stesso tempo è Dio... direi che conclusionefu mai più appropriata. io dal canto mio ho semplicementedeciso di essere un libero ateo del consumismo che decideliberamente che rinuncia a pieni polmoni a spese effimere eeccessivamente inutili per concedersi alla fine di più di prima,ma non solo per concedersi tutto con un ritrovato senso diconsapevolezza, consapevolezza in quello che spendo, in quello che acquisto e soprattutto nelvalore di ogni singolo oggetto o prodotto fatto mio. Vivere low cost è un piccolo passo indietro perdue successivi grandi passi avanti, io l’ho fatto ed essendone più che soddisfatto, non ho potutoperciò che scriverne e parlarne quanto più possibile, con ironia e serietà... altri due concetti chenel tempo si sono un po’persi”.E in effetti Marco Mengoli riesce nell’intento di fornire tutte queste informazioni pratiche pursenza abbandonare il tono divertito e divertente che ha anche caratterizzato la sua precedente
  5. 5. pubblicazione sul tema della vita a basso costo, con il “reality book” "Una vita low cost", sempreedito da Edizioni Il Ciliegio.Chi volesse "seguire" Marco Mengoli più da vicino può infine consultare il suo blog sul low cost:www.unavitalowcost.com/blog-low-cost.Titolo: ABC DEL LOWCOSTcome vivere risparmiandoAutore: Marco MengoliCollana: SaggiCaratteristiche: cm 14x21 brossuraImmagini in bianco e neroISBN:978-88-97783-69-5Pagine: 144Prezzo: € 13,00Edizione: 2013(fonte: www.edizioniilciliegio.com )ASSOCIAZIONE CONSUMATORI PIEMONTEAUGURAA TUTTIFELICE PASQUETTAASSOCIAZIONE CONSUMATORI PIEMONTETorino (sede nazionale) Tel. 011 4366566 – (sede provinciale) Tel. 011 4544363Associazione Consumatori Piemonteè anche presente inLiguria (Genova - Tel. 010 2464497)Lombardia (Pavia - Tel. 331 9358564)Marche (Macerata - Tel. 0733 283726)Piemonte (Alessandria - Tel. 0131 341120; Biella - Tel. 015 8461457;Asti - Tel. 0141 598007; Vercelli - Tel. 0161 211943)Sardegna (Sassari - Tel. 079 2028053)Trentino Alto Adige (Trento - Tel. 0461 914230)Valle dAosta (Aosta - Tel. 0165 230074)Veneto (Venezia Mestre - Tel. 041 5044268)

×